La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

N.1 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Protocolli operativi per una efficace disinfezione nei locali destinati alla lavorazione degli alimenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "N.1 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Protocolli operativi per una efficace disinfezione nei locali destinati alla lavorazione degli alimenti."— Transcript della presentazione:

1 n.1 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Protocolli operativi per una efficace disinfezione nei locali destinati alla lavorazione degli alimenti di origine animale Midac S.r.l. Bruno BORREANI I nemici delligiene

2 n.2 Protocolli operativi per una efficace disinfezione PREMESSA Il termine DISINFEZIONE è riduttivo per descrivere tutte le necessarie attività igieniche lungo lintera filiera agro-alimentare-distributiva La disinfezione è una componente (essenziale ma non lunica) di un Programma di Biosicurezza (e Biocontenimento) Programma di Sicurezza alimentare

3 n.3 Protocolli operativi per una efficace disinfezione PREMESSA PROGRAMMA DI BIOSICUREZZA Stato sanitario in Allevamento e in fase di trasporto e sosta degli animali Obiettivo: controllo degli agenti microbici (batteri e virus) causa di malattia (es. mastiti bovine) o alterazioni alimentari (es. Clostridi nel latte) PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE Ambienti destinati alla manipolazione degli alimenti Obiettivo: controllo dei microrganismi patogeni (alterativi) causa di contaminazione (ambientale e di superficie)

4 n.4 Protocolli operativi per una efficace disinfezione DISINFEZIONE DI SUPERFICIE Fase terminale di un processo di sanificazione Obiettivo della disinfezione Distruggere i microrganismi patogeni (alterativi) sopravvissuti alla fase di detergenza per impedirne la persistenza e la diffusione nellambiente

5 n.5 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Disinfettare significa portare il principio attivo microbicida in intimo contatto con la cellula microbica in modo che reagendo con il bersaglio cellulare possa provocare la morte del microrganismo DISINFEZIONE DI SUPERFICIE Fase terminale di un processo di sanificazione

6 n.6 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Una prima verità: la disinfezione deve essere preceduta da una efficace lavaggio del substrato FASE DI DETERGENZA Rimuovere lo sporco è fondamentale perché costituisce una barriera fisica che impedisce al principio attivo di venire in contatto con la cellula microbica può reagire chimicamente con il principio attivo riducendone lattività DISINFEZIONE DI SUPERFICIE Fase terminale di un processo di sanificazione

7 n.7 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Si definisce SANIFICAZIONE linsieme di due trattamenti distinti e successivi DETERGENZA + DISINFEZIONE LA SANIFICAZIONE

8 n.8 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA FASE DI DETERGENZA Come si effettua una efficace fase di detergenza (eliminazione preventiva dello sporco) Detergenza sequenza di diversi trattamenti sgrossatura fisica risciacquo preliminare fase di lavaggio risciacquo intermedio (propedeutico alla disinfezione) il cui obiettivo è ottenere il livello definito di pulizia ottica percezione sensoriale della totale rimozione dello sporco con rimozione del 97% del carico inquinante presente sul substrato

9 n.9 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA FASE DI DETERGENZA (Lavaggio) La sequenza delle operazioni 1. Operazioni preliminari - rimozione meccanica di sfridi e sporco grossolano (sgrossatura fisica) - risciacquo preliminare con alta portata di acqua a bassa/media pressione e temperatura >40°C (fusione grassi) ma <60°C (coagulazione proteine) Operazioni preliminari: rimozione da un substrato di oltre il 95% del carico inquinante Errori da evitare: utilizzare pressioni troppo alte e dirigere il getto di acqua pressurizzata direttamente sullo sporco da troppo vicino

10 n.10 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA FASE DI DETERGENZA (Lavaggio) La sequenza delle operazioni 2. Fase di lavaggio - applicazione della soluzione detergente (es. sotto forma di schiuma) - dopo il necessario tempo di contatto risciacquo finale con abbondante acqua Il concetto di pulizia ottica: percezione sensoriale (fondamentalmente visiva ma anche tattile e olfattiva) che consente di verificare a livello soggettivo la assenza di residui di sporco sul substrato Detergenza: rimozione del 97% del carico inquinante presente sul substrato

11 n.11 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LE OPERAZIONI PRELIMINARI Con le operazioni preliminari si rimuove oltre il 95% dello sporco presente su un substrato (anche se lacqua da sola non bagna) Trattamento con sola acqua Trattamento con tensioattivo Sporco da rimuovere Superficie danneggiata BAGNABILITA (attività coprente) Abbassamento della TENSIONE SUPERFICIALE liquido-superficie

12 n.12 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LAPPLICAZIONE DEL DETERGENTE Perché preferire il lavaggio a schiuma? La schiuma si vede copre rapidamente ampie superfici consente tempi di contatto molto lunghi si aggrappa alle superfici verticali

13 n.13 Protocolli operativi per una efficace disinfezione IL LAVAGGIO A SCHIUMA La schiuma è linsieme di acqua pressurizzata + prodotto chimico + aria La composizione della schiuma è di norma 90,0% aria 9,5% acqua 0,5% detergente La quantità di aria determina la sua qualità più liquida con meno aria più asciutta e voluminosa con più aria La quantità di aria dipende dal tipo e dalla regolazione del sistema di schiumatura

14 n.14 Protocolli operativi per una efficace disinfezione

15 n.15 I PRODOTTI SCHIUMOGENI Area sosta animali sporco prevalente: deiezioni animali prodotto: detergente alcalino ad attività solvente Area abbattimento e prime lavorazioni (sezionamento carcassa e tagli anatomici) sporco prevalente: grasso e sangue prodotto: detergente alcalino clorattivo

16 n.16 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I PRODOTTI SCHIUMOGENI Il ruolo del Cloro (es. Ipoclorito di Sodio NaClO) I prodotti clorattivi (sviluppano Cloro) esplicano attività proteolitica (sinergica al lavaggio) microbicida (rapida e ad ampio spettro) deodorante (abbattimento dellurea) Capacità decolorante (residui di sangue) Capacità di rimuovere i biofilm batterici Vengono spesso definiti DETERGENTI-DISINFETTANTI

17 n.17 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA SCHIUMA Le apparecchiature schiumogene Due concetti diversi di schiumatura sistemi di schiumatura a iniettore basati sul principio di Venturi da abbinare ai sistemi di acqua pressurizzata (idropulitrici, impianti centralizzati) centraline pneumatiche ad aria compressa per schiumare senza utilizzare lacqua pressurizzata Devono garantire la giusta quantità di aria e qualità della schiuma

18 n.18 Protocolli operativi per una efficace disinfezione DISINFEZIONE CHIMICA come mezzo di Biocontenimento (parte di un Piano di Biosicurezza) Trattamenti di superficie DISINFEZIONE TERMINALE Fase terminale di una sanificazione avente lobiettivo di eliminare i microrganismi sopravvissuti alla fase di detergenza Trattamenti dellaria confinata DISINFEZIONE AMBIENTALE Aerosolizzazione della soluzione disinfettante con abbattimento delle particelle in sospensione aerea avente lobiettivo di ridurre il rischio di ricontaminazione Trattamenti a livello topico DISINFEZIONE CUTANEA Obiettivo di questi trattamenti è creare una zona non colonizzabile ovvero condizioni (temporanee) sfavorevoli ad una crescita microbica Trattamenti batterico-enzimatici basati sulla competizione microbica gestione dei sistemi di scarico aree di stoccaggio dei rifiuti controllo degli odori ambientali

19 n.19 Protocolli operativi per una efficace disinfezione DISINFEZIONE TERMINALE Per comprendere il reale significato del termine disinfezione terminale è opportuno considerare quel 3% o più di microrganismi che sono riusciti a sopravvivere alla fase di detergenza Lo scenario Numero limitato di colonie microbiche sopravvissute alla precedente fase di detergenza che si trovano (forma sessile) in condizioni di maggiore resistenza agli agenti chimici e spesso protette allinterno di aggregati detti glicocalice (primo stadio della formazione di un biofilm) Colonie non visibili e sparse in modo casuale su un substrato con la probabilità molto elevata di trovarsi annidate allinterno di microscopiche cavità (fori o tagli)

20 n.20 Protocolli operativi per una efficace disinfezione La contaminazione microbica residua sopravvissuta alla fase di lavaggio si trova in condizioni di elevata resistenza protetta allinterno di matrici glicoproteiche protetta allinterno di matrici glicoproteiche annidata in punti nascosti del substrato annidata in punti nascosti del substrato rendendo fondamentale la scelta del disinfettante più appropriato la scelta del disinfettante più appropriato il metodo di applicazione della soluzione disinfettante il metodo di applicazione della soluzione disinfettante Un concetto fondamentale alla base di una corretta disinfezione LA CONCENTRAZIONE REALE DEL PRINCIPIO ATTIVO IN PROSSIMITA DEL BERSAGLIO CELLULARE DISINFEZIONE TERMINALE

21 n.21 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Un efficace trattamento di disinfezione terminale deve essere in grado di portare il principio attivo microbicida in intimo contatto con la cellula microbica (bersaglio cellulare) meccanismo dazione ad una idonea concentrazione > alla M.I.C. Minima Concentrazione Inibente a condizioni idonee di temperatura sufficiente energia di attivazione del principio attivo per il necessario tempo di contatto minimo 5 minuti DISINFEZIONE TERMINALE

22 n.22 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Solo precise e rigorose procedure applicative della soluzione disinfettante sono in grado di favorire lintimo contatto principio attivo - bersaglio cellulare Significato di intimo contatto: la struttura molecolare del principio attivo microbicida deve colpire la struttura cellulare microbica reagire con il bersaglio cellulare (meccanismo dazione) fino a portare il microrganismo alla morte con perdita irreversibile della capacità di riprodursi IL CONCETTO DI INTIMO CONTATTO

23 n.23 Protocolli operativi per una efficace disinfezione IL DISINFETTANTE Un disinfettante chimico è una associazione di uno o più principi attivi ad attività microbicida Un disinfettante venendo in contatto con una cellula microbica interferisce con un bersaglio cellulare fino a provocare la morte della cellula stessa

24 n.24 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I PRINCIPI ATTIVI MICROBICIDI I principi attivi microbicidi si differenziano in base al loro MECCANISMO DAZIONE ovvero sulla capacità di interagire con un definito BERSAGLIO CELLULARE provocando ad esempio la rottura della membrana plasmatica oppure denaturando le proteine citoplasmatiche I principi attivi disinfettanti si differenziano in base al loro spettro dazione (attivi verso un certo tipo di microrganismo) meccanismo dazione (agiscono su un certo bersaglio cellulare) e sono caratterizzati da una certa velocità dazione

25 n.25 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Lesito di un trattamento di disinfezione è fortemente influenzato dai cosiddetti FATTORI LIMITANTI fattori che determinano una riduzione al di sotto del valore soglia (< MIC) della concentrazione reale del principio attivo in prossimità del bersaglio cellulare fattori che modificano la capacità di un microrganismo di resistere alla aggressione esterna del principio attivo – –comparsa di fenomeni di resistenza batterica apparente – –presenza sul substrato di biofilm batterici I FATTORI LIMITANTI DI UNA DISINFEZIONE

26 n.26 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I FATTORI LIMITANTI CHE PROVOCANO UNA RIDUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE REALE DEL PRINCIPIO ATTIVO (alcuni veramente banali ma troppo spesso determinanti) presenza residua sul substrato di sporco che costituisce una barriera fisica per il principio attivo può reagire chimicamente con il principio attivo presenza anomala sul substrato di acqua dal precedente risciacquo con conseguente diluizione del principio attivo utilizzo nella preparazione della soluzione disinfettante di acqua di qualità inadeguata (es. presenza di ioni Fe o Mn per preparare soluzioni clorattive o acque di durezza molto elevata con disinfettanti acidi) soluzioni poco stabili (cloro e ossigeno) preparate con troppo anticipo rispetto al loro impiego

27 n.27 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I FATTORI LIMITANTI CHE POSSONO SFAVORIRE LINTIMO CONTATTO PRINCIPIO ATTIVO-CELLULA BERSAGLIO la natura del substrato: levigatura, porosità, potere adsorbente, presenza di irregolarità o di angoli morti le proprietà tensioattive della soluzione disinfettante: capacità coprente e penetrante

28 n.28 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA SOLUZIONE DISINFETTANTE Applicazione mediante il metodo della nebulizzazione fine Comporta lapplicazione della soluzione disinfettante sotto forma di particelle molto piccole aventi un diametro medio di 20 – 30 micron Garantisce la rapida e completa copertura del substrato e una elevata capacità penetrante Nebulizzazione fine con sistema di erogazione a funzionamento pneumatico

29 n.29 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Non dirigere il getto direttamente verso il substrato ma al di sopra dello stesso (15-20 cm) in modo che lapplicazione avvenga per caduta shadowing effect Evitare leffetto shadowing: zone dombra che non vengono investite dalla soluzione disinfettante LA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA SOLUZIONE DISINFETTANTE

30 n.30 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA SOCIOMICROBIOLOGIA La sopravvivenza microbica I batteri sopravvivono perché sono in grado di riprodursi molto rapidamente Ma sono anche in grado di mettere in atto particolari e molto efficaci strategie adattative e difensive sporulazione comparsa di resistenze batteriche apparenti formazione di biofilm batterici

31 n.31 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA SOCIOMICROBIOLOGIA Le strategie adattative dei microrganismi Una comunità batterica è in grado di COMUNICARE (cell to cell communication) attraverso molecole segnalatrici definite AUTOINDUTTORI (AHL: Acil-omoserina-lattoni) se presenti in quantità sufficiente ( quorum sensing ) Comunica per mettere in atto efficaci reazioni di difesa contro le aggressioni esterne rappresentate dai principi attivi microbicidi Due diverse strategie adattative che sono in grado di modificare la capacità di un microrganismo di resistere allaggressione esterna comparsa di resistenze batteriche apparenti riconducibili ad una disinfezione inadeguata: sottodosaggio dei principi attivi formazione di biofilm batterici favorita da una detergenza inadeguata: presenza sul substrato di residui proteici

32 n.32 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA SOCIOMICROBIOLOGIA Le resistenze apparenti Alcune specie batteriche (es. Staphylococcus aureus) sottoposte alla azione di un microbicida in condizioni di sottodosaggio possono dare luogo a fenomeni di aumento della loro resistenza nei confronti dello stesso principio attivo microbicida Fenomeno erroneamente indicato come resistenza batterica acquisita (assuefazione collegabile al continuo uso dello stesso principio attivo) per analogia (non provata) con lantibiotico-resistenza (produzione di enzimi che inattivano specifiche classi di antibiotici) Il trasporto attivo comporta una spesa energetica che viene fornita dalla conversione ATP (Adenosin trifosfato) in ADP (Adenosin difosfato) Laumento della resistenza batterica si collega al potenziamento delle pompe di efflusso che sono preposte alla espulsione dallinterno della cellula (trasporto attivo) delle sostanze tossiche (disinfettanti e antibiotici) Fenomeno facilmente reversibile ripristinando il corretto dosaggio del principio attivo

33 n.33 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA SOCIOMICROBIOLOGIA Lantibiotico-resistenza Gli studi più recenti soprattutto in campo ospedaliero sono orientati a dimostrare (con risultati già oggi significativi) la correlazione che esiste tra limpiego di principi attivi disinfettanti a concentrazioni inferiori al valore soglia con la possibilità che il sottodosaggio agevoli la comparsa di fenomeni di antibiotico-resistenza e valutare i potenziali rischi connessi a questo fenomeno Staphylococcus aures

34 n.34 Protocolli operativi per una efficace disinfezione BIOFILM BATTERICI Una forma di adattamento ambientale dei microrganismi La struttura di un biofilm: insieme di microcolonie batteriche adese ad un substrato ed incapsulate in una matrice amorfa polisaccarida adesiva (EPS - Extracellular Polymeric Substances) - che viene secreta dalle cellule stesse - definita glicocalice Film condizionante: supporto glico-proteico sul quale inizia il processo di adesione batterica che porta poi allinsediamento del biofilm La sua formazione richiede come condizioni essenziali: una superficie a cui aderire con presenza anche minima di sostanze nutrienti (residui proteici) e acqua libera (substrato umido) Superfici con presenza di microfessure favoriscono ladsorbimento di molecole organiche - come le proteine - che andranno a costituire il film condizionante

35 n.35 Protocolli operativi per una efficace disinfezione BIOFILM BATTERICI La genesi di un biofilm (2) Adesione reversibile allo strato glico-proteico dei colonizzatori primari (cellule microbiche planctoniche) mediante cariche elettriche superficiali, forze di Van der Waals e attrazioni elettrostatiche Potenziamento delle adesine (adesione irreversibile) e cattura di altre cellule planctoniche, colonizzatori secondari (3) Accumulo di exopolisaccaridi con formazione della matrice polimerica amorfa (EPS o struttura a glicocalice) con successiva formazione del biofilm maturo (4) (5) Distacco dallaggregato batterico di singole cellule prive di exopolisaccaridi che vanno a colonizzare siti vicini (1) Binghampton University – D.G. Davies Adesione dei colonizzatori primari al film condizionante

36 n.36 Protocolli operativi per una efficace disinfezione BIOFILM BATTERICI La genesi di un biofilm Montana State University Center for Biofilm Engineering

37 n.37 Protocolli operativi per una efficace disinfezione BIOFILM BATTERICI Le caratteristiche peculiari Un principio attivo riesce solo parzialmente a penetrare nel fitto e vischioso strato di polimeri del biofilm e raggiungere la cellula microbica bersaglio La resistenza di un biofilm ad un principio attivo può quindi aumentare fino a volte rispetto agli individui isolati appartenenti alla stessa specie La rimozione di un biofilm da un substrato è molto difficile: reazione di depolimerizzazione ossidativa degli exopolisaccaridi Ossigeno o Cloro a dosaggi >500 ppm per tempi di contatto superiori ai 15 uniti ad interventi di rimozione meccanica come spazzolatura o raschiatura

38 n.38 Protocolli operativi per una efficace disinfezione BIOFILM BATTERICI Il problema nella filiera agroalimentare Molte specie batteriche patogene sono in grado di formare biofilm, su diversi substrati Ad esempio Listeria monocytogenes ed Escherichia coli su superfici metalliche e di altro materiale costruttivo Ciò ci consente di capire ad esempio perché sia molto complesso e spesso infruttuoso il tentativo di eradicare Listeria dai locali di trasformazione del latte e delle carni (filiera alimentare) Streptococchi e Stafilococchi (Staphylococcus aureus) a livello cutaneo Pseudomonas aeruginosa negli impianti idrici

39 n.39 Protocolli operativi per una efficace disinfezione ATTIVITA BATTERIOSTATICA Capacità residuale di un trattamento di disinfezione La disinfezione chimica a causa del decadimento spontaneo dellattività microbicida del principio attivo è un trattamento dal risultato momentaneo Una superficie disinfettata si può quindi rapidamente ricontaminare Attività batteriostatica: il principio attivo venendo a contatto con la cellula microbica non ne provoca la morte ma ne rallenta la crescita Batteriostasi: modifica della polarità del substrato che riduce ladesività batterica con parziale inibizione dello sviluppo batterico

40 n.40 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I PRINCIPI ATTIVI DISINFETTANTI (MICROBICIDI) I PRODOTTI AD ATTIVITA OSSIDANTE Alogeni: Clorattivi A sviluppo di ossigeno: Perossidi e Peracidi Meccanismo dazione Cloro e Ossigeno: ossidazione delle proteine Caratteristiche peculiari spettro dazione completo, anche sporicidi bassa energia di attivazione e quindi attivi anche alle basse temperature nessuna capacità residuale facilmente inibiti dalla presenza residua di materiale organico poco stabili in soluzione acquosa e sensibili alla qualità dellacqua irritanti e corrosivi I PRODOTTI A BASE DI TENSIOATTIVI Alchilammine: tensioattivi anfoteri Biguanidi e Quaternari: tensioattivi cationici Meccanismo dazione Attacco selettivo ai fosfolipidi della membrana plasmatica Caratteristiche peculiari ampio spettro dazione e utilizzabili in associazioni di principi attivi e coformulanti che ne ampliano lo spettro capacità residuale di Biguanidi e Quaternari poco sensibili alla presenza di materiale organico soluzioni acquose stabili nel tempo e insensibili alla qualità dellacqua di facile e sicuro impiego e bassa tossicità

41 n.41 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I PRINCIPI ATTIVI MICROBICIDI I PRODOTTI AD ATTIVITA OSSIDANTE Alogeni: Complesso iodoforo (I 2 -tensioattivo) stabilizzato in ambiente acido Meccanismo dazione Iodio: denaturazione delle proteine citoplasmatiche Caratteristiche peculiari ampio spettro dazione e rapidità dazione ottima attività antimicetica (muffe e lieviti) limitata capacità residuale la versione stabilizzata con PVP non è aggressiva ed è indicata per i trattamenti cutanei tendono a colorare le superfici I PRODOTTI A BASE DI TENSIOATTIVI Clorexidina: tensioattivo cationico famiglia delle Biguanidi Meccanismo dazione Attacco selettivo ai fosfolipidi della membrana plasmatica Caratteristiche peculiari caratteristiche battericide e batteriostatiche tipiche dei tensioattivi cationici bassa tossicità e assenza di corrosività particolarmente indicato per i trattamenti cutanei Clorexidina e Iodio-PVP sono i principi attivi microbicidi più tollerati a livello cutaneo

42 n.42 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I PRINCIPI ATTIVI MICROBICIDI I PRODOTTI A BASE DI ALDEIDI Aldeide di-glutarica Meccanismo dazione Denaturazione delle proteine citoplasmatiche Caratteristiche peculiari spettro dazione completo attività anche sporicida nessuna capacità residuale molto poco sensibile alla presenza di materiale organico irritante e può causare dermatiti per contatto prolungato I PRODOTTI A BASE DI FENOLI Cloro-fenoli Meccanismo dazione Precipitazione delle proteine citoplasmatiche e distruzione della membrana plasmatica Caratteristiche peculiari spettro dazione selettivo: attivi verso batteri, micobatteri, miceti, virus lipofili Inattivi verso virus idrofili e spore poco inattivati dalla presenza di materiale organico non utilizzabili con acque dure altamente assorbibili da materiali porosi pericolosi per gli occhi e per la cute Elevata tossicità Odore sgradevole e pungente

43 n.43 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LE ASSOCIAZIONI DI PRINCIPI ATTIVI Uno dei vantaggi dei principi attivi a base di tensioattivi o di aldeidi è rappresentato dalla possibilità di utilizzarli in associazioni sinergiche di principi attivi a diverso meccanismo dazione e con co-formulanti Queste associazioni possono consentire di allargare lo spettro dazione apportare attività batteriostatica rendere più semplice e più efficace lapplicazione agendo sulla bagnabilità e sulla capacità penetrante Classiche associazioni utilizzate nella filiera alimentare ALCHILAMMINA + QUATERNARIO DAMMONIO + Na 4 EDTA GLUTARALDEIDE + QUATERNARIO DAMMONIO + ALCOLE BINARIO

44 n.44 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I CO-FORMULANTI Na 4 EDTA (agente chelante) Sale tetrasodico dellacido etilediamminotetracetico Efficace agente chelante degli ioni metallici ed alcalino terrosi Meccanismo dazione Sequestra gli ioni Calcio creando uno squilibrio osmotico che provoca il passaggio di acqua dallesterno allinterno della cellula e per rigonfiamento la lisi della membrana plasmatica Non sporigeno Osmosi: passaggio spontaneo di acqua attraverso una membrana semipermeabile da soluzione diluita a concentrata Non utilizzabile in associazione a componenti ossidanti ALCOLI BIVALENTI (Glicoli) Oltre ad una eccellente attività virucida hanno la capacità di mantenere a lungo in sospensione aerea una soluzione disinfettante finemente nebulizzata Particolarmente adatti per i trattamenti di disinfezione dellaria ambientale in associazione a principi attivi non ossidanti (Glutaraldeide o Alchilammine) e con tensioattivi nonionici

45 n.45 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I PRINCIPI MICROBICIDI PRINCIPIO ATTIVOCARATTERISTICHE POSITIVE CARATTERISTICHE NEGATIVE Tensioattivi anfoteri e cationici Spettro dazione ampio Residualità Attività tensioattiva Attività selettiva Non sporigeni Ossidanti: Cloro e Ossigeno Spettro dazione completo Sporigeni Attivi a freddo Non residuali Inattivati dallo sporco Bassa attività tensioattiva Complessi iodoforiAmpio spettro dazione Attività antimicetica Scarsamente residuali Non sporigeni Colorano le superfici GlutaraldeideSpettro dazione completo Sporicida Attiva in presenza di sporco Non residuale Limitata attività tensioattiva Sensibilizzante cutaneo FenoliSpettro dazione ampio Attività micobatterica Attivi in presenza di sporco Non sporigeni Inattivati dallacqua dura Odore sgradevole e pungente

46 n.46 Protocolli operativi per una efficace disinfezione LA PROCEDURA DELLA DOPPIA DISINFEZIONE Nella scelta del disinfettante più idoneo ad un trattamento di disinfezione terminale di una superficie è fondamentale conoscere le specie microbiche presumibilmente presenti la natura del substrato Non esiste il disinfettante perfetto ma bisogna accettare il miglior compromesso tra spettro dazione (anche sporigeno) e velocità dazione stabilità, attività tensioattiva e facilità duso Per ovviare a questo limite si può ricorrere alla doppia disinfezione 1°step con principio attivo ad attività ossidante Trattamento di superficie 2°step con associazione ad attività anche residuale di principi attivi a diverso meccanismo dazione e co-formulanti Trattamento ambientale

47 n.47 Protocolli operativi per una efficace disinfezione IMPORTANZA DELLA DOPPIA DISINFEZIONE Un esempio ci viene dalla filiera delle carni dove è riconosciuta limportanza del Cloro come principio attivo microbicida ma anche deodorante – decolorante – proteolitico - controllo dei biofilm con caratteristiche microbicide peculiari: ampio spettro dazione, rapidità dazione, attività a freddo, … MA NON RESIDUALE Nelle (lunghe) pause produttive è indispensabile un trattamento anche residuale quindi … lunica soluzione possibile è la doppia disinfezione

48 n.48 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I PRINCIPI ATTIVI DISINFETTANTI I PRODOTTI A BASE DI ALCOLI Meccanismo dazione Dissoluzione dei glicolipidi della membrana plasmatica, penetrazione allinterno e precipitazione delle proteine citoplasmatiche Spesso associato a principi attivi a base di tensioattivi (Biguanidi o Quaternari) in prodotti pronti alluso caratterizzati da attività battericida ad ampio spettro e virucida della componente alcolica attività batteriostatica della componente tensioattiva La veloce evaporazione della componente alcolica favorisce la rapida asciugatura ed esalta la capacità residuale TRATTAMENTI DI SANIFICAZIONE INTERMEDIA DELLE SUPERFICI Consentono di mantenere basso il livello di contaminazione mediante trattamenti di sanificazione alcolica durante le pause produttive

49 n.49 Protocolli operativi per una efficace disinfezione I PRINCIPI ATTIVI DISINFETTANTI Adatti per i trattamenti di disinfezione rapida delle mani grazie alla attività virucida della componente alcolica Co-formulanti a base cosmetica dermoprotettiva I PRODOTTI A BASE DI ALCOLI Meccanismo dazione Dissoluzione dei glicolipidi della membrana plasmatica, penetrazione allinterno e precipitazione delle proteine citoplasmatiche Spesso associato a principi attivi a base di tensioattivi (Biguanidi o Quaternari) in prodotti pronti alluso caratterizzati da attività battericida ad ampio spettro e virucida della componente alcolica attività batteriostatica della componente tensioattiva La veloce evaporazione della componente alcolica favorisce la rapida asciugatura ed esalta la capacità residuale

50 n.50 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Grazie per lattenzione Parliamo di chimica e non di alchimia Non riduciamo il concetto di disinfezione ad un banale …… usa questo prodotto miracoloso e avrai risolto ogni problema


Scaricare ppt "N.1 Protocolli operativi per una efficace disinfezione Protocolli operativi per una efficace disinfezione nei locali destinati alla lavorazione degli alimenti."

Presentazioni simili


Annunci Google