La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA ritardo SCHEDE RIASSUNTIVE www.parrocchiadellaguardia.it 1 Ambrogio Lorenzetti, Allegoria del buon governo (1338-39) -

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA ritardo SCHEDE RIASSUNTIVE www.parrocchiadellaguardia.it 1 Ambrogio Lorenzetti, Allegoria del buon governo (1338-39) -"— Transcript della presentazione:

1 LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA ritardo SCHEDE RIASSUNTIVE 1 Ambrogio Lorenzetti, Allegoria del buon governo ( ) - Palazzo Pubblico, Siena

2 Rerum novarum (1891) Enciclica di Leone XIII La dottrina sociale della Chiesa vede il suo inizio nel 1891 con la pubblicazione della Rerum novarum. Leone XIII affronta la questione sociale, connessa con i problemi sorti dalla rivoluzione industriale. ritardo 2

3 Quadragesimo anno (1931) PIO XI Il principio di sussidiarietà: prestare aiuto con finalità emancipatrici, promuovendo la partecipazione e la responsabilità. Radiomessaggio (1941) PIO XII [13] Ogni uomo, quale vivente dotato di ragione, ha infatti dalla natura il diritto fondamentale di usare dei beni materiali della terra, pur essendo lasciato alla volontà umana e alle forme giuridiche dei popoli di regolarne più particolarmente la pratica attuazione. ritardo 3

4 GIOVANNI XXIII 1961 Mater et magistra 1963 Pacem in terris ritardo 4

5 Populorum progressio (1967) Enciclica di Paolo VI Vengono anticipati di 20/30 anni i grandi temi del dibattito economico-sociale attuale. Lo sviluppo non è solo crescita economica ma promozione integrale delluomo. Lo sviluppo non è solo crescita economica ma promozione integrale delluomo. La dimensione planetaria della questione sociale (globalizzazione). ritardo 5

6 Laborem exercens (1981) Giovanni Paolo II In occasione dei novantanni del documento di Leone XIII, affronta le problematiche del lavoro, come si delineano nei nuovi contesti storici. ritardo 6

7 Sollicitudo rei socialis (1987) Giovanni Paolo II Le nazioni più forti e più dotate devono sentirsi moralmente responsabili delle altre, affinché sia instaurato un vero sistema internazionale che si regga sul fondamento delluguaglianza di tutti i popoli e sul necessario rispetto delle loro legittime differenze. Riduzioni degli squilibri tra nord e sud, tra est ed ovest. I beni della terra sono destinati al Bene Comune di tutta lumanità. La destinazione dei beni riguarda anche le generazioni future: le risorse non sono illimitate e non si può pensare solo al presente. ritardo 7

8 Centesimus annus (1991) Enciclica di Giovanni Paolo II Riflettendo sul cambiato scenario mondiale dopo il crollo del muro di Berlino, mette il dito sulla piaga dei diritti umani e sullinefficienza del sistema economico. La Chiesa è contro quei modelli che:La Chiesa è contro quei modelli che: 1.riducono luomo a produttore-consumatore 2.privilegiano lavere sullessere 3.non tutelano la vita ritardo 8

9 CARITAS IN VERITATE (2009) Benedetto XVI La carità è la via maestra della dottrina sociale della Chiesa". Lo sviluppo ha bisogno della verità. Senza di essa, afferma il Pontefice, "l'agire sociale cade in balia di privati interessi e di logiche di potere, con effetti disgregatori sulla società". Benedetto XVI si sofferma su due "criteri orientativi dell'azione morale" la giustizia e il bene comune. La finanza, dopo il suo cattivo utilizzo che ha danneggiato l'economia reale, ritorni ad essere uno strumento finalizzato allo sviluppo. ritardo 9

10 D. s. d. C. - DEFINIZIONE - E un corpus dottrinale aperto, che si è andato costituendo e si va arricchendo di nuovi apporti, mano a mano che la Chiesa sviluppa la sua riflessione teologico-morale sui complessi e inediti problemi che, lungo la Storia, si affacciano sulla scena della vita socio- economica e politica. Le fonti della dottrina sociale della Chiesa sono la Sacra Scrittura, la Tradizione della Chiesa, linsegnamento dei Padri e dei grandi teologi, lo stesso magistero della Chiesa. (La politica che non cè – P. Sapienza - L.E.V.) ritardo 10

11 Alcuni contenuti fondamentali della D. s. d. C. A) La persona umana ha una dignità inalienabile, che non deve essere offesa per nessun motivo … Questa dignità delluomo è fondata sul fatto di essere creato ad immagine di Dio. B) Il principio di sussidiarietà: prestare aiuto con finalità emancipatrici, promuovendo la partecipazione e la responsabilità. C) Il principio di solidarietà: > (Giovanni Paolo II, Lett. enc. Sollicitudo rei socialis, n.38. D) Il bene comune, che viene definito come linsieme di quelle condizioni sociali che consentono e favoriscono negli esseri umani lo sviluppo integrale della loro persona (Congregazione per lEducazione Cattolica, Orientamenti, cit., n. 37). ritardo 11

12 I destinatari della D. s. d. C. Sono tutti i cristiani (laici, religiosi, preti), secondo gli uffici, i carismi, i compiti di ognuno. Pertanto i fedeli non possono fare a meno di trovare nella dottrina sociale i propri riferimenti. Per facilitare questo approccio, nel 2004, il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace ha pubblicato il Compendio della dottrina sociale della Chiesa. >. ritardo 12

13 120 ANNI DI DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA L insegnamento trae la sua origine dallincontro del messaggio evangelico e delle sue esigenze etiche con i problemi che sorgono nella vita sociale. IL VANGELO NON PUO ESSERE SCOLLATO DALLA VITA. ritardo 13

14 ATTUALIZZAZIONE Don Piero Sapienza (Direttore Ufficio Diocesano Problemi Sociali e Lavoro dellArcidiocesi di Catania) scrive sulla possibilità di realizzare un progetto di evangelizzazione sociale, politica e del mondo del lavoro, fondato sui principi della Dottrina Sociale della Chiesa. Suggerisce di creare un Osservatorio Socio Politico sul territorio di ogni vicariato; con lo scopo di denunciare le disfunzioni e proporre soluzioni che vengano poi verificate nella realizzazione. ritardo 14

15 PAPA FRANCESCO Il problema politico ed economico, non riguarda solo gli Stati, i governi, i partiti, le associazioni sindacali, «… ma riguarda anche la Chiesa, anzi soprattutto la Chiesa perché questa situazione non ferisce solo i corpi ma anche le anime. La Chiesa deve sentirsi responsabile sia delle anime sia dei corpi». «Non è questo il solo problema che abbiamo di fronte ma è il più urgente e il più drammatico». (La Repubblica, Intervista di E. Scalfari, 01/10/2013) ritardo 15

16 Presentazione realizzata da Filippo e Graziella Anfuso Presentazione realizzata da Filippo e Graziella Anfuso ritardo 16


Scaricare ppt "LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA ritardo SCHEDE RIASSUNTIVE www.parrocchiadellaguardia.it 1 Ambrogio Lorenzetti, Allegoria del buon governo (1338-39) -"

Presentazioni simili


Annunci Google