La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TRA DOMANDE DI RICERCA E TECNICHE DI ANALISI Lo studio del policy change attraverso la punctuated equilibrium theory Enrico Borghetto Assegnista di ricerca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TRA DOMANDE DI RICERCA E TECNICHE DI ANALISI Lo studio del policy change attraverso la punctuated equilibrium theory Enrico Borghetto Assegnista di ricerca."— Transcript della presentazione:

1 TRA DOMANDE DI RICERCA E TECNICHE DI ANALISI Lo studio del policy change attraverso la punctuated equilibrium theory Enrico Borghetto Assegnista di ricerca Università degli Studi di Milano

2 Obiettivo: presentare un esempio di collegamento tra domanda di ricerca e tecniche danalisi

3 Perché lo studio della punctuated equilibrium theory? Alcuni la considerano come la nuova ortodossia nei campi degli studi sul cambiamento di policy Offre unottima finestra dosservazione sulla possibilità di integrare metodi quantitativi e studi di policy Testimonianza diretta

4 Il lavoro di oggi pomeriggio 1° parte 1. Introduzione alla teoria del punctuated equilibrium 2. Lo studio delle policy dynamics 3. La genesi del Policy Agendas Project 4. Uno sguardo ai dati raccolti

5 Il lavoro di oggi pomeriggio 2° parte 5. Levoluzione degli studi sul punctuated equilibrium 6. ll Comparative Agendas Project

6 La domanda di ricerca Can the government govern? Come e perché cambiano le politiche? Ogni teoria sul cambiamento deve inevitabilmente considerare sia la stabilità che il cambiamento Precedenti teorie si sono concentrati solo su una delle due facce della medaglia. B&J propongono : una cornice teorica che le inglobi una metodologia che considerando ampi archi temporali permette di osservarle entrambe Baumgartner, Frank R., and Bryan D. Jones Agendas and instability in American politics. Chicago: University of Chicago Press.

7 Il punctuated equilibrium (PE) I cambiamenti nelle politiche non sono incrementali ma seguono questo pattern: per cui lunghi periodi il cambiamento è nullo o di ridotta entità questi periodi sono intervallati da improvvisi (e imprevedibili) cambiamenti radicali un concetto derivato dalla biologia evoluzionistica

8 Studiare il cambiamento delle politiche Cambiamento delle politiche Istituzioni Networks Idee Preferenze Processi socio- economici

9 Studiare il cambiamento delle politiche Cambiamento delle politiche Istituzioni Networks Idee Preferenze Processi socio- economici

10 Studiare il cambiamento delle politiche Cambiamento delle politiche Istituzioni Networks Idee Preferenze Processi socio- economici

11 Studiare il cambiamento delle politiche Cambiamento delle politiche Istituzioni Networks Idee Preferenze Processi socio- economici Settori Tempo

12 Teorizzare il cambiamento delle politiche Ogni teoria del policy change è inevitabilmente una teoria sintetica in quanto concentra lattenzione su solo alcuni di questi fattori Si possono spiegare patterns generali… … ma solo unanalisi per settore e contestualizzata ci può dare una spiegazione di come questi patterns si realizzino concretamente

13 Idee e istituzioni IDEE ISTITUZIONI MONOPOLI DI POLICY IDEE ISTITUZIONI

14 Lo studio dellagenda-setting Studia come nuove proposte politiche e nuove visioni dei problemi emergono e giungono allattenzione dei decisori pubblici Output finale GiustiziaDisoccupazione Degrado ambientale Attenzione

15 La friction Alla base della PE pongono il concetto di friction, di resistenza al cambiamento. Deve accumularsi una certa forza di cambiamento perché questo avvenga ma quando avviene è radicale. friction cognitiva: le finestre dattenzione sono brevi e imprevedibili; radicamento di quadri ideologici ecc… friction istituzionale: pluralità di attori con potere di veto; votazioni con maggioranze qualificate ecc… I segnali che vengono dalla società sono elaborati in modo sproporzionato. Il sistema tende a trascurare in alcuni casi, reagire esageratamente in altri

16 Come studiare il cambiamento dellagenda politica Precedenti disegni di ricerca: Variazione nel tempo Variazione nelle issues Studi longitudinali di una politica Eccezione Kingdon (1984) Casi studio di una politica al tempo t Comparazione di più issues al tempo t Nel tempo una issue può uscire dallagenda pubblica senza che cambi la sua natura: cambia la percezione della stessa Difficile generalizzazione Comparazione tra più issues (disegno cross-sectional) in un determinato arco di tempo considerevole

17 Come studiare il cambiamento dellagenda politica Un nuovo approccio: policy dynamics Variazione nel tempo Variazione nelle issues Studi longitudinali di una politica Eccezione Kingdon (1984) Casi studio di una politica al tempo t Comparazione di più issues al tempo t Lobiettivo è di studiare un gran numero di issues per un arco di tempo di almeno cinquantanni (se non un secolo) Policy dynamics

18 Il disegno di ricerca di B&J La soluzione è quella di creare, per un gruppo selezionato di issues ( pesticidi, fumo, alcol, droghe, sicurezza stradale, nucleare, abusi sui minori ) indicatori quantitativi che registrino cambiamenti: dattenzione e tono (positivo/negativo) attraverso differenti istituzioni media (Readers Guide, New York Times Index ) audizioni del Congresso (dati del Congressional Information Service) negli output (differiscono a seconda del tipo di issues) stock market numero di ispezioni per la sicurezza nucleare livello di spesa

19 Metodologia utilizzata per codificare media e audizioni congressuali Per ogni issue è stata creata una lista di parole chiave (variabili anche nel tempo) che permettesse di rintracciare gli articoli e le audizioni sul tema per anno Per ogni articolo, è stato codificato il tono (positivo o negativo) ricorrendo a due coders (in modo da controllare la reliability) Per alcune issues, si è proceduto a un ulteriore codifica (es. pesticidi, se larticolo si occupava di questioni economiche, sanitarie o dellattività del governo)

20

21 Il nucleare civile negli USA: origini e crollo di un monopolio di policy Il consolidamento: anni 40 e 50 Idea: energia pulita e a basso prezzo, programma «Atoms for peace» di Heisenhower Istituzioni: Atomic energy commission (nata nel 46) Joint Congressional Committee on Atomic Energy Università Privati (dal 54, McMahon Act)

22 Il nucleare civile negli USA: origini e crollo di un monopolio di policy Il crollo: anni 70 Idea: problema della sicurezza Istituzioni: LAEC comincia a tenere udienze pubbliche prima della concessione delle licenze. In seguito lAEC viene smantellata e le sue competenze divise tra una speciale commissione regolatrice e il dipartimento per lenergia Necessità di una valutazione di impatto ambientale delle centrali (potere giudiziario)

23 LATTENZIONE E IL TONO NEI MEDIA

24 LATTENZIONE E IL TONO NEL CONGRESSO

25 OUTPUT: LE RIPERCUSSIONI IN BORSA

26 Il nucleare statunitense oggi Il nucleare copre il 20% del fabbisogno energetico US Tutti i 104 reattori attualmente operativi sono stati costruiti o approvati prima del In molti casi, quella che era stata una licenza per 40 anni di funzionamento è stata estesa Lunico reattore in costruzione si trova a Watts Bar, nel Tennessee. Linizio dei lavori risale al Potrebbe essere completato nel 2012 Dopo Fukushima i favorevoli al nucleare civile sono scesi al 43%, un consenso più basso di quello registrato dopo lincidente di Three Mile Island (1979).

27 Riassumendo: La scelta è quella di un alto livello di astrazione Gli indicatori (media e attività del Congresso) «viaggiano» tra issue areas molto differenti… …ma al prezzo di concentrarsi su cambiamenti macro o sistemici quali le agende politiche Vengono sacrificati altri aspetti micro della teoria quali lo studio delleffetto cascade o degli imprenditori di policy… …ma si tratta di un metodo congeniale alla domanda di ricerca Questione: E possibile generalizzare il PE model a tutto il sistema statunitense?

28 Lobiettivo è di creare degli indicatori dattenzione per tutte le issues per un numero ampio di attori e istituzioni che coprano un arco temporale risalente almeno al secondo dopoguerra più di un decennio di codifiche, ha condotto al …con i fondi della National Science Foundation, University of Texas, the University of Washington, and Pennsylvania State University.

29 Il lavoro di oggi pomeriggio 2° parte 5. Levoluzione degli studi sul punctuated equilibrium 6. ll Comparative Agendas Project

30 Riprendiamo quanto detto Il Punctuated equilibrium offre una spiegazione dei pattern di cambiamento: lunghi periodi di cambiamento minimale o incrementale sono intervallati da improvvisi (e imprevedibili) cambiamenti radicali Ruolo della frizione e della elaborazione sproporzionata delle informazioni Problema: è difficilissimo costruire un modello generale di cambiamento di policy che mi permetta di prevedere quando avverrà il cambiamento in tutte le issues

31 La regressione Il modello di regressione lineare Y i = β 0 + β 1 X i + u i Lerrore statistico u i è una componente del modello, ma non ne è una parte fondamentale Questo tipo di modello è utile quando: il modello è ben specificato gli errori sono distribuiti normalmente

32 Levoluzione del PE Generalizzare il PE a tutto il sistema statunitense attraverso i dati sulle agende e sugli output raccolti nel Policy Agendas Project (tutte le policy, lunghi periodi, agende di più istituzioni) Tradotto in ipotesi: H 0 Il processo di cambiamento è incrementale H 1 Il processo di cambiamento segue il PE

33 I modelli stocastici La metodologia utilizzata è quella dei modelli stocastici derivata dagli studi contemporanei sui sistemi complessi presenti nelle scienze naturali e biologiche Il punto di partenza sono le serie storiche: seguo levoluzione di un fenomeno nel tempo A me interessano i cambiamenti di policy. Li calcolo in termini di cambiamenti percentuali: Count year2 – Count year1 Count year1

34 I modelli stocastici I modelli stocastici permettono di studiare le distribuzioni di frequenza Distribuzione normaleDistribuzione leptocurtica

35 Associare modelli di cambiamento a distribuzioni Distribuzione normaleDistribuzione leptocurtica Modello incrementaleModello PE

36 Il modello incrementale

37 Associare modelli di cambiamento a distribuzioni Nel modello PE è fondamentale linterazione tra input sociali (distribuiti normalmente) con le caratteristiche del sistema (la frizione) Molti segnali saranno trascurati o smorzati In alcuni casi si reagirà sproporzionatamente rispetto ai segnali Distribuzione leptocurtica Modello PE

38 Due ipotesi sul «pattern generale di cambiamento» delle politiche Per individuare se una distribuzione è leptocurtica si utilizza lindice di curtosi. Questindice cresce quanto più appuntita è la distribuzione H1: General punctuation hypothesis-> I cambiamenti nelle agende e nelloutput, a prescindere dalla distribuzione dellinput, avranno curtosi positiva e normalmente elevata H2: Progressive friction hypothesis-> I valori della curtosi variano a seconda del livello di frizione esercitato da una istituzione

39 Ecco un possibile ranking delle istituzioni in base alla frizione - Media - Dati elettorali - Opinione pubblica - Attività diniziativa - Audizioni del Congresso - Congressional Quarterly coverage - Leggi - Bilancio Aumento della frizione

40 La curtosi

41 Il Comparative Agendas Project

42 La necessità di comparazioni internazionali Il modello PE si è dimostrato efficace nel descrivere le dinamiche di cambiamento delle politiche negli Stati Uniti. Ma in che misura questi risultati sono generalizzabili? Differenti conformazioni istituzionali implicano differenti tipi di risposte agli input sociali? Osserviamo più similarità o differenze tra stati nella capacità di risposta agli input sociali?

43 Comparative Agendas Project Variazione nel tempo Variazione nelle issues Variazione tra paesi Comparative policy dynamics

44 Un riassunto del CAP il CAP coinvolge 12 paesi + lo stato americano della Pennsylvania + lUnione europea La gamma di agende e larco di tempo considerati variano da paese a paese ma lobiettivo minimo è quello di completare la codifica per un insieme comune di agende, lungo un periodo di almeno due decenni E stato sviluppato un codebook comune a tutti i paesi

45 Baumgartner, F. R et al Punctuated Equilibrium in Comparative Perspective. American Journal of Political Science 53(3): 603–620.

46

47

48

49

50 Per concludere 1. Lo studioso o lesperto di politiche pubbliche potranno inorridire di fronte agli approcci metodologici sviluppati per testare la validità del PE ma bisogna tener conto della domanda di ricerca 2. I dati raccolti nel Policy Agendas Project e nel Comparative Agendas Project rappresentano comunque un punto di partenza. Lobiettivo dichiarato dei suoi promotori è facilitare il dialogo tra approccio qualitativo e quantitativo


Scaricare ppt "TRA DOMANDE DI RICERCA E TECNICHE DI ANALISI Lo studio del policy change attraverso la punctuated equilibrium theory Enrico Borghetto Assegnista di ricerca."

Presentazioni simili


Annunci Google