La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L A FIGURA DEL CAVALIERE NEL CORSO DEI SECOLI Percorso storico – letterario – artistico sulla figura del cavaliere come uomo di valore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L A FIGURA DEL CAVALIERE NEL CORSO DEI SECOLI Percorso storico – letterario – artistico sulla figura del cavaliere come uomo di valore."— Transcript della presentazione:

1 L A FIGURA DEL CAVALIERE NEL CORSO DEI SECOLI Percorso storico – letterario – artistico sulla figura del cavaliere come uomo di valore

2 L EVOLUZIONE DELLA FIGURA DEL CAVALIERE CAVALIERE : DAL LATINO CABALLARIUS, ADDESTRATORE DI CAVALLI

3 I L CICLO CAROLINGIO Inizialmente, il cavaliere era un guerriero professionista che considerava la violenza come unica e basilare forma di vita; gli unici valori che egli considerava validi erano legati alla carriera militare come la destrezza, la sete di gloria o la superiorità in battaglia. A volte, si lasciava andare anche ad atti di tracotanza, trasformandosi in un vero brigante o fuorilegge. Con lavvento della società feudale e della Chiesa nellXI secolo, e dunque con lindebolimento del potere centrale, il cavaliere mutò radicalmente la sua funzione, andando a costituire mano a mano una casta chiusa ed elitaria. Pertanto, il termine cavaliere da costituire inizialmente unesigenza di ordine sociale, diviene un titolo onorifico, espressione di uno status privilegiato. Egli è innanzitutto un IDENTIKIT: 1.Uomo senza macchia e senza paura 2.Uomo dotato di virtù come la lealtà, il coraggio e il servizio verso il prossimo 3.Spera nella gloria del suo nome 4.Rispetto dellavversario 5.In cambio di privilegi sociali e materiali assicura al sovrano il suo servizio militare; tale patto detto omaggio viene sancito durante linvestitura IDENTIKIT: 1.Uomo senza macchia e senza paura 2.Uomo dotato di virtù come la lealtà, il coraggio e il servizio verso il prossimo 3.Spera nella gloria del suo nome 4.Rispetto dellavversario 5.In cambio di privilegi sociali e materiali assicura al sovrano il suo servizio militare; tale patto detto omaggio viene sancito durante linvestitura VASSALLO

4 Tuttavia, i valori del cavaliere vennero poi rivalutati in chiave etico - religiosa, divenendo di conseguenza anche un PALADINO, anticipando quindi quelle che sarebbe stata limportanza del cavaliere durante le crociate. 1.Difensore della cristianità 2. Restauratore di pace 3. Protettore delle popolazioni inermi e della giustizia 4.Pronto a combattere sino alla morte, scevro di debolezze o rinunce 5.Era disonorevole perdere la spada o fuggire dalla battaglia 1.Difensore della cristianità 2. Restauratore di pace 3. Protettore delle popolazioni inermi e della giustizia 4.Pronto a combattere sino alla morte, scevro di debolezze o rinunce 5.Era disonorevole perdere la spada o fuggire dalla battaglia

5 Roland jure sa fidélité à Charlemagne (enluminure d'un manuscrit de chanson de geste). Una chanson de geste è una narrazione in versi decasillabi o in alessandrini che descrive le epopee leggendarie e eroiche delle imprese guerriere dei re e dei loro cavalieri, nelle quali la comunità si riconosce e fonda su di esse la propria identità. Questo significa che i cavalieri divengono i nuovi eroi greci come Ulisse. I versi sono assonati e non rimanti e sono raggruppati in lasse. Le chansons de geste erano divulgate oralmente e cantate dai giullari in lingua doïl. Ne sono esempi Beowulf, il Cantare del Nibelunghi e il Cantar de mio Cid. Per quanto concerne, la Chanson de Roland ancora incerta rimane la sua origine che lascia pensare per di più ad una trascrizione di narrazioni popolari. È in tale esempio classico che si esaltano i valori della cavalleria, della feudalità e della fede cristiana; il testo si ispira ad un evento storico, quale il massacro a Ronceveaux nel 778 della retroguardia dellarmata di Carlomagno. Tuttavia, sono stati inseriti anche altri elementi che costituiscono pura inventiva della fantasia: ad esempio, i Saraceni in realtà altro non erano che delle truppe basche. Chansons de geste

6 R OLAND SENT QUE LA MORT LE SAISIT Jean Fouquet, Bataille de Roncevaux Roland sent que la mort le saisit, Que de la tête sur le cœur elle lui descend. (…)Il bat sa coulpe à petits coups, souvent Pour ses péchés tendit à Dieu son gant. Roland le sent, sa vie est épuisée. Vers lEspagne il est sur un mont aigu, Et dune main il bat sa poitrine. (…)Il bat sa coulpe, demande à Dieu merci. (…) Son dextre gant à Dieu il tendit; Saint Gabriel de sa main la pris. (…) Lâme du compte ils portent en paradis.

7 M ORTE DI O RLANDO E PASSIONE DI CRISTO In Francia scoppia una gran tempesta: Un uragano cè di tuono e di vento, Di pioggia e grandine che senza fine scende: Cadon le folgori ininterrottamente, Cè il terremoto: questo accade davvero. (…) A mezzogiorno vi son grandi tenebre. Non vè chiarore, se il cielo non si fende. Nessuno assiste senza averne spavento. Dicono i più <> Essi non sanno, né dicon proprio il vero, Ché questo è il lutto perché Orlando si spegne. Il terremoto, le tenebre in pieno giorno, il terrore suscitato dai segni inequivocabili di un evento straordinario, sono tutti elementi tratti direttamente dalla narrazione evangelica della morte di Cristo. E questa analogia mira a trasmettere limmagine immediata nella mente del lettore di unaristocrazia guerriera depositaria di una missione religiosa, alludendo alla figura di quello che sarà il cavaliere-crociato, la cui morte in Terrasanta per la salvezza della cristianità ripeteva quella del Redentore sulla croce. Angoulême - Cathédrale Saint-Pierre - Chanson de Roland

8 I L ROMANZO CAVALLERESCO : IL GENERE LETTERARIO PER ECCELLENZA IN LINGUA VOLGARE Il romanzo cavalleresco (XII secolo), tipo di narrazione in lingua doïl sviluppatasi nella Francia del Nord e destinata alla lettura privata, non presenta più al pubblico unimpresa militare collettiva, bensì si fossilizza sullavventura di singoli individui o piccoli gruppo di cavalieri, che costituisce un esempio per il resto della comunità. Si diffonde la figura del cavaliere come: CAVALIERE ERRANTE Egli viaggia alla ricerca di un aventure (dal latino advenio: destino, sorte, casualità) che solitamente consiste nel ritrovamento di un oggetto o di una donna, guadagnandosi così la riconoscenza da parte del signore e dimostrando di essere degno di una dama. Il tema centrale è dunque: L ESPERIENZA FORMATIVA del cavaliere, il suo PERCORSO CONOSCITIVO che gli consente di raggiungere una certa MATURAZIONE SPRITUALE e una certa gnoseologia di SE STESSO e del mondo. Il romanzo cavalleresco si distingue, quindi, per tre elementi principali: 1.Imprese meravigliose 2.Elemento magico 3.La vicenda amorosa I l romanzo cavalleresco si distingue, quindi, per tre elementi principali: 1.Imprese meravigliose 2.Elemento magico 3.La vicenda amorosa

9 Il romanzo cavalleresco, in versi di otto sillabe legate da una rima baciata consentendo così una forma scorrevole di narrazione che rompe la frammentarietà e la ripetitività delle chansons de geste. Esso recupera sia il mito classico che il materiale celtico, spesso contaminato però da una serie di interpretazioni cristiane. Ad esempio, i cavalieri della Tavola Rotonda alludono palesemente alla rappresentazione di Cristo e degli apostoli nellUltima Cena oppure il Graal, anticamente simbolo mitico legato alla sapienza, viene spesso associato al calice da cui bevve Cristo. Linventore del romanzo cavalleresco rimane lindiscusso Chrétien de Troyes, il quale utilizzò come fonte di inspirazione il mito del re Artù per dar vita al famoso ciclo bretone. Nelle sue opere, il cavaliere deve rispettare tre tipi di autorità: del signore, della donna e di Dio.

10 T RISTAN ET I SEUT : L ANTICO ROMEO E GIULIETTA Tristano si lamenta, spesso sospira per il vivo desiderio che ha di Isottta, piange, il suo cuore si dispera, quasi muore di desiderio. Il prode, nobile Tristano è morto. Era il conforto di tutti gli abitanti del regno: generoso verso i bisognosi, pronto nellaiutare gli afflitti. Isotta si avvicina al corpo, si gira verso oriente e pietosamente prega per Tristano: >. Tristano morì per il suo amore, e la bella Isotta muore per tenerezza.

11 L ANCELOT OU LE C HEVALIER DE LA CHARRETTE Il cavaliere della carretta è immerso nei propri pensieri, come colui che non ha forza né difesa di fronte ad Amore, che gli è sovrano. (…) Non ha memoria di nulla, se non di una sola cosa, per la quale egli ha posto ogni altra in oblio. (…) Intanto il suo cavallo lo portava veloce per la via migliore e più diritta, e certo non prendeva strade tortuose. In questo passo, Chrétien non mette in luce i tradizionali legati al valore militare e al coraggio, bensì il totale asservimento del cavaliere alla dama, anzi è completamente assorto nella sua meditazione amorosa che perde addirittura il controllo del suo cavallo. Il cavaliere è presentato come un servitore sottomesso al potere di Amore, stessa figura che poi verrà ripresa da Cervantes nel suo Don Chisciotte. Ultimo incontro di Lancillotto e Ginevra sulla tomba di Artù, dipinto di Dante Gabriel Rossetti HnDxo97iJ0

12 P ERCEVAL In Perceval viene narrato il tortuoso percorso conoscitivo e di formazione che conduce il protagonista ad acquisire lentamente una piena consapevolezza della propria identità e dei propri doveri. In realtà. Il romanzo è rimasto incompiuto, interrompendosi prima che Perceval svelasse il mistero di tale oggetto, la cui origine va ricercata nelle antiche saghe celtiche. Quindi, lopera di Chrètien non solo si caratterizza per lavventura, liniziazione e la conoscenza ma soprattutto per il mistero. UmN6M

13 I L CAVALIERE - POETA A partire dal XIII secolo, si assiste alla crisi del ceto guerriero per cui molti cavalieri senza né terra né signore cominciano a chiedere asilo allinterno delle corti; in pratica, si abbandono il culto della guerra che lascia ampio spazio al culto dellamore cortese. Le nuove virtù del cavaliere divengono la NOBILTÁ DANIMO e la CORTESIA. Egli si trasforma nel CAVALIERE – POETA. La finamor diviene un gioco educativo: innanzitutto, serve per perfezionarsi, per crescere spiritualmente e poi, lamore cortese insegna a servire la dama, come daltronde il servire costituiva il dovere di ogni vassallo. Solitamente, si tratta di un amore non corrisposto dato che la donna apparteneva ad una rango elevato oppure era già spostata; tuttavia, il cavaliere gioiva di tale condizione di non – possesso poiché lo aiutava ad elevarsi moralmente.

14 G UGLIELMO IX PRIMO TROVATORE Ancor mi ricordo dun mattino Quando facemmo la pace tra noi due E mi diede un dono così grande, Il suo amore e il suo anello; Dio mi faccia vivere ancora tanto Da avere le mani sotto il suo mantello. Io non mi curo di discordi altrui Che mi possano separare dal mio Buon Vicino Perché io so come succede per le chiacchiere; Per una frase che si pronuncia Certuni si vanno vantando damore: Noi ne abbiamo la carne e il coltello. Ricordo dellinvestitura; parallelismo tra patto feudale e patto amoroso: entrambi implicano una promessa di fedeltà Chiara allusione sia al desiderio sessuale che alla cerimonia dellinvestitura Donna-schermo: uso dei senhal (pseudonimi) per tutelare lintegrità morale della donna

15 N OVELLE DI BOCCACCIO Nel suo campionario di personaggi, Boccaccio inserisce nel Decameron anche la figura del cavaliere, come in NASTAGIO DEGLI ONESTI. Il cavaliere allora disse: <<(…) io era troppo più innamorato di costei che tu ora non se di quella de Trasversari; e per la sua fierezza e crudeltà andò la mia sciagura, che io un dì con questo stocco, il quale tu mi vedi in mano, come disperato muccisi, e sono alla pene eternali condannato.>> Incentrata su una consueta tematica amorosa, lorgoglio eccessivo della donna nei confronti dellamante spinto a divenire terribilmente crudele, la novella di Boccaccio offre una straordinaria rappresentazione infernale della vicenda, su ispirazione del canto XIII dellInferno di Dante.

16 M ADONNA O RETTA Questa novella non solo si distingue per la presenza del cavaliere ma anche per la scelta dellaccurata metafora, oltre che sulla capacità di narrazione, ma proprio sul racconto visto come viaggio che non sempre risulta piacevole come in tal caso. Anzi, il cavaliere che ci propone Boccaccio è alquanto inetto. Messer, questo vostro cavallo ha troppo duro trotto, per che io vi priego che vi piaccia di pormi a piè!

17 G UIDO CAVALCANTI Tralle quali nera una cotale, che in diversi luoghi per Firenze si ragunavano insieme i gentili uomini delle contrade e facevano lor brigate di certo numero. (…) E similmente si vestivano almeno una volta allanno, e insieme i dì più notabili cavalcavano per la città e talora armeggiavano (…). In questa novella, vengono esaltate in maniera alquanto negativi le abitudini di questa sorta di cavalieri. Anzi, è proprio il motto arguto di Cavalcanti che sottolinea la loro inferiorità morale ed intellettuale; essi sono quasi come morti, dato che spendono la loro vita esclusivamente nellozio.

18 XV-XVI SECOLO : RIPRESA DEL POEMA EPICO Il Rinascimento si caratterizza per la ripresa del poema epico, volgendo lo sguardo sia verso le opere classiche, specialmente virgiliane, che al ciclo carolingio e bretone, tentando di conferire al volgare una dignità letteraria pari a quella del latino. Inizialmente, si assiste alle prime composizioni di cantari in ottave, nei quali si mescolano aspetti epici e romanzeschi e si impiega lottava rima, di invenzione tutta boccacciana, che presto diventerò la forma scelta per le narrazioni lunghe in versi. Principalmente, il poema epico si riprende per due motivi: esso ben si congegna ad accogliere il motivo encomiastico – celebrativo, vale a dire far risalire lorigine del signore presso cui lintellettuale era ospitato, ad un paladino illustre; e chiaramente, scelta migliore non avrebbe potuto che essere un vassallo della corte di Carlo Magno; una questione di intrattenimento; si ripristinano gli ideali di gentilezza e virtù cavalleresche tipiche delle corte, come la gloria, il coraggio, la lealtà e laudacia.

19 LO RLANDO INNAMORATO Matteo Maria Boiardo, sempre per questioni di intrattenimento della corte, inserisce nel suo eccelso poema, oltre che lelemento cavalleresco, lelemento amoroso, il quale viene visto come la forza dominante, come il principale motore delle azioni umane a cui tutti sono soggetti. Quindi, la figura dellOrlando cavaliere si sposa con quella di orlando uomo. Signori e cavallier che ve adunati Per odir cose dilettose e nove, Stati attenti e quieti, ed ascoltati La bella istoria che il mio canto muove; (…) Non vi par già, signor, meraviglioso Odir cantar dOrlando innamorato, ché qualunque nel mondo è più orgoglioso è da Amor vinto, al tutto subiugato; Né forte braccio, né ardire animoso, Né scudo o maglia, né brando affilato, Né altra possanza può mai far diffesa Ché al fin non sia dAmor battuta e persa. Boiardo avverte il suo pubblico che la sua opera contiene nuovi contenuti, comunque dilettevoli. Tutti gli uomini sono soggetti alla forza di Amore, perfino il valoroso paladino Orlando e il titolo dellopera lo esprime a caratteri cubitali. Questa novella è nota a poca gente, Perché Turpino istesso la nascose, Credendo fosse a quel conte valente Esser le sue scritture dispettose, Poi che contra ad Amor pur fu perdente Colui che vinse tutte le altre cose; Dico dOrlando, il cavaliere adatto. Non più parole ormai, veniamo al fatto. Giustificazione di Boiardo (tecnica simile a quella di Manzoni): egli ha ritrovato il poema scritto da Turpino. Il motivo encomiastico è presente nel II canto.

20 O RLANDO FURIOSO Ariosto, come Boiardo, inserisce nel suo poema non solo lelemento amoroso, ma anche la follia, un tema tipicamente rinascimentale; Ariosto, è vero sì che considera alcuni valori del mondo cavalleresco ancora validi, però comunque guarda mediante un distacco ironico a quelle virtù proprio per invitare lo stesso lettore a tenere costantemente distinto il piano della realtà da quello dellidealizzazione. Egli inserisce pure eventi storici contemporanei al suo tempo e le valutazioni del nuovo, come il giudizio negativo sulle armi da fuoco. Lopera si caratterizza per la presenza di molteplici storie, nonostante rimanga come canovaccio la guerra tra saraceni e cristiani (allusione alla Chanson de Roland). Oh gran bontà de cavallieri antiqui! Strofa 22, canto I Tale frase deve essere considerata o come un commento della frase precedente e quindi, come una sorta di nostalgia verso quegli ideali cavallereschi ormai perduti oppure come anticipazione di quanto detto successivamente. I due cavalieri, Ferraù e Ruggiero, nonostante siano di religione e culture differenti, non si temono, in quanto sono entrambi consapevoli che laltro rispetterà il patto, vale a dire non lo colpirà alle spalle. Pertanto, viene esaltata in questo senso, la fiducia, la lealtà nel nemico.

21 1 Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori, le cortesie, l'audaci imprese io canto, (…) 2 Dirò d'Orlando in un medesmo tratto cosa non detta in prosa mai, né in rima: che per amor venne in furore e matto, d'uom che sì saggio era stimato prima; se da colei che tal quasi m'ha fatto, che 'l poco ingegno ad or ad or mi lima, me ne sarà però tanto concesso, che mi basti a finir quanto ho promesso. 3 Piacciavi, generosa Erculea prole, ornamento e splendor del secol nostro, Ippolito, aggradir questo che vuole e darvi sol può l'umil servo vostro. Quel ch'io vi debbo, posso di parole pagare in parte e d'opera d'inchiostro; né che poco io vi dia da imputar sono, che quanto io posso dar, tutto vi dono. 4 Voi sentirete fra i più degni eroi, che nominar con laude m'apparecchio, ricordar quel Ruggier, che fu di voi e de' vostri avi illustri il ceppo vecchio. (…) Ariosto non comincia con alcuna introduzione rispetto a Boiardo; i contenuti sono i medesimi e le donne occupano il primo posto. Paragone tra la follia di Ariosto e quella di Orlando. Dedica e ringraziamento al cardinale Ippolito dEste che ha ospitato Ariosto presso la sua corte a Ferrara. Motivo encomiastico: origine degli Estensi attribuita al valoroso guerriero Ruggiero.

22 FOLLIA DI ORLANDO: Angelica e Medor con cento nodi Legati insieme, e in cento lochi vede. Quante lettere son, tanti son chiodi Coi quali Amore il cor gli punge e fiede. Va col pensier cercando in mille modi Non creder quel ch al suo dispetto crede: Ch Altra Angelica sia, creder si sforza, Ch abbia scritto il suo nome in quella scorza. LA FINE DEL LIBRO: Oh di che belle e sagge donne veggio, Oh di che cavallieri il lito adorno! (…) così falla al pagano ogni pensiero Duscir di sotto al vincitor Ruggiero. (…) E due e tre volte ne lorribil fronte, Alzando, più chalzar si possa, il braccio, Il ferro del pugnale a Rodomonte Tutto nascose, e si levò dimpaccio. Anche alla fine del libro come nel proemio le donne occupano una posizione di rilievo rispetto agli uomini. Chiaramente, dato che da Ruggiero discende il ceppo vecchio della dinastia degli Estensi spetta a lui lultima vittoria e per di più, innamorato di Bradamante, decide di convertirsi al cristianesimo.

23

24 T ASSO E C ERVANTES Anche Tasso, nella sua Gerusalemme Liberata, riprende la figura del cavaliere rifacendosi ad un evento storico accertato, vale a dire le crociate; in questo modo, non solo diletta il suo pubblico ma gli fornisce anche giovamento, un insegnamento, insomma, alimenta nei lettori un desiderio di maggiore fede verso la religione cattolica. Daltronde, Tasso utilizza proprio lespediente del meraviglioso cristiano per ribadire il primato della Chiesa, dato che lo stesso autore si ritrova a vivere nel periodo della Controriforma.

25 Il "Don Chisciotte" si colloca nel "siglo de oro" della letteratura spagnola ed è una delle più alte espressioni di unepoca, che include una straordinaria varietà di generi letterari. Nel Don Chisciotte lo scrittore usa il dissolvimento dellantico mondo cavalleresco e la contraddittorietà del presente come materia di trasformazione parodistico- fantastica. Il primo fine, dichiarato esplicitamente nel Prologo dallo stesso Cervantes, è quello di ridicolizzare i libri di cavalleria e di satireggiare con il mondo medioevale, tramite il "folle" personaggio di Don Chisciotte; infatti in Spagna la letteratura cavalleresca, importata dalla Francia, aveva avuto nel cinquecento grande successo, dando luogo al fenomeno dei "lettori impazziti". Inoltrandosi nella lettura, subito dopo le prime avventure, Don Chisciotte perde gradualmente la connotazione di personaggio "comico" e acquista uno spessore più complesso. Lo stesso romanzo diventa ben presto ben più che una parodia o un romanzo eroicomico. Il "folle" cavaliere ci mostra il problema di fondo dellesistenza, cioè la delusione che luomo subisce di fronte alla realtà, la quale annulla limmaginazione, la fantasia, le proprie aspettative, la realizzazione di un progetto di esistenza con cui luomo si identifica. Il "disinganno", cioè il tema dello scontro struggente tra ideale e reale, che ritroviamo nel romanzo, fu per Cervantes, non solo un motivo poetico, ma anche unesperienza personale.

26 A LFRED DE V IGNY : LE C OR DE R OLAND Alfred de Vigny utilizza il corno di Orlando per farne un simbolo grazie al quale egli abborda temi filosofici come la solitudine del genio, i rapporti tra Dio e lumanità e lingiustizia. Âmes des Chevaliers, revenez- vous encor? Est-ce vous qui parlez avec la voix du Cor? Roncevaux! Roncevaux! Dans ta sombre vallée Lombre du grand Roland nest donc pas consolée!

27 L A LÉGENDE DES SIÈCLES : VICTOR H UGO Victor Hugo non solo riprende la forma epica, offrendo alla letteratura francese la sua epopea più bella dopo la Chanson de Roland, ma restituisce proprio la vita al personaggio mitico di Orlando. La citazione successiva riguarda il combattimento tra Orlando e Oliviero. Ils se battent – combat terrible!- corps à corps. Voilà déjà longtemps que leurs chevaux sont morts; Ils sont là seuls tous deux dans une île du Rhône. Le fleuve à grand bruit roule un folt rapide et jaune (…)

28 I TALO CALVINO : IL CAVALIERE INESISTENTE In questo romanzo l'autore ha trasportato alcuni "aspetti tipici" della società moderna nei tempi passati. Calvino ha scritto questo testo in modo che possa essere letto su due livelli di interpretazione: come un semplice romanzo fantastico ambientato nel medioevo, oppure come una trasposizione della società moderna ambientata al tempo di Carlo Magno. Il cavaliere inesistente riflette la condizione delluomo contemporaneo che molto spesso tende a seguire lopinione pubblico, rifugiandosi dalla sua stessa identità.

29 Tuttoggi, anche in film come Batman e Il signore degli anelli il cavaliere viene visto come restauratore di pace e difensore del bene nella lotta contro il male. dk8wpo


Scaricare ppt "L A FIGURA DEL CAVALIERE NEL CORSO DEI SECOLI Percorso storico – letterario – artistico sulla figura del cavaliere come uomo di valore."

Presentazioni simili


Annunci Google