La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I PROCEDIMENTI ESTIMATIVI a cura di: Docente di Tecniche di Gestione Aziendale nellIstituto di Istruzione Secondaria Ignazio Calvi di Finale Emilia (Mo)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I PROCEDIMENTI ESTIMATIVI a cura di: Docente di Tecniche di Gestione Aziendale nellIstituto di Istruzione Secondaria Ignazio Calvi di Finale Emilia (Mo)"— Transcript della presentazione:

1

2 I PROCEDIMENTI ESTIMATIVI a cura di: Docente di Tecniche di Gestione Aziendale nellIstituto di Istruzione Secondaria Ignazio Calvi di Finale Emilia (Mo) giugno 2003

3 VALORE ECONOMICO DI UN BENE

4 PROCEDIMENTI SINTETICI Stima comparativa Stima a vista Stima storica Stima per valori tipici

5 La Stima comparativa Per fare una stima comparativa occorrono le seguenti condizioni: 1.I beni devono essere simili 2.I valori devono essere recenti 3.Ci deve essere almeno un parametro in comune I parametri possono essere: a.Tecnici : volume mc, sviluppo dei piani mq, numero dei vani, superficie espressa in mq quintali, ettolitri ecc. b.Economici: reddito netto canone daffitto, beneficio fondiario, reddito catastale, plv, ecc Pertanto: Il Valore del bene oggetto di stima (Vx) sarà dato dalla somma dei valori noti di beni simili ( V), diviso la somma del loro parametro comune ( p), moltiplicato il parametro del bene da valutare (Px), ricavato dalla proporzione V : p = Vx : Px Vx = V. Px p Esempio: Si vuole stimare una villetta (x) di 120 mq. Nella stessa zona sono presenti 4 villette simili (a,b,c,d) e recentemente compravendute: a. 90mq Euro b.130mq Euro c.110mq Euro d.100mq Euro Il valore della villetta x sarà dato da: Vx = mq 90 mq mq mq mq Vx = = Euro 430 Valori parametri Parametro del bene oggetto di stima a b c d x

6 La stima a vista Per poter fare una stima a vista sono richieste al perito: a. una lunga esperienza b.Una buona conoscenza del mercato

7 La stima storica Richiede recenti valori di compravendita. di solito ha scarsa attendibilità per ragioni fiscali

8 La stima per valori tipici È poco impiegata per i fondi rustici È invece largamente impiegata nella formazione del catasto nelloperazione diclassamento Nel campo edilizio urbano è molto diffusa nella determinazione del costo di costruzione ( o ricostruzione) di un fabbricato, mediante ilCOMPUTO METRICO ESTIMATIVO Attribuzione a ciascuna particella del circolo censuario della qualità e classe che le compete

9 PROCEDIMENTI ANALITICI Si ha un procedimento analitico ogni volta che si giunge alla formulazione del giudizio di stima con una elaborazione dei dati e degli elementi (tecnici, economici e giuridici) in modo dettagliato e minuto Può verificarsi sotto qualsiasi aspetto economico La stima analitica classica è quella per capitalizzazione dei redditi Con il bilancio dettagliato di unazienda ordinaria (con tornaconto T = 0) si determina il beneficio fondiario (Bf) Bf = Plv – ( Q + Sv + Tr + Sa + St + I ) Valore del bene = Bf / r (saggio di capitalizzazione) retribuzioni reintegrazioni Produzione lorda vendibile

10 FINE Unità didattica realizzata dal Prof. Enrico Rampelli, insegnante di Tecniche di Gestione Aziendale nell Istituto di Istruzione Superiore I. Calvi di Finale Emilia (Modena) nel mese di giugno 2003


Scaricare ppt "I PROCEDIMENTI ESTIMATIVI a cura di: Docente di Tecniche di Gestione Aziendale nellIstituto di Istruzione Secondaria Ignazio Calvi di Finale Emilia (Mo)"

Presentazioni simili


Annunci Google