La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MEETING DI TARQUINIA 2009 Intervento di Paolo Guizzardi (PaoloG): DOCUMENTI UFOLOGICI UFFICIALI TRADOTTI IN ITALIANO Centro Ufologico Nazionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MEETING DI TARQUINIA 2009 Intervento di Paolo Guizzardi (PaoloG): DOCUMENTI UFOLOGICI UFFICIALI TRADOTTI IN ITALIANO Centro Ufologico Nazionale."— Transcript della presentazione:

1 MEETING DI TARQUINIA 2009 Intervento di Paolo Guizzardi (PaoloG): DOCUMENTI UFOLOGICI UFFICIALI TRADOTTI IN ITALIANO Centro Ufologico Nazionale

2 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 2 DOCUMENTI UFOLOGICI UFFI- CIALI TRADOTTI IN ITALIANO PARERE A.M.C. SU UFO – 1947 MEMO DI SMITH – 1950 MEMO DI CUTLER – 1954 REGOLAMENTO AFR200-2 –1958 UFO DI TEHERAN – 1976 Verranno illustrati i seguenti documenti: Tutti i documenti illustrati sono stati tradotti in italiano dalla lingua originale (inglese) a cura di PaoloG e si trovano su

3 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 3 IL PARERE DELLA.M.C. SUGLI UFO Loriginale del docu- mento dalla sezione Archivi di Stato del sito majesticdocuments.org

4 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 4 IL PARERE DELLA.M.C. SUGLI UFO In riferimento alla richiesta formulata dal- lAC/AS-2, si riporta di seguito il parere di questo Comando sui cosiddetti Dischi Vo- lanti, basato sui verbali di interrogatori forniti dallAC/AS-2 nonché su studi preli- minari effettuati dal personale delle Divi- sioni T2 e T3 della Divisione di Ingegneria del Laboratorio Aeronautico. Tale opinione è stata adottata come risulta- to finale di una conferenza a cui ha parte- cipato personale dellIstituto di Tecnologia Aeronautica, dellUfficio Informazioni T2, dellUfficio della Divisione di Ingegneria e dei Laboratori di Aeronautica, Motoristica e Propulsione ad Elica della Divisione di Ingegneria T3.

5 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 5 IL PARERE DELLA.M.C. SUGLI UFO Si è dellopinione che: a. Il fenomeno riportato sia qualcosa di concreto e non visionario od immaginario. b. Esistano effettivamente oggetti dalla forma approssi- mativamente discoidale di dimensioni che appaiono compa- tibili con quelle di degli aeromobili costruiti dal- luomo. c. Sussista la possibilità che alcuni degli incidenti possano essere stati causati da fenomeni naturali, quali meteore. d. Le caratteristiche operative riportate di tali ogget- ti, quali estremi ratei di salita, manovrabilità (parti- colarmente nel rollìo) ed azioni che possono essere con- siderate evasive quando avvistati o contattati da radar ed aerei amici, inducono a ritenere che alcuni di tali oggetti possano essere controllati in modo manuale, automatico o da remoto....

6 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 6 IL PARERE DELLA.M.C. SUGLI UFO h. Occorre inoltre tenere nella dovuta considerazione anche le seguenti ipotesi: La possibilità che tali oggetti siano di origine domestica (prodotti di un qualche progetto segreto non conosciuto dallo AC/AS-2 o da questo Comando). La mancanza di prove fisiche, quali resti recuperati da incidenti, che proverebbero in modo inequivocabile lesistenza di tali oggetti. La possibilità che altre nazioni siano in possesso di tecnologie nel settore della propulsione, forse di origine nucleare, che vadano al di là delle nostre attuali conoscenze.

7 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 7 IL PARERE DELLA.M.C. SUGLI UFO Si raccomanda pertanto che: a. Il Quartier Generale delle Forze Arma- te, Aeronautica emetta una direttiva asse- gnante gli opportuni livelli di priorità, classifica di riservatezza, nonché appo- sito nome in codice per lattuazione di uno studio dettagliato della questione in oggetto, onde raccogliere tutti i dati pertinenti per la successiva redistribu- zione allEsercito, alla Marina, alla Com- missione per lenergia atomica, al JRDB, al Gruppo Consultivo Scientifico dellA- viazione, al NACA ed ai progetti RAND e NEPA allo scopo di riceverne commenti e raccomandazioni...

8 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 8 IL PARERE DELLA.M.C. SUGLI UFO RIASSUNTO Documento originato nel settembre 1947 dal Gen. Twining, capo dellAir Materiel Command (R&D e Logistica) in risposta ad uno specifico quesito da parte dello Stato Maggiore, dal sito Attesta esplicitamente che gli UFO sono un feno- meno reale, ed implicitamente che riveste un forte e concreto interesse per larma aerea degli USA Suggerisce limplementazione di uno specifico progetto di studio

9 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 9 IL MEMO DI SMITH Loriginale del documento dal sito degli Archivi di Stato del Canada

10 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 10 Nel corso di diversi anni ci siamo occupati del-lo studio di vari aspetti nel settore della pro-pagazione delle onde radio. Le capricciose par-ticolarità di tale fenomeno ci hanno spinti ad avventurarci nei domini dellaurora, delle ra-diazioni cosmiche, della radioattività atmosfe-rica e del geomagnetismo. Relativamente a que-stultimo settore, le nostre indagini non hanno portato un contributo significativo verso la conoscenza della propagazione delle onde radio, ma hanno purtuttavia indicato parecchi campi di indagine che potrebbero essere esplorati con successo. Per esempio, siamo sulle tracce di un modo per utilizzare lenergia potenziale del campo magnetico terrestre. IL MEMO DI SMITH

11 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 11 Riteniamo di essere sulle tracce di un qualcosa che potrebbe rivelarsi la pre-messa ad una tecnologia totalmente nuova. Lesistenza di una tale differente tecno-logia trae origine dalle ricerche che al momento attuale vengono effettuate sui dischi volanti. IL MEMO DI SMITH

12 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 12 Mentre mi trovavo a Washington per i lavori della Confe-renza NARB, furono pubblicati due libri: uno intitolato Cosa cè dietro i Dischi Volanti di Frank Scully e laltro I Dischi Volanti sono reali di Donald Keyhoe.... Entrambi i libri trattano principalmente degli avvista-menti di oggetti non identificabili ed entrambe affermano che tali oggetti volanti sono di origine extraterrestre e che potrebbero essere navi spaziali provenienti da altri pianeti. Scully afferma che gli studi preliminari effettuati su uno di tali veicoli caduto nelle mani del governo americano indicherebbero che questi funzionino sulla base di un qualche, ancora sconosciuto, principio di tipo magnetico. Ho allora avuto limpressione che il nostro lavoro nel settore del geomagnetismo potrebbe benissimo essere il punto di collegamento con la tecnologia che sta alla base del progetto e del funzionamento dei dischi volanti. IL MEMO DI SMITH

13 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 13 Discrete indagini da me effettuate per il tramite del personale dellAmbasciata Canadese a Washin-gton, mi hanno consentito di appurare quanto segue: Negli Stati Uniti la questione è classificata al livello di segretezza più elevato possibile, addi-rittura superiore a quello relativo al progetto della bomba allidrogeno. I dischi volanti esistono. Il loro modus operandi è sconosciuto ed è in corso uno studio da parte di un ristretto gruppo capeg-giato dal Dr. Vannevar Bush. Lintera questione è considerata dalle autorità de-gli Stati Uniti di enorme importanza. IL MEMO DI SMITH

14 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 14 Pur non essendo personalmente nella posizione di poter affermare che abbiamo risolto anche solo il primo dei problemi nello studio dellenergia geomagnetica, ho la netta impressione che la correlazione tra la nostra teoria di base e le infor-mazioni disponibili sui dischi volanti sia troppo stretta per essere frutto di una mera coincidenza. E mia onesta opinione che siamo sulla strada giusta e piuttosto vicini ad almeno alcune delle risposte. IL MEMO DI SMITH

15 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 15 IL MEMO DI SMITH RIASSUNTO Documento originato da W.B. Smith, funzionario del Ministero dei Trasporti canadese per richiedere lau- torizzazione ad un progetto di ricerca sullo sfrutta- mento del geomagnetismo, dal sito degli Archivi di Stato del Canada Attesta che gli UFO sono un fenomeno reale Attesta che negli USA alla questione viene attribuita una importanza enorme, addirittura superiore al pro- getto per la costruzione della bomba H Attesta che negli USA è stato appositamente creato un gruppo per lo studio del fenomeno ai massimi livelli (che potrebbe essere lMJ12)

16 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 16 Il MEMO DI CUTLER – 1954 Loriginale del docu- mento dalla sezione Archivi di Stato del sito majesticdocuments.org

17 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 17 Il MEMO DI CUTLER – 1954 MEMORANDUM PER IL GENERALE TWINING OGGETTO: Progetto Studi Speciali NSC/MJ-12 Il Presidente ha deciso che la riunione del Progetto Studi Speciali MJ-12 avrà luogo nel corso dellin-contro già programmato alla Casa Bianca per il gior-no del 16 luglio anziché dopo di esso, come inizial-mente stabilito. E pertanto pregata di voler con-cordemente modificare i suoi impegni. Ulteriori e più precisi dettagli le verranno forniti allarrivo. Si confida nel suo adeguamento al cambio di agenda.

18 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 18 Il MEMO DI CUTLER – 1954 RIASSUNTO Documento prodotto da Robert Cutler, Assistente Speciale del Presidente USA, dal sito per comunicare al Gen. Twining (quello del Parere dellAMC) lo spostamento di una riunione alla Casa Bianca Attesta esplicitamente lesistenza di un Progetto Studi Speciali MJ-12 ed implicitamente il fatto che questo operasse ai massimi livelli dellAmministra- zione USA

19 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 19 IL REGOLAMENTO USAF AFR Loriginale del documento dal sito nicap.org

20 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 20 Il presente Regolamento definisce responsabilità e procedure per il trattamento delle informazioni e del materiale probatorio relativi ad oggetti volanti non identificati (UFO) e per il rilascio delle pertinenti informazioni al pubblico. IL REGOLAMENTO USAF AFR

21 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG Obiettivi. Linteresse dellAeronautica per gli UFO è di triplice natura: primo, in quanto possibile minaccia agli Stati Uniti ed alle sue forze; secondo, per determinare le caratteristiche tecniche e scientifiche di ciascuno di tali og- getti; terzo, per spiegare ogni avvistamento UFO... IL REGOLAMENTO USAF AFR

22 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 22 b. Investigazione. Il comandante della base dellAeronautica più prossima al sito dellavvistamento UFO sarà responsabile per la condotta di tutte le attività investigative necessarie alla prepara- zione di un completo rapporto iniziale di av- vistamento UFO. Ogni sforzo deve essere posto in atto onde pervenire alla soluzione del caso nel corso dellinvestigazione iniziale. IL REGOLAMENTO USAF AFR

23 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 23 c. Analisi. Sarà cura del Centro Tecnico del Servizio Informazioni dellAeronautica (ATIC) lanalisi e la valutazione di: Informazioni e prove riportate dalle retrovie dopo che gli investigatori della Base dellAero- nautica più vicina alla zona dellavvistamento hanno esaurito i loro tentativi per identificare lUFO. Informazioni e prove raccolte allestero IL REGOLAMENTO USAF AFR

24 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 24 d. Pubbliche relazioni e Servizi dInformazione LUfficio dei Servizi di Informazione, presso lUfficio del Ministro dellAeronautica, sarà responsabile del rilascio di informazioni sugli avvistamenti e, in coordinamento con lATIC, per fornire risposte alle domande del pubblico sugli UFO. IL REGOLAMENTO USAF AFR

25 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG Rilascio di informazioni. Tutte le informazioni o i rilasci di informazioni con- cernenti gli UFO, di qualunque origine o natura, ver- ranno rilasciate al pubblico o a persone ed organiz- zazioni non ufficiali a cura dellUfficio dei Servizi di Informazione, Ufficio del Ministro dellAeronautica. Ciò include le risposte a corrispondenza inviata di- rettamente allATIC ed altre attività dellAeronauti- ca da privati cittadini richiedenti commenti, risultati di analisi ed investigazioni sugli avvistamenti (ad eccezione delle richieste provenienti dal Congresso). IL REGOLAMENTO USAF AFR

26 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG Eccezioni. Il comandante di una base nelle vicinanze della quale si sia verificato un avvistamento UFO può, rispondendo ad istanze locali, rilasciare informazioni alla stampa o al pubblico solo nel caso in cui loggetto dellavvistamento sia stato positiva- mente identificato come oggetto noto o familiare, avendo cura di non rivelare aspetti classificati e nomi dei redattori dei rapporti (Si veda il paragrafo 18). Se lavvistamento risulta inspiegabile o di difficile identificazione a causa di insufficienti informazioni o inconsistenze, lunica notizia che può essere rilasciata è che le investigazioni sono in corso e che solo al termine sarà possibile fornire ulteriori elementi. Se lazione investigativa è stata portata a termine, è possibile rilasciare la notizia che i risultati delle investigazioni saranno inviati allATIC per ulteriore verifica ed analisi. IL REGOLAMENTO USAF AFR

27 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG Contatti. Richieste di interviste, conferenze stampa, interventi o discussioni private provenienti da privati cittadini od organizzazioni saranno inoltrate allUfficio dei Servizi di Informazione presso lUfficio del Ministro dellAeronautica. Il personale dellAeronautica, ad eccezione di quello facente parte dellUfficio per i Servizi di Informazione, non contatterà privati citta- dini in merito a casi di UFO, ne discuterà aspetti quali loro funzioni ed attività con persone non autorizzate, a meno che non venga loro specifica- mente ordinato, e questo comunque sulla base del principio della necessità di sapere. IL REGOLAMENTO USAF AFR

28 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 28 IL REGOLAMENTO USAF AFR RIASSUNTO Documento interno dellUSAF Detta le norme che il personale dellArma deve se- guire per riportare avvistamenti e sulla condotta da tenere nei confronti del pubblico Attesta che, di fatto, lArma non deve rilasciare alcuna informazione al pubblico in merito agli UFO In tempi di fortissimo discredito del fenomeno UFO a livello pubblico, attesta il rilevante e concreto inte- resse interno dellUSAF

29 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 29 L UFO DI TEHERAN Loriginale del documento dal sito della NSA (National Secu- rity Agency) - nsa.org

30 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 30 L UFO DI TEHERAN IL PRESENTE RAPPORTO FORNISCE INFORMAZIONI IN MERITO ALL'AVVISTAMENTO DI UN UFO IN IRAN IL 19 SETTEMBRE A. INTORNO ALLE 00,30 DEL 19 SETTEMBRE 1976 IL COMANDO CENTRALE DELL'AERONAU-TICA IMPERIALE IRANIANA RICEVETTE QUATTRO CHIAMATE TELEFONICHE DA PARTE DI CITTADINI RESIDENTI A TEHERAN NELLA ZONA DI SHEMIRAN CHE RIFERIVANO DI AVERE AVVISTATO STRANI OGGETTI IN CIELO...

31 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 31 L'F-4 DECOLLO' ALLE DEL GIORNO 19 DIRI-GENDOSI VERSO UN PUNTO A CIRCA 40 MIGLIA NAU-TICHE A NORD DI TEHERAN. A CAUSA DELLA SUA INTENSITA' LUMINOSA L'OGGETTO RISULTAVA VISI-BILE DA UNA DISTANZA DI 70 MIGLIA. QUANDO L'AEREO ARRIVO' A 25 MIGLIA DALL'OGGET-TO TUTTI GLI STRUMENTI DI BORDO E DI COMUNICA-ZIONE (RADIO UHF ED INTERFONO) CESSARONO DI FUNZIONARE. IL PILOTA QUINDI DECISE DI INTER-ROMPERE LA MANOVRA DI INTERCETTAZIONE E DI FARE PRUA VERSO LA BASE DI SHAMROKHI. QUANDO L'AEREO INVERTI' LA ROTTA ED APPARENTEMENTE NON RAPPRESENTO' PIU' UNA MINACCIA PER L'OG-GETTO, TUTTI GLI STRUMENTI DI BORDO E DI COMUNICAZIONE RIPRESERO A FUNZIONARE. L UFO DI TEHERAN

32 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 32 ALLE UN SECONDO F-4 FU FATTO DECOL-LARE. L'UFFICIALE DI NAVIGAZIONE RILEVO' UN CONTATTO RADAR ALLA DISTANZA DI 27 MI-GLIA NAUTICHE, CON RILEVAMENTO AD ORE 12 ALTO CON VC (RATEO DI CHIUSURA) DI 150 MI-GLIA NAUTICHE ORARIE. QUANDO LA DISTANZA DALL'OGGETTO SI RIDUSSE A 25 MIGLIA NAUTICHE, L'OGGETTO SI ALLON-TANO' CON UN MOVIMENTO VISIBILE SULLO SCHERMO RADAR, MANTENENDOSI AD UNA DISTAN- ZA DI 25 MIGLIA NAUTICHE COSTANTI DAL- L'AEREO. L UFO DI TEHERAN

33 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 33 L UFO DI TEHERAN Laereo McDonnel F4 Phantom, protagonista dellincontro di Teheran

34 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 34 L UFO DI TEHERAN Il principale protagonista del caso del cosiddetto UFO di Teheran, loggi Generale dellAeronautica Iraniana in pensione Parviz Jafari, fotografato alla conferenza stampa sugli UFO tenutasi al Circolo della Stampa di Washington nel novem- bre 2007, dove ha raccontato la sua esperienza di quella notte del 1976 e si è detto convinto che ciò col quale si è confrontato era un veicolo alieno.

35 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 35 MENTRE L'OGGETTO E L'AEREO CHE LO INSEGUI-VA PERCORREVANO UNA ROTTA VERSO SUD DI TEHERAN, UN SECONDO OGGETTO, ANCH'ESSO MOLTO BRILLANTE E DI DIMENSIONI STIMATE FRA LA META' ED UN TERZO DI QUELLE DELLA LUNA USCI' DAL PRIMO OGGETTO DIRIGENDOSI AD ALTA VELOCITA' VERSO L'AEREO. IL PILOTA SI ACCINSE QUINDI A LANCIARE UN MISSILE AIM-9 CONTRO L'OGGETTO MA QUANDO CERCO' DI FARLO IL PANNELLO DI CONTROLLO DELL'ARMA-MENTO DI BORDO CESSO' DI FUNZIONARE COSI' COME TUTTI GLI APPARATI DI COMUNICAZIONE (RADIO UHF ED INTERFONO). L UFO DI TEHERAN

36 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 36 IL PILOTA QUINDI INIZIO' UNA VIRATA A G NEGATIVO E MENTRE EFFETTUAVA LA VIRATA L'OGGETTO DISCESE ANCH'ESSO INSEGUENDO L'AEREO ED AVVICINANDOVISI AD UNA DI-STANZA APPARENTE DI 3-4 MIGLIA NAUTI-CHE. MENTRE L'AEREO CONTINUAVA LA VIRA-TA L'OGGETTO CHE LO INSEGUIVA EFFETTUO' UNA MANOVRA CHE LO PORTO' A CHIUDERE DALL'INTERNO LA TRAIETTORIA DELL'AEREO PER POI RITORNARE ALL'OGGETTO PRINCI-PALE RICONGIUNGENDOSI PERFETTAMENTE CON ESSO. L UFO DI TEHERAN

37 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 37 D. POCO DOPO CHE IL SECONDO OGGETTO SI ERA RICONGIUNTO CON L'OGGETTO PRINCIPALE UN ALTRO OGGETTO SI STACCO' DALL'ALTRO LATO DI ESSO DIRIGENDOSI VERSO TERRA AD UNA VELO- CITA' MOLTO ELEVATA. L'EQUIPAGGIO DELL'F-4 CHE NEL FRATTEMPO AVEVA RIGUADAGNATO LA DISPONIBILITA' DEL PANNELLO DI CONTROLLO ARMAMENTI E DEI SISTEMI DI COMUNICAZIONE OSSERVO' L'OGGETTO DIRIGERSI VERSO TERRA PREVEDENDO UNA GRANDE ESPLOSIONE. L'OGGETTO APPARVE POSARSI DOLCEMENTE AL SUOLO EMET-TENDO UNA LUCE MOLTO INTESA CHE ILLUMINO' LA ZONA CIRCOSTANTE PER UN RAGGIO DI 2-3 KILOMETRI. L UFO DI TEHERAN

38 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 38 PRIMA DI ACCINGERSI ALL'ATTERRAGGIO L'E-QUIPAGGIO DELL'AEREO EFFETTUO' ALCUNE ORBITE INTORNO AL CAMPO DI MEHRABAD AVENDO SPERIMENTATO DIFFICOLTA' NELLA VISIONE NOTTURNA, PER POI PROCEDERE AD UN ATTER- RAGGIO DIRETTO. COSI' FACENDO NOTARONO MOLTE INTERFERENZE SULLA GAMMA RADIO DELLE UHF ED OGNI VOLTA CHE PASSAVANO PER IL RILEVAMENTO MAGNETICO DI 150 GRADI DA MEHRABAD PERDEVANO LE COMUNICAZIONI (RADIO UHF ED INTERFONO) ED IL SISTEMA DI NAVIGA- ZIONE INERZIALE (INS) MOSTRAVA FLUTTUAZIO-NI DA 30 A 50 GRADI. L UFO DI TEHERAN

39 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 39 MENTRE L'F-4 SI TROVAVA IN LUNGO FINALE PER L'ATTERRAGGIO, L'EQUIPAGGIO NOTO' UN ALTRO OGGETTO A FORMA CILINDRICA (DELLE DIMENSIONI ALL'INCIRCA PARI A QUELLE DI UN T-BIRD A 10 MIGLIA DI DISTANZA) CON INTENSE LUCI FISSE ALLE ESTREMITA' ED UNA LUCE LAMPEGGIANTE AL CENTRO. INTERROGATA IN MERITO, LA TORRE RISPO-SE CHE NON VI ERA ALTRO TRAFFICO NELLE VICI-NANZE. NEL MOMENTO IN CUI L'OGGETTO PASSO' SULLA VERTICALE DELL'F-4 LA TORRE NON RIUSCI' A STABILIRE CONTATTO VISIVO, MA VI RIUSCI QUANDO IL PILOTA DELL'AEREO DISSE LORO DI GUARDARE FRA LE MONTAGNE E LA RAFFINERIA. L UFO DI TEHERAN

40 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 40 E. L'EQUIPAGGIO DELL'F-4 FU PORTATO IN ELICOT-TERO DURANTE IL GIORNO NELL'AREA INTERESSATA DALL'APPARENTE ATTERRAGGIO DELL'OGGETTO. NULLA FU OSSERVATO NEL PUNTO APPARENTE DI ATTERRAGGIO (IL FONDO DI UN LAGO PROSCIUGATO) MA QUANDO L'ELICOTTERO SI DIRESSE AD OVEST DELL'AREA INTERESSATA ESSI RICEVETTERO UN FORTE SEGNALE. NEL PUNTO IN CUI IL SEGNALE ERA PIU' FORTE VI ERA UNA PICCOLA CASA CON UN GIARDINO. L'ELICOTTERO ATTERRO' SUL LUOGO E FU CHIESTO AGLI ABITANTI DELLA CASA SE AVESSERO NOTATO QUALCOSA DI STRANO LA NOTTE PRECEDENTE. GLI ABITANTI RISPOSERO DI AVERE SENTITO UN RUMORE MOLTO FORTE E DI AVERE OSSERVATO UNA LUCE MOLTO BRILLANTE, COME QUELLA DEI LAMPI. L UFO DI TEHERAN

41 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 41 L UFO DI TEHERAN RIASSUNTO Documento originato dallAddetto Militare dellAmba- sciata USA a Teheran, dal sito dellNSA Avvistamento simultaneo multicanale Avvistamento effettuato da numerosi e qualificati testi- moni nel corso delle loro rispettive attività professionali Effetti sullavionica e sui dispositivi radio degli aerei Effetti fisiologici sulle persone Comportamento decisamente intelligente delloggetto Comportamento insolitamente non passivo da parte delloggetto

42 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 42 CONCLUSIONE I documenti illustrati dimostrano da una prospettiva ufficiale : 1) La concretezza del fenomeno UFO 2) Lestremo interesse che la questione riveste presso le autorità 3) Lintenzionale copertura del fenome- no nei confronti del pubblico

43 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 43 COLLOCAZIONE DEI DOCUMENTI I documenti illustrati si trovano tutti in nella Sezione Casi e Documenti Singoli.

44 Meeting CUN di Tarquinia Maggio 2009 Intervento di PaoloG 44 QUESTO E TUTTO GRAZIE PER LATTENZIONE! Paolo Guizzardi, alias PaoloG –


Scaricare ppt "MEETING DI TARQUINIA 2009 Intervento di Paolo Guizzardi (PaoloG): DOCUMENTI UFOLOGICI UFFICIALI TRADOTTI IN ITALIANO Centro Ufologico Nazionale."

Presentazioni simili


Annunci Google