La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sicurezza in rete: uso ed abuso Dott.ssa A. Manfredi Direttore Ser.T. A.S.L. 4 Prato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sicurezza in rete: uso ed abuso Dott.ssa A. Manfredi Direttore Ser.T. A.S.L. 4 Prato."— Transcript della presentazione:

1 Sicurezza in rete: uso ed abuso Dott.ssa A. Manfredi Direttore Ser.T. A.S.L. 4 Prato

2 In questi anni il Sert, oltre ad occuparsi di dipendenze da sostanze (legali ed illegali), ha spostato progressivamente il suo campo di intervento verso le nuove dipendenze, caratterizzate non da abuso di sostanze ma da comportamenti compulsivi (ad esempio gambling, dipendenza da internet ecc.). Negli ultimi tre anni, la mole di questa attività è andata progressivamente crescendo, sia in termini assoluti che percentuali.

3 DIPENDENZA SENZA SOSTANZE Sebbene le dipendenze principali, le più conosciute siano quelle relative alle droghe, esiste un altro gruppo di dipendenze legate ad oggetti o attività non chimiche le dipendenze comportamentali da alcuni chiamate New Addiction. Questo tipo di dipendenze comprendono tutte quelle nuove forme di dipendenza in cui non è implicato lintervento di alcuna sostanza chimica.

4 DIPENDENZA SENZA SOSTANZE Loggetto della dipendenza è in questo caso un comportamento o unattività spesso lecita e socialmente accettata. Per la maggior parte delle persone queste attività rappresentano parte integrante del normale svolgimento della vita quotidiana, ma per alcuni individui possono assumere caratteristiche patologiche, fino a provocare gravissime conseguenze. In questi casi lelemento di dipendenza e lesperienza ad esso correlata assorbono la personalità del soggetto, divenendo il fulcro della sua vita privata e delle sue esperienze.

5 DIPENDENZA SENZA SOSTANZE Shopping compulsivo Dipendenze tecnologiche Gioco dazzardo patologico Dipendenza affettiva Dipendenza da esercizio fisico Disturbi del comportamento alimentare

6 Dipendenze tecnologiche Nellepoca attuale il rapporto tra luomo e la tecnologia diviene ogni giorno più complesso e articolato, modifica gli stili di vita ed i comportamenti, i modi di sentire e di pensare, influenza le scelte dei singoli e della collettività ed è dunque da ritenere il primo e più importante fattore di mutamento sociale, culturale, psicologico.

7 Dipendenze tecnologiche In senso generale siamo diventati tutti, anche nostro malgrado tecnodipendenti, in quanto nessuno può fare a meno di strumenti e apparecchiature tecnologiche che si distribuiscono lungo una scala molto vasta che va dalle quotidiane situazioni domestiche e lavorative ad esperienze ed esigenze in ambiti di settori scientifici o culturali molto ristretti

8 Mentre le tecnologie tradizionali rafforzavano o rendevano più efficace e preciso il lavoro fisico, consentendo la conoscenza ed il possesso dei mondi reali, le nuove tecnologie possono creare mondi slegati dalle dimensioni materiali e concrete. Dipendenze tecnologiche

9 Nelle dipendenze da tecnologia vengono incluse: Guardare la televisione Usare il computer ed internet Giocare ai videogiochi Usare il cellulare e le linee telefoniche erotiche Dipendenze tecnologiche

10 Le dipendenze tecnologiche condividono secondo Golberg (1995) e Griffits (1997) i comportamenti nucleari delle altre dipendenze e precisamente: Dipendenze tecnologiche

11 Dominanza dellattività sul pensiero e sui sentimenti: lattività o la sostanza dominano i pensieri ed il comportamento del soggetto, assumendo un valore primario fra tutti i suoi interessi Dipendenze tecnologiche

12 Alterazioni del tono dellumore: linizio dellattività (o lassunzione della sostanza) provocano cambiamenti nel tono dellumore. Il soggetto può sperimentare un sentimento di eccitazione o maggiore rilassatezza come diretta conseguenza dellincontro con loggetto della dipendenza. Dipendenze tecnologiche

13 Tolleranza: Bisogno di aumentare progressivamente la quantità di droga o lattività per ottenere leffetto desiderato; Sintomi di astinenza: malessere psichico e/o fisico che si manifesta quando sinterrompe o si riduce il comportamento o luso della sostanza; Conflitto: conflitti interpersonali tra il soggetto e coloro che gli sono vicini, e conflitti interpersonali interni a se stesso, a causa del suo comportamento dipendente; Ricaduta: tendenza a ricominciare lattività o luso della droga dopo averla interrotta. Dipendenze tecnologiche

14 L'uso di Internet in Italia è molto diffuso secondo l'ultimo rapporto Istat su "Cittadini e Nuove Tecnologie 2011" anche se resta ancora indietro rispetto alla media europea. "Le famiglie con almeno un minorenne sono le più tecnologiche: l'84,4% possiede un pc, il 78,9% ha accesso a Internet e il 68% utilizza per questo una connessione a banda larga. All'estremo opposto si collocano le famiglie di soli anziani (>65 anni) che presentano livelli modesti di dotazioni tecnologiche. Se si confronta la disponibilità di pc, di un accesso a Internet e di una connessione a banda larga, il divario tra i nuclei in cui il capofamiglia è un operaio e quelli in cui è un dirigente, un imprenditore o un libero professionista è di circa 24 punti percentuali a favore di questi ultimi. Dipendenze tecnologiche Luso di internet in Italia

15 Dipendenze tecnologiche Gli utenti di Internet negli ultimi tre mesi hanno utilizzato la rete prevalentemente per spedire o ricevere (80,7%) cercare informazioni su merci e servizi (68,2%). Cresce rispetto al 2010 la quota di coloro che usano Internet per leggere news o giornali on line (+7 punti percentuali), per informarsi su merci e servizi (+5,4), avere informazioni sanitarie (+5). Quasi la totalità delle persone di 6 anni e più che utilizzano Internet sa usare un motore di ricerca (94,2%) e una quota molto elevata sa spedire con allegati (83,1%). Oltre la metà degli utenti della rete sa trasmettere messaggi in chat, newsgroup o forum di discussione on line (52,7%) e il 41,3% sa caricare testi, giochi, immagini, film o musica, ad esempio, su siti di social networking". Luso di internet in Italia

16 Dipendenze tecnologiche Accanto agli indubbi vantaggi e opportunità (fornire e ricevere informazioni senza limiti) vi sono anche degli svantaggi, uno è rappresentato dal fatto che un uso spropositato di Internet possa generare dipendenza e quindi aumentare i bisogni sanitari di aiuto e nuove forme di sofferenza. Volendo stimare il fenomeno della net-dipendenza in Italia, è possibile affermare che sul totale degli utilizzatori del web (circa 14 milioni), 1,5 milioni sono affetti da Internet addiction disorder e circa 3 milioni sono a rischio. Internet: opportunità o rischio

17 Dipendenze tecnologiche La ricerca è stata effettuata nel periodo marzo – novembre 2009 attraverso 6200 questionari standardizzati distribuiti ai lavoratori di cinque aree industriali (Milano, Como, Prato, Napoli, Taranto). L'indice medio di restituzione è stato il 34,3%. A Prato sono stati distribuiti in tutto 1000 questionari, ne sono tornati spontaneamente 380 (38%). Il questionario indagava le seguenti aree (droghe sintetiche, gioco dazzardo, net-dipendenza, conseguenze delluso di sostanze sul lavoro) Net dipendenza fra i lavoratori: la ricerca Euridice

18 Dipendenze tecnologiche Si può stabilire che circa 10% dei partecipanti alla ricerca è esposto al rischio net-dipendenza in maniera significativa e che questo rischio è maggiormente presente in coloro i quali hanno punteggi alti ai seguenti indicatori: lo stato d'animo depressogeno, la perdita d'autocontrollo e la procrastinazione. Dai dati delle diverse realtà produttive emerge che i gruppi maggiormente a rischio di net-dipendenza sono quelli di Taranto e di Napoli seguiti da quello di Prato, molto distanziati, ma non esenti od immuni, i gruppi di Milano e Como. Net dipendenza fra i lavoratori: risultati

19 Dipendenze tecnologiche Luso eccessivo della rete porta progressivamente a difficoltà soprattutto nellarea relazionale dellindividuo, sia familiare che scolastico, cosicché il soggetto viene assorbito totalmente dalla sua esperienza virtuale, rischiando di rimanere agganciato alla rete e rischiando anche gravi episodi dissociativi. (Cantelmi et al 2000, Wiemer-hasting 2005) INTERNET ADDICTION DISORDER

20 Dipendenze tecnologiche Fase tossicofilica: è caratterizzata da unattenzione ossessiva per la mailbox, una polarizzazione ideo- affettiva su temi inerenti la rete, un incremento del tempo di permanenza on line con difficoltà a sopendere, intensa partecipazione a chat e newgroup, collegamenti notturni e perdita di sonno. INTERNET ADDICTION DISORDER La dipendenza da internet passa attraverso diverse fasi:

21 Dipendenze tecnologiche Fase tossicomaniaca: è correlata a fenomeni psicopatologici ed è caratterizzata dallincontro con i MUD e da collegamenti così prolungati da compromettere la vita sociale. INTERNET ADDICTION DISORDER

22 Dipendenze tecnologiche INTERNET ADDICTION DISORDER Alcune caratteristiche quali lanonimato e lassenza di vincoli spazio-temporali, creano uno spazio psicologico in cui il soggetto può proiettare i propri vissuti e le proprie fantasie, contribuendo allo sviluppo di una vera e propria dipendenza dal mondo virtuale. (Del Miglio, Corbelli 2003)

23 Dipendenze tecnologiche INTERNET ADDICTION DISORDER In particolare ladolescente avendo unidentità ancora fluida sente il bisogno di rifuggire da una definizione di sé e lutilizzo di internet e di uno pseudonimo gli consentono di creare una persona on line, una maschera che crea uninterfaccia tra sé e gli altri.

24 Dipendenze tecnologiche Cybersexual addiction Cyber-Relational Addiction Dipendenza da giochi di ruolo on line Information overload INTERNET ADDICTION DISORDER LInternet Addiction non è una categoria omogenea ma si manifesta sotto varie forme (Cantelmi et al 2000)

25 1 Cybersexsual Addiction : è luso compulsivo di siti dedicati al sesso virtuale ed alla pornografia. Per alcuni il cybersesso diventa gradualmente la principale fonte di gratificazione sessuale al punto da ridurre linteresse per il partner reale. Dipendenze tecnologiche INTERNET ADDICTION DISORDER

26 2 Cyber-Relational Addiction : è la tendenza ad instaurare relazioni amicali o amorose con persone incontrate on line. Le applicazioni più utilizzate sono le , ma soprattutto le chat ed i newsgroup. A poco a poco le relazioni virtuali diventano più importanti di quelle reali ed il soggetto si isola, vivendo in un mondo parallelo popolato di persone idealizzate. Le relazioni che nascono in rete sono spesso destinate a restare tali, in quanto si rifiuta lidea di conoscersi realmente per mantenere unimmagine virtuale di sé idealizzata. Si tratta di relazioni in cui viene costruita unimmagine idealizzata dellaltro che corrisponde più ai bisogni affettivi soggettivi che alla realtà della persona con la quale si entra in contatto. Dipendenze tecnologiche INTERNET ADDICTION DISORDER

27 3 Dipendenza da giochi di ruolo on line I giochi di ruolo in rete (Holeton 1998) usano la rete per far giocare tra loro più utenti simultaneamente. Il giocatore si immedesima in un personaggio con il quale finisce per identificarsi. Anche in questo caso può comparire un comportamento additivo per il quale il soggetto tenderà a dedicare gran parte del tempo al gioco mettendo in crisi i rapporti interpersonali e gli impegni della vita reale. Dipendenze tecnologiche INTERNET ADDICTION DISORDER

28 Dato che il gioco può svilupparsi pressoché allinfinito secondo trame ed intrecci successivi, uno degli elementi che può tenere avvinto il giocatore al computer è la sensazione di non vanificare gli sforzi fino a quel punto compiuti per porre in condizioni favorevoli i propri avatar, le icone che rappresentano figurativamente il giocatore e che realizzano per lui sul video del computer atti, comportamenti, decisioni, strategie. Dipendenze tecnologiche INTERNET ADDICTION DISORDER Avatar: il termine deriva dal sanscrito e indica, in tuttaltro contesto, lincarnazione della divinità in un corpo umano, possiede dunque un potere evocativo e allusivo straordinario.

29 4): Information overload: Si dipende dalla ricerca continua ed estenuante di informazioni di cui si va in cerca per ore ed ore di collegamento. Si passa da un sito allaltro (web surfing) e si passano in rassegna dati su dati, siti di news ed informazioni, grandi portali, siti tematici ecc… Una ricerca frenetica che si tenta inutilmente di ridurre e che perdura anche se il tempo trascorso in rete aumenta a scapito del lavoro, famiglia vita sociale e di relazione Dipendenze tecnologiche INTERNET ADDICTION DISORDER

30 PERSONALITA E FATTORI DI RISCHIO Alcuni autori dopo un certo periodo di osservazione prolungata di alcuni casi di abuso del computer hanno evidenziato lo stereotipo del computer dipendente: prevalentemente un adolescente maschio con poca o nessuna vita sociale e con poca o nessuna fiducia in sé stesso, e con alti livelli di ansia sociale (Masalin, Moore 2004, Baiocco 2005)

31 PERSONALITA E FATTORI DI RISCHIO Il computer viene usato come un amico elettronico che supplisce lassenza di relazioni reali. La motivazione principale per luso del computer è la necessità di socializzare di rifugiarsi nella rete per contrastare la depressione, lisolamento sociale, ed altri deficit di tipo fisico o psichico. Con molta probabilità internet può diventare irresistibile per vari motivi: 1 permette la corrispondenza tra persone che condividono un interesse reciproco 2 è un simbolo di status e di modernità che può nutrire lautostima 3 permette di essere ascoltati ed apprezzati indipendentemente dallaspetto personale.

32 PERSONALITA E FATTORI DI RISCHIO Sono state identificate due tipologie di retinomani: 1 i soggetti con pregressa psicopatologia, rappresentati da pazienti con disturbi dellarea affettiva e con tratti ossessivi compulsivi; 2 i dipendenti da internet senza pregressa psicopatologia avvalora lipotesi secondo la quale il rischio psicopatologico delluso della rete deriva dalle stesse caratteristiche della comunicazione telematica che consentirebbe allutente di vivere una condizione di onnipotenza. (Cantelmi et al 2000)

33 COSA PRODUCE LA GRATIFICAZIONE CHE PORTA ALLA DIPENDENZA? Si può ipotizzare che alcuni soggetti trovano soddisfazione nelluso di quei servizi (chat, mailing list, MUD) che facilitano il contatto interpersonale, il riconoscimento sociale, il senso di appartenenza, e lautorealizzazione.

34 MONDO PIU FACILE Si può ipotizzare che agli occhi di un adolescente questo mondo sia più leggero, lontano dalle responsabilità di ogni giorno, dalla sofferenza, dalle ingiustizie…..

35 FAMIGLIA COME RISORSA INFORMAZIONE: Per prima cosa le famiglie devono essere informate che il disagio in un adolescente, la paura di mettersi alla prova, o di fuggire dal dolore possono portare a comportamenti patologici di questo tipo.

36 FAMIGLIA COME RISORSA Quando i genitori si accorgono che si manifestano alcuni comportamenti quali trascorrere molte ore davanti al computer, la perdita dei contatti con i coetanei, le alterazioni del tono dellumore, la deprivazione del sonno, alterazioni del vissuto temporale siamo di fronte ad un comportamento sintomatico. I genitori riferiscono che quando provano a sottrarre il computer il figlio manifesta ansia fino ad arrivare a comportamenti aggressivi.

37 FAMIGLIA COME RISORSA Come in tutte le dipendenze patologiche la dipendenza da internet provoca un forte disagio in tutto il sistema familiare, la vita dei genitori e dei fratelli spesso ruota intorno a colui che manifesta questo sintomo.

38 FAMIGLIA COME RISORSA In questi casi è indicata la terapia familiare perché aiuta ciascuno dei componenti della famiglia a condividere la propria sofferenza, da qui la possibilità che emerga una comunicazione più efficace che possa portare a ristabilire un nuovo equilibrio in famiglia.

39 GRAZIE PER LATTENZIONE Dott.ssa A. Manfredi Direttore Ser.T. A.S.L. 4 Prato


Scaricare ppt "Sicurezza in rete: uso ed abuso Dott.ssa A. Manfredi Direttore Ser.T. A.S.L. 4 Prato."

Presentazioni simili


Annunci Google