La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BILANCIO DI PREVISIONE 2011 Presentazione 1. BILANCIO DI PREVISIONE 2011 VINCOLI ESTERNI 2.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BILANCIO DI PREVISIONE 2011 Presentazione 1. BILANCIO DI PREVISIONE 2011 VINCOLI ESTERNI 2."— Transcript della presentazione:

1 BILANCIO DI PREVISIONE 2011 Presentazione 1

2 BILANCIO DI PREVISIONE 2011 VINCOLI ESTERNI 2

3 · I Trasferimenti erariali, per il Comune di Stradella, subiscono una riduzione di ,00 (decreto ministeriale ) · Gli oneri di urbanizzazione possono essere utilizzati sino al 50% genericamente in parte corrente e sino al 25% per manutenzione ordinaria e verde pubblico però fino allesercizio 2012 (conversione Milleproroghe – legge n. 10 del 26/02/2011). Il Comune di Stradella nel 2011 applica una quota di oneri in parte corrente del 48,57% e nel 2012 del 50%. · 3

4 Patto di stabilità interno. La legge di stabilità per lanno 2011 ha riscritto le regole determinando il calcolo dellobiettivo sulla base della media della spesa corrente negli anni da 2006 a 2008 con una serie di correttivi. Viene mantenuto il saldo finanziario in termini di competenza mista (accertamenti e impegni di competenza per la parte corrente, incassi e pagamenti anche sui residui per il conto capitale). Lobiettivo di saldo finanziario per il 2011 è di 316 e le previsioni contenute negli stanziamenti di bilancio sono compatibili con il rispetto del patto di stabilità per ciascun anno del triennio.

5 · Vincoli di spesa ex d.l. 78/2010. Le previsioni contenute nel Bilancio pluriennale 2011 – 2013 tengono conto dei limiti di spesa imposti dal D.L. 78/2010 come convertito dalla L. 30/07/2010 n. 122 ed in particolare dei vincoli previsti: - allart. 5 per quanto riguarda le cariche istituzionali elettive; - allart. 6 in particolare per quanto riguarda la spesa annua per studi ed incarichi di consulenza che non può essere superiore al 20% di quella sostenuta nel 2009 e la cui programmazione verrà approvata con successivo atto in ottemperanza ai suddetti limiti che saranno oggetto di attento monitoraggio; - allart. 9 e 14 per quanto riguarda il trattamento economico complessivo dei dipendenti e la spesa di personale 5

6 ENTRATE Avanzo di amministrazione Entrate tributarie ,21 Entrate da trasferimenti ,00 Entrate extratributarie ,46 Alienazioni e trasferimenti ,00 Accensione prestiti ,00 Totale ,67 Servizi per conto terzi ,00 TOTALE ENTRATE ,67 SPESE Spese correnti ,67 Investimenti ,00 Rimborso prestiti ,00 Totale ,67 Servizi per conto terzi ,00 TOTALE SPESE ,67 6

7 BILANCIO DI PREVISIONE 2011 IL BILANCIO CORRENTE 7

8 BILANCIO CORRENTE 2011 ENTRATE CORRENTI Entrate tributarie ,21 Entrate da trasferimenti ,00 Entrate extratributarie ,46 Proventi permessi di costruire ,00 TOTALE ENTRATE ,67 SPESE CORRENTI Personale ,03 Acquisto beni ,00 Prestazione di servizi ,42 Utilizzo beni di terzi44.864,00 Trasferimenti ,00 Interessi passivi ,00 Imposte e tasse ,22 Oneri straordinari19.700,00 Fondo Svalutazione crediti19.000,00 Fondo di riserva37.133,00 Quota capitale mutui ,00 TOTALE SPESE ,67 8

9 ENTRATE CORRENTI 9

10 LE ENTRATE TRIBUTARIE · ICI - Conferma delle aliquote: nella misura del 5,25 per mille per gli immobili adibiti ad abitazione principale e relative pertinenze con detrazione per labitazione principale pari a 103,29 e nella misura del 7 per mille per tutte le altre tipologie di immobili, compresi terreni agricoli e aree fabbricabili. Maggior gettito, sia ordinario che da violazioni, determinato da nuovi insediamenti in area Pip e da attività di accertamento dellUfficio Tributi. · ADDIZIONALE COMUNALE ALLIRPEF: conferma dellaliquota dello 0,50% prevedendo una soglia di esenzione per i redditi imponibili ai fini Irpef fino a ,00. · IMPOSTA PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI: aliquote invariate · ADDIZIONALE ENERGIA ELETTRICA: invariata · COMPARTECIPAZIONE IRPEF: invariata

11 I TRASFERIMENTI · STATALI: la riduzione di è stata tutta dedotta dal contributo ordinario. In ogni caso i trasferimenti erariali fiscalizzati per effetto delle norme sul federalismo dovranno essere figurativamente spostati, insieme alla nuova voce di Compartecipazione allIva, in Titolo I. · REGIONALI: in pratica soltanto il contributo per il fondo sociale affitti che, per le attuali informazioni, viene mantenuto a Vengono mantenute le risorse aggiuntive, a carico dellente, per ulteriori · DA ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO: si tratta in prevalenza di quelli dal Piano di Zona per i vari servizi e anche da altri enti locali per i servizi alla disabilità.

12 ENTRATE EXTRATRIBUTARIE · Tariffe modificate dal solo adeguamento Istat (1,6%) limitatamente ad alcuni servizi e soltanto per le fasce isee più alte, applicato con decorrenze diverse a seconda dei servizi. · Per i servizi cimiteriali adeguamento ai prezzi di mercato del nuovo capitolato e prevendita di nuovi loculi soltanto in presenza di salma. TIA: approvazione di un Piano finanziario che, pur in presenza di un aumento della cifra complessiva per effetto dellindicizzazione ISTAT rispetto allanno precedente, è in grado di garantire una riduzione media dello 0,50% per le utenze domestiche e del 6,9% per quelle non domestiche, grazie alle verifiche in corso che hanno portato al recupero di margini di evasione e allampliamento della base imponibile resa possibile dallattuazione delle modifiche regolamentari adottate nel novembre scorso dal Consiglio comunale e da quelle adottate dalla Giunta per il sostegno alle situazioni di maggior disagio.

13 SPESE CORRENTI · PERSONALE: Viene applicato il contratto collettivo nazionale di lavoro e lattivazione della contrattazione collettiva integrativa così come previsti dagli artt. 9 e 14 del d.l.78/2010, nel rispetto dei vincoli di bilancio nonchè di spesa di personale rispetto lanno precedente per un totale di · MUTUI: La somma di quota interessi e quota capitale ammonta a · Le spese fisse e incomprimibili (personale e mutui) quindi coprono quasi la metà del bilancio di parte corrente. · La restante parte è destinata in prevalenza a spese per prestazioni di servizi · Il tasso di copertura medio dei costi dei servizi a domanda individuale è del 70,92%

14 SPESE CORRENTI 14

15 IL BUDGET DELLA SPESA CORRENTE PER PROGRAMMA PROGRAMMA Previsione 2011 Organizzazione,attività ist.,servizi generali ,72 Servizi finanziari ,49 Difesa, sicurezza, protezione civile ,76 Istruzione, Serv. Scolast.,cultur.,sport,ricreat ,76 Gestione e conservazione patrimonio ,93 Sviluppo e razion. Viabilità, trasp ,60 Difesa dellambiente-gest.territorio ,20 Welfare e servizio alla persona ,28 Sviluppo econ. e attività produttiva ,93 TOTALE ,67 15

16 IL BUDGET DELLA SPESA CORRENTE PER PROGRAMMA – ANNO

17 BILANCIO DI PREVISIONE 2011 GLI INVESTIMENTI 17

18 ENTRATASPESA Avanzo di amm.ne presuntoAcquisizione di beni immobili ,00 Trasferimenti Stato per Protezione Civile 1.690,00Acquisizione di beni mobili1.690,00 Trasferimenti Regione per fotovoltaico Scuola media ,00Trasferimenti di capitale (culto) ,00 Monetizzazione20.000,00 Permessi di costruire ,00 Alienazioni aree peep ,00 Mutui per fotovoltaico scuola media ,00 TOTALE ,00TOTALE ,00 BILANCIO INVESTIMENTI

19 BILANCIO DI PREVISIONE 2011 GLI INDICATORI 19

20 AUTONOMIA FINANZIARIA Lindice AUTONOMIA FINANZIARIA evidenzia la percentuale di incidenza delle entrate proprie su quelle correnti segnalando in tal modo quanto la capacità di spesa è garantita da risorse autonome, senza contare sui trasferimenti. Se inferiore al 35% rileva condizioni di deficitarietà. Valutazione tanto più positiva quanto più è elevato. I dati fino al 2009 derivano dai rendiconti, mentre quelli del 2010 si riferiscono alle previsioni definitive. 20

21 AUTONOMIA IMPOSITIVA Lindice di AUTONOMIA IMPOSITIVA è una specificazione del precedente, ed evidenzia la capacità dellente di prelevare risorse coattivamente. I dati fino al 2009 derivano dai rendiconti, mentre quelli del 2010 si riferiscono alle previsioni definitive. 21

22 PROVENTI SERVIZI PUBBLICI SU ENTRATE PROPRIE Lindicatore evidenzia la capacità dellente di essere finanziariamente autonomo analizzando le entrate extratributarie provenienti dalla erogazione dei servizi pubblici. Valutazione tanto più positiva quanto più è elevato. I dati fino al 2009 derivano dai rendiconti, mentre quelli del 2010 si riferiscono alle previsioni definitive. 22

23 PRESSIONE FINANZIARIA PRO-CAPITE Derivante dal rapporto tra le entrate tributarie + extratributarie e la popolazione residente al I dati fino al 2009 derivano dai rendiconti, mentre quelli del 2010 si riferiscono alle previsioni definitive. 23

24 PRESSIONE TRIBUTARIA PRO-CAPITE Derivante dal rapporto tra le entrate tributarie e la popolazione residente al I dati fino al 2009 derivano dai rendiconti, mentre quelli del 2010 si riferiscono alle previsioni definitive. 24

25 RIGIDITA SPESA CORRENTE Evidenzia lincidenza delle spese per il personale (compresa Irap) e delle rate per i mutui in ammortamento sulle entrate correnti. I dati fino al 2009 derivano dai rendiconti, mentre quelli del 2010 si riferiscono alle previsioni definitive. 25


Scaricare ppt "BILANCIO DI PREVISIONE 2011 Presentazione 1. BILANCIO DI PREVISIONE 2011 VINCOLI ESTERNI 2."

Presentazioni simili


Annunci Google