La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

HERA MODENA s.r.l. Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO – CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "HERA MODENA s.r.l. Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO – CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA."— Transcript della presentazione:

1 HERA MODENA s.r.l. Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO – CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

2 LE DISPOSIZIONI NORMATIVE PRINCIPALI Legge 10836/12/1971 Norme per la sicurezza dellimpiego del gas combustibile Decreto Ministeriale 3722/01/2008 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attivita' di installazione degli impianti all'interno degli edifici Decreto Ministeriale16/04/2008 Regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e dei sistemi di distribuzione e di linee dirette del gas naturale con densità non superiore a 0,8

3 LE PRINCIPALI NORME TECNICHE A) NORME DI PRODOTTO UNI EN novembre 1997 Rame e leghe di rame. Tubi rotondi di rame senza saldatura per acqua e gas nelle applicazioni sanitarie e di riscaldamento UNI EN 1359 – settembre 2001 Misuratori di gas a membrana UNI EN – agosto 2004 Sistemi di tubazioni di materia plastica per la distribuzione di gas combustibili - Polietilene (PE) - Parte 2: Tubi UNI FA 1/90 – marzo 1986 Contatori di gas. Prescrizioni di sicurezza e metrologiche UNI settembre 1989 Tubi in acciaio impiegati per tubazioni interrate e sommerse. Rivestimento esterno di polietilene applicato per estrusione UNI 9734 – gennaio 1991 Dispositivi di intercettazione per condotte di gas. Valvole di acciaio con otturatore a sfera UNI EN luglio 1998 Tubi di acciaio per condotte di fluidi combustibili - Condizioni tecniche di fornitura - Tubi della classe di prescrizione B UNI EN – ottobre 1999 Rivestimenti protettivi interni e/o esterni per tubi di acciaio - Prescrizioni per i rivestimenti di zincatura per immersione a caldo applicati in impianti automatici UNI EN – gennaio 2005 Tubi di acciaio non legato adatti alla saldatura e alla filettatura – Condizioni tecniche di fornitura UNI – dicembre 1993 Giunti isolanti monoblocco 10 < DN < 80 con PN 10 UNI – dicembre 1993 Giunti isolanti monoblocco 80 < DN < 600 con PN 16

4 B) NORME DI PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE, INSTALLAZIONE E COLLAUDO UNI FA1/91 - ottobre 1985 Impianti di riduzione finale della pressione del gas funzionanti con pressione a monte compresa fra 0,04 e 5 bar. (Progettazione, costruzione e collaudo) UNI 9034 – maggio 2004 Condotte di distribuzione del gas con pressioni massime di esercizio minore o uguale a 5 bar. Materiali e sistemi di giunzione UNI 9036 – dicembre 2001 Gruppi di misura con contatori volumetrici a pareti deformabili con pressione di esercizio minore o uguale a 40 mbar. Prescrizioni di installazione UNI 9165 – aprile 2004 Reti di distribuzione del gas - Condotte con pressione massima di esercizio minore o uguale a 5 bar - Progettazione, costruzione, collaudo, conduzione, manutenzione e risanamento UNI 9167 – aprile 1988 Impianti di ricezione e prima riduzione del gas naturale - Progettazione, costruzione, collaudo, conduzione, manutenzione e risanamento UNI 9860 – febbraio 2006 Impianti di derivazione dutenza del gas. Progettazione, costruzione e collaudo UNI – luglio 1997 Impianti di riduzione e misurazione del gas funzionanti con pressione a monte massima di 12 bar per utilizzo industriale e assimilabile e per utilizzo civile con pressione a valle compresa tra 0,04 e 0,5 bar. Progettazione, costruzione e collaudo UNI EN – maggio 2003 Installazioni per la regolazione della pressione del gas sulle reti di distribuzione – Requisiti funzionali

5 C) ALTRE NORME UNI – aprile 1996 Protezione delle tubazioni gas durante i lavori nel sottosuolo UNI – maggio 1998 Impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico preesistenti alla data del 13 marzo Linee guida per la verifica delle caratteristiche funzionali

6 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI GAS Le reti e gli impianti di derivazione di utenza per gas metano sono classificati in base al D.M. 16/04/2008 come segue: Impianti con pressione di esercizio Pe >24 bar(1a specie) Impianti con pressione di esercizio12 bar< Pe <24 bar(2 a specie) Impianti con pressione di esercizio5 bar< Pe <12 bar(3 a specie) Impianti con pressione di esercizio1,5 bar< Pe <5 bar(4 a specie) Impianti con pressione di esercizio0,5 bar< Pe <1,5 bar(5 a specie) Impianti con pressione di esercizio0,04 bar< Pe <0,5 bar(6 a specie) Impianti con pressione di esercizio Pe <0,04 bar(7 a specie) Le condotte di 1a, 2 a, 3 a specie sono condotte di Alta Pressione (AP) Le condotte di 4a, 5 a, 6 a specie sono condotte di Media Pressione (MP) Le condotte di 7a specie sono condotte di Bassa Pressione (BP)

7 Come standard aziendale si prevede per gli allacciamenti interrati lutilizzo di tubazioni: –in PE in derivazione dalle condotte di ghisa e di PE, e solo in 7° specie (BP) –in acciaio in derivazione dalle condotte di acciaio, e comunque in tutti i casi diversi da quello del punto precedente TUBAZIONI

8 Tubazioni interrate: –Tubazioni in acciaio UNI EN , con rivestimento esterno in PE UNI 9099 (rivestimento estruso a calza) tipo R3R (triplo strato rinforzato); giunzioni saldate –Tubazioni in polietilene tipo S5 triplo strato (tubazioni in PE rivestite con un foglio di alluminio e quindi un ulteriore rivestimento in PP-polipropilene); giunzioni saldate Tubazioni aeree MP: – Tubazioni in acciaio UNI EN , verniciate esternamente; giunzioni saldate Tubazioni aeree BP: – Tubazioni in acciaio UNI EN 10255, esternamente zincate a caldo secondo UNI EN qualità A.1; giunzioni filettate (materiale di tenuta: PTFE)

9 TUBAZIONI IN ACCIAIO DN "1"1/22"3"4"6"8"10" DeDe 33,748,360,388,9114,3168,8219,1273 Spess nom2,9 3,2 455,6 Diametri e spessori delle tubazioni in acciaio con estremità a saldare, conformi alla UNI EN , per condotte interrate BP e MP e aeree MP

10 DN Diametro esterno De (mm)Spessore S (mm) Designazione abbreviata della filettatura 2026,92,63/4" 2533,73,21" 4048,33,21"1/2 5060,33,62" 8088,943" Diametri e spessori delle tubazioni in acciaio con estremità filettata, conformi alla UNI EN 10255, per condotte aeree BP

11 SEZIONI DI POSA DI CONDOTTE STRADALI E ALLACCIAMENTI GAS METANO

12 SCHEMI DI POSA DI CONDOTTE IDRICHE

13

14

15 PROFONDITA DI POSA La profondità di posa delle condotte (distanza tra l'estradosso della condotta e il piano finito) dovrà essere in ogni punto non inferiore a: 0,60 m per le condotte gas BP 0,90 m per le condotte gas MP (anche per gli allacciamenti) Qualora durante le lavorazioni detta profondità non possa essere garantita dovranno essere presi idonei accorgimenti tecnici atti ad evitare deformazioni e/o rotture delle condotte per il transito e le operazioni dei mezzi di cantiere (es.: beole in cls).

16 ATTRAVERSAMENTI E PARALLELISMI In caso di sottopassi di reti fognarie, sottoservizi protetti da getti in cls, o altri sottoservizi di notevole estensione, la tubazione dovrà essere inserita in un tubo guaina di PVC per acquedotto UNI 1452, per una lunghezza sufficiente a garantirne la sfilabilità in caso di interventi di manutenzione. In caso di intersezioni/parallelismi (d <= 50 cm) tra reti gas MP e sottoservizi non in pressione (reti fognarie, tubi guaina per cavi elettrici, telefonici…), dovrà essere inserito un analogo tubo guaina, che dovrà estendersi per ameno 1 mt prima e dopo in caso di sovrappassi, almeno 3 mt prima e dopo per sottopassi.

17 Utenze domestiche: secondo la tabella riportata di seguito Utenze industriali o comunque altre utenze: lutente deve fornire o la portata richiesta o la potenzialità termica NOTA: Per ricavare la portata (in m3/h) dalla potenzialità termica: se la potenzialità è espressa in kcal/h, la si divide per il potere calorifico inferiore del metano (8.250 kcal/Nm3) se la potenzialità è in kW, la si divide per 9,6 kW DIMENSIONAMENTO DELLA RETE

18 Portate di dimensionamento (Sm 3 /h) e coefficienti di contemporaneità per utenze civili N° utenze Coeff.Uso cottura, acqua calda Uso cottura e acqua calda Contemp.e riscaldamento Portata totalePortata unit.Portata totalePortata unitaria 11662,3 20,7594,53,41,72 30,6511,73,94,51,49 40,614,43,65,51,38 50,5516,53,36,31,26 60,51836,91,15 da 6 a 90,5 3 1,15 100,45272,710,31,03 da 10 a 140,45 2,7 1,03 150,4362,413,80,92 da 15 a 290,4 2,4 0,92 300,35692,124,20,8 da 30 a 490,35 2,1 0,8 500,3901,834,50,69 da 50 a 990,3 1,8 0, ,21201,2-- da 100 a 1990,2 1, ,182201,1-- da 2000,18 1,1 -

19 CALCOLO DELLE PERDITE DI CARICO Perdite concentrate in via forfetaria per tenere conto di queste perdite è sufficiente aggiungere alla lunghezza effettiva della condotta una lunghezza convenzionale pari a m 6,00 Perdite distribuite Si calcolano con formule sperimentali di calcolo, le più adottate sono le formule di Renouard

20 RETI GAS A BASSA PRESSIONE Pa – Pb = 232 x 10 6 x S x L x Q 1.82 x D Pa – Pb = variazione della pressione (in mm H2O) tra linizio e la fine della condotta L = lunghezza della tubazione (km) Q = portata (Smc/h) D = diametro interno del tubo (mm) S = densità del gas combustibile (per il gas naturale la densità è essendo 1 quella dellaria)

21 RETI GAS A MEDIA PRESSIONE Pa 2 – Pb 2 = x S x L x Q 1.82 x D Pa = pressione assoluta iniziale (bar) Pb = pressione assoluta iniziale (bar) L = lunghezza della tubazione (km) Q = portata (Smc/h) D = diametro interno del tubo (mm) S = densità del gas combustibile (per il gas naturale la densità è essendo 1 quella dellaria)

22 CALCOLO DELLA VELOCITA IN CONDOTTA Q x 353,85 V = velocità (m/s) V = ---­­ Q = portata (Smc/h) Pb x Di² Di = diametro interno tubo (mm) Pb = pressione assoluta finale (bar) VELOCITA LIMITE: In base alla pressione di esercizio Pe > 3,5 bar 25 m/s 1,5 bar < Pe 3,5 bar 20 m/s 1 bar < Pe 1,5 bar 15 m/s 0,04 bar < Pe 1 bar 10 m/s Pe 0,04 bar 5 m/s

23 CONTROLLI DA ESEGUIRE SULLE CONDOTTE GAS 1.durante la posa della condotta dovranno essere effettuati controlli della resistenza dellisolamento elettrico della condotta (con scintillografo) 2.per condotte > 50 mt prima della prova di tenuta si dovrà eseguire la pulizia della condotta con scovolo (pig) 3.prova di tenuta a pressione con le pressioni e i tempi indicati nella tabella seguente 4.per estendimenti di rete > 50 mt o per condotte contenenti almeno un giunto dielettrico di sezionamento, dovrà essere verificata lefficacia della protezione catodica sul punto terminale (con tester-prova da eseguire dai tecnici di Hera) 5.spurgo con gas, fino ad avere presenza di solo gas metano in rete (verifica con gascromatografo).

24 Prova di tenuta tubazioni gas con Pe max < 5 bar UNI 9165 e derivazione dutenza secondo la normativa UNI 9860 Pressione iniziale Prima lettura Seconda lettura Condotte di 7 a specie tubazioni stradaliinterrate1 bar15 minuti24 ore Condotte di 7 a specie allacciamentiinterrate1 bar15 minuti30 minuti Condotte di 7 a specienon interrate0,1 bar15 minuti30 minuti Condotte di 6 a specieinterrate1 bar15 minuti24 ore (*) Condotte di 6 a specienon interrate1 bar15 minuti4 ore Condotte di 4 a 5 a specieinterrate1,5 volte Pe15 minuti24 ore (*) Condotte di 4 a 5 a specienon interrate1,5 volte Pe15 minuti4 ore Criterio di accettabilità: nessun calo di pressione tra prima e seconda lettura Pe = pressione di esercizio (*) 4 ore nel caso di allacciamenti


Scaricare ppt "HERA MODENA s.r.l. Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO – CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA."

Presentazioni simili


Annunci Google