La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EFFETTI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EFFETTI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO."— Transcript della presentazione:

1 EFFETTI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

2 Tutti i tessuti animali sono formati da cellule immerse in un liquido e a stretto contatto tra loro Ogni cellula è circondata da una membrana sottilissima che contiene al suo interno un liquido (citoplasma) La membrana cellulare separa quindi due liquidi, e gli ioni (K +, Na +, Cl -, ecc.) presenti nel corpo umano diffondono entro e fuori la cellula in maniera diversa, perché la membrana presenta una permeabilità selettiva LA CELLULA -1

3 Ciò determina una separazione di cariche che produce fra interno ed esterno della cellula una d.d.p, detta potenziale di riposo con linterno della cellula negativo rispetto allesterno. LA CELLULA - 2 C CAPACITÀ DOVUTA ALLA SEPARAZIONE DELLE CARICHE DA PARTE DELLA MEMBRANA CELLULARE RRESISTENZA DOVUTA AL NON PERFETTO ISOLAMENTO DELLA MEMBRANA VPOTENZIALE DI RIPOSO CIRCUITO EQUIVALENTE DELLA CELLULA C R V

4 Se a una cellula eccitabile (come ad esempio una cellula nervosa) viene applicato un impulso esterno, di durata e ampiezza adeguate, attraverso la membrana avviene uno scambio di cariche, e il potenziale di riposo da negativo diventa positivo (potenziale di azione) per poi tornare, rimosso lo stimolo, al valore originario di riposo. IL POTENZIALE DI AZIONE -1

5 Lo stimolo eccita la cellula solo se di intensità sufficiente in relazione al tempo per cui permane In relazione al tempo di permanenza, è possibile determinare quale deve essere lintensità minima dello stimolo che è in grado di eccitare una data cellula La cellula, una volta eccitata, per un certo tempo non risponde più a nessuno stimolo, poi risponde solo a stimoli più intensi di quello che ne ha prodotto la prima eccitazione, e solo dopo un certo tempo (periodo refrattario) riprende a rispondere a stimoli che hanno la stessa intensità dello stimolo primitivo IL POTENZIALE DI AZIONE - 2

6 Se lo stimolo dura più del periodo refrattario, uno stimolo successivo di intensità pari a quella dello stimolo di eccitazione iniziale non produce una nuova eccitazione, perché la cellula si è adattata al nuovo stato ( il fenomeno si dice accomodazione) Per eccitare nuovamente la cellula bisogna applicare, per un tempo abbastanza lungo, un nuovo stimolo di intensità più elevata (questo spiega perché la corrente continua è meno pericolosa della corrente alternata) IL POTENZIALE DI AZIONE - 3

7 LATTIVITÀ BIOLOGICA Il sistema nervoso delluomo è costituito da alcuni miliardi di unità funzionali unicellulari dette neuroni, che hanno il compito di trasmettere i segnali elettrici. Il cervello, attraverso i neuroni controlla il movimento dei nostri muscoli, compresi quelli involontari, come il cuore, e comunica con il mondo esterno attraverso questa attività elettrica. La trasmissione è reversibile: gli stimoli che noi percepiamo attraverso i cinque sensi vengono trasformati a loro volta dagli organi ricettori in segnali elettrici, trasmessi al sistema nervoso centrale attraverso i neuroni e quindi al cervello, che li decodifica.

8 Poiché lattività biologica è governata da unattività elettrica, le le correnti dovute a cause esterne che si vanno a sommare alle piccolissime correnti fisiologiche interne alterano le funzioni dellorganismo, fino a produrre effetti anche letali La corrente alternata costituisce un susseguirsi di stimoli di durata inversamente proporzionale alla frequenza: allaumentare della frequenza la durata dello stimolo diminuisce, e per eccitare la cellula occorre aumentare lintensità dello stimolo stesso. Per questa ragione la pericolosità della corrente alternata diminuisce allaumentare della frequenza (ad esempio con lelettrobisturi si applicano al paziente correnti elevate, ma a frequenza di qualche megahertz) LA SOGLIA DI SENSIBILITA -1

9 La sensibilità alla corrente è fortemente soggettiva Si dice soglia di sensibilità il valore di corrente minimo che viene avvertito dal 50% delle persone che costituiscono il campione di prova La soglia di sensibilità è minima sulla lingua, dove il valore misurato è pari a circa 45 milionesimi di ampere Sui polpastrelli delle dita, i valori di soglia misurati sono di circa 0,5 mA in corrente alternata con frequenza tra i 50 e 100 Hz, e 2 mA in corrente continua. In zone del corpo meno sensibili la soglia di sensibilità raggiunge un valore di poco superiore alla decina di mA SOGLIA DI SENSIBILITA - 2

10 LA CORRENTE AGISCE DIRETTAMENTE SU: vasi sanguigni sangue cellule nervose PUÒ DETERMINARE ALTERAZIONI PERMANENTI AL SISTEMA CARDIACO, IN PARTICOLARE aritmie lesioni del miocardio EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO -1

11 PUO DETERMINARE ALTERAZIONI NELLATTIVITA CEREBRALE E NEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE. EFFETTI PIU FREQUENTI: tetanizzazione arresto della respirazione fibrillazione ventricolare ustioni EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO - 2

12 LA TETANIZZAZIONE -1

13 LA TETANIZZAZIONE - 2

14 LA TETANIZZAZIONE - 3 Anche la corrente continua se di sufficiente intensità e durata può produrre tetanizzazione, perché lintensità dello stimolo non ostante il fenomeno dellaccomodazione, può provocare contrazioni ripetute (anche perché le bruciature, modificando la resistenza della pelle, possono provocare fluttuazioni di corrente) Il valore di corrente più elevato, in corrispondenza del quale si riesce ancora a lasciare la presa, è detto corrente di rilascio e varia da persona a persona La corrente di rilascio è più bassa per donne, bambini e persone di basso peso corporeo

15 LA TETANIZZAZIONE - 4 In corrente alternata la corrente di rilascio per 50 < f < 100 Hz è pari a circa 10 mA per le donne 15 mA per gli uomini mentre in corrente continua i limiti sono circa 100 mA per le donne 300 mA per gli uomini

16 ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE Correnti di valore superiore ai limiti indicati per le corrente di rilascio producono nellinfortunato difficoltà di respirazione e segni di asfissia. Oltre alla contrazione dei muscoli addetti alla respirazione, il perdurare del passaggio di corrente può determinare la paralisi dei centri nervosi che regolano la funzione respiratoria, e linfortunato può morire soffocato. E importante perciò praticare la respirazione artificiale (bocca a bocca) con la massima tempestività, entro i primi 3 o 4 minuti dallinfortunio, per scongiurare lasfissia o lesioni cerebrali irreversibili

17 FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE -1 Il cuore è una pompa elettromeccanica a due tempi (quattro cavità) inserita su due circolazioni in parallelo, quella polmonare (atrio dx-ventricolo dx) e quella sistemica (atrio sn- ventricolo sn) che funzionano in sincronismo 1) sistole = contrazione = svuotamento 2) diastole = rilasciamento = riempimento a. sn v. sn a. dx v. dx

18 FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE - 2 Sistema di conduzione del cuore 1 NODO SENO ATRIALE 2 NODO ATRIOVENTRICOLARE 3 FASCIO DI HIS Nella parte superiore dellatrio destro esiste un centro (il nodo senoatriale) che, come un vero e proprio generatore biologico, produce gli impulsi elettrici che comandano lattività del cuore, Gli impulsi vengono applicati, per mezzo di appositi conduttori (fascio di His e fibre di Purkinje) al sistema meccanico muscolare (atri e ventricoli). In particolare vengono eccitate le fibre muscolari dei ventricoli (fibrille) che si contraggono e producono la sistole ventricolare, che spinge il sangue nel sistema arterioso.

19 Ad una frequenza di 60 battiti al minuto, il cuore si svuota, contraendosi in circa 0,20 s (sistole), e si riempie per il tempo restante, circa 0,80 s (diastole). Allattività del cuore corrisponde un campo elettrico, e una distribuzione di potenziale. FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE - 3

20 Le tensioni tra punti esterni del corpo durante il ciclo cardiaco, rilevate con un millivoltmetro registratore, danno origine a un tracciato tipico dellattività elettrica del cuore (elettrocardiogramma). A ogni contrazione corrisponde una pulsazione che si trasmette perifericamente (ad esempio al polso) e una pressione pulsante (massima e minima) che garantisce il flusso di sangue e lossigenazione dei tessuti. FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE - 4 Se il generatore biologico di impulsi non è più in grado di assolvere la sua funzione, può essere sostituito con un generatore artificiale, il pacemaker

21 FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE - 5 Quando a causa di impulsi elettrici estranei che si aggiungono a quelli regolari del cuore, le fibrille ventricolari ricevono segnali eccessivi e irregolari, sovrastimolate in maniera caotica si contraggono disordinatamente, e in modo indipendente le une dalle altre. Il fenomeno si dice fibrillazione ventricolare, ed è generalmente irreversibile: la pressione arteriosa si azzera, il polso scompare e si ha larresto cardiaco.

22 FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE - 6 La fibrillazione ventricolare può essere arrestata applicando una una violenta scarica elettrica mediante il defibrillatore, che è un apparecchio che attraverso due elettrodi scarica un condensatore nella regione cardiaca Il soccorso deve essere immediato, entro tre minuti dal momento in cui cessa lattività cardiaca, per evitare danni irreversibili al muscolo cardiaco e al tessuto cerebrale. Anche un pugno intenso sul torace può rappresentare un tentativo di trattare larresto cardiaco, così come il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca.

23 FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE - 7 Il percorso della corrente, oltre ad influire sulla quota parte di essa che interessa il cuore, individua anche la direzione del campo elettrico che agisce sul cuore (la probabilità di innesco della fibrillazione varia con la direzione del campo elettrico) PER CORRENTI ALTERNATE AL FINE DI VALUTARE LINFLUENZA DEL PERCORSO DELLA CORRENTE SULLA PROBABILITA DI INNESCO DELLA FIBRILLAZIONE VIENE UTILIZZATO UN FATTORE DI PERCORSO (lo stesso valore di tensione, applicato a parti diverse del corpo, produce valori diversi di corrente, perché a percorsi diversi corrispondono valori diversi della resistenza del corpo umano) Listante del contatto nel ciclo cardiaco e il percorso della corrente hanno influenza sullinnesco della fibrillazione.

24 FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE - 9 Fattori di percorso per percorsi tipici PercorsoFattore di percorso Mani – piedi1 Mano sn – piede sn1 Mano sn – piede dx1 Mano sn – piedi1 Mano s n mano d0,4 Mano sn – dorso0,7 Mano sn – torace 1,51° PERCORSO PERICOLOSO Mano dx – piede sn 0,8 Mano dx– piede dx0,8 Mano dx – piedi0,8 Mano dx – dorso0,3 Mano dx– torace1,32° PERCORSO PERICOLOSO Regione glutea verso mano sn o dx o entrambe le mani0,7

25 USTIONI - 1 Il passaggio di corrente in una resistenza produce sempre calore per effetto Joule e il corpo umano, in quanto conduttore, non si sottrae a questa regola Laumento della temperatura del corpo è direttamente proporzionale alla durata del passaggio della corrente e al quadrato dellintensità della corrente stessa La pelle, che è lorgano di resistenza maggiore, è il tessuto più esposto alle ustioni

26 USTIONI - 2 Densità di corrente dellordine di pochi mA per mm 2, per durate di qualche secondo, provocano già ustioni apprezzabili; oltre i 40 ÷ 50 mA per mm 2 si ha la carbonizzazione dei tessuti in pochi secondi. Negli infortuni da contatto con lalta tensione leffetto termico è il più pericoloso. Le ustioni da folgorazione sono le più difficili da guarire e spesso la morte sopravviene per insufficienza renale. Le ustioni possono essere provocate anche dallarco elettrico, o da temperature eccessive prodotte dagli apparecchi elettrici

27 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ALTERNATA 15÷100 Hz - 1 Zone con cui lIEC ha riassunto gli effetti principali prodotti dalla corrente alternata (15÷100 Hz) in funzione del tempo durante il quale fluisce attraverso il corpo umano Zona 1: assenza di reazioni fino alla soglia di percezione (dita della mano). Curva A: soglia di percezione. Zona 2: assenza di effetti fisiologici pericolosi fino alla soglia di tetanizzazione Curva B: soglia di tetanizzazione

28 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ALTERNATA 15÷100 Hz - 2 Zona 3: Possono manifestarsi effetti fisiopatologici, in genere reversibili, come difficoltà nella respirazione, disturbi nella trasmissione e nella formazione di impulsi elettrici cardiaci, e arresto temporaneo del cuore ma senza fibrillazione ventricolare. Curva C1: soglia di fibrillazione ventricolare

29 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ALTERNATA 15÷100 Hz - 3 La curva C1 rappresenta la soglia di fibrillazione ventricolare riferita al percorso mano sinistra – piedi. Per altri percorsi occorre tener conto dei fattori di percorso. Zona 4: probabile fibrillazione ventricolare, del 5% sotto la curva C2, del 50% sotto la curva C3, e oltre al di là della curva C3 In questa zona si producono anche: arresto cardiaco, arresto della respirazione, ustioni gravi.

30 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ALTERNATA 15÷100 Hz - 4 La pericolosità della corrente alternata diminuisce allaumentare della frequenza, perché per eccitare la cellula, quanto più lo stimolo è breve tanto più grande deve essere lintensità. A frequenze molto elevate lo stimolo è così breve rispetto alla costante di tempo della membrana cellulare, che il passaggio di corrente non influisce sullo stato della cellula. La corrente ad alta frequenza tende a passare sullesterno del corpo (effetto pelle) e in questo modo non interessa organi vitali. Naturalmente produce effetti termici che continuano ad essere pericolosi. A frequenza industriale la soglia di percezione è scarsamente influenzata dalla frequenza, e nella zona tra 10 e 100 Hz è praticamente piatta. Ne segue le frequenze industriali di 50 Hz (Europa), e di 60 Hz (USA e Giappone), sono tra le più pericolose. I vantaggi si manifestano allaumentare della frequenza oltre i 1000 Hz

31 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE CONTINUA Zona 1: assenza di reazioni Zona 2: assenza di effetti fisiologici pericolosi Zona 3: abitualmente non si hanno danni organici. Si possono verificare disturbi reversibili nella formazione e trasmissione degli impulsi elettrici cardiaci Zona 4: probabile fibrillazione ventricolare e ustioni gravi

32 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO - 1 Le Norme per la protezione contro i contatti elettrici invece che ai valori di corrente, fanno riferimento ai valori di tensioni pericolose, e questo perché tensione e corrente sono legate dalla legge di Ohm, attraverso la resistenza del corpo umano. Il circuito elettrico equivalente del corpo umano è quello di una impedenza capacitiva

33 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO - 2 C è la capacità dellorganismo umano, dovuta essenzialmente alla pelle, dellordine di pF R è la resistenza della pelle R i è la resistenza interna del corpo umano R C = R+ R i è la resistenza del corpo umano R C varia con le condizioni ambientali e dipende dalle condizioni fisiologiche

34 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO - 3 FATTORI CHE INFLUENZANO LA RESISTENZA DEL CORPO UMANO La resistenza interna R i dipende soprattutto dal tragitto della corrente e dalla superficie di contatto ma è la parte meno rilevante della resistenza del corpo umano, che in pratica coincide con la resistenza della pelle La resistenza della pelle R è somma della resistenza della pelle vera e propria e della resistenza di contatto elettrodo- pelle, che è quella maggiormente influenzata dalle condizioni ambientali Lumidità riduce la resistenza della pelle (il sudore in particolare la riduce del 50% perché è una soluzione di ioni conduttori), che diminuisce anche in presenza di ferite, abrasioni, ecc., mentre aumenta in presenza di pelle dura, spessa e asciutta

35 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO - 4 La resistenza della pelle inoltre diminuisce - allaumentare della superficie di contatto (maggior rischio per chi opera in posizione distesa) - allaumentare della pressione di contatto (impugnare saldamente apparecchi elettrici portatili aumenta il rischio di tetanizzazione) - allaumentare della durata del contatto (a volte la carbonizzazione della pelle contrasta la diminuzione di resistenza) - allaumentare della tensione di contatto Per tensioni superiori a 100 V la resistenza del corpo umano R C può essere confusa con resistenza interna R i in quanto la resistenza R della pelle diventa trascurabile In DC e in AC a 50 Hz i valori della resistenza della pelle sono sostanzialmente gli stessi, ed R C coincide praticamente con R in quanto, come si è detto, C è trascurabile Alle alte frequenze invece R C si riduce alla sola resistenza interna R i perchè la resistenza della pelle R è cortocircuitata dalla capacità C

36 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO - 5 VALORI INDICATIVI DELLA RESISTENZA DEL CORPO UMANO R C TRA DUE MANI ASCIUTTE (CON AREA DEGLI ELETTRODI COMPRESA TRA 50 A 100 cm 2 ) IN FUNZIONE DELLA TENSIONE APPLICATA VALORI DI R C CHE NON SONO SORPASSATI DAL RISPETTIVAMENTE DAL 5%, 50% e 95% DELLA POPOLAZIONE, AL VARIARE DI V TENSIONE (V) (5%) (50%) (95%)

37 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO - 6 Le maggiori variazioni di R C con la tensione si hanno per tensioni fino a 100 V e sono dovute alla resistenza della pelle R. In condizioni di pelle bagnata per tensioni fino a 50 V, la resistenza R C si riduce di circa il 25% con acqua normale e del 50% con soluzioni conduttrici rispetto ai valori della tabella.

38 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO -7 CCNE HA Curva della resistenza R C in funzione della tensione (applicata fra due mani a frequenza 50 Hz) Il 50% del campione ha una resistenza inferiore alla curva verde il 5% una resistenza inferiore alla curva rossa

39 Per ulteriori approfondimenti sugli EFFETTI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO si puo fare riferimento alla Norma CEI 64 del gennaio 1999 fascicolo 4985 R


Scaricare ppt "EFFETTI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO."

Presentazioni simili


Annunci Google