La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Educazione Civica Realizzato dalla II B A.S. 2006/2007 Coordinamento di Lina Gentile A cura della prof.ssa Anna Vania Stallone.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Educazione Civica Realizzato dalla II B A.S. 2006/2007 Coordinamento di Lina Gentile A cura della prof.ssa Anna Vania Stallone."— Transcript della presentazione:

1 Educazione Civica Realizzato dalla II B A.S. 2006/2007 Coordinamento di Lina Gentile A cura della prof.ssa Anna Vania Stallone

2 Indice Amnesty International Amnistia, indulto e grazia Amnistia, indulto e grazia Carcere Diritti dello straniero Diritti umani Diritto di difesa Estradizione Garantismo Pena di morte Reato Tortura

3 Amnesty International Flavia Stallone

4 Amnesty International Fondata nel 1961 in Inghilterra da Peter Benenson attraverso un Appello per lAmnistia, posta a difesa della libertà; indipendente dal punto di vista economico e organizzativo da governi o istituzioni internazionali; costituita da gruppi imparziali che non possono intervenire nella violazione dei diritti verificatasi nel paese di appartenenza.

5 Caratteristiche Presenza di un archivio di dati anagrafici dei cosidetti prigionieri dopinione; Diffusione in tutto il mondo di un giornale periodico, contenente informazioni sulle condizioni dei prigionieri dopinione.

6 Gli scopi di Amnesty International comprendono: unazione volta a liberare i prigionieri dopinione; richieste di processi equi per i prigionieri politici; la difesa dei diritti umani (tanto da meritarsi il Premio Nobel per la pace nel 1977, il premio delle Nazioni Unite per i diritti umani nel 1978 e il Premio del Consiglio dEuropa per i diritti umani nel 1983);diritti umani la lotta contro la pena di morte e la tortura o altri trattamenti o punizioni crudeli, inumane o degradanti per tutti i prigionieri.pena di mortetortura

7 Amnistia, indulto e grazia Federica Maggio Katy Vaccara

8 Cause di clemenza Regolate dallart. 79 della Costituzione AmnistiaGraziaIndulto

9 Amnistia Rinuncia dello Stato a punire i colpevoli di reato o ad eseguire la pena già comminata.reato PROPRIA IMPROPRIA Concessa prima della sentenza definitiva Interviene dopo la sentenza definitiva (cessazione della pena principale ed accessorie) Amnistia e indulto devono essere concessi con legge deliberata dai due terzi dei membri di ogni camera e non possono avere effetto retroattivo (art. 79 Costituzione).indulto causa di estinzione del reato

10 Indulto Provvedimento a carattere generale; Opera sulla pena principale già inflitta, condonandola in tutto o in parte, o trasformandola in unaltra di specie diversa; Non estingue le pene accessorie, come fa lamnistia; Come la grazia, è causa di estinzione della pena e non del reato;reato Indulto e amnistia devono essere concessi con legge deliberata dai due terzi dei membri di ogni camera e non hanno effetto retroattivo (art.79 della Costituzione).amnistia

11 Grazia Provvedimento che riguarda solo una determinata persona; Può essere concessa solo dal capo dello Stato; Lart. 681 vincola la decisione del Presidente della Repubblica ad unistanza del Ministro di Grazia e Giustizia; Nel 2006 il Governo Prodi ha istituito solo il Ministero della Giustizia, rimandando la concessione della Grazia interamente al Capo dello Stato; Presuppone una condanna irrevocabile; Condona parzialmente o totalmente la pena inflitta o la trasforma in una di altra specie; Come lindulto è causa di estinzione della pena e non del reato.indultoreato

12 Il Carcere Luogo di reclusione dei colpevoli di reato.reato Katrin Bonagiuso Francesco Giammarinaro Roberta Panicola

13 Il carcere moderno nasce nel 1700 circa, con lavvento dellIlluminismo. Prima, si pensava al carcere come la giusta punizione per chi aveva violato la legge, dunque punizione mediante sofferenze. Dopo, scopo del carcere diviene il riscatto e il reinserimento sociale del detenuto.

14 Nell800 si affermano diversi sistemi di carcere. la Vita in Comune, applicato in Europa, basato sulla convivenza dei detenuti in condizioni di promiscuità e ozio; Sistema di Filadelfia, applicato negli Stati Uniti, basato sullisolamento assoluto; Sistema di Auburn, applicato nei pressi di New York, basato sullo sfruttamento dei detenuti come mano dopera a basso costo.

15 Il carcere in Italia e… Condizioni inumane per tutto l800 e buona parte del 900, numerosi i suicidi; Molte le denunce. Basti ricordare quelle di Vincenzo Padula, prete calabrese; Filippo Turati, nel 1904, in un discorso alla Camera, definiva le carceri italiane Cimiteri dei Vivi.

16 … la normativa attuale … Legge n. 354 del luglio 1975 nuovo ordinamento penitenziario con il riconoscimento ai detenuti dei diritti costituzionali; 1977 istituzione delle carceri di massima sicurezza; Legge n. 689 del 1981 depenalizzazione (illeciti meno gravi trasformati in illeciti amministrativi per i quali non è previsto larresto); Legge n. 663 del 1986 (Legge Gozzini) misure alternative alla detenzione, affidamento ai servizi sociali, semilibertà, detenzione domiciliare, liberazione anticipata; Legge n. 205 del 25 giugno 1999 prevedeva leliminazione di alcuni reati, la semidetenzione, la libertà controllata, la pena pecuniaria, il patteggiamento.reati

17 … la Costituzione, con lart. 27, afferma che: … le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.

18 Diritti dello straniero Stefania Monteleone Denise Salvo

19 STRANIERO Individuo che viene a trovarsi nel territorio di uno Stato diverso da quello al quale è legato da un rapporto di cittadinanza. DIRITTO E DOVERE DELLO STATO E LA REPRESSIONE DEL TERRORISMO 1971 Convenzione di Montreal (per atti illeciti contro laviazione civile) 1977 Convenzione di Strasburgo (repressione del terrorismo) 1979 Altra Convenzione (contro la presa di ostaggi) Lopinione pubblica appare sempre più preoccupata rispetto al problema immigrazione, come testimoniano le manifestazioni di: disagio intolleranza razzismo Diritti dello straniero

20 STATO STRANIERO DOVERI Protezione allo straniero, garanzia dei diritti, indennizzo Obblighi derivati dallattacco sociale con la comunità territoriale Nazionalizzazione, libertà di ammettere o espellere gli stranieri tranne per reati politicireati (art. 10 comma 4) Parità con i cittadini locali (trattato CEE art. 52) anche penale Libertà democratica art. 10 Diritto di asilo Costituzione Diritti civili (art. 16 Costituzione) DIRITTI

21 Diritti umani Caterina Basile Lina Gentile

22 Dichiarazione universale dei diritti umani LATI POSITIVI Garanzia di pace e collaborazione fra gli uomini Garanzia di partecipazione attiva alla vita della comunità Presa di coscienza Punto di riferimento etico- politico LATI NEGATIVI Programma ambizioso Concetti generici, vaghi e ambigui Rinvio alle leggi che ogni Stato emanerà per disciplinare la materia lasciata scoperta Tutti gli esseri umani nascono liberi ed uguali in dignità e diritti umani

23 Diritti umani Distinzione di razza, colore, sesso, ecc. Diritto alla… vita libertà sicurezza Economici, sociali e culturali CiviliPolitici

24 Diritti civili Protezione dalla schiavitù o servitù (art. 4) e dai trattamenti inumani (art. 5) Uguaglianza di fronte alla legge (art. 8) Protezione dallarresto arbitrario e dallesilio (art. 9) Diritto a tutte le garanzie in caso di processo (artt. 10 e 11) Protezione della vita privata dellindividuo (art. 12) Diritto alla libertà di movimento e di residenza (art. 13) Asilo in altri paesi (art. 14) Diritto alla cittadinanza (art. 15) Diritto a formare una famiglia senza obbedire a distinzioni di razza, compreso il diritto alla tutela (art. 16) Diritto alla proprietà personale o in comune con altri (art. 17) Diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione (art. 18) Diritto alla libertà di opinione e di espressione (art. 19) Diritto alla libertà di riunione e di associazione (art. 20)

25 Diritti politici Diritto di esercitare la libera partecipazione, sia diretta che indiretta, al governo del proprio paese, mediante libere elezioni a suffragio universale (art. 21).

26 Diritti sociali, economici e culturali Diritto alla sicurezza sociale, al lavoro, ad unequa retribuzione, alla protezione contro la disoccupazione e diritto a fondare sindacati (artt. 22 e 23) Diritto al riposo e a ferie retribuite (art. 24) Diritto a un tenore di vita che garantisca la salute e il benessere dellindividuo e della sua famiglia; alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità; alla difesa della maternità e dellinfanzia (art. 25) Diritto allistruzione (art. 26) Diritto di partecipare liberamente alla vita culturale e diritto alla protezione degli interessi materiali e morali derivanti dalla produzione scientifica, letteraria e artistica di ciascuno (art. 27)

27 Problemi aperti Ogni individuo ha dei doveri verso la comunità, nella quale soltanto è possibile il libero e pieno sviluppo della sua personalità. QUALI SONO IL CONTENUTO E LESTENSIONE DI QUESTI DOVERI? Nellesercizio dei suoi diritti e delle sue libertà, ognuno devessere sottoposto soltanto a quelle limitazioni che sono stabilite dalla legge per assicurare il riconoscimento e il rispetto dei diritti e della libertà degli altri e per soddisfare le giuste esigenze della morale, dellordine pubblico e del benessere generale in una società democratica. LA LEGGE NON SI PRESTA A MANIPOLAZIONI?

28 Le fasi storiche 1946: viene istituita la Commissione che redige la Dichiarazione dei diritti umaniDichiarazione dei diritti umani 1948: lONU approva la Dichiarazione. 1950: Convenzione Europea 1961: Carta Atlantica 1966: Approvazione dei patti – Patto interno sui diritti economici, sociali e culturali – Patto sui diritti civili e politici Obbligo degli stati di presentare allONU dei rapporti annuali intorno allattivazione dei diritti umanidiritti umani

29 Precedenti storici della Dichiarazione Rivoluzione inglese ( ) Rivoluzione americana (1776) – Dichiarazione dindipendenza Rivoluzione francese (1789) – Dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino Le quattro libertà di Roosevelt (1941) La Carta Atlantica (1941)

30 Uomo: Libero Rispettoso del simile e del diverso Libero di sviluppare tutte le proprie facoltà ovunque Sollecito del bene proprio come del bene comune

31 Diritto di difesa Lavinia Errante Francesca Roppolo

32 Diritto di difesa La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento. Sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ogni giurisdizione. Difesa personale (risposta diretta) Difesa tecnica (presenza di un avvocato, legge n°217 del 30 luglio 1990) Garanzia dellassistenza ad ogni cittadino (spese a carico dello Stato) Nuovo codice di procedura penale (accusa e difesa in posizione paritaria di fronte al giudice)

33 Iter del processo Al compimento del primo atto il Pm invia alla persona indagata una informazione di garanzia con linvito a nominare un difensore. Il giudice (Gip) : a) archiviare caso; b) processo penale con rinvio al giudizio. – Persona imputata sottoposta a processo (dibattimento); – Sentenza di PRIMO GRADO: a) condanna b) assoluzione. – Eventuale ricorso ad appello e cassazione.

34 Lestradizione Giuseppe Cuttone

35 ESTRADIZIONE CONSEGNA DI UN CITTADINO ACCUSATO O CONDANNATO DA UNO STATO AD UN ALTRO LITALIA LA NEGA CON LART..26 DELLA COSTITUZIONE, ESCLUSI CASI PARTICOLARI (GENOCIDIO, TERRORISMO) SECONDO LA CORTE COSTITUZIONALE N° 54 DEL 1979, LESTRADIZIONE NON E AMMESSA PER REATIREATI RICHIEDENTI PENAPENA DI MORTE

36 Il Garantismo Francesco Lisciandra Giuseppe Sutera

37 Il garantismo Nello Stato di diritto, teoria delle garanzie giuridiche e politiche volte a proteggere le libertà del cittadino. La certezza del diritto è la principale garanzia del cittadino.

38 Divieto degli arresti arbitrari Esercizio del diritto di difesa diritto di difesa Limitazione della carcerazione preventiva carcerazione

39 La pena di morte Stefania Monteleone Denise Salvo

40 Pena di morte nel mondo

41 CAUSECONSEGUENZE reati di lieve entitàreati fatti anacronistici ipotesi criminose, che in altri paesi non sono reati garanzia della sicurezza sociale scoraggiamento della criminalità Secondo gli studi criminologici, però, la pena di morte e laumento dei reati vanno di pari passo. ITALIA PRIMA Art. 27: Non è ammessa la pena di morte se non nei casi previsti dalle leggi militari di guerra 5 OTTOBRE 1994 DOPO: annullamento del codice penale militare di guerra

42 Cesare Beccaria Lo Stato è fondato sul contratto : La massima felicità divisa nel maggior numero. Beccaria è: contrario alla pena capitale: nessun uomo ha il diritto di uccidere un altro uomo; favorevole ai lavori forzati. DIRITTO DI PUNIRE Per difendere la salute pubblica Per impedire che si compiano altri reatireati

43 Il Reato Flavia Stallone

44 Reato DEFINIZIONE: Fatto che è previsto dalla legge come tale, fatto che si caratterizza per una particolare dannosità o pericolosità sociale contrastando con i fini primari dello Stato. Diverso dagli altri fatti antigiuridici, il reato si distingue par il particolare tipo di sanzione per esso prevista dallordinamento giuridico. (artt.2,13,14,25,27)

45 Il vigente codice penale italiano ha adottato il sistema bipartito, suddividendo il reato in: Delitti: sono delitti i reati per i quali sono comminate le pene dellergastolo, della reclusione e della multareclusione (art.99) Contravvenzioni: sono contravvenzioni i reati punibili con larresto e lammenda (art.17)

46 Occorre distinguere allinterno del reato un Elemento oggettivo Linsieme di quei comportamenti che si manifestano nel mondo esteriore, suscettibili di percezione sensoria Elemento soggettivo Il differente atteggiarsi della volontà del soggetto del reato nelle forme del dolo, della colpa e della preterintenzionalità

47 Elemento oggettivo una messa in pericolo, se il bene viene soltanto minacciato una lesione, che si concreta in un nocumento effettivo del bene protetto Talvolta subentrano delle scriminanti Perché vi sia un reato è necessario che si verifichi unoffesa ad un bene tutelato dallordinamento giuridico. Loffesa può consistere in:

48 Elemento soggettivo Dolo volontà colpevole e cosciente Colpa violazione di un dovere giuridico e morale Preterintenzionalità reato che non era nellintenzione

49 La Tortura Ivan Corseri Daniel Franchina

50

51 Legittimazione: Diritto greco e romano Chiesa cattolica Stati moderni Dittature Tolleranza: scuole internazionali di addestramento alla tortura USA (Nato) Es.Deprivazione sensoriale Fame, sete, sonno Ieri…… e oggi

52 Contestazione Illuministi Voltaire Beccaria Diderot Beccaria DELITTO CERTO Inutili sono i tormenti perché inutile è la confessione del reo INCERTO Presunzione dinnocenza fino a prova contraria

53 Contestazione ONU – Dichiarazione universale del 1948 (art. 5) Dichiarazioneart. 5 – Patto sui diritti civili e politici del 1966 (art. 7) Patto – Dichiarazione specifica (1975) – Convenzione del 1987 (universalità della giurisdizione) UE – Convenzione europea (1950) – Carta dei diritti fondamentali (2000) AMNESTY INTERNATIONAL

54 Abolizione Il primo ad abolire la tortura fu FEDERICO II di PRUSSIA a metà 700.


Scaricare ppt "Educazione Civica Realizzato dalla II B A.S. 2006/2007 Coordinamento di Lina Gentile A cura della prof.ssa Anna Vania Stallone."

Presentazioni simili


Annunci Google