La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Michela Zucca Servizi culturali LE MAESTRE DELLE SCUOLE DI MONTAGNA, FRA TURNO OVER ESASPERATO, RISCHIO DI FUGA E PRESIDIO DEL TERRITORIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Michela Zucca Servizi culturali LE MAESTRE DELLE SCUOLE DI MONTAGNA, FRA TURNO OVER ESASPERATO, RISCHIO DI FUGA E PRESIDIO DEL TERRITORIO."— Transcript della presentazione:

1 Michela Zucca Servizi culturali LE MAESTRE DELLE SCUOLE DI MONTAGNA, FRA TURNO OVER ESASPERATO, RISCHIO DI FUGA E PRESIDIO DEL TERRITORIO

2 Michela Zucca Servizi culturali Obiettivi Individuazione dei problemi legati al turn over degli insegnanti, in maniera tale da favorire la permanenza sul territorio dei maestri e delle maestre, per rafforzare la continuità didattica nelle scuole di montagna e, in questo modo, elevare la qualità dellinsegnamento.Individuazione dei problemi legati al turn over degli insegnanti, in maniera tale da favorire la permanenza sul territorio dei maestri e delle maestre, per rafforzare la continuità didattica nelle scuole di montagna e, in questo modo, elevare la qualità dellinsegnamento. Individuazione della tipologia di insegnante che più facilmente potrebbe fermarsi su un territorio di montagna, per poter elaborare e calibrare una serie di offerte di servizi professionali e alla persona che riducano il turn over.Individuazione della tipologia di insegnante che più facilmente potrebbe fermarsi su un territorio di montagna, per poter elaborare e calibrare una serie di offerte di servizi professionali e alla persona che riducano il turn over. Inclusione sociale degli insegnanti allinterno della comunità locale che si porrebbe come una vera comunità di accoglienza nei confronti di persone che vengono dallesterno e che possono avere problemi di adattamento in contesti estranei.Inclusione sociale degli insegnanti allinterno della comunità locale che si porrebbe come una vera comunità di accoglienza nei confronti di persone che vengono dallesterno e che possono avere problemi di adattamento in contesti estranei. Individuazione di linee di intervento adattabili ed estendibili a livello nazionale a tutti i territori.Individuazione di linee di intervento adattabili ed estendibili a livello nazionale a tutti i territori.

3 Michela Zucca Servizi culturali Scuole coinvolte Provincia di Savona In montagna Bormida (Sv) (64 insegnanti su 50 anni) Sulla costa Scuola elementare Villapiana di Savona (Santuario) (75 insegnanti su 50 anni) (75 insegnanti su 50 anni) Provincia di Imperia In montagna Perinaldo (50 insegnanti su 50 anni) Sulla costa Pompeiana (56 insegnanti su 50 anni) (56 insegnanti su 50 anni)

4 Michela Zucca Servizi culturali Insegnanti coinvolti: 245 Di montagna: 114 Di costa: 131 Si tratta di un campione significativo dal punto di vista statistico numerico, distribuito su un intervallo temporale rilevante, che scorre per 50 anni,dal 1951 al 2001, che rappresenta una fase sufficientemente lunga per valutare i cambiamenti anche di medio periodo.

5 Michela Zucca Servizi culturali METODOLOGIA Si è adottata una metodologia mista, sociologica (analisi dei dati quantitativi) e antropologica (interviste con le maestre e sopralluoghi in campo). La ricerca è stata condotta sugli insegnanti delle quattro scuole di Bormida, Savona-Santuario, Perinaldo, Pompeiana, dal 1951 al 2001, esaminando il periodo di permanenza medio e lungo degli insegnanti, e, per ciascuno di loro, esaminandone il profilo personale e la permanenza sul territorio, per verificare se poteva esistere una tipologia di professionista che più facilmente si fermava in territorio di montagna. Sono state condotte anche delle interviste alle maestre storiche, in modo da delineare il cambiamento di ruolo della figura dellinsegnante, e la differenza nelle modalità di formazione e di approccio al lavoro.

6 Michela Zucca Servizi culturali Il ruolo tradizionale degli insegnanti nelle scuole di montagna La scuola, nei villaggi alpini, è sempre stata ritenuta essenziale: tutti i bambini e le bambine andavano a scuola, almeno fìno alla terza Cerano maestri di stalla, i barba e, quando non cera proprio nessuno, si obbligava il parroco a far scuola Nei paesi piccoli, esisteva la casa delle maestre: pagata dal Comune, offriva la possibilità di alloggio alle insegnanti che venivano da fuori, non erano sposate e quindi non possedevano unabitazione propria. In casi estremi, veniva permesso loro di dormire nella scuola stessa; o venivano ospitate dalle famiglie: ma si partiva già dal presupposto che non dovevano pagarsi un affitto

7 Michela Zucca Servizi culturali La maestra, assieme alla levatrice, nei paesi di montagna (ma non solo…..) rappresentava una figura importante di riferimento Insegnare era una delle professioni femminili socialmente approvate, un mezzo di promozione per tante famiglie che affrontavano disagi e sacrifici per mandare le proprie figlie in collegio dalle monache in città perché potessero frequentare, e rientrare a casa con un lavoro sicuro. Linsegnante conosceva tutti, e bene, da vicino: i bambini perché li teneva in classe, per anni, e di ognuno sapeva la sua storia; i genitori perché si rivolgevano a lei per ogni tipo di consiglio, si confidavano in cerca di un parere di qualcuno studiato, che potesse vedere al di là della frazione di nascita…. Spesso poi, la maestra era originaria del posto, quindi era imparentata con tutti; e se non lo era, di solito lo diventava presto, perché si sposava con un ragazzo del paese che la faceva diventare parte della famiglia allargata

8 Michela Zucca Servizi culturali In molti casi, era la stessa maestra del paese che cercava di allevarsi un erede: individuava la sua allieva più brava e, nelle ultime classi delle elementari o alle medie, la faceva andare a casa sua ad aiutarla a correggere i compiti, e poi anche in classe, in maniera tale che cominciasse ad imparare il mestiere. La ragazzina si sentiva valorizzata, sapeva che aveva trovato unalleata nella richiesta di andare avanti con gli studi. Nel frattempo imparava ad assumere il proprio ruolo.

9 Michela Zucca Servizi culturali Di frequente, era la maestra – o il maestro – che assolvevano anche alla funzione di intellettuale organico del posto: erano loro che raccoglievano le testimonianze di storia locale, intervistavano i vecchi, catalogavano le tradizioni, facevano lavorare i bambini (gli facevano fare le ricerche) perché le leggende, i proverbi, i modi di dire, le antiche forme di ritualità non andassero perdute, trasformandosi in veri e propri archivi viventi di storia locale. Di solito, i testi di storia del paese sono stati scritti proprio dai maestri che sono rimasti ad insegnare a scuola magari per decenni.

10 Michela Zucca Servizi culturali Il Comune e la comunità stessa capivano chiaramente quanto fosse essenziale avere un insegnate nella scuola del paese: la maestra trovava facilmente alloggio fra le famiglie, si creavano amicizie, cera la casa delle maestre e, in situazioni di emergenza, si dormiva direttamente in aula: tutte cose che oggi sembrano impossibili, perché il ruolo professionale è stato svalutato, i rapporti interpersonali si sono inariditi, fra enti pubblici non esiste comunicazione….

11 Michela Zucca Servizi culturali Il problema del turn over nelle scuole di montagna Non va oltre un anno di insegnamento nella stessa scuola più del 42% degli insegnanti a Perinaldo, del 44,5% a Pompeiana, del 53% al Santuario di Savona, del 75% a Bormida. Non concludono neanche un ciclo di 5 anni il 76% degli insegnanti di Perinaldo, l80,9% di quelli del Santuario di Savona, l83,8% delle maestre di Pompeiana, l88,8% di quelle di Bormida. Chi si ferma per più di 9 anni (ovvero termina 2 cicli di insegnamento elementare) è una ristretta minoranza: siamo al 7,8% alla scuola del Santuario di Savona, al 7,5% della scuola di Bormida, al 6,9% della scuola di Pompeiana, al 4% della scuola di Perinaldo. In questa situazione, tranne che per alcune eccezioni, si cambia, quando va bene, una maestra allanno, più le supplenti e quelle che non accettano lincarico

12 Michela Zucca Servizi culturali Si nota una differenza fra la scuola del Santuario e le altre: perché la percentuale di insegnati che hanno scelto di fermarsi per più di 9 anni è la più alta, ed è quasi doppia rispetto a quella di Perinaldo, probabilmente listituto più montanaro di tutti. Si evince, quindi, un peggioramento del servizio scolastico, per quanto riguarda il turn over degli insegnati, man mano che ci si allontana dai centri maggiori. Inoltre, per quanto riguarda la continuità didattica, tranne che per la scuola di Savona, la situazione negli ultimi dieci anni di rilevazione dei dati tende a peggiorare.

13 Michela Zucca Servizi culturali Dai dati sulle residenze e i luoghi di nascita si evince che sono pochissimi gli insegnanti stanziali che provengono da lontano: anche se hanno dovuto subire vari trasferimenti nel corso della loro carriera professionale, quelli che poi si fermano per almeno cinque anni provengono dai dintorni. Ovvero, per sostenere la continuità didattica, bisogna fare in modo di favorire la stanzialità delle risorse umane, e di agevolare il soggiorno a chi arriva da fuori.

14 Michela Zucca Servizi culturali GRAZIE


Scaricare ppt "Michela Zucca Servizi culturali LE MAESTRE DELLE SCUOLE DI MONTAGNA, FRA TURNO OVER ESASPERATO, RISCHIO DI FUGA E PRESIDIO DEL TERRITORIO."

Presentazioni simili


Annunci Google