La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RISORGIMENTO DEMOCRATICO! APPELLO ALL UNITA PER LA DIFESA E LO SVILUPPO DELLA DEMOCRAZIA Gennaio 2009 - © ET.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RISORGIMENTO DEMOCRATICO! APPELLO ALL UNITA PER LA DIFESA E LO SVILUPPO DELLA DEMOCRAZIA Gennaio 2009 - © ET."— Transcript della presentazione:

1 RISORGIMENTO DEMOCRATICO! APPELLO ALL UNITA PER LA DIFESA E LO SVILUPPO DELLA DEMOCRAZIA Gennaio © ET

2 Percepiamo una decadenza del nostro paese, legata anche ad una crisi della democrazia che si ripercuote su molti aspetti della vita nazionale, della vita di tutti noi ed anche sull'economia. Constatiamo che nel nostro Paese il sistema di governo democratico rappresentativo previsto dalla nostra Carta Costituzionale è degenerato in una sorta di partitocrazia totalitaria. Il ruolo stesso del parlamento è sminuito. La figura stessa del parlamentare è umiliata: da rappresentante dei cittadini che dovrebbe contribuire con la propria esperienza sociale e civile alla realizzazione del bene collettivo, è stato degradato a mero "pigia-bottoni- secondo-i-dettami-di-un-partito". Constatiamo che il clientelismo, la complicità e la connivenza con gruppi economici e finanziari, se non addirittura di natura malavitosa, si sono riversati a cascata nella vita civile del paese, corrompendola.

3 LA REAZIONE DEI CITTADINI Molti di noi sono stati come "svegliati" da questo senso penoso di degenerazione civile, sociale ed economica del paese ed hanno iniziato ad incontrarsi, a parlarne, a stimolare il dibattito sulla sperimentazione di nuove forme di democrazia e partecipazione. Hanno dato vita ad un intenso periodo di impegno sociale e civile, per molti completamente nuovo, per altri rinnovato. Spontaneamente sono nate organizzazioni e movimenti dopinione, di noi cittadini, noi intesi come coloro che vivono del loro mestiere e quel mestiere non è la politica.

4 Nuove forme di democrazia e di vita democratica: informazione libera76% difesa dellambiente73% rafforzamento del senso della cittadinanza66% democrazia partecipativa, ripristino delle preferenze, rivendicazione delle primarie, referendum propositivi (nel senso di deliberativi), proposte di legge su iniziativa popolare 66% Al fine di capire meglio questo fenomeno di diffusa "rinascita democratica" abbiamo raccolto e studiato diversi statuti e "Carte dei valori e degli intenti", di queste organizzazioni ( 74 documenti ). In base all'analisi svolta, possiamo affermare che questo movimento, attraverso i propri statuti ed intenti, si esprime a favore dei temi seguenti: 74 documenti 74 documenti

5 Strumenti per impedire la degenerazione oligarchica dei partiti e della politica: trasparenza sui candidati, le attività e le forme di finanziamento della politica (55%); ineleggibilità a incarichi/mandati a colpevoli di reati; ricambio nella politica tramite limiti ai mandati e divieto di sovrapposizione degli incarichi politici; revocabilità e recesso della delega; regolamentazione trasparente della vita democratica interna ai partiti.

6 Controllo della degenerazione partitica e oligarchica dei movimenti stessi: trasparenza allinterno dei movimenti ( 51%); limiti alla possibilità di partecipazione di politici di professione (chi vive della politica), nei movimenti dei cittadini (41%).

7 esiste resistenza esclusivamente Alla luce di questo studio, constatiamo che: esiste un fermento, una resistenza, un movimento trasversale che non si propone esclusivamente fini elettorali, ma che cerca di promuovere nuove forme di vera democrazia e partecipazione e che si pone come un nuovo ed efficace strumento di controllo e di informazione, il più possibile corretta e verificabile attraverso fonti attendibili, della politica "istituzionale"; sono nate, e stanno nascendo continuamente, Liste Civiche locali che intendono rappresentare la volontà dei cittadini, proponendosi come alternativa nuova e diversa nella competizione elettorale. Esistono anche gruppi di cittadini impegnati a democratizzare i partiti dall'interno.

8 Il nostro intento è riunire tutti i cittadini con lo scopo di salvare e difendere, potenziandola, la Democrazia nel nostro paese, nonché promuovere sia "internamente" ai movimenti civili ed ai comitati politici sino ad ora sorti, sia "esternamente" nella vita politica, prassi e metodologie gestionali partecipative (a nostro avviso, unico antidoto e reale alternativa alla degenerazione della democrazia rappresentativa).

9 PRINCIPI FONDAMENTALI, COSTITUTIVI DELLA UNITA' DI INTENTI La sovranità appartiene al popolo 1. La sovranità appartiene al popolo che deve poterla esercitare in modo diretto, per quanto possibile ed opportuno. La sovranità popolare può anche essere delegata, fermo restando il diritto di modifica o revocabilità della delega. In particolare va impedito che il legislatore possa legiferare su se stesso, sui suoi poteri, sulle forme della sua eleggibilità, sulle relazioni tra il suo potere ed altri poteri, senza passare attraverso il consenso, direttamente espresso, della volontà popolare. volontà popolare 2. Decisioni prese in virtù della volontà popolare, direttamente espressa, possono essere modificate solo dalla volontà popolare. controllo delloperato dei delegati. 3. Tutti i cittadini devono essere incoraggiati e messi in condizione di svolgere responsabilmente ed efficacemente la funzione di controllo delloperato dei delegati. combattuti l`indifferenza e l`isolamento tramite l`incoraggiamento alla partecipazione ad ogni forma di aggregazione e di associazione 4. Vanno combattuti l`indifferenza e l`isolamento tramite l`incoraggiamento alla partecipazione ad ogni forma di aggregazione e di associazione. Esse, infatti, rappresentano una ricchezza per la società, in quanto per il loro tramite le persone fanno esperienza concreta di vita sociale e di democrazia. Vanno, pertanto, promosse tutte quelle iniziative volte al sostegno logistico e materiale di tutte le forme associative, purché non in contrasto con il principio del "massimo bene aggregato" e dei diritti universali delluomo.

10 PRINCIPI FONDAMENTALI, COSTITUTIVI DELLA UNITA' DI INTENTI organi di controllo dello stato, della vita civile ed economica. 5. Vanno potenziati e resi efficaci tramite poteri effettivi tutti gli organi di controllo dello stato, della vita civile ed economica. l'informazione libera e indipendente 6. Va perseguita e difesa l'informazione libera e indipendente. Gli organi dirigenti dei mezzi di informazione pubblici vanno designati mediante elezione popolare e non attraverso nomina partitica. I monopoli privati vanno impediti in tutti i campi ed in particolar modo in quello della informazione. massima trasparenza nella vita politica e nelle fonti di finanziamento 7. Va conseguita la massima trasparenza nella vita politica e nelle fonti di finanziamento dei partiti, delle associazioni, dei movimenti, e dei mezzi di informazione. facilità di accesso al sapere 8. Va favorita la facilità di accesso al sapere, va conservata e favorita la libertà di internet. bene collettivo 9. Va perseguito il "bene collettivo" e va affermato che esso non è il « vantaggio del partito », del « gruppo » o del « movimento » e tanto meno quello personale. Il "bene collettivo" è quello che corrisponde al maggior benessere della comunità il rispetto dell'ambiente in cui quella comunità vive. scelta dei candidati alle elezioni 10. La scelta dei candidati alle elezioni, spetta ai cittadini e non ai partiti od ad altre organizzazioni. I rappresentanti devono essere e sentirsi responsabili soltanto verso i cittadini.

11 PRINCIPI FONDAMENTALI, COSTITUTIVI DELLA UNITA' DI INTENTI conflitto d'interesse 11. Non devono poter essere candidati cittadini in stato di "conflitto d'interesse", oppure soggetti a procedimenti penali per reati lesivi degli interessi pubblici e collettivi o condannati per questi reati. limite temporale dei mandatilimite alla ripetibilitàsovrapponibilità competenzamerito 12. Va garantita all'interno delle organizzazioni politiche nelle istituzioni pubbliche, una costante apertura ed attenzione a nuove proposte, alle critiche, al ricambio dei ruoli, al limite temporale dei mandati, il limite alla ripetibilità degli stessi, alla loro non sovrapponibilità, e l'attenzione alla competenza ed al merito. mirare al consenso ed alla condivisione 13. Occorre costantemente mirare al consenso ed alla condivisione, mediante il costante confronto di volontà e di idee nel rispetto delle opinioni delle minoranze, con l'irrinunciabile impegno da parte di tutti a perseguire il bene comune e ad intendere il voto come extrema-ratio. diritti fondamentali dell'uomo 14. Vanno difesi i diritti fondamentali dell'uomo. mezzi pacifici e non violenti. 15. Tutti questi obiettivi vanno perseguiti con soli mezzi pacifici e non violenti.

12 Redatto da: OfficinaDemocrazia Redatto da: OfficinaDemocrazia Siamo convinti che ci sia un Movimento di gente comune, di gente qualunque, gente però accomunata dal desiderio di cambiare questo insano ed insulso modo di fare politica e di gestire il nostro futuro, il nostro destino da parte di chi se ne frega di come la pensiamo. Noi, qui, ci siamo prefissi di fare emergere questo Movimento, di dargli un volto, una consistenza e chissà... una forza! Dateci una mano e se insieme scopriamo di essere tanti, di essere uniti e determinati, allora cominceremo a pestare i piedi, ad alzare la testa, a farci sentire. PER CHI VUOLE APPROFONDIRE E/O CONTRIBUIRE ED AIUTARE CON SUGGERIMENTI, IDEE E PROPOSTE... officina/it/messages/board


Scaricare ppt "RISORGIMENTO DEMOCRATICO! APPELLO ALL UNITA PER LA DIFESA E LO SVILUPPO DELLA DEMOCRAZIA Gennaio 2009 - © ET."

Presentazioni simili


Annunci Google