La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Maggio 2000 10 anni di Dialogo Attivo Maggio 2010 Sesto San Giovanni 10 dicembre 2009 2003 2004 2007 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Maggio 2000 10 anni di Dialogo Attivo Maggio 2010 Sesto San Giovanni 10 dicembre 2009 2003 2004 2007 2009."— Transcript della presentazione:

1 Maggio anni di Dialogo Attivo Maggio 2010 Sesto San Giovanni 10 dicembre

2 La Regione Lombardia presso la Provincia di Bergamo ci contatta per una ragazza di 18 anni tetraparesi spastica ipovedente, con pochissima comunicazione verbale: > dopo 6 mesi comincia a comunicare in modo comprensibile > dopo 2 anni fa la giornalista nel giornale del paese e lavora in bibioteca a contatto con il pubblico > i funzionari della Regione mi convincono a lavorare nella disabilità e collaudiamo Dialogo Attivo con varie patologie.

3 2003 Inizio attività e sperimentazione con medici del centro bambini cerebrolesi del Uso di Dialogo Attivo con tutte le patologie per migliorare la comunicazione verbale e lapprendimento.

4 2004 Inzio validazione scientifica strumentale con il centro di Via Ragusa: prima con le sordita, a seguire su tutte le patologie. Inizio servizio di valutazione dellOspedale per la valutazione degli utenti sulluso di Dialogo Attivo.

5 2007 Nasce il servizio di valutazione e progettazione di Dialogo Attivo presso lIstituto Comprensivo con lobiettivo di integrare e sensibilizzare le strutture Ospedaliere nei progetti. Nasce il progetto di validazione scientifica con lOspedale di Gazzaniga su tutte le patologie per definire competenze e ruoli nei progetti di Dialogo Attivo. Per i progetti si passa anche attraverso il nomenclatore tariffario.

6 2009 I seminari di Dialogo Attivo vengono riconosciuti dal Ministero della Salute Nasce il sito per il controllo dei progetti multidisciplinari Viene realizzata documentazione idonea per tutti gli attori che intervengo nel processo di abilitazione-riabilitazione: medici, insegnanti, operatori sanitari e famiglie. LIstituto Editoriale Universitario Cisalpino decide di pubblicare il libro e di ampliare la ricerca con studi e docenti dellUniversità Statale di Milano.

7 Dialogo Attivo: la comunicazione verbale e extra verbale. Che cosa intendiamo per comunicazione: a) saper chiedere b) saper esporre le proprie esigenze primarie c) saper esporre i propri pensieri e le proprie emozioni In un colloquio diretto O.Schindler, in merito agli adulti, disse: noi dividiamo le capacità in 3 elementi primari: autonomia nel fare autonomia nellalimentazione autonomia lavorative.

8 Per miglioramento si intende che sono cambiati in modo positivo più di uno dei seguenti elementi: Asse dellapprendimento Gioco e grafismo Lettura e scrittura Competenze logico matematiche Apprendimenti disciplinari Integrazione delle competenze Motivazione ad apprendere Altro Asse affettivo relazionale Autostima Tolleranza alle frustazioni Aggressività Rapporto con gli altri Altro Asse sensoriale Vista Udito Protesi e ausili Altro Asse motorio Motricità globale Protesi ed ausili Motricità fine Altro Asse linguistico Linguaggio verbale – comprensione-produzione Altri linguaggi alternativi-integrativi Uso comunicativo del linguqaggio verbale Altro Asse dellautonomia Autonomia personale Autonomia sociale Altro Asse cognitivo e neuropsicologico Attenzione Aspetti senso percettivi Memoria Organizzazione spazio-temporale Schema corporeo Prassie Strategie Altro

9

10 Modalità progettuali Fase iniziale Fase operativa Le autonomie comunicative

11 I RISULTATI Disartrie Abilitazione - Riabilitazione al linguaggio verbale 100%. Statistica su 75 casi. Autonomie nelluso del PC a voce. Disegno realizzato a voce.

12 I RISULTATI Anartrie Autonomie nelluso del PC a voce 100%. Sito giornalistico gestito completamente a VOCE. Distrofie muscolari Il funzionamento del modulo di riconoscimento vocale garantisce il funzionamento anche con il polmone artificiale. Tutti i ragazzi con la distrofia di Monza usano Dialogo Attivo nella vita di tutti i giorni dal 2003.

13 I RISULTATI Sulla base di 85 casi testati di sordità (con, senza protesi e/o con impianto) il miglioramento della comunicazione verbale è stato pari al 100%. Sulla base di 60 casi testati con sindrome di down il risultato nel miglioramento della comunicazione verbale e dei processi cognitivi è stata pari 90 %.

14 I RISULTATI Impossibilitati alla comunicazione con lemissione di solo due suoni: 65 % deficit cognitivo grave e gravissimo: 15 %. Tutti hanno migliorato le autonomie comportamentali e la comunicazione extra verbale.

15 Autismo - difficoltà di relazione Nel 2005 il Dott. Petrovich direttore generale della Regione Lombardia (responsabile di tutte le UONPIA) in un colloquio diretto disse a Flavio Zardus di lavorare anche con lautismo, i risultati saranno sicuramente interessanti. Nel 2006, per merito del gruppo di lavoro del Liceo Artistico Caravaggio di Milano nasce il protocollo autismo sulluso di Dialogo Attivo a scuola. Nel 2007 il protocollo si amplia e si ottimizza con luso di Dialogo Attivo a casa con i genitori.

16 I RISULTATI Miglioramento delle autonomie comportamentali : 80 % su tutte le patologie. Dal 2008 abbiamo iniziato a lavorare anche con chi non ha i prerequisiti duso di Dialogo Attivo: emissione da parte dellutente di almeno 2 suoni diversi a comando, anche inarticolati; il bambino deve essere in grado di fare un respiro profondo a comando; capacità di masticazione senza soffocamento.

17 I RISULTATI rafforza la letto-scrittura e lapprendimento globale, consente autonomia nello studio. dislessici e diffilcoltà di apprendimento Il percorso dellapprendimento della letto scrittura è equivalente a quello della comunicazione verbale.

18 Dialogo Attivo amico-nemico delle cooperative sociali Supporto-sostegno prima di un progetto con Dialogo Attivo Supporto-sostegno dopo mesi di progetto con Dialogo Attivo autonomie… Dialogo Attivo un grande amico dei bilanci comunali.

19 Le modalità attuative Criteri progettuali Comunicazione alla Famiglia Valutazione paziente - utente Stesura del piano di lavoro, compreso le modalità di controllo e tempi di verifica Definizione delle risorse coinvolte (compreso medici) Elenco esami e verifiche Esecuzione piano di lavoro Piani di controllo qualità e avanzamento Comunicazione alla Famiglia

20 Le modalità attuative Dialogo Attivo CONSENSO INFORMATO PARTECIPAZIONE RECIPROCA Tracciabilità scientifica delle attività e dei criteri attuativi

21 I COSTI Non devono influire nel Bilancio familiare! Il nomenclatore tariffario e/o legge 23/ Euro in funzione del reddito a carico della famiglia indipendentemente da dove viene utilizzato Dialogo Attivo: casa-scuola-centro di riabilitazione-ospedale.


Scaricare ppt "Maggio 2000 10 anni di Dialogo Attivo Maggio 2010 Sesto San Giovanni 10 dicembre 2009 2003 2004 2007 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google