La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ministero dell Istruzione, dellUniversità e della Ricerca ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE Giacomo Leopardi --- Via Arturo Toscanini n.14 63066.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ministero dell Istruzione, dellUniversità e della Ricerca ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE Giacomo Leopardi --- Via Arturo Toscanini n.14 63066."— Transcript della presentazione:

1 Ministero dell Istruzione, dellUniversità e della Ricerca ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE Giacomo Leopardi --- Via Arturo Toscanini n – GROTTAMMARE – AP Tel fax C.F.: certificata: Sito Web: PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA INFANZIA A.s. 2013/2014

2 . LOCCHIO SE SALTA IL MURO Programmazione annuale 2013/ 2014 Il percorso annuale LOCCHIO SE SALTA IL MURO richiama il titolo della mostra sui cento linguaggi dei bambini con cui Loris Malaguzzi, fondatore delle scuole dellinfanzia di Reggio Emilia, ha definito e promosso una filosofia delleducazione innovativa, capace di valorizzare quel patrimonio di potenzialità e risorse che si esplica appunto nei cento linguaggi dei bambini. Locchio inteso come capacità di vedere, esplorare e cogliere il significato originale e più personale delle cose. E un invito alla pedagogia del bambino di saltare le consuetudini, i progetti vecchi e tentare di ricercare e costruire delle strade nuove( Loris Malaguzzi) Il progetto curricolare annuale nasce dalla convinzione che lincontro dei bambini con larte rappresenta loccasione per guardare con occhi diversi il mondo che li circonda. I materiali esplorati con i sensi, le tecniche sperimentate e condivise a scuola, le osservazioni di luoghi (piazze, giardini, paesaggi) e di opere di artisti locali aiuteranno a migliorare le capacità percettive, coltivare il piacere della fruizione, della produzione e dellinvenzione e ad avvicinare alla cultura e al patrimonio artistico ( Dalle I.N. 2012). Iniziare a scoprire questi mondi attraverso lesperienza diretta, significa maturare un comportamento attivo verso la conoscenza, sviluppare la curiosità, insegnare a porsi domande, a ricercare risposte e significati. Bisogna a questo punto sottolineare che ciò non vuol dire, però, che ai bambini non vengono offerte direttive e aiuti sulluso degli strumenti, degli utensili, dei materiali e delle tecniche di rappresentazione; di considerevole interesse è infatti, il modo in cui questo insegnamento, fatto in forma semplice e al momento in cui può essere utilizzato, offre al bambino la tecnica o lapproccio ai materiali… (Loris Malaguzzi). La nostra progettazione didattica presenta itinerari di lavoro nei diversi campi di esperienza in cui i bambini si sentono attivi e partecipi nel processo di crescita e di costruzione delle conoscenze e nella condivisione di emozioni e relazioni significative con gli altri e con lambiente circostante.

3 INTERDISCIPLINARIETÀ I 100 LINGUAGGI DEI BAMBINI LINGUAGGIO PLASTICO-PITTORICO Uso creativo del colore Utilizzo di diverse tecniche per realizzare e riprodurre opere darte LINGUAGGIO LOGICO-MATEMATICO Concetti di forma e dimensione Concetti temporali Concetti di quantità Concetti di relazione LINGUAGGIO MULTIMEDIALE Video Visione di documentari Utilizzo di software LINGUAGGIO VERBALE Racconti Parole Verbalizzazioni Drammatizzazioni Poesie Filastrocche LINGUAGGIO SCIENTIFICO Osservazione Esplorazione sperimentazione LINGUAGGIO MUSICALE Canti Suoni e rumori Realizzazione di strumenti musicali LINGUAGGIO MOTORIO Concetti topologici Percorsi Andature Giochi motori Danze Mimi LINGUAGGIO MANIPOLATIVO Esperienze in cucina Manipolazione di materiale vario Riciclo materiale LINGUAGGIO GRAFICO Esercizi di pregrafismo e coordinazione grafo- motoria scrittura creativa Utilizzo di simboli grafici LINGUAGGIO SENSORIALE utilizzo dei 5 sensi per la scoperta dellambiente e degli ogetti LINGUAGGIO AFFETTIVO RELAZIONALE Cura di sè Cura dellambiente Cura nellalimentazione Cura dei compagni

4 Organizzazione del curricolo Come affermano le nuove INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELLINFANZIA E DEL PRIMO CICLO DISTRUZIONE, la scuola dellinfanzia si pone LA FINALITÀ DI PROMUOVERE NEI BAMBINI LO SVILUPPO DI : IDENTITÀ ( costruzione del sé, autostima, fiducia nei propri mezzi ) AUTONOMIA, (rapporto sempre più consapevole con altri ) COMPETENZA (come elaborazione di conoscenze, abilità, atteggiamenti ) CITTADINANZA (come attenzione alle dimensioni etiche e sociali ) Ogni scuola predispone il curricolo, allinterno del Piano dellofferta formativa, nel rispetto: delle FINALITÀ per ogni bambino o bambina dei TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA che suggeriscono allinsegnante orientamenti, attenzioni e responsabilità nel creare piste di lavoro per organizzare attività ed esperienze volte a promuovere la competenza, che a questa età va intesa in modo globale e unitario degli OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO posti dalle Indicazioni. Il curricolo si articola attraverso i CAMPI DI ESPERIENZA che offrono specifiche opportunità di apprendimento ma contribuiscono a realizzare i compiti di sviluppo pensati unitariamente per i bambini di età dai tre ai sei anni IL SÉ E LALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI, SUONI, COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO Ogni campo di esperienza offre un insieme di oggetti, situazioni, immagini e linguaggi, riferiti ai sistemi simbolici della nostra cultura, capaci di evocare, stimolare, accompagnare apprendimenti progressivamente più sicuri Pertanto, gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire lorganizzazione di ciò che i bambini vanno scoprendo.

5 PERIODOPROSPETTIVE DI LAVORO SETTEMBRE/ OTTOBRE AMICI SI DIVENTA FESTA DELLACCOGLIENZA FESTA DEI NONNI (2 OTTOBRE ) FESTA DI HALLOWEN (31 OTTOBRE) PROGETTO CONTINUITÀ OSSERVAZIONE CARATTERISTICHE STAGIONALI (ESTATE) USCITE DIDATTICHE O A TEMA NOVEMBRE/ DICEMBRE NATALE TRA RACCONTI E TRADIZIONI LA MIA SCUOLA PER LA PACE INIZIATIVE UNICEF CHIOSCO PER LA PACE (11 NOVEMBRE) SETTIMANA UNESCO (18/24 NOVEMBRE) GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI DELLINFANZIA(20 NOVEMBRE) FESTA DELLALBERO (21 NOVEMBRE) GIORNATA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI UMANI (10 DICEMBRE) OSSERVAZIONE CARATTERISTICHE STAGIONALI (AUTUNNO) USCITE DIDATTICHE O A TEMA PROGETTO LETTURA E BIBLIOTECA CONDIVISIONE DEGLI ASPETTI CULTURALI E TRADIZIONALI (NATALE) GENNAIO/ FEBBRAIO VIAGGIO NEI SEGNI, NEI SUONI, NEI COLORI FESTE E RICCORRENZE: I CANTORI DI SAN. ANTONIO A SCUOLA GIORNATA DEL RISPARMIO ENERGETICO (12 FEBBRAIO) OSSERVAZIONE CARATTERISTICHE STAGIONALI (INVERNO) USCITE DIDATTICHE O A TEMA PROGETTO LETTURA E BIBLIOTECA MARZO/APRILE MANI IN ARTE LEGA AMBIENTE SCUOLE PULITE NONTICORDARDIMÈ (15 MARZO) CARNEVALE: FESTA IN MASCHERA 100 STRADE PER GIOCARE OSSERVAZIONE CARATTERISTICHE STAGIONALI (PRIMAVERA) USCITE DIDATTICHE O A TEMA PROGETTO LETTURA E BIBLIOTECA CONDIVISIONE DEGLI ASPETTI CULTURALI E TRADIZIONALI (PASQUA) MAGGIO/GIUGNO AMBIENTE DA LEGGERE LA FAMIGLIA RICICLONA (IN COLLABORAZIONE CON LAMM. COMUNALE) INIZIATIVE FINE ANNO SCOLASTICO INIZIATIVE PER LA CONCLUSIONE DEL PROGETTO CONTINUITÀ OSSERVAZIONE CARATTERISTICHE STAGIONALI (ESTATE) USCITE DIDATTICHE O A TEMA U D A

6

7 ANNI 3 SETTEMBRE/OTTOBRE TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Vive con fiducia i nuovi ambienti e relazioni Si incuriosisce sui temi esistenziali e religiosi, sulle diversità culturali. Vivere positivamente le nuove esperienze Ascolta semplici racconti IL CORPO E IL MOVIMENTO Conquistare una progressiva autonomia Conoscere se stessi attraverso il corpo Conoscere un nuovo contesto spaziale e relazionale Orientarsi nello spazio IMMAGINI SUONI COLORI Memorizza e ripete semplici canzoncine e poesie Manipola e usa creativamente semplici materiali Saper eseguire canti e attività corali Utilizzare creativamente materiali naturali I DISCORSI E LE PAROLE Usa il linguaggio verbale per comunicare bisogni Usare il linguaggio mimico- gestuale per comunicare Acquisire fiducia nelle proprie capacità comunicative Ascoltare e riprodurre verbalmente brevi filastrocche Condividere e riconoscere alcuni simboli usati a scuola LA CONOSCENZA DEL MONDO Scopre lo spazio scuola. Utilizza semplici simboli. Usare i sensi per esplorare del materiale e indagarne le caratteristiche. Osservare e sperimentare lambiente scolastico(contrassegno, spazi scolastici).

8 ANNI 4 SETTEMBRE/OTTOBRE TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Condivide lesperienza scolastica. Pone domande sui temi esistenziali e religiosi, sulle diversità culturali, su ciò che è bene e mele e sulle regole del vivere insieme Collaborare per realizzare un lavoro comune Partecipare al dialogo IL CORPO E IL MOVIMENTO Conoscere e usare autonomamente gli spazi Orientarsi nello spazio Riconoscere movimenti e spazi potenzialmente pericolosi Riconoscere spazi e ambienti familiari IMMAGINI SUONI Colori Memorizza e ripete brevi testi Segue indicazioni di coloritura Saper animare e accompagnare ritmicamente filastrocche Sapersi esprimere utilizzando forme e colori I DISCORSI E LE PAROLE Racconta esperienze legate al vissuto personale Intervenire autonomamente nei discorsi di gruppo Raccontare esperienze personali LA CONOSCENZA DEL MONDO Conoscere lo spazio scuola. Riconoscere e riproduce in modo adeguato segni e simboli. Osservare lambiente, porsi domande e raccogliere informazioni. Riconoscere e usare i simboli (calendario della settimana, tempo meteo)

9 ANNI 5 SETTEMBRE/OTTOBRE TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Collabora e condivide spazi,materiali e scelte Interagire nel gruppo esprimendo gusti e preferenze IL CORPO E IL MOVIMENTO Partecipa a giochi motori rispettando le regole Controllare lequilibrio corporeo in situazioni statiche e dinamiche, sia a livello globale che segmentario Usare le potenzialità sensoriali, relazionali, ritmiche ed espressive IMMAGINI SUONI Colori Comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente Esprimere e comunicare i propri vissuti attraverso il disegno, la pittura e le altre attività manipolative utilizzando diverse tecniche espressive. I DISCORSI E LE PAROLE Sviluppa fiducia e motivazione nellesprimere e comunicare agli altri le proprie emozioni e i propri pensieri attraverso il linguaggio verbale Ascolta e memorizza storie, poesie e filastrocche Usare il linguaggio per interagire e comunicare Riconoscere e comunicare emozioni e stati danimo Memorizzare testi poetici Descrivere emozioni suscitate dallascolto di un brano musicale e rielaborazione di testi di canzoni LA CONOSCENZA DEL MONDO Classifica ordina e misura secondo criteri dati. Si prende cura, conosce e rispetta la natura ( autunno, festa dellalbero ) Raccogliere e organizzare le informazioni dell ambiente in modo logico e funzionale. Cercare spiegazioni ai fenomeni osservati comprendere il modo con cui si susseguono

10

11 ANNI 3 NOVEMBRE/ DICEMBRE TRAGUARDI DI COMPETENZAOBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Intuisce lappartenenza al gruppo scuola Collabora con adulti e compagni Partecipare ai giochi in piccolo e grande gruppo Conoscere e condividere spazi, oggetti e giochi IL CORPO E IL MOVIMENTO Partecipare a giochi motori Esplorare e produrre movimenti diversi Esplorare e muoversi nello spazio sezione Scoprire il proprio corpo attraverso luso dei sensi IMMAGINI SUONI cOLORI Partecipare con piacere ad attività di ascolto e produzione musicale utilizzando voce, corpo, oggetti e semplici strumenti musicali Si esprime attraverso il disegno, la pittura ed altre attività manipolative Ascoltare e memorizzare semplici canzoncine Riconoscere vari materiali e leffetto delle loro mescolanze Saper utilizzare materiali diversi I DISCORSI E LE PAROLE Ascolta fiabe, racconti e storie Arricchisce il proprio lessico Sviluppare la capacità di ascolto Riconoscere e denominare oggetti e persone LA CONOSCENZ A DEL MONDO Scopre cambiamenti riferiti al tempo e alla natura (autunno) Scoprire i colori della natura

12 ANNI 4 NOVEMBRE/DICEMBRE TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Condivide lesperienza scolastica Veicola relazioni positive con bambini e adulti Partecipare alle proposte interagendo con gli altri Essere disponibile nei confronti degli altri IL CORPO E IL MOVIMENTO Conoscere e percepire la funzione delle parti del corpo Imitare e riprodurre movimenti semplici e complessi Eseguire semplici comandi: camminare, correre, saltare… Sperimentare posizioni con il corpo nello spazio IMMAGINI SUONI COLORI Racconta attraverso il linguaggio del corpo Comunica attraverso diverse tecniche espressive Sperimentare nuove tecniche espressive Utilizzare in modo adeguato materiali e strumenti Partecipare alla drammatizzazione di una storia I DISCORSI E LE PAROLE Sviluppa fiducia e motivazione nellesprimere e comunicare agli altri le proprie emozioni e i propri pensieri attraverso il linguaggio verbale Riconoscere e comunicare emozioni e stati danimo Accrescere le proprie esperienze linguistiche e comunicative Memorizzare testi poetici Riflettere sulla diversità di culture e tradizioni LA CONOSCENZA DEL MONDO Si prende cura, conosce e rispetta la natura ( autunno, festa dellalbero) Individuare le caratteristiche percettive colore, forma, dimensione. Mettere in relazione, ordinare fare corrispondenze

13 ANNI 5 NOVEMBRE/DICEMBRE TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Collabora e condivide spazi,materiali e scelte Interagire nel gruppo esprimendo gusti e preferenze IL CORPO E IL MOVIMENTO Partecipa a giochi motori rispettando le regole Controllare lequilibrio corporeo in situazioni statiche e dinamiche, sia a livello globale che segmentario Usare le potenzialità sensoriali, relazionali, ritmiche ed espressive. IMMAGINI SUONI COLORI Comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente. Esprimere e comunicare i propri vissuti attraverso il disegno, la pittura e le altre attività manipolative utilizzando diverse tecniche espressive I DISCORSI E LE PAROLE Sviluppa fiducia e motivazione nellesprimere e comunicare agli altri le proprie emozioni e i propri pensieri attraverso il linguaggio verbale Ascolta e memorizza storie, poesie e filastrocche Usare il linguaggio per interagire e comunicare Riconoscere e comunicare emozioni e stati danimo Memorizzare testi poetici Descrivere emozioni suscitate dallascolto di un brano musicale e rielaborazione di testi di canzoni LA CONOSCENZA DEL MONDO Classifica ordina e misura secondo criteri dati. Si prende cura, conosce e rispetta la natura ( autunno, festa dellalbero) Raccogliere e organizzare le informazioni dell ambiente in modo logico e funzionale. Cercare spiegazioni ai fenomeni osservati comprendere il modo con cui si susseguono

14

15 ANNI 3 GENNAIO/FEBBRAIO TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Conosce e rispetta le regole della scuola Riconoscere alcuni simboli utilizzati a scuola IL CORPO E IL MOVIMENTO Percepire lo schema corporeo e lidentità di genere Sperimentare e potenziare luso delle mani Provare piacere nel muoversi in un contesto creativo Conoscere e rispettare semplici regole di igiene personale IMMAGINI SUONI cOLORI Comunica, esprime emozioni con il linguaggio del corpo Conosce e denomina i colori fondamentali Conoscere e discriminare i colori fondamentali Esplorare e manipolare materiali colorati per costruire e inventare prodotti creativi e originali I DISCORSI E LE PAROLE legge immagini utilizzare il linguaggio per denominare e descrivere semplici immagini LA CONOSCENZA DEL MONDO Esplora, conosce organizza lo spazio in modo autonomo, creativo e critico Muoversi nello spazio con consapevolezza topologica (sopra/sotto davanti/dietro). Scoprire la sonorità di materiali diversi

16 ANNI 4 GENNAIO/FEBBRAIO TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Consolida le regole di comportamento Scoprire valori come la solidarietà, la condivisione, lamicizia IL CORPO E IL MOVIMENTO Conoscere ed esplorare la funzione delle varie parti del corpo Imparare giocando a gestire ligiene personale Conoscere lo schema corporeo e riconoscere la figura umana Interiorizzare semplici norme igieniche IMMAGINI SUONI COLORI Usa la voce e il corpo per raccontare e inventare Esprimersi attraverso il linguaggio corporeo e la drammatizzazione I DISCORSI E LE PAROLE Legge immagini e verbalizza utilizzando un lessico adeguato descrivere elementi reali usando vocaboli nuovi individuare i nuclei essenziali di una storia ascoltata LA CONOSCENZA DEL MONDO Esplora, conosce organizza lo spazio in modo autonomo, creativo e critico Scoprire la sonorità di materiali diversi Riconoscere le specificità di una forma

17 ANNI 5 GENNAIO/FEBBRAIO TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Segue le regole di comportamento concordato Riflettere sulle proprie azioni Sviluppare la propria identità social IL CORPO E IL MOVIMENTO Conoscere le diverse parti del corpo e le loro funzioni Rappresentare il proprio corpo in stasi e movimenti Eseguire percorsi integrando gli schemi motori Conoscere luso e la funzione degli organi di senso, usare i cinque sensi per esplorare la realtà circostante IMMAGINI SUONI COLORI Percepisce gradazioni, accostamenti e mescolanze di colori. Riprodurre in modo autonomo i colori secondari seguendo semplici ritmi Utilizzare il colore per esprimere le proprie emozioni I DISCORSI E LE PAROLE Legge immagini, verbalizza e ne individua gli elementi costitutivi Usare parole appropriate per descrivere immagini e individuarne le caratteristiche Sviluppare limmaginazione e la fantasia LA CONOSCENZA DEL MONDO Esplora, conosce organizza lo spazio in modo autonomo, creativo e critico Progettare, costruire e usare strumenti sonori. Osservare, descrivere, confrontare le forme geometriche. Comprendere le relazioni tra lelemento e lo spazio.

18

19 ANNI 3 MARZO/APRILE TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Riconosce emozioni e sentimenti Esprimere con fiducia i propri bisogni Ascoltare e comprendere brevi storie IL CORPO E IL MOVIMENTO Riconoscere il proprio corpo e distinguere le singole parti Rappresentare il corpo e raccontare esperienze Usare diverse forme espressive IMMAGINI SUONI COLORI Comunica e esprime emozioni con il linguaggio del corpo Saper utilizzare la mimica facciale e la gestualità per esprimere sentimenti ed emozioni I DISCORSI E LE PAROLE migliora le competenze fonologiche pronunciare correttamente i vari fonemi parlare delle esperienze personali LA CONOSCENZA DEL MONDO Conosce quantità Avviare il confronto di quantità (poco/tanti)

20 ANNI 4 MARZO/APRILE TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO I L SÉ E LALTRO Riconosce emozioni e sentimenti Esprimere con fiducia i propri desideri IL CORPO E IL MOVIMENTO Esplorare e gestire insieme a uno o più compagni Compiere semplici percorsi Mostrare autonomia nel movimento e nellorganizzazione degli spazi IMMAGINI SUONI COLORI Denomina e descrive i colori derivati. Si esprime attraverso il disegno, la pittura, attività manipolative e produzioni musicali Conoscere i colori primari e secondari. Saper rappresentare un oggetto utilizzando varie tecniche espressive. Saper utilizzare piccoli strumenti musicali. I DISCORSI E LE PAROLE Ricerca il significato delle parole per larricchimento lessicale migliorare sintatticamente e lessicalmente lespressione linguistica sperimentare rime e filastrocche inventando parole nuove LA CONOSCENZA DEL MONDO Conosce ed individua quantità. Controllare la quantità e registrarla in modo adeguato.

21 ANNI 5 MARZO/APRILE TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO I L SÉ E LALTRO Riconoscere sentimenti ed emozioni e li esprime con vari linguaggi Esprimere con fiducia i propri desideri e il proprio pensiero Riconoscere che i diritti e i doveri sono indispensabili per il benessere IL CORPO E IL MOVIMENTO Possiede unadeguata coordinazione oculo- manuale Rispetta norme igienico- sanitare Rappresentare il corpo, lo spazio e i vissuti motori Affinare la coordinazione visuo- motoria e oculo-manuale Riconoscere limportanza e la cura delligiene della persona IMMAGINI SUONI COLORI Usa strategie dazione da solo e in gruppo scegliendo materiali e strumenti adeguati al progetto da realizzare. Conoscere e manipolare materiali diversi per realizzare semplici manufatti. I DISCORSI E LE PAROLE Utilizza un lessico appropriato e arricchisce larticolazione delle frasi Usare il linguaggio per interagire e comunicare Rafforzare la capacità di parlare in modo corretto Esprimere emozioni con le parole Partecipare attivamente e in modo pertinente alla discussione Progettare attività e definirne le regole LA CONOSCENZA DEL MONDO Valuta quantità e riconosce i diversi usi del numero Riconoscere la quantità e operare per corrispondenza. Raccogliere dati e registrare fatti

22

23 ANNI 3 MAGGIO/ GIUGNO TRAGUARDI DI COMPETENZA OBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Riconosce emozioni e sentimenti Esprimere con fiducia i propri bisogni Ascoltare e comprendere brevi storie IL CORPO E IL MOVIMENTO Vivere la propria corporeità e percepirne il potenziale comunicativo Riconoscere movimenti e spazi potenzialmente pericolosi Esplorare e gestire movimenti assieme a uno o a più compagni IMMAGINI SUONI COLORI Il bambino inventa storie e sa esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la pittura, e altre attività manipolative. Utilizza materiali e strumenti, tecniche espressive e creative, esplora le potenzialità offerte dalle tecnologie. Scopre il paesaggio sonoro attraverso attività di percezione e produzione musicale, utilizzando voce, corpo, oggetti Sperimentare nuove tecniche e materiali di natura diversa e in modo creativo partendo dallosservazione e interpretazione della realtà. Scoprire se stessi e gli altri attraverso la musica di culture diverse. I DISCORSI E LE PAROLE usa il linguaggio mimico- gestuale associare canzoni e rime a semplici movimenti LA CONOSCENZ A DEL MONDO Osserva, esplora, pone domande. Partecipare ad esperimenti

24 ANNI 4 MAGGIO/GIUGNO TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Riconosce emozioni e sentimenti Esprimere con fiducia i propri desideri IL CORPO E IL MOVIMENTO Armonizzare propri movimenti liberi, spontanei o guidati con quelli dei compagni Esercitare potenzialità sensoriali, conoscitive, relazionali, ritmiche ed espressive del proprio corpo IMMAGINI SUONI COLORI Sperimenta e combina elementi musicali di base producendo semplici sequenze sonoro musicali. Sperimentare percorsi artistici attraverso forme, colori ed emozioni. Sviluppare la sensibilità uditiva attraverso lesplorazione, luso e la reinterpretazione degli oggetti della vita quotidiana e scolastica. I DISCORSI E LE PAROLE Consolida le abilità linguistiche acquisite Partecipa attivamente e in modo pertinente alle conversazioni Utilizza codici personali di scrittura LA CONOSCENZA DEL MONDO È curioso,esplorativo, pone domande, discute, confronta ipotesi, spiegazioni, soluzioni e azioni Formulare domande, interpretazioni su fatti e fenomeni.

25 ANNI 5 MAGGIO/GIUGNO TRAGUARDI DI COMPETENZA OBBIETTIVI APPRENDIMENTO IL SÉ E LALTRO Ha stima di sé e fiducia nelle proprie capacità Riflette sui temi che riguardano lambiente si confronta nel gruppo e individua atteggiamenti di rispetto e di cura Riconoscere e comprendere il punto di vista dellaltro IL CORPO E IL MOVIMENTO Vivere pienamente la propria corporeità, percepirne il potenziale comunicativo ed espressivo, maturare condotte che gli consentano una buona autonomia Coordinare i propri movimenti nellambito di coreografie di gruppo Inventare e costruire affinando la manualità IMMAGINI SUONI COLORI Esplora i primi alfabeti musicali utilizzando anche i simboli di una notazione informale per codificare i suoni percepiti e riprodurli Esplorare i primi alfabeti musicali utilizzando simboli percepiti e riprodurli. Esplorare suoni presenti in natura e riprodurli I DISCORSI E LE PAROLE Familiarizzare con il codice scritto Riflettere sulla funzione del codice scritto Potenziare la motricità fine Associare parole e immagini Utilizzare codici personali di scrittura LA CONOSCENZA DEL MONDO È curioso,esplorativo, pone domande, discute, confronta ipotesi, spiegazioni, soluzioni e azioni Adoperare lo schema investigativo del chi, che cosa, quando, come, perche? Per chiarire situazioni, raccontare fatti, spiegare processi

26 SOLUZIONI ORGANIZZATIVE Per favorire le esigenze di sviluppo dei bambini nel rispetto dei tempi e dei ritmi di ciascuno, le insegnanti utilizzeranno la modalità indiretta strutturando gli spazi, i materiali, in modo che i bambini possano da soli fare, pensare, agire, giocare, soprattutto collaborare e confrontarsi e la modalità diretta guidando le varie esperienze. Sarà data importanza alle attività ricorrenti di vita quotidiana e alla flessibilità sulla scansione dei tempi. TEMPI I tempi saranno distesi per far vivere serenamente al bambino la propria giornata, consentendogli di giocare, parlare, capire,e sperimentare. Le cinque U.d.A programmate per competenze ed obiettivi allinizio dellanno scolastico verranno completate bimestralmente con le verifiche, le valutazioni e le attività. Le attività di routine faciliteranno le relazioni dei bambini tra loro e con gli adulti. METODI Le attività libere si realizzeranno in modo prevalente nel gioco, da sempre risorsa privilegiata per apprendimenti e relazioni. Le attività didattiche si svolgeranno a gruppi medio-piccoli per consentire a ciascun bambino di adattarsi creativamente alla realtà, conoscendola e rielaborandola in modo personale Le aule caratterizzate da piccoli angoli-laboratorio saranno accoglienti e funzionali. La scansione dellanno scolastico sarà quadrimestrale Alla fine dei due quadrimestri verrà compilata una griglia di valutazione per i bambini di tutte e tre le fasce di età inoltre il collegio docenti dellinfanzia, dopo unattenta analisi delle Indicazioni Nazionali per il curricolo del 2012,ha approntato una scheda valutativa riservata ai bambini dellultimo anno della scuola dellinfanzia e che accompagnerà questi ultimi alla scuola primaria. VERIFICA VALUTAZIONE Le verifiche verranno effettuate con: Osservazioni occasionali e sistematiche, schede opportunamente predisposte, conversazioni libere e guidate, verbalizzazioni. DOCUMENTAZIONE Foto Prove di verifica delle attività dei bambini Lavori dei bambini Cartelloni

27 progettiPlesso/sezioniResponsabile ARTEINGIOCO (i bambini interpretano… feste, cultura e tradizioni) Via Battisti Sez. n.9 Docenti n. 22 Cocci Patrizia IMMAGIN…ARTE (i bambini interpretano… feste, cultura e tradizioni) Zona Ischia Zona Ascolani Sez. n. 5 Docenti 12 Ficcadenti Palma (informatica) Zona Ascolani Bambini ultimo anno Sez. n 1 Ficcadenti Palma (con docenti scuola primaria) A SCUOLA CON LINGLESEVia Battisti Zona Ischia, Zona Ascolani Bambini ultimo anno Sez. n. 6 Piersimoni Regina (con docenti scuola primaria) UN PUZZLE DI COLORI (progetto continuità) Via Battisti Zona Ischia, Zona Ascolani Bambini ultimo anno Sez. n. 6 docenti 14 Classi prime docenti? Ficcadenti Palma Battisti Speranza Ischia Ascolani AMICO LIBRO (progetto biblioteca) Via Battisti (Sez.A Sez.I) Zona Ischia, Zona Ascolani Tutte le sezioni Sez. n. 7 Docenti 2 Santaniello Laura LA MIA SCUOLA PER LA PACEVia Battisti Sez. n.7 Docenti n. 14 Lanciotti Lina DI CARTA IN CARTA Progetto carta riciclata Zona Ischia, Zona Ascolani Sez. n. 5 Docenti 11 Silvestri tiziana LE MANI IN PASTA Progetto creta Via Battisti Sez. n.5 Docenti n. 9 Perozzi Angela PROGETTI SCUOLA DELLINFANZIA 2013/14

28 Orario per sezioni Primo turno Compresenza Secondo turno Orario per sezioni Primo turno Compresenza Secondo turno ORARIO SCUOLA INFANZIA PLESSI ISCHIA ASCOLANI CENTRO Lorario di funzionamento scolastico è dalle ore 8.00 alle ore dal Lunedì al Venerdì per un totale di 40 ore settimanali. Orario insegnanti scuola infanzia Ischia - Ascolani Orario settimanale a rotazione, il secondo turno effettua lorario dalle alle per quattro giorni a settimana,allo scopo di aumentare la compresenza; lora eccedente così accumulata viene recuperata il quinto giorno espletando lorario dalle ore alle PLESSO CENTRO VIA BATTISTI Orario a rotazione giornaliera, le insegnanti di sezione si alternano nel turno antimeridiano e pomeridiano a giorni alterni.

29 Laboratori Motivazione Il laboratorio rappresenta la migliore strategia per favorire, accogliere, comprendere e valorizzare quei modi differenti di elaborare e intrecciare visioni e spiegazioni della realtà che permettono il massimo esplicarsi delle potenzialità di ciascun bambino. I laboratori che sintendono attivare sono i seguenti: Zona centro Laboratorio Inglese Esperto esterno sarà effettuato con i bambini di cinque anni. Laboratorio creta Insegnante referente Perozzi Angela Zona Ischia Laboratorio dinformatica Insegnante referente Mozzoni Anna sarà effettuato con i bambini di cinque anni. Laboratorio carta Insegnanti referenti Bosio Barbara, Mozzoni Anna Maria, Silvestri Tiziana. Laboratorio Biblioteca Insegnante referente Santaniello Laura. Laboratorio Inglese Esperto esterno sarà effettuato con i bambini di cinque anni. Zona Ascolani Laboratorio carta Insegnanti referenti Palma Ficcadenti, Santori Maria Pia. Laboratorio Biblioteca Insegnante referente Ficcadenti Palma Laboratorio Inglese Esperto esterno sarà effettuato con i bambini di cinque anni. Laboratorio dinformatica Esperto Esterno sarà effettuato con i bambini di cinque anni.

30 insegnanteplesso Ciabattoni Paola Ascolani/Via Battisti Gabrielli GabriellaVia Battisti Pignotti GiulianaVia Battisti Pistilli EdelwaisVia Battisti Uliassi SimonaVia Battisti Sostegno La scuola dell infanzia mira al riconoscimento sereno delle differenze e alla realizzazione di ambienti educativi e accoglienti in modo che ciascun bambino possa trovare attenzioni specifiche ai propri bisogni e condividere con gli altri il proprio percorso di formazione. A riguardo, le insegnanti di sostegno, in piena collaborazione con il team docente, elaboreranno interventi educativo-didattici personalizzati facendo riferimenti al Progetto annuale di Istituto. Insegnanti di sostegno Lorario verrà definito in base alla frequenza e alle terapie degli alunni

31 ASCOLANI Sez A e Sez B PEROZZI ROMINA Giovedì ISCHIA Sez A e Sez B Sez C PEROZZI ROMINA Venerdì CENTRO 9 SEZIONI IANNINI NADA Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Orario insegnante religione scuola Linsegnante effettua unora e mezza di lezione per ogni sezione

32 OSSERVARE PER VALUTARE Losservazione rappresenta la metodologia di verifica degli apprendimenti più adatta alla scuola dellinfanzia VALUTARE NELLA SCUOLA DELLINFANZIA SIGNIFICA: conoscere e comprendere i livelli raggiunti da ciascun bambino per poter identificare i processi da promuovere, sostenere e rafforzare al fine di favorirne lo sviluppo e la maturazione. Osservare lalunno per ricavare elementi di riflessione sul contesto e lazione educativa, in una prospettiva di continua regolazione dellattività didattica tenendo presenti i modi di essere, i ritmi di sviluppo e gli stili di apprendimento dei bambini. QUINDI Valutare significa conoscere e capire i bambini e il contesto scolastico, non vuol dire giudicare. Valutare è una componente della professionalità dellinsegnante per orientare al meglio la propria azione educativa. Pertanto: La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari e si impronta sullosservazione e si articola in diverse fasi: momenti iniziali, mirati a delineare un quadro esauriente delle capacità, conoscenze, competenze con cui ogni bambino entra nella scuola; momenti intermedi e interni alla diverse sequenze didattiche, per aggiustare e individualizzare le proposte educative e i percorsi di apprendimento; momenti finali di bilancio per la verifica degli esiti formativi, della qualità degli interventi didattici, delle modalità relazionali ed operative degli insegnanti, dei significato complessivo dellesperienza educativa. VALUTARE COME … Raccogliendo elementi sulla base di specifici indicatori tramite :osservazioni,colloqui – conversazioni, analisi di elaborati prodotti daibambini.racconti diaristici. prove e test standardizzati Documentando gli elementi raccolti Confrontando e discutendo sugli elementi raccolti e documentati Verranno adottate delle griglie di valutazione alla fine del primo e del secondo quadrimestre per ogni singolo alunno da inserire sul registro.

33 ALUNNO/A ANNI : 3 Verifica 1° quadrimestreVerifica 2° quadrimestre IDENTITA sinoin partesinoin parte Ha difficoltà al momento del distacco Vive serenamente lambiente scolastico Si relaziona con i compagni Predilige la relazione con ladulto Manifesta sentimenti ed emozioni AUTONOMIA E autonomo/a nella soluzione di problemi pratici (lavarsi,vestirsi, mangiare) E in grado di riconoscere il pericolo e di evitarlo Ha paura di sporcarsi Ha cura ed è responsabile del materiale COMPETENZE Controlla globalmente gli schemi dinamici di base (salto,corsa,..) Ha sviluppato la motricità grosso - motoria(manipola materiali, appallottola, piega, strappa) Comprende consegne verbali Esprime chiaramente bisogni Riconosce e denomina i colori fondamentali Si orienta nello spazio

34 ALUNNO/A: ANNI : 4 Verifica 1°quadrimestreVerifica 2° quadrimestre IDENTITA sinoin partesinoin parte Ha fiducia nelle proprie capacità Collabora con i compagni E disponibile verso la scuola ed è interessato alle attività proposte Esprime sentimenti ed emozioni Rispetta le persone e le cose Interviene spontaneamente nelle attività AUTONOMIA E autonomo/a nella soluzione di problemi pratici (lavarsi,vestirsi, mangiare) Porta a termine ciò che ha iniziato Rispetta il proprio turno È responsabile e sa gestire il materiale COMPETENZE Sa eseguire percorsi motori Ha sviluppato la motricità fine Ascolta discorsi, racconti, fiabe Si esprime verbalmente con proprietà Individua e denomina in base a criteri dati

35 ALUNNO /A 5 : ANNI Verifica 1°quadrimestreVerifica 2° quadrimestre si noIn parte si noIn parte IDENTITÀ Ha stima di sé e fiducia nelle proprie capacità Accetta volentieri il confronto con gli altri con i quali collabora e condivide spazi, materiali e scelte Sa tollerare le frustrazioni Manifesta curiosità e interesse verso stimoli esterni AUTONOMIA Ha cura nelleseguire il lavoro Porta a termine ciò che ha iniziato Rispetta il proprio turno Sa assumersi delle responsabilità COMPETENZE Controlla gli schemi posturali (flettere, inclinare, oscillare, piegare) E coordinato nei movimenti Possiede una adeguata coordinazione oculo- manuale Individua in una storia ascoltata i personaggi, i luoghi, le azioni Gioca con le parole Comunica e descrive situazioni e esperienze vissute Riproduce ritmi grafici Sa distinguere vari suoni, rumori Classifica in base a criteri specifici Conta in modo ordinato Confronta insiemi stabilendo se hanno lo stesso numero di elementi (tanti,quanti), più o meno (rapporto di quantità) Intuisce rapporti di causa ed effetto Sa orientarsi rispetto a ieri/ oggi/domani; mattino/pomeriggio/sera

36 Il sé e l'altro Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri Sviluppa il senso dell'identità personale Percepisce le proprie esigenze e i propri sentimenti e li esprime in modo adeguato Il corpo e il movimento Percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo della propria corporeità Matura condotte che gli consentono una buona autonomia nella gestione della giornata a scuola Riconosce il proprio corpo, le sue diverse parti e rappresenta il corpo fermo e in movimento Immagini, suoni, colori Comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente Inventa storie e sa esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la pittura e altre attività manipolative Segue con curiosità e piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, visivi, di animazione) Sviluppa interesse per l'ascolto della musica e per la fruizione delle opere d'arte Scopre il paesaggio sonoro attraverso attività di percezione e produzione musicale utilizzando, corpo voce e oggetti I discorsi e le parole Usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati Sa esprimere e comunicare agli altri emozioni, sentimenti e argomentazioni attraverso il linguaggio verbale che utilizza in differenti situazioni comunicative Ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura La conoscenza del mondo Raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi, ne identifica alcune proprietà, confronta e valuta quantità Riferisce eventi del passato recente Ha familiarità con le strategie del contare e dell'operare con i numeri Segue in percorso sulla base di indicazioni verbali Griglia di Valutazione 5 anni Passaggio Scuola dell'Infanzia – Scuola Primaria

37 PROGETT O ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE I bambini che giungono per la prima volta alla Scuola dellInfanzia hanno abitudini personali e familiari che non possono essere ignorate. Leducatore deve tener conto della storia, dei vissuti, delle esperienze personali di ciascuno, favorendo un percorso di approccio graduale e rassicurante alla vita di gruppo e allorganizzazione scolastica. Linserimento nel contesto scolastico è un evento speciale: il bambino deve fare i primi passi verso lo stare insieme agli altri, deve imparare a dividere e condividere tutto, dagli spazi ai giochi; deve ampliare il suo cerchio relazionale, includendo non solo i coetanei, ma anche nuove figure di adulti: insegnanti, collaboratori, personale di cucina, autisti. La stessa cura e considerazione si deve porre anche per i bambini che tornano a scuola dopo il periodo estivo, predisponendo un percorso iniziale di riconquista graduale e rassicurante della vita e dellorganizzazione scolastica. Prima dellinizio della scuola si accolgono i genitori dei nuovi iscritti con un incontro assembleare in cui si presenta la scuola nei suoi spazi educativi, nelle attività educativo-didattiche, soffermandosi anche sugli aspetti organizzativi,e si concordano le modalità dellinserimento. Il momento dellaccoglienza rappresenta per i genitori lopportunità di condividere il percorso di crescita del proprio bambino con altri, pone le basi per una fattiva collaborazione scuola-famiglia, facilita il processo di separazione dalladulto, particolarmente delicato per i più piccoli, consolida il processo di distanziamento, che è condizione indispensabile e preliminare per lavvio del processo di socializzazione. Le insegnanti utilizzano ogni risorsa personale: professionalità, esperienza, pazienza, comprensione, empatia organizzando con anticipo e attenzione il momento dingresso, cosicché ambienti ed atmosfera possano infondere nei bambini serenità e fiducia, mettendoli a loro agio, facendoli sentire parte integrante del contesto scolastico. DESTINATARI Tutti i bambini della Scuola dellinfanzia.

38 CAMPI DI ESPERIENZA COINVOLTI Il sé e laltro; Corpo, movimento e salute; I discorsi e le parole Immagini, suoni, colori La conoscenza del mondo. Cittadinanza attiva FINALITA Promuovere e instaurare nel bambino un atteggiamento di fiducia nei confronti dellambiente che lo accoglie Promuovere nel bambino la percezione di essere accolto ed accettato nellambiente scolastico Stimolare nel bambino il desiderio di far parte del gruppo in modo attivo Favorire nel bambino la relazione, la comunicazione interpersonale e la socializzazione con i pari e con gli adulti OBIETTIVI Per i bambini di quattro-cinque anni Raggiungere una maggiore integrazione nellambiente scolastico Consolidare i rapporti con i docenti e i coetanei; Ristabilire le regole di convivenza Sviluppare il senso di appartenenza ad un gruppo. Condividere con gli altri tempo, giochi, spazi, strutture Usare i materiali e gli oggetti Manipolare materiali diversi. Per i bambini di tre anni Accettare serenamente il distacco dalla famiglia; Riuscire ad allontanarsi con serenità dai luoghi abituali Raggiungere sufficiente autonomia; Conoscere e riconoscere lambiente scolastico; Interiorizzare le regole della scuola Conoscere il nome dei compagni Conoscere le maestre Partecipare alle attività di gioco libero Partecipare ai giochi organizzati Muoversi nello spazio scuola Utilizzare forme di saluto Conoscere il nome dei vari oggetti Usare i materiali e gli oggetti Manipolare materiali diversi.

39 CONTENUTI ED ATTIVITA Laccoglienza coinvolgerà tutte e tre le fasce detà; varieranno i tempi, le modalità dintervento e le attività, si cercherà di rispettare le esigenze e i bisogni dei singoli bambini, soprattutto per quelli in situazione di handicap. Per i bambini che frequenteranno il primo anno di scuola dellinfanzia è previsto un incontro assembleare con i genitori per il giorno 10/09/12. In questo incontro verrà illustrato il funzionamento della scuola con gli orari di fruizione, verrà consegnato un depliant esplicativo ed un foglio accoglienza in cui i genitori potranno segnalare eventuali recapiti telefonici e notizie utili. Si concorderanno anche i tempi di permanenza per i primi giorni di scuola cercando di attuare la massima flessibilità oraria al fine di un sereno inserimento. Le insegnanti si rendono disponibili ad un colloquio individuale in un clima di scambio e cordialità, per raccogliere informazioni sulle esperienze precedenti, sui comportamenti e abitudini del bambino. ITER DIDATTICO METODOLOGICO Il percorso didattico si basa sullidea di accoglienza come atteggiamento che vale tutto lanno, si sviluppa intorno a uno sfondo integratore derivato dalla narrazione di una storia individuata in base a contenuti di amicizia e di solidarietà. Eun percorso didattico in cui ogni età si identifica con il protagonista della storia e alla fine del bimestre settembre-ottobre è prevista una festa dell accoglienza per condividere parole, immagini, idee ed emozioni fra i bambini delle sezioni. Il lavoro svolto verrà documentato con disegni, foto, cartelloni, poesie e con la realizzazione di un libro e di un dono per i nuovi frequentanti.

40 STRATEGIE ORGANIZZATIVE Per il periodo di accoglienza lorario di funzionamento per tutte le fasce detà sarà dalle ore 8.00 alle ore 13.00, sabato escluso, fino all inizio del servizio mensa. Verrà comunque data alle famiglie la possibilità di usufruire di una flessibilità oraria per questo primo periodo cosi che ognuno possa realizzare un positivo inserimento. Le insegnanti operano pertanto in compresenza prevedendo, nelle singole sezioni, unaccoglienza scaglionata in fasce orarie, considerato anche lelevato numero di iscritti. Lambiente scolastico sarà organizzato in modo da renderlo il più possibile gioioso e sereno. Nel processo di accoglienza saranno coinvolte tutte le figure professionali presenti a scuola: docenti, collaboratori scolastici, cuoca. I bambini di tre anni inizieranno la mensa una settimana più tardi rispetto agli altri alunni. Le docenti dei tre plessi, che nellanno scolastico 2012/13 hanno accolto i bambini di tre anni, accompagneranno gli stessi alla scuola primaria concludendo così il percorso di raccordo. Pertanto il giorno 12 settembre 2013 gli alunni delle seguenti sezioni verranno accolti nelle modalità di seguito riportate: PLESSO C. BATTISTI Ingresso ore 9,30 per le sezioni: A, D, H, G. PLESSO ISCHIA Ingresso ore 8,30 per le sezioni: A, PLESSO ASCOLANI Ingresso ore 8,30 per le sezioni: A,

41 TEMPI Dal 12 settembre alla prima settimana di ottobre, dove necessario per i bambini, il progetto sarà protratto fino alla fine del bimestre SPAZI Gli spazi saranno organizzati in modo flessibile permettendo ai bambini di avviare una prima, fondamentale esplorazione della scuola. MATERIALI Tutti i giochi e i materiali presenti nella scuola. MODALITA DI VERIFICA Osservazioni sistematiche attraverso indicatori e descrittori di osservazione

42 PROPOSTA USCITE DIDATTICHE Le insegnanti della Scuola dellInfanzia propongono indicativamente le seguenti uscite didattiche per il corrente anno scolastico 2013/14, al fine di arricchire lofferta formativa e dare ad ogni team docente lopportunità di aderire ad una o più uscite secondo le esigenze del gruppo sezione. Visita atelier pittori (Grottammare); Visita alle opere darte di Pericle Fazzini presenti nel territorio di Grottammare Visita al municipio (Grottammare); Falegnameria (Grottammare); Vigili urbani (Grottammare); Parco della Madonnina (Grottammare); Vecchio incasato (Grottammare); Studio medico (Grottammare); Musei (Grottammare) Bove finto (Offida); Presepe (Grottammare Ripatransone) ; vigna (Cupra o Grottammare o Ripatransone) ; Uliveto (Cupra o Grottammare o Ripatransone); Frantoio (San Savino di Ripatransone); Bosco ( da verificare località); Biblioteca ( Grottammare o S. Benedetto); Vigili del fuoco (S. Benedetto); Teatro (Grottammare o S. Benedetto secondo le proposte ); Fattoria ( da verificare località); Porto (S. Benedetto); Castello ( da verificare località); Museo ittico (S.B.T.); Museo malacologico ( Cupra Marittima); Oasi La valle (Spinetoli); Guidolandia percorso di educazione stradale (Ascoli Piceno); Circolo nautico vasca tattile (S.B.T.); Centro equitazione (Grottammare); Orto botanico La Madonnina (Martinsicuro) Bosco dell?allegria (Grottammare); Torre sul porto Zona Sentina (S. Benedetto). Le insegnanti tuttavia chiedono la possibilità, qualora nellattuazione del progetto didattico si verifichino delle esigenze diverse, di poter avere lopportunità, sempre nel rispetto dei tempi e delle risorse, di poter variare o aggiungere altri itinerari.


Scaricare ppt "Ministero dell Istruzione, dellUniversità e della Ricerca ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE Giacomo Leopardi --- Via Arturo Toscanini n.14 63066."

Presentazioni simili


Annunci Google