La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il bollettino nivologico Il bollettino è lo strumento che fornisce un quadro sintetico dell'innevamento e dallo stato del manto nevoso, e indica inoltre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il bollettino nivologico Il bollettino è lo strumento che fornisce un quadro sintetico dell'innevamento e dallo stato del manto nevoso, e indica inoltre."— Transcript della presentazione:

1

2 Il bollettino nivologico Il bollettino è lo strumento che fornisce un quadro sintetico dell'innevamento e dallo stato del manto nevoso, e indica inoltre il pericolo di valanghe esistente il momento dell'emissione. Tuttavia è necessario ricordare che la valutazione del manto nevoso è fatta per grandi aree, o al massimo per gruppi montuosi, per cui il bollettino indica solo le caratteristiche - come quota, esposizione, morfologia - degli eventuali pendii pericolosi. Per questo motivo non può essere riferito ad ogni singolo pendio; spallo quindi all'escursionista lo responsabilità di gestire lo gita in sicurezza, valutandone, anche tratto per tratto, il rischio; contrariamente al pericolo, che in questo caso deriva dalle condizioni oggettive del manto nevoso, per rischio si intende mettere in relazione le condizioni dell'innevamento con la probabilità di distacco della valanga, con le modalità dell'eventuale travolgimento e, in particolare, con il tipo e l'entità delle sue conseguenze.

3 Il bollettino nivologico del pericolo valanghe". La "scala", adottata a partire dal 1993, è stata, ed è ancora curata dall' European Avalanches Services che è l'ente di riferimento per gli organi di emissione dei bollettini, e nella sostanza suddivide il pericolo in cinque classi rapportandola alla configurazione di cinque diversi scenari in cui si mettono in relazione i due aspetti fondamentali: da una parte la progressiva riduzione dello stabilità del manto nevoso e dall'altro il corrispondente aumento della probabilità di distacco. Le descrizioni dei cinque scenari, che però suddividono il pericolo in maniera non proporzionale (la scala non è cioè lineare), sono mollo sintetiche e sono uguali per tutti gli Stati europei, anche se ovviamente espresse nelle rispettive lingue nazionali. Per attirare è l'attenzione con immediatezza sull'entità del pericolo è stato adottato un sistema di comunicazione rapido che assegna a ciascuna classe uno specifico aggettivo, un particolare colore e un numero do 1 o 5, (il grado 0 non esiste perché in ambiente innevato non c'è una probabilità 0 di pericolo) designando in tal modo i "gradi" della "scala europea del pericolo". i "gradi" della "scala europea del pericolo". Il bollettino contiene molte informazioni, ma la sua struttura è imperniata sulla scala europea Inoltre, molto utilmente, questo sistemo consente di conoscere il pericolo di valanghe rilevandolo dai bollettini emessi in qualsiasi Stato europeo senza l'obbligo di conoscerne la lingua, potendo leggere la corrispondente versione nella propria.

4 Interpretazione del bollettino Nonostante l'impegno del CAI, negli ultimi venti anni in Italia il numero delle vittime in valanga non è calato in modo significativo. Tra le cause che originano l'incidente vi è spesso l'imprudenza a cui si accompagna una insufficiente, e purtroppo diffusa, conoscenza dei fenomeni legati all'innevamento, alle trasformazioni del monto nevoso, allo genesi della valanga. Ma è anche molto probabile che, nonostante si leggono i bollettini nivologici, vi sia una interpretazione troppo approssimativa del tipo e dell'entità di pericolo descritto nei vari gradi della "scala di pericolo". Infatti è frequente che, a causa della sua immediata significatività, il numero che identifica il grado resti l'unico elemento di valutazione del pericolo. In pochi si soffermano a riflettere almeno sull'aggettivo che la accompagna e che funzionerebbe già quale primo avvertimento. Ancor meno escursionisti, nella scelta della meta o almeno del percorso, si orientano utilizzando le sintetiche descrizioni standard riportale dal bollettino che sono sempre integrate da ulteriori informazioni di dettaglio. Per lo maggior parte dei casi infatti il pericolo è localizzato in alcune zone più o meno limitate, descritte con le caratteristiche generali ma comunque facilmente individuabili, ed è espresso come la probabilità che lì si stacchino valanghe di dimensioni diverse sia spontanee che provocate dagli stessi escursionisti. Nelle circostanze in cui il pericolo vari e aumenti durante la giornata il bollettino mette in guardia precisando addirittura anche le ore più pericolose. Infine il bollettino, che è emesso due o tre volte in settimana o immediatamente dopo una significativa variazione delle condizioni dell'innevamento, sullo base delle previsioni meteorologiche indica anche lo tendenza del pericolo, per cui può essere

5 Interpretazione del bollettino Quasi nessuno però completa quelle stringate locuzioni riconducendole opportunamente ai significati estesi, che darebbero effettivamente conto sia della probabilità di incorrere in un travolgimento sia della gravità delle conseguenze qualora si volessero attraversare quei pendii che il bollettino indica come probabili trappole. Si, potrebbe così rilevare anche come la scala non sia affatto lineare e che il grado 3 è già mollo pericoloso, specialmente per gli escursionisti che non conoscono perfettamente la località in cui si svolge il tragitto; e che addirittura i gradi superiori allertano lo protezione civile e quindi riducono drasticamente la possibilità di uno escursione, supposto peraltro che sia raggiungibile senza rischi il punto di partenza. Nell'intento di invitare gli escursionisti a riflettere sullo stato reale della stabilita del manto, sulla probabilità di distacco della valanga ed in particolare sulle conseguenze di un eventuale travolgimento, le note che seguono ricostruiscono il il significato esteso delle locuzioni utilizzale nel bollettino. Questa iniziativa si colloca negli scopi del Servizio Valanghe Italiano, organo centrale del CAI che ho il compilo di diffondere la prevenzione in ambiente innevato, augurandosi che anche questo modesto strumento, si spera comunque gradito, posso contribuire a ridurre gli incidenti.

6 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado debole Il manto nevoso è in generale ben consolidato oppure a debole coesione e senza tensioni Su la quasi totalità dei pendii con inclinazione a 30 gradi il manto nevoso non è soggetto a tensioni interne e ha una resistenza elevata alle sollecitazioni aggiunte anche rapidamente. Con percentuale inferiore al 10% vi possono essere tuttavia zone limitate a debole coesione, ma sono percorribili anche gli itinerari estremi.

7 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado debole Il distacco è generalmente possibile solo con forte sovraccarico su pochissimi punti sul terreno estremo. Sono possibili solo scaricamenti e piccole valanghe. La probabilità di distacco è estremamente bassa, limitata ai pendii con pendenze superiori a 40 gradi o caratterizzati da condizioni estreme e allo stesso tempo sollecitati da un forte sovraccarico (sciatore veloce che cade, gruppi di tre o più persone senza le distanze di alleggerimento, escursionista a piedi, motoslitta).

8 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado moderato Il manto nevoso è moderatamente consolidato su alcuni pendii ripidi, per il resto è ben consolidato. Il manto è solo moderatamente consolidato sul % dei pendii con inclinazione maggiore di 30 gradi. Possono essere percorsi solo alcuni itinerari estremi (in genere quelli esposti a meridione) o comunque quelli i cui pendii estremi non rientrano fra i pendii critici descritti nel bollettino.

9 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado moderato Il distacco è possibile soprattutto con forte sovraccarico soprattutto sui pendii indicati. Non sono da aspettarsi grandi valanghe spontanee. Non è esclusa la possibilità che anche un solo escursionista in salita possa provocare una valanga sui pendii indicati ad inclinazione maggiore di 30 gradi. L'attività valanghiva spontanea esclude solo le valanghe di lunghezza oltre i 1000 m, cioè solo quelle che potrebbero uccidere il travolto o magari distruggere parte di un bosco.

10 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado marcato Il manto nevoso presenta un consolidamento da moderato a debole su molti pendii. Il manto può essere anche debole su oltre il 30% dei pendii con inclinazione tra 30 e 35 gradi. Le possibilità di escursione sono limitate: è richiesta una buona osservazione e valutazione locale; nei luoghi esposti occorre dividersi in gruppetti e adottare le distanze di alleggerimento.

11 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado marcato Il distacco è possibile con un debole sovraccarico soprattutto sui pendii indicati. In alcune situazioni sono possibili valanghe spontanee di medio grandezza e in singoli casi anche grandi valanghe Anche un solo escursionista in salita può provocare una valanga sui pendii indicati ad inclinazione tra 30 e 35 gradi. Nella percentuale tra 10% e 30% del territorio probabilità significativa di pericolose valanghe spontanee di lunghezza tra 100 e 1000 metri, che arrivano in fondo al pendio e possono distruggere un'automobile o danneggiare un camion. In aree limitate addirittura vi è la possibilità di valanghe più grandi.

12 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado forte Il manto nevoso è debolmente Consolidato sulla maggior parte dei pendii ripidi. Oltre il 66% dei pendii con inclinazione maggiore di 30 gradi presenta un manto con debole resistenza ad un carico aggiunto. Occorre una grande capacità di osservazione e di valutazione locale per intraprendere una gita e scegliere il percorso; sono obbligatorie le misure di sicurezza.

13 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado forte Il distacco è probabile con un debole sovraccarico soprattutto su molti pendii ripidi. In alcune situazioni sono da aspettarsi valanghe spontanee di medio grandezza e talvolta grandi. Da questo scenario. in poi si impone l'allarme alla protezione civile. Infatti le valanghe spontanee possono arrivare in fondo al pendio per una lunghezza superiore ai 1000 m, e possono distruggere un vagone ferroviario, vari edifici e parte di un bosco. Per il 30% dei pendii ad inclinazione maggiore di 30 gradi vi è una probabilità superiore al 66% che anche un solo escursionista in salita possa provocare una valanga.

14 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado 5 5 – molto forte Il manto nevoso è in generale debolmente consolidato e per lo più instabile. Il manto della maggior parte dei pendii con inclinazione maggiore di 30 gradi è così poco legato da essere soggetto a distacco con un minimo carico aggiunto. L'insufficiente coesione può interessare anche qualche pendio con inclinazione tra i 25 e i 30 gradi. Anche potendo arrivare in zona le escursioni sono ovviamente sconsigliate.

15 Interpretazione del bollettino il significato Il significato esteso del grado 5 5 – molto forte Sono da aspettarsi molte grandi valanghe spontanee anche su terreno moderatamente ripido. Per i pendii ad inclinazione maggiore di 30 gradi vi è una probabilità elevata di valanghe spontanee catastrofiche di oltre metri cubi che arrivare in fondo al pendio con un percorso superiore ai 1000 m. Vi è il pericolo di provocare il distacco anche su pendii considerati non ripidi. La protezione civile può giungere all'evacuazione dei centri abitati esposti.

16 Indicazioni per gli escursionisti In Italia la "scala del pericolo" è completata, grado per grado, dalle seguenti indicazioni che riguardano sia gli escursionisti e sciatori fuori pista, sia le vie di comunicazione quanto le piste da sci e gli impianti di risalita, sia infine i centri abitati.

17 Indicazioni per gli escursionisti


Scaricare ppt "Il bollettino nivologico Il bollettino è lo strumento che fornisce un quadro sintetico dell'innevamento e dallo stato del manto nevoso, e indica inoltre."

Presentazioni simili


Annunci Google