La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rilevare gli invisibili: nuove sfide per la statistica ufficiale Milano, 15 Febbraio 2013 Nicoletta Pannuzi Condizioni economiche delle famiglie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rilevare gli invisibili: nuove sfide per la statistica ufficiale Milano, 15 Febbraio 2013 Nicoletta Pannuzi Condizioni economiche delle famiglie."— Transcript della presentazione:

1 Rilevare gli invisibili: nuove sfide per la statistica ufficiale Milano, 15 Febbraio 2013 Nicoletta Pannuzi Condizioni economiche delle famiglie

2 La misura della povertà estrema Il Ministero della Salute, Lavoro e Politiche sociali, lISTAT, la Fio.psd e la Caritas hanno convenuto di procedere alla realizzazione di un progetto di ricerca sulle persone che vivono in condizione di povertà estrema finalizzato a definire un quadro approfondito sui seguenti aspetti: il fenomeno delle persone senza dimora sul territorio italiano; lo status e i profili delle persone senza dimora presenti in Italia e le loro principali dinamiche di utilizzo del territorio; il sistema dei servizi formali ed informali, pubblici e privati, esistenti nel Paese in riferimento specifico ai bisogni delle persone senza dimora

3 Le persone senza dimora Le persone senza dimora oggetto di indagine sono circoscritte ai soggetti che vivono un disagio abitativo dovuto allimpossibilità e/o incapacità di provvedere autonomamente al reperimento e al mantenimento di unabitazione in senso proprio. Vi rientrano tutte le persone che: vivono in spazi pubblici (per strada, baracche, macchine abbandonate, roulotte, capannoni). vivono in un dormitorio notturno e/o sono costretti a trascorrere molte ore della giornata in uno spazio pubblico (aperto). vivono in ostelli per persone senza casa/sistemazioni alloggiative temporanee. vivono in alloggi per interventi di supporto sociale specifici (per persone senza dimora singole, coppie e gruppi). Sono escluse tutte le persone che: vivono in condizione di sovraffollamento, ricevono ospitalità garantita da parenti o amici, vivono in alloggi occupati e in campi strutturati presenti nelle città.

4 Step operativi 1)un censimento delle organizzazioni e degli enti che erogano servizi fruibili dalle persone senza dimora nei più grandi comuni italiani (158 selezionati in base alla dimensione demografica); ci si riferisce ai servizi di supporto ai bisogni primari (come cibo, abbigliamento, farmaci, igiene personale, aiuti economici), di accoglienza notturna e diurna, di segretariato sociale (inclusa residenza anagrafica fittizia), di presa in incarico e accompagnamento (counseling, sostegni, inserimento e assistenza medica); 2)unindagine sui servizi, per approfondire le principali caratteristiche dellorganizzazione e dei servizi, le risorse umane impiegate, la rete di contatti, la tipologia di utenza, le modalità di raccolta dati, il tipo di accesso e la partecipazione dellutenza; 3)unindagine sui senza dimora da effettuarsi presso i servizi di mensa e accoglienza notturna sui quali è stata condotta lindagine.

5 Approccio metodologico Poiché non esiste una lista anagrafica della popolazione oggetto di interesse che consenta l'accesso diretto alle persone senza dimora, si è passati per i servizi loro forniti Campionamento indiretto: basato sull'utilizzo di una lista di campionamento costituita da una popolazione indirettamente legata alla popolazione obiettivo Per l'indagine in oggetto la base di campionamento è rappresentata dai servizi mensa e accoglienza notturna; di conseguenza, la popolazione target è limitata alle persone che utilizzano detti servizi

6 Organizzazioni/enti e servizi (1) A partire da alcuni data base preesistenti, con dati sia a livello nazionale che locale, lindagine ha censito, presso le organizzazioni già presenti, anche altre organizzazioni operanti sul territorio (metodo snowball); Il censimento è stato condotto con tecnica CATI e ha coinvolto organizzazioni o enti. Lapprofondimento con tecnica CAPI, ha coinvolto 727 organizzazioni o enti che erogano direttamente almeno un servizio. Sulle organizzazioni o enti contattati nella prima fase: organizzazioni o enti non rientravano nel campo di osservazione della ricerca (752 non erogavano servizi ai senza dimora, 43 li erogavano indirettamente tramite altra organizzazione, in 21 casi si trattava di parrocchie con servizi non strutturati, 36 risultavano centri antiviolenza), - 14 avevano cessato la propria attività tra la prima e la seconda fase della ricerca - 32 si sono rifiutati o erano impossibilitati a partecipare allindagine.

7 Sono 727 gli enti e le organizzazioni che, nel 2010, hanno erogato servizi alle persone senza dimora nei 158 comuni italiani in cui è stata condotta la rilevazione. Essi operano in sedi ed ognuno eroga, in media, 2,6 servizi, per un totale di servizi. Un terzo dei servizi riguarda bisogni primari (cibo, vestiario, igiene personale), il 17% fornisce un alloggio notturno, mentre il 4% offre accoglienza diurna. Molto diffusi sul territorio sono i servizi di segretariato sociale (informativi, di orientamento alluso dei servizi e di espletamento di pratiche amministrative, inclusa la residenza anagrafica fittizia) e di presa in carico e accompagnamento (rispettivamente, 24% e 21%). Organizzazioni/enti e servizi (2)

8 Utenza Lutenza non corrisponde al numero di persone senza dimora che si rivolgono ai servizi considerati per due ragioni fondamentali: i)non tutti gli utenti dei servizi sono persone senza dimora; in alcuni casi si tratta, infatti, di individui che pur vivendo un disagio dispongono di unabitazione; ii)una persona può usufruire di più servizi nel corso dellanno e venire conteggiata più volte in quanto inclusa nellutenza di ogni servizio da questa utilizzato. Lutenza corrisponderebbe al numero di persone che utilizzano i servizi solo se ogni persona usufruisse di un unico servizio (ad es. ununica mensa su tutto il territorio nazionale e nessun altro servizio) nel corso dellanno.

9 Utenza e servizi Lutenza dei servizi di supporto ai bisogni primari è quasi venti volte superiore a quella dei servizi di accoglienza notturna (più che doppia di segretariato sociale e presa in carico e accompagnamento). Enti pubblici erogano direttamente il 14% dei servizi (18% dellutenza). Se ad essi si aggiungono i servizi erogati da organizzazioni private che godono di finanziamenti pubblici, si raggiungono i due terzi sia dei servizi sia dellutenza. I servizi pubblici erogati in risposta ai bisogni primari e di accoglienza notturna raggiungono, al massimo, il 10% dellutenza; lerogazione privata con finanziamento pubblico raggiunge un ulteriore 48% tra i primi e il 58% tra i secondi.

10 Il territorio I servizi con sede in Lombardia e Lazio raggiungono, insieme, quasi il 40% dellutenza nazionale (rispettivamente, 20% e 17%); i servizi milanesi accolgono ben il 63% dellutenza lombarda, mentre Roma serve il 91% dellutenza del Lazio. Seguono Sicilia e Campania, regioni che raggiungono, ognuna, il 10% dellutenza nazionale.

11 Le modalità di erogazione dei servizi La quasi totalità dei servizi opera in maniera continuativa per tutti i mesi dellanno o con un solo mese di interruzione; solo i servizi di accoglienza notturna raggiungono quasi il 7% dellutenza tramite servizi erogati per meno di 7 mesi lanno (si tratta in particolare di dormitori, anche di emergenza). Tra i servizi di risposta ai bisogni primari, quasi un terzo opera sette giorni su sette (in particolare tra le mense), un terzo chiude per un solo giorno (generalmente la domenica) e un terzo offre il servizio al massimo per tre giorni a settimana (in questultimo caso si tratta soprattutto di distribuzione viveri, indumenti e farmaci, ma anche di unità di strada). Lapertura continua caratterizza le strutture più grandi e raggiunge ben i tre quarti dellutenza.

12 Indagine sui senza dimora Unità statistica Periodo di riferimento Il periodo di riferimento della rilevazione deve essere sufficientemente lungo in modo da garantire che la maggior parte delle persone senza dimora utilizzino i servizi almeno una volta Popolazione di riferimento La popolazione di riferimento è costituita da tutte le persone che ricevono almeno un servizio durante il periodo di riferimento L'unità statistica è il servizio definito come una tripletta (centro, giorno, persona)

13 Il disegno campionario (1) Campionamento casuale a due stadi stratificato: tutti i centri-servizi mensa e accoglienza notturna censiti sono coinvolti nell'indagine Selezione delle prestazioni con probabilità uguali Ciascun centro-servizio costituisce uno strato. I centri che erogano servizi mensa con fornitura di pasti sia a pranzo che a cena sono considerati come due servizi distinti

14 Il disegno campionario (2) Distribuzione del campione nei centri-servizi Numerosità campionaria complessiva fissata (circa unità) Distribuzione sulla base delle prestazioni medie giornaliere erogate dai centri Stima delle prestazioni mensili erogate alle persone senza dimora Attribuzione del numero totale di interviste campione ai centri (in modo proporzionale alle prestazioni dei centri alle psd) Selezione dei giorni intervista Attribuzione del numero di giorni intervista ai centri (min=1 e max 15) Attribuzione del numero di interviste nei giorni (min=1 e max=12) Assegnazione casuale dei giorni di rilevazione ai centri per garantire la copertura di tutti i giorni del mese

15 La selezione del campione riguarda: I giorni in cui, in un periodo di riferimento di 30 giorni, ogni centro-servizio deve essere visitato per le interviste Il numero di giorni per centro-servizio è determinato sulla base della numerosità campionaria attribuita al centro-servizio stesso La scelta dei giorni è casuale Gli utenti dei centri-servizi Sono selezionati dai rilevatori in modo casuale, in ogni centro- servizio e nei giorni selezionati per le interviste La dimensione del campione nei centri-servizi è predefinita in base a una frazione campionaria fissa Il disegno campionario (3)

16 Un generico parametro di interesse definito sulla popolazione target può essere espresso come: è il numero di link, cioè il numero dei servizi offerti alla persona k (data la corrispondenza tra lindividuo k e il servizio i) durante il periodo J in tutti i centri appartenenti al campo dosservazione dell'indagine Il più rilevante parametro di interesse definito sulla popolazione è la sua dimensione ignota N (ottenuta definendo, k) Nel campionamento indiretto, la popolazione target, U A, costituita dalle persone senza dimora che ricevono almeno un servizio in un periodo definito di tempo J, è indirettamente collegata alla popolazione, U B, costituita dai servizi erogati alle persone senza dimora durante lo stesso periodo di tempo Il disegno campionario (4)

17 Stima Nel campionamento indiretto, la definizione dello stimatore è alquanto complessa Il calcolo dei pesi di campionamento si basa sui link tra le unità della lista di campionamento e le unità della popolazione target Per assegnare un peso campionario agli individui intervistati, è necessario partire dal peso associato alle unità campionarie rappresentate dalle prestazioni erogate nei centri- servizi considerati, adottando un metodo di stima noto in letteratura come: Weight Sharing Method

18 Per lapplicazione del metodo è necessario rilevare informazioni retrospettive sull utilizzo dei servizi da parte degli individui intervistati negli ultimi sette giorni, al fine di ottenere il numero di link per ogni individuo in una settimana media Lo stimatore è espresso in funzione del peso campionario dove rappresenta il peso campionario, associato al servizio selezionato, legato all individuo k appartenente al campione

19 Valutazione della Varianza di Campionamento La varianza dello stimatore weight share method dipende dalla Variabilità del numero di link – variabile casuale ignota associata a ciascun individuo Una valutazione della varianza di campionamento è stata ottenuta Determinazione della varianza della v.c. in una situazione massimante, ossia ipotizzando una distribuzione bipartita tra il valore massimo e il valore minimo di link ammissibili (1 e 21 in una settimana e 0 per le persone non homeless che usufruiscono dei servizi), a media fissata Formulazione di ipotesi distributive del numero di link

20 Vantaggi e limiti Lindagine permette di ottenere stime della dimensione della popolazione e anche stime di alcune importanti caratteristiche della popolazione osservata utili alla definizione di politiche sociali Il campionamento Indiretto introduce una bias della popolazione stimata dovuta ad un errore di copertura Delle persone senza dimora che non usano i servizi mensa e di accoglienza notturna nel periodo di riferimento dellindagine Rischio di contare più volte le stesse persone (risolto mediante il weight share method)

21 La rete di rilevazione (1) Loperazione ha coinvolto 43 referenti territoriali e 773 rilevatori Sono stati visitati 434 servizi di accoglienza notturna, 190 servizi di mensa a pranzo e 85 servizi di mensa a cena. Sono state contattate persone per la realizzazione di interviste valide (4.233 interviste complete e 463 schede sintetiche, compilate per le persone che non erano in grado di rispondere allintervista). Nelle mense sono stati necessari più contatti per ottenere le interviste, in questi servizi è, infatti, possibile contattare anche persone con dimora. Il 67% dei contatti è stato realizzato in una mensa, il 33% nei servizi di accoglienza

22 La rete di rilevazione (2) La scelta dei rilevatori è stato uno degli aspetti innovativi della ricerca: rilevatori non professionali (operatori/volontari del settore), per ridurre al minimo i problemi di contatto e di interazione con le persone senza dimora. La formazione dei rilevatori si è quindi concentrata sugli aspetti più statistici della rilevazione e ha riguardato: -la comprensione e la gestione dei tempi di indagine il lavoro Istat è stato soprattutto quello di spiegare e sensibilizzare i rilevatori allimportanza di seguire esattamente il calendario predefinito, evidenziando i problemi, in termini di errori e distorsione delle stime, che il mancato rispetto avrebbe comportato la comprensione e gestione degli strumenti di indagine

23 La rete di rilevazione (3) -Lista degli individui selezionati, per seguire una selezione casuale delle persone da contattare per lintervista (rilevando la presenza sia di persone con dimora nel caso delle mense sia di persone che hanno rifiutato lintervista, annotandone le principali caratteristiche); -Scheda sintetica per persona senza dimora che non è in grado di rispondere allintervista, per includere nella stima anche le persone senza dimora che, per problemi diversi, non erano in grado di rispondere allintervista; con tale scheda sono state rilevate le informazioni essenziali anche per queste persone, informazioni che potevano essere reperite con laiuto di uno degli operatori sociali della struttura o grazie alla disponibilità della persona a mostrare i propri documenti.

24 La rete di rilevazione (4) -Questionari per intervista diretta, si è cercato di semplificare i questionari, eliminando il più possibile filtri e salti, e replicando, in alcuni casi, anche parti di questionario al fine di agevolarne la compilazione; tale strumento ha permesso allIstat di spiegare e sensibilizzare i rilevatori allimportanza di seguire esattamente la sequenza, il contenuto e il wording del questionario. Le scelte effettuate sono sempre state condivise e giustificate dai risultati della conduzione di interviste test e dei debriefing avuti con i rilevatori coinvolti.

25 Le persone senza dimora Sono le psd che nei mesi di Novembre-Dicembre 2011 hanno utilizzato servizi di mensa e accoglienza notturna nei 158 maggiori comuni italiani; circa lo 0,2% della popolazione residente. Ben il 44% delle persone senza dimora utilizza servizi con sede a Roma o Milano: il 27,5% a Milano e il 16,4% a Roma.

26 Il 9,3% delle persone senza dimora (4.429) ha avuto difficoltà a interagire con i rilevatori: il 76% per problemi legati a limitazioni fisiche o a disabilità evidenti e/o a problemi di dipendenza la percentuale; il 24% per una ridotta conoscenza della lingua italiana. Tra le psd senza difficoltà ad interagire, sono straniere e italiane: hanno in media 42,2 anni gli stranieri sono più giovani degli italiani (36,9 anni contro 49,9 anni) e più istruiti (il 43,1% degli stranieri ha almeno un diploma di scuola media superiore -il 9,3% una laurea- contro il 23,1% degli italiani) la durata media nella condizione di senza dimora di 2,5 anni, più bassa per gli stranieri (1,6 anni contro 3,9 anni). Principali caratteristiche

27 La condizione abitativa Prima di essere senza dimora il 63,9% viveva nella propria casa il 15,8% viveva come ospite da amici o parenti il 20,3% viveva in altra sistemazione (campo nomadi, alloggio occupato, carcere, istituto o altro) Il 7,5% non ha mai avuto una casa. Tra gli stranieri: il 20% era senza dimora già prima di arrivare in Italia il 41,4% ha avuto la sua ultima abitazione in uno stato estero il 61,4% degli stranieri non ha mai avuto una casa in Italia Tra gli italiani: il 58% vive la condizione di senza dimora in un comune diverso da quello in cui abitava, il 43,8% ha cambiato anche provincia

28 Il 28,3% delle persone senza dimora dichiara di lavorare Il 24,5% ha un lavoro a termine poco sicuro o saltuario, il 3,8% un lavoro stabile In media il lavoro viene svolto per 13 giorni al mese il denaro guadagnato ammonta a 347 euro mensili Il 71,7% delle psd non svolge alcuna attività lavorativa perché non trova (51,5% delle psd), per motivi di salute (9,8%), giudiziari (3,3%), per irregolarità dei documenti (2,7%). Il 6,7% non ha mai lavorato Il 61,9% ha perso un lavoro stabile Inoltre, tra gli stranieri è più diffusa la difficoltà a trovare lavoro (57,8%) e la mancanza di documenti regolari (4,6%). La condizione lavorativa

29 perdita del lavoro stabile (61,9% delle psd) separazione dal coniuge e/o dai figli (59,5%) cattive condizioni di salute (16,2%) Il 18,9% non ha vissuto nessuno degli eventi Il 33,4 un solo evento Il 39,1% ha vissuto due eventi, in particolare, il 33,7 ha vissuto la separazione e la perdita del lavoro stabile l8,7% ha vissuto tutti e tre gli eventi Nella maggior parte dei casi gli eventi hanno preceduto la condizione di senza dimora Gli eventi critici


Scaricare ppt "Rilevare gli invisibili: nuove sfide per la statistica ufficiale Milano, 15 Febbraio 2013 Nicoletta Pannuzi Condizioni economiche delle famiglie."

Presentazioni simili


Annunci Google