La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Per le strade di Roma… La città di Roma, ha magnifici edifici, immensi palazzi, raffinate case, bagni, tempi, archi e teatro. I palazzi sono costruiti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Per le strade di Roma… La città di Roma, ha magnifici edifici, immensi palazzi, raffinate case, bagni, tempi, archi e teatro. I palazzi sono costruiti."— Transcript della presentazione:

1

2

3 Per le strade di Roma… La città di Roma, ha magnifici edifici, immensi palazzi, raffinate case, bagni, tempi, archi e teatro. I palazzi sono costruiti di sassi e mattoni tenuti insieme da cemento e ferri. Gli edifici più importanti venivano costruiti sotto commissione degli Imperatori e dalla più ricca, nobili. Molti di questi edifici erano ricoperti di un sottile strato di marmo, che brillava alla luce del sole. Nel centro vi erano molte piazze e spazi aperti chiamati fori. Vennero costruiti in diverse epoche e dedicati agli Imperatori. La più antica e la più importante era il foro di Roma, ritenuto il centro dellimpero. Vi era anche il foro della pace costruito dallImperatore Vespasiano. Era una piazza silenziosa dove era stata costruita anche una biblioteca per chi voleva leggere in pace. I romani si recavano alla Basilica, sede economica e amministrativa. Ad esempio, alla Basilica Amelia si occupavano di affari tipo il cambio del denaro. Al Senato si riunivano gli uomini più importanti di Roma per discutere del governo dellImpero. Gli ambasciatori stranieri potevano assistere alle sedute del Senato da una piattaforma posizionata giusto di fronte.

4 Augusto, primo Imperatore di Roma e nipote di Giulio Cesare, fece costruire un arco. Come lui molti altri imperatori fecero costruire archi per celebrare le proprie vittorie. Nel tempio delle Vestali, a pianta rotonda, bruciava perennemente un fuoco, di cui si occupavano le sacerdotesse. I sacerdoti portavano animali per offrirli in sacrificio. Dopo averli scuoiati, un esperto esaminava le interiora. I Romani credevano di poter conoscere in questo modo se in battaglia avevano il favore degli Dei. LARCO DI AUGUSTO

5 IL FORO DI ROMA

6 Le domus romane Allinterno delle domus romane vivevano gli uomini più ricchi e famosi di Roma assieme alle loro famiglie, ai lori schiavi e servi. Le case sono comode e immense nonostante sembrino piuttosto spoglie e fredde dinverno per la loro pavimentazione in pietra e i patii aperti. Le case dei nobili avevano una struttura solida ed erano ben protette per tener lontani i ladri. Avevano alte mura con piccole finestre nella parte alta. Solo una porta si affaccia sulla strada. E molto solida ed ha una grande serratura e uno schiavo che la controlla. Lacqua arriva alla casa dallacquedotto principale e viene pagata in base alla dimensione della condotta. Unaltra grossa condotta porta via le acque di scarico. I poveri invece vivono in piccole case o appartamenti soggetti spesso a incendi. Per questa ragione non potevano avere fornelli o cucine ai piani alti. Il padre della famiglia, Pater Familias, è il padrone della casa. Tutti dovevano obbedirgli specialmente i figli, sia legittimi che illegittimi, chiamati potestas. I Potestas devono durante tutto larco della vita obbedire ciecamente a ogni ordine o richiesta provenga dal Padre.

7 Quando il Pater familias desidera una nuova schiava la compra al mercato. Gli schiavi sono stranieri catturati con la forza, il prezzo dipende dalletà, dalla salute e dalle capacità. I romani si svegliano presto al mattino, prima che albeggi, anche destate. Il Pater familias di solito non esce dalla domus, ma le persone lo vanno a trovare per discutere i propri problemi, per farsi prestare soldi o per chiedere favori. I nobili vengono invece per fare favori e chiedere consiglio. I visitatori meno abbienti dovevano aspettare per più tempo nellatrio o aspettare in piedi fuori dalla porta. Mentre i più importanti venivano fatti accomodare immediatamente. Una volta finite le visite, il pater familias usciva per andare a trovare amici o per occuparsi di vari affari.

8 Le scuole romane I bambini romani venivano mandati a scuola alletà di sei o sette anni. I padri pagavano i maestri scolastici, mentre i figli dei ricchi avevano listruttore privato in casa, che solitamente erano schiavi Greci. I maestri scolastici sono molto severi e frustavano i bambini se non studiano le lezioni o arrivano in ritardo. Le prime lezioni del mattino iniziano quando il cielo è ancora buio. Infatti, alcuni bambini arrivavano a scuola illuminando la strada con torce. La fine della scuola era nel primo pomeriggio, in modo che i ragazzi avessero tempo per fare dei giochi o per andare ai bagni. Inizialmente scrivevano su tavole di cera con degli appositi bastoncini appuntiti con cui incidevano parole o somme nella cera. Si poteva anche cancellare con lestremità piatto del bastoncino. Furono poi introdotte le pergamene sui quali venivano scritti i libri romani o usate semplicemente come fogli di carta su cui veniva scritto a mano. Ogni estremità della pergamena era attaccata a un supporto in legno. Per leggere o scrivere su di essa, si doveva srotolare la pergamena. Si scriveva con canne o stecchetti di rame, linchiostro era contenuto in una ciotola e fatto da una mistura di fuliggine e inchiostro dei polpi. Molte scuole erano costruite nei portici degli edifici. Una tenda impedisce ai passanti di guardarci dentro. Ogni otto giorni è un giorno di festa e vi sono mercati pieni di gente e rumorosi, ed è quindi impossibile fare lezione.

9 Alle scuole elementari i ragazzi imparavano a leggere e a scrivere e a risolvere semplici quesiti di aritmetica. Dopo cinque o sei anni di scuola elementare si passa alle scuole secondarie, dove si studia greco, la grammatica latina, laritmetica, la geometria e lastronomia. I GIOCHI DEI BAMBINI ROMANI I Bambini romani giocano a molti giochi quando le lezioni sono finite. Ad esempio, ruote vengono utilizzate per saltare e correre, giochi con spade di legno, nuotare, giocare con il giavellotto e palle di pelle e infine giochi con bastoni e legni, simili allhockey.

10 Negozi e mercati I negozi a Roma sono piccoli e al buio, sono diretti principalmente da cittadini poveri o schiavi liberi. In alcune strade vi si trovano i negozi dei lavoratori, ad esempio gli artigiani, i produttori di scarpe o i panettieri. I cittadini nobili si recano ai negozi solo per comprare vestiti, gioielli e altri oggetti costosi. Mandano i loro schiavi e i loro servitori a comprare il loro cibo, il loro vino e a portare i loro vestiti a lavare. I romani più ricchi mandavano i loro vestiti a negozi speciali per farli lavare. Dove alcuni signori stendevano i panni sporchi prima di tutto in alcune cornici, successivamente li mettevano in alcune bacinelle dacqua e poi ci aggiungevano della pasta speciale, fatto questo li avrebbero calpestati per bene per togliere tutte le macchie e lo sporco. I vestiti verranno ora asciutti e piegati e poi verranno lisciati, stirati in una grossa pressa. Verrà poi uno schiavo a ritirare i vestiti e prima di pagare controllerà che il lavoro sia stato fatto bene. Carne, frutta e verdura verranno trasportate ai mercati dai campi e gli allevamenti fuori città.

11 Usavano carri in legno per trasportare tutto ai mercati molto presto nel mattino. Il mercato è costituito di bancarelle con sopra disposti teli per mantenere il più lontano possibile il sole, queste vengono organizzate nella piazza. Viene venduta la frutta, la verdura, la carne e il pesce. Si incontrano anche dei musicisti che guadagnano un paio di monete dalla gente. Ci sono anche altri negozi ad esempio dove si possono trovare stoffe o materiali, oppure vi sono farmacie dove i cittadini romani compravano diverse erbe o pozioni magiche, oli che venivano comprati per gli ammalati e si credevano guaritivi. Vi erano anche altri negozi: il macellaio, solo i cittadini più ricchi potevano permettersi di mangiare carne tutti giorni; il panettiere; ed altri negozi dove si vendevano cibi caldi da mangiare per le strade o portare a casa, pochi cittadini avevano i fornelli a casa

12 I bagni romani Ai bagni vi si possono accedere sia donne che uomini. Le donne vanno al mattino quando non possono gli uomini, anche perché sono a lavoro, oppure vanno ad altri bagni che sono esclusivamente femminili. I bagni non sono solo luoghi dove ci può lavare ma sono anche luoghi dincontro fra amici, luoghi dove si possono discutere affari politici oppure chiacchierare o discutere lultimo accaduto. Alcuni uomini vi si recano per fare esercizi, camminare nei giardini o leggere in uno luogo tranquillo. Cerano moltissimi bagni a Roma, lentrata in alcuni costava molto poco in altri invece non costava niente. Allinterno dei bagni ci sono diverse stanze: la prima è uno spogliatoio, dove vengono lasciati i vestiti e i sandali; poi si passa ad unaltra stanza nella quale ci si scalda, è la più calda perché è scaldata dal vapore; cè unaltra stanza alla quale possono accedere principalmente i cittadini più ricchi, dove vengono massaggiati con diversi oli; si passa poi ad unaltra stanza dove cè il bagno caldo, accanto a questa stanza è situata la caldaia, e unaltra stanza ancora dove cè un bagno tiepido e infine uno di acqua fredda, per raffreddarsi dopo un bagno caldo o dopo una nuotata. Lacqua giunge ai bagni attraverso acquedotti sotterranei provenienti dallesterno della città. Lacqua sporca verrà portata in un tunnel sotto la città di Roma e verrà poi scaricata nel fiume.

13 I gladiatori e le corse con i carri Le lotte dei gladiatori e le corse con i carri erano gli sport preferiti dai romani. Durante i periodi festivi o durante le vacanze le arena si riempivano di cittadini e spettatori. Nelle arene venivano portati alla loro morte prigionieri e criminali. Alcuni vengono attaccati da grossi e affamati animali feroci. Alcuni devono lottare luno contro laltro oppure vengono uccisi dai gladiatori. Per assistere agli incontri venivano imperatori, uomini ricchi, donne nobili, cittadini poveri e bambini per incoraggiare ed incitare con eccitazione tutti carri che correvano per o stadio. Il Circo Massimo Nel circo massimo si tenevano le corse con i carri. Prima dellinizio delle corse i sacerdoti camminavano attorno allo stadio, questo era un rito. I cavali dovevano fare sette volte la corsa dello stadio. Al vincitore veniva regalato un sacco di monetine doro e assumeva i valori e limportanza delleroe. Ancor prima diniziare la corsa i carri devono attendere sulla linea di partenza. Ogni guidatore deve bilanciare il proprio peso sul legno leggero e sul carro in pelle. Appena suona la tromba e viene abbassata la bandiera bianca i carri partono. Appoggiandosi indietro sulle proprie redini iniziano ad incitare i cavalli ad andare più veloci frustandoli.

14 Queste corse sono molto pericolose, specialmente quando si deve affrontare la curva, infatti solo i guidatori più bravi riescono a restare in gara. Infatti i guidatori devono portare caschi di metallo, per proteggere la testa, e altre protezioni in pelle per proteggere le braccia e le gambe. I Gladiatori I gladiatori avevano diversi tipi di armi per fare le battaglie più interessanti. Cè ad esempio un arma simile ad una rete se i gladiatore riesce ad imprigionare il suo avversario nella rete allora cercherà di ucciderlo con il forcone. A questo punto sotto richiesta degli spettatori ucciderà o meno il prigioniero, se il pubblico è favorevole al prigioniero allora lui vivrà se invece il pubblico contro il prigioniero esso sarà ucciso. I gladiatori sono uomini che vengono allenati in alcune scuole speciali a combattere e morire molto coraggiosamente. Gli animali contro cui lottano i prigionieri o i criminali provengono da luoghi di tutto limpero come il nord Africa.

15 IL COLOSSEO è lo stadio ginnico più grande a Roma. Può contenere fino a persone. Per accedere al Colosseo vi sono ben 76 entrate.

16 IL CIRCO MASSIMO ALLORA IL CIRCO MASSIMO OGGI

17

18 Introduzione Sotto laspetto artistico possiamo considerare i seguenti periodi: - -primo periodo (753 a.C. – 146 a.C.): dalle origini sino alla conquista della Grecia. Larte dellepoca dei re e dei primi tempi della repubblica si identifica con quella etrusca; in seguito acquisisce elementi greci con lo svilupparsi di relazioni con la civiltà ellenica e con la conquista della Magna Grecia. - -secondo periodo (146 a.C. – 217 d.C.): dalloccupazione della Grecia a Caracalla. Dopo un inizio dinflussi greci e di imitazione, larte romana matura per raggiungere, prima sotto Augusto, poi sotto Traiano e Adriano, lepoca più gloriosa. - terzo periodo (217 d.C. – 476 d.C.): da Caracalla alle invasioni barbariche. Segna il declino dellarte romana, anche se larchitettura si mantiene ancora viva. Su questo mondo romano che tramonta sorge una nuova era, quella cristiana.

19 Larte romana vera e propria, con caratteri originali, si definisce a partire dal II secolo a.C. Di essa sono giunte sino a noi vastissime testimonianze, relative allarchitettura, alla scultura, alla pittura. Le più imponenti e complesse architetture si realizzano in età imperiale. Nel tardo periodo repubblicano anche il mondo romano riuscì a elaborare un linguaggio figurativo autonomo, in strettissimo legame con i fatti storici e con levoluzione di Roma. Per arte romana si intende l'arte della Roma antica, dalla fondazione alla caduta dell'Impero d'Occidente. Le forme artistiche autoctone, nella fase delle origini e della prima repubblica, sono piuttosto elementari e poco raffinate. Il cittadino romano è anzitutto un militare e un politico: ogni attività viene finalizzata alle esigenze di dominio, sia privato che statale. Di conseguenza ciò che prevale nelle testimonianze artistiche sono gli aspetti tecnici e pratici, oppure celebrativi. Il fine estetico, la ricerca del bello, non ha per i romani quell'importanza che ha per i greci e non è mai disgiunto da un fine pratico: di qui l'indiscussa superiorità, nell'espressione artistica dei romani, delle scienze architettoniche e urbanistiche, che offrono grande utilità pratica nell'organizzazione razionale degli enormi territori conquistati. Introduzione

20 Architettura Romana Attraverso i ponti, gli acquedotti, le numerose città che impiantano, i Romani ci dimostrano quanto fossero consapevoli di voler lasciare una profonda traccia di sé nella storia. Il grandissimo sviluppo dellarchitettura nella civiltà romana serve ad infondere nei cittadini il senso della potenza dello Stato. Larchitettura è lespressione dellarte più utile al governo ed in questo campo la civiltà romana elabora forme e tecniche del tutto originali. Il tufo ed il travertino, pietre porose e ricche di cavità interne, sono, insieme allargilla, i materiali di cui dispongono i romani per le loro architetture: tali materiali suggeriscono limpiego di piccoli blocchi, legati da malta cementizia. I costruttori romani ottengono, dallimpasto di calce, sabbia e pozzolana (sabbia vulcanica), una malta resistentissima che consente una presa eccezionale. Essi rielaborano così vari tipi di muratura, dal più semplice, ai più complessi.

21 Nel periodo imperiale i mattoni di argilla seccata allaria vengono sostituiti da quelli cotti nelle fornaci: ne derivano strutture murarie ben più solide, che favoriscono la costruzione di superfici curve e il sistema costruttivo che caratterizza larchitettura romana diviene larco. Strade ponti, teatri e anfiteatri, templi circhi colonne e archi commemorativi di vittorie militari, unitamente ai tracciati schematici delle nuove città, rappresentano il meglio della produzione artistica e architettonica romana. Le opere architettoniche ed urbanistiche, realizzate tra il I sec. a.C. e il IV sec. d.C., non rispondevano solo a esigenze politiche e militari, ma venivano anche incontro ai bisogni della popolazione, per cui dovevano rispondere a criteri di funzionalità e praticità e furono così ben edificate da essere utilizzate anche nei secoli successivi alla caduta dell'impero, fino ai nostri giorni.

22 Una volta compiuta la conquista militare, i romani badavano soprattutto a tracciare e a pavimentare strade, a costruire ponti, a rifornire le città di abbondante acqua attraverso imponenti acquedotti, a costruire servizi igienici pubblici come terme, bagni e fognature. Tecnicamente gli architetti romani si servivano di due tipologie costruttive: la muratura e l'arco. La muratura, cioè l'utilizzo di materiali come il mattone cotto nelle fornaci, non conosciuto dai greci, che veniva abbinato al cemento, consentiva la costruzione di alte masse murarie in grado di sopportare enormi pesi. L'arco permetteva di coprire ampi spazi vuoti. Proprio l'arco a tutto sesto, che già gli etruschi usavano, è il principale segno caratteristico dell'architettura romana. Gli archi e colonne vengono usati dai romani anche come monumenti, per ornamento della città, con un certo valore simbolico: l'arco è simbolo di trionfo del condottiero e la colonna è un monumento commemorativo di grandi imprese imperiali. Larco, con il suo andamento curvo, permette di scaricare meglio il peso della costruzione sui sostegni verticali, distanziandoli anche maggiormente. Gli ambienti risultano così più spaziosi e le colonne o pilastri che sorreggono la copertura diminuiscono di numero.

23 Dallarco si originano le coperture a volta: - -più archi successivi determinano la volta a botte; due volte a botte incrociate ortogonalmente determinano la volta a crociera, compresa fra sei archi, quattro laterali e due trasversali. Gli Archi e le volte vengono costruiti con laiuto di centine, sostegni lignei sagomati ad arco su cui si dispongono i mattoni e si gettano gli impasti di malta: quando la muratura è secca la centina viene rimossa. Larchitettura romana, riflette inizialmente gli influssi della civiltà etrusca. Nel II secolo a.C. Roma era già una città di rispettabili dimensioni, ed era cresciuta adattandosi come meglio poteva allambiente sfavorevole e aveva assunto un aspetto simile a quello delle città etrusche dellItalia centrale.

24 Le case dabitazione romane in epoca repubblicana possono essere distinte in due tipi fondamentali: da un lato le dimore dei cittadini benestanti, le case unifamiliari ad atrio di derivazione italico- ellenistica, le domus; dallaltro i grandi condomini popolari a più piani divisi in appartamenti, le insulae. Con il pretesto di dare asilo alle masse, avevano strutture in conglomerato cementizio rivestito di laterizio, tetti generalmente inclinati coperti con tegole, balconi e ballatoi retti da mensole di legno o pietra. Gli appartamenti, in cui spesso coabitavano più nuclei familiari, erano distribuiti su quattro o cinque piani. Le stanza erano piccole, buie, fredde (luso di bracieri per cucinare e scaldarsi era causa di frequenti e disastrosi incendi), senza acqua corrente né scarichi fognari. Naturalmente differente lesistenza che si conduceva nelle abitazioni patrizie, spaziose, areate, igieniche, fornite di bagni e gabinetti e riscaldate dinverno dagli ipocausti, complessi dispositivi che facevano passare correnti daria calda sotto i pavimenti.

25 Già nel IV- III secolo a.C. la casa ad atrio era già definita nei suoi elementi essenziali: una porta preceduta da un ingresso e seguita da uno stretto corridoio di accesso, affiancato da stanze di servizio; unampia sala centrale coperta dalle quattro falde del tetto spiovente verso linterno per poter convogliare lacqua piovana in una vasca al centro dellatrio da dove si raccoglie in una cisterna sotterranea. Intorno allatrio si dispongono alcune camere dal letto e due ambienti di disimpegno aperti alle sue estremità, mentre in fondo allatrio si trova una sala di soggiorno affiancata da un corridoio di passaggio allorto-giardino alle spalle della casa, che nel II secolo a.C. si trasformò in un leggiadro giardino con fontane e statue, che era circondato da quattro ali di portico a colonne sul quale, si affacciavano le principali stanze di soggiorno.

26 Gli interni si arricchirono di marmi policromi, affreschi, statue, mosaici. Fu nellambiente privato, che i Romani poterono dare libero sfogo al nuovo gusto per larte, alimentato dai bottini di guerra ma ancora condannato dalla pubblica morale. Un altro complesso architettonico di grande importanza è costituito dalle terme. I primi edifici termali sorgono in età repubblicana. Le terme del periodo imperiale, frequentate soprattutto dai patrizi, divengono costruzioni grandiose. Un vasto edificio centrale contiene le aule termali con piscine di acqua fredda, tiepida e calda, le palestra per la lotta ed i giardini; esso appare isolato in un grande recinto lungo il quale sono disposte biblioteche e servizi e che accoglie anche una gradinata per il pubblico che assiste agli spettacoli ginnici.

27 Anche molti teatri vennero costruiti, ma gli attori erano spesso degli schiavi o dei liberti. Il teatro romano si sviluppò nellultimo secolo della repubblica. Le strutture precedentemente adibite a questa funzione erano in legno e provvisorie per legge. Il teatro romano, riprende lo schema del teatro greco, ma lo modifica sia nella costruzione della scena, che nella cavea. Le poderose strutture ad arco che sostengono le gradinate diventano parte essenziale delledificio e lo caratterizzano esternamente. Il vero luogo di divertimento per i romani restava l'anfiteatro, dove si svolgevano i giochi, le gare atletiche, le sfide a morte tra i gladiatori, la lotta tra schiavi e bestie feroci, le esecuzioni dei cristiani o di altri dissidenti. Lanfiteatro, elaborazione ulteriore del teatro, è un edificio tipicamente romano ed il suo nome significa proprio doppio teatro. Ha una forma ellittica, con larena posta generalmente più in basso rispetto al piano stradale per limitare lo sviluppo in altezza delledificio e consentire, al tempo stesso, di ricavare tutta lampiezza necessaria alla grande cavea, divisa in settori destinati a differenti tipi di pubblico.

28 In basso, in prossimità dellarena, siedono limperatore ed i personaggi di maggior rilievo; via via, risalendo, si arriva alla zona riservata alla plebe, che assiste in piedi agli spettacoli. Larena scavata nel terreno può essere inoltre allagata e consentire lo svolgersi di battaglie navali. Lanfiteatro Flavio, detto popolarmente Colosseo, eretto in epoca imperiale, costituisce lesempio più grandioso di questo tipo di costruzione. Un altro luogo di divertimento per i romani era il circo: qui si svolgevano le corse dei carri trainati dai cavalli - bighe o quadrighe - o addirittura venivano inscenate battaglie terrestri o navali, dove naturalmente i vincitori erano sempre i romani. Anche questa forma era ellittica ma molto più allungata rispetto a quella dell'anfiteatro.

29 Fuori delle città sorgono in epoca imperiale grandiose ville, dimore di campagna dei ricchi proprietari e degli imperatori. Sia che assumano una forma aperta e articolate nel territorio, oppure chiusa e di carattere militare, le ville imperiali, con la loro varietà di ambienti, costituiscono edifici di insuperabile monumentalità, che riassumono tutte le più raffinate tecniche costruttive del mondo romano.

30 I Romani privilegiano larchitettura fra le arti e lattività del progettista è considerata più nobile di quella dello scultore o del pittore, perché meno «manuale». Tutte le arti concorrono a tramandare la grandezza di Roma: pittura e scultura sono considerati efficaci strumenti di informazione e propaganda, perché raccontano gli eventi e li commentano con un linguaggio comprensibile a tutti. La città romana rispecchia nella pianta il tracciato dell'accampamento militare: una scacchiera di strade che si intersecano perpendicolarmente, impostate sulla croce di due vie principali, chiamate cardo e decumano. Il centro della città è costituito da una piazza (foro di Augusto, foro romano), sulla quale si affacciano i principali edifici pubblici, sedi di attività politiche, amministrative, commerciali e religiose. Lo spazio interno è sempre enorme, monumentale, come se volesse esprimere la stabilità dello Stato ed affermarne la potenza e l'immutabilità. Solo il tempio romano ha caratteristiche riprese dai templi greci o etruschi, ma con una fondamentale differenza: la tradizione greca modella plasticamente gli edifici, creando soprattutto degli "esterni", ed ha un carattere rettilineo (elementi verticali delle colonne e orizzontali delle trabeazioni); la tradizione romana definisce soprattutto degli "interni", modellandone le spazio con gli andamenti curveggianti degli archi e delle volte. Il tempio più importante è il Pantheon.

31 La basilica, di pianta rettangolare circondata da fila di colonne, è la sede dell'amministrazione giudiziaria romana (il tribunale). Il foro di Augusto, foro romano doveva rappresentare per l'osservatore le qualità principali dell'arte romana: dominio dello spazio, solida compostezza, potenza scenografica. L'imperatore Augusto fu il primo tra i governanti di Roma a intravedere nella cultura e nell'arte una forma di propaganda celebrativa del primato politico-militare dell'impero: in suo onore furono eretti nelle province ben 17 archi di trionfo.

32 Scultura Il patrimonio scultoreo romano rimastoci, a differenza di quello pittorico, è cospicuo. La matrice prevalente è quelle ellenistica, ma si avvertono anche influenze etrusche. Questi caratteri rimasero vivi anche dopo il II secolo a.C., quando Roma fu letteralmente presa dalla mania per larte greca: i Romani gareggiarono nelladornare case e giardini con le statue importate dalla Grecia e dalloriente, e poiché gli originali non bastavano a soddisfare le richieste, si cominciò a produrre copie. I Romani, lungi dallapprezzare il valore estetico e formale dellarte greca, si preoccupavano soprattutto che il contenuto delle loro opere fosse coerente con la loro ambientazione architettonica, con motivi maggiormente decorativi (ispirandosi al mondo animale e vegetale), oppure figurativi e narrativi (ispirandosi ai testi sacri).

33 Questa propensione alleclettismo produsse anche opere interessanti. La scultura romana troverà accenti originali solo alla vigilia dellimpero, quando dalla fusione del verismo ellenistico e del crudo realismo medio-italico si svilupperà uno stile con forti legami terreni, oggettivi, vicino alla mentalità civile e religiosa di Roma. Questo stile si manifesterà soprattutto nel rilievo storico e nel ritratto. Presso i Romani, fin dal periodo repubblicano, è diffusa lusanza di onorare i cittadini importanti con ritratti, che fissano realisticamente le caratteristiche del loro volto per tramandarne ai posteri la memoria e la fisionomia. Il ritratto onorario si diffonde rapidamente fra le famiglie dei patrizi e non riproduce quindi solo le sembianze di personaggi storici, ma anche di capi di famiglia o parenti illustri. Molto in uso è anche la ritrattistica funeraria già assai diffusa presso gli Etruschi, ed entrata a far parte della tradizione romana; la figura del defunto, generalmente a mezzo busto, avvolta nella toga ed in posizione frontale, appare spesso accompagnata da uno o più parenti.

34 Probabilmente eseguiti quando il personaggio è ancora in vita, questi ritratti funerari riflettono un forte senso della famiglia, tipico dellespressione popolare romana. Dal I secolo a.C. vengono realizzate anche moltissime statue dellimperatore. Con lespandersi dellimpero ed il rafforzarsi della potenza romana, il ritratto dellimperatore, venerato come un dio, perderà via via le sue caratteristiche umane, fino ad acquistare dimensioni ingigantite, frontalità e totale mancanza di espressione. Lautorità imperiale è raffigurata in immagini monumentali in cui il realismo della rappresentazione è ormai completamente perduto. Nei bassorilievi e altorilievi, in tutti i periodi della civiltà romana, prevalgono i soggetti storici. I soggetti storici vengono rappresentati anche sulle pareti dei sarcofagi, insieme ad episodi della mitologia che si riallacciano al tema della morte. Sempre nei sarcofagi sono anche frequenti le scene che si riferiscono alla vita quotidiana ed allattività lavorativa del defunto.

35 Pittura Discorso a parte va fatto per la pittura. Anzitutto bisogna dire che i dipinti che oggi possiamo ammirare sono sostanzialmente quelli delle pareti delle case domestiche. Nulla è rimasto della pittura su tavola. Questi affreschi venivano dipinti a encausto, ossia a caldo e non a fresco, come invece si farà dal Medioevo in poi, e si rifacevano spesso alla mitologia greca, inserendo i personaggi in contesti naturali e paesaggistici molto ampi ed ariosi. Nella pittura romana i soggetti che sono rappresentati ad affresco, sono generalmente tratti dalla mitologia che ispira immagini decorative e scene di grande vitalità; le figure sono ricche di movimento e rilievo ed i paesaggi e le architetture creano effetti illusori di profondità.

36 Oltre allaffresco anche il mosaico viene utilizzato per la decorazione degli ambienti, sia delle pareti che, più spesso, dei pavimenti. I soggetti sono ancora di carattere mitologico; non mancano però quelli di tipo storico o di tipo naturalistico, ispirati alla fauna ed alla flora. Il mosaico viene realizzato con tecniche diverse, chiamate: - -opus tessellatum: che utilizza tessere bianche e nere per disegni geometrici, incorniciature; - -opus vermiculatum: che utilizza piccolissime tessere disposte in linee secondo landamento delle forme delle immagini raffigurate; -opus sectile: che utilizza strette lamelle di marmo colorato, ritagliate secondo i particolari delle forme delle figure e sistemate a intarsio.

37 La consuetudine di pavimentare le stanze con mosaici si sviluppò in tutto l'impero. Spesso i mosaici colpiscono per la loro ricchezza di toni e di tinte, per la precisione del disegno e per lo spiccato naturalismo.

38 Anche durante i cortei trionfali i cartelloni dipinti raccontavano le gesta dei soldati, nei processi illustravano i reati commessi dallimputato e nelle vie cittadine caratterizzavano le insegne dei negozi. Anche la ritrattistica, influenzata dagli etruschi, è presente, soprattutto in occasione di rituali funerari in uso presso il patriziato, in cui si portava in processione una maschera di cera che raffigurava con notevole fedeltà la fisionomia e il colorito del defunto. Ma l'aspetto più significativo è che la pittura romana è dominata dagli effetti prospettici, cioè non è una pittura piatta e bidimensionale, ma tridimensionale, arricchita dall'illusione della profondità spaziale: nelle pareti delle stanze questo effetto viene ottenuto dipingendo i personaggi non frontalmente ma di scorcio, e badando a rispettare le proporzioni, le diverse dimensioni degli oggetti riprodotti. Nella pittura romana si possono distinguere tre stili: quello dell'illusionismo architettonico (basato sulla presenza di elementi che definiscono lo spazio), quello delle figure plastiche e geometrizzate ( che non è quella della continuità del tempo, come nella Colonna Traiana) e quello compendiarlo ( una rappresentazione schematica della realtà, con sommarie macchie di colore, a forti colpi di pennello). Noi non conosciamo per nome gli artisti romani.

39 Il Colosseo: Il Colosseo: lanfiteatro più famoso di Roma e lopera architettonica romana forse più nota.

40 Esempio di Tempio romano: Tempio di Vesta

41

42 I Romani, furono fin dalle origini un popolo di agricoltori, e come tali usavano le potenze divine della terra, e gli spiriti agresti. La religione romana, ha sempre avuto delle caratteristiche proprie, che rivelano la mentalità storica, giuridica, e politica della società del tempo. A differenza di quelli greci, gli dei romani, non litigavano fra loro, e tanto meno avevano storie d'amore. Quindi i Romani più che alle vicende degli dei erano interessati al rapporto tra la comunità umana e le forze divine. Di fatto l'adulazione degli dei per i romani, era il dovere del buon cittadino, e quindi tanto si dava agli dei, tanto si chiedeva in compenso ("do ut des" cioè "io ti do affinché tu mi dia"): buoni raccolti, assenza di malattie, terreni fertili ecc... La religione romana non si espresse attraverso il mito, si esprimeva piuttosto attraverso pratiche di culto collegate alla vita quotidiana, spesso pubblica, o al ciclo della vita agricola, militare e politica. Nella religione troviamo infatti dei numi tutelari per ogni aspetto, dal dio delle porte "Giano", al dio protettore dei viandanti, fino al protettore della famiglia e molti altri ancora.

43 Quella romana fu comunque una religione aperta, che accanto agli dei ufficiali dello Stato (Giove, Giunone, Minerva... ) ammetteva l'inclusione di nuove divinità (talvolta di origine orientale, come Iside, Dionisio o l'africano Baal) e ciò diede luogo al sincretismo religioso: ossia la fusione tra la religione romana e quella orientale. Altre volte alcuni dei stranieri finivano con il trasfigurarsi con divinità romane, e quindi cambiavano nome. In tal modo lo Stato romano lasciando una certa libertà di culto, si assicurava una salda supremazia sull'Impero.

44 Pratiche religiose Tra le pratiche religiose dei Romani forse la più importante era l'interpretazione dei segni e dei presagi, che indicavano il volere degli dei. Prima di intraprendere qualsiasi azione rilevante era infatti necessario conoscere la volontà delle divinità e assicurarsene la benevolenza con riti adeguati. Le pratiche più seguite riguardavano: -il volo degli uccelli: l'augure tracciava delle linee nell'aria con un bastone ricurvo (lituus), delimitando una porzione di cielo, che scrutava per interpretare l'eventuale passaggio di uccelli. -la lettura delle viscere degli animali: solitamente un fegato di un animale sacrificato veniva osservato dagli aruspici di provenienza etrusca per comprendere il volere del dio. -i prodigi: qualsiasi prodigio o evento straordinario, quali calamità naturali, epidemie, eclissi, etc, era considerato una manifestazione del favore o della collera divina ed era compito dei sacerdoti cercare di interpretare tali segni.

45 Lo spazio sacro Lo spazio sacro per i Romani era il templum, un luogo consacrato, orientato secondo i punti cardinali, secondo il rito dell'inaugurazione, che corrispondeva allo spazio sacro del cielo. Gli edifici di culto romani erano di vari tipi e funzioni. Laltare o ara era la struttura sacra dedicata alle cerimonie religiose, alle offerte ed ai sacrifici.Eretti dapprima presso le fonti e nei boschi, progressivamente gli altari furono collocati all'interno delle città, nei luoghi pubblici, agli incroci delle strade e davanti ai templi. Numerose erano anche le aediculae e i sacella,che riproducevano in piccolo le facciate dei templi. Il principale edificio cultuale era rappresentato dall'aedes, la vera e propria dimora del dio, che sorgeva sul templum, l'area sacra inaugurata. Col tempo i due termini diventarono sinonimi per indicare l'edificio sacro. Il tempio romano risente inizialmente dei modelli etruschi, ma presto vengono introdotti elementi dall'architettura greca ellenistica. La più marcata differenza del tempio romano rispetto a quello greco è la sua sopraelevazione su un alto podio, accessibile da una scalinata spesso frontale. Inoltre si tende a dare maggiore importanza alla facciata, mentre il retro è spesso addossato a un muro di recinzione e privo dunque del colonnato.

46 Evoluzione Lo sviluppo storico della religione romana passò per tre fasi: una prima fase che durò fino al VI secolo a.C., contrassegnata dall'influenza delle religioni autoctone; una seconda contraddistinta dall'assimilazione di idee e pratiche religiose etrusche e greche; una terza, durante la quale si affermò il culto dell'imperatore e si diffusero le religioni misteriche di provenienza orientale. Età arcaica La fase arcaica fu caratterizzata da una tradizione religiosa legata soprattutto all'ambito agreste, tipica dei culti indigeni mediterranei, sul quale si inserì il nucleo di origine indoeuropea. Questa fase primitiva della religione romana è riscontrabile in divinità quali Cerere, Fauno, Giano, Saturno e Silvano. Il periodo delle origini è caratterizzato anche dalla presenza di numina, divinità indeterminate, come i Lari ed i Penati. A queste divinità arcaiche si affiancarono presto quelle di origine italica, come Giove, Marte e Quirino.

47 Età repubblicana La mancanza di un pantheon definito favorì l'assorbimento delle divinità etrusche, come Venere (Turan), e soprattutto greche. A causa della grande tolleranza e capacità di assimilazione, tipiche della religione romana, alcuni dei romani furono assimilati a quelli greci, acquisendone l'aspetto, la personalità ed i tratti distintivi, come nel caso di Giunone assimilata ad Era. Mentre altre divinità furono importate ex novo, come nel caso di Apollo o dei Dioscuri. Il controllo dello stato sulla religione, infatti, non proibiva l'introduzione di culti stranieri, a condizione che questi non costituissero un pericolo sociale e politico. Nel II secolo a.C. furono ad esempio proibiti i Baccanali ed il culto dionisiaco fu represso con la forza.

48 Età imperiale Iniziata nella tarda età repubblicana la crisi della religione romana si intensificò in età imperiale. Le cause del lento degrado della religione pubblica furono molteplici. Già da qualche tempo vari culti misterici di provenienza medio-orientale, quali quelli di Cibele, Iside e Mitra, erano entrati a far parte del ricco patrimonio religioso romano. Col tempo le nuove religioni assunsero sempre più importanza per le loro caratteristiche escatologiche e soteriologiche in risposta alle insorgenti esigenze della religiosità dell'individuo, al quale la vecchia religione non offriva che riti vuoti di significato. La critica alla religione tradizionale veniva anche dalle correnti filosofiche dell'Ellenismo, che fornivano risposte intorno a temi propri della sfera religiosa, come la concezione dell'anima e la la natura degli dei. Un'altra caratteristica tipica del periodo fu quella del culto imperiale. Dalla divinizzazione post-mortem di Gaio Giulio Cesare e di Ottaviano Augusto si arrivò alla assimilazione del culto dell'imperatore con quello del Sole ed alla teocrazia dioclezianea. Nella congerie sincretistica dell'impero durante il III secolo, permeata da dottrine neoplatoniche, gnostiche ed orfiche, fece la sua comparsa il cristianesimo. La nuova religione lentamente andò affermandosi quale religione di stato, decretando la fine del paganesimo romano, sancito dalla chiusura dei templi nel IV secolo.

49 Organizzazione religiosa Secondo la tradizione, fu Numa Pompilio ad istituire i vari sacerdozi ed a stabilire i riti e le cerimonie annuali. Tipica espressione dell'assunzione del fenomeno religioso da parte della comunità è il calendario, risalente alla fine del VI secolo a.C. ed organizzato in maniera da dividere l'anno in giorni fasti e nefasti con l'indicazione delle varie feste e cerimonie sacre.

50 Il calendario romano Il calendario romano primitivo, introdotto probabilmente nel VII secolo a.C., prevedeva che l'anno fosse composto da 304 giorni ripartiti in 10 mesi e che iniziasse con marzo; i mesi gennaio e febbraio furono forse aggiunti più tardi. Inoltre poiché i mesi erano di soli 29 o 30 giorni, era necessario introdurre un mese circa ogni due anni. I giorni del mese erano indicati rispetto a tre date: le calende o primo giorno del mese; le idi, o giorno di mezzo, che cadevano nel tredicesimo giorno di alcuni mesi e nel quindicesimo di altri, e le none, ovvero il nono giorno prima delle idi. Il calendario romano divenne irrimediabilmente confuso quando i funzionari addetti all'aggiunta dei giorni e dei mesi abusarono della propria autorità per allontanare la scadenza dei loro incarichi e per affrettare o ritardare le elezioni. Nel 46 a.C. Giulio Cesare, su consiglio dell'astronomo greco Sosigene, decise di promulgare una riforma e di adottare un calendario solare, noto come calendario giuliano, della durata di 365 giorni; egli introdusse un anno bisestile di 366 giorni, ogni quattro anni. L'anno bisestile deve il suo nome al fatto che il giorno che veniva aggiunto era inserito dopo il 23 febbraio (nella denominazione latina il "sesto" giorno prima delle calende di marzo), divenendo così il "bisesto". L'ordine dei mesi e dei giorni della settimana previsto dal calendario giuliano rimane sostanzialmente valido ancora oggi. Nel 44 a.C. Giulio Cesare diede il proprio nome al mese quintilis che divenne julius (luglio); il mese sextilis fu poi rinominato augustus (agosto) in onore del successore di Giulio Cesare, Augusto.

51 Sodalizi A Roma vi erano tre grandi confraternite religiose, che avevano la gestione di specifiche cerimonie sacre. -Arvali -Arvali ("fratelli dei campi"), in numero di dodici, erano sacerdoti addetti al culto della Dea Dia, una divinità arcaica romana, più tardi identificata con Cerere. Durante il mese di Maggio compivano un'antichissima cerimonia di purificazione dei campi, gli Arvalia. Luperci, -Luperci, presiedevano la festa dei Lupercalia, che si teneva il 15 febbraio, il mese dei morti. -Salii, -Salii, dodici sacerdoti di Marte, addetti alle cerimonie in onore della guerra, che si svolgevano nei mesi di marzo e ottobre.

52 Collegi sacerdotali La gestione dei riti religiosi era affidata ai vari collegi sacerdotali dell'antica Roma, i quali costituivano l'ossatura della complessa organizzazione religiosa romana Al primo posto della gerarchia religiosa troviamo il rex sacrorum, sacerdote al quale erano affidate le funzioni religiose compiute un tempo dai re. Flamini, che si dividevano in 3 maggiori e 12 minori, erano i sacerdoti addetti al culto delle divinità; Pontefici, in numero di 16, con a capo il Pontefice massimo, presiedevano alla sorveglianza e al governo del culto religioso; Auguri, in numero di 16 sotto Gaio Giulio Cesare, addetti all'interpretazione degli auspici ed alla verifica del consenso degli dei; Feziali, in numero di 20, erano i sacerdoti depositari del diritto internazionale nell'antica Roma; Vestali, 6 sacerdotesse consacrate alla dea Vesta Decemviri o Quimdecemviri sacris faciundis, addetti alla divinazione ed alla interpretazione dei Libri Sibillini; Epuloni, addetti ai banchetti sacri.

53 -Feziali, -Feziali, Erano i sacerdoti dediti al compito di dichiarare la guerra, e di concludere i trattati di pace secondo un rituale di tipo magico. -Pontefici, -Pontefici, I sacerdozi più importanti erano i pontefici. in numero di 16, con a capo il Pontefice massimo, presiedevano alla sorveglianza e al governo del culto religioso; La parola deriva da pontifix, cioè pons (ponte) e facere (fare), e sta ad indicare che la costruzione dei ponti era considerata originariamente un atto magico-sacrale (il Tevere era considerato un fiume sacro). Il pontificio di fatto era una magistratura, nella quale si riunivano i vari pontefici, presieduti da un pontefice massimo pontifix maximus. -Auguri, -Auguri, Gli auguri erano coloro che interpretavano il volere divino, venivano interpellati ogni qual volta bisognava convocare i comizi, intraprendere una campagne militare, in caso di un responso negativo queste venivano rinviate. in numero di 16 sotto Gaio Giuli Cesare; Feziali, in numero di 20, erano i sacerdoti depositari del diritto internazionale nell'antica Roma;

54 -Vestali, -Vestali, le vestali erano le protettrici del fuoco sacro, simbolo della presenza dello Stato. erano l'unico sacerdozio femminile, dedite ovviamente anche all'adulazione della dea Vesta. Erano scelte tra le figlie nobili, ed erano vincolate con un voto di castità per trenta anni. -Decemviri o Quimdecemviri sacris faciundis, -Decemviri o Quimdecemviri sacris faciundis, addetti alla divinazione ed alla interpretazione dei Libri Sibillini; -Epuloni, -Epuloni, addetti ai banchetti sacri.

55 Mitologia romana La mitologia romana narra di come la Sibilla Cumana - una delle sibille mitologiche- avesse offerto libri, che erano in numero di nove, a Tarquinio il Superbo, il quale però considerò il prezzo di quest'ultimi troppo esoso. La sibilla allora bruciò tre di questi libri e offrì di nuovo i sei rimasti al re.Tarquinio rifiutò ancora, quindi la sibilla né brucio altri tre.Riformulò quindi la proposta a Tarquinio, che questa volta accettò,però al prezzo iniziale dei nove volumi.I libri sibillini furono quindi affidati alla custodia di due membri Patrizi (duumviri sacris faciundis), che in seguito furono aumentanti fino ad un numero di quindici, comprendendo fra essi anche cinque rappresentanti del popolo.Il loro ruolo consisteva nel consultare gli oracoli su richiesta del Senato (i lectisternia), per evitare di contrariare gli dèi con nuove imprese.

56 I libri venivano conservati in una camera scavata sotto il tempio di Giove Capitolino I libri bruciarono in un incendio nell'83 a.C. e si tentò di ricostruirli cercandone i testi presso altri santuari.Queste nuove raccolte furono ricollocate nel tempio di Apollo sul Palatino grazie all'interessamento dell'imperatore Augusto.Qui rimasero fino al V secolo d.C., dopo di che se ne persero le tracce.Rutilio Namaziano nel suo poema De Reditu suo accusa aspramente il generale Stilicone di averli bruciati nel 408. Sibilla Cumana, Sibilla Cumana, 1622 ca., olio su tela di Domenichino (Domenico Zampieri, Bologna Napoli 1641

57 La galleria dell'Antro della Sibilla a Cuma Apollo, che l'amava, le aveva promesso di esaudire il suo più grande desiderio, ed ella aveva chiesto lunga vita, omettendo di associarla alla giovinezza. E così, via via che il tempo passava, la Sibilla diveniva sempre più piccola e rinsecchita, finché assunse l'aspetto e le dimensioni di una cicala e fu chiusa in una gabbia nel tempio di Apollo a Cuma. Durante il regno di Tarquinio il Superbo era andata a Roma e aveva dato al Re tre raccolte di oracoli, che furono collocati nel tempio di Giove Capitolino: furono oggetto di consultazione fino all'epoca di Augusto, tenuti in gran conto dai Romani che ad essi ricorrevano in ogni circostanza di qualche rilievo, attraverso la mediazione di appositi magistrati incaricati della conservazione e interpretazione dei "libri sibillini". Virgilio affida alla Sibilla Cumana il compito di guidare Enea nella discesa agli Inferi.

58 Gli Dei delletà Arcaica La religione romana arcaica distingueva due tipologie di dei, detti di indigetes e di novensiles; gli indigetes erano gli dei romani autoctoni, trenta dei quali venivano onorati con festività speciali, mentre i novensiles erano divinità assimilate in epoche successive. Le più antiche divinità romane comprendevano, oltre agli indigetes, una serie di divinità specifiche, o numina, designabili genericamente come "divinità custodi" o "ausiliarie", i cui nomi riflettevano le parole indicanti le attività durante le quali venivano invocati; il culto che veniva loro tributato era accomunato a quello rivolto alle divinità maggiori. Essendo queste divinità prive di una identità personale definita, più che una forma di politeismo, la religione latina antica è stata definita come "polidemonismo".

59 Tintoretto: Tintoretto: Origine della Via Lattea Giunone, sposa di Giove e regina degli dei, era considerata la protettrice delle donne e della maternità. In questo dipinto, opera del Tintoretto, Giove affida a Giunone Ercole neonato. Ingres: Ingres: Giove e Teti. Sono molte le caratteristiche che Giove, sovrano del pantheon romano, condivide con il dio che ha il medesimo ruolo nel pantheon greco, Zeus, prima fra tutte quella di ricorrere ai fulmini per imporre la propria autorità. Giove generò molte altre divinità ed eroi venerati nella religione romana quali Apollo, Minerva ed Ercole. In questo dipinto del 1811, l'artista francese Jean-Auguste-Dominique Ingres ritrae la ninfa marina Teti mentre invoca la benevolenza di Giove nei confronti del figlio Achille.Musee Granet, Aix-en-Provence, France/Bridgeman Art Library, London/New York.

60 Domenichino: Domenichino: Caccia di Diana, venerata come dea della caccia presso i romani e identificata con lArtemide del pantheon greco, è il soggetto di questo dipinto del Domenichino (Galleria Borghese, Roma), ritratta con un nutrito gruppo di ninfe in una gaia scena campestre. Gli dei rappresentavano distintamente le necessità pratiche della vita quotidiana, secondo le esigenze della comunità alla quale appartenevano: a loro venivano scrupolosamente offerti sacrifici rituali e le loro immagini venivano esposte intorno a tavole imbandite, in simbolici banchetti detti lectisternia, cui venivano "invitate" di volta in volta le divinità che si volevano maggiormente vicine alla comunità nel frangente specifico. Figura principale del pantheon primitivo era la triade capitolina formata da Giove,Giunone e Minerva.

61 La Triade Capitolina La triade capitolina = ossia Giove, Giunone, Minerva, che erano i tre dei del culto ufficiale dello Stato romano. Le divinità si dividono in maggiori e minori; quelle maggiori sono molte e si dividono fra acquatiche, terrestri, infernali. Giove (Iuppiter, o Iovis pater), è il padre degli dei e degli uomini. E' rappresentato sopra un trono d'avorio, col fulmine nella destra, lo scettro nella sinistra, e l'aquila ai piedi, quale fedele interprete dei suoi voleri. Giunone (Iuno), moglie di Giove, è la maggiore divinità femminiile. Regina degli dei, porta il diadema e lo scettro, presiede alle nozze, alle nascite. E' chiamata anche Iugalis, Lucina, Regina. Il pavone è il suo simbolo, e Iride la sua messaggera. Minerva, è la dea della sapienza e delle arti. E' rappresentata con un'elmo, uno scudo e una lancia. Ha come animale sacro la civetta, e come albero l'ulivo.

62 Altre Divinità Maggiori Cerere (Ceres), è la protettrice della vegetazione, e del frumento. E' rappresentata con il viso adorno di spighe. Vesta, è la dea del focolare domestico. Il suo culto è affidato alle vestali, che hanno il compito di mantenere viva sull'altare la fiamma purificatrice, simbolo della potenza dello Stato. Le è sacro l'asino che gira il mulino. Diana, è la dea della caccia. E' rappresentata vicino ad un cervo, o un capriolo, animali a lei sacri. Si identifica spesso con la Luna o con Proserpina. Mercurio (Mercurius), è il dio del commercio e il protettore dei ladri, è inoltre il mesaggero degli dei. E' rappresentato con dei calzari alati, e un cadduceo con delle serpi intrecciate, che gli serve per condurre i morti nei campi elisi. Marte (Mars), è il dio della guerra, e anche padre di Romolo. Il suo simbolo sacro è l'olivo, emblema della pace vittoriosa. Da lui deriva il nome del Campo Marzio (Capmpus Martium) dove già dagli albori dell'Urbe si praticavano le esercitazioni militari. Venere (Venus), è la dea della bellezza e dell'amore. ha presso di se le Grazie intente ad adornarla, e ha Cupido, il piccolo dio alato. Nettuno (Neptunus), è il dio dei mari e delle aque. E' solitamente raffigurato su una biga trainata da tritono o delfini, ed ha in mano un tridente. Apollo, si può considerare il dio delle quattro discipline: la divinazione, il tiro con l'arco, la poesia e la medicina. E rappresentato con una cetra, e una corona d'alloro sul capo.

63 Alcune Divinità Minori Muse (Musae), sono nove figlie di Giove e di Memosine, la dea della memoria. Euterapia, è la dea della memoria, Eterpe della lirica, Clio della storia, Melpòmene della tragedia, Tersicore della danza, Erato della poesia d'amore, Polinnio della poesia sacra, Urania della scienza deglia stri, Calìope della poesia epica. Bacco (Bacchus), è il dio del vino. Ha di solito presso di se le Baccanti, i Centauri metà uomini metà cavalli, e i Satiri. Di solito è rappresentato con una corona di edera sul capo, una pelle di pecora sulle spalle, e tiene in mano un boccale di vino. Furie (Furiae), sono le così dette figlie della notte, le filatrici della vita. Di esse Cloto, è la filatrice che produce il filo a cui la vita di ogni uomo è legata. Làchesi, la dispensatrice, la quale tiene in mano un libro dove sono tenuti tutti i destini degli uomini. Atropo colei che taglia i fili della vita quando l'ora fatale è arrivata.

64 Giove Bacco Minerva Diana Apollo Nettuno Venere marte Mercurio

65 Declino della religione romana L'influenza della mitografia ellenistica sulla letteratura latina e la diffusione della filosofia greca tra i romani di buona cultura condussero al declino progressivo degli antichi riti civili, a partire dal I secolo a.C. Una riforma del sistema religioso venne condotta dall'imperatore Augusto, egli stesso pontifex maximus e membro di tutti gli ordini sacerdotali, il quale promosse un recupero dell'antica religione a salvaguardia della stabilità sociale; durante questo periodo acquistò importanza il mito, cantato nell'Eneide di Virgilio, che faceva risalire le origini di Roma all'eroe Enea, superstite della guerra di Troia. Con l'impero si accentuò ulteriormente la tendenza a identificare il divino con lo stato, personificato nella figura dell'imperatore: come già Giulio Cesare, ancor prima della fondazione dell'impero, furono divinizzati Augusto, Claudio, Vespasiano e Tito; dopo Nerva, soltanto a pochi imperatori non fu concesso questo omaggio. Durante l'impero acquisirono popolarità e diffusione culti stranieri, come l'adorazione del dio persiano Mitra; infine, nonostante le persecuzioni che si estesero dal regno di Nerone a quello di Diocleziano, il cristianesimo riuscì ad affermarsi e venne persino incoraggiato ufficialmente sotto Costantino il Grande ( ). Tutti i culti pagani vennero infine proibiti nel 392 con il cosiddetto editto di Costantinopoli, promulgato dall'imperatore Teodosio I.

66

67 La condizione femminile Nella Roma arcaica, il pater familias aveva dei privilegi relativi al fatto ch'era titolare dei propri beni, a differenza della donna, che, come i figli, non poteva possedere qualcosa di proprio. Nei primi secoli della sua storia il diritto romano rifletteva le regole di una società in cui capo indiscusso era l'uomo, con un potere di vita e di morte, padrone della casa e della familia, comprensiva anche dell'intera servitù. Soltanto l'uomo godeva dei diritti politici (votare, eleggere e farsi eleggere, percorrere la carriera politica). La donna ne era del tutto esclusa; anche per esercitare i diritti civili (sposarsi, ereditare, fare testamento) aveva bisogno del consenso di un tutore, di un uomo che esercitasse su di lei la tutela: questi era il padre, poi il marito e, all'eventuale morte del marito, il parente maschio più prossimo. Da una legge che figura nelle XII Tavole si può ricavare la posizione giuridica della donna nell'antica Roma: "(E' stabilito che), sebbene siano di età adulta, le donne devono essere sotto tutela. " (che però erano sotto la tutela del pontefice massimo). La donna romana era costantemente sotto tutela, cioè in manu: dalla manus protettiva e imperativa del padre passava, anche senza il suo consenso, a quella del marito.

68 Tuttavia, è documentata la presenza di un matrimonio senza manus, cioè senza potere del marito, in epoca precedente alle Dodici Tavole. E' con la legislazione attribuita a Romolo che si sancisce definitivamente una situazione iniqua nel rapporto tra i sessi (la stessa leggenda sul ratto delle Sabine fa capire in quale considerazione tenessero i romani le donne). Le limitazioni alla capacità giuridica della donna romana vengono spiegate dai giuristi latini con pretese qualità negative come l'ignorantia iuris (ignoranza della legge), imbecillitas mentis (inferiorità naturale), infirmitas sexus (debolezza sessuale), levitatem animi (leggerezza d'animo) ecc. La rivendicazione di questa radicale diversità tra uomo e donna rifletteva una netta contrapposizione già esistente tra uomo e uomo, tipica delle società antagonistiche. Al pari degli impotenti o degli eunuchi, la donna romana, nel periodo arcaico, non poteva adottare; non poteva neppure rappresentare interessi altrui, né in giudizio, né in contrattazioni private; non poteva fare testamento o testimoniare, né garantire per debiti di terzi, né fare operazioni finanziarie; non poteva neppure essere tutrice dei suoi figli minori.

69 Le veniva preclusa la facoltà d'intervenire nella sfera giuridica di terzi semplicemente perché (e con questo in pratica si chiudeva il cerchio della discriminazione) non aveva mai ufficialmente gestito alcun tipo di potere su altri. Sotto questo aspetto la società maschilista romana non faceva molta differenza tra donne ignobili e donne rispettabili, come p.es. le matrone. Le differenze erano di carattere etico-sociale, non certo politico. Tra le prime, spesso indicate come non romane, sono coloro che provengono dal mondo del teatro, del circo, della prostituzione. Queste donne appartengono ad uno status sociale inferiore, riconoscibile ad esempio nel fatto che era loro consentito di non coprirsi il capo o nel divieto di portare la stola, quel manto che è considerato proprio della rispettabile matrona. Queste donne di rango inferiore, come pure quella ufficialmente dichiarate adultere, vengono private a scopo punitivo del diritto di contrarre un legittimo matrimonio e della facoltà di trasmettere pieni diritti civili. A differenza delle donne egiziane le romane non avevano diritto al nome proprio. Nel caso avesse un nome proprio, questo non doveva essere conosciuto se non dai più stretti familiari e non doveva mai essere pronunciato in pubblico.

70 (1) Alla nascita infatti venivano assegnati tre nomi al maschio: il praenomen (p.es. Marco; in tutto erano circa una ventina), il nomen (p.es. Tullio) e il cognomen (p.es. Cicerone); e uno solo alla femmina, quello della gens a cui apparteneva, usato al femminile. La donna veniva considerata non come individuo, ma come parte di un nucleo familiare. Cicerone, p.es., chiamerà la figlia col nome di Tullia. Se le figlie erano più di una, accanto al nome della gens portavano il nome generico di Prima, Secunda, ecc. Ma questo era la plebe a farlo, i patrizi preferivano attingere alle antenate illustri. Per distinguere due sorelle oppure madre e figlia si usavano l'aggettivo senior o junior. I liberti, maschi o femmine, assumevano il nome del patrono. A volte, ma solo per i maschi, si aggiungeva un soprannome per meriti civili o militari: p.es. l'Uticense, il Censore, l'Africano... D'altra parte avere un nome proprio contava relativamente: nella Roma repubblicana venivano censite solo le donne che, in quanto ereditiere, avevano l'obbligo di contribuire a mantenere l'esercito. Si noti che a differenza di quella romana, la donna etrusca poteva essere identificata anche col nome della madre, poteva partecipare ai banchetti sdraiandosi sui letti con gli uomini (mentre a Roma le donne dovevano stare sedute), si occupava di affari pubblici, discutendo di politica (anche se non poteva votare né essere eletta), usciva di casa quando voleva, talvolta era libera di scegliersi lo sposo e in genere aveva una libertà che scandalizzava molto gli scrittori greci e romani, che descrissero gli etruschi come un popolo privo di moralità.

71 L istruzione Le bambine romane imparavano a leggere, scrivere e far di conto se i genitori potevano permettersi di pagare un maestro privato. Quando arrivavano a dodici anni ed erano già in età da marito, potevano continuare con lo studio, sempre a pagamento, delle lettere, della danza e della musica. L'istruzione dei ricchi è sempre stata privata: i primi precettori delle grandi famiglie provengono dall'Italia stessa, e parlano latino, greco, osco. Mentre le legioni romane portano il latino ovunque, nell'Urbe diventa di moda il greco. Si considerava chic per le ragazze conversare in greco. E gli intellettuali greci, la cui superiore cultura era apprezzata a Roma, emigravano volentieri in questa città. Ma sono anche gli schiavi e le schiave greche che insegnano la loro lingua ai bambini delle famigliepatrizie. Col tempo però i romani cercano di favorire anche la scuola pubblica, pagandola di tasca propria, in quanto lo Stato, restio a interferire nel potere del "pater familias", comincerà a provvedere solo a tardo impero. Da Cesare a Costantino verranno accordati regolarmente compensi e privilegi agli educatori pubblici, poiché si riteneva fosse un dovere sociale imparare a leggere e scrivere, senza differenze di sesso.

72 Spesso alle lezioni della scuola pubblica assistono nutrici e custodi degli stessi studenti, ma è possibile anche per genitori, parenti, amici: la scuola è aperta a tutti. L'istruzione pubblica è suddivisa in primaria (fatta col maestro elementare), secondaria (fatta col grammatico) e superiore (fatta col retore). Alla secondaria accedono in maggior numero ragazzi e ragazze delle famiglie più agiate. Si studiano lingua e letteratura latina e greca, fisica, astronomia, mitologia e storia. Alla scuola del retore vanno solo i figli destinati all'attività forense o politica, quindi solo i maschi, anche se si conoscono casi di donne istruite che si difendono da sole in tribunale o tengono discorsi pubblici. Gli studenti maschi a scuola apprendono soprattutto la retorica, cioè l'arte di persuadere e di commuovere, così come è stata elaborata in Grecia. Gli aristocratici furono sempre contrari all'apprendimento pubblico di quest'arte, perché la vedevano come una minaccia ai loro interessi. Poi vi sono scuole specializzate, professionali, come quelle per l'edilizia e l'agrimensura, ma anche quelle, prevalentemente femminili, ove s'impara il canto, la musica e la danza.

73 Il lavoro delle donne romane Le donne svolgono prevalentemente lavori domestici. Alla donna era affidata la prima educazione del bambino, il primissimo insegnamento orale. Era la donna che formava i figli sul piano morale e comportamentale, affiancata, in questo, dai comites, cioè dai parenti, nonni e nonne, zie e zii. Scopo della sua vita era quello di diventare un'esperta amministratrice della casa, circondata, se possibile, da ancillae e famulae che ne eseguivano gli ordini. Infatti la stessa etimologia della parola "donna" ci avvicina ad una domus (casa) oppure ad una domina (padrona). In casa essa ha diritti non scritti ma reali sulla famiglia, sui figli, sulle dispense. Era lei che aveva tutte le chiavi e controllava ogni cosa: solo l'accesso alla cantina le era vietato. Il vino resterà proibito alle donne sino alla fine del periodo repubblicano.

74 Il matrimonio delle donne romane A differenza che nell'antico Egitto, nella Roma arcaica una figlia, ancora giovanissima, poteva essere promessa in sposa o fidanzata a un giovane anche contro la propria volontà e questo rito era giuridicamente valido; consisteva in un vero e proprio impegno, perseguibile in caso di inadempimento, che vincolava la donna ad una sorta di fedeltà pre-matrimoniale nei confronti del futuro sposo. Il matrimonio si perfezionava con il trasferimento della donna dalla famiglia paterna a quella del marito. Il fidanzato consegnava alla ragazza un pegno per garantire l'adempimento della sua promessa di matrimonio, un anello che lei si metteva all'anulare della mano sinistra. Sembra che tra il dono e quel dito esista una certa relazione. Pensavano che anatomicamente questo era l'unico dito a presentare un sottilissimo nervo che lo collega direttamente con il cuore. I matrimoni venivano decisi dai parenti dei due giovani e i motivi erano sempre di natura economica. Questo soprattutto in età repubblicana. Una donna romana può essere ceduta dal padre al marito già a 12 anni. La donna dipendeva totalmente dal padre e dal marito e poiché si mirava all'indissolubilità del vincolo matrimoniale, l'assenza di un vero amore reciproco non rendeva l'istituto del matrimonio meno stabile.

75 D'altra parte i romani si sposavano soprattutto per garantirsi una discendenza. le donne dovevano servire ed amare il marito, i figli e accudire la casa. Non c'è dovere di reciprocità nell'amore, non c'è obbligo alla reciproca fedeltà coniugale. In famiglia la moglie sta vicino al marito in ogni occasione, pur essendone subordinata Nel 18 a.C., per far fronte al crollo delle nascite e ai divorzi facili, Ottaviano prevedeva una serie di misure allo scopo di aumentare il tasso demografico: si stabilivano premi per i cittadini con famiglie numerose e pene pecuniarie per i celibi e i coniugi senza figli.

76 Il divorzio Romolo praticamente non permetteva mai alle donne di divorziare, mentre lo permetteva ai mariti in alcuni casi: tentato avvelenamento, uso di chiavi false, adulterio. Fin dall'epoca repubblicana la fanciulla poteva uscire a capo scoperto, ma gli uomini potevano divorziare da una donna sposata che non copriva il capo con un velo o con un lembo del mantello. Di regola un marito che sorprendeva la donna a bere, la cacciava di casa tenendosi la dote ricevuta all'atto del matrimonio. Il ripudio, che sotto il tardo impero cristiano verrà ammesso solo nei casi di adulterio, omicidio, maleficio e avvelenamento del coniuge, in tutta l'epoca classica era invece possibile in ogni momento. Bastava recapitare al coniuge un biglietto con su scritto "riprenditi quello che è tuo". Se il divorzio era la possibilità di sciogliere il matrimonio per potersi risposare, il ripudio invece poteva avvenire per ragioni molto meno gravi. Lo Stato cercò di porre un freno minacciando la perdita dei beni.

77 La procreazione ed assistenza Nella civiltà romana, abbastanza facilmente gli uomini potevano liberarsi dei figli indesiderati. Era sufficiente non riconoscerli e abbandonarli. Cera una legge secondo cui il padre deve riconoscere "almeno" la figlia primogenita. Ciò ad evitare l'eccessivo abbandono di neonate di sesso femminile. Quest'uso, praticato da ricchi e poveri, durerà più di mille anni. La sterilità era comunque considerata una grave disgrazia. Ma il parto rappresentava un rischio mortale per tutte le classi sociali. Muore di parto o per le sue conseguenze il 5-10% delle partorienti. Si sa che l'ampiezza del bacino di donne, spesso giunte ancora impuberi alle nozze, influisce sull'esito del parto. Nelle famiglie agiate, la nutrice o la madre fasciano spalle e petto alle spose-bambine e lasciano libere le anche per ottenere un bacino più ampio. La donna romana, specialmente quella di classe sociale più elevata, comincia a rifiutare la prole a fine repubblica. addirittura di proibire il celibato. E Augusto, alla fine del primo secolo, constatata una forte contrazione nelle nascite, incentiva nozze e natalità e promette alle donne maritate la liberazione da ogni tipo di tutela alla morte del padre, purché siano portate a termine almeno tre gravidanze.

78 Al contrario la donna che tra i 18 ed i 50 anni risultasse ancora nubile non potrà ricevere eredità. Bisogna dunque tentare almeno tre gravidanze, altrimenti, in forza delle leggi augustee, ogni lascito ereditario finisce in mano ai parenti paterni o allo Stato e si resta per tutta la vita sotto l'amministrazione di un tutore. Limitare le nascite, specie nelle classi più elevate, diventa il principale obiettivo della ricca matrona, che è riuscita a portare a termine le tre gravidanze. La matrona può fare anche uso di pozioni contraccettive ed abortive, che impiegano ingredienti rischiosi come la ruta, l'ellèboro, l'artemisia (in epoca repubblicana s'ingerivano sostanze, anch'esse nocive alla salute, nella speranza di ottenere più facilmente la gravidanza). I medici si rifiutano di assistere aborti, che possono nascondere un adulterio, di cui essi diverrebbero complici, subendo le stesse pene previste per gli amanti. Può accadere che la donna muoia per effetto della pratica abortiva. In ogni caso l'aborto non è punito in sé, ma solo se procura la morte della donna.

79 Ladulterio ed il concubinato nellAntica Roma Nella Roma arcaica l'adulterio era considerato reato solo se veniva commesso dalla donna, e veniva punito in modo più severo della vicina Grecia. Era addirittura prevista la pena di morte se il pater familias lo riteneva necessario. Le donne ufficialmente dichiarate adultere, come le donne di rango inferiore vengono private a scopo punitivo del diritto di contrarre un legittimo matrimonio e della facoltà di trasmettere pieni diritti civili. Si pretendeva che le ragazze arrivassero vergini al matrimonio. Una cosiddetta donna di "facili costumi", se non ha solo occasionali rapporti con il marito della matrona (un romano libero non è mai colpevole di adulterio), può ufficialmente convivere in famiglia come concubina. Il concubinato, importato con molte modifiche da Atene, diviene un istituto tipicamente romano.

80 Emancipazione delle donne romane La sicurezza, la stabilità e l'ordine interno della società civile, che si verificano dopo la fine delle guerre puniche e civili, rendono il ruolo protettivo del marito romano largamente superfluo. Nel più sicuro ed opulento ambiente sociale, già ben visibile nell'età ciceroniana ( a.C.), di protettivo è rimasto solo il materno ed insostituibile ruolo femminile. Il ruolo della materfamilias tende inevitabilmente a rafforzarsi e la donna comincia a partecipare alla vita sociale e intellettuale. In epoca imperiale, attraverso l'istituto della coemptio fiduciae causa, le donne potevano sostituire il tutor legittimo con uno di loro fiducia: questi era un semplice prestanome e permetteva loro di disporre dei propri beni e di se stesse come meglio credevano. Altra conquista giuridicamente rilevante, già presente in epoca repubblicana, fu il riconoscimento della parentela anche in linea femminile. Se in un primo tempo il rapporto fra madre e figlio non aveva alcuna rilevanza giuridica, in seguito a questo intervento fu concesso ad alcune donne di avere persino la tutela dei propri figli, nel caso di padre indegno. Ora, se è benestante, per governare la domus le basta dare poche direttive alla servitù.

81 Quanto ai figli la matrona ricca ne affida l'educazione al pedagogo di casa; la povera invece li manda alla scuola pubblica, dove vengono formati da magistri sottopagati. A volte sole, a volte con il marito o con un'amica vanno alle terme, dove prendono il bagno in piena promiscuità con gli uomini, finché nel II sec. d.C. l'imperatore Adriano interviene a frenare comportamenti eccessivamente disinvolti e separa ambienti ed orari di donne e uomini. Nelle immagini pervenute e nelle fonti letterarie non si vede mai una donna tra quelli che a prima mattina devono correre a porgere l'obsequium, il deferente saluto ai potenti, né tra la povera gente che, tessera annonaria alla mano, si presenta nei luoghi di distribuzione gratuita di generi alimentari. Sono cose che fanno gli uomini, i quali fanno anche la spesa. Si vedono invece donne alla fullonica (tintoria), che si fanno restituire la biancheria, dal calzolaio, dal sarto.

82 Quanto all'impegno politico bisogna considerare che l'unico imperatore che permise a una donna, sua madre, di entrare in senato per svolgere mansioni tradizionalmente riservate agli uomini, fu Eliogabalo. Questo ovviamente non significa che importanti donne romane non parteciparono, seppure indirettamente, alla politica. L'emancipazione sociale, morale e politica d'altra parte è direttamente collegata a quella economica: solo tardivamente la legislazione autorizza la donna romana a trattenere per sé tutta la sua proprietà (a eccezione della dote che passa al coniuge), a essere padrona dei beni ereditati e a conservarli in caso di divorzio. Tutto ciò però non le permetterà mai di acquisire dei veri diritti politici. Nell'epoca di massima conquista delle libertà femminili a Roma era forte l'influsso delle religioni egiziane, e venivano largamente praticati riti sacri ad Iside e ad altre divinità importate dall'antico Egitto. Nella religione egiziana, infatti, la figura della donna appare sempre e costantemente collegata a quella di grande madre di tutti gli esseri viventi e di grande sposa. Alla natura femminile si riconosceva l'origine della vita, la sua tutela ed il suo armonioso sviluppo. Molti storici, di allora e di oggi, fanno coincidere il decadere dell'istituto familiare, la crisi dei valori sociali e familiari con l'emancipazione femminile e con l'istituto del divorzio, senza rendersi conto che con questa emancipazione le donne chiedevano semplicemente di poter avere gli stessi diritti degli uomini.

83

84 La Legge a Roma Nei primi secoli dalla nascita di Roma fondamento del diritto (ius) fu considerata la tradizione. Da principio non vi erano leggi scritte, ma soltanto una coscienza collettiva e ogni ramo della vita quotidiana era regolato da una prassi universalmente accettata, secondo le usanze degli antenati (mos maiorum). Il primo documento di legge scritta in Roma furono le Dodici tavole (V secolo a.C.). Successivamente le leggi venivano proposte dal magistrato e votate dai comizi. Il più antico ius civile fu chiamato ius quiritium, cioè dei cittadini romani. Lo ius honorarium (o praetorium) comprendeva le leggi introdotte dai magistrati (in particolare pretori) per interpretare, correggere o ampliare lo ius civile, costituito anche dalla legislazione promulgata dai comizi (leges), dai concilia plebis (plebiscita), dal senato (senatus consulta) e, in età imperiale, dalle constitutiones. Una divisione generale esisteva tra publicum e privatum. Il primo riguardava la costituzione dello stato e le regole d'interesse comune; il secondo concerneva i diritti dei singoli. Lo ius gentium concerneva sia le norme legali per le relazioni tra stati indipendenti (corrispondendo all'odierno diritto internazionale), sia il complesso di regole giuridiche che, attraverso il contatto con gli altri popoli, arricchirono il diritto romano.

85 . Lo ius italicum si esercitava sul territorio italiano, esente da tassazione fondiaria (tribum soli); questo privilegio durante l'impero poteva essere accordato ad alcune municipalità provinciali. Tuttavia alla legge si ricorreva solo eccezionalmente ed essa era considerata un mezzo per intervenire sulle tradizioni e cambiarle quando queste si rivelavano, agli occhi delle autorità e dei giuristi, inique, dannose o inadeguate alle nuove esigenze della collettività. Essa non aveva per lo più un rigido carattere normativo, ma si poneva come un'alternativa alla tradizione, lasciando la facoltà ai cittadini, a seconda dei casi, se attenersi al vecchio canone oppure ai nuovi istituti. Roma era la città del diritto.Nessuna civiltà era riuscita a sviluppare tante leggi e procedimenti legali così articolati. I romani erano molto litigiosi. 180 erano i giudici che lavoravano nella BASILICA GIULIA.I processi si svolgevano così: al centro cera il giudice capo il DECENVIRO affiancato ad ogni lato da 22 giudici e davanti a loro sedevano i due contendenti con i rispettivi avvocati e infondo alla sala cera la folla perchè alla gente piaceva assistere ai processi tanto quanto assisteva al combattimento dei gladiatori.

86 Le 12 Tavole Il termine italiano legge deriva da legem, accusativo del latino lex. Lex significava originariamente norma, regola di pertinenza religiosa. Queste regole furono a lungo tramandate a memoria, ma la tradizione orale - che implicava il rischio di travisamenti - fu poi sostituita da quella scritta. Sono così giunte fino a noi testimonianze preziose come le Tavole Eugubine, una raccolta di disposizioni che riguardavano sacrifici ed altre pratiche di culto dellantico popolo italico di Iguvium, lattuale Gubbio. A Roma, in età repubblicana, vennero promulgate ed esposte pubblicamente le Leggi delle Dodici Tavole, che si riferivano non più solamente a questioni religiose: il termine lex assunse così il valore di norma giuridica che regola la vita e i comportamenti sociali di un popolo. Sul finire delletà antica limperatore Giustiniano fece raccogliere tutta la tradizione legislativa e giuridica romana nel monumentale Corpus Iuris, la raccolta del diritto, che ha costituito la base della civiltà giuridica occidentale.

87 Le leggi delle XII tavole (duodecim tabularum leges) è un corpo di leggi compilato nel a.C. dai decemviri legibus scribundis, contenenti regole di diritto privato e pubblico. Rappresentano una tra le prime codificazioni scritte del diritto romano. Sotto l'aspetto della storia del diritto romano, le Tavole costituiscono l'unica redazione scritta di leggi dell'età repubblicana. Secondo la versione tradizionale, tramandata dagli storici antichi, la creazione di un codice di leggi scritte sarebbe stata voluta dai plebei nel quadro delle lotte tra patrizi e plebei che si ebbero all'inizio dell'epoca repubblicana. In particolare, i plebei chiedevano un'attenuazione delle leggi contro i debitori insolventi e leggi scritte che limitassero l'arbitrio dei patrizi nell'amministrazione della giustizia. In quell' epoca, infatti, l'interpretazione del diritto era affidata al collegio sacerdotale dei pontefici, che era di esclusiva composizione patrizia.plebei Le Dodici Tavole (non sappiamo se di legno di quercia, d'avorio o di bronzo) vennero affisse nel foro, dove rimasero fino al sacco ed all'incendio di Roma del 390. Cicerone narra che ancora ai suoi tempi (I sec. a.C.) il testo delle Tavole veniva imparato a memoria dai bambini come una sorta di poema d'obbligo (ut carmen necessarium), e Livio le definisce come fonte di tutto il diritto pubblico e privato [fons omnis publici privatique iuris]. Il linguaggio delle tavole è ancora un linguaggio arcaico ed ellittico.

88 TABVLA I (Procedura civile) I Si membrum rupsit, ni cum eo pacit, talio esto. Se un tale romperà un membro a qualcuno, se non interviene un accordo, si applichi la legge del taglione. II Si pater filum tre venumduit, filus a patre liber esto Se un padre ha venduto un figlio per tre volte, il figlio sia libero dall'autorità paterna. III Hominem mortuum in urbe ne sepelito neve urito Non si seppellisca nè si cremi nessun cadavere in città. IX Si in ius vocat, ito. Ni it, antestamino. Igitur em capito. Se qualcuno è chiamato in giudizio, vada. Se non va, deve essere chiamato un testimone. Quindi lo si acchiappi.

89 Si calvitur pedemve struit, manum endo iacito. Si morbus ævitasve vitium escit, iumentum dato. Si nolet, arceram ne sternito. Se si sottrae o tenta di fuggire, si imponga la mano. Se la malattia o l'età avanzata sono un impedimento, sia dato un carro. Se non lo vuole, questo non deve essere coperto. X Adsiduo vindex adsiduus esto. Proletario iam civi quis volet vindex esto. solo un proprietario terriero può essere garante per un altro. Per un proletario,sia garante chiunque vorrà. Rem ubi pacunt, orato. Ni pacunt, in comitio aut in foro ante meridiem caussam coiciunto. Com peroranto ambo præsentes. Post meridiem præsenti litem addicito. Si ambo præsentes, solis occasus suprema tempestas esto. Quando i partiti hanno preso un accordo, che si annunci. Se non sono d'accordo, devono renderlo noto al foro entro mezzogiorno. Dovranno esporre le loro ragioni insieme e di persona. Dopo mezzogiorno, la lite sia assegnata a colui che è presente. Se entrambi sono presenti, il caso deve finire entro il tramonto.

90 TABVLA II (Procedura civile)... morbus sonticus... aut status dies cum hoste... quid horum fuit unum iudici arbitrove reove, eo dies diffensus esto. Grave malattia... o un giorno stabilito contro il nemico... se qualcuno di questi è un impedimento per il giudice o qualsiasi partito, quel giorno i procedimenti devono essere sospesi. Cui testimonium defuerit, is tertiis diebus ob portum obvagulatum ito. Uno che cerca testimonianza da un assente deve urlare davanti alla sua porta ogni terzo giorno

91 TABVLA III (Procedure esecutive) Æris confessi rebusque iure iudicatis XXX dies iusti sunto. A una persona che ammette di dovere denaro o è stata giudicata di doverne devono essere dati trenta giorni per pagare. Post deinde manus iniectio esto. In ius ducito. Ni iudicatum facit aut quis endo eo in iure vindicit, secum ducito, vincito aut nervo aut compedibus XV pondo, ne maiore aut si volet minore vincito. Si volet suo vivito, ni suo vivit, qui eum vinctum habebit, libras faris endo dies dato. Si volet, plus dato. Dopo ciò, il creditore può mettergli le mani addosso e trascinarlo in giudizio. Se il debitore non paga la condanna e nessuno garantisce per lui, il creditore può portare via con sé il convenuto in catene. Lo può legare con pesi di almeno 15 libbre. Il debitore può sfamarsi come desidera. Se egli non riesce a sfamarsi da solo, il creditore deve dargli una libbra di grano al giorno. Se vuole può dargliene di più. Tertiis nundinis partis secanto. Si plus minusve secuerunt, se fraude esto. Al terzo giorno di mercato, (i creditori) possono tagliare i pezzi. Se prendono più di quanto gli spetti, non sarà un illecito. Adversus hostem æterna auctoritas esto. Nei confronti dello straniero, è perpetuo l'obbligo di garantire la proprietà della merce. Questo è il modo di procedere della LEGIS ACTIO PER MANUS INIECTIONEM.

92 TABVLA IV (Genitori e figli) Cito necatus insignis ad deformitatem puer esto. Un bambino chiaramente deformato deve essere messo a morte. Si pater filium ter venum duit, filius a patre liber esto. Se un padre vende il figlio tre volte, il figlio sia libero dal padre. TABVLA V (Eredità) Si intestato moritur, cui suus heres nec escit, adgnatus proximus familiam habeto. Si adgnatus nec escit, gentiles familiam habento. Se una persona muore senza aver fatto testamento, il parente maschio prossimo erediterà il patrimonio. Se questo non c'è erediteranno gli uomini della sua gens. Si furiosus escit, adgnatum gentiliumque in eo pecuniaque eius potestas esto. Se qualcuno impazzisce, il suo parente più prossimo maschio avrà autorità sulla sua proprietà.

93 TABVLA VI (Proprietà) Cum nexum faciet mancipiumque, uti lingua nuncupassit, ita ius esto. Quando qualcuno fa un accordo o un trasferimento lo annuncia oralmente, gli sarà data ragione. Tignum iunctum ædibus vineave sei concapit ne solvito. Nessuno deve spostare travi da edifici o vigne. TABVLA VII (Proprietà) Viam muniunto: ni sam delapidassint, qua volet iumento agito. Costruite strade: se cadono in rovina, i passanti possono guidare le loro bestie ovunque vogliono. Si aqua pluvia nocet... iubetur ex arbitrio coerceri. Se la pioggia fa danni... la questione sarà risolta da un giudice.

94 TABVLA VIII (Illeciti) Qui malum carmen incantassit... Coloro che hanno cantato un maleficio... Si membrum rupsit, ni cum eo pacit, talio esto. Se una persona mutila un'altra e non addiviene ad un accordo con essa, vi sia il taglione. Manu fustive si os fregit libero, CCC, si servo, CL poenam subit sestertiorum; si iniuriam [alteri] faxsit, viginti quinque poenae sunto. Chiunque rompa l'osso di un altro, a mano o con un bastone, deve pagare trecento se è un libero; per uno schiavo, centocinquanta; se abbia commesso altrimenti offesa la pena sia di venticinque. Qui fruges excantassit... neve alienam segetem pellexeris Chi fa sparire il raccolto o il grano di un altro... Patronus si clienti fraudem fecerit, sacer esto. Se un patrono froda il cliente, incorra nella sacertà. Qui se sierit testarier libripensve fuerit, ni testimonium fatiatur, inprobus intestabilisque esto. Chi sia stato chiamato a testimoniare o a fare il libripens, se non testimonia, sia disonorato e reso incapace di ulteriore testimonianza. Si telum manu fugit magis quam iecit, arietem subicito. Se una lancia vola dalla mano senza scopo, si sacrifichi un ariete.

95 TABVLA IX (Principi costituzionali) Privilegia ne irroganto. Non devono essere proposte leggi private (privilegi). TABVLA X (Regole per i funerali) Hominem mortuum in urbe ne sepelito neve urito. Nessun morto può essere cremato né sepolto in città. Qui coronam parit ipse pecuniave eius honoris virtutisve ergo arduitur ei... Quando un uomo vince una corona, o il suo schiavo o bestiame vince una corona per lui,... Neve aurum addito. at cui auro dentes iuncti escunt. Ast in cum illo sepeliet uretve, se fraude esto. Nessuno deve aggiungere oro (a una pira funebre). Ma se i suoi denti sono tenuti insime dall'oro e sono seppelliti o bruciati con lui, l'azione sia impunita. TABVLA XI (Matrimonio) Conubia plebi cum patribus sanxerunt. è vietato il matrimonio fra plebei e patrizi

96 TABVLA XII (Crimini) Si servo furtum faxit noxiamve noxit. Se uno schiavo ha commesso furto o un male... Si vindiciam falsam tulit, si velit is... (?prae?)tor arbitros tris dato, eorum arbitrio...(?rei et?) fructus duplione damnum decidito. Se qualcuno abbia portato in giudizio una falsa vindicia (il pretore?) dia tre arbitri, e paghi il doppio (del bene) e dei frutti.

97

98 LOrdinamento Politico -Tre erano le principali istituzioni di governo nell'antica Roma: il re, il senato e comizi curiati. La carica di re non era ereditaria; il sovrano aveva anche il potere religioso (era sommo sacerdote) militare (era comandante dell'esercito) e giudiziario (era giudice supremo del popolo). -Se il re pronunciava delle condanne a morte, però, il cittadino poteva fare appello all'assemblea de popolo (provocatio ad populum) e rimettersi al suo giudizio. Le funzioni di governo, compresi i poteri legislativo e giudiziario, erano svolte con l'assistenza di due assemblee: il senato e i comizi curiati. Il senato era composto da membri dell'aristocrazia scelti dal re e consultati per decisioni sia di politica estera che di politica interna; il senato doveva anche approvare o respingere le proposte di legge del sovrano e le deliberazioni dei comizi curiati. -Alla morte del re dieci senatori sceglievano un nuovo candidato e lo proponevano ai comizi curiati. Questi ultimi erano formati da cittadini facenti parte delle 30 curie (ripartizioni della popolazione); ogni curia era formata da 10 genti (o gentes, gruppi gentilizi) doveva fornire all'esercito 100 fanti (una centuria) e 10 cavalieri oltre a un senatore per ogni gens (i senatori erano così 300, secondo la riforma di Servio Tullio). Le curie potevano riunirsi in assemblea, dichiarare la guerra, nominare il re, approvarne le proposte di legge e ratificare le condanne a morte. La sede delle riunioni era il Foro.

99 Le Classi Sociali -Due erano le grandi classi sociali: i patrizi, aristocratici proprietari terrieri, e i plebei, contadini, commercianti e artigiani, utilizzati anche dall'esercito. I patrizi avevano l'accesso alle cariche pubbliche, mentre i plebei ne erano esclusi. -Con il miglioramento delle condizioni economiche, anche alcuni plebei divennero benestanti e iniziarono una serie di lotte per ottenere la parità di diritti. Al servizio dei patrizi vi erano i clienti che ricevevano dai loro padroni terreni da lavorare, bestiame e protezione in cambio del servizio militare e di un aiuto nella vita pubblica. -Gli schiavi, prigionieri di guerra o plebei insolventi ai debiti, erano completamente nelle mani dei loro padroni, che potevano decidere della loro vita o anche donare loro la libertà; gli schiavi liberati erano detti liberti.

100 La Repubblica Romana -Cacciato l'ultimo re, Tarquinio il Superbo, la monarchia venne sostituita da un governo repubblicano a carattere aristocratico. In quel periodo, per alcuni anni, Roma dovette combattere contro Porsenna e contro le popolazioni latine preoccupate della sua ascesa. -All'interno, il nuovo ordinamento provocò dei contrasti tra le due principali classi sociali, i patrizi e i plebei. Infatti, nonostante i vari poteri, legislativo, esecutivo, giudiziario e militare, fossero affidati a magistrature diverse, erano comunque nelle mani di pochi cittadini patrizi, mentre tutti i plebei ne erano esclusi. Le lotte tra patrizi e plebei si susseguirono per parecchi anni, fino a quando i plebei ottennero alcune concessioni: I'accesso al consolato, il tribunato, I'emanazione di leggi scritte, la cancellazione del divieto di matrimoni misti. -Nel frattempo, I'esercito romano, dopo aver combattuto l'invasione dei Galli a nord, si preparò a nuove conquiste nellItalia meridionale, sconfiggendo i Sanniti, occupando Taranto e la Magna Grecia.

101 Le Prime Guerre Repubblicane Le città latine, preoccupate del rafforzamento di Roma, la affrontarono federate nella Lega latina, nel 496 a.C. uscendo sconfitte. Nei 493 a.C. il console Spurio Cassio firmò con queste città il Foedus Cassianum, un'alleanza di tipo difensivo. Altre guerre furono combattute (fino al 430 a.C.) contro Volsci ed Equi; di Volsci ed Equi; di esse rimasero nella leggenda le gesta di Coriolano, che passò dalla parte dei Volsci ma poi si ritirò andando incontro alla morte, e di Cincinnato, che ritornò all'attività di agricoltore dopo aver sconfitto valorosamente i Volsci, senza pretendere alcun tributo di ringraziamento. Motivi economici spinsero Roma alla guerra contro la città etrusca di Veio che, dopo un lungo assedio, fu espugnata da Furio Camillo nel 396 a.C.

102 LOrdinamento Repubblicano - Le maggiori cariche della Repubblica romana, delineatasi tra il V e il IV sec. a.C., erano di carattere elettivo, venivano rinnovate periodicamente, erano un servizio prestato gratuitamente ed erano collegiali, cioè vi erano almeno due magistrati per ogni carica. I due consoli, che restavano in carica un anno, comandavano l'esercito, convocavano il senato e i comizi, e giudicavano i reati più gravi. Parte dei compiti dei consoli venne in seguito affidata ai questori che si occupavano della finanza. Nei momenti di grande pericolo per lo stato, poteva essere nominato un dittatore che, in carica per sei mesi, sostituiva i consoli. Altri magistrati erano i pretori, in origine comandanti delle truppe fornite dalle tre tribù dei Ramnii, Tizii e Luceri e poi amministratori di funzioni giudiziarie, e i censori (dal 443 a.C.) che rimanevano in carica diciotto mesi, ogni cinque anni, con l'incarico di compilare le liste del censo e dei senatori, in seguito, di vigilare sulla condotta morale dei cittadini. - Il senato era composto da coloro che avevano già esercitato una delle magistrature superiori. Aveva un potere di tipo consultivo ma di fatto divenne l'organo più importante in quanto doveva approvare le proposte di legge, controllare le finanze, deliberare sulla guerra e sulla pace, concedere la cittadinanza e l'autonomia a città e popolazioni e istituire le province. - I comizi curiati e centuriati costituivano le assemblee popolari. I primi, già esistenti nell'età dei re, conservarono il solo compito di conferire la formale investitura sacrale ai magistrati. I secondi eleggevano consoli e magistrati, approvavano le proposte del senato ed esercitavano funzioni giudiziarie. La popolazione fu divisa in 193 centurie, ognuna portatrice di un voto; le prime 98 erano costituite dai cittadini più ricchi (anche plebei) che così avevano la maggioranza.

103 Il Contrasto Tra Patrizi E Plebei - Fin dai primi anni della Repubblica si diffuse il malcontento tra i plebei costretti al servizio militare senza ricevere il ricavato dei bottini, esclusi dall'accesso alle magistrature e dal matrimonio con i patrizi. - La prima forma di protesta fu attuata nel 494 a.C. quando, ritiratisi sul Monte Sacro o, secondo un'altra tradizione sull'Aventino, decisero di non lavorare e di non combattere. Il patrizio Menenio Agrippa riuscì a convincerli a tornare, promettendo delle riforme in loro favore. - I plebei ottennero così l'istituzione dei tribuni della plebe, che difendevano i loro interessi e avevano diritto di veto sulle decisioni dei magistrati e dell'assemblea, e dell'edilità, una magistratura in cui due rappresentanti plebei (edili), affiancando i tribuni, curavano gli interessi della plebe. - Nel , alcuni patrizi, riuniti nel collegio dei decemviri, redassero un corpo scritto di leggi penali e civili, la Legge delle XII tavole, con cui i plebei ottenevano diritti pari ai patrizi. La lotta continuò e i plebei ottennero l'abolizione del divieto dei matrimoni misti (445 a.C.), l'accesso alla questura (421 a.C.), al consolato (leggi Licinie Sestie, 367 a.C.) e ai collegi sacerdotali (300a.C.), e il riconoscimento giuridico delle assemblee della plebe, dette comizi tributi (287 a.C., legge Ortensia) le cui deliberazioni (plebisciti) erano vincolanti per tutto il popolo.

104 La Crisi Della Repubblica - -Profondi cambiamenti avvennero in Roma dopo le guerre puniche e la conquista della Grecia e dell'Oriente. La diffusione della cultura ellenistica (molti artisti greci si stabilirono a Roma mentre i ricchi romani trascorrevano sempre più tempo in Grecia e in Oriente) mandò in crisi i valori della moralità romana. I ricchi senatori cominciarono a impossessarsi delle terre dello Stato reclamate anche dalla classe equestre; le classi medie, soprattutto i piccoli agricoltori che costituivano il nerbo dell'esercito, si andarono impoverendo sempre più. Tiberio e Caio Gracco si fecero promotori di una riforma agraria, ma il loro tentativo fallì, finendo addirittura nel sangue. - Dopo un decennio di pace, garantito dai senatori oligarchici, iniziò un periodo molto difficile, percorso da rivalità accese tra i diversi partiti politici. Si combatté la prima guerra civile, tra ottimati guidati da Silla e popolari guidati da Mario. Silla ebbe la meglio ma, dopo aver restaurato il potere dei patrizi ed esautorato i tribuni della plebe, si ritirò a vita privata e morì poco dopo. Le rivalità non erano però terminate e Roma era ormai alle soglie della seconda guerra civile.

105 La Fine Della Repubblica: Il Primo E Il Secondo Triumvirato La Repubblica E LImpero: Il Principato Di Augusto - L'ultimo secolo della Repubblica, percorso da conflitti civili e instabilità politica, aveva messo in evidenza l'inadeguatezza del sistema di governo romano. - Tutti sentivano il bisogno di una pacificazione. La classe dirigente non ammetteva la cancellazione delle istituzioni e considerava la monarchia assoluta come una negazione della libertà. - Ottaviano comprese questa situazione: il suo potere, ottenuto tramite il cumulo di diverse magistrature, con prerogative giuridicamente definite, fu incentrato sul rispetto formale delle tradizioni istituzionali repubblicane e non trasmissibile ereditariamente. - La solidità del governo di Augusto (titolo ottenuto dal senato) fu determinata dalla larga adesione del popolo al suo programma e dal senso di riconoscenza per l'instaurazione della pace. - Augusto e i suoi più stretti collaboratori si impegnarono in una capillare attività ideologico-propagandistica, di cui furono cardini la pace civile (Pax Augusta), il recupero e il rinnovamento della storia gloriosa di Roma, il nuovo ordine morale e la ripresa della religione tradizionale, messaggi diffusi soprattutto da letterati e artisti protetti da Augusto stesso.

106 La crisi dell' Impero Romano e l affermarsi del Cristianesimo - La gestione dell'impero ideata da Diocleziano (tetrarchia) invece di facilitare il problema della successione lo complicò. Costantino, prevalso tra i pretendenti, rinsaldò il potere centrale, riorganizzò in modo efficiente l'esercito e cercò di porre fine ai conflitti religiosi e culturali - Con l'Editto di Milano, con cui si concedevano ampie libertà ai cristiani, il destino dell'impero cominciò a legarsi a quello della Chiesa. Negli ultimi decenni del IV sec. i Goti, stanziatisi nell'impero per concessione dell'imperatore d'Oriente Valente, sconfissero l'esercito romano, penetrarono in Tracia e minacciarono Costantinopoli. - La pace fu stipulata dal nuovo imperatore d'Oriente, Teodosio e i Goti si allearono all'impero fornendo sempre più soldati all'esercito romano. Teodosio e Graziano (imperatore d'Occidente), con l'Editto di Tessalonica, fecero del Cristianesimo l'unica religione dellimpero. Alla morte di Teodosio, il generale vandalo Stilicone, al servizio di Roma, non riuscì a impedire l'invasione dei Goti e la nascita del primo Regno barbarico nelle Gallie. - Nel 410 il visigoto Alarico saccheggiava Roma. Anche i Vandali e gli Unni invasero l'impero, che nessun imperatore seppe risollevare. - Nel 476 il capo dell'esercito barbaro Odoacre depose l'ultimo imperatore d'Occidente Romolo Augustolo.

107 Cambiamenti Politici E Economici - Mentre nel I sec. terminò la supremazia agricola e commerciale che l'Italia aveva esercitato nei secoli precedenti, crebbero le esportazioni (olearie e vinarie soprattutto) della Gallia meridionale, della Tarraconense e della Betica. - Col sec. III iniziò per queste province una fase di regresso economico e subentrò una nuova egemonia, quella africana, fondata sull'esportazione dell'olio e, collateralmente, di ceramiche. Caduto l'Impero d'Occidente e occupata l'Africa dai Vandali nella prima metà del V sec., iniziarono a prevalere nel Mediterraneo le esportazioni di merci e derrate provenienti dalle province dell'Egeo, dell'Asia Minore e dell'area siropalestinese. - In generale, si può dire che l'economia seguì i tempi della politica. Considerato il lungo arco dell'età imperiale, i secoli I e II furono interessati da un generale movimento espansivo che rallentò ed entrò in crisi nella seconda metà del sec. III, quando l'Impero fu scosso da alcuni decenni di insicurezza politica e militare. - Con l'avvento di Diocleziano anche la compagine produttiva recuperò vigore ma all'interno di una forma autoritaria di governo che interveniva pesantemente nel funzionamento dei meccanismi economici per mezzo della fiscalità. Il IV sec.segnò in complesso un momento di recuperata floridezza che cominciò a declinare in Occidente a seguito delle invasioni barbariche del V sec. e seguirà, sia pure con recuperi parziali un andamento discendente sotto i Regni romano-barbarici dei secoli. VI-VII.

108 Gli Ottimati Gli Ottimati (in latino Optimates cioè i migliori) erano i componenti della fazione aristocratica conservatrice della tarda Repubblica romana Nascita Della Frazione In origine la plebe ed il ceto medio non avevano la minima influenza sulla vita politica romana, essendo la gestione della Res Pubblica appannaggio soltanto di quella ristretta cerchia di nobili che avevano la possibilità e la cultura per dedicarsi alla politica. In seguito alla Secessione dell'Aventino, però, le classi popolari e piccolo e medio borghesi riuscirono a ritagliarsi una fetta di potere, da esercitare mediante loro rappresentanti: i tribuni delle plebe, magistrati dotati di grande potere (per esempio il diritto di veto su qualsiasi legge o decisione del Senato). Per rispondere a questa organizzazione politica del popolo, anche i patrizi romani si allearono tra di loro nel movimento politico degli "optimates" (it. "ottimi", "nobili"), cioè il partito aristocratico.

109 Organizzazione Del Movimento - In effetti la fazione aristocratica non era un vero e proprio partito politico secondo l'accezione moderna del termine (nonostante sia a volte chiamata Partito Aristocratico). Era bensì una confederazione di nobili, ciascuno dei quali era politicamente indipendente (o quasi) dagli altri, grazie ad una diffusa rete di clientele e di alleanze che ciascun nobile gestiva in modo autonomo. L'appartenenza ad un'unica fazione era resa però evidente dall'alleanza di tutti i nobili "optimates" con il Senato, dal comune interesse a conservare tutti i privilegi nobiliari, nonché dalla comune avversione nei confronti dei "Populares" (l'organizzazione politica dei ceti popolari e borghesi) e dei "Tribuni della Plebe". Gli Ottimati, infatti, desideravano limitare il potere delle Assemblee della plebe ed estendere il potere del Senato romano, che era considerato più stabile e più dedicato al benessere di Roma. Si opponevano anche all'ascesa degli uomini nuovi (plebei, di solito provinciali, la cui la famiglia non aveva avuta esperienza politica precedente) nella politica romana. L'ironia era che uno dei principali campioni degli ottimati, Marco Tullio Cicerone, era egli stesso un nuovo uomo. - Oltre ai loro obiettivi politici, gli ottimati si opposero all'estensione della cittadinanza romana fuori dall'Italia (e si opposero perfino ad assegnare la cittadinanza alla maggior parte degli Italici). Favorirono generalmente alti tassi di interesse, si opposero all'espansione della cultura ellenistica nella società romana e lavorarono duramente per fornire la terra ai soldati congedati (erano convinti che soldati felici erano probabilmente meno disposti a sostenere generali in rivolta).

110 - -La causa degli ottimati raggiunse l'apice con la dittatura di Lucio Cornelio Silla (81 a.C.-79 a.C.). Sotto il suo potere, le Assemblee furono private di quasi tutto il loro potere, il totale dei membri del Senato fu portato da 300 a 600, migliaia di soldati si stabilirono nell'Italia del Nord e un numero ugualmente grande di popolari fu giustiziato con le liste di proscrizione. Limitò i poteri dei tribuni della plebe, ridusse i consoli e i pretori ai compiti cittadini della direzione politica e dellamministrazione della giustizia e vietò di ricoprire una carica prima che fossero trascorsi dieci anni. Tuttavia, dopo le dimissioni e la successiva morte di Silla, molti dei suoi provvedimenti politici furono gradualmente ritirati, ma furono più durature le innovazioni nel campo del diritto e del processo penale. - Appartenevano agli "optimates" importanti uomini politici quali Lucio Cornelio Silla, Marco Licinio Crasso, Catone il Censore e Catone Uticense, Tito Annio Milone, Marco Giunio Bruto e, a parte il periodo del Triumvirato, Gneo Pompeo.

111

112 Le tattiche utilizzate dall'esercito romano erano abbastanza semplici. Per difendersi dalle frecce e dagli attacchi frontali veniva usata la formazione a "testuggine", in cui i soldati mettevano scudi davanti, dietro e sopra di loro. Nei passaggi stretti l'esercito si rinchiudeva in una colonna a due, nel combattimento in campo stretto la cavalleria si sistemava sulle ali mentre gli ausiliari davanti. Dietro si schieravano i legionari e, a chiudere il tutto, la riserva mobile. In campo aperto invece il grosso dell'esercito (i legionari) si sistemava al centro, con i meglio addestrati sulla destra. Sui lati si posizionava lartiglieria, composta da fanti arcieri artiglieri, lasciando davanti gli ausiliari. Dietro questi fanti scelti si posizionavano gli arcieri che lasciavano dietro i cavalieri artiglieri. In riserva restavano la cavalleria scelta, la guardia del corpo ufficiali e 200 legionari.

113 La caratteristica per la quale la tattica manipolare è più nota è lopera di sostegno che le linee della legione romana schierata si danno lun laltra. Non è affatto chiaro come questo avvenisse. Innanzitutto sono pochissimi i resoconti storici nei quali lavvenimento è narrato in modo più o meno esplicito, ma in nessuno è spiegato esaurientemente, per cui siamo alle congetture.In primo luogo ci doveva essere la normale sostituzione tra i caduti: immaginiamo un manipolo di hastati che, sotto la pressione di un nemico vincitore, inizia ad indietreggiare. Qualche nemico si fa largo tra i legionari e penetra in profondità: il rischio che si apra una breccia, portando al collasso la schiera degli hastati è reale.In questo caso, è spontaneo che il centurione in comando del manipolo di principes schierato appena 8-10 metri dal manipolo in crisi (distanza che inoltre si è ridotta per effetto dellarretramento) o più probabilmente il centurione primipilo, dia lordine che vengano dispiegate le centurie, opponendo i loro ranghi al movimento rinculante dei commilitoni: la spinta di forze fresche e il loro mischiarsi al combattimento, vale a riequilibrare quando non a capovolgere la situazione.

114 Le fasi della battaglia

115 Questo movimento è troppo complesso per avvenire sotto la pressione di un nemico incalzante, ma poteva invece avere luogo in una delle molte pause che i combattenti erano costretti a prendersi a causa dellenorme fatica fisica e psicologica legata ad uno scontro corpo a corpo. Il procedimento più probabile era diviso in tre fasi. La prima fase vede la centuria posterior del manipolo da rilevare tornare dietro alla centuria prior, mentre questultima continua a fronteggiare il nemico: distanza percorsa 15 metri, in circa 9.

116 Inizia una seconda fase. Appena questa centuria ha liberato lo spazio che aveva occupato, il manipolo di seconda schiera inizia ad avanzare velocemente contro il nemico: per giungere sulla linea del fronte deve percorrere circa m. 12.5, che comportano altri 7 circa. Contemporaneamente anche la centuria prior del manipolo arretrante volta le spalle al nemico e si dirige velocemente verso le retrovie.

117 La terza fase vede il movimento della sola centuria posterior del manipolo avanzante: che impiegherà circa altri 9 per affiancarsi alla propria centuria prior. Sono trascorsi 25. Nello stesso tempo, un nemico a piedi potrebbe forse compiere metri, ma dovrebbe partire come uno scattista appena viene annunciato lordine del ripiegamento: il che appare un po improbabile. E invece più plausibile che nemici poco avvezzi a una manovra tanto complessa rimanessero sconcertati e immobili, consentendo una sua (quasi) tranquilla esecuzione.

118 Durante lazione il fronte è sempre presidiato da almeno ununità rivolta contro il nemico, e se cè un momento di debolezza questo è limitato alla seconda fase, tra il nono ed il sedicesimo secondo. Lipotesi sulla quale mi baso per fare questi calcoli è la velocità di 6 piedi romani al secondo equivalente a circa 1,80 m/s, che non pare una velocità stratosferica: è un po più veloce del passo di carica di una linea di fanteria inglese durante le guerre napoleoniche, ma va considerato che viene effettuata per tragitti molto brevi e da unità con un fronte molto più ristretto e che mantengono agevolmente lallineamento. Lo stesso movimento poteva avvenire, con lievi modifiche, arretrando, in circa 35, ma in questo caso doveva essere lintera linea di hastati di una legione ad indietreggiare o si sarebbero aperti dei varchi nella fronte: ad un ordine del comandante in capo, il suono dei corni lanciava un segnale al quale rispondeva tutta la linea simultaneamente.

119 Lassedio Esaminiamo come esempio di tattiche di difesa strategica di una postazione fortificata due casi interessanti, quello dell'operazione condotta nel 52 a.C. dal valoroso e sfortunato comandante dei Galli, Vercingetorige, a protezione della città di Avarico (oggi Bourges), assediata e poi espugnata dai Romani, ed in seguito quello di Alesia, che, con la sua caduta, determinò in ultima analisi la fine alla campagna di Cesare contro i Galli con il successo dei Romani. (De Gallico VII, e ). Vi sarà modo di osservare che, nonostante i Galli avessero adottato per proteggere le proprie città e garantirsi il successo nella rivolta una serie di tattiche che avrebbero potuto consegnare loro la vittoria – non da ultimo anche modernissime strategie di guerriglia e di terra bruciata-, tuttavia non seppero sfruttarle al meglio e questo inevitabilmente portò alla loro rovinosa sconfitta da parte delle truppe romane, guidate dal grande stratega Cesare.

120 Il Corvo Data lenorme superiorità dei romani nel corpo a corpo sugli avversari, i romani trovarono il modo anche sul mare di far valere questa grande loro abilità. Inventarono il corvo una specie di ponte con uno spuntone che serviva ad abbordare le navi nemiche e rendere inarrestabile la superiorità dei romani.

121

122 CESARE Riassunto: Ebbe un ruolo cruciale nella transizione del sistema di governo dalla forma Repubblicana a quella Imperiale. Le sue conquiste militari in Gallia estesero il dominio della Repubblica fino allAtlantico e al Reno. Portò gli eserciti romani ad invadere per la prima volta la Briatnnia, nel 55 A.C.. La spartizione del potere con Pompeo Magno e Crasso (Primo triumvirato) segnò l'inizio della sua ascesa. Alla morte di Crasso (53 A.C.), Cesare si scontrò con Pompeo e la fazione degli Optimates per il controllo dello stato. Di ritorno dalla Gallia, guidando le sue legioni attraverso il Rubicone, Cesare scatenò nel 49 a.C. la guerra civile, che lo consacrò capo indiscusso di Roma: sconfisse Pompeo nel 48 A.C. e successivamente gli altri Ottimati in Africa e in Spagna. Divenne dittatore a vita. Un gruppo di senatori capeggiati da Marco Bruto cospirò contro di lui, uccidendolo, nel 44 A.C.. Nel 42 A.C., appena due anni dopo il suo assassinio, il Senato lo santificò ufficialmente elevandolo a divinità. L'eredità riformatrice e storica di Cesare venne quindi raccolta da Ottaviano Augusto, suo nipote e figlio adottivo.

123 La Storia di Cesare: Giulio Cesare nacque a Roma da un'antichissima e nota famiglia patrizia. Nonostante le aristocratiche origini, la famiglia di Cesare non era ricca per gli standard della nobiltà romana; ciò rappresentò inizialmente un serio ostacolo alla sua carriera politica e militare (dovette contrarre ingenti debiti per ottenere le sue prime cariche politiche); inoltre, negli anni della giovinezza di Cesare, suo zio Caio Mario era stato dichiarato nemico della Repubblica. A Roma era in corso la Guerra Civile, con la città divisa in due fazioni contrapposte: gli Optimates, favorevoli al potere aristocratico, e i Populares o democratici, che sostenevano la possibilità di rivolgersi direttamente allelettorato. Pur se di nobili origini, fin dall'inizio della sua carriera Cesare si schierò dalla parte dei Populares.

124 Le Prime Esperienze Politiche: Dopo due anni di potere assoluto, Silla si dimise da dittatore ristabilendo il governo consolare. Cesare rientrò a Roma solo quando ebbe notizia della morte di Silla (78 A.C.), e il suo ritorno coincise con il tentativo di ribellione anti- silliana capeggiato da Marco Emilio Lepido e bloccato da Gneo Pompeo. Cesare, non fidandosi delle capacità di Lepido, non partecipò alla ribellione, e iniziò invece a dedicarsi alla carriera forense come pubblico accusatore e quella politica come esponente dei popolari e nemico dichiarato degli ottimati. Cesare sostenne l'accusa contro Gneo Cornelio Dolabella per concussione e contro Gaio Antonio Ibrida per estorsione nei confronti dei Greci; entrambi gli accusati erano membri influenti del partito degli ottimati e in entrambi i casi, anche se l'accusa fu sostenuta abilmente, perse le cause; tuttavia in questo modo si accreditò come importante rappresentante tra i popolari, anche se l'esito per lui negativo dei processi lo convinse a lasciare Roma una seconda volta. Mentre si recava a Rodi fu rapito, e egli stesso convinse i rapitori a chiedere un riscatto molto alto, in modo da aumentare così il suo prestigio a Roma. Dopo la liberazione organizzò una spedizione, catturò i rapitori e li fece condannare a morte. Dopo aver retto la carica di questore in Spagna (69 A.C.), fu eletto pontefice massimo nel 63 A.C. e pretore nel 62 A.C..Cesare era stato anche al servizio del generale Pompeo. Nel 61 A.C. Cesare fu governatore della provincia della Spagna superiore, e nel 60 A.C. fu eletto console.

125 Il Primo Triumvirato: Nel 59 A.C., l'anno del suo consolato, Cesare formò una alleanza strategica con due altri capi politici, Crasso e Pompeo. Crasso era l'uomo più ricco di Roma; Pompeo era in quel momento il generale con più successi alle spalle. Cesare portò al servizio dell'alleanza la sua popolarità politica e il suo prestigio. Pompeo sposò Giulia, figlia di Cesare. Questo accordo non ufficiale fu poi chiamato dagli storici Primo TRIUMVIRATO.

126 Guerra in Gallia: Nel 59 A.C. fu anche governatore della Gallia Narbonese, della Gallia Cisalpina e dellIlliria. Come Proconsole in Gallia (58 A.C. – 49 A.C.) ingaggiò la guerra contro vari popoli, sconfiggendo gli Elvezi nel 58 A.C., i Belgi e i Nervii nel 57 A.C. nonchè i Veneti nel 56 A.C..Il Comandante gallico Vercingetorige si trovava assediato ad Alesia, capitale del suo regno, mentre Cesare lo attaccava cingendo la città con una robusta palizzata. Nel frattempo un immenso esercito gallico si era radunato e marciava su Alesia per rompere l'assedio, ma Cesare, avendolo saputo, eresse una seconda palizzata per coprirsi le spalle. I Galli attaccanti furono in questo modo duramente sconfitti e Cesare assicurò a Roma il dominio sull'intera regione.

127 La Guerra Civile: Dopo la morte di Crasso, ucciso nel 53 A.C. durante la guerra contro i Parti, si aprì una spaccatura fra Cesare e Pompeo, ingigantita anche dalla morte di Giulia, figlia di Cesare nonché moglie di Pompeo, in seguito a un parto. Invitato nel 50 A.C. dal Senato a sciogliere il suo esercito di ritorno dalla Gallia, Cesare rifiutò provocando lo scoppio della Guerra Civile. Nel 49 A.C. Cesare raggiunse Pompeo a Brindisi, sperando di poter ricostituire un'alleanza ormai vecchia di dieci anni. Tuttavia Pompeo lo evitò. Cesare compì allora una sorprendente marcia di 27 giorni sino in Spagna, per incontrarvi Pompeo. Successivamente si diresse di nuovo verso oriente, per sfidare Pompeo in Grecia. Il 10 luglio del 48 A.C. evitò di poco una catastrofica sconfitta a Durazzo, mentre la battaglia decisiva ebbe luogo a Farsalo, il 9 Agosto del 48 A.C.: Cesare sconfisse il suo ex alleato e amico e fu quindi nominato console per 5 anni, mentre Pompeo fuggì in Egitto, dove fu poi assassinato da un sicario del re Tolomeo XIII. Non contento del vantaggio guadagnato, Cesare si recò egli stesso in Egitto, e qui si impegnò per sostenere Cleopatra, che per la legge egiziana divenne sua moglie e dalla quale ebbe un figlio(Cesarione).

128 Cronologia:

129 Cesare Come Scrittore: Le sue principali opere letterarie giunte sino a noi sono: -I commentari sulle campagne per sottomettere i Galli, tra il 58 e il 52 a.C. (Commentarii de Bello Gallico). L'opera è formata da sette libri; -I commentari sulla guerra civile contro le forze di Pompeo e del Senato (Commentarii de Bello Civili). In tre libri Giulio Cesare spiega la guerra civile del 49 a.C. ed il suo rifiuto di ubbidire al Senato. La Morte: Cesare fu assassinato in Campo Marzio nei pressi del Teatro di Pompeo (dove si riuniva il Senato dopo che la sua sede era andata distrutta in un incendio), il 15 Marzo del 44 A.C.. Fu accoltellato da un gruppo di cospiratori nostalgici della Repubblica, che mal sopportavano il suo potere assoluto e lo accusavano di avere ambizioni monarchiche. Fra i cospiratori c'era Bruto, forse suo figlio naturale; il secondo attentatore eccellente fu Gaio Cassio Longino, altro repubblicano che, come Bruto, aveva ottenuto da Cesare la grazia. Cesare cadde ai piedi della statua di Pompeo, pronunciando le sue ultime parole: Tu quoque, Brute, fili mi! ("Anche tu Bruto, figlio mio!") Dopo la sua morte si accese una lotta per accaparrarsi il potere: il figlio adottivo Ottaviano, il suo luogotenente Marco Antonio, ed i suoi assassini Bruto e Cassio. Ottaviano in seguito prevalse e divenne il primo Imperatore romano, con il nome di "Cesare Augusto".

130 OTTAVIANO La Conquista del Potere: Il senato, e in particolare Cicerone, lo credettero per la sua giovane età un principiante inesperto, pronto ad essere manovrato dall'aristocrazia senatoria - in realtà da subito il giovane rivelò un'autonomia e un'abilità politica notevolissime. Nel 43 A.C., su incarico del senato, sconfisse Marco Antonio nella battaglia di Modena. Subito dopo marciò su Roma con l'esercito e si fece eleggere console, malgrado la giovane età. Insieme ad Antonio e a Lepido formò il secondo triumvirato. Nel 38 A.C. il triumvirato venne prorogato per altri cinque anni con il trattato di Brindisi, che definì i limiti della sfera di influenza dei triumviri: ad Antonio l'Oriente, ad Augusto l'Occidente e a Lepido l'Africa. Nonostante gli accordi i contrasti aumentarono sfociando in una vera e propria guerra civile: il triumvirato non venne rinnovato alla sua scadenza, nel 33 A.C. e Ottaviano sconfisse infine Marco Antonio e la sua alleata Cleopatra, ultima regina tolemaica di Egitto, nella Battagli Di Azio nel 31A.C..

131 Le Cariche Politiche: Dopo Azio, Ottaviano era divenuto il padrone dello stato, anche se formalmente Roma era ancora una Repubblica e Ottaviano stesso non è rivestito di alcun potere ufficiale, dato che la sua potestas di triumviro non era stata più rinnovata: nelle Res Gestae riconosce di aver governato in questi anni in virtù del consenso generale. Il senato gli conferì progressivamente onori e privilegi. Nel 27 a.C. Ottaviano restituì formalmente i poteri straordinari, assunti per la guerra contro Marco Antonio, nelle mani del senato e del popolo romano, ricevendo in cambio il titolo di augusto e il comando militare sulle province non pacificate. Da questo momento le province furono dunque suddivise tra senatorie, rette dal senato, e imperiali, rette da Augusto: questi aveva ottenuto i poteri consolari, senza essere console e gli erano state conferite funzioni esecutive, legislative e militari, disgiunte dall'assunzione effettiva della carica. Nel 23 a.C. fu conferita ad Augusto, la tribunicia potestas a vita, la quale divenne la vera base costituzionale del potere imperiale: comportava infatti l'inviolabilità della persona e il diritto di intervenire in tutti i rami della pubblica amministrazione, e questo senza i vincoli repubblicani della collegialità della carica e della sua durata annuale. Particolarmente significativo era il diritto di veto, che garantiva ad Augusto la facoltà di bloccare qualunque iniziativa legislativa che considerasse pericolosa per la propria autorità. Nel 22 A.C. tutte le forze armate dello stato romano dipendevano da lui. Quando il pontefice massimo, Lepido, morì, nel 12 a.C., egli ne prese il titolo divenendo il capo religioso di Roma. Infine, gli fu conferito nel 2 a.c. il titolo di "Padre della patria", esattamente come a Cesare. Muorì nel 14 d.c.

132 - I diversi aspetti della vita allepoca dellimpero romano: Flavia Levi e Sarah Horenstein - Larte romana: Alessandra Nobis e Silvia Ottaviani - La religione romana: Marta Bartolucci e Chiara Porati - La condizione femminile nella Roma antica: Rebecca Mentana e Alessandra Broglio -La politica romana: Campi Carlandrea -Lordinamento politico romano: Gianluca Pisarra e Filippo Zingales -Le tattiche romane: Jacopo Silvestri - Giulio Cesare e Ottaviano: Marco Cappelletti e Vladislav


Scaricare ppt "Per le strade di Roma… La città di Roma, ha magnifici edifici, immensi palazzi, raffinate case, bagni, tempi, archi e teatro. I palazzi sono costruiti."

Presentazioni simili


Annunci Google