La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aorn A. Cardarelli, Unita Alzheimer, Gabriella Finizio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aorn A. Cardarelli, Unita Alzheimer, Gabriella Finizio."— Transcript della presentazione:

1 Aorn A. Cardarelli, Unita Alzheimer, Gabriella Finizio

2 La parola empatia deriva dal greco "εμπαθεια" (empateia, a sua volta composta en- "dentro" e pathos "sofferenza o sentimento")greco Questo termine che veniva usato per indicare il rapporto emozionale di partecipazione che legava l'autore-cantore al suo pubblico.

3 Nelle scienze umane, l'empatia indica un atteggiamento verso gli altri caratterizzato da uno sforzo di comprensione intellettuale dell'altro, senza tenere conto di giudizi morali e di simpatie o antipatie.scienze umane

4 Lempatia è la capacità di immedesimarsi in unaltra persona, e quindi di riuscire a vivere le stesse sensazioni che questa persona prova in un dato momento. Comunemente: Mettersi nei panni dellaltro.

5 E una forma profonda e potente di comunicazione fra le persone. Non è necessariamente legata alluso delle parole, infatti può essere espressa anche attraverso il linguaggio del corpo (es. espressioni del volto o gesti)

6 Lempatia è fondamentale per intuire le intenzioni e le azioni altrui.

7 Per comprendere le emozioni, le sensazioni, i sentimenti e gli stati danimo di chi sta intorno.

8 Ci permette di entrare più facilmente in sintonia con le persone con cui interagiamo, anzi si può dire che rappresenta uno degli strumenti basilari di una comunicazione efficace e gratificante.

9 Si basa su un processo complesso di simulazione interna degli stati altrui. Molte ricerche hanno dimostrato che osservare le azioni, o le espressioni facciali di altri individui provoca lattivazione delle stesse aree cerebrali che sono attive quando è losservatore ad eseguire quelle stesse azioni o ad assumere le stesse espressioni facciali.

10 Il sistema mirror (specchio) include alcune aree del nostro cervello che risultano attive sia durante losservazione di azioni, sia durante lesecuzione delle stesse azioni.

11 Attualmente gli studiosi ritengono che i neuroni mirror nelluomo siano localizzati nella parte inferiore dei lobi frontali.

12 Lempatia dunque è una capacità innata, tuttavia molti di noi hanno delle capacità empatiche più spiccate… quindi come possiamo migliorare la nostra empatia? 1. Cercando di comprendere laltro senza giudicarlo… 2. Ogni persona è un mondo da scoprire… 3. Metterci nei panni degli altri per immaginare cosa proveremmo noi in una determinata situazione è un ottimo esercizio per comprendere meglio i sentimenti e gli stati danimo altrui: gioia, ansia, sofferenza etc…

13 Immedesimarsi negli altri ci aiuta ad evitare di ferire chi ci sta attorno e a capire meglio chi abbiamo di fronte… E quindi un esercizio fondamentale per costruire relazioni sociali serene e soddisfacenti!


Scaricare ppt "Aorn A. Cardarelli, Unita Alzheimer, Gabriella Finizio."

Presentazioni simili


Annunci Google