La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA MANOVRA FINANZIARIA 2008 1 ERNESTO GATTO. 2 AUMENTO DETRAZIONE ICI 1^ CASA NUOVA DETRAZIONE ICI PER ABITAZIONE PRINCIPALE E PARI ALLO 0,133 % DEL VALORE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA MANOVRA FINANZIARIA 2008 1 ERNESTO GATTO. 2 AUMENTO DETRAZIONE ICI 1^ CASA NUOVA DETRAZIONE ICI PER ABITAZIONE PRINCIPALE E PARI ALLO 0,133 % DEL VALORE."— Transcript della presentazione:

1 LA MANOVRA FINANZIARIA ERNESTO GATTO

2 2 AUMENTO DETRAZIONE ICI 1^ CASA NUOVA DETRAZIONE ICI PER ABITAZIONE PRINCIPALE E PARI ALLO 0,133 % DEL VALORE CATASTALE NON PUO COMUNQUE SUPERARE 200 SI AGGIUNGE A QUELLA TRADIZIONALE DI 103,29 NO A1 A8 A9

3 3 ALTRE NOVITA RELATIVE AGLI IMMOBILI PROROGA AL 2010 DELLA DETRAZIONE IRPEF 36% SULLE RISTRUTT. EDILIZIE DEDUCIBILI GLI INTERESSI PASSIVI SULLACQUISTO DEGLI IMMOBILI NON STRUMENTALI NE MERCI PROROGA AL 2010 DELLA DETRAZIONE IRPEF 55% PER IL RISPARMIO ENERGETICO SOLIDARIETA AI FINI IVA TRA VENDITORE E ACQUIRENTE NELLE CESSIONI DI IMMOBILI

4 4 PROROGA AL 2010 DETRAZIONE IRPEF/IRES 55% PER IL RISPARMIO ENERGETICO IL BONUS PUO ESSERE RIPARTITO TRA 3 E 10 ANNI A SCELTA DEL CONTRIBUENTE NELLA 1^ DICHIARAZIONE DEI REDDITI PER SOSTITUZIONE FINESTRE E INSTALLAZIONE PANNELLI SOLARI NON E RICHIESTA CERTIFICAZ. ENERGETICA EDIFICIO NE ATTESTATO QUALIFICAZ. ENERGETICA ALTRE NOVITA RELATIVE AGLI IMMOBILI

5 ONERI DETRABILI E DEDUCIBILI DAL 2008 IL LIMITE PER LA DETRAZIONE PASSA A INTERESSI PASSIVI SU MUTUO PER ABITAZ. PRINCIPALE DETRAZIONE PER AFFITTO ABITAZ. PRINCIPALE DETRAZ. AFFITTO ABITAZ. PRINCIPALE GIOVANI 20–30 ANNI 5 DAL (SE REDDITO < ) DAL (SE REDDITO < ) PER CONTRATTI REDATTI EX L. 431/98 DAL (SE REDDITO < ) DAL (SE REDDITO < ) LA DETRAZ. SPETTA PER I PRIMI 3 ANNI

6 ONERI DETRABILI E DEDUCIBILI DAL 2007 LIMITE DI DETRAZIONE PARI AD 632 (PER OGNI FIGLIO) RETTE PER ASILI NIDO DEI FIGLI DI ETA 3 MESI – 3 ANNI ABBONAMENTI AL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBB. AUTOAGGIORNAM. E FORMAZIONE DEI DOCENTI 6 DAL 2008 LIMITE DI DETRAZIONE PARI A 250 DAL 2008 LIMITE DI DETRAZIONE PARI A 500

7 7 NUOVA DETRAZIONE IRPEF PER FAMIGLIE CON ALMENO 4 FIGLI A CARICO PER I SOGGETTI INCAPIENTI LA DETRAZIONE DIVENTA UN CREDITO DIMPOSTA LA DISPOSIZIONE DECORRE DAL PERIODO DIMPOSTA 2007 (MOD. UNICO 2008) LA DETRAZIONE E PARI A ED E RIPARTITA AL 50% TRA I CONIUGI ONERI DETRABILI E DEDUCIBILI

8 8 RISTABILITA LA FACOLTA (NON LOBBLIGO) DINVIO ALLINTERMEDIARIO DELLAVVISO BONARIO OBBLIGO DELLA FIRMA DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI PER TUTTI I COMPONENTI IL COLLEGIO SINDACALE ELIMINATO LOBBLIGO DI INDICARE IN DICHIARAZIONE I DATI RELATIVI AI FABBRICATI (RESTA SOLO LICI DOVUTA) TUTTE LE PERSONE FISICHE SONO OBBLIGATE ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA DEL MODELLO UNICO NOVITA RELATIVE ALLE DICHIARAZIONI ESONERO DA DICHIARAZIONE REDDITI SE SOLI REDDITI FONDIARI DI IMPORTO < 500

9 9 TERMINI PER LA TRASMISSIONE DEI MODELLI 770: MOD. 770 SEMPLIFICATO AL 30 APRILE MOD. 770 ORDINARIO AL 31 LUGLIO NOVITA RELATIVE ALLE DICHIARAZIONI

10 10 NOVITA REDDITO DIMPRESA NUOVE REGOLE PER IL TRATTAMENTO DELLE PERDITE LE PERDITE DEI PROFESSIONISTI E DELLE IMPRESE IN SEMPLIFICATA POTRANNO SOLTANTO ESSERE COMPENSATE CON GLI ALTRI REDDITI NEL QUADRO RN LE PERDITE DELLE IMPRESE IN ORDINARIA POTRANNO ESSERE COMPENSATE SOLO CON UTILI DELLA STESSA CATEGORIA O RIPORTATE AGLI ESERCIZI SUCCESSIVI (ENTRO IL 5^)

11 11 NOVITA REDDITO DIMPRESA ESTESA ALLE SNC/SAS LA TASSAZIONE AL 27,5 % OPZIONE CONSENTITA SOLO A SOCIETA IN CONTABILITA ORDINARIA LA TASSAZIONE AGEVOLATA E VINCOLATA AL REINVESTIMENTO DEGLI UTILI IN CASO DI DISTRIBUZIONE DI UTILI SI PRESUMONO SEMPRE DISTRIBUITI I PIU RECENTI E DOVRA ESSERE OPERATO IL CONGUAGLIO

12 12 NUOVE REGOLE PER LE SPESE DI RAPPRESENTANZA LA DEDUZIONE E CONCESSA NELLESERCIZIO DI SOSTENIMENTO DELLA SPESA SALE A 50 (IVA COMPRESA) IL LIMITE DI VALORE UNITARIO DEGLI OMAGGI DEDUCIBILI MODALITA DI DEDUZIONE E TIPOLOGIE DI SPESE AMMESSE SARANNO FISSATI CON APPOSITO DECRETO NOVITA REDDITO DIMPRESA RESTA IL VECCHIO LIMITE DI DETRAIBILITA IVA SUGLI OMAGGI DI VALORE UNITARIO < 25,82

13 13 NUOVA DURATA MINIMA DEI CONTRATTI DI LEASING STIPULATI DAL /3 DEL PERIODO DI AMMORTAMENTO PER I BENI MOBILI 18 ANNI PER I BENI IMMOBILI 4 ANNI (INTERO PERIODO DI AMMORTAMENTO) PER LE AUTOVETTURE INTERESSI PASSIVI SUI CANONI SONO SOGGETTI A LIMITE DI DEDUZIONE (PARI AL 30% DEL ROL) NOVITA REDDITO DIMPRESA

14 14 DAL 2008 ELIMINATI GLI AMMORTAMENTI ANTICIPATI E ACCELERATI PER TUTTE LE IMPRESE (SOCIETA DI CAPITALI, DI PERSONE E DITTE ) PER I BENI ENTRATI IN FUNZIONE NEL 2008 COEFFICIENTE NON DIMEZZATO A BREVE SARANNO RIVISTI I COEFFICIENTI DI AMMORTAMENTO ESCLUSE DAL BENEFICIO LE AUTOVETTURE NOVITA REDDITO DIMPRESA

15 ART.36 D.L. 223/2006 AMMORTAMENTI PREGRESSI IMPUTATI INTERAMENTE AL FABBRICATO MENO FAVOREVOLE AL CONTRIBUENTE 15 PIU FAVOREVOLE AL CONTRIBUENTE AMMORTAMENTO FABBRICATI E SCORPORO DEI TERRENI ART.1 COMMA 81 L. 244/2007 AMMORTAMENTI PREGRESSI IMPUTATI IN PROPORZIONE AL FABBRICATO ED AL TERRENO LA NOVITA CONSENTE ANCHE UNA MAGGIORE DEDUZIONE DEI CANONI DI LEASING IMMOBILIARE

16 GLI I.N.E. HANNO NATURA SPERIMENTALE E COSTITUISCONO PRESUNZIONI SEMPLICI ART.1 COMMI LEGGE 244/ STUDI DI SETTORE DAI CRITERI SELETTIVI PER GLI ACCERTAMENTI SONO ESCLUSE LE IMPRESE MANIFATTURIERE C/TERZI I SOGGETTI CONGRUI MA CON RICAVI INFERIORI RISPETTO AGLI I.N.E. NON SONO SOGGETTI AD ACCERTAMENTI AUTOMATICI IN CASO DI ACCERTAMENTO SPETTA AGLI UFFICI MOTIVARE GLI SCOSTAMENTI DERIVANTI DAGLI I.N.E.

17 IVA SUI CELLULARI DETRAIBILE IN PROPORZIONE ALLUTILIZZO PER LIMPRESA/PROFESSIONE 17 NOVITA IVA IL REVERSE CHARGE NON SI APPLICA NEI CONFRONTI DI GENERAL CONTRACTOR CUI E AFFIDATO LINTERO APPALTO DA MARZO 2008 IL REVERSE CHARGE SI APPLICA ANCHE ALLE CESSIONI DI IMMOBILI STRUMENTALI A SOGGETTI IVA CON PRO-RATA < AL 25% PER I PRIMI TRE ANNI SANZIONE DEL 3% PER LERRATA APPLICAZIONE FORMALE DEL REVERSE CHARGE

18 18 DETRAIBILE AL 100% DAL 2008 IVA SUI RISTORANTI IVA SUGLI ALBERGHI INERENTI ALLA PARTECIPAZIONE A CONVEGNI, CONGRESSI E SIMILI SE EROGATE NEI GIORNI DI SVOLGIMENTO DEGLI STESSI NOVITA IVA

19 19 NOVITA IRES ALIQUOTA IRES DAL 33% AL 27,5% SI ATTENDE DECRETO CHE MODIFICHERA LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E PLUSVALENZE DA PARTECIPAZIONI QUALIFICATE NON VERRA INVECE MODIFICATA LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E PLUSVALENZE DA PARTECIPAZIONI NON QUALIFICATE SONO CONSIDERATE QUALIFICATE LE PARTECIPAZIONI IN SOCIETA NON QUOTATE SUPERIORI AL 20% DEI DIRITTI DI VOTO (2% PER SOCIETA QUOTATE)

20 20 NOVITA IRES LIMITE ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI INT. PASSIVI (AL NETTO INT. ATTIVI) SONO DEDUCIBILI NEL LIMITE DEL 30% DEL RISULTATO OPERATIVO LORDO RISULTATO LORDO = VALORE PRODUZIONE - COSTI DELLA PRODUZIONE (ESCLUSI AMMORTAMENTI E LEASING) E PREVISTO IL RICONOSCIMENTO FIGURATIVO DEGLI INTERESSI ATTIVI SUI CREDITI STATALI DAL 2010 LA QUOTA NON DEDOTTA SARA DEDUCIBILE, CON GLI STESSI LIMITI, NEI SUCCESSIVI ESERCIZI

21 21 NOVITA IRES DISPOSIZIONI TRANSITORIE SUL LIMITE ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI PER IL 2008 IL LIMITE DI DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI E AUMENTATO DI PER IL 2009 IL LIMITE DI DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI E AUMENTATO DI I NUOVI LIMITI NON SI APPLICANO A DITTE INDIVIDUALI E SOCIETA DI PERSONE (ANCHE IN CONTABILITA ORDINARIA)

22 DA 2008 SOCIETA CONFERITARIA (ANCHE SNC/SAS) PUO OPTARE PER IMPOSTA SOSTITUTIVA 16% SULLA PARTE DEI MAGGIORI VALORI CHE ECCEDE % SULLA PARTE DEI MAGGIORI VALORI SINO A ALIQUOTE: OPZIONE IN DICHIARAZIONE RELATIVA ALLANNO IN CUI LOPERAZIONE E AVVENUTA O NELLA SUCCESSIVA 22 RIORGANIZZAZIONI AZIENDALI 14% SULLA PARTE DEI MAGGIORI VALORI TRA ED

23 CONSENTITO RICONOSCIMENTO MAGGIORI VALORI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI LOPZIONE E AMMESSA ANCHE PER OPERAZIONI ANTE 2008 DECORRENZA DEI MAGGIORI VALORI: IMMEDIATA PER GLI AMMORTAMENTI ; DAL 4^ ESERCIZIO SUCCESSIVO PER LE PLUSVALENZE ; 23 RIORGANIZZAZIONI AZIENDALI LIMPOSTA DOVRA ESSERE VERSATA IN TRE RATE ANNUALI: 30% - 40% - 30%

24 24 ESTROMISSIONE DEI BENI IMMOBILI DELLIMPRESA PUO OPTARE > 30/04/2008 PER LESTROMISSIONE DEL BENE DAL PATRIMONIO DELLIMPRESA LIMPOSTA SOSTITUTIVA DELLIRPEF, IRAP E IVA E PARI AL 10% SULLA DIFFERENZA TRA VALORE CATASTALE E VALORE FISCALE LIMPRENDITORE INDIVIDUALE CHE AL 30/11/2007 UTILIZZA BENI IMMOBILI STRUMENTALI PER DESTINAZIONE PER IMMOBILI CON CESSIONE SOGGETTA AD IVA LIMPOSTA E AUMENTATA DEL 30% DELLIVA SUL VALORE CATASTALE IMPOSTA SI VERSA IN 3 RATE: - 40% > 31 LUGLIO % > 16 DICEMBRE % > 16 MARZO 2009

25 NOVITA IRAP DAL 2008 LALIQUOTA IRAP SCENDE DAL 4,25 AL 3,9% 25 MODIFICATA DETERMINAZIONE BASE IMPONIBILE MODIFICATI GLI IMPORTI DELLE DEDUZIONI E DETRAZIONI DEDUZIONI EXTRACONTABILI RECUPERATE A TASSAZIONE IN 6 QUOTE COSTANTI DAL 2008 DAL 2009 DICHIARAZIONE IRAP FUORI DAL MOD. UNICO E PRESENTATA ALLA REGIONE

26 NOVITA IRAP NUOVA BASE IMPONIBILE DAL 2008 PER LE SOCIETA DI CAPITALI 26 DIFFERENZA TRA VALORE DELLA PRODUZIONE (VOCI A) E COSTI DELLA PRODUZIONE (VOCI B) ESCLUSE LE VOCI 9 (PERSONALE) 10c, 10d (SVALUTAZIONI), 12 & 13 (ACCANTONAMENTI) SONO SEMPRE INDEDUCIBILI COMPENSI LAP, OCCASIONALI, PERDITE SU CREDITI ED ICI GLI IMPORTI RILEVANTI SONO QUELLI ISCRITTI IN BILANCIO SENZA LE REGOLE DEL TUIR

27 NOVITA IRAP NUOVA BASE IMPONIBILE DAL 2008 PER SOCIETA DI PERSONE, DITTE INDIVIDUALI E PROFESSIONISTI 27 SOCIETA DI PERSONE E DITTE INDIVIDUALI (ANCHE IN CONTAB. ORDINARIA) PROFESSIONISTI VALGONO I DATI DELLA CONTABILITA SENZA LE VARIAZIONI DEL TUIR GLI IMPORTI RILEVANTI SONO QUELLI RISULTANTI DALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

28 NOVITA IRAP PER TUTTE LE IMPRESE DAL 2008 DIVENTANO INTERAMENTE DEDUCIBILI AI FINI IRAP: 28 AMMORTAMENTI E LEASING AUTO INDIPENDENTEMENTE DA DURATA CONTRATTO E COSTO DEL BENE SPESE DIMPIEGO DELLE AUTOVETTURE E COSTI DI TELEFONIA FISSA E MOBILE SPESE DI RAPPRESENTANZA E DI MANUTENZIONE SU BENI PROPRI INDIPENDENTEMENTE DAI LIMITI POSTI DAL TUIR COSTI DI GESTIONE ED AMMORTAMENTI RELATIVI AI FABBRICATI ABITATIVI DELLE IMMOBILIARI DI GESTIONE

29 NOVITA IRAP DAL 2008 LE DEDUZIONI E GLI SGRAVI IRAP VENGONO RIMODULATI COME SEGUE: 29 SGRAVI RIDUZ. CUNEO FISCALE RIDOTTI A ( 5.000) ED ( ) PER CIASCUN DIPENDENTE A TEMPO INDET. DEDUZ. PER MAX 5 DIPENDENTI PER SOGGETTI CON VALORE DELLA PRODUZIONE < DA A DEDUZIONE PER SOCIETA DI CAPITALI CON BASE IMPONIBILE < DA A DEDUZIONE PER SNC/SAS, DITTE E PROFESSIONISTI CON BASE IMP. < DA A 9.500

30 CREDITO DIMPOSTA STUDI ASSOCIATI 30 E CONCESSO UN CREDITO DIMPOSTA DEL 15% SUL COSTO DI ACQUISTO DI TALUNI BENI QUALUNQUE SIA LA FIGURA GIURIDICA CHE LO STUDIO ASSUME (ASSOCIAZIONE PROFESS., SNC, SAS, SRL, ETC..) ALLE AGGREGAZIONI TRA PROFESSIONISTI ( TRA 4 E 10 ) BENI CHE CONSENTONO IL BENEFICIO (ANCHE IN LEASING): - ARREDI, ATTREZZATURE, MACCHINE DUFFICIO E IMPIANTI ; - SOFTWARE E BREVETTI SU NUOVE TECNOLOGIE ; - SPESE DI AMMODERNAMENTO E RISTRUTTURAZIONE STUDI.

31 IL BONUS E UTILIZZATO IN COMPENSAZIONE 31 - SPETTA ALLE AGGREGAZIONI REALIZZATE DAL 2008 AL 2010 ; - PER I COSTI SOSTENUTI DALLA DATA DI AGGREGAZIONE E PER I SUCCESSIVI 12 MESI ; - TUTTI I COMPONENTI NON DEVONO ESERCITARE INDIVIDUALMENTE ; - DEVE TRATTARSI DI ATTIVITA EFFETTIVAMENTE PROFESSIONALE E NON STRUMENTALE ; - SEMBRANO QUINDI ESCLUSI I MERI CENTRI DI ELABORAZIONE DATI. CREDITO DIMPOSTA STUDI ASSOCIATI IL BONUS E INDICATO NEL MODELLO UNICO

32 RIVALUTAZIONE PARTECIPAZIONI E TERRENI POSSEDUTE AL 01/01/2008 CON PERIZIA > 30/06/2008 E PAGAMENTO IN 3 RATE ANNUALI DAL 30/06/2008 RIAPERTURA TERMINI PER RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI 32 RIAPERTURA TERMINI PER RIVALUTAZIONE TERRENI POSSEDUTI AL 01/01/2008 CON PERIZIA > 30/06/2008 E PAGAMENTO IN 3 RATE ANNUALI DAL 30/06/2008 SIA AGRICOLI CHE EDIFICABILI

33 ALIQUOTE IMPOSTA: - TERRENI 4% - PARTEC. QUALIFICATE 4% - PARTEC. NON QUALIFICATE 2% REGOLE PER RIVALUTAZIONE PARTECIPAZIONI E TERRENI 33 SOGGETTI AGEVOLATI: - PERSONE FISICHE - SOCIETA SEMPLICI - ENTI NON COMMERCIALI BENEFICI: COSTO FISCALE RICONOSCIUTO PARI AL VALORE DI PERIZIA APPLICAZIONE IMPOSTA: LIMPOSTA SI APPLICA SULLINTERO VALORE RISULTANTE DALLA PERIZIA RIVALUTAZIONE PARTECIPAZIONI E TERRENI

34 34 SOCIETA CONGRUE E COERENTI AI FINI DEGLI STUDI DI SETTORE SOCIETA CON VALORE DELLA PRODUZIONE > ATTIVO STATO PATRIMONIALE SOCIETA CON OLTRE 9 DIPENDENTI NEGLI ULTIMI DUE ESERCIZI NUOVE CAUSE DI ESCLUSIONE SOCIETA IN FALLIMENTO, LIQUIDAZIONE GIUDIZIARIA O CONCORDATO PREVENTIVO DISPOSIZIONI SULLE SOCIETA DI COMODO

35 35 ALIQUOTA AL 10% PER LIMPOSTA SOSTITUTIVA SUL REDDITO DEL PERIODO DI LIQUIDAZIONE PER SOCIETA AL 1^ PERIODO DIMPOSTA O NON OPERATIVE NEL 2007 RIAPERTURA PROCEDURA DI SCIOGLIMENTO AGEVOLATO ATTO DI SCIOGLIMENTO ENTRO IL 31/05/2008 DISPOSIZIONI SULLE SOCIETA DI COMODO ALIQUOTA AL 5% PER LIMPOSTA SOSTITUTIVA SUI SALDI ATTIVI DI RIVALUTAZIONE

36 POSSIBILITA VERSAMENTO IN 6 RATE TRIMESTRALI SENZA BISOGNO DI AUTORIZZAZIONE DA PARTE DELLUFFICIO POSSIBILITA VERSAMENTO IN 6 RATE TRIMESTRALI SU RICHIESTA ALLUFFICIO PER TEMPORANEA DIFFICOLTA IMPORTO SINO A IMPORTO SINO A IMPORTO SINO A RATEIZZAZIONE DEGLI AVVISI BONARI POSSIBILITA VERSAMENTO IN 20 RATE TRIMESTRALI SENZA BISOGNO DI AUTORIZZAZIONE DA PARTE DELLUFFICIO IMPORTO OLTRE QUALE GARANZIA LUFFICIO PUO ACCETTARE IPOTECA DI 1^ GRADO ANCHE SU IMMOBILE DI TERZI

37 37 SONO CONSIDERATI TALI GLI IMPRENDITORI ED I PROFESSIONISTI CHE NELLANNO PRECEDENTE: HANNO CONSEGUITO RICAVI O COMPENSI RAGGUAGLIATI AD ANNO INFERIORI A NON HANNO EFFETTUATO CESSIONI ALLESPORTAZIONE NON HANNO SOSTENUTO SPESE PER LAVORO DIPENDENTE O ASSIMILATO IVI COMPRESI L.A.P. REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

38 38 O CHE NEL TRIENNIO PRECEDENTE: NON HANNO ACQUISTATO (ANCHE IN LEASING) BENI STRUMENTALI PER UN AMMONTARE COMPLESSIVO > REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

39 39 PER I SOGGETTI CHE INIZIANO LATTIVITA DAL 2008 LOPZIONE E POSSIBILE: SE DICHIARANO DI PRESUMERE LA SUSSISTENZA DEI REQUISITI NELLA DICHIARAZIONE DINIZIO ATTIVITA REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

40 COLORO I QUALI SI AVVALGONO DI REGIMI SPECIALI IVA NON POSSONE ESSERE CONSIDERATI SOGGETTI MINIMI 40 I SOGGETTI NON RESIDENTI I SETTORI DELLE COSTRUZIONI EDILIZIE E DEL COMMERCIO DI MEZZI DI TRASPORTO NUOVI COLORO I QUALI SIANO SOCI DI SOCIETA DI PERSONE O SRL IN REGIME DI TRASPARENZA REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

41 41 MODALITA DI FATTURAZIONE NON ADDEBITANO IVA IN FATTURA E NON DETRAGGONO IVA SU ACQUISTI VERSANO ENTRO IL 16 DEL MESE SUCCESSIVO LIVA SUGLI ACQUISTI INTRA E SUGLI ALTRI ACQUISTI IN REVERSE CHARGE VERSANO LIVA SU RIMANENZE E BENI AMMORTIZZABILI IN CASO DI TRANSITO DAL/AL REGIME ORDINARIO IVA DOPO AVER INTEGRATO LA FATTURA DI ACQUISTO CON LIMPORTO DELLIVA IN UNICA SOLUZIONE O IN 5 RATE ANNUALI SENZA INTERESSI REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

42 42 MODALITA DI TASSAZIONE LIVA A CREDITO DELLULTIMA DICHIARAZIONE IN REGIME ORDINARIO PUO ESSERE CHIESTA A RIMBORSO I CONTRIBUENTI MINIMI NON SONO SOGGETTI IRAP DETERMINANO IL REDDITO ANALITICO (IVA INCLUSA) DEDUCONO DAL REDDITO I CONTRIBUTI PREVIDENZIALI OBBLIGATORI PER LEGGE SIA IMPRESE CHE PROFESSIONISTI UTILIZZANO IL CRITERIO DI CASSA REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

43 43 LIMPOSTA SOSTITUTIVA DI IRAP, IRPEF E ADDIZIONALI E DEL 20% NELLIMPRESA FAMILIARE TUTTA LIMPOSTA E VERSATA DAL TITOLARE LA SOMMA ALGEBRICA DEGLI EVENTUALI RICAVI E COSTI PLURIENNALI RIPORTATI DA ANNI PRECEDENTI AL 2008: REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI RILEVA INTEGRALMENTE SE NEGATIVA E SOLO PER LA PARTE CHE ECCEDE SE POSITIVA LE PERDITE DI ESERCIZI PRECEDENTI E QUELLE IN REGIME DEI MINIMI SONO UTILIZZABILI NORMALMENTE PLUSVALENZE, SPESE DI RAPPRESENTANZA, ETC..

44 44 SEMPLIFICAZIONI FORMALI ESONERO DA DICH. IVA, STUDI DI SETTORE ED ELENCHI CLI./FORN. ESONERO DALLA TENUTA DEI REGISTRI CONTABILI ED IVA RESTA OBBLIGO SCONTRINO/RIC. FISCALE NUMERARE E CONSERVARE I DOCUMENTI REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

45 45 ADEMPIMENTI FORMALI LOPZIONE PER IL REGIME ORDINARIO VALE ALMENO 3 ANNI IL REGIME DEI MINIMI E QUELLO NATURALE SOLO PER IL 2008 SI PUO REVOCARE OPZIONE DOPO 1 ANNO SI PUO OPTARE A CONSUNTIVO PER IL REGIME ORDINARIO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

46 46 USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DALLO STESSO ANNO SE RICAVI SUPERIORI A DA ANNO SUCCESSIVO IN CASO DI PERDITA REQUISITI O RICAVI TRA ED CIO COMPORTA LOBBLIGO DEL REGIME ORDINARIO PER I SUCCESSIVI 3 ANNI REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI NECESSARIO RILIQUIDARE LIVA PER LA FRAZIONE DESERCIZIO ANTECEDENTE MEDIANTE SCORPORO INCASSI

47 47 TRANSIZIONE DA UN REGIME ALLALTRO E IN OGNI CASO DOVUTO NELLA MISURA ORDINARIA LACCONTO IRPEF RELATIVO AL 1^ ANNO DI APPLICAZIONE DEL REGIME DEI MINIMI COSTI E RICAVI REGISTRATI PER CASSA DAI MINIMI NELLESERCIZIO X, NON CONCORRONO AL REDDITO DELLESERCIZIO X+1 ANCHE SE DI COMPETENZA DI QUESTULTIMO ESERCIZIO E VICEVERSA REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

48 DAL 2008 E ABROGATO IL REGIME DELLA FRANCHIGIA IVA EX ART.32/BIS DPR 633/72 ABOLIZIONE DI REGIMI FORFETTARI 48 REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI DAL 2008 E ABROGATO IL REGIME FORFETTARIO EX ART.3, COMMI DA 165 A 170 DELLA LEGGE 662/96 DAL 2008 E ABROGATO IL REGIME DEL FORFETTONE (15%) EX ART. 14 DELLA LEGGE 388/2000 MA RESTA IL FORFETTINO EX ART.13 (10%)

49 AI FINI DEL LIMITE DI RICAVI DI NON RILEVANO GLI ADEGUAMENTI DA STUDI DI SETTORE CHIARIMENTI DI CUI ALLA CIRCOLARE 73/E DEL 21/12/ REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI COSTO ACQUISTO DEI BENI STRUMENTALI AD USO PROMISCUO (AUTO, CELLULARI) RILEVA AL 50% IN PRESENZA DI PIU ATTIVITA IL LIMITE VA RIFERITO ALLA SOMMA DEI RICAVI DELLE SINGOLE ATTIVITA SI CONTINUANO AD APPLICARE LE RITENUTE DACCONTO CHE SI DETRARRANNO DALLA IMPOSTA SOSTITUTIVA

50 I SOGGETTI IN FRANCHIGIA POSSONO MANTENERE LO SPECIALE NUMERO DI PARTITA IVA ATTRIBUITOGLI CHIARIMENTI DI CUI ALLA CIRCOLARE 73/E DEL 21/12/ REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I SOGGETTI CHE INIZIANO UNA NUOVA ATTIVITA POSSONO OPTARE PER IL REGIME DEI MINIMI BARRANDO LA CASELLA B DEL MOD. AA9/8 ( CONTRIBUENTI MINORI ) I FORFETTARI (10%) POSSONO SCEGLIERE SE ULTIMARE IL TRIENNIO O PASSARE AL NUOVO REGIME

51 INDICARE IN CALCE ALLA FATTURA: OPERAZIONE EFFETTUATA AI SENSI DELLART.1, COMMA 100 DELLA LEGGE 244/2007 CHIARIMENTI DI CUI ALLA CIRCOLARE 73/E DEL 21/12/ REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI PER I PROFESSIONISTI PERMANE LOBBLIGO DELLA TRACCIABILITA PER INCASSI E PAGAMENTI NELLULTIMO ANNO DI REGIME ORDINARIO E DOVUTA LIVA AD ESIGIBILITA DIFFERITA

52 NELLA DETERMINAZIONE DEL REDDITO: - RILEVANO PLUSV/MINUSVALENZE E SOPRAVVENIENZE ATTIVE/PASSIVE ; - I BENI STRUMENTALI SI DEDUCONO INTERAMENTE NELLESERCIZIO DI PAGAMENTO ; - LE PLUSVALENZE DEI SUDDETTI BENI STRUMENTALI SONO PARI AL PREZZO DI VENDITA ; - LE RIMANENZE NON RILEVANO NEL REGIME DEI MINIMI ; - LE ESISTENZE INIZIALI SONO DEDUCIBILI SOLTANTO NEL 1^ ESERCIZIO DI MINIMO ; - I CONTRIBUTI PREVID. SONO DEDUCIBILI PRIORITARIAMENTE DAL REDDITO DIMPRESA ; CHIARIMENTI DI CUI ALLA CIRCOLARE 73/E DEL 21/12/ REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

53 53 DETERMINAZIONE DEL REDDITO CON REGOLE PROPRIE – QUINDI: PER LE IMPRESE DEDUZIONE INTEGRALE COSTI AGGIORNAMENTO, RISTORANTI, ALBERGHI, RAPPRESENTANZA, ETC.. DEDUZIONE INTEGRALE COSTI AUTO, CELLULARI, RAPPRESENTANZA, MANUTENZIONE, ETC.. REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI PER I PROFESSIONISTI

54 AI DATORI DI LAVORO CHE NEL 2008 INCREMENTANO I DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO NEL MEZZOGIORNO E CONCESSO UN CREDITO DIMPOSTA PARI AD 333 MENSILI SE UOMO A VALERE PER GLI ANNI CREDITO DIMPOSTA SULLE ASSUNZIONI PARI AD 416 MENSILI SE DONNA 54

55 IL CREDITO SPETTA PER OGNI DIPENDENTE A TEMPO INDETERMINATO IN PIU (ALLA FINE DI CIASCUN MESE) RISPETTO ALLA MEDIA DEI DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO OCCUPATI NELLANNO 2007 PER NUOVI DATORI DI LAVORO 2008 TUTTE LE ASSUNZIONI DANNO DIRITTO AL CREDITO IL CREDITO DIMPOSTA DECORRERA DAL RILASCIO DELLAUTORIZZAZIONE UE CREDITO DIMPOSTA SULLE ASSUNZIONI GLI INCREMENTI VANNO CONSIDERATI AL NETTO DELLE DIMINUZIONI IN SOCIETA CONTROLLATE E COLLEGATE 55

56 IL BONUS SPETTA IN PROPORZIONE ANCHE AI LAVORATORI PART-TIME IL BONUS VA INDICATO IN MOD. UNICO E PUO SOLO ESSERE COMPENSATO IN F24 IL BONUS NON COSTITUISCE REDDITO AI FINI IRES, IRPEF ED IRAP NON E RICHIESTO IL REQUISITO DI DISOCCUPATO DI LUNGA DURATA CREDITO DIMPOSTA SULLE ASSUNZIONI 56

57 CAUSE DI DECADENZA I POSTI DI LAVORO CREATI NON VENGONO MANTENUTI PER ALMENO TRE ANNI (OVVERO DUE ANNI PER LE PMI) SU BASE ANNUA IL NUMERO COMPLESSIVO DEI DIPENDENTI RISULTA PARI O INFERIORE ALLO STESSO VALORE MEDIO 2007 DEFINITIVO ACCERTAMENTO DI ALMENO TRE VIOLAZIONI NON FORMALI CON SANZIONI SUPERIORI A IN MATERIA FISCALE E CONTRIBUTIVA CREDITO DIMPOSTA SULLE ASSUNZIONI 57

58 CIASCUN ASSEGNO LIBERO SCONTERA LIMPOSTA DI BOLLO PARI A 1,50 MODIFICHE ALLA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO DAL 30/04/ LE TRANSAZIONI IN CONTANTI NON POTRANNO SUPERARE ART.49 D. LGS. 231 DEL 21/11/2007 DAL 30/04/2008 LE BANCHE DOVRANNO EMETTERE SOLO ASSEGNI NON TRASFERIBILI SALVO ESPLICITA RICHIESTA DAL 30/04/2008 CIASCUNA GIRATA DOVRA CONTENERE A PENA DI NULLITA IL CODICE FISCALE DEL GIRANTE

59 CON DECORRENZA 2007 ( UNICO 2008) SRL, SNC. SAS E COOP. POSSONO OPTARE PER LA DETERMINAZIONE DEL REDDITO AGRARIO IN BASE ALLE RISULTANZE CATASTALI OGGETTO DEVE PREVEDERE LESERCIZIO ESCLUSIVO DI ATTIVITA AGRICOLE 59 LA DENOMINAZIONE DEVE CONTENERE LA DIZIONE SOCIETA AGRICOLA PER NON PERDERE TALE AGEVOLAZIONE DAL 2008 LO STATUTO DEVE ESSERE MODIFICATO > 31/12/2008 TASSAZIONE SOCIETA AGRICOLE (D.M. 27/09/07 N. 213) NECESSARI DUE REQUISITI

60 LOPZIONE E VALIDA TRE ANNI E DEVE ESSERE ESERCITATA A CONSUNTIVO SUL MODELLO UNICO LE SRL AVRANNO SEMPRE CONVENIENZA AD OPTARE PER LA TRASPARENZA FISCALE 60 IN TAL MODO IL REDDITO VIENE TASSATO IN CAPO AI SOCI SU BASE CATASTALE E GLI UTILI MATURATI IN REGIME DI TRASPARENZA SARANNO DISTRIBUITI AI SOCI IN ESENZIONE FISCALE TASSAZIONE SOCIETA AGRICOLE (D.M. 27/09/07 N. 213) IMPORTANTE

61 LE PLUSVALENZE SU BENI MOBILI ACQUISITI IN TALE REGIME SONO COMPRESE NEL REDDITO AGRARIO PLUSVALENZE E PERDITE 61 LE PLUSVALENZE SU BENI IMMOBILI SONO SEMPRE TASSATE ORDINARIAMENTE RILEVANO COMUNQUE I COMPONENTI POSITIVI E NEGATIVI DI REDDITO RIPORTATI DA ANNI PRECEDENTI LOPZIONE E COMUNQUE CONSENTITO IL RIPORTO DELLE PERDITE DI ESERCIZI PRECEDENTI LOPZIONE TASSAZIONE SOCIETA AGRICOLE (D.M. 27/09/07 N. 213)

62 GRAZIE E ARRIVEDERCI 62 LE SLIDES SONO GRATUITAMENTE DISPONIBILI SUL SITO


Scaricare ppt "LA MANOVRA FINANZIARIA 2008 1 ERNESTO GATTO. 2 AUMENTO DETRAZIONE ICI 1^ CASA NUOVA DETRAZIONE ICI PER ABITAZIONE PRINCIPALE E PARI ALLO 0,133 % DEL VALORE."

Presentazioni simili


Annunci Google