La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Coordinatrice prof.ssa Nadia Cafiero a.s. 2004/2005 S.M.S. "Giacomo Puccini" Casoria (NA) - alunni 3 H 1 I falsi valori della mafia Per diventare mafiosi:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Coordinatrice prof.ssa Nadia Cafiero a.s. 2004/2005 S.M.S. "Giacomo Puccini" Casoria (NA) - alunni 3 H 1 I falsi valori della mafia Per diventare mafiosi:"— Transcript della presentazione:

1

2 Coordinatrice prof.ssa Nadia Cafiero a.s. 2004/2005 S.M.S. "Giacomo Puccini" Casoria (NA) - alunni 3 H 1 I falsi valori della mafia Per diventare mafiosi: rito di iniziazioneC h e c o s è e c o m e s i d i v e n t a m a f i o s i Struttura gerarchica della mafia Le origini della mafiaDove e come opera Rapporti tra mafia e politica Le attività mafiose Contesto sociale favorevole alla criminalità Forze armate e magistratura nella lotta alla mafia Il ruolo dei pentiti Educazione alla legalitàC h e c o s e s i f a p e r s c o n f i g g e r l a

3 2 Mafia: Associazione criminale sorta in Sicilia nel XIX secolo, in seguito trasformatasi in una organizzazione affaristico-criminale di dimensioni internazionali. Il fenomeno mafioso si sviluppò nel sistema economico proprio della Sicilia occidentale, basato sullo sfruttamento del latifondo. Questo sistema era organizzato secondo una struttura a piramide che prevedeva un vertice costituito dal proprietario terriero, unestesa base di contadini e braccianti e un centro composto da una rigogliosa e articolata gerarchia di vassalli che controllava landamento dei lavori. Questa sorta di classe media venne usata contro la classe bracciantile e contadina allo scopo di preservare i privilegi aristocratici. Sfruttando la diffusa ostilità verso un'autorità statale, la mafia si trasformò in un organismo sostitutivo dellordine legale, avviando una serie di attività al limite della legalità.

4 3 La criminalit à organizzata è stata fortemente caratterizzata, nel corso degli ultimi anni, non solo da una grande organizzazione di tipo militare e da una notevole potenzialit à di reinvestimento di capitali di provenienza illecita, ma anche dalla capacit à di instaurare un certo tipo di rapporti con uomini della politica. Infatti il rapporto tra la mafia e la politica si concretizzò all indomani della II guerra mondiale con l infiltrazione di rappresentanti delle cosche mafiose prima nel potere locale e poi in quello nazionale.La mafia controllava un ampio serbatoio elettorale e cos ì scese in campo con il centro politico nazionale, interpretando il ruolo di anticomunista. Poi il rapporto si intensificò cos ì da interessare tutti i partiti, tanto che si dice che ogni partito abbia un peccato di nome mafia.

5 4 Dopo il II conflitto mondiale la mafia subisce un ulteriore trasformazione: infatti da rurale diventa urbana, attratta da nuove attivit à, come appalti, concessioni edilizie, usura, mercato di manodopera e contrabbando. In questi settori essa si presenta dapprima come protettrice, imponendo tangenti agli imprenditori, finendo poi per gestire in proprio l iniziativa imprenditoriale che può contare sullo scoraggiamento della concorrenza. Successivamente essa si dedica al contrabbando di tabacco e traffico di stupefacenti, cos ì che qualsiasi societ à economicamente sviluppata si deve confrontare con meccanismi di criminalit à organizzata.

6 5 Per quanto riguarda l Italia, fenomeni delinquenziali come la mafia hanno attecchito in particolari zone meridionali del nostro paese, angustiate da piaghe secolari quali la disoccupazione, l analfabetismo, l infimo tenore di vita,il clientelismo esasperato a beneficio di una miriade di piccoli e grandi centri di poteri locali. Tali condizioni si innestano attualmente nella grave crisi istituzionale globale che sta attraversando tutta la societ à contemporanea. E evidente che in una simile realt à socio-culturale le organizzazioni criminali abbiano trovato un terreno fertilissimo per sorgere ed estendersi progressivamente sino a contrapporsi alle legittime autorit à statali.

7 6 La mafia ha una struttura a sviluppo verticale. Il capofamiglia nomina il "sottocapo", i consiglieri ed i capidecina, che hanno il compito di coordinare gli uomini d'onore, i picciotti. L'organizzazione base è la famiglia, non quella di sangue, ma un gruppo mafioso che controlla un pezzo di territorio, in genere un paese o un quartiere di una grande città, oppure più paesi se questi sono piccoli. È una funzione vitale, quella del controllo del territorio, che si snoda attraverso forme di contiguità con ambienti della politica e delle istituzioni. In Cosa Nostra si entra per cooptazione o chiamata, attraverso una specie di giuramento che consiste nel farsi bruciare sulla mano un santino.

8 7 Il rito diniziazione mafioso inizia quando il neofita viene portato in un luogo appartato con alcuni uomini d'onore della famiglia; poi il più anziano dei presenti lo avverte che "questa cosa" ha lo scopo di proteggere i deboli ed eliminare le soperchierie; quindi si buca un dito di una mano del giurante e il sangue viene versato su una qualunque immagine sacra. L'immagine viene posata sulla mano dello stesso e le si dà fuoco. A questo punto il neofita, che deve sopportare il bruciore passando l'immagine sacra accesa da una mano all'altra fino a totale spegnimento, giura di mantenere fede ai principi di "Cosa Nostra. Dopo il giuramento l'uomo d'onore viene presentato al capo- famiglia. Prima del giuramento l'interessato viene cautamente sondato per vedere se è disponibile a partecipare a un sodalizio volto a proteggere i deboli; solo dopo il giuramento viene spiegata l'organizzazione di Cosa Nostra.

9 8 I valori che la mafia dice di avere sono quelli della dignità individuale, dell'onore, del rispetto della "parola": una serie di valori analoghi a quelli della cultura popolare. Il problema è che, mentre i valori della cultura popolare sono realmente perseguiti, voluti, come forme di autorealizzazione, i valori mafiosi sono enunciatiper acquisire consenso, ma vengono vissuti in maniera truffaldina, perché servono per coprire il comportamento violento dei cosiddetti uomini donore. Quindi abbiamo delle diversità fondamentali, non in ciò che si dice, ma in ciò che si fa. La mafia, come la camorra e la ndrangheta, è un'organizzazione di morte e non di difesa degli oppressi, come molte volte ama presentarsi.

10 9 Nel 1962 venne istituita la prima Commissione parlamentare d' inchiesta sulla mafia in Sicilia, che tuttavia non produsse risultati apprezzabili; per rendere più efficaci le misure di prevenzione furono varate nuove leggi che introdussero il reato di "associazione di stampo mafioso" e definirono giuridicamente il delitto di mafia (1982). Strumenti più efficaci vennero forniti alle forze dell'ordine e alla magistratura. Venne quindi esercitato un maggiore controllo sul riciclaggio del denaro e si procedette al rafforzamento degli apparati repressivi: nacque nel 1982 l'Alto commissariato per la lotta alla mafia e nel 1983 venne istituita una nuova Commissione parlamentare antimafia, tuttora in funzione. Tutte queste misure culminarono nel 1986 nel primo maxiprocesso istruito da Giovanni Falcone.

11 10 In questi ultimi anni si è andato accentuando il fenomeno cosiddetto del pentitismo che consiste nel fatto che uno o più affiliati decidano, in cambio di forti sconti di pena e protezione fisica per se stessi e per i propri familiari, di uscire dallorganizzazione rivelando i misfatti compiuti e fornendo nel contempo preziose chiavi di lettura dei misteri mafiosi. Il fenomeno del pentitismo ha consentito di assicurare alla giustizia numerosi e pericolosi criminali, rivelando lorganizzazione interna dei vari livelli delle consorterie camorristiche e mafiose. Attualmente è oggetto di un profondo riesame sul piano giudiziario e legislativo. Questo non significa che si debba credere ai pentiti come se fossero il Vangelo. Normalmente si cerca di andare a trovare i riscontri. Il pentito è uno strumento indispensabile per contrastare la criminalità organizzata di stampo mafioso.

12 11 Fondata nel 1983 da alcuni insegnanti siciliani, Scuola e cultura antimafia è un associazione che ha guidato e guida gli insegnamenti sulla didattica antimafia e sulleducazione alla legalità. Quando lassociazione è nata, la regione Sicilia aveva da pochi anni approvato una legge che affidava alla scuola il compito di formare una coscienza civile contro la criminalità organizzata. Ecco i punti fermi dellassociazione: Lattività antimafia deve costituire una parte integrata della programmazione didattica. La scuola deve rinnovare metodologie e contenuti per lo sviluppo di una coscienza critica degli alunni. Il lavoro svolto nella scuola si è dimostrato molto efficace nella costruzione di una cultura: il movimento antimafia che si è creato in Sicilia ha trovato proprio nelle scuole punti di forza.

13 12 eroi del nostro tempo Giovanni Falcone Paolo Borsellino Don Puglisi, Uomini coraggiosi senza macchia e senza paura che hanno combattuto la mafia e non sono morti invano se le loro idee camminano sulle nostre gambe.


Scaricare ppt "Coordinatrice prof.ssa Nadia Cafiero a.s. 2004/2005 S.M.S. "Giacomo Puccini" Casoria (NA) - alunni 3 H 1 I falsi valori della mafia Per diventare mafiosi:"

Presentazioni simili


Annunci Google