La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MEDIFISH – Palermo 050318 E1 Logistica cargo aereo e domanda dei distretti industriali: riflessioni per lo sviluppo di una modalità organizzativa alternativa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MEDIFISH – Palermo 050318 E1 Logistica cargo aereo e domanda dei distretti industriali: riflessioni per lo sviluppo di una modalità organizzativa alternativa."— Transcript della presentazione:

1 MEDIFISH – Palermo E1 Logistica cargo aereo e domanda dei distretti industriali: riflessioni per lo sviluppo di una modalità organizzativa alternativa - presentazione - Palermo, Seminario internazionale Logistica, trasporto e distribuzione internazionale delle merci nel Mediterraneo Palermo, Ente Fiera del Mediterraneo

2 MEDIFISH – Palermo E1 1 UBM ha recentemente completato per conto di ICE unindagine sullo stato del trasporto cargo aereo in Italia Lo scopo: definire gli elementi necessari per promuovere un uso più efficiente del sistema di infrastrutture ed operatori nazionali, stabilire come la domanda percepisca qualità ed efficienza dellattuale sistema, formulare un modello il più possibile coniugabile con le caratteristiche dellofferta esistente Il target: la clientela potenziale o già attiva sui mercati extra continentali Premessa IPOTESI alto valore intrinseco/aggiunto alta marginalità alta quota esportazioni/fatturato o incidenza delle importazioni mercati sbocco/approvvigionamento extra continente Europeo alta deperibilità o criticità della disponibilità tipicità del prodotto/Made in Italy CRITERI appartenenza a distretti industriali o filiere produttive utilizzatori del CA effettivi o potenziali evidenza di esigenze operative comuni

3 MEDIFISH – Palermo E1 2 ITALIA: il quadro economico e strutturale Ruolo determinante delle PMI per il sostegno della bilancia commerciale svolto in modo ancor più efficace se attraverso lattività di un distretto, meglio se valorizzato dalla presenza di un operatore leader o catalizzatore Le percentuali di esportazione dei distretti considerati sono sempre risultate superiori al 30%, confermandone la forte connotazione internazionale Il contesto Alta frammentazione del sistema trasporto aereo ed incapacità di fare sistema, anche se alcuni attori cominciano a programmare e coordinare i propri sforzi La polverizzazione potrebbe ridursi, ma rispetto al modello dei major hub (e.g. Francoforte) la distanza resta alta e probabilmente non più colmabile La politica hub & spoke è stata penalizzata anche dalle politiche di alcuni governi che hanno favorito lo sviluppo di nuove strutture regionali La domanda finale apprezza unipotesi che accanto agli aeroporti primari preveda strutture REGIONALI, caratterizzate da una maggiore specializzazione e coerenza con il proprio territorio

4 MEDIFISH – Palermo E1 3 Le responsabilità degli organi pubblici e degli operatori privati Le maggiori criticità riguardano: 1.inadeguatezza delle infrastrutture 2.disomogeneità nella qualità dei servizi offerti 3.mancanza di dati ufficiali sui flussi delle merci 4.mancanza di linee di sviluppo comuni 5.necessità di razionalizzazione delle strutture esistenti Le criticità

5 MEDIFISH – Palermo E1 4 LITALIA degli aeroporti Il processo di razionalizzazione può partire dalle regioni del nord Italia tra Torino e Trieste, tra le Alpi e lAppennino, sono operativi 10 aeroporti attraverso cui transita il 70% delle tonnellate di merci trasportate nel 2003 BERGAMO tolte le reti captive dei courier (DHL/UPS) il volume merci scende al 15% In aeroporti come BOLOGNA il volume annuo equivale al carico di 1 B747/giorno, ma con destinazione delle merci verso tutto il mondo Aeroporti con traffico inferiore alle tonnellate equivalgono al carico di 1 autotreno da 10tonn/giorno TRAFFICO MERCI 2003 (Tonnellate/anno) 5 < – > Fonte:CONFETRA Le infrastrutture

6 MEDIFISH – Palermo E1 5 I volumi di traffico I flussi evidenti delle merci di superficie: oltre 1/10 del totale Nei primi dieci mesi 2004 dagli aeroporti di Verona, Torino, Venezia e Bologna sono partite merci aviocamionate per tonnellate sommate alle quasi tonnellate partite dalla sola Malpensa rappresentano oltre l85% del traffico aviocamionato censito da Assoaeroporti

7 MEDIFISH – Palermo E1 6 Temi dattualità Pianificare, coordinare e controllare le iniziative per lo sviluppo del CA attraverso ununica cabina di regia Facilitare la connessione di nuovi nodi (REGIONAL CARGO HUB) all'interno della rete mondiale dei trasporti aerei Identificare quale struttura possa assumere il compito dinterfaccia con lofferta per lorganizzazione della logistica in modo da tutelare prioritariamente gli interessi della domanda Portare tutti gli attori interessati al CA all'interno della struttura aeroportuale in modo da eleggerla a piattaforma logistica per la merce aerea Integrare i sistemi informativi dei diversi aeroporti, ad esempio comune SI di handling, per facilitare lo sviluppo di relazioni di rete tra strutture allinterno di uno stesso bacino geografico Le tesi

8 MEDIFISH – Palermo E1 7 Regional Cargo Hubs Lo sviluppo di Regional Cargo Hubs può essere la via alternativa per permettere allItalia di: recuperare con la specializzazione il distacco accumulato verso i maggiori hub europei trattenere volumi altrimenti trasferiti allestero con feederaggio su gomma attrarre operatori e servizi che innalzino il livello della cultura logistica locale mirare le politiche di promozione sulle specifiche esigenze di ciascun territorio aumentare la competitività del Made in Italy estendendone il raggio dazione potenziale Le ipotesi Durante lo studio è stato condotto anche un benchmark qualitativo su alcune esperienze internazionali: in Francia (Vatry), Germania (Hahn), Lussemburgo, Belgio (Liegi) e Spagna (Madrid) Lesperienza della Spagna è particolarmente indicata come esempio di un paese con un meccanismo di pianificazione e coordinamento dellattività cargo aereo particolarmente efficace

9 MEDIFISH – Palermo E1 8 SPAGNA - CLASA Centros Logísticos Aeroportuarios SA agenzia pubblica dedicata alla promozione del CA prevalentemente su scambi intercontinentali La missione: promuovere, costruire e gestire o affittare cargo center negli aeroporti in Spagna e Sud America Ruolo di lobbying anche per favorire lintegrazione delle proprie strutture con le altre modalità di trasporto ed i distretti logistici Può promuove la realizzazione di nuove infrastrutture per soddisfare specifici bisogni locali (posti di ispezione veterinaria per animali vivi realizzate a Siviglia e Malaga) È lente deputato a rappresentare la cargo community in Spagna, a coordinare lorganizzazione degli interventi sul territorio oltre a centralizzare linformazione Dialoga con le compagnie aeree per presentare i potenziali di mercato necessari allapertura di nuove rotte Scansiona il mercato per localizzare le opportunità, origini-destinazioni, volumi nonché quantificazione e confronto dei fondamentali economici collegati allapertura di una nuova rotta (costi, ricavi) In Spagna la dogana opera h24g7 ed è la fonte diretta dei dati quantitativi per il monitoraggio dei trasporti Benchmark internazionali

10 MEDIFISH – Palermo E1 9 SPAGNA - CLASA Centros Logísticos Aeroportuarios SA - segue Prospettive di sviluppo per i Regional Cargo Hubs le merci standard continueranno a transitare da strutture indifferenziate o generaliste caratterizzate da alta numerosità delle destinazioni, alte frequenze ed alti volumi trattati, come i Major Cargo Hub europei ed eventualmente laeroporto di Madrid … … ma anche qui è prevedibile lo sviluppo di strutture regionali specializzate in deperibili (Vittoria), animali vivi (Malaga, Siviglia), o tessile (Saragozza) anche se nel rispetto della convenienza economica e poiché è tendenza delle compagnie aeree focalizzarsi su alcune strutture con cui stabilire partnership a fronte di servizi sempre più qualificati e dedicati, lofferta dei Regional Cargo Hubs potrebbe risultare attraente in termini di minori costi, maggiore flessibilità per slots e servizi disponibili e per la possibilità di realizzare soluzioni dedicate Benchmark internazionali

11 MEDIFISH – Palermo E1 10 Gli attori del sistema CA VETTORE aereo VETTORE aereo AEROPORTO HANDLER AEROPORTO HANDLER TRASPORTO gomma TRASPORTO gomma PRODUTTORE LOCALE PRODUTTORE LOCALE SPEDIZIONE INTEGRAZIONE SPEDIZIONE INTEGRAZIONE LOGISTICA TRASPORTATORE CLIENTE / DISTRIBUTORE CLIENTE / DISTRIBUTORE CORRISPONDENTE LOCALE CORRISPONDENTE LOCALE OPERATORE LOGISTICO OPERATORE LOGISTICO AEROPORTO OFFERTADOMANDA In prima approssimazione il sistema CA coinvolge unofferta di servizi presidiata, oltre che dal vettore aereo, da almeno altri 3 operatori, finché la merce è in volo, ed ulteriori 3 per raggiungere il distributore o cliente finale: in totale 9 differenti interlocutori

12 MEDIFISH – Palermo E1 11 Gli attori del sistema CA PRODUTTORE LOCALE: dimensioni La domanda in target è risultata composta da piccole e medie imprese: se aggregate allinterno di distretti industriali o filiere risulta possibile generare volumi e valori di export/import significativi, sebbene a fronte di unelevata polverizzazione sul territorio Allinterno dei distretti è consuetudine riscontrare molti operatori di dimensione piccola, affiancati da pochi di dimensione intermedia e, solo raramente, da alcuni leader le cui dimensioni sono solitamente tali da giustificare un processo logistico autonomo La presenza nel distretto di operatori maggiori è un elemento positivo perché visto come possibile catalizzatore di ulteriori aggregazioni

13 MEDIFISH – Palermo E1 12 Gli attori del sistema CA PRODUTTORE LOCALE: politiche di vendita nelle transazioni internazionali La politica di vendita franco fabbrica ( 1 ) seguita dalle PMI nazionali, in particolare nei distretti industriali, resta uno dei fattori più radicati responsabili della dipendenza del nostro paese dalla fornitura di servizi di trasporto esteri ( 2 ): quando lonere del prelievo della merce e dellespletamento delle pratiche amministrative per la sua esportazione spetta al compratore, è lo stesso compratore a stipulare un contratto di trasporto con il vettore: nel caso il compratore sia estero è probabile che la scelta del vettore avvenga tra le imprese di trasporto del suo paese questa prassi ha comportato che le imprese di trasporto estere abbiano di fatto esercitato per decenni la funzione di logistica distributiva dei prodotti nazionali questa prassi può aver frenato lo sviluppo di una cultura logistica da parte delle PMI locali la prassi di acquisto CIF, in cui il venditore si assume lonere di consegnare la merce a destino, ha contribuito ad ulteriormente rafforzare la loro posizione nel nostro paese Fonte:( 1 ) FF/ex works = consegna della merce messa a disposizione del compratore nei propri locali non sdoganata e non caricata sul mezzo ( 2 ) Bologna - Trasporto internazionale (2000)

14 MEDIFISH – Palermo E1 13 Gli attori del sistema CA TRASPORTO SU GOMMA Solo recentemente sta cercando di integrarsi anche con la modalità di trasporto aereo, ma ancora non gioca un ruolo determinante nella promozione del CA Solitamente è realizzato in condizioni di sub-fornitura, non ha un ruolo autonomo ed è molto meno concentrato dei propri concorrenti europei; per lo spedizioniere gestisce la tratta aviocamionata ed i suoi punti di forza sono la flessibilità e la convenienza economica È considerato altamente intercambiabile, come il vettore aereo Lazienda produttrice che opera franco fabbrica spesso ignora che cosa accada alla propria merce dopo essere stata caricata per il trasporto: se dallo stabilimento proceda verso una piattaforma logistica o direttamente ad un magazzino aeroportuale, nonché le modalità di trasporto o le infrastrutture attraverso cui la stessa transiti prima di giungere al destino finale

15 MEDIFISH – Palermo E1 14 Gli attori del sistema CA SPEDIZIONE - INTEGRAZIONE È lattore che attraverso un rapporto fiduciario con la PMI assume il ruolo di vero responsabile nella scelta della modalità CA, del vettore e quindi della piattaforma aeroporto/handler Spedizioni di merci con mercati di sbocco/approvvigionamento extra Europa possono presentare complessità più di carattere amministrativo che operativo Poiché la gestione di questi aspetti richiede professionalità spesso non presenti allinterno delle PMI le stesse risultano le maggiori fruitrici dei servizi di spedizionieri, agenti, integratori Tra le principali note che caratterizzano la relazione tra PMI e spedizionieri: la forte dipendenza delle PMI per la scelta dei fornitori di trasporto la bassa conoscenza della struttura tariffaria e degli aspetti assicurativi e finanziari da parte delle PMI, che spesso comportano anche minori possibilità di controllo sul prezzo dei servizi ricevuti Fonte:analisi UBM su interviste realizzate Bologna - Trasporto internazionale (2000)

16 MEDIFISH – Palermo E1 15 Gli attori del sistema CA AEROPORTO - HANDLER Immediatamente dopo lo spedizioniere lhandler è nella posizione migliore per coordinare e sostenere lo sviluppo di nuove attività CA poiché conosce tutti gli elementi del processo La natura pubblica della maggior parte degli handler può limitare lefficacia di queste iniziative: solo MLE ed ALHA sono operatori privati a Napoli, Venezia, Verona, Torino, Bologna, Pisa chi tratta le merci è lo stesso gestore dell'aeroporto in Italia non si è ancora realizzata l'evoluzione del business che nel contesto europeo ha prodotto le specializzazioni necessarie a soddisfare i differenti bisogni della domanda Lhandler può esercitare un forte presidio sul territorio cercando di sviluppare la rete e di far conoscere il CA avvicinando lofferta alla domanda

17 MEDIFISH – Palermo E1 16 Gli attori del sistema CA VETTORE AEREO Nella promozione del CA in Italia il vettore aereo assume un ruolo più defilato rispetto a chi offre servizi a terra (spedizioniere, aeroporto, handler) I vettori europei sono molto esigenti verso lofferta di servizi a terra ma anche fortemente legati al proprio paese e quindi a mantenere il traffico focalizzato sul proprio territorio nazionale In questa logica emerge una disparità di servizio a danno della domanda nazionale che risulta penalizzata dalle scelte dell'operatore locale (Alitalia) in termini di inferiorità di mezzi e di servizi logistici

18 MEDIFISH – Palermo E1 17 Cultura logistica DISTRETTI – PMI – LOGISTICA Il tessuto delle aziende esportatrici in Italia è polverizzato (ISTAT/2001 oltre , quasi 5 milioni di addetti ed una dimensione aziendale media con meno di 30 addetti) Spesso la frammentazione nellexport/import si traduce in maggiori costi logistici quota rilevante nelle transazioni extra europee è legata ad attività documentali/doganali, con strutture di costo quasi indipendenti dalla quantità di merce trattata, e la loro incidenza sul costo complessivo può essere molto elevata data la bassa concentrazione Dalla logistica ci si aspetta: la gestione di un efficiente work flow (invio materie prime, ricevimento e stoccaggio produzione, processi di finissaggio e spedizione prodotto) il supporto allo sviluppo di tecniche di produzione just in time con labbattimento delle scorte e la minimizzazione del rischio di out-of-stocking Ma la vera sfida consiste nella capacità di estendere questo potenziale anche alle PMI, coinvolgendole in iniziative di outsourcing logistico

19 MEDIFISH – Palermo E1 18 Modello

20 MEDIFISH – Palermo E1 19 PREMESSA si è ipotizzato di affiancare allesistente modello dei Major Cargo Hub (Roma e Milano) un modello di Regional Cargo Hub selezionati secondo due ipotesi: con forte specializzazione su specifiche tipologie di servizi (deperibili, moda, florovivaismo, elettronica di consumo) e raggio operativo intercontinentale oppure con iniziative meno specializzate ma raggio operativo da regional (<6 ore di volo) Lobiettivo della maggiore specializzazione risulta preferibile anche se perseguibile con obiettivi di più lungo termine La via della specializzazione proposta si giustifica in quanto elemento per: trattenere merce già vettoriata con CA ma inoltrata attraverso strutture non nazionali attrarre nuova merce non ancora utilizzatrice del CA perché la modalità non è ritenuta accessibile in forma autonoma in termini di costo aggregare potenziali inespressi che pur provenendo da altri settori o distretti produttivi abbiano necessità assimilabili, insistano sullo stesso bacino di riferimento e attraverso questa modalità desiderino estendere il raggio di mercato dei propri prodotti Modello

21 MEDIFISH – Palermo E1 20 Modello IPOTESI Dallanalisi è emersa anche lopportunità di un coordinamento unitario responsabile per la pianificazione ed organizzazione delle diverse fasi dellattività logistica: una società dedicata Il modello ha considerato lipotesi che le aziende appartenenti ad alcuni distretti target decidano di coordinare le proprie attività logistiche attraverso una entità dedicata alla gestione integrata della logistica (ENTITÀ PER LA LOGISTICA) compito della nuova società sarebbe quello di ottimizzare linterfaccia operativa tra DOMANDA (produttori) ed OFFERTA (servizi logistici di trasporto, spedizione, handling, vettoriamento aereo), attraverso la centralizzazione dei flussi delle merci da spedire in capo alla società dovrebbe essere trasferito anche il compito di promuovere il CA tra le PMI appartenenti al distretto, facendo leva sulla propria specializzazione per aggregare volumi di logistica sempre più consistenti, e sulla possibilità di offrire servizi a condizioni che risultino competitive anche per gli attori di dimensione più ridotta

22 MEDIFISH – Palermo E1 21 Modello COSA PUÒ OFFRIRE Il modello si fonda su un cambio di centralità nel processo di gestione delle spedizioni dallo spedizioniere, che finora ha svolto un importante ruolo di consulenza alle aziende in termini di aiuto allexport ad un entità per la logistica, integrata per distretto, che deve aggregare diverse competenze ed offrirle attraverso un servizio al territorio più capillare e specializzato implica che lENTITÀ PER LA LOGISTICA diventi punto di riferimento sia per la domanda sia per lofferta del bacino geografico su cui insiste e che ad essa venga trasferita una quota crescente dellattività logistica svolta dagli aderenti (OUTSOURCING) implica che in collaborazione con le ENTITÀ PER LA LOGISTICA gli attori del sistema CA offrano servizi logistici dedicati ed integrati: potrebbe essere il caso dei terminal aeroportuali sulla scorta di quanto già accade nel trasporto marittimo (SPECIALIZZAZIONE AEROPORTI)

23 MEDIFISH – Palermo E1 22 Modello OUTSOURCING PRO Per unazienda grande, ma soprattutto per le PMI, la gestione dellintera supply chain è un processo complesso che assorbe risorse spesso ingenti al punto da suggerirne lesternalizzazione CONTRO la terziarizzazione aumenta la complessità dei rapporti tra le imprese ed è contemporaneamente causa ed effetto di un aumento del numero di interlocutori coinvolti: lENTITÀ PER LA LOGISTICA, seppur partecipata dalle singole aziende del distretto, dovrebbe essere messa in condizioni di operare in piena autonomia

24 MEDIFISH – Palermo E1 23 Modello SPECIALIZZAZIONE AEROPORTI PRO Il coordinamento e lo sviluppo delle iniziative di specializzazione potrebbe essere svolto sotto lindirizzo di un agenzia pubblica dedicata alla promozione del CA (e.g. del tipo di quella Spagnola CLASA), che preveda azioni di lobbying per favorire lintegrazione delle strutture aeroportuali con le altre modalità di trasporto Il coordinamento delle attività di domanda ed offerta svolto dallENTITÀ PER LA LOGISTICA dovrebbe massimizzare lefficienza per il distretto nel caso del tessile abbigliamento i volumi già oggi disponibili sembrano adeguati a giustificare la specializzazione delle strutture e ad attrarre vettori aerei CONTRO Specializzazione e sviluppo di piattaforme dedicate sono spesso indicati come responsabili della polverizzazione dei volumi e di una minore efficienza del sistema freddo, deperibile, automazione, microelettronica, florovivaismo sembrano tuttora mancare di volumi adeguati per CA

25 MEDIFISH – Palermo E1 24 Modello PERCORSO Il processo potrebbe prendere avvio con la gestione delle attività di CA in import/export si potrebbero consolidare i volumi del distretto, aggregando quelli dei maggiori operatori a quelli attualmente serviti in modo più marginale o addirittura non serviti Successivamente si potrebbe prevedere di coinvolgere il territorio per sviluppare servizi dedicati alle necessità del distretto si creerebbero i presupposti per esternalizzare ulteriori fasi del processo logistico come controllo delle merci semilavorate in importazione, finissaggio locale, confezionamento e spedizione dei prodotti finiti direttamente al cliente finale senza ulteriori verifiche in capo al singolo produttore Inoltre sarebbe possibile intervenire sulle strutture aeroportuali per rafforzarne la connotazione specialistica si porrebbero le basi per uno sviluppo dellattività oltre i confini geografici del distretto LENTITÀ PER LA LOGISTICA è concepita espressamente per il CA ma in futuro potrebbe costituire linterfaccia per coordinare anche le modalità di trasporto marittima e ferroviaria

26 MEDIFISH – Palermo E1 25 Obiettivo: avvicinare lofferta alla domanda DOMANDAOFFERTA Produttore ENTITÀ PER LA LOGISTICA Spedizioniere Trasporto gomma APTVettore Forza contrattuale DA (passato) MOLTO BASSA ASSENTE O FRAMMENTATA MOLTO ALTAALTA NON DETERMINANTE A (prospettica) CRESCENTEALTADECRESCENTEINALTERATACRESCENTE Caratteristiche attuali PMI – frammentate Aggregate in Distretti (Specialista per gestione logistica integrata) Broker (intermediario) Know-how import/export procedure doganali Operatore internazionale/globale Obiettivo prioritario non specificatamente tutela interessi domanda (Rapporto fiduciario) frammentato Specializzato passeggeri Rotte f di Volumi f di convenienza economica Ruolo prospettico Focus su produzione Evoluzione da vendite Esternalizza a ENTITÀ PER LOGISTICA parte delle attività/prcs logistici (con diversa intensità) Istituita a livello di singoli distretti o loro aggregazioni Svolge attività di interfaccia D/O Coordina flussi e gestione attività esternalizzate Integra competenze procedure import/export attraverso processo Make/Buy oppure scelte di partnership/spin off Ruolo assunto dalloperatore logistico Servizi forniti non paragonabili con la precedente offerta Possibilità di conoscere in anticipo tipologia di merce, volumi, frequenza consegne e percorsi Possibilità di pianificare risorse ed investimenti Affiancamento CargoSpecialty Outsourcer di alcuni processi delegati da SOCIETÀ LOGISTICA Apertura nuove rotte possibilità di conoscere in anticipo tipologia di merce, volumi, frequenza delle consegne e destinazioni Possibilità di pianificare risorse ed investimenti Fonte:elaborazione UBM sulla base delle interviste realizzate

27 MEDIFISH – Palermo E1 26 Fonte:elaborazione UBM sulla base delle interviste realizzate Intermedio Meno indicato Più indicato Promuovere lesternalizzazione di attività collegate al processo di movimentazione ma non più core per le aziende produttrici (controllo qualità – finissaggio – confezionamento – …) Controllare la gestione delle attività esternalizzate Facilitare lintegrazione del CA con le altre modalità di trasporto Svolgere attività dinterfaccia tra DOMANDA/OFFERTA servizi CA Coordinare flussi informativi: volumi, destinazioni export, origini import, frequenze Organizzare lattività di spedizione, assumendo le competenze nella gestione delle procedure import/export Promuovere lutilizzo del CA tra le aziende del distretto Promuovere la specializzazione delle infrastrutture esistenti Società privata Operatore logistico costituito ex novo per volontà degli operatori locali Operatore logistico già esistente Agenzia pubblica per la promozione del CA Consorzio misto (pubblico-privato) Società pubblica Funzioni in capo alla ENTITÀ PER LA LOGISTICA INTEGRATA (istituita a livello di singoli distretti o loro aggregazioni) Promuovere (ed evtl realizzare e gestire) le infrastrutture logistiche dedicate al CA Core activity Lobbying

28 MEDIFISH – Palermo E1 27 La prima esigenza è quella di programmazione In un confronto internazionale lItalia risulta fortemente penalizzata dalla mancanza di programmazione degli interventi il primo strumento per rallentare il ricorso alle infrastrutture estere, aeroporti o operatori, è il coordinamento delle politiche locali in materia di trasporti e logistica da parte di una struttura centrale di programmazione e governo il secondo è lefficienziazione delle burocrazie: dogane-sanità-controlli fito e veterinari il terzo potrebbe essere lofferta di servizi logistici che costituiscano uninterfaccia specializzata, dedicata alle esigenze della domanda proveniente dal territorio e dai distretti o filiere che vi insistono Conclusioni

29 MEDIFISH – Palermo E1 28 MAJOR HUBS REGIONAL 1REGIONAL 2 Livello 0 (2 Aeroporti):MILANO (MALPENSA) - ROMA (FIUMICINO) Livello 1 (3 Aeroporti):VENEZIA/TREVISO – VERONA – NAPOLI Livello 2 (3 Aeroporti):RIMINI – FIRENZE/PISA – BRESCIA/MONTICHIARI La nostra indagine ha identificato tre differenti livelli di analisi: zero, 1, 2 Allinterno dei livelli sono stati selezionati 8 poli in corrispondenza degli aeroporti su cui si potrebbe concentrare il maggiore potenziale di sviluppo nella prospettiva di specializzazione delle strutture per soddisfare le esigenze dei distretti locali Poli Cargo Aereo

30 MEDIFISH – Palermo E1 29

31 MEDIFISH – Palermo E1 30 Area di riferimento: PIEMONTE Livello zero SETTOREDISTRETTO TessileLecco SericoComo CotonieroAsse del Sempione Possibile specializzazione aeroportuale: Collettame, integratore, bacino di raccolta da diversi settori Area di riferimento: LOMBARDIA SETTOREDISTRETTO OreficeriaValenza RubinetteriaCusio TessileBiella AbbigliamentoBiella POLO 1 - Malpensa

32 MEDIFISH – Palermo E1 31 Livello 1 POLO 3 – Venezia / Treviso Possibile specializzazione aeroportuale: Tessile, moda, abbigliamento, accessori Area di riferimento: VENETO SETTOREDISTRETTO TessileSchio – Thiene – Valdagno (VI) AbbigliamentoMontebelluna (TV) CalzatureRiviera del Brenta (VE) OreficeriaVicenza OcchialeriaBelluno

33 MEDIFISH – Palermo E1 32 Livello 1 POLO 5 - Napoli Possibile specializzazione aeroportuale: Agroalimentare – Florovivaismo – Concia – Tessile Area di riferimento: CAMPANIA – PUGLIA – LAZIO SETTOREDISTRETTO AgroalimentareNocera – Gragnano (SA) – Latina – Aprilia ConciaSolofra (AV) TessileGrumo Nevano – Aversa (CE) – San Giuseppe Vesuviano (NA) – San Marco dei Cavoti (BE) FlorovivaismoNapoli – Salerno OreficeriaMarcianise (CE)

34 MEDIFISH – Palermo E1 33 Certificato n° Contacts Matteo Sanguineti Ph E Ugo Lenzi Ph /20 Mobile E Webwww.ubmconsulting.comwww.ubmconsulting.com UBM Consulting – Milano Galleria del Corso – Milan Italy UBM Consulting is founder of the StratOrg Alliance Group UBM Consulting Quality System is certified under the ISO 9001 : 2000 rules


Scaricare ppt "MEDIFISH – Palermo 050318 E1 Logistica cargo aereo e domanda dei distretti industriali: riflessioni per lo sviluppo di una modalità organizzativa alternativa."

Presentazioni simili


Annunci Google