La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

5° lezione – 2013/04/11 Metodi e tecnologie per l'insegnamento della matematica a.a. 2012/2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "5° lezione – 2013/04/11 Metodi e tecnologie per l'insegnamento della matematica a.a. 2012/2013."— Transcript della presentazione:

1 5° lezione – 2013/04/11 Metodi e tecnologie per l'insegnamento della matematica a.a. 2012/2013

2 tecnologie presentare sostegno per Web 2.0 e nuove tecnologie e tecnologie autonome per costruire sono di secondo livello primo livello di metodo per creare con e nuovo digital divide e e formazione e e strutturae e slow learning e artefatti informatici nella pratica didattica e valore aggiunto delle tecnologie e e e

3 Conoscere la struttura delle tecnologie e Phlippe Meirieu importanza della conoscenza della struttura delle tecnologie – alcuni autori hanno affrontato il tema; fra questi Phlippe Meirieu e Maurizio Ferraris,Phlippe Meirieu Meirieu (Meirieu P., Liesenborghs J., 2008, pag. 71) parla di tre possibili campi della conoscenza che gli studenti dovrebbero acquisire: – delle conoscenze scientifiche e tecniche, delle conoscenze patrimoniali, delle conoscenze riferibili alla salute, allambiente e allo sviluppo durevole. conoscenze scientifiche e tecniche : il loro sviluppo non ha viaggiato con una conseguente crescita della loro conoscenza, anzi per certi versi il divario è aumentato. Oggi esiste un analfabetismo scientifico. Ciò che avviene in un interruttore, in un videogioco o in un televisore deve essere capito per non avere un effetto alienante. Il bambino deve avere ben presente che tutti gli oggetti che lo circondano sono stati creati dagli uomini, funzionano grazie a dei dispositivi concepiti dagli uomini e non hanno niente di magico al loro interno. Nessuno può essere privato del diritto di comprendere ciò che gli uomini hanno creato (ivi, pag. 70).

4 Phlippe Meirieu conoscenze patrimoniali: importanza della dimensione storica delle conoscenze. importante capire perché quella determinata scoperta sia avvenuta in un certo periodo, così come comprendere lorizzonte di conoscenza che caratterizzava la cultura del tempo (che ha prodotto quella scoperta). Trasmettiamo le conoscenze come se fossero delle essenze eterne e immutabili, dimenticando che è stato necessario battersi per imporle contro i pregiudizi! […]È fondamentale far capire agli alunni che non insegniamo nozioni fuori dal tempo, ma conoscenze sulle quali esseri in carne e ossa come loro si sono mobilitati (ibidem). lavanzamento della conoscenza caratterizza lo sviluppo della storia. Occorre, quindi, incardinare levoluzione negli episodi significativi che lhanno permessa; presentare i personaggi con la loro quotidianità, i loro problemi, le loro manie e le loro vicissitudini sociali; solo così si può dare un senso al determinarsi della cultura e si potrà capire il significato vero della scoperta.

5 Anima e iPad- Maurizio Ferraris anche Maurizio Ferraris affronta questo tema in Anima e iPad (2011). Nel trattare il rapporto fra tecnica e scrittura lautore sostiene che la tecnica è una rivelazione di ciò che noi siamo; la tecnica si sviluppa nella storia e realizza dei prodotti nel rapporto con la società; la tecnica è lo specchio della società e la società è lo specchio della tecnica; la tecnica quindi è da intendersi come specchio di noi stessi e noi siamo quello che eravamo, modificati da quello che abbiamo prodotto; […] ciò che avviene attraverso la tecnica è una vera e propria rivelazione; ciò che si oggettiva nelle protesi è la natura umana, noi possiamo sempre specchiarci negli attrezzi che abbiamo fabbricato e dirci Questo sei tu. (ivi, pag. 68); in definitiva […] il compimento di un processo è in effetti la rivelazione del suo inizio […]. Ciò che noi siamo si rivela attraverso ciò che siamo diventati, anche al di là delle interpretazioni spesso mistificate che noi diamo di noi stessi (ibidem).

6 Fritz Machlup Fritz Machlup (Wiener Neustadt, Austria, 15 dicembre 1902 – Princeton,New Jersey, USA, 30 gennaio 1983) utilizza la teoria matematica della comunicazione sviluppata indipendentemente da C. Shannon e N. Wiener (G. Benoît, 2008, pag. 269), senza mantenerne il termine-chiave informazione, ma preferisce parlare di conoscenza in quanto comprendente anche quello di informazione; Fritz Machlup per Machlup fra creatore e ricevente esiste un flusso di conoscenza in quanto linformazione è conoscenza comunicata; il pensiero di Machlup ci può aiutare a capire il flusso continuo fra informazione e conoscenza: – a riceve informazione (conoscenza comunicata); questa si integra con la conoscenza già posseduta da A; A invia conoscenza che diviene informazione per gli utenti che la gestiranno, – B riceve informazione (conoscenza comunicata); questa si integra con la conoscenza già posseduta da B; B invia conoscenza che diviene informazione per gli utenti che la gestiranno, – il processo si sviluppa ricorsivamente.

7 in definitiva si trasmette ciò che è conosciuto; quindi le tecnologie, che sono il conosciuto dei vari periodi storici, rappresentano conoscenza comunicata.

8 Da un click esplorativo a un click riflessivo; verso uno slow learning Meirieu (Meirieu P., 2008) analizza il rapporto fra televisione e bambini e il senso di onnipotenza che il telecomando può dare. Alcune di queste analisi possono essere riferite alla relazione che si instaura fra piccolo, ma anche adolescente e adulto, e web.

9 siderazione lautore parla di siderazione come incapacità di distanziarsi dalloggetto che si sta guardando; si resta imbambolati a guardare, più che loggetto, il proprio sguardo; si vive una situazione fuori dal tempo, dentro la quale si è trascinati. Nella siderazione lintenzionalità della coscienza risulta completamente anestetizzata (ivi, pag. 91); due forme: – controllata: consapevolezza di entrare in uno stato di siderazione come, ad esempio, in certi riti nei quali è ben chiaro il momento di ingresso e così è determinato e generato quello di uscita; – subdola: ad es. quella che si pone lobiettivo di incollare gli individui allo schermo più spesso e più a lungo possibile, facendoli letteralmente imbambolare

10 siderazione televisione – siderazione per evitare lo zapping: accelerazione di scene, sequenze per non annoiare provocazioni, esagerazioni, scontri, volgarità per tenere incollati i telespettatori e la rete? – sembra che non esista un controllore; la rete è libera (!!)

11 siderazione e web due livelli di siderazione: – della pagina (finestre che invitano e rimandano a pagine con ancora finestre che invitano a pagine con ancora finestre …; entriamo in un vortice ricorsivo) – dellapplicazione: come autore: si costruiscono effetti di siderazione cercando di essere attivi per attirare e trattenere nella propria applicazione il maggior numero di utenti; allo stesso tempo diveniamo schiavi della nostra siderazione in quanto veniamo presi dallo stesso meccanismo che, per cercare e mantenere utenti, ci fa diventare schiavi di esso; come lettore: entriamo nei percorsi coinvolgenti, ma anche ripetitivi che ci fanno percorrere itinerari nei quali siamo schiavi del processo e quasi non ci interessiamo del prodotto che visioniamo

12 telecomando e televisione vs mouse e web Meirieu parla di telecomando il cui uso, senza controllo, conduce a un forma di regressione infantile guidata da una onnipotenza anchessa infantile; – lautore parla di quattro principi che guidano luso del telecomando e che, combinati, portano a forme di onnipotenza e regressione infantili; principio della – miniaturizzazione ludica, – connessione diretta del soggetto con il mondo, – passaggio allazione immediata, – sovrapposizione totale tra realtà virtuale e realtà concreta. Parallelismo con mouse e web.

13 miniaturizzazione ludica nel suo sviluppo il bambino passa per il periodo della miniaturizzazione ludica: il mondo deve essere per lui a portata di mano per poter interagire con esso, deve cioè essere miniaturizzato; tuttavia questo processo deve avere un limite che lo conduca alla consapevolezza che il mondo non è solo quello formato dagli oggetti che può manipolare, ma ha dimensioni diverse e, ancor di più, presenta degli ostacoli ed è popolato da altre entità, oggetti e persone, con i quali deve confrontarsi; Di fatto, il piccolo non può cominciare a crescere se non avvia con il mondo uninterazione a sua misura (ibidem); la miniaturizzazione del mondo e la funzione limitata e quindi di contrasto del giocattolo, rispetto a qualcosa che va oltre, permettono al bambino di sviluppare questo processo di progresso e di emancipazione; il vero giocattolo è loggetto che si offre allonnipotenza infantile e nel contempo se ne sottrae, che si dà abbastanza per costruire lintenzionalità e resiste abbastanza per fare in modo che tale intenzionalità riconosca progressivamente che il mondo non si riduce a ciò che si può comandare (ibidem).

14 miniaturizzazione ludica attraverso la miniaturizzazione ludica il mondo viene ridotto a ciò che si può manipolare

15 miniaturizzazione ludica Meirieu parla di oggetto miniaturizzato che rimanda alla miniaturizzazione ludica riferendosi al telecomando; oggi gli oggetti tecnici di uso quotidiano più comune tendono a rimpicciolirsi sempre più; tendono a stare sul palmo della mano per essere adoperati dalla mano stessa; È esattamente la caratteristica della miniaturizzazione ludica, per la quale il mondo viene ridotto a ciò che si può manipolare (ibidem); il telecomando, quindi, oggetto miniaturizzato, permette di comandare le cose senza alcun limite, in base ai nostri capricci

16 miniaturizzazione ludica e web, mouse nellambito della nostra analisi, il telecomando è equiparato al mouse in un contesto di navigazione web; attraverso luso del mouse il bambino ottiene tutto e subito in un mondo dove tutto è fatto a sua dimensione e dove tutto può ottenere perché tutto può manipolare; il bambino che agisce con un mouse, passa da un sito a un altro senza alcuna difficoltà, crede di poter comandare e ottenere; il giocattolo (il web comandato dal mouse) non presenta difficoltà questo, oggetto miniaturizzato, elimina il passaggio dalla finzione al reale, elimina il passaggio dal mondo di fantasia, fatto a misura di bambino, al mondo reale fatto di altri e di ostacoli a dimensione naturale;

17 connessione diretta seguitando a gestire il mondo a comando, attraverso il mouse, lutente fortifica la propria sensazione di poter ottenere quello che vuole, di poter selezionare il mondo che preferisce; si adegua allidea che ciò che vuole è possibile, che il suo volere è possibile, in definitiva che la sua volontà può essere comunque soddisfatta. Il mouse diventa un oggetto trascurabile, che scompare; sembra quasi che basti il guardare il collegamento per ottenerne la sua realizzazione ed essere proiettati direttamente nel nuovo mondo (principio della connessione diretta con il mondo); Ricordiamo che Meirieu parla di telecomando

18 passaggio allazione immediata una diretta conseguenza del secondo principio è quello del passaggio allazione immediata. sinergia fra miniaturizzazione ludica e connessione diretta e passaggio allazione immediata. è un tipico comportamento infantile quello di essere in balìa di spinte a compiere unazione senza riflettere: passare subito allazione. Il poter passare da una pagina allaltra, da un sito ad un altro, da un blog ad un altro, senza trovare ostacoli, senza costruire riflessivamente questi passaggi, fortifica ed esalta il tutto e subito. la gestione a finestre degli attuali sistemi operativi permette il passaggio immediato fra unapplicazione allaltra; gli stessi browser danno la possibilità di avere molteplici pagine aperte; spesso le applicazioni segnalano gli aggiornamenti che avvengono in diretta

19 il potere assoluto si realizza nel tenere sotto controllo il tutto, si riesce a rispondere in contemporanea a più post, si gestiscono diversi ruoli in diversi giochi online. Sembra che la vera soddisfazione sia quella di godere di tutto ciò nellistante; nulla sembra rimandato ad un approfondimento, ad un piacere successivo che possa derivare da una riflessione ritardata rispetto allazione immediata

20 sovrapposizione totale tra realtà virtuale e realtà concreta infine lultimo principio: la sovrapposizione totale tra realtà virtuale e realtà concreta; in una finestra dello schermo si visualizza un mondo virtuale, in unaltra GoogleMaps, in altra delle pagine web; si vive completamente nel virtuale, lorizzonte è delineato dai diversi ambienti nei quali si vive con diversi avatar.

21 il mouse permette il passaggio veloce, istantaneo, da un mondo allaltro, ma anche da questo mondo reale che scompare sempre più, al mondo virtuale; lutente è il protagonista inconsapevole di questa continuo processo che sottrae via via segmenti al mondo reale, ricostruendoli sempre più in quello virtuale

22 Slow learning fra le caratteristiche emergenti del web cè la velocità di trasmissione delle informazioni. Ciò può comportare atteggiamenti che privilegiano listantaneità e reprimono la riflessione; occorrerebbe privilegiare le applicazioni che impongano e conducano ad un riflessione slow, che distanzi i momenti dellevento da quelli dellazione, in modo che questa sia piegata ad una riflessione con un click del mouse non si apre necessariamente un mondo di cui rischiamo di restare schiavi e non necessariamente entriamo in un vortice di immediatezza stimolorisposta, ma possiamo, ad esempio, verificare la correttezza delle nostre impostazioni sullartefatto che stiamo realizzando, possiamo aprire dei momenti di lenta riflessione sulla nostra azione.

23 non solo e sempre azione e reazione simultanea, non sempre una veloce riflessione su un post di Twitter, di Facebook o di un blog per poter essere il primo che risponde ad una sollecitazione, ma anche ponderata meditazione che restituisca un intervento robusto, piuttosto che uno veloce, più visibile, ma che rischia di affogare nella più totale insipienza; in rete esistono strumenti e modalità che permettono questa interazione; si pensi a blog che non privilegino la fretta della risposta, si pensi ai web forum che impongono momenti di analisi e di riflessione; in entrambi i casi, è ovvio che deve essere fatta a monte una scelta che adotti queste modalità

24 un secondo, significativo aspetto riguarda la consapevolezza del senso di evento; per capire cosa possiamo intendere per evento e per sua gestione, utilizziamo la metafora della narrazione; nellindicare le proprietà di una buona narrazione, Bruner (1992, pag. 60) fa riferimento a Kenneth Burke (1845) quando afferma che una buona drammatizzazione deve avere cinque unità: attore, azione, scopo, scena, strumento; ciascuna con una propria funzione: la scena delinea lambito in cui si svolge lazione che un attore compie, con un determinato strumento, per raggiungere un certo scopo; questa composizione di cinque unità può essere utilizzata per definire un evento, qualora si aggiunga una ulteriore funzione: risposta.

25 la gestione di un evento è assimilabile ad una scena di una narrazione: un attore (lutente) è davanti ad un monitor che ha diverse icone (la scena), ciascuna ha un proprio modo di essere attivata e ciascuna risponde secondo una peculiare modalità; lutente agisce (azione) sulla scena, in particolare su unicona, con il mouse (lo strumento) per ottenere un determinato scopo; lazione dellutente provoca una risposta da parte del sistema; in definitiva un evento è dato dallazione di un utente su di un oggetto (icona), a questa azione corrisponde una risposta

26 la risposta è un insieme di azioni, da parte del sistema, che si sviluppano su un palcoscenico il cui ultimo risultato è una variazione della scena e, da qui, si può procedere allo stesso modo verso nuove ambientazioni; questo insieme di azioni è programmato dallo stesso utente, qualora sia anche autore oltre ad essere lettore; ed è questa la modalità che si propone, affinché si possa uscire dallo schema che prevede una trama di azioni e risposte già precostituite e ci si possa indirizzare, invece, verso la costruzione di un proprio ordito; un esempio di evento, conosciuto ai più, è un collegamento ipertestuale: al click su un oggetto che contiene un collegamento viene rintracciata e visualizzata una nuova pagina sul monitor

27 lutente può essere preso nel vortice dei click del mouse ed entra in una sorta di frenesia che lo rende dipendente dai meccanismi della partenza e dell'arrivo oppure riflettere sulla trama della propria narrazione che esplicita la sua interazione con il testo. Lo può fare, a maggior ragione, se assume il profilo di autore che organizza la propria tessitura di nodi e di collegamenti fra questi molti autori hanno scritto di una didattica ipertestuale e sulla sua validità, in particolare, in riferimento alla costruzione di ipertesti

28 della modalità e del significato di una buona interazione con gli ambienti del web (il blog), abbiamo già discusso, ora approfondiamo brevemente un ulteriore aspetto sul quale torneremo diffusamente in seguito e che si pone come nostro nodo centrale

29 abbiamo accennato in precedenza a due livelli di utilizzo delle tecnologie informatiche. In questo contesto ci riferiamo a quello di primo livello: lutente, che in questo caso è autore, costruisce delle applicazioni che possano rappresentare delle narrazioni e/o delle simulazioni. Internamente allo sviluppo di queste potranno essere distribuiti degli eventi per dare la possibilità di interagire con la scena che si sta realizzando; Lutente/autore deve impostare levento e lo deve testare: un click che scatena levento impone il riflettere sullinsieme di operazioni che rappresentano la risposta allazione dellutente. Così facendo si riflette sul proprio operato e sul proprio modo di sviluppare procedimenti: in definitiva si riflette sul proprio modo di pensare.

30 si esce definitivamente dallossessione del click esplorativo e si entra in una dimensione di click riflessivo, in un ambito complessivo di slow learning, nel quale ci sia una costante giustapposizione fra azione e (buona) riflessione.

31 Philippe Meirieu Dopo essere stato insegnante nella scuola primaria e secondaria, è oggi docente universitario di Scienze dellEducazione. Ha consacrato i suoi primi lavori scientifici al problema dellinterazione tra pari nellapprendimento e nel lavoro di gruppo. In seguito si è interessato alla pedagogia differenziata, formulando lipotesi che laccesso di tutti gli alunni ai fondamenti della cittadinanza imponesse la messa in opera di percorsi specifici adattati. Molto impegnato in Francia nel dibattito pubblico sulleducazione, Philippe Meirieu è stato spesso preso di mira dai «repubblicani» o dai «disciplinaristi», che lo accusano di aver contribuito ad abbassare il livello distruzione degli alunni e ad affossare lautorità degli insegnanti a causa della sua ideologia «pedagogista», egualitaria e demagogica. Ciononostante, si è sempre battuto per una pedagogia esigente, basata su una trasmissione culturale dalto livello, che non sacrifichi mai né le conoscenze né gli alunni.


Scaricare ppt "5° lezione – 2013/04/11 Metodi e tecnologie per l'insegnamento della matematica a.a. 2012/2013."

Presentazioni simili


Annunci Google