La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA MIA VITA MI HA SEMPRE FATTO PENSARE AD UNA PIANTA CHE VIVE NEL SUO RIZOMA: LA SUA VERA VITA È INVISIBILE, NASCOSTA NEL RIZOMA Carl Gustav Jung.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA MIA VITA MI HA SEMPRE FATTO PENSARE AD UNA PIANTA CHE VIVE NEL SUO RIZOMA: LA SUA VERA VITA È INVISIBILE, NASCOSTA NEL RIZOMA Carl Gustav Jung."— Transcript della presentazione:

1 LA MIA VITA MI HA SEMPRE FATTO PENSARE AD UNA PIANTA CHE VIVE NEL SUO RIZOMA: LA SUA VERA VITA È INVISIBILE, NASCOSTA NEL RIZOMA Carl Gustav Jung

2 COME IL PESCE SI TROVA BENE SOLO NELLACQUA, LUCCELLO SOLO NELLARIA, LA TALPA SOLO SOTTO TERRA, COSÌ OGNI UOMO SI TROVA BENE SOLO NELLATMOSFERA A LUI ADATTA: … PER IL FATTO DI NON CAPIRE MOLTO BENE TUTTO CIÒ, MOLTI FANNO OGNI SORTA DI TENTATIVI DESTINATI A FALLIRE, FANNO NEL PARTICOLARE VIOLENZA AL PROPRIO CARATTERE, PUR DOVENDO IN GENERALE CEDERE A ESSO… Arthur Schopenhauer

3 NESSUNA TEMPESTA È IN GRADO DI IMPEDIRE ALLALBERO, QUANDÈ LA SUA ORA, DI DIVENTARE VERDE Gaston Bachelard

4 CONSIDERATE LA VITA DEGLI UOMINI E CHIEDETEVI SE UN ALBERO, CHE DEVE ELEVARSI NEL CIELO, POSSA FARE A MENO DEL MALTEMPO E DELLA BUFERA – SE QUALCHE FORMA DI ODIO O DI GELOSIA, DI OSTINATEZZA, DI AVIDITÀ, DI VIOLENZA NON COSTITUISCA UNA SITUAZIONE FAVOREVOLE, SENZA CUI È IMPOSSIBILE UNA GRANDE CRESCITA Friedrich Nietzsche

5 IL SÉ VIENE SPESSO SIMBOLEGGIATO DA UN ANIMALE, CHE RAPPRESENTA LA NATURA ISTINTIVA E I LEGAMI DI QUESTA CON LAMBIENTE. TALE RAPPORTO DEL SÉ CON LA NATURA CIRCOSTANTE E CON IL COSMO DERIVA, CON OGNI PROBABILITÀ, DAL FATTO CHE LATOMO NUCLEARE DELLA NOSTRA PSICHE È, IN QUALCHE MODO, INTIMAMENTE INTRECCIATO CON LA TOTALITÀ DEL MONDO, COSÌ DEL MONDO ESTERIORE COME DI QUELLO INTIMO Marie-Louise von Franz

6 IL NOSTRO SVILUPPO È SIMILE A QUELLO DI UNA FARFALLA. NOI DOBBIAMO MORIRE E RINASCERE COME LUOVO MUORE E DIVENA BRUCO, IL BRUCO MUORE E DIVENTA CRISALIDE, LA CRISALIDE MUORE PERCHÈ A SUA VOLTA POSSA NASCERE LA FARFALLA…. LA STESSA COSA VALE ANCHE PER LUOMO. DOBBIAMO DISTRUGGERE I NOSTRI INVOLUCRI PROTETTIVI. I BAMBINI NON NE HANNO; E QUINDI DOBBIAMO DIVENTARE COME DEI BAMBINI PICCOLI Georges Ivanovic Gurdjieff

7 UN IMPULSO CHE DERIVA DALLA TENDENZA ALLUNICA, CREATIVA AUTOREALIZZAZIONE. (……) TUTTI I PINI SI ASSOMIGLIANO (ALTRIMENTI NON LI POTREMMO CLASSIFICARE COME PINI), MA NESSUNO È ESATTAMENTE SIMILE AD UN ALTRO. PROPRIO PER LINCIDENZA DI QUESTI FATTORI DI SIMILITUDINE E DIFFERENZA, È DIFFICILE SCHEMATIZZARE LE INFINITE POSSIBILITÀ DI VARIAZIONE DEL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE. IL FATTO È CHE CIASCUNO DI NOI DEVE FARE QUALCOSA DI DIVERSO, QUALCHE COSA DI ASSOLUTAMENTE PRIVATO E PERSONALE Marie-Louise von Franz IL NOSTRO ATTEGGIAMENTO DEVE ESSERE SIMILE A QUELLO DEL PINO DI MONTAGNA: ESSO NON SI IRRITA QUANDO IL SUO SVILUPPO È OSTACOLATO DA UNA PIETRA, NÉ PIANIFICA I MODI IN CUI POTRÀ AVER RAGIONE DEGLI OSTACOLI; CERCA SOLO DI AVVERTIRE SE DEBBA CRESCERE IN UNA DIREZIONE PIUTTOSTO CHE IN UNALTRA, NEL SENSO DELLA PENDENZA, O NEL SENSO CONTRARIO. COME LALBERO, DOBBIAMO CREDERE A QUESTO QUASI IMPERCETTIBILE, MA PODEROSO IMPULSO –

8 IL PERICOLO DI UNA VISIONE LIMITATA È CHE LIO PUÒ INDURIRSI E INARIDIRSI, PROPRIO COME SUCCEDE ALLA TERRA CHE NON VIENE CONTINUAMENTE RIFORNITA DACQUA. LIO HA BISOGNO DEL NUTRIMENTO DELLE SORGENTI SOTTERRANEE. HA BISOGNO DELLA VITA COMPENSATIVA DEI SOGNI, SE LA SUA CONTINUITÀ DEVE MUOVERSI OLTRE LA SEMPLICE SOPRAVVIVENZA E PERPETUAZIONE Marion Woodman

9 È FREQUENTE CHE DONNE CHE NON SONO INDIPENDENTI SOGNINO GATTI, E CHE SIANO ATTACCATE IN MODO TROPPO CANINO A MARITO E FIGLI; IN QUESTI CASI IO SOTTOLINEO SEMPRE COSA FAREBBE UN GATTO: UN GATTO VA PER LA SUA STRADA. SA COSA VUOLE E VA PER LA SUA STRADA. ARRIVA ALLE ORE DEI PASTI E ALLORA È VERAMENTE AFFETTUOSO. MA QUANDO SE NE VUOLE ANDARE: MIAO!. E SI DEVE LASCIARLO ANDARE Marie-Louise von Franz

10 SE NON SI PROCEDE COSTANTEMENTE IN AVANTI, IL PASSATO RISUCCHIA. È COME UN FORMIDABILE VENTO CHE CI ASPIRA E CI TRASCINA INDIETRO… Carl Gustav Jung

11 DUE PERSONE POSSONO ANDARE DACCORDISSIMO, PARLARE DI TUTTO ED ESSERE VICINE. MA LE LORO ANIME SONO COME I FIORI, CIASCUNA HA LA SUA RADICE IN UN DETERMINATO POSTO E NESSUNO PUÒ AVVICINARSI TROPPO ALLALTRO SENZA ABBANDONARE LA SUA RADICE, COSA PERALTRO IMPOSSIBILE Hermann Hesse

12 COME LOCCHIO, SE FISSA A LUNGO UN OGGETTO, DIVENTA INEFFICIENTE E NON VEDE PIÙ NULLA, COSÌ LINTELETTO, PENSANDO CONTINUAMENTE ALLA STESSA QUESTIONE, DIVENTA INCAPACE DI AFFERRARLA E DI ESTRARNE QUALCOSA DI PIÙ: DIVENTANDO COSÌ OTTUSO E CONFUSO Arthur Schopenhauer

13 UN FRUTTO DEVE PUTREFARSI PER GENERARE IL SEME…. ED È COSÌ CHE LA NATURA INSEGNA CHE PROPRIO AL CULMINE DEL NEGATIVO NASCE LINIZIO DEL POSITIVO I Ching

14 LE TEMPESTE FURIOSE, LE INONDAZIONI, LE PIOGGE DI FUOCO, LE LAVE SOTTERRANEE E LA MORTE DI TUTTI GLI ELEMENTI NON SONO FORSE TESTIMONIANZE TANTO AUTENTICHE DELLA VITA ETERNA QUANTO IL SOLE CHE NOBILE SI LEVA SOPRA VIGNE OPULENTE E RICCHI BOSCHI DI ARANCI? BELLO E BRUTTO, BUONO E CATTIVO, TUTTO ESISTE INDIFFERENTEMENTE CON LO STESSO DIRITTO Goethe

15 LERBA DEI PRATI NON È MAI STATA VANGATA: EPPURE CRESCE BENISSIMO Lao Tzu

16 LA SOCIETÀ SI PUÒ PARAGONARE AL FUOCO: IL SAGGIO VI SI SCALDA A DEBITA DISTANZA, SENZA AVVICINARE TROPPO LE MANI, CONTRARIAMENTE ALLO STOLTO, IL QUALE DOPO ESSERSI SCOTTATO FUGGE NEL FREDDO DELLA SOLITUDINE E SI LAMENTA PERCHÉ IL FUOCO BRUCIA Arthur Shopenhauer

17 QUELLO CHE IL BRUCO CHIAMA FINE DEL MONDO, PER GLI ALTRI È FARFALLA Lao Tzu

18 UN GIORNO, DOPO AVER DOMINATO IL VENTO, LE ONDE, LE CORRENTI E LA GRAVITÀ… SFRUTTEREMO LE ENERGIE DELLAMORE. ALLORA, PER LA SECONDA VOLTA NELLA STORIA DELLUMANITÀ, LUOMO AVRÀ SCOPERTO IL FUOCO. LAMORE È LENERGIA PIÙ POTENTE E TUTTAVIA PIÙ IGNORATA DEL MONDO Pierre Teilhard De Chardin


Scaricare ppt "LA MIA VITA MI HA SEMPRE FATTO PENSARE AD UNA PIANTA CHE VIVE NEL SUO RIZOMA: LA SUA VERA VITA È INVISIBILE, NASCOSTA NEL RIZOMA Carl Gustav Jung."

Presentazioni simili


Annunci Google