La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 CLUB SOMMOZZATORI PADOVA SEZIONE DI ARCHEOLOGIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 CLUB SOMMOZZATORI PADOVA SEZIONE DI ARCHEOLOGIA."— Transcript della presentazione:

1 1 CLUB SOMMOZZATORI PADOVA SEZIONE DI ARCHEOLOGIA

2 ARMI BIANCHE dell ultimo millennio rinvenute nell alveo del fiume Bacchiglione 2

3 ARMI in ASTA 3

4 Ferro di lancione (Partigianona) XIII° secolo Lancia di tipo barbarico, arma inastata da piede in uso ai partigiani. (data in dotazione a chi partecipava alla guerriglia contro i nemici del proprio paese )

5 5 Partigiane cm

6 6 Ferro di brandistocco – ( Corsesca ) ad ali di rondine, Veneto XV° secolo. Arma che veniva inastata a volte su aste lunghe anche 5 m. ed oltre che essere usata dai fanti nelle battaglie campali, si prestava bene sugli spalti dei castelli per allontanare le scale durante gli assalti.

7 7 Corsesca ad ali di pipistrello Veneto XV° secolo. Usata dai fanti sia per infilzare l avversario che per battere di taglio attraverso le punte laterali sotto le ali.

8 8 Spuntone quadrettato XV° secolo. Ferro semplice inastato ed usato dai fanti contro avversari che indossavano maglie di ferro.

9 9 Insieme di Partigiane, Lancione, Falcione e una Punta di freccia per balestra

10 10 Insieme di Spuntoni quadrettati, Punte di lancia e Punte di freccia.

11 SPADE e PUGNALI 11

12 12 Spada medievale Insieme composito, Italia o Germania? Prima metà del XII° secolo, lunghezza cm. 109, peso gr , pomo vagamente a forma di fico con diverse sfaccettature, elso a bracci lunghi diritti a sezione quadra, lama a fili paralleli con sguscio al medio, dove sono incise figure da un lato e lettere dall altro. La foto non rende visibilità alla pregiata esecuzione dellarma. Questa spada presenta su entrambi i lati della lama ornamenti ad incisione con riempimento in argento, pochissime le affinità delle iscrizioni su lame rinvenute in nord Europa, benché oscuro, sembrerebbero racchiudere un significato apotropaico e/o religioso, una delle più importanti medievali mai trovate in Italia, le cui peculiarità attestano una proprietà indubbiamente signorile.

13 13

14 14

15 15

16 16 Spada da fante, ( detta bastarda) ad una mano e mezza. Peso 964 g. ; lunghezza cm. 101 ; (lama cm.74,3 x 6,5) XV° secolo. Italia – Francia. Analogie con un esemplare di spada appartenente al gruppo di armi tardo quattrocentesche ritrovate a Legnago (VR).

17 17 Pugnale, seconda metà del XV° secolo, cm. 31, Europa centro meridionale.

18 18

19 19 Stesso Pugnale con altro a fianco privo di elso e pomo.

20 20 Spada da fante a Biscia, ad una mano e mezza, XV° secolo, g. 976, lunghezza cm. 94 Europa centro – meridionale, la spada da fante solitamente era munita di una lama corta, larga, e robusta in punta, adatta per combattimenti in spazi ristretti come il corpo a corpo e a colpire di botta e di stocco. La particolare conformazione ad otto ondulazioni, anche se raramente, trova puntuali riscontri nell iconografia del periodo e in pochissimi esemplari superstiti.

21 21 Daga Cinquedea, lama in Acciaio, manico in corno e rame dorato. Lunghezza cm. 58,5; g. 732; ( lama cm. 45 x 8,5 ) Veneto 1.500, il termine cinquedea è accertato in area della bassa pianura padana, si riferiva alla lama larga cinque dita al tallone. Presenta un motto inserito sui listelli di rame dorato del manico ( VIRTUDE CONDUCE ). Sicuramente sulla lama ripulendola, potrebbero ritornare in luce incisioni in smalto doro o allacquaforte, secondo il gusto classico del primo rinascimento.

22 22

23 23

24 24 Spada Cinquedea, Lama in acciaio, manico in corno e rame dorato. Veneto – 1.500, lunghezza cm. 72,5 ( lama 58,5 x 7,5 ). Come la precedente, più lunga di cm. 14.

25 25

26 26

27 27

28 28 Spada alla spagnola, lama in acciaio, pomo ed elso in bronzo, lunghezza cm. 101; ( lama cm. 94 x 3,3 ). Veneto fine del XV° secolo. Il nome deriva dal fornimento (pomo + elso ) inizialmente apparso nella penisola iberica e successivamente copiato.

29 29

30 30

31 31 Spada da lato? O spada da cavallo? (Italia settentrionale ) Definita sicuramente del braccio di guardia, di cui si nota lo stacco superstite mancante di guardamano che partiva dallelso ora privo di terminale (visibile con la foto successiva), fino a giungere con un percorso ad arco a sfiorare il pomo, senza tuttavia saldarsi ad esso.

32 32

33 33

34 34 Daga o Spadino Sfondagiacco o manosinistra, XVI° inizi del XVII° secolo, Europa centro-meridionale, il nome sfondagiacco gli viene dalla particolare punta molto acuminata adatta ad inserirsi e lacerare le maglie di ferro dellavversario durante il corpo a corpo stretto. Presenta un immagine sullanello.(Visibile nelle foto successive)

35 35

36 36

37 37 Daga o Spadino Sfondagiacco o manosinistra, seconda metà del XVI° secolo, Europa centro-meridionale, probabile produzione Veneta, visti i terminali dell elso, del pomo e dellanello a testa di leone. Limpugnatura è rivestita da un filo di rame intrecciato.

38 38 Paloscio, (Spadino corto) ca. Lunghezza cm. 51, in uso agli armigeri dei Signori sia per uso caccia che per difesa. Infatti, la magnifica impugnatura, raffigura da un lato un cervo simbolo di caccia e dall altro lArcangelo Gabriele con arco e faretra simbolo di guerra. La lama presenta delle croci e un motto vivat pandur che lo identifica come provenienza dal ex impero Austroungarico zona ungherese slava.

39 39

40 40

41 41

42 42 Insieme di armi, che mostrano chiaramente la proporzione tra Spade, Pugnali, Corsesche e altre armi dasta. Osservare al centro la dimensione della partigianona o lancia barbarica.

43 43 Insieme di Spade, si può notare chiaramente la differenza fra le corte ad una mano e mezza più robuste ed adatte nelle battaglie durante la mischia, e le lunghe ad una mano usate per i duelli.

44 44 Elmo da cavaliere a becco di passero, unico trovato nellalveo del fiume Bacchiglione. XV° secolo ca. peso g. Milano, Fiandre ?, In uso alla cavalleria pesante dotata di armatura intera. Uno dei pochi esistenti al mondo a conservare la rotellina (visibile anche nelle foto successive) posta a difesa della nuca e per agganciare un colletto con lunghe lamine di ferro a protezione del collo e delle spalle. Presenta un marchio coronato nella parte posteriore del guanciale destro.

45 45

46 46

47 47 Particolare della rotellina.

48 fine 48


Scaricare ppt "1 CLUB SOMMOZZATORI PADOVA SEZIONE DI ARCHEOLOGIA."

Presentazioni simili


Annunci Google