La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

0 La disfagia neurologica Lalbero della vita (Gustav Klimt) AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA Ospedale Civile Maggiore U.O. DI MEDICINA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "0 La disfagia neurologica Lalbero della vita (Gustav Klimt) AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA Ospedale Civile Maggiore U.O. DI MEDICINA."— Transcript della presentazione:

1 0 La disfagia neurologica Lalbero della vita (Gustav Klimt) AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA Ospedale Civile Maggiore U.O. DI MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE – Direttore Dott. P. Alberto Pernigo

2 1 Primario: Dott. P.Alberto Pernigo Medico dedicato: Dott. Serena Recchia Coordinatrice: Log. Bice Trombetti Logopediste: Beatrice Barbieri Renata Faggionato Silvana Bertasini Servizio di LOGOPEDIA telefono: 045/ Portale Aziendale: Guida a cura di: Un grazie particolare ai colleghi del Servizio di logopedia del Policlinico GB Rossi di Verona per laiuto offertoci con affettuosa e costante competenza.

3 2 Devo stare attento a come mangio? Posso bere? Cosè la disfagia? Posso mangiare ?

4 3 Questa guida è nata per accompagnare i pazienti disfagici e i loro familiari nella gestione di una deglutizione sicura e il più possibile naturale …

5 4 E un disturbo caratterizzato dalla difficoltà o impossibilità nel masticare il cibo, preparare il bolo, deglutirlo. Impedisce di alimentarsi in modo sicuro, autonomo e naturale. Cosè la disfagia neurologica?

6 5 Può insorgere in seguito a varie patologie neurologiche quali: Ictus M. di Parkinson Sclerosi Multipla Demenza Trauma cranio encefalico ecc

7 6 Alimentazione insufficiente/ denutrizione Disidratazione Infezioni broncopolmonari Cosa può provocare?

8 7 Il paziente potrebbe: tossire mentre mangia e/o beve. avere bisogno di schiarirsi la gola spesso fare deglutizioni ripetute e faticose dopo i pasti. Come si riconosce?

9 8 trattenere a lungo il cibo in bocca masticare con estrema lentezza avere la voce gorgogliante dopo i pasti avere senso di soffocamento

10 9 Cosè più difficile deglutire? Soprattutto i LIQUIDI Spesso i SOLIDI Talvolta LIQUIDI e SOLIDI … acqua, the, tisane, brodo, latte, succhi di frutta … … pane, pasta, carne, verdure, dolci …

11 10 Alcuni pazienti devono avvalersi di una alimentazione alternativa(SNG, PEG, TPN) per periodi più o meno lunghi; altri, in base alle indicazioni date dal medico, possono mangiare cibi di consistenze e caratteristiche diverse. SNG Sondino Naso-Gastrico PEG Gastrostomia Endoscopica Percutanea TPN Nutrizione Parenterale Totale Cosa si può mangiare?

12 11 Cosa si può mangiare? 3 diverse diete, a seconda del livello di gravità del disturbo, permettono di alimentarsi in relativa sicurezza. (Linee guida SPREAD 2007)

13 12 Il paziente ha difficoltà importanti. È necessaria la massima sicurezza Il paziente inizia a deglutire cibi di diversa consistenza Il paziente riesce a gestire quasi tutti i cibi. Quali sono le diete? Libera modificata Semisolida Morbida

14 13 Semolino/crema di riso densa Passato di verdure denso senza pasta Omogeneizzati di carne, pesce, formaggio, frutta. Dieta semisolida …

15 14 Verdura senza filamenti, buccia e semi frullata Purè di patate morbido Mousse Crema/budini Yoghurt cremoso E importante non venga somministrata acqua né liquidi se non espressamente permesso dal medico

16 15 Dieta morbida … Pastina asciutta ben cotta e condita Polenta morbida

17 16 Carni morbide e tritate (polpette, macinato, svizzere) senza legamenti e filamenti, ben condite con sughi e brodi per renderle più umide Prosciutto cotto tritato Pesce privo di lische/pelle/ coda, ben cotto e sminuzzato (sogliola, platessa)

18 17 Formaggi freschi, cremosi, morbidi (stracchino, robiola, ricotta) Uova strapazzate, frittate, uovo alla coque Verdure prive di filamenti, cotte a vapore o lessate, schiacciate, ridotte in piccoli pezzi

19 18 Frutta senza buccia schiacciata o cotta Frullati densi Gelati privi di pezzi E importante non venga somministrata acqua né liquidi se non espressamente permesso dal medico

20 19 Il paziente è in grado di gestire/deglutire quasi tutti i cibi MA sono comunque da evitare … Dieta libera modificata …

21 20 Tutti gli alimenti con doppia consistenza: Pastina in brodo Minestrone con verdura a pezzi. Pane/fette biscottate inzuppate. Yoghurt con pezzi di frutta ALIMENTI SCONSIGLIATI…

22 21 Pane, grissini, crackers, fette biscottate Riso, orzo, farro… Carne filacciosa e asciutta Formaggi stagionati Verdure filacciose (finocchi, spinaci, fagiolini, insalata … ) Legumi interi (piselli, fagioli, lenticchie …) Frutta secca Dolci: caramelle, merendine, brioches

23 22 Rispettando: I gusti Le preferenze alimentari I colori dei cibi Le abitudini … Differenziando le portate, cercando di non unirle in un unico pastone! Come si può rendere il cibo più invitante?

24 23 Come si può facilitare lassunzione dei cibi ? Se sono troppo duri e pastosi si possono lubrificare / ammorbidire con … Olio, panna, maionese, besciamella, brodo, latte, succhi di frutta

25 24 Se sono troppo liquidi si possono addensare con : Es. Fecola di patate Farine di cereali Pane grattugiato Biscotto granulato Addensanti in polvere

26 25 Contrariamente a quanto si crede, i liquidi sono più difficili da deglutire in modo SICURO. Quando si ha difficoltà nellassunzione di liquidi è consigliabile ricorrere a prodotti particolari: E … per bere? Polvere addensante Acquagel (meglio se fredda)

27 26 Se il medico ha consentito lassunzione dei liquidi,prestare attenzione a: Non bere durante i pasti, ma prima o dopo, ASSICURANDOSI che non ci siano residui di cibo in bocca Assumere piccoli sorsi dacqua, direttamente dal bicchiere o con un cucchiaino Tenere il capo leggermente flesso in avanti durante la deglutizione Quando e come posso bere …

28 27 Si devono avere altri accorgimenti? Per un pasto sicuro è importante: essere in un luogo tranquillo e concentrarsi unicamente sul pasto senza distrazioni (per es. parlare, guardare la tv ecc.) stare seduti e concentrati. Se si è a letto, la testata deve essere sollevata a 80°-90°.

29 28 mangiare lentamente, un boccone piccolo alla volta. Ogni boccone deve essere deglutito prima di passare al successivo Attenzione! Non devono rimanere residui di cibo in bocca tra i vari bocconi e al termine del pasto

30 29 tenere il capo leggermente flesso in avanti durante latto deglutitorio evitare di bere durante il pasto E importante avere la bocca pulita (lavare i denti o la protesi) in modo da non lasciare pericolosi residui di cibo.

31 30 Compresse amalgamate in: acqua-gel, budino o mousse … … e per le medicine? SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI ORALI NO SI Compresse + acqua Formulazioni orali liquide (es. sciroppi) + addensante

32 31 Disfagia Neurologica Consigli generali specifici per paziente e famigliari Scelta della dieta Trattamento riabilitativo specifico Valutazione medica In breve …

33 32 … tuttavia, data la complessità e la delicatezza del problema, non cè guida che possa sostituirsi al colloquio diretto con gli specialisti che se ne occupano.


Scaricare ppt "0 La disfagia neurologica Lalbero della vita (Gustav Klimt) AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA Ospedale Civile Maggiore U.O. DI MEDICINA."

Presentazioni simili


Annunci Google