La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il dibattito bioetico sulleutanasia. Suggerimenti e strategie per percorsi didattici Laboratorio sperimentale regionale per la didattica della bioetica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il dibattito bioetico sulleutanasia. Suggerimenti e strategie per percorsi didattici Laboratorio sperimentale regionale per la didattica della bioetica."— Transcript della presentazione:

1 Il dibattito bioetico sulleutanasia. Suggerimenti e strategie per percorsi didattici Laboratorio sperimentale regionale per la didattica della bioetica del Piemonte Il dibattito bioetico sulleutanasia. Suggerimenti e strategie per percorsi didattici Prof. Andrea Porcarelli Direttore Scientifico del Portale di Bioetica Consulente del Centro di Bioetica A. Degli Esposti di Bologna e dellIstituto Europeo di Bioetica Membro della Commissione Didattica della Società Filosofica Italiana

2 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Una mappa problematica con diverse questioni che si intrecciano Che cosa è la morte? Laccertamento di morte La terapia del dolore Laccompagnamento del morente Eventuale espianto di organi Eutanasia Accanimento terapeutico

3 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Per riflettere sulla morte Lidea di morte è correlativa allidea che si ha della vita Dal punto di vista biologico Dal punto di vista esistenziale Morte Cessazione delle funzioni vitali di un organismo vivente Quali criteri per laccertamento della morte? Buona morte La fine della vita fisica e di relazioni Il momento supremo della propria esistenza (bilancio, significato) in rapp. al destino che si attende in rapp. a come si è vissuto naturale violenta

4 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Eutanasia si dice in diversi sensi In ragione del fine In ragione delle modalità (mezzi) In ragione delle circostanze (consenso del soggetto) -Eutanasia eugenica -Eutanasia economica -Eutanasia criminale -Eutanasia sperimentale -Eutanasia pietosa -Eutanasia terapeutica -Eutanasia pura -Eutanasia indiretta -Eutanasia passiva -Eutanasia attiva -Eutanasia volontaria -Eutanasia involontaria -Eutanasia non-volontaria -Eutanasia sociale

5 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Una storia delleutanasia? Nel mondo antico Alcune forme di eutanasia sociale e di accettazione del suicidio Condanna delleutanasia come pratica medica (Ippocrate) ed anche del suicidio Nel mondo medievale Sia leutanasia medica che il suicidio vengono, nel complesso, rifiutati In età moderna Alcuni autori riaprono il dibattito sul suicidio Leutanasia come pratica medica non è attestata In età contemporanea Ritornano formedi eutanasia sociale (si pensi al nazismo), più o meno larvate Nascono movimenti e si approvano alcune leggi favorevoli alleutanasia, il dibattito è, in generale, molto aperto e vivace

6 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Dal Giuramento di Ippocrate: Non darò a nessuno farmaci mortali, neppure se richiesto, né mai suggerirò di prenderne

7 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Dirò inoltre, insistendo su questo argomento, che il compito del medico non è solo quello di ristabilire la salute, ma anche quello di calmare i dolori e le sofferenze legate alle malattie; e questo non solo perché questo alleviamento del dolore, considerato un sintomo pericoloso, contribuisce alla guarigione e conduce alla convalescenza, ma inoltre per poter procurare al malato, quando non cè più speranza, una morte dolce e tranquilla; questa eutanasia è una parte non trascurabile della felicità (…). Ma nel nostro tempo sembra che i medici ritengano loro dovere abbandonare i malati al momento della fine; contrariamente alla mia opinione, se essi fossero zelanti nelladempiere il proprio dovere e di conseguenza rispettassero i propri doveri nonché le esigenze della propria professione, non risparmierebbero nessuna cura per aiutare gli agonizzanti ad uscire da questo mondo con maggior dolcezza e facilità. Ora, questa ricerca la qualifichiamo ricerca sulleutanasia esteriore, che distinguiamo da quellaltra eutanasia che si riferisce alla preparazione dellanima e che poniamo fra le nostre raccomandazioni [Francis Bacon 1605] Alle origini della parola e del suo uso moderno

8 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Diverse prospettive etiche a confronto Il valore morale di unazione dipende completamente dalle sue conseguenze Felicità: gustare il piacere con assenza di dolore Etica utilitarista Lo Stato è il frutto di un contratto sociale tra gli individui in vista della felicità Nessun bene ha un valore assoluto, ma entra in un calcolo Il valore morale di unazione dipende dalla conformità ai doveri (prescrizioni morali universalmente valide) Etica deontologica Felicità: comportarsi in modo degno di un uomo retto Le leggi devono essere giuste Vi sono valori morali universali Il valore morale di unazione dipende dalla sua conformità ad un ordine oggettivo tra i diversi beni che possono essere oggetto di scelta Etica realista Felicità: realizzarsi pienamente come persone Vi sono dei diritti naturali inalienabili Cè una legge morale naturale iscritta nel cuore delluomo

9 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Unetica utilitarista La credenza che accetta come fondamento della morale, lutilità, o il Principio della più grande Felicità, ritiene che le azioni sono giuste nella proporzione in cui esse tendono a promuovere la felicità, sbagliate se tendono a promuovere il contrario della felicità. Per felicità si intende il piacere, e lassenza del dolore; per infelicità, dolore e privazione del piacere [J. S. Mill]

10 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Unetica deontologica Non cè che un solo imperativo categorico: agisci soltanto secondo quella massima che, al tempo stesso, puoi volere che divenga una legge universale. (…) agisci in modo da trattare lumanità, sia nella tua persona sia in quella di ogni altro, sempre anche come fine e mai semplicemente come mezzo [I. Kant]

11 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Unetica realista Il bene è lessere in quanto posto di fronte allamore, al volere. (…) Ogni cosa è ontologicamente buona, non ogni cosa è moralmente buona. Il bene morale significa un certo analogato particolare del bene ontologico; significa ciò che è bene in un certo ordine speciale: lordine del completamento dellessere umano, con riguardo alluso della sua libertà e al perseguimento del suo destino. [J. Maritain]

12 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Il mutare del quadro culturale in cui si legge il fenomeno della morte Evoluzione dellidea della vita Evoluzione dellidea della morte La Rivoluzione scientifica Genesi della categoria concettuale del materialismo meccanicistico Idea del corpo macchina La morte come avaria di un meccanismo 3 atteggiamenti apparentemente opposti Ostracizzazione non se ne parla, si allontana dagli occhi e dal cuore Anticipazione: se deve venire che venga presto Comportamenti a rischio Eutanasia La secolarizzazione ed il non senso della sofferenza e della morte Sanitarizzazione (nuova ritualità secolarizzata) Spettacolarizzazione della morte virtuale La società tecnologica (Jonas)

13 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Il dibattito sulleutanasia Diverse posizioni a confronto Non ha più valore quella vita che non ha più una sua qualità La persona ha una dignità che le compete per natura: la sua vita non è un bene disponibile Perché si vive? Come si muore? La vita è un bene disponibile? Chi può decidere? Chi non può esercitare le funzioni razionali non è persona I l diritto alla vita implica di poter scegliere di chiuderla quando e perché si vuole Leutanasia (con o senza consenso) è un omicidio Laccanimento terapeutico non è rispettoso della dignità della persona morente Non si può rinunciare liberamente alla libertà (o alla vita) Rischio di eutanasia sociale

14 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Strategie per la produzione del consenso ( sulleutanasia e non solo … ) Insistenza sui casi pietosi Esaltazione della mitezza di alcune sentenze Sondaggi dopinione ad arte Demonizzazione degli avversari Ricorso a testimonial prestigiosi Mistificazioni anti-linguistiche Progressiva depenalizzazione Ci vogliono regole certe ! Legalizzazione

15 Prof. Andrea Porcarelli Laboratorio didattico - Bioetica Uno sguardo sapienziale sulla sera della vita Voi vorreste conoscere il segreto della morte. Ma come potete scoprirlo se non lo cercate nel cuore della vita? [K. Gibran] Rimozione dellidea della morte La morte non è nulla per luomo La morte come contrassegno esistenziale della condizione umana Dopo finisce tutto Dopo non cambia nulla Si muore: prendere sul serio sul piano esistenziale solo la morte degli altri o nella specie Essere per la morte (oltre le possibilità del progettare quotidiano) Vivere nel ricordo (dei propri cari, dellumanità) Essere per la vita (che continua dopo la morte)


Scaricare ppt "Il dibattito bioetico sulleutanasia. Suggerimenti e strategie per percorsi didattici Laboratorio sperimentale regionale per la didattica della bioetica."

Presentazioni simili


Annunci Google