La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Storia della scuola ticinese dal punto di vista dellallievo (XIX-XX) Marzio Conti Bellinzona 23 e 30 marzo 2004 SPAI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Storia della scuola ticinese dal punto di vista dellallievo (XIX-XX) Marzio Conti Bellinzona 23 e 30 marzo 2004 SPAI."— Transcript della presentazione:

1 Storia della scuola ticinese dal punto di vista dellallievo (XIX-XX) Marzio Conti Bellinzona 23 e 30 marzo 2004 SPAI (ISPFP)

2 Programma della serata e Introduzione generale: obbiettivi, modalità, fonti e risultati 2.Il Canton Ticino – Aspetti significativi 3.Levoluzione della struttura scolastica 4.Il problema dellassenteismo a scuola 5.Aspetti esterni: famiglia, economia e politica 6.Limportanza del numero di allievi per classe 7.Riflessioni conclusive - discussione

3 Programma seconda serata e Progetti educativi dellepoca 2.Lesempio di Boschetti-Alberti 3.La vita in classe: scuole, maestri, educazione e disciplina. 4.Conclusione: la scuola dal punto di vista dellallievo e la visione dellepoca 5.Riflessioni finali - discussione: la scuola oggi?

4 Perché la scuola? Importanza della formazione e dellistruzione in una società democratica e liberale Rapporto tra coscienza civile e cultura (capacità di analisi critica della società e di pensare con la propria testa) e democrazia. Rapporto tra libertà e responsabilità In questo senso la scuola ha un ruolo essenziale

5 Desmond Morris, La scimmia nuda "Gran parte di quello che facciamo da adulti si basa sull'assorbimento imitativo che avviene durante l'infanzia. Spesso pensiamo di comportarci in un determinato modo perché questo comportamento si accorda con qualche codice di astratti e nobili principi morali, mentre in realtà non facciamo altro che obbedire ad una lunga serie di impressioni puramente imitative, profondamente radicate e da lungo tempo dimenticate." Krause, Wie uns die Kinder sehen… "Wir wollen kritische und selbstbewusste Menschen. Erschrecken wir also nicht, wenn sie nun auch ihren eigenen Standpunkt verteidigen und nicht alles annehmen, was wir ihnen vorsetzen."

6 1 Introduzione - Obiettivi La ricerca voleva studiare la vita nelle scuole ticinesi del periodo Prendendo in considerazione ogni aspetto che poteva influire sulla scuola Cercando di concentrarsi sugli allievi

7 1 Introduzione - Modalità Definizione del periodo: Criterio interno: la riforma degli ispettori. Criterio esterno: la Prima Guerra mondiale Periodo: , che però va inserito nel contesto generale dal 1803 ad oggi

8 1 Introduzione - fonti Principalmente i rapporti degli ispettori, particolarmente interessanti visto il grande interesse politico del tempo per la scuola. Alcune riviste, libri, e rendiconto del Consiglio di Stato Vedi Bibliografia.

9 1 Introduzione - Risultati Difficoltà oggettive nello studio del punto di vista dellallievo Molto spesso si può però, almeno in quel periodo, giungere a considerazioni e ipotesi molto verosimili.

10 2 Il Canton Ticino Popolazione (1888) (1910) % di stranieri dal 15% al 28% ( ) Settori professionali 1888: 52.3; 31.1; 16.6 Settori professionali 1910: 41.4; 31.8; 26.8 Dal 1803 diversi problemi: Povertà Infrastrutture Istruzione

11 Caizzi, Aspetti e problemi del Ticino Lungo i secoli lenti della storia civile le popolazioni di montagna, in modo ancora più evidente di quelle di pianura, trascorsero unesistenza condizionata da fattori di stretto ordine ambientale. Limportanza della geografia fisica, senza svanire del tutto, è diminuita soltanto allorché il sistema di trasporti, fattosi assai più rapido, giunse a svincolare gli uomini da molte antiche soggezioni naturali. Il decisivo miglioramento delle comunicazioni, dovuto alla scoperta del vapore, fu annoverato anchesso fra le grandi rivoluzioni pacifiche che mutarono il mondo: e senzombra di esagerazione, si dovrà convenire pensando a ciò che ne segui poi. La rivoluzione dei trasposti, riducendo le distanze, abbatté infatti molte barriere che i gruppi sociali avevano innalzato fra loro col favore dellisolamento, e, intaccando i particolarismi, intraprese lopera lenta dei livellamenti sociali. A sua volta lera degli scambi intensi, inaugurata dalle nuove comunicazioni, preparò lunificazione economica delle nazioni, la quale diede il suggello delle costruzioni durature allunificazione politica che in molti paesi laveva preceduta senza tuttavia incidere abbastanza per riuscire ad imporre veramente un costume di vita.

12 Zappa, Il Ticino della povera gente "Nel 1803 il Ticino era entrato nella Confederazione come cantone povero economicamente. Di fronte al dilemma scuole oppure strade? Aveva deciso in favore di questultime."

13 3 Struttura scolastica Prima del 1803 avevamo diverse scuola, sorte per necessità della popolazione Riguardavano soprattutto i maschi (erano loro ad amministrare i beni famigliari) Vedi Cappelli, Manzoni, Dalla Canonica allaula

14 3 Struttura scolastica 1804 Nel 1804 abbiamo la prima legge scolastica, che generalizza una pratica diffusa, rendendola obbligatoria In ogni comune deve esserci una scuola Il parroco ha lobbligo di insegnare a leggere, scrivere e far di conto ai bambini del suo villaggio

15 La prima legge scolastica

16 Non era prevista nessuna formazione per i maestri Vedi Ritter, I maestri elementari della scuola pubblica ticinese ( ) 1837: primo corso di metodica (1 mese) 3 Struttura scolastica Inchiesta statale 1805: Le informazioni dei comuni recano limpronta di una diffusa miseria: la risposta relativa ai fondi scolastici è quasi invariabilmente 'nessuno'; il che comporta che in taluni casi 'la scuola non si fa', in altri 'vien fatta per carità', in altri ancora 'vien fatta dal parroco quando si trova a casa', 'si fa da particolari'; normalmente linsegnamento vien pagato 'dai genitori'; le ore dinsegnamento variano, i fanciulli ora 'si prestano', ora 'sono renitenti'.

17 Patente scolastica (Boschetti-Alberti)

18 Contratto scolastico (Boschetti-Alberti)

19 3 Il sistema del 1857 Elementari minori di 8 anni, divisi in 4 gradi di due anni ciascuno (possibili promozioni anticipate) Proscioglimento solo dopo il 3 grado (il 4° non era obbligatorio in tutte le scuole) – Passaggio alle maggiori possibile dopo il 3 grado (dai 10 anni) Ripetitività

20 Problemi politici - esempio 1877: sono riaperti i concorsi per lassunzione dei docenti statali Convinzione che il governo debba potersi scegliere funzionari di fiducia Peggioramento delle condizioni degli insegnanti (onorario minimo 400 fr, 5 fr. in più per allievo se il numero superava i 30 e 50 in più per ogni mese oltre i 6). In alcuni casi lonorario poteva essere ridotto a 300 fr. e per le maestre di 1/5. Riammissione dei sacerdoti (abolizione leggi del 1864)

21 3 Gli asili Erano molto popolari poiché facilitavano il lavoro ai famigliari Rendiconto CdS 1898 (Ispettrice Lauretta Perucchi): Future e infallibili benché lontane sono labitudine al disordine, alla gazzarra, allo scompiglio malsano e immondo delle bettole, lacre piacere delle risse, delle allegrie smodate in cui il decoro e la dignità vengono distrutti. Rendiconto CdS 1901: Il guaio potrebbe per avventura essere questo, che in certe famiglie, il peso di allevare ed educare la prole paia più grave ora che in altri tempi, e si tenda quindi a sbarazzarsene sopra gli asili.

22 3 Le scuole primarie-Legge e regolamento Massimo teorico 60 allievi (per sesso) Scuole divise in due classi di 4 anni, divise in due sezioni di due anni Promozioni anticipate possibili Tenere occupati tutti gli allievi Materie di base: religione e storia sacra, lettura e sunto, scrittura, lingua italiana ed esercizi di composizione, aritmetica e calcolo a memoria, elementi di geografia e storia patria, canto popolare e ginnastica sopra i dieci anni (più, se del caso, i lavori femminili) Materie facoltative: agricoltura e storia naturale, disegno lineare, geografia generale, nozioni sulla costituzione politica del paese, norme d'igiene domestica e contabilità NB: il termine scuola equivale a classe oggi

23 Dal 1894 Adozione del nuovo programma (vedi Gianini, Francesco, Programma di insegnamento per le scuole primarie della Repubblica e Cantone del Ticino….) Riforma del sistema ispettorale (8 ispettori di circondario – vedi appendice X, p 274) Durata delle scuole da 6 a 10 mesi Multe per refrattari da 10 a 20 cts.

24 3 Scuola secondarie Scuole elementari maggiori (primo grado di scuole secondarie, ben considerate dal popolo) Ginnasio e Liceo (dal 1852) Scuola Cantonale di Commercio (dal 1894) Scuole di disegno

25 3 Le scuole di ripetizione Durata di 60 ore Obbligatorie fino alla SR Problematica degli esami pedagogici delle reclute (in seguito)

26 3 Maestri Viene istituita la formazione magistrale Scuola normale (dal 1893 di 3 anni) Fino ad allora si avranno maestri 15enni. Miglioramenti economici Borse di studio Obbligo di insegnare per almeno 4 anni

27 Rendiconto CdS 1910 e 1911 Non è possibile che a 14 o 15 anni le preoccupazioni della vita materiale abbiano tanto potere da soffocare subito qualunque aspirazione germogliasse nellanimo del giovinetto verso una missione che, esercitata con amore, ha in se quanto basta a dare significato e nobiltà alla vita. Non per il movente del denaro vorremmo vedere ingrossarsi la schiera degli educatori, ma da poi che il denaro ha usurpato il posto di tante, di tantissime, di troppe cose più nobili, e domina sovrano, accettiamo rassegnati la sua potente cooperazione.

28 …in seguito Tentativi di riforma nel 1908 e 1911: falliti 1922: nuova legge scolastica, che prevede 5 anni di elementari e 3 di maggiori 1932: distribuzione gratuita del materiale scolastico Scuola Media (sperimentazione avviata nel 1976/77) Inoltre riforme a partire dal 1914 (anche per il settore professionale

29 3 Bilancio 1 Rossi, Felice, Storia della scuola ticinese "Sappiamo quali ostacoli dovette superare il Franscini per dare a ogni villaggio almeno una scuola primaria, e quali e quanti richiami e minacce angustiavano i municipi assillati a migliorare locali, acquistare materiale scolastico, pagare secondo le prescrizioni legali i maestri, trattenere gli scolari nell'età dell'obbligo –che i padri usavano portar con loro sulla via stentata dell'emigrazione." "Permettete che vi ricordi il grande bisogno del nostro paese non essere già che si formino molti dotti e letterati; ma bensì che sì cresca una gioventù conscia dei suoi veri interessi, conscia ed osservante de' doveri del proprio stato. Diffondere in tutte le classi del popolo l'operosità e l'industria, la cura nel conservare il bene proprio, il rispetto per il bene altrui, la parsimonia, l'amore delle patrie istituzioni, uno spirito di concordia e fratellanza, tutte le cristiane e repubblicane virtù, ecco la missione a noi confidata."

30 3 Bilancio 2 Nel periodo in questione si sono gettate le basi per la costruzione di un sistema scolastico efficace Molte difficoltà e problemi sono stati risolti (ne vedremo alcuni come lassenteismo) Altri saranno migliorati solo in seguito

31 4 Il problema dellassenteismo Lobbligatorietà della frequenza scolastica è data dal 1803 Diversi fattori concorrono a spingere le autorità a voler raggiungere la piena frequenza in questo periodo (esami pedagogici, convincimenti morali, ecc.) Lobiettivo sarà raggiunto a fatica

32 Cause La grande povertà La necessità di aiuto nei campi La necessità di aiuto in famiglia (specialmente per le ragazze, mandate a scuola da piccole e poi ritirate) Lemigrazione stagionale (spazzacamini)

33 Alcune citazioni interessanti Rendiconto del CdS 1899 Questa schiera di piccoli renitenti è fornita tutta dai Circondari meridionali, e si compone specialmente di ragazzi e ragazze che abbandonano la scuola, verso il dodicesimo anno, appena i rispettivi parenti li stimano atti a guadagnarsi un soldo in qualche modo facendo un lavoro qualsiasi. Cappelli, Manzoni, Dalla canonica allaula…. Abbiamo visto come nelle varie regioni ticinesi e, a volte, addirittura nei singoli paesi, poteva resistere una struttura scolastica che si adattava alle caratteristiche sociali, economiche e professionali degli abitanti. La scuola tradizionale si era modellata, nellarco dei secoli, sulle abitudini della gente. Ora veniva richiesto il contrario: le comunità di villaggio, che continuavano a vivere di agricoltura, di pastorizia e anche di emigrazione, dovevano improvvisamente adattarsi alle strutture ed alle regole scolastiche create dallo Stato.

34 Le dimensioni del problema Vedi tabella pagina 268 – APPENDICE VII

35 Tav. 9: Refrattari per Circondario Scolastico IIIIIIIVVVIVIIVIII 1896/ / / Dati dà Rendiconto del Consiglio di Stato (anni corrispondenti). I Circondari in breve (vedi Appendice X): I Mendrisiotto, II Lugano e dintorni, III Luganese, IV Locarnese, V Valle Maggia, VI Bellinzonese e Riviera (poi solo Bellinzonese), VII Leventina e Blenio (poi Blenio-Riviera), VIII Leventina Indicativamente abbiamo % dall1 al 2 % fino al 1904, poi in calo fino allo 0% I risultati sono ottenuti con la persuasione e con le multe! Il dato andrà considerato con la durata della scuola.

36 Media assenze arbitrarie per allievo

37 Citazioni dai rapporti del primo cirondario : È molto frequente "Che lo scolaro e la scolara stanno lontani dalla scuola per andare al campo, al prato, alla selva in aiuto della famiglia per lavori contadini o per rimanere in casa a guardia della culla, a cantare la ninna nanna, intanto che la mamma, la sorella maggiore, la zia attendono alle faccende domestiche, il padre il più delle volte lontano dal paese, fattosi emigrante … in cerca di fortuna." "Dove vanno quelle piccine di dieci anni? Negli opifici dove si lavora la seta. Guadagnano quaranta o cinquanta centesimo al giorno, sono di famiglia nulla tenenti o quasi, e quaranta centesimi, meglio se cinquanta, sono di gran peso nella bilancia della domestica economia nelle misere condizioni in cui taluni si trovano." Mentre "I piccoli manovali portano a casa in ragione di ottanta, novanta e anche più centesimi al giorno 'Vanno a portar la secchia.

38 Citazioni dai rapporti del secondo cirondario "Anzitutto deve migliorare la frequenza. Le mancanze arbitrarie, in tutte le scuole sommano una cifra enorme; i grandi, i piccoli, i ragazzi e soprattutto le ragazze, con troppa facilità, per futili pretesti sono trattenuti a casa dai genitori, che non si curano dell'educazione dei figli." "Mavvidi però presto che il compito più difficile era quello di correggere la pessima e generale abitudine di togliere troppo presto dalla scuola i ragazzi per metterli a mestiere, per trattenerli a casa a custodire bambini, per mandarli ne boschi a fare un po di legna o un po di strame, per sfruttarli, insomma, anzi tempo e proprio in unetà in cui la scuola, se non venissero defraudati dell'istruzione, potrebbe lasciar in essi, per aver già raggiunta una certa maturità di giudizio, una traccia duratura preparandoli allavvenire." "Una cinquantina di poveri ragazzi, di sventurate ragazze, orfani o figliuoli e figliuole di genitori trascurati, i quali non si fanno un dovere di provvedere alla educazione della loro prole, che lasciano vagare per le strade e per le piazze colla certezza di vederla crescere ignorante e col pericolo di averla guasta e corrotta innanzi tempo..." (si riferisce a Lugano)

39 Il caso degli spazzacamini Vedi testo distribuito Citazioni – le difficoltà degli ispettori : Rendiconto del CdS "Nessun uomo rivestito dautorità possiede il coraggio sufficiente di infliggere una multa, o di affrontare il pettegolezzo delle donniciuole. "Si spera di riuscire con la persuasione, dove non si riesce ad applicare i mezzi coercitivi." Ispettore primo circondario, 1902/03 -"Come è mai cattivo, signor Ispettore! Hanno ragione di dire che lei è il terrore delle scuole e dei maestri!! Ma mi dia un po' di pane e poi de' miei figlioli faccia ciò che vuole!" Rendiconto CdS (1915): Monelli che marinano la scuola per restarsene fuori, magari un giorno intiero, a divertirsi o fare di peggio; genitori che trattengono a casa i figli per motivi non sempre giustificabili ce ne furono, ce ne sono e ce ne saranno, fino a tanto che vi saranno scuole.

40 5 Aspetti esterni: famiglia, economia e politica

41 5 Le famiglie Abbiamo già discusso la problematica della povertà Lattitudine verso la scuola era molto buona dove cera una certa tradizione e soprattutto nelle valli superiori, poiché quanto appreso era utile per lamministrazione delle piccole proprietà Meno buona nei distretti sottocenerini e nel Locarnese e Bellinzonese, dove il lavoro e anche certe abitudini (sono segnalati casi di consumo di alcool favorito dai genitori)

42 Due citazioni Zappa, Il Ticino della povera gente: "Ma le famiglie povere di un tempo come potevano provvedere ai lavori agevolati oggi da questi mezzi moderni? Un tipico esempio lo forniva il contadino-artigiano. E così la donna-casalinga, che cuciva, rammendava, rattoppava… Cesare Marchi ha trovato unespressione perfettamente contrapposta allattuale civiltà dei consumi, definendo la precedente 'una lunga civiltà delle riparazioni.'" "Il lavoro, nella civiltà contadina, era sacro per tutti, uomini, donne, ragazzi. Un dovere imprescindibile di ogni giorno, quale richiedeva, anche la domenica e le altre feste, la cura del bestiame."

43 La problematica della frequenza Come detto la povertà era determinante Risposte dei genitori agli ispettori (vedi pp per informazioni supplementari) "È pane tolto di bocca ai miei piccini." Oppure genitori che: "Ripetono a squarciagola: siamo poveri noi!." "È vero, vi sono tanti mancanti, ma sono tutti figliuoli di povera gente, che hanno bisogno di mandarli presto a guadagnarsi il pane: sono famiglie che non potrebbero altrimenti fare." Sono io il padrone dei miei figli; sono capace di istruirli; sta a cuore anche a me il bene dei miei figli; come sono cresciuto io, così alla buona, cresceranno anchessi; nei nostri paesi non cè bisogno di saperla tanto alla lunga; lhanno fatta questanno questa legge?

44 Altre osservazioni degli ispettori "Di fronte alla necessità di vivere, non si colgono i vantaggi dell'istruzione, perché non sono immediati, mentre i bisogni materiali si presentano giorno per giorno, con vicenda inevitabile." "La famiglia manda a scuola i piccoli per togliersi delle seccature d'attorno; ma appena il ragazzo o la ragazza si può sfruttare, alla scuola non si pensa più." Il duro bisogno che stringe molte famiglie è pur sempre un formidabile nemico della scuola, alla quale sottrae troppe volte nellanno i fanciulli, nega loro o ritarda oltre misura libri e quaderni, e, ciò che accade spesso anche ai non bisognosi, non permette che essi trovino nelle loro case la quiete e il raccoglimento necessari a lavorare con profitto. "Qui si constata un progresso, ma si dovrebbe far capire una buona volta ai genitori che il loro nostranello, il caffè nero, magari con la grappa, somministrati giornalmente ai loro figli, ne ritardano lo sviluppo fisico e ne attutiscono le facoltà intellettuali." (Minusio)

45 Famiglia e scuola "Nella ridotta abitazione urbana e nella scomodissima casa contadina, manca lo spazio: impegnato precocemente a lavorare, il bimbo povero si muove in luoghi e secondo tempi di produzioni, non di loisir, è sul lavoro o nell'accudimento dei fratelli e delle sorelle minori che avviene la sua socializzazione. "È radicata nel popolo l'idea che il maestro abbia a mantenere la disciplina nella scuola coll'incutere timore agli allievi."E "Nel popolo è ancora radicato il concetto della vecchia scuola." (studio a memoria, per gli esami, per i premi -libri-). "Constatasi sempre per parte dei genitori la loro misera cooperazione per quanto riguarda l'educazione dei figliuoli: troppo grande è il numero di coloro che tutto dalla scuola pretendono, anche allorché a casa col loro esempio insegnano precisamente l'opposto di quanto dai docenti cercasi di imprimere nella mente dei discenti." (1904/05: IV circondario)

46 Maestri - disciplina

47 Ceschi, Ottocento ticinese Era però opinione assai diffusa in quei tempi che, istruendo i figli dei contadini e degli artigiani, costoro avrebbero imparato solo a disprezzare i lavori manuali e il proprio umile stato e disertato di conseguenza i campi e le officine per inseguire illecite ambizioni di ascesa sociale. Un proverbio sentenziava anzi brutalmente 'villan istrutto è villan ladro'.

48 Differenze maschi/femmine "Lo stato liberale creato nel 1848 non solo escluse le donne dalla partecipazione politica, ma negò loro la parità anche nell'ambito civile. Per quanto fossero diverse le leggi cantonali dell'Ottocento, tutte concordavano nel far pesare sulla donna coniugata l'interdizione legale. La moglie sottostava alla tutela del marito, non aveva nessuna facoltà di disporre né dei beni patrimoniali portati nel matrimonio né del suo reddito, e inoltre godeva di una capacità di agire assai limitata. Fino nel tardo Ottocento, in alcuni cantoni era ancora in vigore la cosiddetta tutela della donna (Geschlechtsbeistandschaft) anche per le donne maggiorenni nubili, vedove e divorziate. A ciò si aggiungevano quasi ovunque discriminazioni riguardo al diritto successorio."[1][1] [1] 3.5 La posizione della donna nel diritto civile, matrimonio, divorzio, p. 1, in AAVV, Donne Potere Storia: Donne e parità in Svizzera , Berna, Commissione federale per i problemi della donna, 1998

49 Separazione classi: Biasca

50 Classi anni seguenti

51 Risposta di un padre che non ha mandato a scuola la figlia (rendiconto del CdS 1898) Se si trattasse di un ragazzo, pazienza; ma una ragazza, si sa, per poco che ne sappia ne sa sempre abbastanza. Nelle valli invece: "I genitori sentono il dovere che hanno verso i propri figli, e nessuno, per proposito deliberato li vorrebbe sottrarre alla frequenza della scuola." Nelle scuole la divisione per sesso resterà prevalente, anche se si comincerà ad interrogarsi sullopportunità di dividere gli allievi per classi di età

52 Un primo bilancio Molti si chiedevano se erano le famiglie contro la scuola, o la scuola troppo intransigente. Infatti dove le scuole erano di 6 mesi, adattate alle esigenze, funzionavano bene e i risultati erano anche migliori.

53 5 Economia

54 Alcune citazioni AAVV, Storia dellinfanzia 2: "Il contributo dei più giovani nel lavoro della fattoria familiare, in quello quotidiano della sorveglianza e della custodia delle greggi o nel lavoro estivo dell'immagazzinamento dei raccolti, sembra perfino un buon esempio di 'storia immobile,' di cui sono stati testimoni e attori molti dei nostri contemporanei fino al giorno d'oggi." Per spiegare le difficoltà delle scuole maggiori: Questo stato di cose procede da cause molteplici: la corrività soverchia nellesaudire le domande dei Comuni che volevano una scuola maggiore; la legge, ora rigorosamente applicata, che vieta lammissione di allievi non licenziati regolarmente dalle scuole primarie; il piano di studi che finisce in sé e come preparazione non serve che per la Normale maschile e per la Scuola di Commercio; linsegnamento che riveste il carattere di coltura generale e non prepara gli alunni a nessuna cosa pratica in particolare; un po anche il fervore popolare che si raffredda facilmente intorno alle istituzioni che isteriliscono; la maggior istruzione acquisibile nelle scuole primarie che a molta gente della classe lavoratrice par bastevole ai bisogni della loro modesta vita; la necessità di occupare presto i ragazzi in lavori materialmente proficui; queste ed altre sono le cause che allontanano i giovani dalle scuole maggiori." (Rendiconto del CdS 1899)

55 Per le Scuole di Disegno : Si propone di istruire i giovani soltanto in quelle materie che possono trovare unimmediata applicazione nella realtà della vita, abbandonando, come fuori luogo, ogni elemento diretto di coltura generale: la storia, la geografia, il canto, la ginnastica, ecc.; nel numero dei rami dinsegnamento, ridotti, in logica conseguenza del criterio espresso, alle seguenti: disegno, lingua italiana, lingua francese, aritmetica, geometria e meccanica; nella distribuzione di essi rami sullorario settimanale, in cui il disegno ha la prevalenza sugli altri. (1906) Nelle scuole di disegno vivono consuetudini, consacrate più dalla tradizione che dai regolamenti, ignote alle altre scuole dello Stato; queste sono tutte obbligate ad un orario diurno, razionale e comune, di tante ore mattutine e di tante ore pomeridiane, ciascuna di quelle invece fissa ed accomoda il tempo delle lezione come pretendono i bisogni, veri o fittizi, degli scolari, e talvolta forsanche quelli privati del maestro. (1908)

56 Le scuole superiori

57 5 Politica Grande linteresse dei politici verso listruzione Per gli esami pedagogici Per migliorare la situazione economica del Cantone Per favorire lo sviluppo democratico

58 "La population enfantine est largement réunie à l'école; or les enfants sont encore malléables, moins ancrés dans des habitudes que les adultes, l'école est donc le lieu rêvé pour enseigner à vivre selon des normes nouvelles et homogènes."[1][1] "Dalle aule venivano in gran parte quelle convinzioni fondamentali e quelle regole di comportamento che determinavano inconsciamente gran parte di ciò che poi la gente avrebbe fatto o pensato."[2][2] [1][1] In Heller, Geneviève, > L'enfant à l'école primaire au 19e siècle: espace, morale, santé: l'exemple vaudois, p [2][2] In Ritter, Flavia, I maestri elementari della scuola pubblica ticinese ( ), p. 5. È una citazione di D. Thomson, nella sua Storia dell'Europa moderna, Milano, 1965.

59 Alcune osservazioni dellepoca Due volgari pregiudizi vengono in soccorso all'avarizia, e mentre questa corrompe il cuore, quelli armati del sofisma viziano la mente. Il primo di essi è il credere che spargere i lumi tra i figli dei contadini e degli artigiani, questi ne siano allettati, che, deposti gli aratri, le seghe, gli scalpelli e le lesine, abbandoneranno i campi e lasceranno deserte le officine. [1][1] "Lo Stato, soprattutto lo Stato democratico fondato sulla ragione, deve in ogni tempo accertare che in tutte le scuole, così private come pubbliche, di qualunque natura esse siano, nulla s'insegni che sia palesemente contrario alla Costituzione, contrario ai principi fondamentali della ragione, alle verità capitali della scienza, alle leggi indefettibili del progresso, alle esigenze legittime della società in cui viviamo, e soprattutto a quelle massime naturali dettate dal buon senso e dagli istinti profondi del cuore, che sono le soli capaci di unire durevolmente come fratelli tutti gli uomini senza distinzione di religione né di partito, e che noi chiameremo più semplicemente le norme della morale umana e civile." :[2][2] [1][1] Vedi Rossi, Felice, Storia della scuola ticinese, p Viene citata una lettera del filosofo radicale ticinese Romeo Manzoni. [1][1] Parravicini, Luigi A., Delleducazione pubblica nel Cantone Ticino, p. 16. Uomo di grande cultura, educatore italiano, che nel 1842 scrisse un manuale, approvato dal governo come programma delle scuole. Il concetto qui espresso lo si ritrova del resto nel detto popolare, già citato nella prima parte, "villan istrutto, villan ladro."

60 A livello locale Le difficoltà economiche incidevano notevolmente: 1898, II Circ: Si è mai visto alcuno pretendere di mandare a scuola i ragazzi per forza? Non è giusto obbligare i genitori a mandare a scuola i figli, quando sono in grado di guadagnarsi qualche cosa; sio mi trovassi in questo caso, vorrei ben farle valere io le mie ragioni; io non conosco delle leggi che diano del denaro. "Mi fu dato di scoprire ragazzi arbitrariamente tenuti lontano dalla scuola avvicinandoli ed interrogandoli per istrada." 1909/10, III Circ: "Diverse scuole del Circondario sono ancora alquanto povere di suppellettile didattica e ciò a causa non tanto della reale ristrettezza del Bilancio di qualche piccolo Comune, quanto della creduta inutilità dei mezzi didattici, da parte di autorità comunali ed anche di persone che si credono colte e pretendono di avere una certa competenza in materia scolastica."

61 1911, Rendiconto del CdS: Nei Comuni rurali, generalmente parlando, un edificio scolastico nuovo lo si giudica una cosa di lusso, niente affatto necessaria: la stanza, si dice, dove fummo istruiti noi e i nostri padri, che bastò a noi e a loro, basti ai nostri figli; nessuna novità vogliamo, nessuna spesa superflua. Non si considera che se lambiente, in cui i ragazzi rimangono 5, e talvolta 6 ore al giorno, non corrisponde a tutte le condizioni volute dalligiene, dalla pedagogia e dalla comodità, cresceranno in esso generazioni fiacche e malate, ne usciranno prive dellenergia necessaria per essere utili a sé e contribuire allumano progresso.

62 Politica - Bilancio La volontà politica era forte, almeno a livello cantonale Necessità di inculcare il rispetto verso i maestri e lautorità nei ragazzi (idea di rinchiudere in case di correzione i ragazzi discoli) Persuadere le famiglie dellimportanza della scuola Convincere le municipalità della necessità di investimenti nella scuola

63 Una scuola dellepoca

64

65 Sullultimo punto vedi AAVV, Igiene delle scuole e degli scolari: Risultato dell'inchiesta fatta praticare dal Dipartimento d'Igiene durante l'anno 1910 (estratto contoreso governatiovo 1910), Bellinzona, Tipografia e Litografia Cantonale, 1911, 71 p. Risulta che le case scolastiche di ben 63 Comuni richiederebbero di essere integralmente ricostruiti. "Col decretare l'istruzione obbligatoria … ha pure assunto verso la popolazione che manda i suoi figli alla scuola, non solo l'impegno di fornire alle giovani menti quel primo pane intellettuale che le preparerà più tardi alla lotta per la vita e ne formerà dei cittadini che contribuiranno alla sua grandezza futura, ma altresì quello di aiutarne lo sviluppo fisico, collocandoli in ambienti igienici e distribuendo loro largamente i tre elementi indispensabili alla vita: l'aria, la luce e l'acqua."[1][1] [1] Così si conclude l'inchiesta (pag. 71).

66 6 Numero di allievi

67

68

69 Alcune citazioni "Su questo punto la legge permette le classi di 60 scolari, ma al disopra dei 50, al massimo, un insegnante non dovrebbe averne. Ora contiamo ancora due scuole che superano i 60 scolari e 66 che ne hanno da 51 a 60. Questultime è desiderabile che, un po per volta, vengano tutte divise, onde potervi dare un migliore insegnamento.[1][1] [1] Conto-Reso del Consiglio di Stato, sezione DPE, I fanciulli che per intervenire alla scuola sono obbligati a fare dei chilometri di strada cattiva e magari pericolosa, tralasciano di andarvi, il più delle volte, o non ci vanno affatto, e quando la frequentano, vi giungono stanchi e mal disposti a seguire con profitto le lezioni.[1][1] [1] Rendiconto del Consiglio di Stato, sezione DPE, 1904, p. 15.

70 7 Conclusione Vedi testo: conclusione parte II (distribuita) I 3 fattori: numero di allievi; classi plurime e durata della scuola Osservazioni – domande - riflessioni

71 Esami pedagogici - osservazioni Vedi p 270 – tenere presente lo schema sul numero di allievi per classe (scuola) Inoltre emerge che le scuole delle valli superiori (in particolare Leventina, ma anche Blenio) danno risultati migliori. Fattori: attitudine delle famiglie e numero ridotto di allievi Molto marginale il fatto che lì vi sono classi plurime e la durata della scuola di 6 mesi Peggiori: Mendrisiotto – durata 10 mesi, suddivisione per classi possibile È quindi da notare limportanza del numero ridotto di allievi per classe


Scaricare ppt "Storia della scuola ticinese dal punto di vista dellallievo (XIX-XX) Marzio Conti Bellinzona 23 e 30 marzo 2004 SPAI."

Presentazioni simili


Annunci Google