La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Marco 1, 40-45 VI domenica Tempo Ordinario –B- 15 febbraio 2009 Il dato storico è incontestabile: Gesú si dedica ai lebbrosi prima di chiunque altro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Marco 1, 40-45 VI domenica Tempo Ordinario –B- 15 febbraio 2009 Il dato storico è incontestabile: Gesú si dedica ai lebbrosi prima di chiunque altro."— Transcript della presentazione:

1

2 Marco 1, VI domenica Tempo Ordinario –B- 15 febbraio 2009 Il dato storico è incontestabile: Gesú si dedica ai lebbrosi prima di chiunque altro. Si avvicina a coloro che si considerano abbandonati da Dio, tocca i lebbrosi che nessuno tocca. Essi sono i primi a sperimentare la misericordia del Padre e laccoglienza nel suo Regno. La loro guarigione è la più bella parabola affiché tutti capiscano che Dio è il Dio di chi soffre il rifiuto e lemarginazione. Quando li avvicina, Gesú dimostra loro, prima di tutto, che sono degni di essere amati. José Antonio Pagola. Jesús: aproximación históricaJesús: aproximación histórica

3 I lebbrosi erano esclusi dalla comunità perché non contaminassero gli altri. Perdevano i diritti civili e i diritti religiosi. Erano considerati esseri marchiati e contagiosi, appestati pericolosi, paria sociali. Erano obbligati ad evitare ogni contatto con i sani. Entrare in contatto con un lebbroso significava divenire impuro e non poter partecipare alle riunioni con il resto della comunità fino alla purificazione. La situazione si aggravava – anche oggi? – a causa del marchio religioso negativo. Il lebbroso era sempre un castigato da Dio, un maledetto da Dio. Non cera spazio per la compassione, poiché era un rifiutato da Dio. I sacerdoti, nel nome di Lui, dichiaravano il lebbroso impuro e lo espellevano dal popolo di Dio. E necessario tener presente questo marchio socio-religioso per comprendere il comportamento di Gesú.

4 40 Gli si avvicinò un lebbroso e lo supplicó in ginocchio: Si vuoi, puoi purificarmi. Un lebbroso si avvicina a Gesú. Era proibito, ma si avvicina. Dice una buona preghiera che suppone lammissione della sua dolorosa situazione, ma anche una grande fede: Puoi farlo, non serve neppure che mi tocchi, nè che faccia o dica qualcosa, basta basta che tu lo voglia... Sottomette la sua vita al volere di Gesù. Come mi avvicino a Gesù? Con quale atteggiamento? Che mi aspetto da Lui? Da che cosa vorrei essere purificato?

5 41 Gesú, commosso, stese la mano, lo toccó e gli disse: – Lo voglio, sii mondato. 42 Allinstante scomparve la lebbra e fu mondato. Compassione è una parola cruciale nei Vangeli. La compassione è le viscere sensibili, materne, di Dio. Viscere che si manifestano nella vita di Gesú. Gesú si commuove, fa sua la sofferenza degli altri e agisce di conseguenza. Non evita di toccare lintoccabile. Ora nessuno può essere considerato impuro. E il modello per chi lo vuole seguire: sentire come proprio il dolore delle persone che soffrono. La sua mano è tesa pure verso di te, ti accarezza, vuole risanarti, purificarti, liberarti...

6 Attraverso le tue mani, toccando e accarezzando; attraverso i tuoi occhi, guardando con gioia e tenerezza; attraverso le tue orecchie, ascoltando le grida e le suppliche; attraverso la tua bocca, dialogando e tacendo; attraverso le tue narici, sentendo lodore della miseria, respirando speranza; attraverso i tuoi piedi, avvicinandoti a chi ne ha bisogno... Lascia che la tenerezza e la compassione si diffondano attrraverso di te.

7 43 Poi lo congedò, avvertendolo severamente: 44 – Non farne parola ad alcuno; va, presentati al sacerdote e offri per la tua purificazione ciò che Mosé ha stabilito, a testimonianza per loro. Il comando di mantenere il silenzio è il sisytema che Marco adopera per evitare che gli uomini si facciano unimmagine parziale ed erronea su Gesù e la sua missione. La rivelazione della identità di Gesú si ritrova perfetta nela sua passione, morte e risurrezione. La purificazione consiste semplicemente in un gesto solo rituale. Mai, in nessun testo, si unisce la guarigione dalla malattia con il pentimento o la conversione.

8 45 Egli senza indugio, allontanatosi, si mise a divulgare a voce alta ciò che gli era accaduto, di modo che Gesú non poteva entrare apertamente in alcuna città. Era tanto grande lentusiasmo di questuomo che, nonostante il comando di tacere, divenne testimonio e annunciatore della bontà di Colui che gli aveva ridato la salute. Essendo divulgato laccaduto, Gesù era divenuto impuro legalmente e pare che non avesse intenzione di subire purificazioni legali. Ciò produce emarginazione di Gesù. Non si dice che non volesse entrare nei villaggi, ma che ora non poteva entrare. Attualmente cè gente che è emarginata, come il lebbroso del vangelo: messa ai margini della società. Sono persone respinte per ragioni economiche, sociali, religiose... La storia dellincontro di Gesú con il lebbroso è, oggi, pure la nostra storia.

9 Rimaneva fuori, in luoghi deserti, e venivano a Lui da ogni parte. Le persone scoprono che Gesú e lofferta di liberazione, accoglienza e vita sono fuori e non dentro. Accorrono a Gesú da ogni parte, formando la nuova comunità attorno a Lui, fuori dalla sinagoga e dai riti, dalle leggi e norme ufficiali.

10 Poni le tue mani su di me, Gesú, le tue mani umane, colpite e perforate: comunicami la tua forza e la tua energia, il tuo desiderio e la tua tenerezza, la tua capacità di servizio e di attenzione. Poni le tue mani su di me, Gesú, e apri in me lessere e la vita, solchi diritti e finestre aperte per lo Spirito che dà vita: liberami dalla paura e dalla tristezza, dalla mediocrità e dalla pigrizia. Poni le tue mani sulle mie, Gesú, che sono sporche e inutili; dà loro il tocco di grazia di cui hanno bisogno: trapassale, anche se fanno resistenza, perché sappiano donare e lavorare facendosi limpida immagine delle tue. Lasciami porre le mie mani nelle tue e io senta che siamo fratelli, con ferite e piaghe vive, libere, forti e tenere, che sanno abbracciare. Ulibarri, Fl.


Scaricare ppt "Marco 1, 40-45 VI domenica Tempo Ordinario –B- 15 febbraio 2009 Il dato storico è incontestabile: Gesú si dedica ai lebbrosi prima di chiunque altro."

Presentazioni simili


Annunci Google