La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Ufficio Tecnico Panasonic Electric Works Italia srl.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Ufficio Tecnico Panasonic Electric Works Italia srl."— Transcript della presentazione:

1 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Ufficio Tecnico Panasonic Electric Works Italia srl

2 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Sommario Documentazione Disponibile Gamma PLC supportata Tipi di Memoria disponibile Indirizzamento Standard IEC1131

3 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Manuale Hardware Manuale Software Linguaggio di programmazione Help Online Tutte le informazioni su: Caratteristiche e Specifiche Tecniche della CPU e delle espansioni Installazione e Cablaggi Eventuale Documentazione su schede speciali Tutte le informazioni su: Aree di memoria del PLC Istruzioni di Basso Livello Istruzioni di Alto Livello Informazioni su funzioni speciali: HSC, Interrupt, Porta Aggiuntiva Tabelle dei Registri di Sistema, Relè Speciali, Word Speciali …. Documentazione disponibile PLC SW

4 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 PLC Panasonic Serie FP FP0R 0.6us Novità 2009 Soluzione fronte quadro Soluzione compatta level-entry Compatto di fascia alta Motion Onboard Applicazioni di alto livello

5 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Memoria nei PLC Panasonic La memoria nei PLC Panasonic è composta da: - memoria programma - memoria dati - memoria commenti La quantità di memoria programma, dati e commenti è fissa e dipende dal tipo di PLC scelto Anche la memoria dati è suddivisa tra aree indirizzabili a BIT (che vengono chiamate principalmente WORD Relè - WR) e aree indirizzabili solamente a WORD (che vengono chiamate principalmente WORD Dati – DT)

6 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Memoria disponibile nel PLC Panasonic FPX – Type C30 / C60 Area Programma 32Ksteps = 64 KByte Memoria Commenti = 328 Kbyte DT = 64 KByte 256 WR = 512 byte 256 LD = 512 byte 128 WL = 256 byte 110 WX = 220 byte 110 WY = 220 byte ~ KByte Aree DATI Commenti Programma Aree DATI standard Aree DATI per reti proprietarie Word di IN /OUT

7 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Memoria disponibile nel PLC Panasonic FPX – Type C30 / C60 FPX_UsersManual_2009_02_ARCT1F409E7.pdf Performance Specification Nota 1) Il numero di punti X e Y che si possono utilizzare dipende dalla configurazione HW che si realizza Indirizzabile a bit Indirizzabile a Word

8 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Memoria disponibile nel PLC Panasonic FP0R – Type C32 / T32 / F32 Area Programma 32Ksteps = 64 KByte Memoria Commenti = 328 Kbyte DT = 64 KByte 256 WR = 512 byte 256 LD = 512 byte 128 WL = 256 byte 110 WX = 220 byte 110 WY = 220 byte ~ KByte Aree DATI Commenti Programma Aree DATI standard Aree DATI per reti proprietarie Word di IN /OUT

9 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Memoria disponibile nel PLC Panasonic FP0R – Type C32 / T32 / F32 Indirizzabile a bit Indirizzabile a Word FP0R_Users_Manual_2009_06_ARCT1F475E-1.pdf Control Specification

10 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Ingressi Sono usati per ricevere segnali esterni da sensori, interruttori, finecorsa, etc … Una volta ricevuti, potranno essere utilizzati nel programma allinterno del PLC. Normalmente sono composti da logica sia npn o pnp a scelta. Nella notazione Panasonic sono indicati con: X Uscite Sono usate per inviare segnali di comando allesterno. Il loro stato può essere definito dal programma allinterno del PLC. Sono disponibili uscite a transistor (npn, pnp) o a relè. Nella notazione Panasonic sono indicate con: Y Indirizzo Fisico - Ingressi e Uscite Nei PLC compatti FP0R/FPe, FPX, FPSigma lallocazione degli ingressi e delle uscite è fissa ed dipende dalla posizione dove è montata la scheda

11 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Esempio allocazione Ingressi/Uscite PLC FP0 e FP0R CPU WX0-WX1 WY0-WY1 Iª Esp WX2-WX3 WY2-WY3 IIª Esp WX4-WX5 WY4-WY5 IIIª Esp WX6-WX7 WY6-WY7 Lallocazione degli ingressi e delle uscite è indipendente dal tipo di scheda montata

12 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Relè Sono relè simulati che servono per generare un segnale binario (ON/OFF) interno. Ci sono anche dei relè speciali che implementano alcune funzioni particolari (R9010, R9013,..) o eseguono operazioni di diagnostica. Nella notazione Panasonic sono indicate con: R Allinterno dei manuali Hardware e Software dei PLC è possibile trovare lelenco dei Relè speciali disponibili Indirizzo Fisico - Relè di appoggio

13 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Indirizzo Fisico – Esempio di Relè speciali o di sistema Selezione variabili di sistema allinterno dellambiente di programmazione

14 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Aree Immagazzinamento Dati Sono aree di memoria che servono per immagazzinare i dati. Possono essere usate per eseguire calcoli o modificare i dati stessi. Esistono delle aree di immagazzinamento dati speciali in cui sono presenti i dati relativi a funzioni speciali o i dati relativi ad operazioni di diagnostica. Nella notazione Panasonic sono indicate con: DT Indirizzo Fisico - Aree di memoria a 16bit Allinterno dei manuali Hardware e Software dei PLC è possibile trovare lelenco dei Registri Dati speciali disponibili

15 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 bit Byte meno significativo Byte più significativo word Indirizzo Fisico - Accesso unità dati Nei PLC Panasonic è possibile accedere ai singoli bit o alle word, non è prevista la gestione del Byte

16 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Indirizzamenti Tipo word WX Tipo di word Numero di word (decimale) Tutte le Word che partono con la W possono essere indirizzate a bit. WX, WY, WR etc..

17 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Indirizzamenti Indirizzamento delle aree di memoria nei PLC della serie FP Tipo relè X Tipo di relè Numero di word (decimale) Numero di bit allinterno della word (esadecimale) Unica eccezione la word 0 in cui viene riportato solo il numero di bit.

18 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Indirizzamenti WX0 X0X1XF WX1 WX2 XB X10X11X1F X17X20X21X2F X2D

19 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Indirizzamenti WR0 R0R1RFR120R121R12F WR12 ? DT0

20 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Perchè IEC ? IEC Standard universalmente accettato Regole unificate a livello mondiale eliminano fraintendimenti e riducono i tempi di apprendimento (training) La possibilità di riutilizzare tramite Funzioni (Fun) e Blocchi Funzioni (FB) permette di risparmiare tempo in fase di programmazione e di debug Migliore visualizzazione del flusso programma attraverso opportune strutture di programmazione Riduzione degli errori grazie al controllo sul tipo di dato introdotto dal compilatore Riduzione degli investimenti grazie allutilizzo di SW standard

21 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 FPWIN Pro PLC Programming Software Ver.5 PLCopen Certificates - Conformity Level and Reusability Level

22 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 IEC Formato indirizzo Esempio: X0%IX 0.0 X2F%IX 2.15 Y0%QX 0.0 Y30%QX 3.0 R0%MX R5%MX R200%MX DT0%MW 5.0 DT200%MW T1%MX 1.1

23 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Indirizzamenti Panasonic software style Solo indirizzamento fisico secondo lo standard propritario Panasonic : X0, X1...Y0,Y1....DT0,DT IEC software style - Indirizzamento fisico secondo standard IEC 1131 (%IX0.....%QX0.....%MW5.0) - Indirizzamento simbolico * Ogni variabile ha un nome * Ogni variabile ha un tipo di dato * Le variabili possono essere di tipo locale e globale FPWIN Pro può utilizzare entrambi gli stili Gli stili possono essere utilizzati contemporaneamente LFPWIN PRO associa in automatico lindirizzo IEC partendo dallindirizzo fisico Panasonic Indirizzamento fisico e indirizzamento IEC Differenze

24 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio motivi per scegliere un SW IEC Utilizzare funzioni il cui nome descrive il loro impiego o di significato comune ai più noti sistemi di programmazione es. : MOVE, MID, ADD, etc.. E non funzioni proprietarie come F0_MV, F0_DMV, F20_+, F6_DGT … 3.Permette lutilizzo di strutture di dati complesse (stringhe, array, DUT) supportate da funzioni dedicate (MID, STRING_TO_INT, etc.) che aumentano la leggibilità del codice e rendono più semplice la soluzione di problemi altrimenti complessi (gestione di protocolli e tabelle). 4.Inserimento commenti più semplice 2.Permettere limpiego di variabili simboliche e degli indirizzi fisici e non solo gli indirizzi fisici del PLC. Start_Pompa_1 vs X0 5.Possibilità di usare FB già implementate e testate dagli stessi sviluppatori del PRO

25 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio motivi per scegliere un SW IEC Possibilità di avere funzioni uniche slegate del tipo di dato utilizzato

26 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Funzioni IEC vs Funzioni Panasonic Funzioni Libreria IEC: 1 funzione al posto di vari Funzione che viene eseguita ad ogni scan : Funzioni libreria Panasonic: 16-bit 32-bit 4-digit BCD data 8-digit BCD data Floating point data I dati di ingresso devono essere dello stesso tipo 1/3

27 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Funzioni IEC vs Funzioni Panasonic Lutilizzo di Istruzioni estensibili, permette di utilizzare un unica istruzione anziché la sequenza di più istruzioni Panasonic Per estendere la funzione: 1. Posizionare il cursore sulla parte inferiore. Il cursore cambia in due frecce opposte 2. Definire la lunghezza desiderata. 2/3

28 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Temporizzatori Nella notazione IEC1131 sono disponibili due tipi di temporizzatori che possono sostituite i Timer TMX (1 sec), TMY (0,1sec), TMR(0,01sec) il timer TML(0,001) risulta ancora più performante rispetto ai timer IEC: TOF Timer in ritardo allo spegnimento TON Timer in ritardo allaccensione Entrambe usano una la F183 – Conteggio con risoluzione di 10ms Funzioni IEC vs Funzioni Panasonic 3/3

29 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio motivi per scegliere un SW IEC Mediamente il compilato generato dal PRO (SW IEC1131) è minore dello stesso codice fatto con SW proprietario GR. Il compilatore conosce lintera gamma delle funzioni Panasonic il programmatore solo quelle più comunemente usate

30 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio motivi per scegliere un SW IEC Lutilizzo di aree il cui indirizzo fisico venga associato dal compilatore permette di norma di ottimizzare lutilizzo della memoria dati 9.Lutilizzo di linguaggi ad alto livello come lST permette di facilitare la gestione dei cicli FOR/WHILE 10.Il formato grafico non obbliga lintegratore ad un sequenza nellinserimento delle funzioni e dei loro argomenti.

31 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Generazione del codice: Ottimizzazione FPWIN Pro 5 e 6 producono circa il 7% di codice in meno dellFPWIN Pro 4 Generalmente FPWIN Pro 6 produce anche meno codice del SW proprietario FPWIN GR !!!

32 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Generazione del codice: Ottimizzazione Vengono utilizzate funzioni di gestione dello stack PSHS-RDS-POPS al posto delle variabili temporanee: Le variabili temporanee non necessarie sono state rimosse! 1. Step: non viene aggiunto del codice addizionale Come può un linguaggio ad alto livello produrre meno codice di un linguaggio a basso livello?

33 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Ottimizzazione di move in cascata: Il compilatore utilizza listruzione KP invece SET, RST se porta ad un risparmio di passi FP0 6 passi invece di 8 passi!!! 16 passi invece di 27 passi!!! Generazione del codice: Ottimizzazione 2. Step: ulteriori ottimizzazioni

34 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Un progetto con varie tipi di funzionalità binarie (AND, OR, SET, RST), impulsive (DF), di calcolo (ADD), di confronto (comparison, shift and timer operations) Esempio: GT10_Demo_general.fp * La parte finale ed iniziale richiedono un numero fisso di passi indipendentemente dal numero di passi di programma! Generazione del codice: Ottimizzazione ** Per lFP0 il compilatore utilizza listruzione KP invece di SET, RST!

35 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Conclusioni: Generazione del codice: Ottimizzazione In generale FPWIN Pro 6 genera un codice ottimizzato! In special modo per i PLC di piccole dimensioni! In molti casi FPWIN Pro 6 genera anche meno codice dellFPWIN-GR!!! Questo vale per tutti i linguaggi di programmazione! Non cè un linguaggio di programmazione che produce più codice degli altri! Anche lST non incrementa la quantità di codice!!!

36 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 FPWINPRO

37 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Legenda POU : Programmi utente Task : Insieme di Programmi che vengono mandati in esecuzione a scan time o come interrupt FB : Funzione che memorizza lo stato delle operazioni precedenti FUN : Funzione senza memoria Variabili Locali: Variabili visibili solo allinterno del POU su cui si sta lavorando Variabili Globali: Variabili disponibili a tutti i POU del Progetto Librerie: Insieme di Fun/FB che svolgono determinate operazioni DUT: Tipo di dato astratto Array [0..2]: Sequenza di variabili dello stesso tipo a cui si può accedere mezzo indice String [32]: Sequenza di caratteri con una struttura ben definita

38 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 supporta tutti i cinque linguaggi di programmazione previsti dallo standard IEC allinterno di un unico SW: - Instruction List (IL) - Structured Text (ST) - Ladder Diagram (LD) - Function Block Diagram (FBD) - Sequential Function Chart (SFC) tutti i tipi (quelli di recente introduzione) di PLC Panasonic possono essere programmati senza limiti, facile riutilizzo di codice grazie allutilizzo di FB e Fun che possono essere inserite in Librerie utente personalizzate. un sistema molto semplice di inserimento dei commenti e per la creazione di documentazione Modem (analogico e GSM) ed Ethernet per la programmazione remota e il debug dei programmi La certificazione di Riusabilità del SW generato con linguaggio ST Control FPWIN Pro

39 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Lambiente di programmazione Come aprire un nuovo progetto Dove si crea un nuovo progetto come default

40 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 In che formato si salva

41 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Lambiente di programmazione - Navigatore Con i Registri di sistema è possibile cambiare le caratteristiche HW del PLC (es. no. di Timers/Counters) Hardware Nella cartella Librerie sono contenute tutte le funzioni e FB che possono essere utilizzate nella programmazione Librerie I programmi definiti allinterno del POU devo essere inseriti allinterno della cartella Tasks come Programs o Interrupt per poterli mandare in esecuzione nel PLC Questo può essere fatto direttamente al momento della creazione del nuovo POU Programmi Le Variabili Globali contengono lindirizzamento IEC possono essere associate ad aree fisiche del PLC e sono visibili da tutti i programmi. Variabili Programs Organisations Unit - I programmi le Fun e le FB vengono qui salvati. Possono essere definiti più programmi, ogni programma ha le proprie varibili locali (Intestazione) ed il proprio codice programma (Corpo) POU

42 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Librerie Le FB che vengono create possono essere inserite allinterno di librerie personali Salvaguardia del Know-how mediante protezione via PW delle librerie. Facile riutilizzo di SW testato -> risparmio di tempo. Librerie Utente Librerie Standard - Fun IEC - Fun Panasonic - Fun di collegamento - Fun Impulsive

43 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 FB permettono il facile riutilizzo di codice testato 2. Variable Interface 3. Programma 1. Corpo FB Si programma una volta sola Si utilizza sempre!! 1/2

44 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Librerie

45 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Le Librerie Panasonic Librerie IEC, con tutte le Fun e FB IEC standard Es. MOVE, ADD, SIN, MID …. Libreria delle Funzioni Panasonic Es. F0, F1, …F144, …. F309 Librerie che permettono di utilizzare le Funzioni Panasonic con le strutture dati di alto livello disponibili nello Standard IEC Funzioni Panasonic di tipo Pulse Es. P0, P1, …. P13, …

46 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Le Librerie Utente Tasto Dx del Mouse

47 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Programma di Backup Da File Esporta Progetto Il progetto viene salvato in formato asc e non include le librerie installate E possibile aprire il formato così salvato con qualsiasi editor di testo E possibile modifiare il programma così salvato con un editor di testo e scaricare anche solamente i POU che interessano

48 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Programma di Backup

49 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Programma di Backup Da Altro Copia di Sicurezza del Progetto Il progetto viene salvato in formato pce ed include le librerie installate Le librerie salvate permettono la corretta esecuzione del programma Per poter modificare la libreria si deve avere anceh la libreria sorgente

50 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio Linguaggi di Programmazione disponibili Ladder Instruction List Sequential Flow Chart Structured Test Function Block Diagram

51 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Linguaggio LD E il classico linguaggio a contatti Variabili Locali Corpo del programma

52 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Linguaggio FBD Linguaggio molto simile allLD in cui non sono presenti i contatti di in e out che vengono sostituiti dalle VAR IN/OUT + FB che permettono di eseguire operazioni sulle variabili booleane Variabili Locali Corpo del programma

53 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Linguaggio SFC Ogni blocco viene eseguito quando la condizione che lo precede è ON e quello che lo segue è OFF TRUE FALSE Variabili Locali Linguaggio a blocchi sequenziali – Flow Chart

54 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Linguaggio SFC Ogni azione dellSFC può contenere uno o più programmi creati con gli altri linguaggi di programmazione Quando associo il programma allazione, lazione diventa verde.

55 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Linguaggio ST Lambiente si avvicina molto ai linguaggi ad alto livello: Pascal, VB, C CTRL + F1 oppure BarraSpaziatrice: per richiamare lhelp sulla sintassi Variabili Locali Corpo del programma

56 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Linguaggio IL Classico Linguaggio a Lista Istruzioni Richiama dal punto di vista dei commenti e della struttura che prevede lutilizzo di una data sintassi lST. (Poco utilizzato e poco flessibile)

57 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Le Variabili Si possono definire due tipi di variabili: Globali e Locali Globali - E possibile associare un indirizzo fisico alla notazione simbolica - Sono condivisibili da tutti i POU - Lindirizzo fisico viene associato dal compilatore solo se non definito dallutente - Sono accessibili da Tool esterni: Pannelli, Sistemi di SuperVisione, etc. Locali - Lindirizzo fisico viene associato dal compilatore - Hanno validità solo allinterno del POU dichiarato - Non sono accessibili da Tool esterni Le variabili locali essendo poste allinizio di ogni programma vengono dette anche header o intestazione

58 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Le variabili Le variabili tipo GLOBAL diventano di tipo EXTERNAL quando vengono utilizzate allinterno dei programmi Se non viene associato alcun indirizzo fisico alle variabili globali larea di memoria dove immagazzinare il valore viene assegnato dal compilatore in modo automatico come nel caso delle variabili locali

59 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Le Variabili Dove si dichiarano le aree che possono essere utilizzate dal compilatore? Area Utente Area Sistema Modificando il cursore relativo alle variabili ritentive si va ad agire direttamente sui registri di sistema del PLC

60 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Le Variabili Tutte le variabili del programma possono essere gestite con notazione simbolica Solo alcune sono associate a degli indirizzi fisici - La lunghezza massima dei nomi simbolici per le variabili ed i programmi è pari a 100

61 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Esempi di programmazione 1.Inserimento di contatti di ingresso e uscita in OR e AND allinterno di un programma. Linguaggio LD 2.Definizione di variabili simboliche Globali e Locali 3.Utilizzo delle variabili Globali allinterno del programma 5.Somma di due variabili (ADD) 6.Confronto fra due variabili (EQ) 7.Partenza ritardata TIMER (TON) 4.Spostamento di un valore fra due variabili (MOVE) 8.Simulazione di un errore ed individuazione mediante il compilatore 9.Monitor di variabili Globali e Locali 10.Opzioni di compilazione 11.Commenti

62 Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Thank you! Panasonic your partner in automation


Scaricare ppt "Panasonic Electric Works Europe AG Romani – 12 Maggio 2010 Ufficio Tecnico Panasonic Electric Works Italia srl."

Presentazioni simili


Annunci Google