La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli strumenti investigativi del contrasto allevasione Lecce, 25 settembre 2006 Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli strumenti investigativi del contrasto allevasione Lecce, 25 settembre 2006 Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì"— Transcript della presentazione:

1 Gli strumenti investigativi del contrasto allevasione Lecce, 25 settembre 2006 Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

2 Manovra 2006 Il collegato alla finanziaria Decreto Legge n. 203 del 30/09/2005 Articolo 1 conv. con modif. dalla L. 2/12/2005, n Partecipazione dei comuni al contrasto allevasione fiscale Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

3 Quale aspettativa? TAGLI AI TRASFERIMENTI DI RISORSE STATALI Potenziare la lotta allevasione LIMITE ALLE SPESE IN CONTO CAPITALE (comma 141 – Fin. 2006) DEROGABILE Nei limiti dei proventi derivanti dalla quota di partecipazione allazione di contrasto allevasione (c.146- Fin. 2006) 30% ai comuni Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

4 Comma 1 Per potenziare l'azione di contrasto all'evasione fiscale, in attuazione dei principi di economicità, efficienza e collaborazione amministrativa, la partecipazione dei comuni all'accertamento fiscale è incentivata mediante il riconoscimento di una quota pari al 30 per cento delle maggiori somme relative a tributi statali riscosse a titolo definitivo, a seguito dell'intervento del comune che abbia contribuito all'accertamento stesso. Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

5 Comma 2 Con provvedimento del direttore dell Agenzia delle entrate, emanato entro 45 giorni, d intesa con la Conferenza Stato-Città ed autonomie locali, sono stabilite le MODALITA TECNICHE di accesso alle banche dati e di trasmissione ai comuni, anche in via telematica, di copia delle dichiarazioni relative ai contribuenti in essi residenti, nonché quelle della partecipazione dei comuni all accertamento fiscale anche attraverso società ed enti partecipati dai comuni e comunque da essi incaricati per le attività di supporto ai controlli fiscali sui tributi comunali Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

6 …comma 2 Con il medesimo provvedimento sono altresì individuate le ulteriori materie per le quali i comuni partecipano all accertamento fiscale; in tale ultimo caso, il provvedimento, adottato d intesa con il direttore dell Agenzia del Territorio per i tributi di relativa competenza, può prevedere anche una applicazione graduale in relazione ai diversi tributi. Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

7 il …(futuro) decreto del Direttore dellAgenzia delle Entrate Direttore dellAgenzia delle Entrate Conferenza Stato-città ed autonomie locali Direttore dellAgenzia del Territorio Provvedimento che disciplina Trasmissione dichiarazioni residenti Ulteriori materie di partecipazione Accesso alle banche dati Modalità partecipazione accertamento Anche a mezzo di soggetti terzi Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

8 Quali tributi accertare? TEORICAMENTE TUTTI Tributi diretti Omesso richiamo allart. 44 del DPR 600/1973 (mai applicato) Tributi indiretti Irpef Ires (Irpeg) Iva Registr o Bollo Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

9 Quale tipologie di accertamento fiscale? TEORICAMENTE TUTTE Accertamento ordinario Lomesso richiamo allart. 44 del DPR 600/1973, di fatto consente anche laccertamento parziale (art. 41 bis del DPR 600/1973) Accertamento parziale Accertamento sintetico Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

10 In sintesi… La disposizione avvia una ormai doverosa collaborazione tra Stato e Comuni permettendo un più vasto scambio di dati ed informazioni coinvolgendo i Comuni nellaccertamento dei tributi erariali permettendo una nuova fonte di finanziamento ai Comuni estendendo – in prospettiva – la collaborazione ad altri tributi Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

11 … quale attività svolgere? IN VIA AUTONOMAIN VIA SUSSIDIARIA Il Comune rileva situazioni fiscalmente interessanti per lAgenzia delle Entrate: -Lavoro nero -Merce non fatturata -Attività abusive…… Conoscenza del territorio LAgenzia delle Entrate richiede specifica collaborazione Limitatamente a contribuenti con volume daffari fino a 5,15 milioni di euro Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

12 Il 30% delle maggiori somme riscosse … a titolo definitivo Accertamento Pagamento spontaneo (ruolo) Somme definitive Ruolo provvisorio Somme non definitive Versamento Somme definitive Versamento immediato Definitive alle singole rate Pagamento singole rate Somme definitive Impugnazione Conciliazione Pagamento rateale (ruoli) Accertamento con adesione Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

13 Quali le… maggiori somme riscosse da accertamento Funzione deterrente di stimolo alla corretta autoliquidazione Accertamento Sistema fiscale Italiano Auto-liquidazione Controlli selettivi 24,5 miliardi di euro DATI ISTAT 2003 TRIBUTI COMUNALI TRIBUTI ERARIALI Riscossione da accertamento 71 % % Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

14 Quali cifre… GETTITO TRIMESTRALE DI CASSA DELL'IVA DA ACCERTAMENTO E CONTROLLO Trimestre I II III IV Totale annuale I V A LOTTA ALLE FRODI COMUNITARIE (auto, telefonia mobile, informatica, hi-fi…) COMPENSAZIONI FRAUDOLENTE (rimborsi non dovuti) Fonte Magister – Tesoreria Erario – Milioni di euro Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

15 Quali cifre… Fonte Magister – Tesoreria Erario – Milioni di euro Ruoli (milioni di euro) IMPOSTE DIRETTE I TRIM 2005I TRIM 2006Var.assol.Var.% IRE (Irpef) ,27% IRES (Irpeg) ,43% ILOR ,67% CONDONI e imposte straord ,56% Altre entrate dirette ,24% TOTALE IMPOSTE DIRETTE ,73% al netto dei condoni e straord ,76% Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì I I. D D.

16 Ruoli (milioni di euro) IMPOSTE DIRETTE I TRIM 2005I TRIM 2006Var.assol.Var.% IRE (Irpef) ,27% IRES (Irpeg) ,43% ILOR35266,67% CONDONI e imposte straord ,56% Altre entrate dirette ,24% TOTALE IMPOSTE DIRETTE ,73% al netto dei condoni e straord ,76% IMPOSTE INDIRETTE I TRIM 2005I TRIM 2006Var.assol.Var.% IVA ,14% REGISTRO47375,00% BOLLO46250,00% OLI MINERALI E DERIVATI ,38% CONDONI e imposte straord.011- Altre entrate indirette ,17% TOTALE IMPOSTE INDIRETTE ,69% al netto dei condoni e straord ,07% TOTALE RUOLI ,51% al netto dei condoni e straord ,45% … complessivamente

17 … alcune considerazioni Il gettito eventuale sarebbe macchinoso da acquisire: a)Tempi lunghi della gestione di procedure amministrative b)Tempi lunghi del contenzioso - tutte fasi spettanti allAgenzia delle Entrate IL GETTITO SAREBBE POCO E COMPLICATO Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

18 … altre considerazioni Lunica forma di gettito necessario ai Comuni dovrebbe provenire dallordinario gettito fisiologico da autoliquidazione FUNZIONALIZZATO alla capacità accertativa del Comune sui particolari settori (piccolo commercio…) Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

19 … 1° ipotesi Affiancare allIVA un tributo comunale su consumi DIVIETO COMUNITARIO di istituire nuovi tributi sui consumi (principio di esclusività dellIVA) Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

20 … 2° ipotesi Attribuire ai Comuni una parte del gettito IVA collegato alle piccole attività POSSIBILE E CONCRETA COOPERAZIONE DA PARTE DEI COMUNI Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

21 … 2° ipotesi PICCOLI COMMERCIANTI FISIOLOGICAMENTE Operano una rendita fiscale ARTIGIANIPICCOLI PROFESSIONISTI Sfuggono alla rete dei grandi sostituti di imposta Hanno meno prospettive di essere controllati Filosofia: pago solo se qualcuno me lo chiede Difficoltà di operare sugli stessi controlli analitici Soggetti che il Comune può efficacemente controllare Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

22 … ai confini della ragionevole evasione La piccola evasione non deve essere criminalizzata, ma è necessario contenerla nei limiti della ragionevolezza Congruità esteriore con le modalità di esercizio dellattività STUDI DI SETTORE Associazioni di categoria CONTRIBUTO DEGLI ENTI LOCALI Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

23 Soluzione per i Comuni CONTROLLI DI RAGIONEVOLEZZA DEI RICAVI DICHIARATI DALLE PICCOLE IMPRESE PRESENTI SUL TERRIRORIO COMUNALE GETTITO CONSEGUENTE AL COMUNE CHE HA INNESCATO IL CONTROLLO PRO QUOTA Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

24 … che tipo di controllo fa il Comune NON SONO NECESSARIE PARTICOLARI E SOFISTICATE CONOSCENZE GIURIDICO-TRIBUTARIE, NE CONTABILI O DI BILANCIO BUON SENSO NELLA STIMA I RICAVI DICHIARATI SONO VEROSIMILI RISPETTO ALLATTIVITA SVOLTA ? una specie di Studi di Settore Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

25 ASPETTI OPERATIVI Il Comune non diventa contitolare del potere impositivo: - necessità di creare procedure comuni, approntate a livello centrale Rispetto della privacy nellaccesso ai dati dellAnagrafe tributaria Garantire il diritto di accesso ai documenti rilevanti in caso di contenzioso tributario Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

26 Lattività di controllo Levasione rilevabile dai dati contabili delle dichiarazioni SEMPLICI SEGNALAZIONI Gestita informaticamente dallAgenzia delle Entrate PROPOSTE DI ACCERTAMENTO ? ESITO DELLA PROCEDURA RICONOSCIMENTO DEL COMPENSO TEMPI DELLA PROCEDURA Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

27 … lorganizzazione CONTROLLI INCROCIATI tra i flussi informativi interni ANAGRAFE URBANISTICA COMMERCIO POLIZIA MUNICIPALE … ALTRO Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

28 … la regolamentazione Collaborazione obbligatoria tra gli uffici comunali Superamento gelosie interne Integrazione dei processi lavorativi Coordinamento delle strutture Impiego tecnologie condivise Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

29 … effetti QUALITA dellinformazione QUANTITA di elementi utili alla collaborazione Con lAgenzia Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

30 … progetti operativi Rilevazione a carattere straordinario degli archivi informatici Verifica della loro attendibilità Standardizzazione dei formati comunicativi Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

31 … Banca Dati Raccolta dati e notizie utili raccolte Funzionali al contrasto allevasione Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

32 … condivisione Agevolare linterscambio sistematico con gli altri uffici comunali Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

33 … scambio Socializzare le esperienze lavorative sistematicamente Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

34 … crescita professionale Sviluppare: Capacità di osservazione Spirito investigativo Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

35 Scambio dati con lAgenzia In materia di collaborazione tra Erario e Comuni, si ritiene utile segnalare, che a breve sarà possibile stipulare una convenzione non onerosa con lAgenzia delle Entrate per lo scambio di alcuni dati riguardanti il patrimonio immobiliare. Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

36 …scambio dati In particolare, i Comuni potranno avere a propria disposizione i dati delle utenze elettriche e degli interventi di recupero del patrimonio edilizio per i quali sono state chieste agevolazioni fiscali, in cambio dei dati relativi ai controlli ICI e TARSU e sulle aree fabbricabili. Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

37 … lo scambio Agenzia delle Entrate Utenze elettricitàDati ristrutturazioni Comune Accertamenti ICI e TARSU Revisione classamenti catastali (comma 366 legge 311/2004) Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

38 … lo scambio Comune Controlli ICI e TARSU (immobili occupati da soggetti diversi dal proprietario) Controlli ICI su Aree fabbricabili Agenzia delle Entrate Verifica dei benefici prima casa Contratti di locazione non registrati Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

39 Laccesso ai dati dellA.T. e trasmissione telematica dichiarazioni Disallineamento Banche Dati Gli uffici tributi dei comuni non dispongono sempre di informazioni aggiornate e tempestive Fonte: Commissione Parlamentare di vigilanza sullAnagrafe Tributaria Disallineamento (8-10%) tra i dati dei residenti e i dati dellarchivio codici fiscali Disallineamento dichiarazioni ICI e dati Territorio Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

40 Le procedure per laccertamento Principio di legalità Il provvedimento del Direttore dellAgenzia delle Entrate non può incidere sulle procedure per laccertamento La legge avrebbe potuto attribuire ai Comuni poteri più incisivi per la lotta allevasione Scontrini fiscali Studi di settore Accessi brevi Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

41 I POTERI DELLAMMINISTRAZIONE FINANZIARIA Controlli interni Controlli esterni Documentali: ad es. controllo formale sulla dichiarazione Presso il contribuente: Accessi – verifiche - ispezioni Inviti - Questionari Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

42 Poteri istruttori Sulle dichiarazioni Sugli adempimenti obbligatori Tenuta scritture contabili Emissione scontrini e fatture Ritenute - versamenti Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

43 Modalità di controllo Controllo di merito Controllo formale (della dichiarazione) Immediata richiesta della maggiore imposta dovuta Accertamento Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

44 Le fonti normative Imposte dirette IVA DPR 633/1973 – art. 51, 52 DPR 600/1973 – art. 32, 33 Imposta Registro DPR 131/1986 Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

45 I poteri degli uffici Inviti Al contribuente Richiesta informazioni alle P.A. Richiesta esibizione documenti questionari Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

46 I poteri degli uffici La verifica (accesso – ispezioni) PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE Limiti ai poteri dellufficio Garanzie per il contribuente Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

47 Il controllo sostanziale Laccertamento Avviso di accertamento ordinario parziale con adesione ha per oggetto lintera posizione fiscale Limitato ad alcuni redditi del contribuente accordo bilaterale definitivo Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

48 Laccertamento generale Analitico contabile presuntivo Induttivo Presunzione semplice: Grave precisa e concordante Presunzione semplice: Anche non grave precisa e concordante Studi di settore Sintetico Basato sui consumi e sugli incrementi patrimoniali Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

49 Laccertamento dufficio Omessa dichiarazione o Dichiarazione nulla Basato su presunzioni semplici METODO SINTETICO Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

50 Laccertamento parziale art. 41 bis DPR 600/73 Limitato ad alcuni redditi del contribuente Non preclude ulteriori accertamenti Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì

51 FINE


Scaricare ppt "Gli strumenti investigativi del contrasto allevasione Lecce, 25 settembre 2006 Un lavoro a cura del Dr. Fabio Seclì"

Presentazioni simili


Annunci Google