La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Liturgia La Spiritualità cristiana.. Se la Carità è il cuore della Chiesa... La Liturgia e la Spiritualità?!?!

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Liturgia La Spiritualità cristiana.. Se la Carità è il cuore della Chiesa... La Liturgia e la Spiritualità?!?!"— Transcript della presentazione:

1 La Liturgia La Spiritualità cristiana.

2

3 Se la Carità è il cuore della Chiesa... La Liturgia e la Spiritualità?!?!

4 La Liturgia e la Spiritualità sono i polmoni… Rappresentano il respiro della Chiesa

5 Senza il respiro… …con il respiro!

6 Non si tratta di inventare, bensì di accogliere e avere consapevolezza

7 La Liturgia è prolungamento ed esercizio della funzione sacerdotale di Cristo. (SC 7)

8 I due atteggiamenti fondamentali della Liturgia e della Spiritualità: GUSTARE ARMONIZZARE

9 Attenzione al rischio di… Parlare tanto e capire poco!

10 Attenzione al rischio di… Rispondere alle domande invece di formulare proposte!

11 Attenzione al rischio di… Cercare norme e regole invece di condividere criteri!

12 Leggiamo il testo…

13 La Liturgia non è tanto unazione che parte dalluomo verso Dio, quanto piuttosto un momento dellazione salvifica di Dio che si rivela e si rende presente alluomo.

14 Pertanto, la LITURGIA si presenta come il luogo privilegiato ed emblematico dellincontro in Gesù con Dio-Trinità e per questo fonte della SPIRITUALITÀ cristiana.

15 Infatti, la Spiritualità nasce dallincontro con Cristo e si nutre della conoscenza di Lui.

16 LEucaristia si presenta allora come fonte e culmine della Spiritualità oltre che della Liturgia.

17 Aprendoci poi alla prospettiva del tempo, allargheremo la riflessione allAnno Liturgico che vive del Dies Domini e trova il suo centro nella celebrazione della Pasqua.

18 Tutta questa ricchezza necessita di un percorso, che introduca progressivamente a gustare lincontro con Cristo, per poter vivere di Lui nella Chiesa e con la Chiesa. Affronteremo perciò la riflessione sull Iniziazione Cristiana, che deve condurre al cuore della Liturgia e della Spiritualità.

19 Si tratta di un cammino che ha bisogno di compagni di viaggio che, formati, sappiano condividere la ricchezza ricevuta e fatta propria; per questo unultima sezione inviterà ad affrontare la tematica della formazione degli operatori pastorali.

20 LEucaristia fonte e culmine LAnno Liturgico nella prospettiva del tempo

21 Eucaristia Anno Liturgico 1. Rito 2. Ministero 3. Parola di Dio 4. Partecipazione attiva Canto Liturgico 1. Pietà popolare Feste 2. Pellegrinaggi La Liturgia e la Spiritualità vivono di …

22 2. LEucaristia: fonte e culmine

23 «Iuxta dominicam viventes»: questa frase di santIgnazio dAntiochia, che definisce i cristiani come coloro che vivono secondo la domenica, mette chiaramente in luce il nesso tra realtà eucaristica e vita quotidiana. Eucaristia domenicale

24 «La domenica è il giorno in cui il cristiano ritrova quella forma eucaristica della sua esistenza secondo la quale è chiamato a vivere costantemente». (Benedetto XVI, Sacramentum Caritatis n 72)

25 La domenica rappresenta veramente il centro e il punto di riferimento del nostro agire pastorale? In che modo? Riusciamo ad evidenziare cosa voglia dire la forma eucaristica della vita del cristiano? Come lo facciamo concretamente?

26 2.1 RITO

27 Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora, disse la volpe. Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell'ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore... Ci vogliono i riti.

28 Il Rito va prima di tutto accolto È un già dato, come nellincontrare chi mi sta di fronte. Il Rito va vissuto simbolicamente Il Rito va preparato Inserito nel ritmo di vita Non basta spiegare un simbolo, occorre un coinvolgimento personale. Non produce cose, ma ha la capacità di toccare ed esprimere lintimo.

29 Quale consapevolezza dellimportanza del Rito viviamo nella nostra comunità? Quali i percorsi che introducono i cristiani adulti e i fanciulli a riscoprire il senso del Rito e la sua portata simbolica? Come vivere la ritualità senza cadere nella abitudinarietà?

30 2.2 I Ministeri

31 Allinterno dellunica azione liturgica agiscono diverse persone che si pongono a servizio di essa. Lesercizio dei ministeri nella liturgia si fonda sul sacramento comune del Battesimo, pertanto tutti i battezzati sono chiamati ad esercitare il proprio ministero; alcuni esigono competenze naturali, oltre che acquisite.

32 Tra i vari ministeri a servizio della liturgia, senza volerne escludere altri dalla riflessione, ci sembra utile sottolinearne almeno due: il SERVIZIO DELLACCOGLIENZA segno discreto e garbato dellamore paterno di Dio il MINISTERO DELLA CARITÀ Farsi carico delle necessità altrui, promuovere lattenzione e la preghiera per i più deboli o bisognosi, accompagnare malati o anziani In questa prospettiva una cura particolare andrebbe rivolta in maniera specifica ai divorziati risposati

33 Nelle nostre celebrazioni si respira quanto meno il desiderio di un clima di armonica collaborazione? Come coordinare il ruolo di regia di colui che presiede le celebrazioni e la ricchezza dei diversi apporti ministeriali? Quali ministeri liturgici riteniamo che andrebbero maggiormente stimolati nelle nostre comunità? Quale formazione preventiva viene oppure andrebbe richiesta per un tale ministero?

34 2.3 La parola di Dio

35 «La Chiesa ha sempre venerato le divine Scritture come ha fatto per il Corpo stesso di Cristo, non mancando mai, soprattutto nella sacra liturgia, di nutrirsi del pane di vita dalla mensa sia della parola di Dio che del Corpo di Cristo, e di porgerlo ai fedeli» (DV 21).

36 Come evidenziare la venerazione della Parola ed il suo legame con la liturgia eucaristica? Fa parte della nostra coscienza che ogni atto liturgico trova nella Sacra Scrittura la sua anima?

37 2.4 Partecipazione Attiva e Canto

38 Il Concilio ci ricorda che la partecipazione attiva è frutto di una convergenza di aspetti e di attenzioni da suscitare, accompagnare e convogliare nel mistero che si celebra.

39 Proprio per la sua efficacia il canto e la musica nella liturgia hanno una grande responsabilità: devono adattarsi al rito che accompagnano e di cui sono parte integrante!

40 Fa parte della consapevolezza della comunità la necessità e la cura di un canto riservato alla liturgia? Come far diventare coscienza comune che non si può immaginare una Parola che non sia cantata, almeno nei salmi? Come comporre il canto dei gruppi o dei movimenti e il canto di tutta la comunità parrocchiale e diocesana? Quali le esigenze riguardo a un repertorio diocesano? Quale attenzione cè per il canto nelle celebrazioni non domenicali? Ed in quelle esequiali?

41 Eucaristia Anno Liturgico 1. Rito 2. Ministero 3. Parola di Dio 4. Partecipazione attiva Canto Liturgico 1. Pietà popolare Feste 2. Pellegrinaggi La Liturgia e la Spiritualità vivono di …

42 3. lAnno Liturgico nella prospettiva del tempo

43 La Chiesa considera suo dovere celebrare l'opera salvifica del suo sposo divino mediante una commemorazione sacra, in giorni determinati nel corso dell'anno. Ogni settimana, nel giorno a cui ha dato il nome di domenica, fa memoria della risurrezione del Signore Nel corso dell'anno poi distribuisce tutto il mistero di Cristo

44 La vita pastorale parrocchiale risente chiaramente dei tempi dellanno liturgico? Nel corso dellanno riusciamo a curare con proporzione ogni aspetto del vivere cristiano (catechesi-liturgia-carità, festa-ferialità, attenzione alla storia passata-alloggi-al futuro, Gesù-Maria-i santi) ?

45 3.1 Pietà popolare e Festa

46 La pietà popolare è sempre espressione della fede e cultura di un popolo, «vero tesoro del popolo di Dio» (Giovanni Paolo II), che manifesta con semplicità la sua sete di Assoluto. Le varie forme di pietà popolare presenti nelle nostre comunità vanno progressivamente armonizzate con lo spirito liturgico, purificandole ed evangelizzandole

47 Cè nella nostra comunità parrocchiale attenzione perché non ci sia espressione genuinamente umana che non venga segnata e caratterizzata in bene dallincontro con Gesù? Occorrerà saper vivere la pietà popolare da una parte evitando che si leghi eccessivamente al gusto del momento o al sentire di qualcuno, dallaltra in modo tale che non appaia troppo chiusa in un presunto perfezionismo. Qual è la sensibilità della nostra comunità parrocchiale a riguardo?

48 3.2 Pellegrinaggio

49 Il pellegrinaggio non è solo un momento di promozione umana, unesperienza intima di devozione personale, ma anche un luogo di evangelizzazione e di catechesi, un fatto comunitario. Si inserisce nella vita pastorale con il carattere delloccasionalità, va però coordinata con le diverse componenti della realtà ecclesiale.

50 Quale la considerazione con cui viene vissuto e promosso il pellegrinaggio? Quale attenzione ad inserirlo nel tempo liturgico vissuto?

51 Eucaristia Anno Liturgico 1. Rito 2. Ministero 3. Parola di Dio 4. Partecipazione attiva Canto Liturgico 1. Pietà popolare Feste 2. Pellegrinaggi La Liturgia e la Spiritualità vivono di …

52 La FORMAZIONE

53 Liturgia Spiritualità 1. Arte 2. Luoghi e spazi 1. Lectio Divina 2. Silenzio FORMAZIONE 3. Movimenti

54 Non cè liturgia da cui non traspaia la tenerezza del cuore, ma non basta aver cuore per vivere la liturgia.

55 Non cè liturgia senza un sano buon senso che garantisca lacquisizione di aspetti e atteggiamenti elementari che non vanno spiegati o studiati, ma non basta il buon senso per celebrare il mistero.

56 Non cè liturgia che non sia caratterizzata da chi la guida o dalla comunità che la vive, ma non può avvenire che divenga la sua liturgia.

57 4. Formazione alla Liturgia

58 La formazione è il fine di un processo educativo che segue e cura la totalità della crescita sinergica di tutte le dimensioni della persona, compresa quella spirituale.

59 La dimensione spirituale e i cinque sensi interagiscono nel rito e suscitano la partecipazione attiva. La liturgia forma solo se è di buona qualità. È necessario ricevere uneducazione estetica.

60 4.1 Arte

61 La liturgia è di per sé unarte perché possiede lessenza del bello. Larte ha la capacità di svelare il Mistero di rendere cioè visibile la Parola di Dio; attraverso la sua capacità di condurre oltre consente di fare esperienza della fede.

62 Come promuovere il gusto e lattenzione per larte?

63 4.2 Luoghi e spazi liturgici

64 «Oggi, con solenne rito il popolo fedele dedica a te per sempre questa casa di preghiera; qui invocherà il tuo nome, si nutrirà della tua parola, vivrà dei tuoi sacramenti. […] Ora, Padre, avvolgi della tua santità questa chiesa perché sia per tutti un luogo santo» (Preghiera di Dedicazione della Chiesa).

65 Quanto è sottolineato dellarchitettura, diventa principio ispiratore anche della cura dei singoli spazi liturgici.

66 I nostri luoghi liturgici nel loro genio artistico, manifestano chiaramente lecclesialità?

67 5. Formazione alla Spiritualità

68 Se il motore della formazione è il desiderio, allora, formarsi alla spiritualità vuol dire custodire in sé il desiderio della santità. La Santità è gustare e vivere con Gesù nello Spirito la Misericordia del Padre. «Tensione e desiderio cordiale di voler corrispondere allamore del Signore con tutto il proprio essere, pur nella consapevolezza della propria fragilità». (Sacramentum Caritatis 82)

69 Qual è la reazione immediata delle nostre comunità cristiane di fronte ad un invito alla Santità? Qual è quella degli operatori pastorali? Quali i passi che necessariamente si richiedono ad un adulto che voglia iniziare un cammino di spiritualità? Ad un giovane? Ad un anziano? Quale attenzione a curare la spiritualità nelle famiglie cristiane? Sappiamo accogliere e distinguere i germi e il desiderio di spiritualità che sono presenti in un mondo non cristiano?

70 5.1 Lectio Divina

71 La Lectio divina è un atto di lettura che diviene ascolto della Parola di Dio. È lettura personale ed attenta.

72 Viviamo la Lectio Divina come momento fondamentale dellincontro con Cristo? Come vengono introdotti i cristiani, sia bambini che adulti, alla conoscenza e alluso di questo strumento di spiritualità?

73 6.2 Silenzio

74 In principio era il silenzio. «Per mezzo del silenzio i fedeli non sono ridotti ad assistere passivamente allazione liturgica come spettatori muti ed estranei, ma sono più intimamente associati al mistero che si celebra, grazie alla disposizione interiore che nasce dallascolto della parola di Dio e dallunione spirituale con il celebrante nelle parti che egli recita». (Musicam Sacram 17)

75 In quanto comunità come consideriamo, introduciamo e viviamo il silenzio?

76 5.3 Movimenti

77 Le varie realtà ecclesiali presenti nella Chiesa propongono diverse occasioni di vivere la fede cristiana, dando ad ognuno la possibilità di trovare e custodire il modo proprio di incontrare Gesù e di portare avanti lamicizia con Lui.

78 La molteplicità dei carismi non è segno della frantumazione dellunico Spirito, ma epifania della ricchezza di Gesù, unico salvatore del mondo.

79 Liturgia Spiritualità 1. Arte 2. Luoghi e spazi 1. Lectio Divina 2. Silenzio FORMAZIONE 3. Movimenti

80 Volete farvi male?! La Liturgia e la Spiritualità …è roba dei preti!!!

81 Diciamoci le cose con carità, ma anche con chiarezza!!! … dopo aver studiato!

82 Parte da Gesù… …diventa lagire della Chiesa! letteralmente "azione del popolo" LITURGIA:

83 Non temere! Buon Lavoro!!! Cè tanto da fare! Alcuni si spaventeranno! Altri non reggeranno! Attenti: Cè chi vigila!


Scaricare ppt "La Liturgia La Spiritualità cristiana.. Se la Carità è il cuore della Chiesa... La Liturgia e la Spiritualità?!?!"

Presentazioni simili


Annunci Google