La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il castagno è impiegato sia per la produzione di frutti che per la produzione del legno, ciò lo rende particolare nel panorama selviculturale generale,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il castagno è impiegato sia per la produzione di frutti che per la produzione del legno, ciò lo rende particolare nel panorama selviculturale generale,"— Transcript della presentazione:

1

2 Il castagno è impiegato sia per la produzione di frutti che per la produzione del legno, ciò lo rende particolare nel panorama selviculturale generale, anche se altri alberi forestali sono interessanti per la produzione di frutti (noce o ciliegio), attorno al castagno si è sviluppata una vera e propria cultura. Il castagno ha rappresentato per molti secoli non solo la base elementare di sostentamento, ma anche il punto di riferimento dell'organizzazione politica, sociale e amministrativo della società contadina. Una vera e propria "civiltà del castagno"!

3 Nascita della castanicultura I motivi che hanno spinto l'uomo ad eleggere il castagno ad albero per eccellenza sono molteplici e non si limitano agli aspetti alimentari, ma comprendono anche ragioni di ordine ecologico e selvicoltura. Rispetto alla quercia, ad esempio, il castagno offre una migliore capacità pollonifera (vale a dire la possibilità di formare ricacci dalla ceppaia tagliata) e cresce meglio le quote abbastanza elevate (fino a 1000 m sopra il livello del mare) o su stazioni poco fertili. Il maggior contenuto in tannino del legno e la più grande porzione di cuore (durame) rendono i pali in castagno più resistenti e adatti all'impiego esterno. L'elasticità del legno consente di utilizzare il castagno anche per la produzione di oggetti ed attrezzi di uso quotidiano, come ad esempio leggerle, le botti i cesti, eccetera. Sono essenzialmente queste caratteristiche che hanno indotto i greci prima e romani poi ad interessarsi dell'utilizzo del castagno.

4 Legno scuro, ottimo per mobili e buono anche per esterni, in quanto ha un 'ottima resistenza agli agenti atmosferici. Proveniente dal Medio Oriente, ma ambientatosi da secoli, il castagno è un tipico legno italiano, ponendo l' Italia con circa ettari coperti a castagneto (corrispondenti a più del 15% della superficie boschiva) al primo posto in Europa; ma gli alberi adatti a creare un buon legno, quelli che hanno fra i duecento e i trecento anni, sono meno frequenti in Italia. Diffuso in boschi di pianura o di collina, fino a metri, in Europa meridionale, Africa settentrionale, Asia minore. E' inoltre diffuso su tutto il territorio nazionale; il castagno è infatti uno dei principali componenti della flora forestale appenninica. La sua diffusione, soprattutto come pianta coltivata, ha raggiunto il culmine verso la metà del secolo scorso, quando la castagna costituiva un importante alimento per buona parte della popolazione.

5 I prodotti del castagno venivano utilizzati per diversi scopi: · le foglie, opportunamente seccate erano talvolta usate come surrogato del tabacco da fumo; · con lestratto acquoso dei ricci, nelleconomia domestica, si tingevano e conciavano tessuti e cordami · i ricci, ricchissimi di sostanze tanniche, e quindi poco degradabili, venivano bruciati e le ceneri sparse come fertilizzante nel castagneto; · i polloni più teneri che crescevano alla base della pianta erano un buon foraggio per le capre.

6 Fino a qualche decennio fa, il legname di castagno era molto importante economicamente perché è forte, elastico, resistente, durevole e compatto. Le piante di castagno vengono di solito tagliate fra i 200 e i 300 anni, ma anche molto giovani secondo luso a cui sono destinate. Il legno è di colore bianco, giallastro, bruno e molto resistente allusura infatti era utilizzato per i più diversi impieghi : - palizzate, pali per diversi usi (pergolati, passerelle, steccati per i pascoli, ponti, ecc.) - Legname da spacco (verghe o vermene e polloni di piccolo diametro impiegato per cerchi da botte, cassette dagrumi, ceste da imballaggio,oggetti casalinghi come ventole, panieri, cestini da dispensa). - Paleria grossa (per costruzioni rustiche, stanghe da carri e barrocci, ritti per scale a pioli)

7 - Legname da filo - Legname da sega (soprattutto doghe da botti, mastelli). - Pali comuni da telefono e pali speciali per telegrafo - mobili grezzi - contenitori usati per alimenti e prodotti agricoli - travi e traversine - botti, tini - carbone e legna da ardere. - ceste (corbelli) - per legna da ardere (eventualmente per carbone da fucina dellartigianato e fasciname da forno per pasticceria). - porte, finestre. Dal legno di castagno si estrae il tannino,sostanza ricavata da diverse piante, che veniva usato per la concia delle pelli e per la tintura,le foglie, invece, possono essere usate come vegetali per il bestiame. Oggi limpiego del legno di castagno è limitato, anche se pare esserci un ritorno nelluso a livello artigianale e industriale.


Scaricare ppt "Il castagno è impiegato sia per la produzione di frutti che per la produzione del legno, ciò lo rende particolare nel panorama selviculturale generale,"

Presentazioni simili


Annunci Google