La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Centro per lo Sviluppo Creativo Danilo Dolci. Chi era Danilo Dolci? La storia della nostra organizzazione ObiettiviAttivitàStruttura Contenuti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Centro per lo Sviluppo Creativo Danilo Dolci. Chi era Danilo Dolci? La storia della nostra organizzazione ObiettiviAttivitàStruttura Contenuti."— Transcript della presentazione:

1 Centro per lo Sviluppo Creativo Danilo Dolci

2 Chi era Danilo Dolci? La storia della nostra organizzazione ObiettiviAttivitàStruttura Contenuti

3 i. Chi era Danilo Dolci? Un sociologo, pacifista ed educatore che arrivò in Sicilia negli Anni 50 e ha sviluppato una lotta nonviolenta contro la mafia per lo sviluppo della comunità

4 ii. La storia dellorganizzazione Centro Studi ed Iniziative (quando Dolci e i suoi collaboratori hanno iniziato il loro lavoro) 1958 Centro per lo Sviluppo Creativo (quando il lavoro dellorganizzazione iniziò a diventare maggiormente connesso con la formazione non violenta, la creatività e lo sviluppo) 1985 Centro per lo Sviluppo Creativo Danilo Dolci (dopo la morte di Dolci) 1998

5 iii. Obiettivi

6 iv. Attività Organizzazione di laboratori maieutici nelle scuole, università, organizzazioni e istituzioni Organizzazione di attività culturali e formative per promuovere la vita e le opere di Danilo Dolci Assicurare che i libri scritti da Danilo Dolci durante la sua vita siano pubblicati di nuovo e organizzare nuove antologie che riuniscano i suoi lavori più importanti Organizzare progetti europei che coinvolgano giovani e adulti provenienti da paesi diversi sui temi della nonviolenza, della pace e della partecipazione attiva Organizzare progetti europei nella sfera della formazione dei giovani e degli adulti utilizzando la maieutica reciproca come principale approccio educativo

7 Attività locali I workshops maieutici Inventing the Future in Ballarò La maieutica reciproca con gli insegnanti e gli studenti delle scuole superiori Temi classici dellmaieutica (educare- insegnare, comunicare-trasmettere, potere-dominio) Risultati: comunicazione e ascolto attivo, migliori capacità relazionali, sviluppo di processi creativi, partecipazione, capacità di lavorare in un gruppo. Finanziata da Fondazione con il Sud Attraverso corsi di formazione ha fornito alle ragazze autoctone e immigrate (dai 15 ai 18 anni) competenze professionali specifiche per entrare nel mercato del lavoro Ha facilitato il reinserimento nel sistema formativo e promosso lo sviluppo personale e professionale Ha potenziato il territorio target – Albergheria – sviluppando attività che hanno avuto un impatto positivo nellarea e nella comunità

8 Attività locali Promozione della creatività giovanile per incoraggiare un maggiore protagonismo sociale Promozione di stili di vita salutari e modelli di comportamento positivi rafforzando le attività sportive, la formazione culturale e ambientale e sensibilizzando i giovani sui rischi che derivano dal consumo di droghe, alcol e altri disordini alimentari Promozione della cultura del dialogo e del multiculturalismo per incoraggiare il dialogo e lintegrazione E uno strumento di piano integrato attraverso il quale la Regione Siciliana, in collaborazione con il Dipartimento dei Giovani, si pone lobiettivo di mettere i giovani al centro dellattenzione, e da qui iniziare un cambiamento culturale nel territorio capace di apprezzare il potenziale e il ruolo dei giovani come attori attivi e necessari per lo sviluppo della Sicilia

9 Attività internazionali

10 UPS – Unused Potentials of Senior Migrants / Experts for Life EDDILI – To educate is to make possible the discovery of life Grundtvig Multilateral – LLP (24 mesi+partnership internazionale ) Condividere con i partner luso della maieutica nelleducazione degli adulti. Formazione per educatori e ricercatori attivi sullimpatto della maieutica reciproca nel campo della formazione e delleducazione degli adulti Grundtvig Multilateral – LLP (24 mesi+ partnership internazionale) Coinvolgere, selezionare e formare immigrati adulti per il loro futuro campo di attività e per lo sviluppo di un manuale di self-help

11 Attività internazionali Culturitalian: the art of learning Italian through cultural diversity, 2011 ETHICS, Ethical Competence as Educational Component in Adult Education Produzione di numerosi strumenti capaci di arricchire i formatori e valutare le competenze etiche degli adulti Prodotti finali: un fascicolo e un sito web con strumenti e linee metodiche riguardo a come formare e valutare competenze etiche nel processo della formazione degli adulti Workshop internazionale che include diverse attività riguardanti la cultura e il linguaggio italiano, workshop interculturali, costruzione di gruppi interattivi, giochi di lingua, visite culturali ai paesaggi siciliani, proiezione di film, interviste con promoter radiofonici, utilizzo di metodi creativi non formali

12 LAUTC – Learn About Us Through Culture, 2008 – 2009 EU – Event Parcours LLP – Grundtvig Multilateral Sviluppo di buone pratiche a livello di UE, realizzabili a livello locale, al fine di incrementare il valore degli eventi culturali in risposta ai bisogni di apprendimento interculturale di immigrati e autoctoni Coinvolgimento di gruppi target in ogni fase del progetto attraverso lutilizzo dei Cinque Pilastri della Formazione per permettere lapprendimento attivo partecipatorio Integrazione della popolazione proveniente da aree urbane emarginate facilitando lo sviluppo di competenze in linea con gli obiettivi dellLLP di realizzazione personale e di cittadinanza europea attiva Altri progetti internazionali Manchester - December2008 Frechen – January 2009 Marseille – March 2009 Athens April 2009 Palermo – November 2008

13 Altri progetti internazionali Democracy in a multicultural Society, 2009 T he Role of Women in Conflict Transformation, 2006 Nonviolent creative defence of human rights, 2009 Youth in Action TC CoE, European Youth Foundation Il corso di formazione ha proposto di analizzare e di riflettere sulla situazione attuale riguardante la partecipazione della popolazione immigrata nel processo democratico. Ha avuto lobiettivo di comprendere la situazione in Europa e affrontare i diversi contesti migratori e politici Il corso di formazione è stato indirizzato verso lo sviluppo di strategie sensibili in merito al genere e verso gli strumenti per affrontare il conflitto. Il corso di formazione si è concentrato nellidentificazione di fattori capaci di prevenire il coinvolgimento attivo della donna nella trasformazione dei conflitti, e nello sviluppo di nuovi approcci sensibili sotto il punto di vista del genere Sviluppo di nuove strategie creative per difendere i diritti umani in modo non violento Apprendimento della situazione che concerne i diritti umani in diversi paesi Scoperta del potere dellArte per affrontare importanti temi sociali a livello locale e internazionale Diffusione della vita e delle opere di Danilo Dolci e dellAMR come strumento di comunicazione non violento

14 Altri progetti internazionali Inventing the future: Reciprocal maieutic approach for conflict transformation Non-formal education in action: building democracy and social inclusion Youth in Action 5 Youth in Action 1 CoE, European Youth Foundation Il progetto è stato creato con lidea di permettere a persone provenienti da paesi diversi di pensare collettivamente alla possibilità di trasformazione di conflitti non violenti, con un approccio informale verso la formazione e la mobilità internazionale Youth for Peace: Towards a New World Organizzazione di uno scambio giovanile multiculturale a Palermo. 40 giovani partecipanti provenienti dalla Spagna, Colombia, Ecuador e Italia Il progetto mette in luce la validità delleducazione non formale a livello internazionale attraverso uno scambio transnazionale di buone pratiche nel campo delleducazione giovanile

15 Altri progetti internazionali Together for human rights, 2010 – 2012 GIVE - Guidance In Vocational Education for students in rural areas, Intercult-rural, 2008 Grundtvig Learning PartnershipLeonardo Program, TOIYouth in Action, Action 1.1 Il progetto si pone lobiettivo di migliorare la qualità dei programmi riguardanti leducazione ai diritti umani attraverso linvestigazione e lanalisi di esperienze differenti dei partner coinvolti. Lobiettivo principale della partnership di apprendimento è di analizzare e condividere esperienze nellambito delleducazione ai diritti umani Lidea del progetto è di sfruttare i metodi moderni utilizzati dai social media per il miglioramento delle conoscenze professionali. Fornire ai professionisti VET la capacità di utilizzare i social media darà luogo a opportunità VET invitanti e incoraggerà la partecipazione dei giovani nel processo di apprendimento Questo progetto è stato realizzato a Petralia Soprana ed è stato creato al fine di promuovere consapevolezza fra i giovani circa limportanza del loro ruolo nei processi di cambiamento e miglioramento delle loro comunità

16 v. Struttura Presidente Attività internazionali Attività locali Rete nazionale Archivio e pubblicazioni Diffusione delle opere di Dolci Laboratori maieutici Direzione

17 INDIRIZZO VIA ROMA 94 – PALERMO, ITALIA TEL.: FAX: Contatti Project Managers Direttore finanziario Presidente Amico Dolci ilodolci.org Anna Raspanti danilodolci.org Fausto Amico danilodolci.org Dario Ferrante danilodolci.org Andrea Vacha anilodolci.org Emanuela Iannazzo emanuela.iann lci.org


Scaricare ppt "Centro per lo Sviluppo Creativo Danilo Dolci. Chi era Danilo Dolci? La storia della nostra organizzazione ObiettiviAttivitàStruttura Contenuti."

Presentazioni simili


Annunci Google