La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Avv. Augusto Sebastio Istituto di Diritto Privato Università di Bari PHD GLOBALIZATION – HUMAN RIGHTS FOUNDAMENTAL FREEDOM Diritto Privato- Biodiritto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Avv. Augusto Sebastio Istituto di Diritto Privato Università di Bari PHD GLOBALIZATION – HUMAN RIGHTS FOUNDAMENTAL FREEDOM Diritto Privato- Biodiritto."— Transcript della presentazione:

1 Avv. Augusto Sebastio Istituto di Diritto Privato Università di Bari PHD GLOBALIZATION – HUMAN RIGHTS FOUNDAMENTAL FREEDOM Diritto Privato- Biodiritto Università di Bari

2 PARTE DEL DIRITTO ALLA PRIVACY una definizione che rievoca le prime definizioni di privacy(Il Diritto ad essere lasciati soli),e ne determina una nuova classificazione come Diritto ad essere Dimenticati

3 Percorso in rete Il percorso del Diritto allOblio in rete nasce dallutilizzo quotidiano privo di tutele. Dai motori di ricerca ai social-network,dallincapacità della rete di selezionare e di dimenticare, dalla esigenza di evitare ricordi indelebili e la bancarotta reputazionale

4 Chi cerca di dimenticare, chi non vuole dimenticare e chi non può Mentre la parte analogica del pianeta cerca soluzioni per non dimenticare eventi coma la shoa il mondo digitale cerca di scoprire nuove forme di tutela digitale come il diritto alloblio a gestire le memorie di rete che ci riguardano o ad affidarle a terzi appositamente designati

5 Problematiche storiche della rete La copiosa dottrina e le normative mai esaustive in ambito Nazionale ed Europeo circa la responsabilità del Provider non tengono nel debito conto il diritto alloblio,il diritto ad essere dimenticati dal web senza percorsi indelebili della memoria della rete,il diritto alla cancellazione perenne dei dati o saltuaria,come proposto in ambito Europeo con cadenza decennale

6 LAmbizione Europea Il Disegno di legge presentato dal Vice-Presidente della Commissione Europea per la Giustizia e i Diritti Fondamentali prevede la Cancellazione dei dati entro un periodo di tempo da determinarsi

7 Ambizione Europea LUnione europea, nel riconoscimento del diritto, delineando la rilevanza civile ed istituzionale della problematica legata allOblio ed alla memoria, ritiene legittimo e doveroso poter cancellare dalla rete,informazioni,dati,fotografie,messaggi.

8 Ambizione Europea Una sorta di lavagna digitale periodica cancellabile a tempo,un azzeramento radicale delle memorie digitali,consentendo loblio delle proprie informazioni,richiamabili e gestite nuovamente solo con il consenso del diretto interessato e non più gestibili a prescindere dal consenso come invece avviene quotidianamente

9 Altre soluzioni paventate lestensione online del diritto di rettifica Rimozione immediata(praticamente impossibile) Sanzioni economiche Testamento telematico

10 SIAMO IN AMBITO di DIRITTI UMANI? Il diritto alloblio è una innovazione importante ricavata dalla dottrina nel panorama dei diritti digitali, ascrivibile,con qualche lieve riserva dottrinale, ai diritti umani. Eun diritto umano quello di vedere cancellati dalla rete i dati relativi a se stessi, soprattutto se sbagliati? Se si riferiscono a condanne parziali seguite da assoluzioni? Se si riferiscono a notizie false non rettificate?

11 Il prezzo dellera di inclusione Il prezzo della partecipazione attiva alla vita sociale online -della inclusione sociale online- è ritenuto essere la perdita della privacy ma è giusto considerare la memoria come un problema proprio o parte di un più importante problema di gestione eterna dei dati?

12 NON GESTIBILITA DEI DATI DA VIVENTE E GESTIONE DELEGATA DAL DE CUIUS

13 CICERONE Nessuno è talmente vecchio da non ritenere di vivere almeno un altro anno

14 CHE FINE FARANNO LE MEMORIE ONLINE ? CHI GESTIRA I DATI NEL POST VITA?

15 Carenze prolungate dei sistemi online Se da vivente un soggetto ha comunemente problemi di gestione dei dati cosa può accadere quando avrà cessato di vivere. Egiusto disporre dei propri dati come fossero beni oltre la morte? Chi garantisce il rispetto e la gestione? Chi eserciterà la tutela di un profilo online oltre la morte?

16 Quali istituti del nostro diritto possiamo scomodare per risolvere la problematica? LESECUTORE TESTAMENTARIO(una o più persone)- persona di fiducia del testatore cui viene affidato lincarico di curare che siano eseguite esattamente le ultime volontà testamentarie artt cod. civ.

17 UNICA SOLUZIONE Nel nostro ordinamento, lassenza totale di riferimenti in tal senso, potrebbe essere risolta attraverso lampliamento dei poteri della figura dellesecutore testamentario prevista dagli artt. 700 e seguenti del codice civile. La lacuna creatasi nei sistemi di legge a causa dello sviluppo della tecnologia, non può essere sottovalutata e non prescindere da soluzioni di tale portata, posto che nessuno può dirsi esentato dalla problematica in oggetto. a meno di casi di digital divide, e di assenza totale di profili di rete, di vita digitale, di tracce lasciate durante la vita digitale.

18 DIFFICOLTA La ricostruzione della vita terrena di un soggetto è, già di per sé, un atto difficile e faticoso, ma ben più difficile, per non dire impossibile, è la ricostruzione della vita on-line di un determinato soggetto. La vita digitale di un soggetto appartiene parzialmente alla sua sfera privata ed accedervi può essere considerata una violazione della intimità della persona deceduta.

19 Quale destino hanno i dati? Non si tratta della apertura di un diario o di agenda privata, proprio le modalità del web escludono la violazione di riservatezza e rendono pubbliche le manifestazioni on-line del soggetto, le comunicazioni, le considerazioni e tutti i dati caricati in rete sono esposti nei social-network e rimanendovi nella disponibilità di terzi senza possibilità di rimozione se non per espressa volontà.

20 Come tutelare i dati post-mortem? Anche questo è Diritto alloblio Non è pleonastico chiedersi quale possa essere il destino di tali dati, la possibilità di utilizzo di essi da parte di terzi in grado di utilizzarli e sfruttarli mettendo in atto condotte in violazione di legge o addirittura usurpandone i contenuti facendoli propri, si pensi alle tutele del diritto dautore su scritti rinvenuti in rete o ancora atti, disegni o documenti relativi ad invenzioni brevettabili

21 USA E GRAN BRETAGNA SONO GIA AVANTI NEI LAVORI Negli Usa, importante dottrina si è confrontata con la tematica e sono sorti strumenti e siti in grado di agevolare la ricostruzione della vita di un soggetto attraverso lo scambio di informazioni. Il governo americano, a seguito di dibattito sociale sulla gestione di tali dati post mortem, ha invitato i cittadini ad accompagnare le disposizioni testamentarie con espresse volontà integrative riferite alla gestione della vita elettronica, agevolando la ricostruzione e limmagazzinamento temporaneo di tali dati successiva alla morte

22 IL DIRITTO SI AGGIORNA Le stesse esigenze che hanno spinto il legislatore allintroduzione della figura dellamministratore di sostegno dovrebbero spingere alla considerazione di ampliare le funzioni dellesecutore testamentario così come previste dallart. 703 c.c..Tale modifica, applicabile allistituto già esistente, consentirebbe, a seguito dellinventario dei dati e della ricostruzione della presenza in rete del soggetto interessato

23 IL DIRITTO SI AGGIORNA il trattamento per breve termine di tali dati presenti on- line, garantendo la cessazione della circolazione degli stessi in pieno esercizio del diritto alloblio, diritto pieno ed esclusivo esercitabile in vita dal titolare dei dati, in grado di farli cancellare o rimuovere a sua discrezione, immediatamente o dopo un dato tempo, come suggerito dallUnione Europea, così come dopo la morte fino alla definitiva cessazione della circolazione degli stessi a mezzo della attività svolta dallesecutore testamentario

24 MODALITA di GESTIONE DEI DATI DOPO LA MORTE La volontà espressa per testamento, attraverso la consegna dei codici di accesso e delle password, conferirebbe valore assoluto alloperato dellesecutore per le funzioni digitali, nominato accanto allesecutore testamentario, nel rispetto della possibilità di nomina di uno o più soggetti consentita per legge, o identificato nel medesimo soggetto, facilitando ladempimento ed il rispetto delle ultime volontà anche per la sfera digitale

25 Il testamento digitale di Google il diritto a disporre loblio dei dati Google - almeno per i propri servizi- dà la possibilità agli iscritti di impostare la cancellazione automatica dei propri dati per inattività dopo un dato termine o linvio degli stessi (dei codici e delle password e delle credenziali)a soggetti predeterminati(eredi o legatari testamentari telematici). Tale predeterminazione di disporre loblio non revocabile dei dati delega in realtà Google alladempimento primario della cancellazione dei dati per inattività(Google svolgerebbe le mansioni dellerede testamentario direttamente ) o sarebbe in altro caso delegato alla chiamata del designato ad espletare il mandato testamentario di cancellare i dati del soggetto inattivo online(come il Notaio chiama gli eredi alla pubblicazione del testamento)

26 In conclusione la scelta dellesecutore fisico, per quel che riguarda tale attività di ricostruzione, gestione, archiviazione e cancellazione della vita on-line del de cuius, potrebbe ricadere su un soggetto dotato di particolari e comprovate conoscenze tecnologiche a garanzia del titolare dei dati e del rispetto della sua memoria digitale, traccia ulteriore del suo passaggio nella vita terrena.


Scaricare ppt "Avv. Augusto Sebastio Istituto di Diritto Privato Università di Bari PHD GLOBALIZATION – HUMAN RIGHTS FOUNDAMENTAL FREEDOM Diritto Privato- Biodiritto."

Presentazioni simili


Annunci Google