La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistema di Gestione per la Qualità Le Norme ISO 9001:2000 Introduzione e applicazione in Associazione e Aziende Associate di Italpatate Ottobre 2005 di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistema di Gestione per la Qualità Le Norme ISO 9001:2000 Introduzione e applicazione in Associazione e Aziende Associate di Italpatate Ottobre 2005 di."— Transcript della presentazione:

1 Sistema di Gestione per la Qualità Le Norme ISO 9001:2000 Introduzione e applicazione in Associazione e Aziende Associate di Italpatate Ottobre 2005 di Corrado Lorenzi

2 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate2 Le Norme Coppia di norme congruenti ISO 9001: SGQ – Requisiti (fornire fiducia, come risultato dellevidenza circa la conformità di un prodotto ai requisiti stabiliti) ISO 9004: SGQ – Guida per il miglioramento delle prestazioni (benefici per tutte le parti interessate, attraverso il conseguimento della soddisfazione del cliente) Terminologia ISO 9000: SGQ – Fondamenti e Definizioni

3 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate3 ISO 9001: Requisiti Fornire fiducia come risultato dellevidenza circa la conformità di un prodotto a requisiti stabiliti Requisito - Esigenza o aspettativa che può essere espressa, generalmente implicita o cogente

4 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate4 ISO 9004:2000 Benefici per tutte le parti interessate, attraverso il conseguimento della soddisfazione del cliente Soddisfazione del cliente - Il grado di percezione del cliente su quanto i suoi requisiti siano stati soddisfatti.

5 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate5 ISO 9000:2000 Terminologia Fondamenti e definizioni - Definisce tutti i termini relativi alla qualità, specificandone i contenuti ed il campo applicativo.

6 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate6 QUALITA Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti Es. Tazzina di caffè RequisitiCaratteristiche Caldo Gradi in centigradi (termica) Aroma Miscela (% composizione ) Caffeina mg sul totale (% presenza) Contenitore caldo Gradi in centigradi (caratteristica termica della porcellana) Cortesia nel servizio Personale Addestrato

7 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate7 ISO 9000:2000 Principi (regole) di Gestione per la qualità Per guidare e gestire una società con successo è necessario dirigerla in modo sistematico e visibile. Occorre quindi più che mai rispettare dei principi e delle regole a garanzia di questo.

8 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate8 ISO 9000 – I PRINCIPI Un principio di gestione della qualità è una regola basilare e comprensiva per guidare e condurre una società mirata ad un continuo miglioramento della prestazione sul lungo periodo che tramite la centralità del cliente soddisfi le esigenze delle altre parti interessate.

9 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate9 ISO 9004 – Gli 8 Principi 1.Approccio sistemico alla gestione 2.Reciproca utilità nella relazione con i fornitori 3.Organizzazione centrata sul Cliente 4.Approccio basato sui Processi 5.Leadership 6.Coinvolgimento delle persone 7.Miglioramento continuo 8.Decisioni basate su dati di fatto

10 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate10 Modello ISO9000:2000 1) Approccio Sistemico alla gestione Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Cliente Requisiti Soddisfazione Responsabilità della Direzione Realizzazione del prodotto Gestione delle Risorse Misurazioni, Analisi e Miglioramento Elementi in entrata Prodotto Elementi in uscita

11 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate11 Lapplicazione di un sistema qualità orientato al miglioramento porta benefici diretti a tutti coloro che hanno interesse nelle prestazioni dellorganizzazione. Per esempio …. Persone dellorganizzazione Proprietà ed investitori Fornitori e partners Società 2) Reciproca utilità nella relazione con i fornitori

12 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate12 Modello ISO9000:2000 3) Organizzazione centrata sul cliente Le organizzazioni dipendono dai loro clienti e dovrebbero pertanto capire le loro esigenze presenti e future, soddisfare i loro requisiti e mirare a superare le loro stesse aspettative

13 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate13 4) Approccio basato sui Processi Un risultato desiderato si ottiene con maggiore efficienza quando le relative attività e risorse sono gestite come un processo. Identificazione e gestione sistematica dei processi di unorganizzazione e delle loro interazioni Processo Insieme di attività correlate o interagenti che trasformano elementi in ingresso in elementi in uscita.

14 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate14 PROCESSO 4) Approccio basato sui Processi Risorse Umane InformazioniInfrastrutture Indicatori delle prestazioni Indicatori INPUTOUTPUT

15 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate15 Qualità del Processo Miglioramento dellEfficienza (minimi costi e tempi di realizzazione) Qualità del Prodotto (soddisfazione dei requisiti = efficacia) Elasticità (capacità di adeguamento al cambiamento)

16 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate16 ISO 9001: Struttura basata sui Processi Responsabilità della Direzione (cap. 5) (es. politica, obiettivi, pianificazione, riesame) Gestione delle Risorse (cap. 6) (es. persone, attrezzature, ambiente di lavoro) Realizzazione del Prodotto (cap. 7) (es. cliente, progettazione, acquisti, produzione) Misurazioni, analisi e miglioramento (cap. 8) (es. audit, controllo di processo/prodotto, miglioramento)

17 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate17 Classificazione dei Processi Processi di Gestione (Strategico – Decisionali) Processi Primari (o di Produzione) (Sono legati alla realizzazione del prodotto e al cliente esterno) Processi Secondari (o di Supporto) (Hanno come riferimento un cliente interno e supportano la realizzazione dei processi primari)

18 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate18 La gestione dei Processi Definire: I requisiti Le figure coinvolte Il responsabile interno (Process Owner) Le interrelazioni e le interfacce Le attività I punti di controllo Misurare e Migliorare

19 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate19 5) Leadership La direzione stabilisce unità di intenti e di indirizzi dellorganizzazione. Essa dovrebbe creare e mantenere un ambiente interno che coinvolga pienamente il personale nel raggiungimento degli obiettivi dellorganizzazione.

20 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate20 Impegno della Direzione Lalta direzione deve fornire evidenza del suo impegno nello sviluppo e nella messa in atto del Sistema di Gestione per la Qualità e nel miglioramento continuo della sua efficacia. Lalta direzione deve designare un componente della propria struttura direzionale che abbia responsabilità e autorità.

21 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate21 Rappresentante della Direzione Assicurare che i processi necessari per il SGQ siano predisposti, attuati e aggiornati. Riferire allalta direzione sulle prestazioni del SGQ e ogni sua esigenza di miglioramento. Assicurare la promozione della consapevolezza dei requisiti del cliente nellambito di tutta lorganizzazione.

22 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate22 Impegno della Direzione Comunicare importanza del rispetto dei requisiti del cliente e quelli cogenti Politica della Qualità Obiettivi per la Qualità Riesami del sistema Assicurare disponibilità delle risorse necessarie

23 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate23 6) Coinvolgimento del personale Le persone, a tutti i livelli, costituiscono lessenza dellorganizzazione ed il loro pieno coinvolgimento permette di porre la loro capacità al servizio della medesima. (Formazione, Incentivazione, Partecipazione ….) (es. la norma richiede la valutazione dellefficacia della formazione)

24 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate24 7) Miglioramento Continuo Il miglioramento continuo delle prestazioni complessive dovrebbe essere un obiettivo permanente dellorganizzazione.

25 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate25 7) Miglioramento Continuo P D C A Plan (PIANIFICARE) 4. Sistema Gestione per la Qualità 5. Responsabilità della Direzione Do (REALIZZARE) 6. Gestione delle Risorse 7. Realizzazione del Prodotto Check (CONTROLLARE) 8. Misurazioni Analisi e Miglioramento 8.2. Monitoraggi e Misurazioni 8.3. Controllo Prodotti non Conformi Act (AGIRE) 8.3. Ctrl. Prod. non Conformi 8.4. Analisi dei Dati 8.5. Miglioramento D Document

26 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate26 8) Decisioni basate su dati di fatto Le decisioni efficaci si basano sullanalisi di dati e informazioni. Viene generalizzato il concetto di Misura relativo a: prodotto, processo, sistema.

27 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate27 Struttura della Documentazione Manuale della Qualità Procedure Guide alla Compilazione Registrazioni della Qualità Modulistica e altri Dati Politica della Qualità Requisiti di Legge

28 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate28 Manuale della Qualità Deve includere: –Scopo e campo di applicazione del SGQ e le eventuali esclusioni con motivazione –Procedure documentate o i riferimenti ad esse –Descrizione dei processi coperti dal SGQ e le loro interrelazioni Relativamente ai macro processi devono essere descritti: –chi fa –cosa fa –come lo fa

29 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate29 Politica della Qualità ed Obiettivi Deve includere limpegno al miglioramento continuo Deve essere adeguata agli scopi dellorganizzazione Deve essere comunicata e compresa Deve essere periodicamente riesaminata Obiettivi Coerenti con la politica della qualità Misurabili Valutati periodicamente

30 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate30 Manuale Qualità e Procedure Per i singoli sottoprocessi il manuale potrà: –Richiamare le procedure e la documentazione ad essi relativa –Descriverli con un gradi di dettaglio dipendente dalla complessità dellattività descritta e dal livello di formazione del personale MQ = Mappa dei processi

31 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate31 Procedure documentate (Obbligatorie) La norma prevede solo 6 procedure documentate: §4.2.3 Controllo della documentazione §4.2.4 Controllo delle registrazioni della Qualità §8.2.2 Verifiche ispettive interne §8.3 Gestione dei prodotti non conformi §8.5.2 Azioni correttive §8.5.3 Azioni preventive

32 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate32 Altra documentazione (Facoltativa) Se ritenuta necessaria dallorganizzazione per una efficace pianificazione, gestione e controllo dei propri processi Mappe di processo Organigrammi Documenti di produzione Lista dei fornitori qualificati Piani della qualità …

33 Roma, ottobre 2005Sistema Gestione Qualità per Ass.Italpatate33 Registrazioni della Qualità Riesami Rapporti Verifica e Validazioni (… progettazione …) Azioni Correttive Azioni Preventive


Scaricare ppt "Sistema di Gestione per la Qualità Le Norme ISO 9001:2000 Introduzione e applicazione in Associazione e Aziende Associate di Italpatate Ottobre 2005 di."

Presentazioni simili


Annunci Google