La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Percepire vuol dire assegnare un significato agli stimoli provenienti dagli organi di senso e attribuire loro propriet à fisiche: nitidezza ad un immagine,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Percepire vuol dire assegnare un significato agli stimoli provenienti dagli organi di senso e attribuire loro propriet à fisiche: nitidezza ad un immagine,"— Transcript della presentazione:

1 Percepire vuol dire assegnare un significato agli stimoli provenienti dagli organi di senso e attribuire loro propriet à fisiche: nitidezza ad un immagine, grandezza ad un oggetto, chiarezza ad un suono, ecc. Per capire il fenomeno della percezione visiva, dal punto di vista strettamente cognitivo e fenomenologico, bisogna porsi due domande 1.perch è percepiamo 2.come percepiamo

2 Perché Percepiamo Perché ricerchiamo la buona forma (Gestalt) intesa come qualunque organizzazione percettiva a cui attribuiamo un significato in funzione 1.della nostra struttura anatomo-fisiologica, 2.delle regole che governano lorganizzazione percettiva dellambiente 3. dellesperienza Perché questattività è indispensabile per la sopravvivenza nellambiente, per la riproducibilità selettiva, per realizzarci e migliorare la qualità della vita, ecc.

3 Come Percepiamo Quello che percepiamo non corrisponde a quello che esiste effettivamente nella realtà, come ingenuamente si potrebbe credere (realismo ingenuo). La realtà è fredda e incolore, fatta, cioè, di luce proiettata ai nostri organi di senso sotto forma di lunghezze donda. La nostra costruzione della realtà (in senso visivo) è, quindi, una trasformazione della luce proiettata sugli occhi (sulle nostre retine)

4 Lo Stimolo Durante le fasi della visione Catena psicofisica

5 Le Proprietà Dello Stimolo Stimolo distale: lo stimolo fisicamente presente nell ambiente Stimolo prossimale: la stimolazione fisica (in origine generata dall oggetto presente nell ambiente) che effettivamente arriva ai nostri recettori sensoriali Percetto: la percezione che fenomenicamente noi sperimentiamo, cio è quello che effettivamente vediamo

6 STIMOLO DISTALE STIMOLO PROSSIMALE

7 STIMOLO DISTALE STIMOLO PROSSIMALE

8 Esiste, quindi, sotto alcune condizioni, una discrepanza fra la realtà fisica e quella fenomenica (percepita) Questo può indurci a fare degli errori di valutazione su quello che percepiamo, in due direzioni 1. Errore dello stimolo: descrivere quello che si sa e non quello che si vede 2.Errore dellesperienza: attribuire agli stimoli distali o prossimali una proprietà fenomenica attribuibile soltanto ai percetti

9 Si vede quello che non esiste: nellambiente fenomenico esistono oggetti che non hanno una contropartita nellambiente reale, come nei CONTORNI ILLUSORI TRIANGOLO DI KANIZSA

10

11

12 OPPURE NEL CONTRASTO DI CHIAREZZA

13 Non si vede quello che esiste nellambiente fenomenico non esistono oggetti che hanno invece contropartita nellambiente reale, come nei casi di MIMETISMO

14

15

16 si vedono più cose in una (figure reversibili e figure ambigue), in contrasto con lipotesi di una ferrea corrispondenza fra le cose e le immagini di esse. Coppa con i due profili (Rubin)

17 La giovane e la vecchia

18 si vede quello che non può esistere Le cose viste sono impossibili da realizzare nella realtà

19

20 TRIDENTE BIDENTATO

21 SCALA DI PENROSE

22 si vedono cose differenti da quelle che sono dove sono presenti due condizioni contraddittorie: che si sta vedendo qualcosa di reale ma anche qualcosa di illusorio (illusioni ottiche). ILLUSIONE DI ZOELLNER

23

24

25

26

27 VARIANTI DELLILLUSIONE DI LIPPS

28

29 Quindi Le immagini viste fino ad ora sono una conferma dell'ipotesi avanzata dalla psicologia scientifica: la percezione non è una registrazione sensoriale o una fotocopia della realt à, come sostiene il senso comune, ma una complessa interpretazione della realt à. La percezione è un processo cognitivo e non solo sensoriale. Le illusioni sono percezioni di oggetti costruiti mentalmente, ma in realt à inesistenti.

30 TEORIE DELLA PERCEZIONE

31 La percezione è la somma di sensazioni elementari, integrate da informazioni apprese in precedenza (von Helmholtz, 1867; Wundt 1912) Ogni impulso genera sensazioni elementari (livello inferiore) che vengono integrate attraverso meccanismi di associazione di livello superiore (memoria, giudizio, ragionamento, ecc.) che, attraverso inferenze inconsapevoli fondate su esperienze passate, si traducono in percezione Negli adulti questo processo è molto rapido e quasi automatico (inferenza inconsapevole) Teoria Empiristica

32 Gli psicologi della Gestalt avevano un approccio olistico (percezione come evento unico e immediato: qui ed ora) e rifiutarono la frammentariet à di Helmhotz La percezione non è cumulativa e non è influenzata dal passato, ma si compie all'istante (processo primario) in base alla distribuzione degli stimoli, ai loro rapporti (relazione fra gli elementi) e ai principi di unificazione. Teoria Della Gestalt

33 La percezione è influenzata dal significato emotivo che attribuiamo allo stimolo, dai bisogni, dalle aspettative, ecc. Esperimento: I bambini poveri percepivano come pi ù grande una moneta rispetto ad un disco di carta di pari dimensioni, perch é la loro condizione economica difficoltosa li portava a sopravvalutare stimoli in contrasto con essa (moneta) rispetto a quelli neutri (disco). Questa è una prospettiva funzionalistica New Look

34 Gibson (1966) La percezione non è motivazionale e le informazioni sono contenute nell ambiente (approccio ecologico) In un ambiente vengono colti con preferenza stimoli necessari per il raggiungimento di un fine, che presentano le propriet à strumentali di un oggetto, come "commestibilit à ", "percorribilit à ", ecc., (affordances, cio è disponibilit à ).

35 Teoria Computazionale di Marr Questa teoria viene chiamata computazionale in quanto la percezione viene vista come un processo di calcolo di simboli (elementi percepiti), che avviene a vari stadi 1.Primal sketch: analisi grossolana dell immagine percepita (linee, punti, ecc.) separatamente da due moduli (due retine). 2.2 ½ sketch: analisi di livello superiore derivante dalla fusione dei due moduli precedenti in uno solo, per permettere la visione della profondit à. 3.la teoria è incompleta, in quanto non descrive lo stadio di riconoscimento


Scaricare ppt "Percepire vuol dire assegnare un significato agli stimoli provenienti dagli organi di senso e attribuire loro propriet à fisiche: nitidezza ad un immagine,"

Presentazioni simili


Annunci Google