La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laura Menzio Pediatra di famiglia Obesità nellInfanzia e nellAdolescenza Obesità nellInfanzia e nellAdolescenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laura Menzio Pediatra di famiglia Obesità nellInfanzia e nellAdolescenza Obesità nellInfanzia e nellAdolescenza."— Transcript della presentazione:

1 Laura Menzio Pediatra di famiglia Obesità nellInfanzia e nellAdolescenza Obesità nellInfanzia e nellAdolescenza

2 COMPITO DEL PEDIATRA : GESTIRE LA PREVENZIONE DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE(DCA). DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE(DCA).

3 DI QUANTITA MA ANCHE DI QUALITÀ …. DI QUANTITA MA ANCHE DI QUALITÀ …. GLI ERRORI ALIMENTARI POSSONO ESSERE: Problemi che impediscono linstaurarsi di un Problemi che impediscono linstaurarsi di un CORRETTO RAPPORTO CON IL CIBO.

4 AMBIENTE TOSSICO

5 I Genitori filtrano e mediano le influenze e gli stimoli che giungono ai figli e giocano un ruolocriticonella costruzione dell ambiente familiare: I Genitori filtrano e mediano le influenze e gli stimoli che giungono ai figli e giocano un ruolo critico nella costruzione dell ambiente familiare: Stile di vita Stile di vita Consapevolezza dellimportanza di un corretto rapporto con il proprio corpo Consapevolezza dellimportanza di un corretto rapporto con il proprio corpo Abitudini alimentari deigrandi Abitudini alimentari dei grandi IMPORTANZA DEI GENITORI. Sono del tutto condizionanti per i piccoli

6 Comportamenti a rischio : offrire cibo come prima risposta alle richieste di attenzione del bambino dando cibi graditi e palatabili (madre nutrice). offrire cibo come prima risposta alle richieste di attenzione del bambino dando cibi graditi e palatabili (madre nutrice). controllo stretto su comportamenti e alimentazione: controllo stretto su comportamenti e alimentazione: 1.Restrizione - limitazione dellaccesso a cibi, bevande dolci, snacks; 2.Pressione a fare determinate azioni, giochi o a mangiare specifici alimenti; 3.Commenti o confronti con fratelli o amici su aspetto fisico (magrezza o sovrappeso). COMPORTAMENTI DEI GENITORI ASSOCIATI a EFFETTI NEGATIVI (Fisher Jo,1995,Golan,M 1998,Vauthier,1996,Bradlej 2002,Birch,2006.)

7 AUTOREGOLAZIONE E APPRENDIMENTO Abitudini AlimentariLe Abitudini Alimentari possono essere apprese. lintake energeticoE possibile modificare lintake energetico con offerte ripetute offerte ripetute. gusto processo di apprendimentolacquisizione del gusto per specifici cibi è conseguenza di un processo di apprendimento. senso di sazietaIl senso di sazieta è strettamente legato al carico glicemico. Il Bambino è in grado di autoregolarsi se gli vengono offerti cibi elementari non manipolati o raffinati.

8 MATERNAL RESTRAINT AND CONTROL EATING. La capacita dei Bambini di regolare lintake è condizionata dall azione di freno e controllo esercitata sul cibo dalla Madre. La capacita dei Bambini di regolare lintake è condizionata dall azione di freno e controllo esercitata sul cibo dalla Madre. I Bambini le cui Madri attuano un elevato controllo sullintake di alimenti sono meno capaci di autoregolarsi. I Bambini le cui Madri attuano un elevato controllo sullintake di alimenti sono meno capaci di autoregolarsi.(BIRCH,LL-Pediatrics,1994)

9 COMMENTI A volte leccessivo controllo dei genitori è conseguenza della tendenza alliperalimentazione del bambino. A volte leccessivo controllo dei genitori è conseguenza della tendenza alliperalimentazione del bambino. ( Brown R. Health Education Res 2004). ( Brown R. Health Education Res 2004). Ma,secondo Duke RE et all. (Appetite 2004): leccessivo controllo dei genitori non sempre è reazione alla perdita di autocontrollo del bambino ed alla presenza di sovrappeso, obesità, magrezza …. può infatti … leccessivo controllo dei genitori non sempre è reazione alla perdita di autocontrollo del bambino ed alla presenza di sovrappeso, obesità, magrezza …. può infatti … essere antecedente al verificarsi di queste patologie!

10 CARATTERISTICHE DELLE MADRI CHE ESERCITANO CONTROLLO. Preoccupate per il loro peso.Preoccupate per il loro peso. Non soddisfatte del loro corpo.Non soddisfatte del loro corpo. Storia di Disturbi del comportamento alimentare.Storia di Disturbi del comportamento alimentare. Distorta Percezione di se stesse.Distorta Percezione di se stesse. Attente a Peso e Alimentazione.Attente a Peso e Alimentazione. Madri che considerano le figlie sovrappeso.Madri che considerano le figlie sovrappeso. Preoccupate per il peso delle figlie.Preoccupate per il peso delle figlie. Figlie sottopeso o sovrappeso o che loro considerano tali.Figlie sottopeso o sovrappeso o che loro considerano tali. Madre che torna al lavoro precocemente.Madre che torna al lavoro precocemente.

11 CONSEGUENZE della RESTRIZIONE dell ACCESSO al CIBO ai BAMBINI. A BREVE Rende il cibo più attraente. Aumenta lAttenzione per il cibo. Comportamenti simili a quelli degli adulti sovrappeso: emotional overeating emotional overeating sintomi di of binge eating disorders. sintomi di of binge eating disorders. A LUNGO TERMINE Più assunzione di alimenti salutari e junk food. Più assunzione di cibo in assenza di fame Scarso autocontrollo. Scarsa autostima Passività. Alimentazione controllata Più aumento peso femmine (tra 5 e 11 anni).

12 UTILIZZO DEL CIBO PER MODIFICARE UN COMPORTAMENTO. I Bambini i cui genitori hanno utilizzato spesso il cibo per modificare un COMPORTAMENTO dimostrano un più scarso livello di AUTOSTIMA e SODDISFAZIONE del proprio CORPO. I Bambini i cui genitori hanno utilizzato spesso il cibo per modificare un COMPORTAMENTO dimostrano un più scarso livello di AUTOSTIMA e SODDISFAZIONE del proprio CORPO. Lutilizzo del CIBO per modificare un COMPORTAMENTO SPOSTA il CIBO dal suo RUOLO di SAZIARE la FAME e favorisce linstaurarsi di una problematica RELAZIONE con lALIMENTAZIONE. Lutilizzo del CIBO per modificare un COMPORTAMENTO SPOSTA il CIBO dal suo RUOLO di SAZIARE la FAME e favorisce linstaurarsi di una problematica RELAZIONE con lALIMENTAZIONE.

13 La promessa di una ricompensa è una tattica per incoraggiare il consumo di un cibo quando vi sia un rifiuto, ma tale comportamento ne riduce ulteriormente lo stimolo ad assumerlo

14 Legumi = fastidio, dolore Legumi utilizzati negativamente per ottenere uno scopo Se mangi i piselli puoi guardare la TV Cibi graditi utilizzati in un contesto positivo per ricompensare un buon comportamento Sei stato così bravo che ti darò della cioccolata Dolci = piacere

15 Spiegare ai genitori che alcune caratteristiche del bambino che sviluppa obesità quali: bassa autostima passività depressione sofferenza per sproporzione tra peso reale e ideale sono terreno fertile anche per lo sviluppo di DCA e di AVVICINAMENTO alle sostanze stupefacenti. Lobiettivo che ci si pone è quindi quello di una prevenzione globale e non solo nei riguardi dellOBESITA Spiegare ai genitori che alcune caratteristiche del bambino che sviluppa obesità quali: bassa autostima passività depressione sofferenza per sproporzione tra peso reale e ideale sono terreno fertile anche per lo sviluppo di DCA e di AVVICINAMENTO alle sostanze stupefacenti. Lobiettivo che ci si pone è quindi quello di una prevenzione globale e non solo nei riguardi dellOBESITA RESPONSABILITÀ ED INTERVENTI DEI PEDIATRI

16 VALUTARE LE ABITUDINI ALIMENTARI PER EDUCARE RILEVARE LE ABITUDINI NUTRIZIONALI DEL LATTANTE LATTE MATERNO!! (incremento ponderale settimanale) RILEVARE LE ABITUDINI NUTRIZIONALI DEL LATTANTE LATTE MATERNO!! (incremento ponderale settimanale) VALUTARE GLI STILI DI VITA VALUTARE LA CRESCITA PER INDIVIDUARE I SOGGETTI A RISCHIO OBESITA VALUTARE LA CRESCITA PER INDIVIDUARE I SOGGETTI A RISCHIO OBESITA I Pediatri devono :

17 EDUCARE NON PRESCRIVERE DIETE CONSEGUENZE DELLE DIETE Soprattutto se protratte e non accompagnate da attività fisica, le diete drastiche producono due conseguenze: Alterano il metabolismo con diminuzione del Alterano il metabolismo con diminuzione del dispendio energetico di base e favoriscono una maggiore tendenza a ingrassare Inducono DCA in particolare in senso bulimico: la Inducono DCA in particolare in senso bulimico: la restrizione favorisce la disinibizione e la perdita di controllo. Labuso di diete restrittive è tra i fattori responsabili dellinsorgenza di DCA

18 Si instaura il circolo vizioso: restrizione prolungata di calorie restrizione prolungata di calorie perdita di controllo sullalimentazione perdita di controllo sullalimentazione senso di colpa senso di colpa allarme restrizione dellintroito calorico allarme restrizione dellintroito calorico SE SI ABUSA DI DIETE RESTRITTIVE

19 IN CONCLUSIONE Per prevenire le malattie legate ai disturbi dellalimentazione occorre avvalersi della conoscenza dei meccanismi comportamentali e biologici che la regolano.


Scaricare ppt "Laura Menzio Pediatra di famiglia Obesità nellInfanzia e nellAdolescenza Obesità nellInfanzia e nellAdolescenza."

Presentazioni simili


Annunci Google