La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Clicca con il mouse per andare avanti Giacobbe aveva dodici figli e una figlia. Vivevano tutti insieme nella terra di Canaan. I figli di Giacobbe si.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Clicca con il mouse per andare avanti Giacobbe aveva dodici figli e una figlia. Vivevano tutti insieme nella terra di Canaan. I figli di Giacobbe si."— Transcript della presentazione:

1

2

3 Clicca con il mouse per andare avanti

4 Giacobbe aveva dodici figli e una figlia. Vivevano tutti insieme nella terra di Canaan. I figli di Giacobbe si chiamavano Ruben, Simeone, Levi, Giuda, Isaacar, Zabulon, Dan, Neftali, Gad, Aser, Giuseppe e Beniamino, questultimo era il più giovane, ma il figlio che Giacobbe amava di più era Giuseppe. I figli di Giacobbe badavano alle pecore e alle capre e Giuseppe aiutava il padre a portare cibo e ordini ai fratelli. Per questo i fratelli erano molto gelosi di Giuseppe. Rifletti: Come ti saresti sentito nei panni di uno dei fratelli di Giuseppe? Giuseppe e i suoi fratelli

5 Quando Giuseppe aveva 17 anni, suo padre gli offrì un bellissimo vestito. Giuseppe era molto fiero del suo vestito e si pavoneggiava davanti ai fratelli dicendo: Guardate che cosa mi ha regalato papà. I fratelli di Giuseppe però erano invidiosi. Perché papà vuole bene a Giuseppe più che a noi? Perché non ha regalato anche a noi un vestito così? Rifletti: ha fatto bene Giacobbe a regalare un bel vestito solo a Giuseppe? Il magnifico vestito di Giuseppe

6 Una notte Giuseppe fece un sogno molto strano. Sognò che lui e i suoi fratelli legavano covoni di grano in un campo. Ad un tratto, il suo covone si alzò e restò dritto in piedi, mentre i covoni dei suoi fratelli si misero intorno al suo e si inchinarono. Sentito il sogno i fratelli di Giuseppe si arrabbiarono: Vuoi forse essere nostro re e dominarci, gli dicevano con tono beffardo. Giuseppe fa strani sogni

7 Unaltra notte Giuseppe sognò che il sole, la luna e undici stelle si inchinavano dinanzi a lui. Parlò a suo padre del sogno, e Giacobbe gli disse: Che cosa vuol dire? Che tutti noi: io, tua madre e i tuoi fratelli dovremo venire a inchinarci davanti a te?. Giuseppe fa strani sogni Rifletti: Pensi che Giuseppe avrebbe dovuto tenere per sé i sogni che aveva fatto?

8 I fratelli di Giuseppe erano molto adirati. Innanzi tutto Giuseppe non era tenuto a badare al bestiame come loro. Poi il padre aveva regalato a Giuseppe un bellissimo vestito e questo li aveva fatti sentire sminuiti. La situazione era ulteriormente peggiorata quando Giuseppe aveva cominciato a raccontare loro i suoi strani sogni. I fratelli di Giuseppe sono invidiosi

9 Secondo questi sogni Giuseppe in qualche modo risultava superiore a loro che erano raffigurati come vecchi fili di paglia e stelle poco luminose. Perché Giuseppe pensava di essere tanto più importante di loro? Ormai i fratelli odiavano Giuseppe e decisero di sbarazzarsi di lui. I fratelli di Giuseppe sono invidiosi Rifletti: i fratelli di Giuseppe erano così invidiosi che giunsero a odiare il fratello. Che cosa ti rende invidioso degli altri?

10 Un giorno, mentre erano nei campi a badare alle greggi, i fratelli architettarono un piano crudele per sbarazzarsi di Giuseppe. Gettiamolo in un pozzo e lasciamolo morire là. Diremo a nostro padre che è stato sbranato da una bestia feroce. Così quando Giuseppe li raggiunse, gli tolsero il bel vestito che indossava e lo gettarono in un pozzo. Giuseppe è gettato in un pozzo

11 Passarono però di là alcuni mercanti che si stavano recando in Egitto. I fratelli cambiarono idea e decisero di vendere Giuseppe come schiavo a quei mercanti I fratelli dissero al padre che Giuseppe era stato ucciso da una bestia feroce: Giacobbe si stracciò le vesti e si disperò. Giuseppe è venduto dai fratelli Rifletti: Giuseppe fu salvato da unorribile morte nel pozzo. Dio aveva un progetto per la sua vita.

12 Rifletti: Dio aiutò Giuseppe a compiere bene il suo lavoro e benedisse le persone che stavano vicino a lui. Giuseppe fu portato in Egitto dove fu venduto come schiavo a Potifar, luomo di fiducia del faraone. Dio vegliava su Giuseppe. Giuseppe lavorava con impegno e tutti lo apprezzavano. Potifar gli affidò lamministrazione della sua casa e dei suoi beni. E Dio aiutò Giuseppe a compiere bene il suo lavoro e rese prospera la casa per cui lavorava. Ma un giorno la moglie di Potifar mentì accusando ingiustamente Giuseppe di aver tentato di mancarle di rispetto. Potifar si adirò moltissimo e fece gettare Giuseppe in carcere. Dio però era con Giuseppe anche là. Giuseppe al servizio di Potifar

13 Giuseppe in carcere Giuseppe fu gettato in carcere dove ben presto il capo delle guardie cominciò a prenderlo a benvolere e gli affidò incarichi di responsabilità. Giuseppe vi riuscì bene perché Dio lo aiutava. Non molto tempo dopo gli fu affidata la responsabilità di tutti i detenuti richiusi nella fortezza e Giuseppe incontrò il capo dei coppieri e il capo dei panettieri del re che erano stati imprigionati. Una notte questi due detenuti fecero entrambi uno strano sogno che li turbò e domandarono a Giuseppe di aiutarli a interpretarlo. Rifletti: Dio era sempre con Giuseppe, anche in prigione, quando Giuseppe non sapeva se sarebbe mai stato liberato.

14 Giuseppe interpreta i sogni Giuseppe invitò il capo dei coppieri e il capo dei panettieri del re a raccontargli il loro sono. Parlò per primo il capo dei coppieri. Nel mio sogno mi trovavo davanti a una vite che aveva tre rami. La vidi germogliare, poi fiorire e infine portare a maturazione grappoli duva. Io avevo in mano la coppa del faraone, colsi luva, ne spremetti il succo nella coppa e lo porsi al faraone. Giuseppe gli disse che tre giorni dopo sarebbe stato liberato dalla prigione.

15 Rifletti: Dio aiutò Giuseppe a interpretare i sogni. Ricordi qualche altro personaggio della Bibbia che fece strani sogni? Giuseppe interpreta i sogni Raccontò poi il suo sogno il capo dei panettieri. Avevo sul capo tre ceste di pane bianco. Il cesto superiore era colmo di ogni tipo di focacce, della qualità preferita dal faraone, ma alcuni uccelli venivano a beccare nel cesto sul mio capo. Giuseppe si rattristò e disse: Mi spiace doverti dire che non sarai mai liberato. Fra tre giorni il re ti farà uccidere. Tre giorni dopo accadde proprio ciò che Giuseppe aveva detto.

16 I sogni del faraone Due anni dopo, il re dEgitto fece due strani sogni. Il capo dei coppieri si ricordò subito di Giuseppe e parlò di lui al faraone. Giuseppe fu portato davanti al grande re al quale chiese di raccontargli i suoi sogni. Nel mio sogno stavo sulla riva del Nilo. Vidi uscire dal fiume sette vacche belle, molto grasse, che mangiavano lerba della riva. Improvvisamente dal fiume salirono dietro di loro altre sette vacche, molto magre e brutte. Queste ultime divorarono le prime sette, ma il loro aspetto rimase come prima.

17 I sogni del faraone Poi sognai di nuovo. Vidi sette spighe belle, gonfie di grano. Ma dietro di loro spuntarono altre sette spighe, esili e striminzite. Queste ultime inghiottirono le sette spighe belle, disse il re. Giuseppe disse al re che ci sarebbe stato un periodo di sette anni di grande abbondanza, seguito da un ugual periodo di grande carestia. Il re fu molto soddisfatto e nominò Giuseppe viceré. Rifletti: Giuseppe passò dalla condizione di prigioniero a quella di viceré dEgitto. Che cambiamento!

18 La carestia imperversò su tutta la regione. Non cera cibo neppure in Canaan, dove viveva ancora la famiglia di Giuseppe. Così un giorno Giacobbe mandò i suoi figli a cercare cibo in Egitto. In Egitto i fratelli non riconobbero Giuseppe che era ormai una persona molto importante: si inginocchiarono davanti a lui e lo pregarono di vendere loro un po di grano. Giuseppe rivede i suoi fratelli

19 Rifletti: sapresti anche tu perdonare qualcuno che ti ha offeso ingiustamente? Dapprima Giuseppe volle metterli alla prova per scoprire se avevano modificato certi loro atteggiamenti. Quando vide che erano dispiaciuti per ciò che gli avevano fatto, disse loro chi era. I fratelli si turbarono perché temevano che fosse furioso con loro, ma Giuseppe li perdonò. Giuseppe rivede i suoi fratelli

20 Rifletti: Giacobbe pensava di non rivedere più Giuseppe. Ma Dio gli fece una sorpresa. Giuseppe mandò i suoi fratelli a prendere il loro padre in Canaan. Giuseppe è vivo; è in Egitto ed è il viceré!, dissero al padre con entusiasmo. Giacobbe stentava a crederci: il figlio a cui voleva tanto bene, era vivo! Dio parlò in sogno a Giacobbe dicendogli di non avere paura di andare in Egitto. Io verrò con te!, gli promise. Così Giacobbe si mise in viaggio e Giuseppe gli andò incontro. Quando vide il padre gli gettò le braccia al collo e pianse di gioia. Giacobbe rimase in Egitto con Giuseppe fino alla fine dei suoi giorni. Il re permise a tutti loro di vivere in quel territorio e Giuseppe si accertò che avessero sempre cibo a sufficienza. Dio benedisse la famiglia di Giuseppe. Giuseppe rivede suo padre

21


Scaricare ppt "Clicca con il mouse per andare avanti Giacobbe aveva dodici figli e una figlia. Vivevano tutti insieme nella terra di Canaan. I figli di Giacobbe si."

Presentazioni simili


Annunci Google