La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SITAD Sistema Informativo Territoriale Ambientale Diffuso GI-INDEED INSPIRE e le attività di Formazione Genova, 04/04/06 Luigi Garretti Silvana Griffa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SITAD Sistema Informativo Territoriale Ambientale Diffuso GI-INDEED INSPIRE e le attività di Formazione Genova, 04/04/06 Luigi Garretti Silvana Griffa."— Transcript della presentazione:

1 SITAD Sistema Informativo Territoriale Ambientale Diffuso GI-INDEED INSPIRE e le attività di Formazione Genova, 04/04/06 Luigi Garretti Silvana Griffa Regione Piemonte CSI Piemonte

2 gg/mm/aa relatore evento SITAD 2 Sommario Generalità: Obiettivi del progetto INSPIRE: concetti base Da SDI a SDIC Strumenti di diffusione e promozione Disciplina duso Servizi disponibili: Pubblicazione metadati Ricerca e consultazione catalogo metadati Visualizzazione e scarico dati Personalizzazioni Interfacce webgis usabili Le specifiche Intesa GIS sui DB Topografici

3 gg/mm/aa relatore evento SITAD 3 SITAD è il Sistema Informativo Territoriale Ambientale Diffuso degli enti pubblici piemontesi: costituisce, di fatto, un portale informativo del Sistema Piemonte su temi geografici di tipo territoriale e ambientale, ed intende offrire un punto di raccolta organizzata del patrimonio di conoscenze disponibile presso gli Enti piemontesi. Obiettivo generale del progetto è la realizzazione di una Infrastruttura di Dati Territoriali, per permettere la condivisione e l'interscambio di informazioni geografiche tra Regione Piemonte, Enti locali e Amministrazioni centrali in linea con la proposta di Direttiva della Commissione Europea INSPIRE (INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe) ed in coerenza con le diverse iniziative e disposizioni promosse e stabilite in sede nazionale in materia di dati geografici informatici (IntesaGIS, CNIPA-Comitato per il coordinamento informatico dei dati territoriali). Obiettivi del progetto (1) Generalità

4 gg/mm/aa relatore evento SITAD 4 Poiché una Infrastruttura di Dati Territoriali rappresenta linsieme di applicazioni, linee guida e standard per lacquisizione, il trattamento, lelaborazione e la diffusione di dati geografici e della relativa metadocumentazione (Nebert, 2001, The SDI Cookbook, GSDI) ne conseguono una serie di obiettivi specifici che vanno oltre la pura realizzazione di strumenti software: Costituire una comunità di utenti sui temi geografici, portatori di interessi comuni su problematiche specifiche: una SDIC Affrontare in modo unitario e condiviso allinterno della comunità tematiche comuni legate alluso e riuso di dati territoriali attraverso ad esempio: Definizione di linee guida e standards condivisi Costituzione del db topografico unitario Progettazione di interfacce webgis usabili Definire le regole per la partecipazione al sistema attraverso la Disciplina duso Obiettivi del progetto (2) Generalità

5 gg/mm/aa relatore evento SITAD 5 Il concetto di sussidiarietà riveste un ruolo importante, soprattutto per gli aspetti non-tecnologici legati alla realizzazione della SDI, in particolare il coordinamento tra i vari soggetti coinvolti: in ambito europeo esistono diverse esperienze che dimostrano come, in assenza di un coordinamento nazionale (o in casi di "coordinamento debole"), sia stato possibile sviluppare efficienti meccanismi di coordinamento a livello regionale GINIE - Geography Information Network in Europe, 2002, Infrastrutture di Dati Spaziali (SDI): Raccomandazioni per agire, wwwlmu.jrc.it/ginie/doc/PG_SDI_it.pdf INSPIRE-concetti base Sussidiarietà: "i dati devono essere raccolti una sola volta e mantenuti al livello ove ciò può essere fatto nel modo più efficace" INSPIRE, 2003, Consultation Paper on Forthcoming EU Legal Initiative on Spatial Information for Community Policy-making and implementation, Compartecipazione: coinvolgimento "attivo" di tutte le parti interessate (stakeholders) Costituzione della SDIC (Spatial Data Interest Community) SITAD di SistemaPiemonte Generalità

6 gg/mm/aa relatore evento SITAD 6 In riferimento al Work Program Preparatory Phase : Da SDI a SDIC (1) Le SDIC raggruppano le esperienze di Utilizzatori, Produttori e Trasformatori di dati geografici, competenze tecniche, risorse finanziarie e politiche, con lobiettivo di usare meglio queste risorse per la gestione dei dati geografici e lo sviluppo e lutilizzo di servizi territoriali Le SDIC sono direttamente coinvolte nellelaborazione delle disposizioni operative (implementing rules) con ruoli diversi: definizione casi duso partecipazione diretta con documentazione ed esperti nei drafting teams partecipazione ai processi di revisione implementazione di progetti pilota diffusione e promozione del programma INSPIRE Generalità

7 gg/mm/aa relatore evento SITAD 7 Partecipazione attiva con un esperto allinterno del DT Data Specifications: Da SDI a SDIC (2) Generalità Obiettivi del DT: definire le disposizioni operative per: le specifiche armonizzate per i dati territoriali lo scambio di dati territoriali definendo tra laltro: il modello concettuale di riferimento le linee guida per lutilizzo del modello e della metodologia per sviluppare le specifiche per i dati territoriali le regole di generalizzazione per gestire scale diverse le codifiche per lo scambio dei dati Diffusione e promozione del progetto INSPIRE: creando e aumentando la consapevolezza tra i membri della SDIC partecipando e promuovendo iniziative specifiche

8 gg/mm/aa relatore evento SITAD 8 Strumenti di diffusione e promozione Condivisione Workshop Groupware Newsletter Workshop di promozione Workshop di formazione Incontri settimanali con 220 tecnici di comuni medio-piccoli Incontri di affiancamento Incontri tematici (GIS Day "Aspetti giuridico-normativi relativi all'utilizzo e alla tutela delle banche dati territoriali) Eventi significativi call for Expression of Interest promossa da INSPIRE call for proposals 2005 allinterno del programma europeo eContentplus partecipazione alle edizioni 2004 e 2005 di EC-GI&GIS Workshop partecipazione alle edizioni 2004 e 2005 di eChallenges partecipazione alle edizioni – 2005 di ASITA

9 gg/mm/aa relatore evento SITAD 9 Ruolo (1) Disciplina duso Ogni ente pubblico gode di un proprio margine di discrezionalità nellesercizio delle funzioni ad esso affidate Il contesto normativo risulta spesso frammentario Non è sempre chiaro a chi spettino la titolarità e i diritti sui prodotti e sui servizi informativi territoriali Necessità di instaurare un contesto regolamentare omogeneo che definisca regole, ruoli e responsabilità comuni, e che sia allo stesso tempo vincolante per gli utenti ma flessibile ed adattabile agli imminenti sviluppi della legislazione nazionale e comunitaria: Disciplina duso di SITAD

10 gg/mm/aa relatore evento SITAD 10 La Disciplina duso di SITAD pone lattenzione su: Attori e attività: autenticazione, identificazione e profilatura degli utenti Disciplina della Proprietà Intellettuale: natura e disciplina degli oggetti contenuti nel SITAD (informazioni, prodotti e servizi) per chi gestisce i dati per chi consulta i dati Standard e protocolli: formule uniformi per liberatorie e download Responsabilità per danni a terze parti: compilazione on-line di moduli che riportano i nomi di tutti i soggetti coinvolti e la validità delle informazioni condivise (ente responsabile, autore, gestore..) Disciplina duso Ruolo (2)

11 gg/mm/aa relatore evento SITAD 11 Disciplina duso di SITAD è aperta al recepimento delle direttive comunitarie Direttiva INSPIRE Disciplina duso Recepimento delle direttive comunitarie (1) Direttiva 2003/98 definizione delle regole di accesso interoperabilità dei dati spaziali e dei relativi servizi referenziazione e localizzazione dei dati spaziali esistenti compilazione e aggiornamento costante dei metadata condivisione e riutilizzo dei dati spaziali …… riutilizzo a fini commerciali o non commerciali dei documenti degli enti pubblici lapplicazione trasparente delle condizioni contrattuali utilizzo di contratti standard ricerca e il reperimento di documenti ……..

12 gg/mm/aa relatore evento SITAD 12 SITAD offre servizi di ricerca, di consultazione e di scarico delle informazioni territoriali ed ambientali gestite dagli enti della P.A. regionale: attraverso le pagine del portale è possibile cercare e visualizzare le informazioni geografiche di tipo territoriale e ambientale raccolte, documentate e messe a disposizione da parte dei vari enti che partecipano al progetto. Servizi disponibili accesso (dati territoriali) ricerca e consultazione catalogo compilazione e pubblicazione metadati accesso riservato a utenti Rupar (enti PA regionale), accesso tramite certificato elettronico su browser (IRIDE- PA), compilazione metadati (ISO19115) di primo e secondo livello (questi ultimi ricavati automaticamente) multilayout: versione RUPAR (utenti PA registrati) e SistemaPiemonte (altri), modalità di ricerca per canali (argomenti, collezioni, parole chiave, …), interfaccia non vincolante (layout e criteri di ricerca ridefinibili) viewer GIS multimap service (WMS), visualizzazione dati geografici definita per profilo utente (metadato) MODULI WEB

13 gg/mm/aa relatore evento SITAD 13 Applet Java (Map Object Java ) Compilazione e memorizzazione automatica di ulteriori attributi (secondo ISO19115) di layer geografici vettoriali e raster (sistema di riferimento, tipo e numero di entità, formato, bounding-box, attributi, …) gestiti dallente nella propria LAN oppure file grafici sul proprio pc ESRI shape-ESRI SDE 8.x/3.x-DGN-AutoCAD dwg/dxf-TIFF Catalogo unico di metadati territoriali, condivisibile tra le PA piemontesi, accessibile ed alimentabile via web, in accordo con le indicazioni ISO19115 e la specifica Dublin Core Multimedia Metadata Initiative. accesso (dati geo) ricerca e consultazione catalogo compilazione e pubblicazione metadati SERVIZI Pubblicazione metadati (1) Servizi disponibili I livello II livello

14 gg/mm/aa relatore evento SITAD 14 catalogo di metadati unico messo a disposizione a tutti gli enti della PA locale, in fase di ricerca, permette prestazioni più elevate che non su cataloghi distribuiti accesso in compilazione e pubblicazione a tutti i funzionari della PA piemontese, riconosciuti ed autenticati tramite certificato digitale su browser rilasciato dalla Certification Authority SistemaPiemonte (CA riconosciuta dagli enti della PA regionale) lapplicazione web è unica, costantemente controllata, tutti i processi sono server-side, indipendenti dalle configurazioni hw-sw delle postazioni da cui gli utenti PA accedono multi-layout: luso di stili CSS2 e XHTML consente di soddisfare criteri di accessibilità e contemporaneamente di personalizzare linterfaccia a seconda del portale di arrivo upgrade funzionale ed architetturale unico: lapplicazione unica cresce a seconda delle singole esigenze degli enti, permette il riuso di nuove funzionalità per la PA locale il compilatore del metadato può indicare le eventuali restrizioni allaccesso in visualizzazione e scarico dei dati Rupar & Internet: lapplicazione è messa a disposizione a tutte le PA attraverso la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale, e in sola consultazione al mondo internet. Pubblicazione metadati (2) – vantaggi compilazione on line: Servizi disponibili

15 gg/mm/aa relatore evento SITAD 15 altri utenti utenti RUPAR (PA regionale) Attraverso il modulo di ricerca, è possibile cercare all'interno del catalogo dati geografici (ovvero livelli cartografici con relativi dati associati), database alfanumerici, allestimenti cartografici, documenti vari (es. testi) e servizi informativi (es. servizi webGIS); la ricerca può essere fatta per argomento, parola chiave, ambito territoriale,... accesso (dati geo) ricerca e consultazione catalogo compilazione e pubblicazione metadati SERVIZI Ricerca e consultazione del catalogo metadati (1) Servizi disponibili

16 gg/mm/aa relatore evento SITAD 16 Ricerca Semplice: parola chiave Ricerca e consultazione catalogo metadati (2) Servizi disponibili Ricerca Avanzata: argomento ente ambito temporale collezione ambito geografico

17 gg/mm/aa relatore evento SITAD 17 Accesso (dati territoriali) ricerca e consultazione catalogo compilazione e pubblicazione metadati Visualizzazione e scarico dati (1) SERVIZI Attraverso il Viewer GIS Multimap Service (WMS) è possibile visualizzare, allinterno di ununica mappa, dati geografici realizzati con tecnologie diverse o provenienti da Enti differenti nel rispetto degli standard definiti dallOGC (Open Geospatial Consortium). Servizi disponibili

18 gg/mm/aa relatore evento SITAD 18 permettere la visualizzazione simultanea di dati provenienti e gestiti dalle singole fonti (es. Province, altre Regioni, …) … vantaggi permettere ai client (applicativi web o applicativi desktop connessi alla rete) di poter eseguire più richieste a map server diversi per presentare allutente finale un applicativo ed un risultato unico. … vincoli La soluzione si adatta a situazioni di massiccia consultazione dei dati cartografici. LOGC ha istituito altri standard di interscambio dati cartografici quali il WFS e il WCS (non ancora consolidati) per la consultazione di dati non solo cartografici rasterizzati, ma anche dati vettoriali. Non sono ancora disponibili funzionalità avanzate di analisi e di elaborazione del dato In ambienti in cui lelaborazione dei dati è lattività principale, è necessario utilizzare soluzioni diverse Visualizzazione e scarico dati (2) Servizi disponibili

19 gg/mm/aa relatore evento SITAD 19 Oltre ai portali RuparPiemonte e SistemaPiemonte, è possibile configurare laccesso al Catalogo unificato e ai servizi SITAD anche a partire da altri portali Web (Internet o Intranet) degli Enti pubblici piemontesi, mantenendo le caratteristiche grafiche dei singoli portali, e intervenendo con diversi livelli di personalizzazione. SITAD è rivolto a tutti gli Enti aderenti alla RUPAR quali utilizzatori e alimentatori, ed è aperto ad altri soggetti terzi che possono consultare il patrimonio informativo del SITAD in base alle modalità definite dagli Enti proprietari dei dati attraverso il portale SistemaPiemonte. Lapplicazione web è e rimane unica, ma è stata progettata e realizzata in modo da consentire personalizzazioni a livello di: Interfaccia Collezioni Funzioni di ricerca Dati aggiuntivi Personalizzazioni (1) Servizi disponibili

20 gg/mm/aa relatore evento SITAD 20 Interfaccia: luso di stili CSS2 e XHTML consente di soddisfare criteri di accessibilità e contemporaneamente di personalizzare linterfaccia a seconda del portale di arrivo. E possibile personalizzare entrambe le interfacce (gestione/consultazione) o solo una. Collezioni: è possibile catalogare i dati secondo categorie scelte dallente in base alle proprie esigenze, mantenendo comunque anche la mappatura rispetto agli argomenti ISO. Funzioni di ricerca: è possibile personalizzare le modalità di ricerca, sia a livello di distribuzione delle funzioni nellinterfaccia, sia a livello di inserimento di nuove funzionalità. Dati aggiuntivi: fatto salvo il rispetto degli standard Dublin Core e ISO, è possibile richiedere linserimento di dati aggiuntivi nella scheda metadato, oppure variare le informazioni visualizzate nella scheda stessa. Personalizzazioni (2) Servizi disponibili

21 gg/mm/aa relatore evento SITAD 21 Elementi principali della personalizzazione Layout e Collezioni Integrazione nel portale NO Risk per la ricerca e consultazione dati in tema di Protezione Civile e la gestione dei metadati per gli enti pubblici piemontesi e liguri Personalizzazioni Esempi (1) Servizi disponibili

22 gg/mm/aa relatore evento SITAD 22 Elementi principali della personalizzazione Layout e Collezioni Personalizzazioni Esempi (2) Servizi disponibili

23 gg/mm/aa relatore evento SITAD 23 Elementi principali della personalizzazione Layout e Collezioni Scarico dati protetto Integrazione, sia nella navigazione, sia nellautenticazione, nel Sistema Informativo specifico dellente (SICC) Personalizzazioni Esempi (3) Servizi disponibili

24 gg/mm/aa relatore evento SITAD 24 Interfacce webGIS usabili In ambito SITAD sono state sviluppate due tipologie di interfacce usabili da utilizzare per applicativi webGIS che utilizzano ArcIMS, destinate ad utenti specialisti e ad utenti generici, già utilizzate in alcuni applicativi specifici: Il Mosaico dei Piani Regolatori – interfaccia utenti specialisti Servizi disponibili Stradario Unico Regionale – interfaccia utenti generici

25 gg/mm/aa relatore evento SITAD 25 Le Specifiche Intesa GIS sui Data Base Topografici (1) Nellambito del SITAD è pressante la necessità di disporre di livelli informativi territoriali di base aggiornati, risulta pertanto necessario strutturare adeguatamente una base dati territoriale. Le Specifiche per la realizzazione dei Data Base Topografici di Interesse Generale, promosse dallIntesa GIS 1, hanno come obiettivo proprio la definizione di una base dati territoriale comprendente i livelli informativi di riferimento, basata sugli oggetti territoriali ed opportunamente gestita, dove ogni Ente interviene in aggiornamento per la propria parte e per le proprie competenze, evitando sovrapposizioni e promuovendo così economie di scala. Le innovazioni introdotte dalle Specifiche sono numerose e nascono per rispondere alle esigenze degli Enti. In sintesi le più rilevanti sono: la ridefinizione del contenuto informativo di una cartografia tecnica la struttura ad oggetti il nuovo modello concettuale GeoUML il DB multiprecisione lintroduzione della terza dimensione il formato GML 3 come modalità di trasferimento dati 1 Servizi disponibili

26 gg/mm/aa relatore evento SITAD 26 Le Specifiche Intesa GIS sui Data Base Topografici (2) La disponibilità dal 2004 della versione definitiva delle Specifiche per la realizzazione dei Data Base Topografici di Interesse Generale, ha consentito di avviare le prime sperimentazioni per la Base dati territoriale di riferimento del Sistema Piemonte. In questo contesto sono state intraprese le seguenti attività: nel corso del 2004 si è realizzato un primo sperimentale Geo-DBMS, si è impostato il flusso di aggiornamento e verificata la possibilità di caricamento di dati esistenti; nel 2005 si sono individuate alcune proposte architetturali per accogliere efficacemente ed efficientemente la base dati territoriale di riferimento del SistemaPiemonte e si è analizzato linserimento in essa dei dati della Carta Tecnica Regionale Numerica 1:10.000, appaltata nel 2003 da Regione Piemonte secondo le Specifiche Intesa GIS; nel 2006 si propone di approfondire ed eleggere la migliore architettura per il DB Topografico ovvero di individuare sinergie tra Enti al fine di costituire i primi livelli informativi condivisi. Servizi disponibili

27 gg/mm/aa relatore evento SITAD 27 Appendice 1: Tecnologie utilizzate Caratteristiche della soluzione web: BEA 7 – ArcIMS – MapObjects for Java Application level: Data Base level: Client level: ORACLE – ArcSDE 8.3 HTML – Javascript – Browser java enabled La soluzione scelta è unapplicazione web, che prevede un modulo on-line per l'accesso e la compilazione di metadati, sviluppato in tecnologia Enterprise Java Bean (EJB) insieme a componenti webGIS sviluppate sulla base di ArcIMS e Map Object Java della ESRI.

28 gg/mm/aa relatore evento SITAD 28 Appendice 2: luso degli standard in SITAD Metadocumentazione… XML DUBLINCORE (ISO 11179) / ISO TC211 (ISO/FDIS 19115) / CEN TC287 Interoperabilità dei dati… WMS… WFS e WCS Open GIS Consortium Usabilità interfacce… XML Schema W3C (World Wide Web Consortium)


Scaricare ppt "SITAD Sistema Informativo Territoriale Ambientale Diffuso GI-INDEED INSPIRE e le attività di Formazione Genova, 04/04/06 Luigi Garretti Silvana Griffa."

Presentazioni simili


Annunci Google