La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Regole e procedure di contrattazione per le azioni finanziate dal Programma Adriatico IPA Avv. Francesco Cuddemi Legal Expert Administrative Unit Joint.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Regole e procedure di contrattazione per le azioni finanziate dal Programma Adriatico IPA Avv. Francesco Cuddemi Legal Expert Administrative Unit Joint."— Transcript della presentazione:

1 Regole e procedure di contrattazione per le azioni finanziate dal Programma Adriatico IPA Avv. Francesco Cuddemi Legal Expert Administrative Unit Joint Technical Secretariat Adriatic IPA CBC Programme Adriatico Bologna, 16/09/20091

2 Appalti Per la stipula dei contratti per servizi, opere e forniture, le procedure d'appalto si basano sulle disposizioni di cui al capo 3 della parte 2, titolo IV del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002, al capo 3 della parte 2, titolo III, del regolamento (CE, Euratom) n. 2342/2002 e alla decisione C(2006) 117 della Commissione, del 24 gennaio 2006, sulle norme e procedure applicabili agli appalti di servizi, di forniture e opere finanziati dal bilancio generale delle Comunità europee nel quadro della cooperazione con i paesi terzi (Reg. (EC) COM 718/2007 art. 121) Servizi Forniture Lavori 2 16/09/09

3 Sovvenzioni Nellambito del Programma CBC IPA Adriatico, le sovvenzioni sono disciplinate seguendo le regole applicate ai fondi strutturali (ai sensi dellart. 53 ter (gestione concorrente), Reg. (CE, Euratom) 1605/2002, secondo la disposizione di cui allart. 98, par. 1, Reg. (CE) 718/ /09/09

4 Campi di applicazione (art. 116, Reg. (CE, Euratom) 2342/02) Servizi Gli appalti di servizi hanno per oggetto tutte le prestazioni intellettuali e non intellettuali non contemplate dagli appalti di forniture, di lavori e dagli appalti immobiliari. Queste prestazioni sono elencate negli allegati II A e II B della direttiva 2004/18/CE. Gli appalti di forniture hanno per oggetto l'acquisto, la locazione finanziaria, la locazione, l'acquisto a riscatto, con o senza opzione per l'acquisto, di prodotti. Un appalto relativo alla fornitura di prodotti e, a titolo accessorio, a lavori di posa in opera e dinstallazione, è considerato un appalto di forniture. Gli appalti di lavori hanno per oggetto l'esecuzione oppure la progettazione e l'esecuzione, congiuntamente, di lavori od opere relativi a una delle attività di cui all'allegato I della direttiva 2004/18/CE, oppure la realizzazione, con qualsiasi mezzo, di un'opera rispondente alle esigenze precisate dall'amministrazione aggiudicatrice. Per «opera» si intende il risultato di un insieme di lavori edili o di genio civile avente una funzione economica o tecnica autonoma. Forniture Lavori 4 16/09/09

5 Appalti di studi e di assistenza tecnica (art. 236, Reg. (CE, Euratom) 2342/02) Gli appalti di servizi comprendono gli appalti di studi e di assistenza tecnica. Si tratta di un appalto di studi quando il contratto concluso tra il prestatore di servizi e l'amministrazione aggiudicatrice riguarda, tra l'altro, gli studi attinenti all'individuazione e alla preparazione dei progetti, gli studi di fattibilità, gli studi economici e di mercato, gli studi tecnici, le valutazioni ed i controlli. Si tratta di un appalto di assistenza tecnica quando il prestatore di servizi è incaricato di esercitare una funzione consultiva, oppure è chiamato ad assumere la direzione o la supervisione di un progetto o a mettere a disposizione gli esperti precisati nell'appalto. Gli appalti di servizi comprendono gli appalti di studi e di assistenza tecnica. Si tratta di un appalto di studi quando il contratto concluso tra il prestatore di servizi e l'amministrazione aggiudicatrice riguarda, tra l'altro, gli studi attinenti all'individuazione e alla preparazione dei progetti, gli studi di fattibilità, gli studi economici e di mercato, gli studi tecnici, le valutazioni ed i controlli. Si tratta di un appalto di assistenza tecnica quando il prestatore di servizi è incaricato di esercitare una funzione consultiva, oppure è chiamato ad assumere la direzione o la supervisione di un progetto o a mettere a disposizione gli esperti precisati nell'appalto. 516/09/09

6 CHI DEVE APPLICARLE? Gli organismi di diritto pubblico nazionale o persone giuridiche o fisiche che sono beneficiari di una sovvenzione per lattuazione di unazione esterna Gli organismi di diritto pubblico nazionale che effettuano spese nellambito della gestione concorrente (art. 167, par. 1, lett. b e c), Reg. (CE, Euratom) 1605/02, DG Politica Regionale parere del 29/05/2009 sulla disapplicazione del par. II.8 della Decisione della Commissione n. 2034/2007. N.B. Per effetto dellart. 121 del Reg. (CE) 718/2007, la disposizione di cui allart. 238, par. 1, del Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 è disapplicata alla disciplina del Programma CBC IPA Adriatico, così come la disposizione di cui allart. 237, par. 1, del Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 è da applicarsi alla gestione concorrente, specificatamente prevista dallart. 98, par. 1, del Reg. (CE) 718/2002, per i programmi IPA transfrontalieri tra paesi membri e paesi terzi). Gli organismi di diritto pubblico nazionale o persone giuridiche o fisiche che sono beneficiari di una sovvenzione per lattuazione di unazione esterna Gli organismi di diritto pubblico nazionale che effettuano spese nellambito della gestione concorrente (art. 167, par. 1, lett. b e c), Reg. (CE, Euratom) 1605/02, DG Politica Regionale parere del 29/05/2009 sulla disapplicazione del par. II.8 della Decisione della Commissione n. 2034/2007. N.B. Per effetto dellart. 121 del Reg. (CE) 718/2007, la disposizione di cui allart. 238, par. 1, del Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 è disapplicata alla disciplina del Programma CBC IPA Adriatico, così come la disposizione di cui allart. 237, par. 1, del Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 è da applicarsi alla gestione concorrente, specificatamente prevista dallart. 98, par. 1, del Reg. (CE) 718/2002, per i programmi IPA transfrontalieri tra paesi membri e paesi terzi). 616/09/09

7 (art. 121, par. 1, comma 2, Reg. (CE) 718/07) Le disposizioni ex Reg. (CE, Euratom) 2342/2002, si applicano all'intera area del programma transfrontaliero, sia sul territorio degli Stati membri che su quello dei paesi beneficiari (art. 121, par. 1, comma 2, Reg. (CE) 718/07) Aree eligibili Aree in deroga (20%) Serbia (Phasing out ) Casi eccezionali 7 16/09/09

8 MODI PER DEFINIRE LOPERATORE (art. 116, par. 6, Reg. (CE, Euratom) 2342/02) Imprenditore Persona fisica o giuridica o un ente pubblico o un raggruppamento di tali persone e/o enti che offra al mercato la realizzazione di lavori e/o di opere Persona fisica o giuridica o un ente pubblico o un raggruppamento di tali persone e/o enti che offra al mercato la fornitura di prodotti Persona fisica o giuridica o un ente pubblico o un raggruppamento di tali persone e/o enti che offra al mercato la prestazione di un servizio Fornitore Prestatore di servizi Offerente Candidato Operatore economico che ha presentato unofferta Operatore economico che ha chiesto di partecipare a una procedura ristretta, a un dialogo competitivo o a una procedura negoziata 8 16/09/09

9 COME POSSONO ESSERE LE PROCEDURE DI SELEZIONE DEL CONTRAENTE? (art. 122, par. 1 e 2, Reg. (CE, Euratom) 2342/02) aperta Ogni operatore economico interessato può presentare unofferta Tutti gli operatori economici possono chiedere di partecipare, ma soltanto i candidati che soddisfano i criteri di selezione e che sono invitati contemporaneamente e per iscritto dalle amministrazioni aggiudicatrici possono presentare unofferta ristretta negoziata Le amministrazioni aggiudicatrici consultano i candidati di loro scelta, conformi ai criteri di selezione fissati e pattuiscono con uno o più di loro le condizioni dellappalto 916/09/09

10 LE PRINCIPALI PROCEDURE PER LOTTENIMENTO DI SERVIZI (art , Reg. (CE, Euratom) 2342/02) Procedura internazionale ristretta: Procedura internazionale ristretta: partecipano solamente i candidati (da 4 a 8, o meno in casi particolari) che soddisfano i criteri di selezione, con unofferta. Il bando di selezione dei candidati deve essere pubblicato almeno nella GUCE e su Internet (sito EuropAid, sito Programma, sito Progetto). Lelenco dei candidati prescelti deve essere pubblicato sul sito internet della CE.(sito EuropAid, sito Programma, sito Progetto) Procedura negoziata concorrenziale o competitiva contratto quadro già esistente Procedura negoziata concorrenziale o competitiva, se è impossibile o infruttuoso il ricorso ad un contratto quadro già esistente. La procedura negoziata non è aperta ma limitata ad almeno 3 offerenti a scelta da un elenco dellamministrazione aggiudicatrice e senza pubblicazione dellavviso. < > < > Procedura negoziata in base ad ununica offerta Procedura negoziata in base ad ununica offerta, limitata ad un candidato, scelto da un elenco dellamministrazione aggiudicatrice senza pubblicazione dellavviso e che risponde ai requisiti del bando 10 16/09/09

11 LE PRINCIPALI PROCEDURE PER LA SELEZIONE DEI FORNITORI DI PRODOTTI (art , Reg. (CE, Euratom) 2342/02) Procedura aperta internazionale: Procedura aperta internazionale: lI bando di selezione degli offerenti deve essere pubblicato almeno nella GUCE e su Internet (sito EuropAid, sito Programma, sito Progetto) Procedura negoziata concorrenziale o competitiva: Procedura negoziata concorrenziale o competitiva: La procedura negoziata non è aperta ma limitata ad almeno 3 offerenti a scelta da un elenco dellamministrazione aggiudicatrice e senza pubblicazione dellavviso. < < Procedura negoziata in base ad ununica offerta, Procedura negoziata in base ad ununica offerta, limitata ad un candidato, scelto da un elenco dellamministrazione aggiudicatrice senza pubblicazione dellavviso e che risponde ai requisiti del bando < < Procedura aperta locale: Procedura aperta locale: lI bando di selezione degli offerenti deve essere pubblicato almeno nella GUCE dello Stato beneficiario o con qualsiasi mezzo di comunicazione equivalente per le gare dappalto locali 1116/09/09

12 LE PRINCIPALI PROCEDURE PER LAFFIDAMENTO DEI LAVORI (art , Reg. (CE, Euratom) 2342/02) IN LINEA DI PRINCIPIO. Procedura aperta internazionale: IN LINEA DI PRINCIPIO. Procedura aperta internazionale: si applica la stessa procedura prevista per le forniture IN LINEA ECCEZIONALE. Procedura internazionale ristretta: IN LINEA ECCEZIONALE. Procedura internazionale ristretta: tenuto conto della particolarità dei lavori e previo accordo con lAdG del Programma, si applica la stessa procedura indicata per i servizi. In entrambi i casi, il bando di selezione dei candidati deve essere pubblicato almeno nella GUCE e su Internet (sito EuropAid, sito Programma, sito Progetto) IN LINEA DI PRINCIPIO. Procedura aperta internazionale: IN LINEA DI PRINCIPIO. Procedura aperta internazionale: si applica la stessa procedura prevista per le forniture IN LINEA ECCEZIONALE. Procedura internazionale ristretta: IN LINEA ECCEZIONALE. Procedura internazionale ristretta: tenuto conto della particolarità dei lavori e previo accordo con lAdG del Programma, si applica la stessa procedura indicata per i servizi. In entrambi i casi, il bando di selezione dei candidati deve essere pubblicato almeno nella GUCE e su Internet (sito EuropAid, sito Programma, sito Progetto) Procedura negoziata concorrenziale o competitiva: Procedura negoziata concorrenziale o competitiva: La procedura negoziata non è aperta ma limitata ad almeno 3 offerenti a scelta da un elenco dellamministrazione aggiudicatrice e senza pubblicazione dellavviso. < < Procedura negoziata in base ad ununica offerta, Procedura negoziata in base ad ununica offerta, limitata ad un candidato, scelto da un elenco dellamministrazione aggiudicatrice senza pubblicazione dellavviso e che risponde ai requisiti del bando < < Procedura aperta locale: Procedura aperta locale: a differenza della medesima procedura indicata per le forniture, qui iI bando di selezione degli offerenti deve essere pubblicato almeno nella GUCE e su Internet (sito EuropAid, sito Programma, sito Progetto) /09/09

13 LA PROCEDURA NEGOZIATA IN BASE AD UNUNICA OFFERTA, PREVIO CONSENSO PRELIMINARE DELLAdG DEL PROGRAMMA (Parte II, Titolo II, Capo III, Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 NEL CASO DEI SERVIZI (art. 242) NEL CASO DEI LAVORI (art. 246) NEL CASO DELLE FORNITURE (art. 244) 1316/09/09

14 ALTRE PROCEDURE PER LA SELEZIONE DEL CONTRAENTE (Parte I, Titolo V, Capo I, Sezione III, Reg. (CE, Euratom) 2342/2002) CONCORSO (art. 125), per lesecuzione di un servizio o di opere DIALOGO COMPETITIVO (art. 125 ter), nel caso dellesecuzione di servizi o lavori di particolare complessità SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIONE (art. 125 bis), nellacquisto di forniture, anche tramite ASTE ELETTRONICHE, ex art. 138 bis CONTRATTO QUADRO (art. 117), per lesecuzione di un servizio, con ricorso eventuale ad ASTE ELETTRONICHE, ex art. 138 bis, per lassegnazione dei contratti specifici 1416/09/09

15 APPALTI MISTI E APPALTI DISTINTI Nel caso di appalti che riguardano contemporaneamente la prestazione di servizi e/o la fornitura di beni e/o lesecuzione di lavori, lamministrazione aggiudicatrice, previo accordo con lAdG del Programma, determina le soglie e le procedure pertinenti sulla base delloggetto predominante del bando, valutato in base al valore relativo di ogni componente e dellimportanza operativa che viene rivestita da ogni componente dellappalto (art. 248, Reg. (CE, Euratom) 2342/2002). Non si può fissare artificiosamente un valore stimato di un appalto, al fine di sottrarlo alla procedura originariamente per esso prevista. Se risulta opportuno, lappalto può essere frazionato per lotti distinti (art , Reg. (CE, Euratom) 2342/2002). Nel caso di appalti che riguardano contemporaneamente la prestazione di servizi e/o la fornitura di beni e/o lesecuzione di lavori, lamministrazione aggiudicatrice, previo accordo con lAdG del Programma, determina le soglie e le procedure pertinenti sulla base delloggetto predominante del bando, valutato in base al valore relativo di ogni componente e dellimportanza operativa che viene rivestita da ogni componente dellappalto (art. 248, Reg. (CE, Euratom) 2342/2002). Non si può fissare artificiosamente un valore stimato di un appalto, al fine di sottrarlo alla procedura originariamente per esso prevista. Se risulta opportuno, lappalto può essere frazionato per lotti distinti (art , Reg. (CE, Euratom) 2342/2002) /09/09

16 LA PREINFORMAZIONE (art. 157, Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 Per gli appalti che riguardano laffidamento di: 1. Servizi per un valore Euro 2. Forniture per un valore Euro 3. Lavori per un valore Euro Lavviso di preinformazione sullimporto totale previsto, e sulle caratteristiche essenziali dellappalto, deve essere reso noto agli operatori interessati, al più presto possibile, nelle medesime forme di pubblicità previste per il bando Per gli appalti che riguardano laffidamento di: 1. Servizi per un valore Euro 2. Forniture per un valore Euro 3. Lavori per un valore Euro Lavviso di preinformazione sullimporto totale previsto, e sulle caratteristiche essenziali dellappalto, deve essere reso noto agli operatori interessati, al più presto possibile, nelle medesime forme di pubblicità previste per il bando 16 16/09/09

17 QUALI SONO I DOCUMENTI PER LA GARA O IL NEGOZIATO? Documenti dellAppalto In via generale: Linvito a presentare unofferta o a negoziare o a partecipare al dialogo competitivo; Il capitolato doneri o nel caso del dialogo competitivo, un documento descrittivo delle necessità ed esigenze dellamministrazione aggiudicatrice, redatto secondo le specifiche tecniche di cui allart. 131, par. 1 e 2; Il modello del contratto; Lindirizzo internet dove è possibile consultare tali documenti. Circa i contenuti di tali documenti, si rimanda allart. 130 del Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 In via speciale: Per lappalto di servizi, si rimanda allart. 249, 2° paragrafo; Per lappalto di forniture, si rimanda allart. 249, 3° paragrafo; Per lappalto di lavori, si rimanda allart. 249, 4° paragrafo. La Commissione Europea mette a disposizione tutti i modelli di documenti da utilizzare nellappalto. Si possono scaricare dal sito internet: index_en.htm index_en.htm 17 16/09/09

18 COSA CHIEDERE AGLI OFFERENTI? Art. 241, 243 e 245, Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 Offerta tecnica Offerta finanziaria Compilate nella lingua del bando (e/o in inglese) da non aprire prima della seduta dapertura delle offerte Trasmesse entro i termini di scadenza del ricevimento delle offerte indicate nellavviso dellappalto Nel caso di appalti di servizi il criterio di assegnazione è quello dellofferta economicamente più vantaggiosa, sul criterio di ripartizione 80/20 Nel caso di appalti di forniture senza assistenza, il criterio di assegnazione è quello del prezzo più basso, nel caso di assistenza post-vendita, lofferta economicamente più vantaggiosa, sul criterio di ripartizione 80/20 Nel caso di appalti di lavori, una volta valutata la capacità tecnica degli ultimi anni (3-5), il criterio di assegnazione è quello del prezzo più basso 1816/09/09

19 I TEMPI DELLE PROCEDURE DI SELEZIONE DEL CONTRAENTE (art. 251, Reg. (CE, Euratom) 2342/02) Procedura ristretta internazionale appalti di servizi: minimo 30 giorni per selezionare i candidati e minimo 50 giorni per ricevere le offerte appalti di lavori: minimo 30 giorni per selezionare i candidati e minimo 50 giorni per ricevere le offerte appalti di servizi: minimo 30 giorni per selezionare i candidati e minimo 50 giorni per ricevere le offerte appalti di lavori: minimo 30 giorni per selezionare i candidati e minimo 50 giorni per ricevere le offerte appalti di forniture: minimo 60 giorni per ricevere le offerte appalti di lavori: minimo 90 giorni per ricevere le offerte appalti di forniture: minimo 60 giorni per ricevere le offerte appalti di lavori: minimo 90 giorni per ricevere le offerte Procedura aperta internazionale Procedura aperta locale appalti di forniture: minimo 30 giorni per ricevere le offerte appalti di lavori: minimo 60 giorni per ricevere le offerte appalti di forniture: minimo 30 giorni per ricevere le offerte appalti di lavori: minimo 60 giorni per ricevere le offerte Procedura negoziata concorrenziale minimo 30 giorni per ricevere le offerte Procedura dinamica dacquisizione per ogni appalto specifico: minimo 15 giorni per ricevere le offerte indicative valutazione delle offerte indicative: massimo 15 giorni per ogni appalto specifico: minimo 15 giorni per ricevere le offerte indicative valutazione delle offerte indicative: massimo 15 giorni 19 16/09/09

20 DURATA DELLOFFERTA DEL CONTRAENTE (art. 251, Reg. (CE, Euratom) 2342/02) SERVIZI 90 giorni dalla scadenza del termine per il ricevimento delle offerte; 15 giorni dal giorno di chiusura del ricevimento delle offerte indicative, nel caso di un sistema dinamico; eventuali altri 40 giorni, ma solo in casi eccezionali e prima che scade la validità dellofferta; 60 giorni dal giorno in cui è stata notificata la notizia dellassegnazione dellappalto. 90 giorni dalla scadenza del termine per il ricevimento delle offerte; 15 giorni dal giorno di chiusura del ricevimento delle offerte indicative, nel caso di un sistema dinamico; eventuali altri 40 giorni, ma solo in casi eccezionali e prima che scade la validità dellofferta; 60 giorni dal giorno in cui è stata notificata la notizia dellassegnazione dellappalto. FORNITURE LAVORI 2016/09/09

21 REGOLE COMUNI SUI TEMPI (art. 251, Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 Gli offerenti possono, non oltre 21 giorni prima che scade il termine per la presentazione delle offerte, fare domande scritte. Lamministrazione risponde non oltre 11 giorni prima che scade il termine per le offerte (non applicabile nel caso di un sistema dinamico). In casi di urgenza, e previa autorizzazione dellAdG del Programma, possono essere autorizzati altri termini. I tempi fissati devono essere sufficientemente lunghi affinché gli interessati dispongono di un termine ragionevole ed adeguato per preparare e depositare le offerte. I termini devono intendersi fissati in giorni di calendario. Gli offerenti possono, non oltre 21 giorni prima che scade il termine per la presentazione delle offerte, fare domande scritte. Lamministrazione risponde non oltre 11 giorni prima che scade il termine per le offerte (non applicabile nel caso di un sistema dinamico). In casi di urgenza, e previa autorizzazione dellAdG del Programma, possono essere autorizzati altri termini. I tempi fissati devono essere sufficientemente lunghi affinché gli interessati dispongono di un termine ragionevole ed adeguato per preparare e depositare le offerte. I termini devono intendersi fissati in giorni di calendario. 2116/09/09

22 GARANZIE PER LAMM. AGGIUDICATRICE (art. 251, Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 Garanzia di offerta Sono costituite in Euro e secondo le modalità indicate dallart. 150 Può essere richiesta in caso di appalto di forniture o di lavori: Importo del 1-2% del valore globale (o, del lotto) dellappalto È trattenuta in caso di successivo ritiro dellofferta È liberata al momento dellaggiudicazione dellappalto Garanzia di prefinanziamento Può essere richiesta se il prefinanziamento è > : No, nel caso in cui loperatore sia un organismo pubblico È liberata man mano che limporto del prefinanziamento viene detratto dai pagamenti intermedi o dal pagamento del saldo Garanzia di corretta esecuzione Può essere richiesta: appalto di lavori > appalto di forniture > % del valore totale (o, del lotto) dellappalto; È trattenuta in caso di non corretta esecuzione contrattuale È liberata al momento del collaudo definitivo 22 16/09/09

23 LA VALUTAZIONE Parte I, Titolo V, Capo I, Sezione III, e art. 252 del Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 Il procedimento di valutazione Il Comitato di valutazione: è composto da un numero dispari, di almeno 3 membri devono vantare competenze tecniche ed amministrative necessarie per pronunciarsi validamente sulle offerte LAmministrazione aggiudicatrice: informa e riceve dallAdG laccordo sul risultato del vaglio delle offerte e della proposta di aggiudicazione dellappalto lAdG può prendere parte come osservatore allapertura e allanalisi delle offerte, ricevendone copia di queste al termine della procedura di selezione, riceve un copia del contratto concluso Criteri di selezione, art. 135 Capacità economica e finanziaria, art. 136 Capacità tecnica e professionale, art. 137 Modalità e criteri dattribuzione, art. 138 Offerte anormalmente basse, art. 139, par. 1° Risultato della valutazione, art. 147 Informazioni dei candidati e offerenti, art. 149 Prove in materia di accesso agli appalti, art. 159 Eliminazione delle offerte, art. 252, par. 3° 23 16/09/09

24 ALTRE DISPOSIZIONI SULLAPPALTO Parte I, Titolo V, Capo I, Sezione III Reg. (CE, Euratom) 2342/2002 Revisione dei prezzi, art. 132 Attività illecite comportanti lesclusione, art. 133 Applicazione dei criteri di esclusione e durata dellesclusione, art. 133 bis Mezzi di prova dei candidati ed offerenti, art. 134 Base di dati centrale, art. 134 bis Firma del contratto, art. 149 bis Sospensioni in caso di errori o irregolarità, art. 153 Sanzioni amministrative e finanziarie, art. 134 ter 2416/09/09

25 PER CONCLUDERE Lesecuzione del contratto non può avere inizio prima che lo stesso sia firmato Sulla base dei principi di trasparenza e di sana gestione finanziaria nelluso dei fondi comunitari, è necessario promuovere una leale competizione nel mercato, evitando eventuali conflitti di interesse I beneficiari finali, in caso di ricorso a terzi per lesecuzione delle attività progettuali, devono applicare le regole del public procurement, previste per le azioni di cooperazione esterne dellUnione Il valore dellappalto va stimato secondo i criteri fissati dalla normativa comunitaria applicabile I tempi necessari per le procedure dappalto devono essere quelli minimi e massimi previsti dalle norme relative alla specifica procedura applicata 2516/09/09

26 Dove trovare le regole da applicare? (art. 121, par. 1, comma 1, Reg. (CE) 718/07) Decisione della Commissione 117/2006, sostituita dalla Decisione 2034/2007 (sezioni II.2-II.7): regole e procedure sugli appalti per le azioni di cooperazione con paesi terzi, finanziate dal bilancio comunitario Regolamento (EC, Euratom) 2342/2002, Parte II, Titolo III, Capo III (artt ): modalità d'esecuzione del regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 Regolamento (EC, Euratom) 1605/2002, Parte II, Titolo IV (artt ): regolamento finanziario applicabile al bilancio generale delle Comunità europee 2616/09/09

27 Per un maggior approfondimento riguardante le procedure contrattuali da applicare alle azioni di cooperazione esterna della Commissione Europea, si suggerisce di consultare la PRAG, ovvero, la Guida pratica predisposta dai servizi della Commissione Europea per tali procedure UNA GUIDA UTILE /09/09

28 Grazie per lattenzione 28 16/09/09


Scaricare ppt "Regole e procedure di contrattazione per le azioni finanziate dal Programma Adriatico IPA Avv. Francesco Cuddemi Legal Expert Administrative Unit Joint."

Presentazioni simili


Annunci Google