La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Roma, 15 novembre 2007 Regole di trasmissione di parametri QoS sulla QXN Mauro Mascagna (Dir. Tecnico QXN s.c.p.a.) Meeting annuale Consorzio NAMEX Roma,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Roma, 15 novembre 2007 Regole di trasmissione di parametri QoS sulla QXN Mauro Mascagna (Dir. Tecnico QXN s.c.p.a.) Meeting annuale Consorzio NAMEX Roma,"— Transcript della presentazione:

1 Roma, 15 novembre 2007 Regole di trasmissione di parametri QoS sulla QXN Mauro Mascagna (Dir. Tecnico QXN s.c.p.a.) Meeting annuale Consorzio NAMEX Roma, 15 novembre

2 Pag 2 SPC - La centralità della Rete QXN CG-SPC QXNQXN

3 Pag 3 I servizi offerti da QXN Interconnessione OPA Interconnessione OPA (Infranet) Interconnessione OPO Interconnessione OPO (solo tra Fastweb e gli altri fornitori assegnatari della Gara SPC) DNS SPC DNS SPC (sistema federato di DNS) Generazione tempo ufficiale SPC Generazione tempo ufficiale SPC (NTP server) Network Operation Center Network Operation Center (Gestione dei servizi con presidio dedicato h.24x365)

4 Pag 4 A che punto siamo /7/2007completati formalmentei collaudi la QXN è, quindi, in esercizio Il 26/7/2007 sono stati completati formalmente i collaudi della QXN da parte della Commissione di Collaudo SPC. Da quella data la QXN è, quindi, in esercizio. Ai collaudi hanno preso parte direttamente gli Operatori che sono risultati aggiudicatari/assegnatari della Gara Multifornitore SPC (RTI Fastweb/EDS, BT Italia, Wind e Telecom Italia) sottoscritti i contratti di interconnessione Sono stati sottoscritti i contratti di interconnessione tra QXN ed i quattro Operatori attivata linterconnessione con RUPA/Interdominio E stata attivata linterconnessione con RUPA/Interdominio, funzionale alla migrazione delle PA su SPC realizzato lallineamento tra DNS RUPA e DNS QXN E stato realizzato lallineamento tra DNS RUPA e DNS QXN, al fine di facilitare le attività di migrazione delle PA su SPC E in corso di realizzazione linterconnessione diretta con il CG-SPC.

5 Pag 5 Attualmente risultano attivi sulla QXN i seguenti servizi: Interconnessioni Infranet OPA Interconnessioni Infranet OPA con i quattro Operatori e, attraverso il PIR, con Interdominio/RUPA. I prefissi Infranet annunciati in BGP sulla QXN sono i seguenti Interconnessione OPO Interconnessione OPO tra FW e Wind per 9 Amministrazioni Centrali (14 VPN) Tra FW e BT Italia per 3 Amministrazioni Centrali (in attivazione) A che punto siamo...

6 Pag 6 Traffico gestito dalla QXN Infranet – OPA*Infranet – tra PA differenti che aderiscono al contratto SPC (modalità OPA*), con fornitori SPC (Q-ISP) differenti; Intranet modalità OPO*Intranet – tra sedi di una stessa PA, in parte direttamente connesse al Q-ISP assegnatario di riferimento della PA (Wind / B.T./ T.I.) ed in parte connesse in modalità OPO* sulla rete del Q-ISP aggiudicatario (FASTWEB); Traffico da e verso RUPATraffico da e verso RUPA (attraverso il PIR), al fine di consentire la comunicazione tra le PA già migrate su SPC con le rimanenti ancora attestate alla RUPA OPA = Offerta per le Amministrazioni OPO = Offerta per gli Operatori

7 Pag 7 Interconnessione OPA – Ambito Infranet Rete Fornitore SPC A Rete Fornitore SPC B NODO QXN ROMA ROMA MILANO MILANO BRqxn BRqxn BRqxn BRqxn PA m PA 1 PA 3 PA 2 INTERNET

8 Pag 8 Il trattamento della QoS in SPC 4 classi di servizio (CdS), Il capitolato SPC prevede 4 classi di servizio (CdS), che consentono alla PA di specificare le componenti di traffico che lOperatore (Q-ISP) deve trasferire sulla propria rete con garanzia di SLA specifici IP Best Effort: IP Best Effort: per applicazioni a bassa priorità IP Mission Critical: IP Mission Critical: per applicazioni con trasporto di dati critici ad alta priorità IP Streaming: IP Streaming: per applicazioni a/v streaming a bassa interattività ed alto buffering IP Real Time: IP Real Time: per applicazioni per trasporto di voce su IP, a/v streaming ad alta interattività e basso buffering Ogni CdS è identificata dai valori distinti dei parametri RTD/OWD, PL e Jitter. RTD/OWDPLJitter IP Best EffortRTD < 500ms< 5% IP Mission CriticalRTD < 100ms< 0,1% IP StreamingOWD < 400ms< 0,5%250 ms IP Real TimeOWD < 40ms< 0,1%10 ms

9 Pag 9 Il trattamento della QoS in SPC (2) Ciascun Q-ISP gestisce la QoS allinterno della propria rete definendo, in modo autonomo, le CdS da associare alle diverse tipologie di traffico che devono essere trattate. Secondo il modello di riferimento Differentiated Services (RFC2474, 2475): Ogni pacchetto IP trasporta nel campo ToS/DSCP del proprio header le informazioni relative alle caratteristiche del servizio richiesto (CdS) Ogni nodo della rete si comporta diversamente per il routing del pacchetto, a seconda della CdS ad esso associata (PHB) Un possibile esempio di classificazione del traffico sulla rete di un Q-ISP : Tipologia di traffico Requisiti particolari sul trafficoCdS Best EffortNessunoBE Data MidBassa prob. di perditaDM Data HiBassa prob. di perdita, basso ritardoDH VideoBasso ritardo, basso jitterST VoceBassa prob. perdita, basso ritardo, basso jitterRT

10 Pag 10 Il trattamento della QoS in SPC (3) AI fini del trasporto delle CdS SPC sulla rete del Q-ISP è, quindi, necessario rimappare le CdS sui punti di confine (le TdR) tra la rete della PA e quella del Q-ISP La riclassificazione del traffico può essere fatta in base a vari criteri (es. IP Source/Dest., Protocollo Applicativo utilizzato etc..) che sono specificati nel progetto di QoS che il Q-ISP redige sulla base dei requisiti forniti dalla PA Rete Q-ISP Rete PA CdS in direzione Downstream: ST RT DH Best Effort CdS in direzione Upstream: IP Streaming IP Real Time IP Mission Critical IP Best Effort TDR

11 Pag 11 Il trattamento della QoS sulla QXN Il traffico Infranet tra due PA appartenenti a Q-ISP diversi attraversa la QXN. Ai fini della QoS è, quindi, necessario che la QXN operi anche come punto di mediazione per il traffico scambiato tra le reti dei Q-ISP. Il Comitato Tecnico QXN ha definito le regole per la marcatura del parametro TOS/DSCP dei pacchetti in transito sulla QXN da associare alle 4 CdS SPC Classe di ServizioMarcatura mediante DSCP IP Best Effort0 IP Mission CriticalAF 21 IP StreamingAF 31 IP Real TimeAF 41

12 Pag 12 Ogni Q-ISP deve, quindi, colorare il traffico secondo questo schema prima di consegnarlo alla QXN (e viceversa per il traffico ricevuto). Questa operazione, consistente nella rimappatura del campo ToS/DSCP dei pacchetti IP, viene svolta dai Border Router del Q-ISP che interfacciano i Border Router QXN. I BR-QXN sono, quindi, in grado di classificare ed accodare il traffico ricevuto dei BR dei Q-ISP, senza modificare la marcatura del campo DSCP dei pacchetti IP in transito I pacchetti marcati dai BR Q-ISP con valori TOS/DSCP non conformi, vengono trattati dai BR-QXN come traffico Best Effort (TOS/DSCP rimarcato a 0) Il trattamento della QoS sulla QXN (2)

13 Pag 13 Rete Q-ISP B Rete Q-ISP A Il trattamento della QoS sulla QXN (3) BR Q-ISP A BR QXNBR Q-ISP B CdS Mission Critical DSCP = AF32 CdS Mission Critical DSCP = AF31 CdS Mission Critical DSCP = AF31 CdS Mission Critical DSCP = AF22 CdS Real Time DSCP = AF42 CdS Real Time DSCP = AF41 CdS Real Time DSCP = AF41 CdS Real Time DSCP = AF31

14 Pag Grazie per lattenzione...


Scaricare ppt "Roma, 15 novembre 2007 Regole di trasmissione di parametri QoS sulla QXN Mauro Mascagna (Dir. Tecnico QXN s.c.p.a.) Meeting annuale Consorzio NAMEX Roma,"

Presentazioni simili


Annunci Google