La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGRAMMA DINIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG IIIA ITALIA - SLOVENIA Progetto MAPSHARING Koper - Capodistria, 19 luglio 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGRAMMA DINIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG IIIA ITALIA - SLOVENIA Progetto MAPSHARING Koper - Capodistria, 19 luglio 2005."— Transcript della presentazione:

1 PROGRAMMA DINIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG IIIA ITALIA - SLOVENIA Progetto MAPSHARING Koper - Capodistria, 19 luglio 2005

2 MAPSHARING Unopportunità offerta da: P.I.C. Interreg IIIA Italia-Slovenia Sviluppo sostenibile del territorio transfrontaliero Tutela, valorizzazione, conservazione dellambiente e del Territorio Elaborazione di strumenti per il governo del territorio e di tutela del paesaggio finalizzati allo sviluppo sostenibile transfrontaliero PRIORITA 1: MISURA 1: AZIONE 7 : Da dove siamo partiti I proponenti del Progetto congiunto Provincia di Trieste Provincia di Pordenone, Comune di Udine, Comune di Muggia Centro regionale di sviluppo Capodistria Comune di Capodistria PROPONENTE ITALIANO: PARTNER ITALIANI: PROPONENTE SLOVENO: PARTNER SLOVENI:

3 MAPSHARING Il Costo del Progetto Ambito Territoriale di Riferimento 6 Comuni della Provincia di Trieste: 51 Comuni della Provincia di Pordenone: Comune di Udine: 7 Comuni della regione statistica Costiero-Carsica della Rep. Slovena: 211,82 kmq 2.273,22 kmq 56,65 kmq kmq Costo complessivo parte italiana: Finanziamento Interreg III: Cofinanziamento Proponenti:

4 MAPSHARING Ambito Territoriale di Riferimento

5 MAPSHARING Il contesto di riferimento Le diversità regionali di pianificazione in ambito transfrontaliero non offrono attualmente, in materia di pianificazione strutturale e strategica, alcuna garanzia per poter condurre interpretazioni e previsioni comuni. Lobbligo di recepimento entro 21 luglio 2004 della Direttiva 2001/42/CE che ha introdotto la Valutazione Ambientale Strategica VAS che ha come obiettivo la verifica della sostenibilità territoriale ed ambientale dei piani e dei programmi….. e di conseguenza valutare le ragionevoli alternative alla luce degli obiettivi e dellambito territoriale del piano/programma. Entrata nellUE della Repubblica di Slovenia (maggiori interazioni transfontaliere, necessità di adeguarsi alla normativa comunitaria) La Novità dopo la presentazione del del progetto Emanazione della LR 11/2005 INEVITABILE CONFRONTARSI CON LA V.A.S.

6 MAPSHARING La Dir. VAS pone lattenzione su alcune questioni lelaborazione di un rapporto ambientale; la messa a disposizione delle informazioni; lattivazione di consultazioni e forme di partecipazione; la considerazione del rapporto ambientale e dei risultati delle consultazioni prima delladozione di piani e programmi consultazioni transfrontaliere

7 MAPSHARING Finalità del progetto A) Attivare processi di collaborazione transfrontaliera nella condivisione di strumenti e metodi B) Costruire un sistema di conoscenze integrate e condivise ai fini della pianificazione transfrontaliera e della VAS C) Definire lanello di congiunzione tra informazioni e cartografie di base ed i futuri piani transfrontalieri, mediante la costruzione di significati condivisi rispetto a quelle categorie territoriali complesse D) Definire strumenti e metodologie comuni per quanto riguarda la conoscenza condivisa E) Esportare il know how del progetto

8 MAPSHARING Il progetto si svilupperà secondo i seguenti obiettivi Avviare un'attività di ricerca e di scambio di esperienze sui temi della VAS e dello sviluppo territoriale sostenibile; Promuovere i contenuti della sostenibilità ambientale in tutte le strategie di sviluppo territoriale, attraverso la definizione di appositi strumenti conoscitivo- interpretativi, metodologici, procedurali, valutativi e di supporto alle decisioni; Accrescere le competenze dei soggetti istituzionali sulle tematiche della sostenibilità applicate alla programmazione e pianificazione territoriale e accrescere il coordinamento tra gli stakeholder istituzionali; Contribuire ad accrescere l'informazione del pubblico sui contenuti degli atti di programmazione e pianificazione, e loro effetti sull'ambiente.

9 MAPSHARING I Risultati attesi dal progetto sono…. A) Costruzione di un prototipo di Carta della Conoscenza Territoriale Condivisa; B) Costruzione di una metodologia sperimentale per la Valutazione Ambientale Strategica; C) Consolidare le relazioni di cooperazione tra i partner per dare continuità alle finalità del progetto.

10 MAPSHARING Le fasi del progetto FASE 1: Esplorazione delle conoscenze territoriali disponibili presso i diversi enti territoriali e valutazione dei contenuti. FASE 2: Costruzione di una metodologia per la Valutazione Ambientale Strategica di Piani e Programmi di area vasta e definizione obiettivi di sostenibilità ambientale e relativi indicatori. FASE 3: Costruzione di un prototipo operativo di Carta della Conoscenze Territoriale Condivisa (C.C.T.C.) FASE 4: Costruzione del Sistema Informativo Territoriale e pubblicazione delle conoscenze al fine della consultazione via web FASE 5: Divulgazione dei risultati e promozione delle metodologie elaborate dal progetto.

11 MAPSHARING La Fase 1 (6 mesi) A) Esplorazione delle conoscenze territoriali disponibili presso i diversi enti territoriali e valutazione dei contenuti; B) Individuazione dei soggetti detentori dei dati per la Regione Friuli Venezia Giulia con riferimento al database già elaborato in ambito del Progetto Cartesio- per la Repubblica di Slovenia con riferimento al progetto ORIS; C) Valutazione delle conoscenze utili alla costruzione della Carta delle Conoscenze Territoriali Condivise (CCTC). In particolare i dati e le conoscenze che si intende raccogliere sono riferiti a: il sistema fisico-strutturale il sistema naturalistico ed ambientale; il sistema insediativo; il sistema delle reti infrastrutturali; il quadro dei vincoli territoriali; il sistema ecologico urbano D) Archiviazione dei dati raccolti e definizione di relative schede metadati (definizione di uno standard comune o di modalità di conversione) E) Elaborazione di un rapporto sui contenuti e la qualità dei dati raccolti; Esplorazione delle conoscenze territoriali disponibili presso i diversi enti territoriali e valutazione dei contenuti

12 MAPSHARING La Fase 2 (17 mesi) A) Indagine e valutazione delle esperienze in corso in Europa in Italia e in Slovenia in merito alle metodologie per la VAS; promozione di un Seminario di approfondimento sulle esperienze ed i casi più significativi. B) Definizione di una metodologia condivisa, tra i partner di progetto, per la Valutazione Ambientale Strategica di piani di area vasta e strumenti urbanistici comunali C) Definizione di obiettivi di sostenibilità comuni e definizione dei rispettivi indicatori di sostenibilità ai fini della valutazione ex post e del monitoraggio. Gli indicatori andranno riferiti a conoscenze contenute nella Carta delle Conoscenza Territoriale Condivisa. Costruzione di una metodologia per la VAS di Piani e Programmi di area vasta e definizione obiettivi di sostenibilità ambientale e relativi indicatori

13 MAPSHARING Fase 3 (16 mesi) Costruzione di un prototipo operativo di Carta della Conoscenze Territoriale Condivisa (CCTC) A) la definizione di una metodologia per armonizzazione e definire legende e rappresentazioni territoriali condivise, a partire anche dai risultati ottenuti con i progetti di iniziativa comunitaria già in corso (Transplan ed ISAMAP) e del progetto MOLAND commissionato dalla Regione Friuli Venezia Giulia al Centro Comune di Ricerca (CCR) della Commissione Europea; B) lomogeneizzazione delle informazioni raccolte e strutturazione omogenea delle banche dati; C) la produzione di carte tematiche come elaborazioni intermedie e di sintesi della Carta delle Conoscenze Territoriali Condivise;

14 MAPSHARING Fase 4 (18 mesi) Costruzione del Sistema Informativo Territoriale e pubblicazione delle conoscenze al fine della consultazione via web; Realizzazione di un portale intranet/internet che consenta: la condivisione dei dati tra i soggetti aderenti al progetto con le comunità transfrontaliere; Tale fase ha inoltre un effetto positivo sul territorio in quanto offre migliori opportunità di accesso al quadro delle conoscenze, tramite la possibilità di avvicinare enti, istituzioni, associazioni o singoli cittadini, al Sistema Informativo Territoriale e alla consultazione di dati cartografie tematiche messe a disposizione on-line. Il quadro delle conoscenze territoriali disponibile su internet, permette così ai diversi soggetti interessati di promuovere dei propri ed autonomi percorsi di valutazione rispetto a piani o programmi a partire da un quadro di riferimento che è la Carta delle Conoscenze Territoriali Condivise.

15 MAPSHARING Fase 5 Divulgazione dei risultati e promozione delle metodologie elaborate dal progetto Le iniziative inerenti questa sezione si pongono le seguenti finalità: A) confrontare i risultati, intermedi e finali, con analoghe esperienze nel campo dellapplicazione della normativa relativa alla VAS sviluppate nel contesto comunitario. B) mettere a disposizione di una pluralità di soggetti il know-how acquisito attraverso le attività progettuali relative sia alla costruzione della CCTC e della metodologia di VAS Quindi tale fase è altresì finalizzata alla realizzazione di un elaborato che descrive le modalità di procedimento e attuazione di ogni fase progettuale, in modo da creare una best practice, cioè unesperienza significativa utile per meglio comprendere lapproccio al relativo tema-studio di rilevanza territoriale e urbanistica, e disporre di una panoramica delle esperienze del territorio transfrontaliero considerato nel progetto, allo scopo di una potenziale riproducibilità e trasferibilità del succitato intervento.

16 MAPSHARING Il Gruppo di lavoro PROVINCIA DI TRIESTE (Promotore italiano) Arch. William STARC (Dirigente) - dott. Alberto MENEGANTE dott. Moreno VERTOVEC PROVINCIA DI PORDENONE (Partner italiano) Arch. Sergio BERGNACH (Dirigente) - arch. Eddi DALLA BETTA dott.ssa Pamela FALCOMER COMUNE DI UDINE (Partner italiano) dott. Giorgio PILOSIO (Dirigente) - dott. Mauro DODORICO COMUNE DI MUGGIA (Partner italiano) dott. Ladi COCIANI CENTRO REGIONALI DI SVILUPPO DI CAPODISTRIA (Promotore sloveno) dott. Giuliano NEMARNIK (Direttore) - dott. Slavko MEZEK dott. Igor MAHER - dott. Jakob MUNIH - dott.ssa Heidi Olenik COMUNE DI CAPODISTRIA (Partner sloveno) dott.ssa Jana KUZMAN

17 MAPSHARING Contatti PROVINCIA DI TRIESTE Funzione Pianificazione Territoriale e Strategica Piazza Vittorio Veneto, 4 I TRIESTE Dirigente dott. arch. William STARC Riferimenti per il progetto MAPSHARING dott. pianif. Alberto MENEGANTE dott. Moreno VERTOVEC FAX


Scaricare ppt "PROGRAMMA DINIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG IIIA ITALIA - SLOVENIA Progetto MAPSHARING Koper - Capodistria, 19 luglio 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google