La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EQUILIBRIO MACROECONOMICO CON PREZZI FLESSIBILI. MODELLO DI DOMANDA E DI OFFERTA AGGREGATE (AD-AS) Capitolo 9 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EQUILIBRIO MACROECONOMICO CON PREZZI FLESSIBILI. MODELLO DI DOMANDA E DI OFFERTA AGGREGATE (AD-AS) Capitolo 9 1."— Transcript della presentazione:

1 EQUILIBRIO MACROECONOMICO CON PREZZI FLESSIBILI. MODELLO DI DOMANDA E DI OFFERTA AGGREGATE (AD-AS) Capitolo 9 1

2 La costruzione della curva della domanda aggregata 2 Quando il livello dei prezzi era predeterminato non cera alcun bisogno di distinguere, nel modello IS-LM, tra variabili nominali e reali: i risultati nei due casi erano, nella sostanza, del tutto equivalenti se si fissa esogenamente P = P 0, si rientra nel modello con prezzi fissi dato P, anche lofferta reale di moneta è determinata si può allora disegnare il grafico della curva LM che corrisponde al livello dei prezzi pari a P 0

3 La costruzione della curva della domanda aggregata 3 Si può riportare sullo stesso grafico la curva IS e il punto di incontro tra le due curve identifica lequilibrio macroeconomico in corrispondenza di Y 0 ed i 0 Nel grafico che segue è stata indicata con LM(P 0 ) la curva LM che corrisponde a P = P 0

4 La costruzione della curva della domanda aggregata 4 i Y 0 (a) (b) P Y 0 LM(P1) LM(Po) AD P1 P0 Y1 Y0 i1i1 i0i0 E1E1 E0E0 IS

5 La costruzione della curva della domanda aggregata 5 Il punto di incontro con la IS permette di identificare Y 0 Data lofferta nominale di moneta M, lofferta reale è più bassa (il denominatore del rapporto M/P è più alto) Questo implica che la curva LM che corrisponde a P = P 1, cioè LM(P 1 ), si trova più in alto e a sinistra, analogamente a quanto avveniva nel modello a prezzi fissi quando si riduceva lofferta di moneta Perciò il livello dequilibrio del prodotto nazionale (reale) è Y 1, inferiore a Y o

6 La curva AD 6 La curva AD è nota come la curva della domanda aggregata (aggregate demand): essa descrive le condizioni di equilibrio sul mercato dei beni e della moneta per ogni possibile livello dei prezzi

7 La funzione dellofferta aggregata 7 offerta aggregata: produzione totale di beni e di servizi che le imprese hanno intenzione di produrre essa dipende dalle decisioni delle imprese di utilizzare i lavoratori e gli altri fattori produttivi al fine di produrre beni e servizi

8 La funzione dellofferta aggregata 8 AS di breve periodo: mette in relazione il livello dei prezzi e la quantità che le imprese vorrebbero produrre e vendere, sotto lipotesi che i prezzi di tutti i fattori produttivi rimangano costanti AS di lungo periodo: mette in relazione P ed Y, una volta che leconomia – ossia anche i prezzi dei fattori produttivi – si sia adeguata pienamente a quel livello dei prezzi (prezzi attesi=prezzi effettivi)

9 La AS nel caso neoclassico 9 Asimmetria informativa: - Le imprese conoscono il salario monetario e il livello del prezzo del prodotto che producono ( salario reale) - I lavoratori conoscono il salario monetario ma hanno maggiori difficoltà a conoscere il livello dei prezzi, sul quale possono formarsi solo unaspettativa

10 La AS nel caso neoclassico 10 La domanda di lavoro dipende dal salario reale effettivo, mentre lofferta dipende dal salario reale atteso Se i lavoratori stimano in modo errato landamento dei prezzi, solo dopo aver sottoscritto i contratti conosceranno il reale andamento dei prezzi

11 Il modello neoclassico del mercato del lavoro 11 Con un livello dei prezzi atteso inferiore a quello effettivo, il salario monetario e loccupazione saranno più elevati rispetto a quelli di pieno impiego, tuttavia il salario reale sarà minore del suo valore di pieno impiego N D (P 0 ) N S (P e =P 0 ) N 0 E0E0 N0N0 W0W0 W N D (P 1 ) N1N1 W1W1 I lavoratori prima o poi si accorgeranno dellerrore e tenteranno di correggerlo, ma nellimmediato dovranno rispettare i contratti sottoscritti

12 Costruire la AS nel caso neoclassico 12 W N Y N Y Y Y P AS W0W0 W1W1 W2W2 Lofferta aggregata indica, per ciascun livello generale dei prezzi, la quantità prodotta dalle imprese, quando il mercato del lavoro è in equilibrio. Ciò vale per un dato livello dei prezzi atteso dai lavoratori P0P0 P1P1 P2P2 Nd(P0) Nd(P1) Nd(P2) N0N0 N1N1 N2N2 Y0Y0 Y0Y0 Y2Y2 Y1Y1

13 Costruire la AS nel caso neoclassico 13 Nel lungo periodo, quando il sistema giunge ai limiti della propria capacità produttiva, la curva AS diventa verticale

14 La AS nel caso neoclassico 14 Fattori che ne determinano lo spostamento: - una aumento di P determinerà una riduzione del salario reale che spingerà le imprese ad aumentare loccupazione AS verso destra - un riduzione di P, il salario reale aumenta e riduce la quantità prodotta, quindi le imprese riducono i livelli di occupazione AS verso sinistra

15 Lequilibrio macroeconomico di pieno impiego e AD-AS 15 W/P N Y N Y Y Y P AS W1W1 W0W0 Costruiamo la AS con lipotesi di continua coincidenza del livello dei prezzi attesi con quello effettivo. In ogni momento i lavoratori conoscono i prezzi effettivi il salario reale atteso coincide con quello effettivo P1P1 P0P0 Y0Y0 Y0Y0 Y0Y0 Y0Y0

16 Lequilibrio macroeconomico di pieno impiego e AD-AS 16 Ci troveremo di fronte ad una curva AS perfettamente verticale, coincidente con il livello di produzione potenziale Y 0, associato allequilibrio di pieno impiego determinato nel mercato del lavoro se prezzi attesi e prezzi effettivi coincidono, vi è continuo equilibrio nel mercato del lavoro il livello del prezzo di equilibrio P 0 si determina nel punto in cui la AD interseca la AS verticale, in corrispondenza di Y 0

17 La curva dellofferta aggregata 17 I prezzi dei fattori produttivi sono mantenuti costanti lungo la curva dellofferta aggregata di breve periodo; quando variano, la stessa curva si sposta. se i prezzi dei fattori produttivi aumentano sarà necessario un aumento del livello dei prezzi; se, invece, i prezzi non aumentano, le imprese reagiranno diminuendo la produzione

18 La funzione dellofferta aggregata 18 Se la produttività del lavoro aumenta, in altre parole se ogni lavoratore è in grado di produrre di più, i costi unitari di produzione si ridurranno (a condizione che i salari unitari non aumentino in modo da controbilanciare completamente laumento di produttività) Y 0 P AS 0 AS 1 P1P1 P0P0 Y0Y0 Y1Y1

19 La funzione dellofferta aggregata 19 Quindi: - un aumento dei prezzi dei fattori produttivi o una diminuzione della produttività causa uno spostamento della curva AS verso sinistra - mentre un aumento di produttività o una diminuzione dei prezzi dei fattori produttivi causa uno spostamento della AS verso destra

20 La curva AS nel caso Keynesiano 20 Il salario monetario è rigido verso il basso anche in presenza di disoccupazione Keynes assunse che i lavoratori fossero soggetti allillusione monetaria e che lofferta di lavoro fosse funzione del salario monetario

21 La curva AS nel caso Keynesiano N d = f(W/P) N S (P 0 ) 0 N0N0 W/P N*N* W 0 /P 0 N S (P 1 ) W 0 /P 1 Ad un salario W 0 i lavoratori offriranno un numero di unità lavorative compreso tra 0 e N*. Sebbene il salario non possa essere ridotto, esso aumenterà quando tutti coloro che sono disposti a lavorare a w 0 sono impiegati e si desidera assumere lavoratori addizionali Una volta che N* sia raggiunto, la curva di offerta di lavoro piega bruscamente verso lalto. La distanza (N*- N 0 ) misura la disoccupazione involontaria 21

22 La curva AS nel caso Keynesiano 22 Poiché il salario monetario si suppone rigido verso il basso, la piena occupazione può essere riportata solo attraverso una diminuzione dei salari reali lofferta di lavoro si sposta verso il basso e la disoccupazione involontaria è eliminata Esaminate le caratteristiche del mercato del lavoro keynesiano costruiamo la corrispondente funzione di offerta aggregata

23 Equilibrio di disoccupazione, rigidità salariale e curva di offerta orizzontale, il caso keynesiano 23

24 Lequilibrio macroeconomico in AD-AS 24 equilibrio macroeconomico in AD-AS: la combinazione dei valori del reddito nazionale e del livello dei prezzi che appartengono sia alla curva AD sia alla curva AS

25 Lequilibrio macroeconomico AD-AS 25 AD AS E0E0 Y 0 P P0P0 P1P1 Y2Y2 Y0Y0 Y1Y1

26 Lequilibrio macroeconomico 26 la coppia di punti (Y 0, P 0 ) rappresenta lunico equilibrio macroeconomico possibile se il livello dei prezzi < Po, la produzione desiderata delle imprese sarebbe < alla spesa aggregata desiderata se il livello dei prezzi > P0, i produttori vorranno offrire un livello di produzione > a quello che viene domandato in corrispondenza di quel livello dei prezzi

27 Variazioni del reddito nazionale e del livello dei prezzi 27 Uno spostamento della curva AD viene definito come uno shock da domanda aggregata per es., uno spostamento verso destra della curva AD deriva da un aumento della domanda aggregata

28 Variazioni del reddito nazionale e del livello dei prezzi 28 Uno spostamento della curva AS è definito come uno shock da offerta aggregata uno spostamento verso destra deriva da un aumento dellofferta aggregata per ogni livello dei prezzi, sarà offerta una quantità di produzione nazionale reale più elevata uno spostamento verso sinistra, invece, indica una diminuzione dellofferta aggregata per ogni livello dei prezzi, sarà offerta una quantità di prodotto minore

29 Variazioni del reddito nazionale e del livello dei prezzi 29 Y 0 P AD 1 AD 0 AS E1E1 E0E0 Y1Y1 P0P0 P1P1 effetti di un aumento della domanda aggregata; tale incremento potrebbe essersi verificato a causa, ad esempio, di un aumento degli investimenti o della spesa pubblica

30 Variazioni del reddito nazionale e del livello dei prezzi 30 Gli shock da domanda aggregata inducono il livello dei prezzi e il reddito nazionale a variare nella stessa direzione: entrambi aumentano allaumentare della domanda aggregata e diminuiscono al diminuire della domanda aggregata


Scaricare ppt "EQUILIBRIO MACROECONOMICO CON PREZZI FLESSIBILI. MODELLO DI DOMANDA E DI OFFERTA AGGREGATE (AD-AS) Capitolo 9 1."

Presentazioni simili


Annunci Google