La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prima parte La segnaletica al servizio della fede Non cè ragazzo doggi che non conosca o che, comunque, non si incontri quotidianamente con la segnaletica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prima parte La segnaletica al servizio della fede Non cè ragazzo doggi che non conosca o che, comunque, non si incontri quotidianamente con la segnaletica."— Transcript della presentazione:

1

2 Prima parte

3 La segnaletica al servizio della fede Non cè ragazzo doggi che non conosca o che, comunque, non si incontri quotidianamente con la segnaletica stradale. Basta mettere il piede fuori la porta e, subito, ti imbatti in un cartello che ha qualcosa da indicarti.

4 Ebbene, vista la massiccia presenza della segnaletica stradale nella nostra vita giornaliera, perché non prendere spunto anche da essa per veicolare messaggi umani e cristiani? Può darsi benissimo che il ragazzo, girando per le strade, associ ciò che ha sentito al catechismo con quel cartello che gli sta innanzi.

5 Ed allora sarà una, sia pur minima ricompensa alla nostra fatica. Ecco perché, tra le tante proposte, invitiamo anche alla lettura, in chiave religiosa e pedagogica della segnaletica stradale. Basta un minimo di fantasia e di riflessione per meravigliarci di quanto sia ricca, curiosa e simpatica questa pista!

6 Lo provano i quattro esempi che seguono: la segnaletica del bambino la segnaletica delladolescente la segnaletica delleducatore la segnaletica del catechista La segnaletica del cristiano

7 Bambini Questo segnale indica la presenza di bambini. Ebbene, un fatto che continua ad impressionare è la presenza dei bambini nel Vangelo. Mentre negli altri documenti antichi non vi è posto per essi, nel Vangelo hanno un rilievo straordinario. Tutti i bambini sono importanti per Gesù e vanno rispettati ed amati.

8 Coda Per un cristiano è importante stare in coda. Ma in coda a chi? Chi è che ci precede? E Gesù! Lui solo conosce la strada e si rivolge a noi con linvito chiarissimo: Seguitemi.

9 Divieto di segnalazioni acustiche Il cristiano sa che Dio è allergico al rumore. Sa che chi è scarso di silenzio, è scarso di Dio; chi non arriva al silenzio, non arriva a Dio. Per questo, ogni giorno, ritagliati almeno qualche minuto di silenzio e di preghiera tra i rumori doggi.

10 Direzione obbligatoria Segnale chiarissimo: non è consentito prendere unaltra strada; la direzione è quella indicata: non cè scappatoia. Gesù non ammette vie di mezzo: Chi non è con me, è contro di me Gesù è simpatico perché ci obbliga a dire si o no. Le mezze misure non fanno per lui!

11 Dare la precedenza Il cristiano sa dare le giuste precedenze. Precedenza a chi ha fame e sete; precedenza a chi ha freddo; precedenza a chi non è guardato da nessuno; precedenza a chi è ammalato, povero, ecc. Dare le precedenza a questi fratelli più piccoli significa dare la precedenza a Gesù stesso.

12 Strettoia Il cristianesimo non è la religione della sedia a sdraio; non è una caramellina dolciastra. La religione cristiana fa sempre felici, ma non è sempre facile.

13 Adolescenti Divieto di segnalazione acustica Il segnale indica che in quella zona è proibito usare il clacson: si deve fare silenzio. Così nella vita. Di tanto in tanto, bisogna tacere. Tacere perché il silenzio fa bene. ECCOME!

14 Divieto di segnalazione acustica Il rumore succhia il cervello; il silenzio, invece, scontorna personalità dalto fusto. Nella storia non si trova un Grande che non abbia amato il silenzio. Fa più rumore un albero che cade, che una foresta che cresce!

15 Coda Trovare la coda in strada è antipatico. Più antipatico ancora è mettersi in coda nella vita! Tutti si vestono in quel modo? Mi vesto anchio così. Tutti dicono parolacce? Le dico anchio. Tutti vanno in discoteca? Ci vado anchio… E questo sarebbe vivere?

16 Coda Voglio essere io a tracciare la strada della mia vita. Voglio essere io ad usare il mio cervello, il mio cuore! Voglio salvare la singolarità! Rimorchiato fa sempre rima con imbranato!

17 Dosso Non sempre la strada è pianeggiante: talora ha dossi, cioè piccole alture. Anche la vita ha i suoi dossi, i suoi ostacoli. Hai da fare il compito? E un dosso. Hai da alzarti quando ancora hai sonno? E un dosso. Insomma, la vita non è un budino, non è una crociera o un lecca lecca.

18 Dosso Più duna volta si incontrano difficoltà. Bisogna superarle. In che modo? Con lallenamento! Quale allenamento? La risposta è sicura (anche se, forse, a prima vista, antipatica): lallenamento del sacrificio. Il sacrificio porta lanima in palestra: la fa forte, preparata a superare tutti i dossi.

19 Diritto di precedenza Il segnale indica che si ha il diritto di precedenza. Dunque le strade non hanno tutte lo stesso valore. Anche nella vita alcune cose valgono di più delle altre.

20 Diritto di precedenza Vale di più essere se stessi che essere famosi. Vale di più una stretta di mano che una chiamata al cellulare. Vale di più una bella testa che una bella faccia. Vale di più aver amato e perduto che non aver amato mai…

21 Biblioteca Il segnale indica la vicinanza di una biblioteca! Molto bene! Leggere è come bere e mangiare: chi non beve e non mangia indebolisce il corpo; chi non legge, indebolisce lanima, la fa rachitica. Viva i libri!

22 Biblioteca E vero che il libri possono essere mattoni, ma sono i mattoni che edificano la casa! Un uomo che legge, ne vale due.

23 Pronto soccorso Per fortuna cè il pronto soccorso! Chi non deve essere aiutato? Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci dia una mano. La mano che può aiutarci in ogni difficoltà è la mano di Dio. Basta pregarla che ci venga in aiuto.

24 Pronto soccorso La preghiera non è un gargarismo di parole, non è un guasto del cervello dei vecchi: la preghiera è una forza, unenergia. A pregare non si sbaglia mai! Provare per credere!

25 Stop E pericolosissimo non fermarsi allo stop: si corre il rischio di essere investiti. Dunque è da saggi fermarsi. Fermarsi ad un incrocio; fermarsi al passaggio al livello; fermarsi allalt della polizia…

26 Stop E soprattutto saggio fermarsi prima di entrare in certi locali, prima di entrare in certi giri, in certe compagnie… Insomma, è bene fermarsi prima di cadere in padella. Non ti pare?

27 Buona degustazione


Scaricare ppt "Prima parte La segnaletica al servizio della fede Non cè ragazzo doggi che non conosca o che, comunque, non si incontri quotidianamente con la segnaletica."

Presentazioni simili


Annunci Google