La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Galleria Foto Definizione del Totalitarismo Affermazione staliniana, fascista e nazista Concetto di democrazia e dittatura Informazioni e Uscita Ricerche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Galleria Foto Definizione del Totalitarismo Affermazione staliniana, fascista e nazista Concetto di democrazia e dittatura Informazioni e Uscita Ricerche."— Transcript della presentazione:

1 Galleria Foto Definizione del Totalitarismo Affermazione staliniana, fascista e nazista Concetto di democrazia e dittatura Informazioni e Uscita Ricerche e Relazioni in file *.doc

2

3 Uno stato che vuole esercitare il proprio "totale" controllo sulla società, soffocandone ogni autonomia, abolendo ogni libertà e pluralismo attraverso sia l'uso della violenza sia l'uso degli strumenti atti a produrre consenso, invadendone ogni campo, occupando anche la sfera privata dei cittadini, è uno Stato totalitario o totale. L'aggettivo totale o totalitario viene elaborato nel lessico è politico in Italia e in Germania dagli anni Venti in poi.

4 : anche in Italia come in Germania scoppia il Biennio Rosso. Così scoppiano rivolte nei grandi centri industriali e nelle campagne. Il governo, ancora presieduto da Giolitti con la sua politica del non intervento, rimane neutrale e lascia che la situazione si risolva da sola; in questo modo le lotte operaie e bracciantili possono concludersi con delle vittorie sindacali. Come al solito, lo scopo delle rivolte socialiste è quello della rivoluzione; in questo caso non avviene perché nessuno dei capi del partito, nonostante la situazione favorevole, si prende l'impegno di promuoverla..

5 La difficile situazione economica italiana e i frequenti scioperi, le manifestazioni e le occupazioni delle fabbriche persuasero gran parte della borghesia a finanziare il neonato movimento dei Fasci Italiani di combattimento che era stato fondato nel marzo del 1919 da Benito Mussolini. Le squadre armate fasciste, le camice nere, attaccarono sistematicamente in tutta lItalia, sindacalisti, operai in sciopero e dirigenti politici del movimento operaio. Nel 1921 i Fasci Italiani si presentarono alle elezioni come Partito nazionale fascista e ottenne 35 deputati.

6 Il 1° agosto del 1922, si verifico uno sciopero generale. Le camice nere attaccarono in tutta italia operai e contadini scioperanti. Verso la fine di ottobre fascisti si misero in marcia per occupare Roma. Né lesercito, né la polizia intervennero per fermarli. Sarebbero stati in grado di fermarli ma il re non ordinò di sparare. Anzi, il 30 ottobre 1922 il re incarico Mussolini di costituire un nuovo governo. In questo modo, crollò il vecchio regime Giolitti e da qui inizia laffermazione del Fascismo.

7 Nel presentare alle Camere il suo ministero, Mussolini disse che aveva il potere di costituire un governo fascista ma non voleva; in realtà egli si mise subito allopera per trasformare lo Stato liberale in Stato autoritario. Licenziò numerosi funzionari pubblici che furono sostituiti con iscritti al Partito fascista, istituì il Gran Consiglio del Fascismo e trasformò le squadre dazione in Milizia. Modificò anche la legge elettorale per avvantaggiare il partito di maggioranza. Grazie al consenso della borghesia e alle azioni della Milizia, le elezioni del 1924 gli assegnarono una larghissima maggioranza. Le numerose irregolarità compiute durante le operazioni elettorali furono scoperte e denunciate alla Camera dal socialista Giacomo Matteotti che chiese di annullare il voto. Alcuni fascisti leggendo un articolo sul Popolo dItalia che diceva :, presero queste parole alla lettera e sequestrarono Matteotti. Il corpo fu ritrovato due mesi dopo laccaduto che suscitò

8 Il regime fascista, però, a differenza degli altri regimi totalitari, non riuscì mai ad esercitare un totale controllo sulle masse e sulla società italiana, poiché il suo potere era fortemente limitato da due forti istituzioni: la corona e la Chiesa. Per quanto riguarda il re, egli non si dimostrò mai un effettivo pericolo per Mussolini, anche perché non intervenne mai contro di lui. Non bisogna dimenticare comunque che egli era il capo dell'esercito, un esercito di italiani che aveva giurato fedeltà al monarca e non al duce. Per quanto invece riguarda la Chiesa, un'entità molto forte in Italia vista anche la vicinanza geografica col Vaticano e la forte presenza di cattolici nel Paese, Mussolini cercò di prendere subito accordi col Papa, per evitare che questi intervenisse a suo svantaggio. Così nel '29 il cardinale Gasparri e Mussolini sanciscono i "Patti Lateranensi e la religione Cattolica diventa religione di stato.

9 In ogni caso, il fascismo si è dimostrato più debole degli altri regimi anche perché, mentre nazismo e stalinismo hanno sempre cercato di subordinare lo Stato al partito, in Italia è avvenuto il contrario: al centro del regime c'era lo Stato. Inoltre, mentre gli altri regimi totalitari hanno cercato di organizzare la società in modo che la sovranità fosse interamente nelle mani del potere esecutivo o dell'apparato amministrativo, totalmente assoggettato al regime, in Italia ciò non è stato possibile. Infatti il fascismo ha "riciclato" l'amministrazione del periodo precedente che, chiaramente, ha potuto "fascistizzare" solo superficialmente con l'uso della forza; è quindi inevitabile che essa tenda a frenare il cammino del regime.

10 Ottenuta la guida dello Stato, il fascismo costruì lentamente una dittatura. Tra il 1925 e il 1929 fu varata una serie di provvedimenti che eliminarono i partiti di opposizione e annullarono lautorità del Parlamento. Tutto il potere venne affidato al governo guidato dal duce Mussolini. Fu istituito nel 1926, con le leggi fascistissime, il Tribunale speciale che giudicava i reati politici. Fu istituita anche lOvra, la polizia politica che sorvegliava lidee degli italiani

11 La politica economica fascista intendeva salvaguardare la produzione italiana e fu perciò protezionista. Mussolini fondò anche lIri,un ente statale che aveva lo scopo di salvare le aziende in difficoltà. Il duce promosse anche una forma di statalismo. Per consolidare il suo consenso in campo nazionale e il suo prestigio in campo nazionale, il fascismo progettò la conquista dellEtiopia. La guerra dEtiopia durò dal 1935 al 1936 e si concluse con la conquista del Paese. Mussolini ebbe così la possibilità di proclamare la nascita di un impero coloniale italiano. Questa solenne proclamazione fu una delle tante operazioni di propaganda che fu attuata nelle scuole, e in tutti gli organi di informazione. Il regime così ebbe il consenso per molti anni dalla maggior parte del popolo italiano.

12 Dopo la Grande Guerra in Germania nel scoppia il Biennio Rosso: gli operai, che fino ad allora avevano subito la guerra, non sopportano più quella vita di stenti ed entrano in lotta per ottenere aumento di salari e miglioramenti delle condizioni di lavoro (motivazioni economiche) e cercare di avviarsi come la Russia verso il Comunismo con la rivoluzione (motivazioni politiche).

13 Nella catastrofe della I Guerra Mondiale, l'SPD (la Social Democrazia Tedesca) è l'unico partito riuscito a mantenere una certa organizzazione; ora si prende l'incarico di formare un governo provvisorio e guidare la Germania. L'SPD, però, non è rivoluzionario ma vorrebbe solo ottenere delle riforme; per questo motivo il partito si ritrova con due nemici: i socialisti rivoluzionari da una parte (che si separano formando l'USPD) e la destra dall'altra (che comprende ufficiali, imprenditori, proprietari terrieri, burocrazia tedesca, ceti medi).La repubblica di Weimar (detta così dal nome della città in cui si stabilisce il governo) prende l'avvio da un compromesso: la destra avrebbe consentito alla sinistra moderata di governare solo se avesse eliminato l'attività rivoluzionaria. La socialdemocrazia si vede così costretta a stroncare i tentativi rivoluzionari in modo violento con l'ausilio di corpi paramilitari detti Freicorps. Alla fine del '20 vengono indette le elezioni per la formazione delle due camere del Parlamento e del Presidente della Repubblica, carica a cui la Costituzione attribuisce immensi poteri, tra cui anche quello di poter emanare leggi senza l'approvazione delle camere.

14 La situazione economica della Repubblica è molto difficile: la Germania obbligata a firmare il trattato delle riparazioni di guerra, si impegna alla restituzione di 132 miliardi di marchi oro alle potenze vincitrici della Grande Guerra. L'inflazione cresce sempre più. La situazione peggiora quando la Francia occupa i bacini carboniferi della Ruhr come garanzia del futuro pagamento totale dei debiti; in seguito a ciò il marco, che finora aveva basato la sua forza economica sul carbone della Ruhr, crolla. L'inflazione si impenna. In quel periodo è eletto Stresmann come primo ministro che, vista la grandissima crisi, cerca di correre ai ripari. Egli mette fuori circolazione il marco e fa coniare una nuova moneta: il Renten Mark, il cui valore rimane ancorato ai beni agricoli e industriali della Germania. Inoltre il nuovo Cancelliere prende accordi con gli USA per ricevere investimenti americani con cui poter sviluppare nuovamente l'economia. La situazione sembra ristabilirsi, ma nel 1929 scoppia negli Stati Uniti la grande crisi che subito dilaga in tutta Europa e in particolare in Germania, colma di investimenti statunitensi. Così nel '30 la Germania si trova in ginocchio per la terza volta nel giro di dieci anni e la morte di Stressman, nel '29 stesso, la lascia senza un valido uomo al governo.

15 Nell'anno della grande crisi si presenta per la prima volta alle elezioni politiche Hitler col suo partito, ma riceve soltanto il 3,2% dei voti. In seguito però la grande depressione determina in Germania un sempre più rapido deterioramento della situazione politica con un susseguirsi di deboli governi di coalizione, fino a quando il Partito Nazionalsocialista di Hitler nel '33 non ottiene il 37% dei voti. Ormai il partito hitleriano rappresenta una discreta quantità del Parlamento e non è più una realtà sottovalutabile: Hitler diventa così cancelliere e gli viene affidato l'incarico di formare il nuovo governo. Alla fine del '33 la Repubblica di Weimar non esiste più.

16 Lideologia del Partito nazista era basata sul razzismo e sul pangermanesimo e fu riassunta da Hitler in un libro dal titolo: Mein Kampf,.In molte pagine ripete le idee pangermaniste nate nellepoca di Guglielmo II: riunificare in una patria comune tutti i Tedeschi sparsi nei diversi paesi dellEuropa centrale e occupare tutti i territori necessari al suo spazio vitale, fino alla Russia compresa. Quindi rendere schiavi gli Slavi, considerati una razza inferiore destinata a lavorare al servizio della superiore razza germanica. Di Mein Kampf furono vendute 6 milioni di copie e venne definito il best seller meno letto nel mondo. Se molti tedeschi e soprattutto i politici europei e americano avessero letto davvero questo libro, dicono alcuni storici, non avrebbero mai dato a Hitler la possibilità di scalare il potere. Hitler era sostenuto dal popolo come rappresentante della razza ariana. Fra i nemici da distruggere, Hitler poneva al primo posto gli Ebrei, di cui detestava i successi economici e culturali. Come ha fatto Hitler ha guadagnare così tanto consenso nel giro di soli due anni?

17

18 Le iniziative di Hitler furono simili a quelle di Mussolini. Nel 1921 Hitler creò le SA, le camice brune, finanziate da industriali e banchieri tedeschi di idee nazionaliste. Esse inquadrarono circa uomini reclutati fra disoccupati sociali e attaccarono sistematicamente operai e sindacalisti socialisti e comunisti, senza che la polizia intervenga.. La crisi economica, effetto del crollo di Wall Street, sconvolse leconomia tedesca che da poco si era ripresa dalla sconfitta della Grande Guerra. Hitler divenne la speranza dei tedeschi che speravano in lui nel far risorgere leconomia e dare una dignità nazionale al Paese. Nelle elezioni politiche del 1930 i nazisti ottennero il 18,5% dei voti e in quelle del 1932 il 37,4%. Con questo episodio il nazismo divenne il primo partito del Parlamento. Il 30 Gennaio del 1933 Hitler viene incaricato di formare un nuovo governo dal Presidente della Repubblica Hindeburg.

19 In pochi mesi il governo di Hitler distrusse la democrazia parlamentare tedesca Furono abolite tutte le libertà civili e soppressi tutti i partiti politici e i sindacati; furono inoltre approvate leggi che davano pieni poteri a Hitler che incominciò a farsi chiamare Fürer. Nel 1934 Hitler proclamò la nascita del Terzo Reich. Gli oppositori politici furono perseguitati da reparti speciali dellesercito, le SS, e dalla Gestapo. Fin dal 1933 furono creati i primi lager, i campi di lavoro forzato in cui vennero internati lavoratori, sindacalisti, intellettuali.

20 La persecuzione degli Ebrei, già attuata con migliaia di episodi di violenza, divenne un programma di distruzione a partire dal 1935 con lemanazione delle leggi razziali. Gli ebrei furono espulsi dalle scuole statali privati della patente e di qualunque altro diritto. Le loro aziende venivano acquistate dai tedeschi. Furono cacciati dal lavoro e internatinei lager. Vedi mappa.

21 La politica economica protezionista svilupparono potentemente leconomia. Da questo i salari tedeschi divennero più bassi dEuropa e i ritmi di lavoro più intensi; lorario di lavoro fu prolungato grazie al sistema del cottimo. Nel 1936 rioccupò la Renania, sospese il debito di guerra e intervenne in Spagna per risolvere il colpo di stato attuato dal generale Francisco Franco favorendo la vittoria del fascismo spagnolo. Nel 1938 le truppe naziste invasero lAustria che fu annessa al Reich con un plebiscito. Nel 1938 durante la Conferenza di Monaco, credendo erroneamente di salvaguardare la pace, Francia e Inghilterra accettarono le richieste di Hitler: i Sudeti, la Boemia e la Moravia divennero territorio del Reich. Nel 1939 Hitler si assicurò lalleanza con lItalia con il Patto dacciaio e la neutralità dellUrss con il Patto Ribbentrop-Molotov. La Germania di Hitler parteciperà alla seconda guerra mondiale al fianco di Italia e Giappone ma subirà una sconfitta e il crollo del totalitarismo di Hitler nel 1946

22 Negli ultimi mesi del 1917 il governo provvisorio russo, succeduto a quello zarista, fu abbattuto dallinsurrezione armata del partito Bolscevico di Lenin.

23 Il capo militare dei Bolscevichi, Trotzkij, alla teste delle guardie rosse guidò a Pietrogrado loccupazione del palazzo del governo e di tutti i principali punti strategici della città. Il Congresso generale dei Soviet elesse il nuovo governo, diretto da Lenin, che iniziò le trattative per concludere una pace immediata con la Germania. Inoltre furono confiscate le terra dei latifondisti per distribuirle ai contadini e furono nazionalizzate le banche e le grandi industrie che divennero proprietà dei soviet operai; la giornata lavorativa fu ridotta da 12 a 8 ore e le donne ottennero tutti i diritti di cittadinanza attribuiti agli uomini.

24 Quando le cinque grandi potenze conobbero il programma politico e sociale di Lenin decisero che bisognava abbattere a ogni costo il potere bolscevico in Russia Per oltre due anni (1918 e 1920) lesercito dei Bianchi, armato e finanziato dalle potenze occidentali, cercò senza risultati di sconfiggere larmata rossa che vinse la guerra civile.

25 Per uscire dalla tremenda crisi economica provocata dalla Guerra Civile, Lenin decise di dar vita alla NEP. Lo stato mantenne il controllo delle industrie, delle banche, dei trasporti e del commercio internazionale, mentre le restanti attività economiche vennero di nuovo affidate alla gestione dei privati cittadini. I risultati furono positivi, lindustria e lagricoltura ripresero a produrre e furono riallacciati i rapporti commerciali con lOccidente

26 Nel 1922 il nuovo Stato ebbe anche un nuovo nome e divenne l Unione delle repubbliche socialiste sovietiche, uno stato federale che riconosceva il principio dellautodeterminazione dei popoli e quindi la loro completa autonomia amministrativa e una notevole autonomia politica.

27 Dopo la morte di Lenin si aprì la lotta per la successione alla guida dello Stato e del partito fra i due più stretti collaboratori di Lenin, Trotzkij e Stalin. Vinse Stalin e nel 1928 Trotzkij fu espulso dal partito. Da qui inizia il periodo in cui Stalin esercita un potere assoluto nel partito e nellURSS.

28 Egli utilizzò il suo potere dittatoriale per realizzare 2 obiettivi Ribaltando limpostazione della NEP, procedette alla collettivizzazione dellagricoltura con la costruzione di grandi aziende agricole statali, i kolchoz. Per ottenere una rapida industrializzazione del Paese varò nel 1928 il Primo piano quinquennale; al termine del terzo piano lUrss era la seconda potenza industriale nel mondo.

29 I risultati economici ottenuti da Stalin furono pagati a caro prezzo dal popolo russo. Tutti i nemici politici di Stalin e tutti quelli che si opponevano alle sue azioni furono giustiziati o arrestati e deportati nel gulag, dei campi di concentramento dove molti morirono di fame e freddo. Dal 1936 Stalin estese la repressione anche ai comunisti.

30 Tutti i valori di democrazia e libertà furono oppressi per rafforzare il potere di Stalin sul popolo sovietico

31

32 Forma di governo in cui la sovranità appartiene al popolo, che la esercita direttamente o mediante rappresentanti liberamente eletti

33 Regime politico in cui tutti i poteri sono concentrati in un solo organo, individuale o collegiale, che li esercita al di fuori d'ogni controllo

34 In questa sezione sono raffigurate alcune foto riguardanti il totalitarismo

35 Stalin

36

37 Saluto romano

38

39

40 Carta didentità di Vladimir Lenin

41 Lenin

42 Un poster dellURSS

43 PCI Partito Comunista Italiano

44 Il Dux

45

46 Hitler

47 Hitler e Mussolini

48

49 Stemma fascista

50 Tribunale Speciale

51 Lo stemma della Razza ariana

52 Marcia su Roma

53 Slogan fascista

54

55 Il Duce

56 Dux

57 Mussolini

58 Una fabbrica fiorentina occupata

59 Stemma nazista

60 Stemma fascista

61 Svastica

62 Saluto

63 Mappa dei lager

64 Larresto di Mussolini

65

66 Benito e Clara

67 Partigiani impiccati

68 Un forno crematorio di Auschwitz

69 Morte di Mussolini

70 Mussolini e Clara

71 La copertina del libro che ha fatto famoso Hitler

72 Ricerca Relazioni Giuseppe Raffaella Caterina

73 Questa presentazione è stata effettuata da Giuseppe Longordo. Il materiale che avete visto è stato scaricato da internet,tranne testo. Le foto presenti in questa presentazione sono state scaricate dai siti: Il midi che state ascoltando è stato scaricato dal sito e si chiama Rachmanninov 3-1 Lidea di questo ipertesto di storia è del professore Francesco Bezzi in collaborazione con il tecnico informatico Stefano Errico La versione originale del File è per PowerPoint 2002 ma per convenzione è stato convertito al formato precedente di PowerPoint 97 Premere ESC per uscire dalla presentazione


Scaricare ppt "Galleria Foto Definizione del Totalitarismo Affermazione staliniana, fascista e nazista Concetto di democrazia e dittatura Informazioni e Uscita Ricerche."

Presentazioni simili


Annunci Google