La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso IFTS per tecnico superiore addetto al restauro di pitture parietali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso IFTS per tecnico superiore addetto al restauro di pitture parietali."— Transcript della presentazione:

1 Corso IFTS per tecnico superiore addetto al restauro di pitture parietali

2 Diritto del lavoro e Diritto sindacale Diritto sindacale

3 Diritto del lavoro Complesso di norme che disciplinano il rapporto di lavoro e che tutelano, oltre che linteresse economico, anche la libertà, la dignità e la personalità del lavoratore

4 Diritto sindacale Branca del diritto del lavoro che focalizza la sua attenzione sulla figura del lavoratore dal punto di vista collettivo. Oggetto di studio della disciplina sono le organizzazioni sindacali, lo sciopero e il contratto collettivo di lavoro. Branca del diritto del lavoro che focalizza la sua attenzione sulla figura del lavoratore dal punto di vista collettivo. Oggetto di studio della disciplina sono le organizzazioni sindacali, lo sciopero e il contratto collettivo di lavoro.

5 FONTI Costituzione Codice civile Leggi ordinarie Cotrattazione sindacale Diritto internazionale

6 Il lavoro nella Costituzione

7 Art. 1: LItalia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro Art. 4: La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendono effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, unattività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società PRINCIPI FONDAMENTALI

8 PRINCIPIO LAVORISTA Carattere programmatico della Costituzione Politica attiva del lavoro Stabilitàdelloccupazione

9 Principio di uguaglianza formale e sostanziale Art. 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e luguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e leffettiva partecipazione di tutti i lavoratori allorganizzazione politica, economica e sociale del Paese.

10 Altre norme costituzionali Art. 35: La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme e applicazioni. Cura la formazione e lelevazione professionale dei lavoratori [….] Art. 35: La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme e applicazioni. Cura la formazione e lelevazione professionale dei lavoratori [….] Formare i giovani attraverso la creazione di istituti professionali di Stato o con appositi strumenti giuridici quali lapprendistato, il contratto di formazione e lavoro, i tirocini formativi e le borse lavoro

11 Art. 36: Retribuzione Il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente a assicurare a sé e alla sua famiglia una vita libera e dignitosa. Il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente a assicurare a sé e alla sua famiglia una vita libera e dignitosa. La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge. Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunciarvi.

12 Art. 37: Tutela del lavoro della donna e dei minori La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di condizioni, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire ladempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione. La legge stabilisce il limite minimo di età per il lavoro salariato. La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione.

13 Art. 38 previdenza e assistenza Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto di mezzi necessari per vivere ha il diritto al mantenimento e allassistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti e assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Gli inabili ed i minorati hanno diritto alleducazione e allavviamento professionale. Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato. Lassistenza privata è libera.

14 Art. 39 libertà sindacale Lorganizzazione sindacale è libera. Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge. E condizione per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento interno a base democratica. I sindacati registrati hanno personalità giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione di loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce.

15 LIBERTA SINDACALE Non ingerenza dello Stato nellorganizzazione sindacale Libertà del singolo di aderire al sindacato prescelto o di non iscriversi ad alcuno

16 SINDACATI Associazione (di lavoratori o di datori di lavoro) che ha lo scopo di svolgere attività dirette alla tutela degli interessi economici e collettivi e delle condizioni di lavoro di una determinata categoria di lavoratori. Associazioni di fatto Associazioni di fatto formazioni sociali in cui si sviluppa la personalità delluomo

17 Sindacati dei lavoratori SINDACATI UNITARI: CGIL (Confederazione Generale Italiana del lavoro) CGIL (Confederazione Generale Italiana del lavoro) CISL (Confederazione Sindacati Lavoratori Italiani) CISL (Confederazione Sindacati Lavoratori Italiani) UIL (Unione Italiana del Lavoro) UIL (Unione Italiana del Lavoro) UGL (Unione Generale del Lavoro) UGL (Unione Generale del Lavoro) CISNAL (Confederazione Italiana dei Sindacati Nazionali dei Lavoratori) CISNAL (Confederazione Italiana dei Sindacati Nazionali dei Lavoratori)

18 Sindacati dei lavoratori SINDACATI AUTONOMI: SNALS (Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola) SNALS (Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola) CISAL (Confederazione Italiana Sindacati Autonomi CISAL (Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori) Lavoratori) FISAFS (Federazione Italiana Sindacati Ferrovieri Stato) FISAFS (Federazione Italiana Sindacati Ferrovieri Stato) ANPAC (Associazione Nazionale Piloti Aviazione ANPAC (Associazione Nazionale Piloti Aviazione Commerciale) Commerciale) SINDACATI DI BASE: COBAS (Confederazione dei Comitati di Base) COBAS (Confederazione dei Comitati di Base)

19 Sindacati dei datori di lavoro CONFINDUSTRIA CONFINDUSTRIA CONFCOMMERCIO CONFCOMMERCIO CONFAGRICOLTURA CONFAGRICOLTURA CONARTIGIANATO CONARTIGIANATO CONFAPI CONFAPI CONFESERCENTI CONFESERCENTI COLDIRETTI CONFCOLTIVATORI COLDIRETTI CONFCOLTIVATORI

20 Organizzazione territoriale CONFEDERAZIONE NAZIONALE Federazioni di categoria raggruppate FEDERAZIONE NAZIONALE DI CATEGORIA Sindacati provinciali associati a livello nazionale SINDACATI PROVINCIALI DI CATEGORIA Organizzati in base al ramo produttivo in cui operano i lavoratori iscritti SINDACATI COMUNALI DI CATEGORIA Organizzati per mestiere o per categoria economica

21 Art. 40: diritto di sciopero Il diritto di sciopero si esercita nellambito delle leggi che lo regolano Legge n Legge n. 83 del 2000 (sciopero nel settore dei servizi pubblici essenziali) (sciopero nel settore dei servizi pubblici essenziali)

22 Esercizio del diritto di sciopero Procedura di raffreddamento (attivata dalle OO.SS); Procedura di raffreddamento (attivata dalle OO.SS); procedura di conciliazione (se lazienda accetta lincontro con le OO.SS.); procedura di conciliazione (se lazienda accetta lincontro con le OO.SS.); proclamazione (se lazienda non convoca le OO.SS. nella procedura di raffreddamento o se la conciliazione ha avuto esito negativo) con preavviso di almeno 10 giorni e comunicazione scritta dei termini dello sciopero; proclamazione (se lazienda non convoca le OO.SS. nella procedura di raffreddamento o se la conciliazione ha avuto esito negativo) con preavviso di almeno 10 giorni e comunicazione scritta dei termini dello sciopero; divieto di sciopero se esso è concomitante con altre interruzioni o riduzioni di servizi pubblici alternativi; divieto di sciopero se esso è concomitante con altre interruzioni o riduzioni di servizi pubblici alternativi; precettazione (disposta dal presidente del Consiglio dei ministri, da un ministro delegato o dal prefetto)in presenza di fondato pericolo di pregiudizio grave e imminente ai diritti costituzionali della persona. precettazione (disposta dal presidente del Consiglio dei ministri, da un ministro delegato o dal prefetto)in presenza di fondato pericolo di pregiudizio grave e imminente ai diritti costituzionali della persona.

23 Legislazione successiva alla Costituzione anni 60

24 Integrazione della disciplina codicistica al fine di perfezionare il sistema di tutela minimale degli interessi del lavoratore:Integrazione della disciplina codicistica al fine di perfezionare il sistema di tutela minimale degli interessi del lavoratore: leggi sui licenziamenti individuali, sul collocamento, sugli appalti di manodopera, sui rapporti speciali di lavoro: apprendistato, contratto di lavoro a termine lavoro domestico e lavoro a domicilio.

25 Legislazione successiva alla Costituzione anni 70

26 Ampliamento della tutela delle libertà e della dignità dei lavoratori contro le discriminazioni e per una parità di trattamento STATUTO DEI LAVORATORI (L.300/1970) Attuazione dei principi costituzionali relativi ai diritti individuali e sociali dei lavoratori allinterno delle organizzazioni produttive.

27 Titolo I della libertà e dignità del lavoratore Libertà di lavoro nei luoghi di lavoro Libertà di lavoro nei luoghi di lavoro Divieto di utilizzare impianti audiovisivi per il controllo a distanza dei lavoratori Divieto di utilizzare impianti audiovisivi per il controllo a distanza dei lavoratori Divieto di accertamenti sanitari se non a mezzo di enti pubblici Divieto di accertamenti sanitari se non a mezzo di enti pubblici Divieto di indagini sulle opinioni politiche, religiose o sindacali dei lavoratori Divieto di indagini sulle opinioni politiche, religiose o sindacali dei lavoratori

28 Titolo II della libertà sindacale Diritto di costituire associazioni sindacali Diritto di costituire associazioni sindacali Diritto di aderire ad associazioni sindacali Diritto di aderire ad associazioni sindacali Diritto di svolgere attività sindacale sul luogo di lavoro Diritto di svolgere attività sindacale sul luogo di lavoro Divieto di atti discriminatori Divieto di atti discriminatori Divieto di trattamenti economici collettivi discriminatori Divieto di trattamenti economici collettivi discriminatori

29 Titolo III dellattività sindacale Diritto di costituire rappresentanze sindacali aziendali Diritto di costituire rappresentanze sindacali aziendali Diritto di riunione in assemblea Diritto di riunione in assemblea Diritto di svolgere referendum tra i lavoratori Diritto di svolgere referendum tra i lavoratori Diritto, per i dirigenti sindacali, di usufruire di permessi per lo svolgimento delle loro mansioni Diritto, per i dirigenti sindacali, di usufruire di permessi per lo svolgimento delle loro mansioni

30 Legislazione successiva: dal 1975 agli anni 90

31 Diritto del lavoro della crisi Garanzia della crescita e della difesa delloccupazione Flessibilità: Contratti a termine e part-time Licenziamenti per sovrapproduzione Concertazione tra governo e parti sociali

32 Le fonti contrattuali

33 Accordi interconfederaliAccordi interconfederali Accordi triangolariAccordi triangolari Contratti collettivi nazionali di categoriaContratti collettivi nazionali di categoria Contratti aziendaliContratti aziendali

34 Accordi interconfederali Conclusi tra opposte confederazioni su temi di maggiore rilievo economico e sociale. Conclusi tra opposte confederazioni su temi di maggiore rilievo economico e sociale. Prevedono norme da applicare a tutti i settori Prevedono norme da applicare a tutti i settori

35 Accordi triangolari Tra gli opposti sindacati si inserisce il governo in difesa di interessi economici internazionali

36 Contratti collettivi nazionali di categoria Lo scopo Stabilire condizioni uniformi e obbligatorie valide per tutti i lavoratori e i datori di lavoro di una determinata categoria I C.C.N.L. hanno efficacia erga omnes: Lart C.c. e la L. n.300/1979 vietano che il contratto individuale di lavoro possa derogare la disciplina dei contratti collettivi

37 LE PARTI I sindacati dei datori di lavoro e i sindacati dei lavoratori di una determinata categoria IL CONTENUTO Parte economica Trattamento salariale Parte giuridica Altri aspetti del rapporto di lavoro (orario, ferie, riposo settimanale, ecc…)

38 La forma Come per la generalità dei contratti, vale il principio della libertà di forma (Cassazione, S.U., , n. 3318). Di norma, i contratti collettivi sono conclusi per iscritto per motivi di chiarezza.

39 La durata E fissata dalle parti stipulanti. Il contratto collettivo nazionale di categoria ha in genere una durata di quattro anni per la parte normativa e di due anni per la parte economica Alla scadenza del termine, conformemente ai principi generali, il CCNL cessa di produrre effetti e non è più vincolante. Anche dopo la scadenza del contratto, in ogni caso, conservano la loro efficacia le clausole attinenti alla retribuzione

40 Rinnovo del contratto Preparazione ed elaborazione della proposta contrattuale Preparazione ed elaborazione della proposta contrattuale Negoziazione e mediazione dei pubblici poteri Negoziazione e mediazione dei pubblici poteri Accordo Accordo Il contratto viene sottoposto alle assemblee dei lavoratori per la ratifica o ad un referendum Il contratto viene sottoposto alle assemblee dei lavoratori per la ratifica o ad un referendum

41 La procedura di rinnovo del contratto è avviata tre mesi prima della scadenza dello stesso con la presentazione delle c.d. "piattaforme rivendicative". Negli ultimi tre mesi di vigenza del contratto e nel mese successivo le parti collettive hanno l'obbligo di non intraprendere iniziative di lotta sindacale. Se il contratto scade senza che le parti collettive trovino un accordo per il rinnovo, ai lavoratori è dovuta la c.d. indennità di vacanza contrattuale, cioè un importo addizionale che ha la funzione di preservare la retribuzione dagli effetti dell'inflazione. La procedura di rinnovo del contratto è avviata tre mesi prima della scadenza dello stesso con la presentazione delle c.d. "piattaforme rivendicative". Negli ultimi tre mesi di vigenza del contratto e nel mese successivo le parti collettive hanno l'obbligo di non intraprendere iniziative di lotta sindacale. Se il contratto scade senza che le parti collettive trovino un accordo per il rinnovo, ai lavoratori è dovuta la c.d. indennità di vacanza contrattuale, cioè un importo addizionale che ha la funzione di preservare la retribuzione dagli effetti dell'inflazione.

42 Contratti aziendali Parti Sindacati locali dei lavoratori e singole imprese. Contenuto Disciplina degli aspetti lavorativi di ogni specifica realtà aziendale

43 Il lavoro nella disciplina civilistica

44 LavoroSubordinato Art C.c E prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nellimpresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dellimprenditore LavoroAutonomo Art C.c. [E prestatore di lavoro autonomo chi] si obbliga a compiere verso un corrispettivo unopera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente

45 LavoroSubordinato Posizione del lavoratorePosizione del lavoratoreSubordinazione Oggetto della prestazioneOggetto della prestazione Energie lavorative Organizzazione dimpresaOrganizzazione dimpresaAssente Incidenza del rischioIncidenza del rischioAssente CorrispettivoCorrispettivo Calcolato a tempo LavoroAutonomo Posizione del lavoratorePosizione del lavoratoreAutonomia Oggetto della prestazioneOggetto della prestazione Energie lavorative Organizzazione dimpresaOrganizzazione dimpresaPresente Incidenza del rischioIncidenza del rischio Presente Presente CorrispettivoCorrispettivo In base al risultato finale

46 I soggetti del rapporto di lavoro Prestatore di lavoro di lavoroDatore di lavoro

47 IL PRESTATORE DI LAVORO E prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nellimpresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dellimprenditore (art. 2094C.c.)

48 art C.c. Dirigenti Dirigenti Quadri Quadri Impiegati Impiegati Operai OperaiSpecializzatiQualificatiComuniManovaliApprendisti

49 DATORE DI LAVORO Chi dà ad altri un lavoro alle proprie dipendenze in cambio della retribuzione in cambio della retribuzione

50 IL CONTRATTO DI LAVORO Contratto mediante il quale il prestatore si obbliga a mettere a disposizione del datore la sua attività di lavoro la sua attività di lavoro e questi si obbliga a corrispondere al prestatore una retribuzione al prestatore una retribuzione

51 CARATTERI DEL CONTRATTO DI LAVORO ONEROSO ONEROSO SINALLAGMATICO SINALLAGMATICO COMMUTATIVO COMMUTATIVO ETERODETERMINATO ETERODETERMINATO

52 ELEMENTI ESSENZIALI Accordo Accordo Causa Causa Oggetto Oggetto Forma Forma ELEMENTIACCIDENTALI Condizione(sospensiva/risolutiva)Termine Patto di prova

53 Limiti al contratto di lavoro

54 1. DIVIETI DI ASSUNZIONE Minori di età inferiore ai 15 anni

55 2. ASSUNZIONI OBBLIGATORIE Persone affette da minorazioni fisiche o psichiche con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45% Persone affette da minorazioni fisiche o psichiche con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45% Invalidi del lavoro con grado di invalidità superiore al 33% Invalidi del lavoro con grado di invalidità superiore al 33% Non vedenti o sordomuti Non vedenti o sordomuti Invalidi di guerra o per servizio con gravi menomazioni Invalidi di guerra o per servizio con gravi menomazioni Riservatari: Riservatari: Orfani e coniugi superstiti di deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio Coniugi e figli dei grandi invalidi per causa di guerra, di servizio e di lavoro Familiari delle vittime del terrorismo

56 3. MODALITA DI ASSUNZIONE COLLOCAMENTO

57 COLLOCAMENTO D.Lgs. 23 dicembre 1997, n. 469

58 Funzione pubblica Gratuita Gratuita Obbligatoria Obbligatoria Disciplinata da norme inderogabili Disciplinata da norme inderogabili Gestita dalle Regioni, dagli Enti locali Gestita dalle Regioni, dagli Enti locali e dalle agenzie private di collocamento e dalle agenzie private di collocamento

59 Stato Vigilanza in materia di lavoro, dei flussi di entrata degli extracomunitariVigilanza in materia di lavoro, dei flussi di entrata degli extracomunitari procedimenti di autorizzazioni per attivitàprocedimenti di autorizzazioni per attività lavorative allestero lavorative allestero Conciliazione delle controversie di lavoroConciliazione delle controversie di lavoro individuali e plurime individuali e plurime Risoluzione delle controversie collettiveRisoluzione delle controversie collettive di rilevanza pluriregionale di rilevanza pluriregionale Conduzione del Sistema informativo del lavoro (SIL)Conduzione del Sistema informativo del lavoro (SIL) Raccordo con gli organismi internazionaliRaccordo con gli organismi internazionali

60 Regioni Collocamento ordinario, agricolo, dello spettacolo, obbligatorio, dei lavoratori extracomunitari, Collocamento ordinario, agricolo, dello spettacolo, obbligatorio, dei lavoratori extracomunitari, a domicilio, domestici a domicilio, domestici avviamento a selezione negli enti pubblici avviamento a selezione negli enti pubblici preselezione ed incontro tra domanda e offerta di lavoro preselezione ed incontro tra domanda e offerta di lavoro iniziative per incrementare loccupazione iniziative per incrementare loccupazione

61 REGIONI Organismi regionali con funzioni con funzioni consultive e operative Provincie Centri per limpiego Gestione ed erogazione dei servizi

62 Imprese private Autorizzate con decreto del ministero del welfare Divieto di pratica discriminatoria Divieto di pratica discriminatoria Tutela del diritto alla riservatezza Tutela del diritto alla riservatezza Totale gratuità della prestazione per il lavoratore Totale gratuità della prestazione per il lavoratore

63 Intermediazione nel lavoro Imprese di fornitura di lavoro temporaneo Imprese di fornitura di lavoro temporaneo Lavoratori Lavoratori Imprese utilizzatrici Imprese utilizzatrici

64 Modalità di assunzione Sistema Informativo Lavoro (SIL) Elenco anagrafico informatico inoccupati, disoccupati, occupati in cerca di nuovo lavoro Elenco anagrafico informatico inoccupati, disoccupati, occupati in cerca di nuovo lavoro Schede professionali Schede professionali Assunzione diretta Assunzione diretta con obbligo di comunicazione successiva, entro 5 giorni, alla sezione circoscrizionale per limpiego con obbligo di comunicazione successiva, entro 5 giorni, alla sezione circoscrizionale per limpiego

65 Diritti e doveri del lavoratore

66 Diritti del lavoratore ECONOMICI ECONOMICIRETRIBUZIONEPENSIONET.F.R. PERSONALI PERSONALIFerie Riposo settimanale Conservazione del posto di lavoro (malattia, infortunio, servizio militare, maternità) SINDACALISciopero Libertà sindacale

67 STATUTO DEI LAVORATORI TITOLO I- Della libertà e dignità del lavoratore TITOLO II- Della libertà sindacale TITOLO III – Dellattività sindacale

68 TITOLO I Della libertà e dignità del lavoratore Libertà di opinione nei luoghi di lavoro Libertà di opinione nei luoghi di lavoro Divieto di utilizzare impianti audiovisivi per il controllo a distanza dei lavoratori Divieto di utilizzare impianti audiovisivi per il controllo a distanza dei lavoratori Divieto di accertamenti sanitari se non a mezzo di enti pubblici Divieto di accertamenti sanitari se non a mezzo di enti pubblici Divieto di indagini sulle opinioni politiche, religiose o sindacali dei lavoratori Divieto di indagini sulle opinioni politiche, religiose o sindacali dei lavoratori

69 Diritto di costituire associazioni sindacali Diritto di costituire associazioni sindacali Diritto di aderire ad associazioni sindacali Diritto di aderire ad associazioni sindacali Diritto di svolgere attività sindaca sul luogo di lavoro Diritto di svolgere attività sindaca sul luogo di lavoro Divieto di atti discriminatori Divieto di atti discriminatori Divieto di trattamenti economici collettivi discriminatori Divieto di trattamenti economici collettivi discriminatori TITOLO II- Della libertà sindacale TITOLO II- Della libertà sindacale

70 TITOLO III – Dellattività sindacale Diritto di costituire rappresentanze sindacali aziendali Diritto di costituire rappresentanze sindacali aziendali Diritto di riunione in assemblea Diritto di riunione in assemblea Diritto di svolgere referendum tra i lavoratori Diritto di svolgere referendum tra i lavoratori Diritto, per i dirigenti sindacali, di usufruire di permessi per lo svolgimento delle loro mansioni Diritto, per i dirigenti sindacali, di usufruire di permessi per lo svolgimento delle loro mansioni

71 I doveri del lavoratore Prestare la propria attività lavorativa Prestare la propria attività lavorativa Obbligo di diligenza Obbligo di diligenza Obbligo di obbedienza Obbligo di obbedienza Obbligo di fedeltà (divieto di concorrenza, obbligo di riservatezza) Obbligo di fedeltà (divieto di concorrenza, obbligo di riservatezza)

72 Obblighi e poteri del datore di lavoro

73 Obblighi del datore di lavoro Corrispondere la retribuzione e il TFR Corrispondere la retribuzione e il TFR Obbligo di sicurezza (tutela del posto di lavoro) Obbligo di sicurezza (tutela del posto di lavoro) Tutela assicurativa e previdenziale Tutela assicurativa e previdenziale Obbligo di informazione (contratto e rapporto di lavoro) Obbligo di informazione (contratto e rapporto di lavoro)

74 Poteri del datore di lavoro Direttivo Direttivo Di vigilanza e controllo (nei limiti stabiliti dallo Statuto dei lavoratori) Di vigilanza e controllo (nei limiti stabiliti dallo Statuto dei lavoratori) Disciplinare (codice disciplinare) Disciplinare (codice disciplinare) Richiamo verbale Ammonizione scritta Multa Sospensione dal lavoro e dalla retribuzione Licenziamento disciplinare

75 Le vicende del rapporto di lavoro Sospensione ed estinzione

76 Sospensione del rapporto di lavoro Per fatto del lavoratore Impossibilità sopravvenuta della prestazione non imputabile al lavoratore Infortunio Infortunio Malattia comune Malattia comune Aspettativa per funzioni pubbliche elettive Aspettativa per funzioni pubbliche elettive Stato di gravidanza e puerperio Stato di gravidanza e puerperio

77 Conservazione del posto di lavoro per il periodo stabilito dalla legge Conservazione del posto di lavoro per il periodo stabilito dalla legge Computo ai fini dellanzianità di servizio Computo ai fini dellanzianità di servizio Diritto alla retribuzione per il periodo e nella misura stabilita dalla legge Diritto alla retribuzione per il periodo e nella misura stabilita dalla legge

78 Sospensione del rapporto di lavoro Per fatto del datore di lavoro Sospensione dellattività produttiva Per contrazione della produzione Breve durata (max. 60 minuti) A carico dellimprenditore Maggiore durata Interventi di integrazione salariale salariale

79 CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA Per eventi transitori (mancanza di scorte, alluvioni, calamità naturali, sospensione per ragioni sanitarie) Durata massima: 1 anno Indennità pari all80% della retribuzione Interventi di integrazione salariale gestiti dallINPS

80 CASSA INTEGRAZIONE STRAORDINARIA Sospensione per ristrutturazione,riorganizzazione, riconversione, crisi aziendale del settore produttivo, procedure concorsuali Imprese con almeno 15 dipendenti Durata massima: 2 anno Indennità pari all80% della retribuzione

81 Estinzione del rapporto di lavoro Morte del lavoratore Morte del lavoratore Accordo delle parti Recesso del lavoratore (dimissioni) Contratti a tempo determinato: senza preavviso solo per giusta causaContratti a tempo determinato: senza preavviso solo per giusta causa Contratti a tempo indeterminato: con preavvisoContratti a tempo indeterminato: con preavviso

82 Impossibilità sopravvenuta, forza maggiore lavoratore: (carcerazione, sopravvenuta inidoneità fisica, ecc..) datore di lavoro: (requisizione degli impianti o distruzione per fatti naturali) Impossibilità sopravvenuta, forza maggiore lavoratore: (carcerazione, sopravvenuta inidoneità fisica, ecc..) datore di lavoro: (requisizione degli impianti o distruzione per fatti naturali)

83 Licenziamento individuale Licenziamento individuale Legge 15 luglio 1966, n.°604 GIUSTA CAUSAGIUSTA CAUSA GIUSTIFICATO MOTIVOGIUSTIFICATO MOTIVO Oggettivo e soggettivo

84 GIUSTA CAUSA Causa che non consente la prosecuzione, anche temporanea, del rapporto di lavoro in quanto idonea a far venir meno la fiducia che caratterizza il rapporto di lavoro. [Inadempienze: abbandono del posto di lavoro, furti, concorrenza sleale; Comportamenti diversi dallinadempienza: violenza di un lavoratore contro altro dipendente]

85 GIUSTIFICATO MOTIVO Soggettivo: notevoli inadempimenti degli obblighi contrattuali notevoli inadempimenti degli obblighi contrattualiOggettivo: fatti inerenti allattività produttiva, allorganizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa

86 LICENZIAMENTI ILLEGITTIMI Reintegrazione dei lavoratori nel posto di lavoro o risarcimento del danno (Statuto dei lavoratori e L.11 maggio 1990, n. 108)

87 LICENZIAMENTO COLLETTIVO (L. 23 luglio 1991, n. 223) Impresa che occupi più di 15 dipendenti Impresa che occupi più di 15 dipendenti Riduzione o trasformazione di attività Riduzione o trasformazione di attività Almeno 5 licenziamenti nellarco di 120 giorni Almeno 5 licenziamenti nellarco di 120 giorni Stessa unità produttiva o più unità produttive della stessa Provincia Stessa unità produttiva o più unità produttive della stessa Provincia Previa comunicazione alle rappresentanze sindacali per ricerca di alternative al licenziamento: contratti di solidarietà, riduzione dellorario di lavoro, ecc..) Previa comunicazione alle rappresentanze sindacali per ricerca di alternative al licenziamento: contratti di solidarietà, riduzione dellorario di lavoro, ecc..)

88 Trattamento di fine rapporto di lavoro (art C.c.) Dovuto in ogni caso di cessazione del rapporto di lavoro subordinato Anticipo del 70% con almeno 8 anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro Reversibilità ai successori aventi diritto Accantonamento di una quota annua (retribuzione annua:13,5)

89 Diritto comunitario del Lavoro

90 Destinatari datori di lavoro e lavoratori datori di lavoro e lavoratori dei Paesi membri della U.E.

91 TRATTATO DI AMSTERDAM Art. 136 Promozione delloccupazione e miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori 1. Tutela della libera circolazione delle persone 2. Ampliamento delle possibilità di occupazione mediante la mobilità geografica e professionale 3. Riavvicinamento della normativa dei Paesi membri 4. Unificazione del sistema previdenziale in relazione ai lavoratori migranti

92 Art. 137 Settori da potenziare Miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro Miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro Condizioni di lavoro Condizioni di lavoro Informazione e consultazione di lavoratori Informazione e consultazione di lavoratori Integrazione dei soggetti esclusi dalle opportunità occupazionali Integrazione dei soggetti esclusi dalle opportunità occupazionali Parotà e pari opportunità delle lavoratrici e dei lavoratori Parotà e pari opportunità delle lavoratrici e dei lavoratori

93 Art. 39 LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI Parità di accesso al lavoro al lavoro Parità di trattamento

94 Diritti dei lavoratori Rispondere a offerte di lavoro Rispondere a offerte di lavoro Spostarsi liberamente nel territorio degli Stati membri Spostarsi liberamente nel territorio degli Stati membri Prendere dimora in uno degli Stati membri per svolgervi unattività di lavoro alle stesse condizioni stabilite per i lavoratori nazionali Prendere dimora in uno degli Stati membri per svolgervi unattività di lavoro alle stesse condizioni stabilite per i lavoratori nazionali Rimanere sul territorio di uno Stato membro dopo aver occupato un impiego Rimanere sul territorio di uno Stato membro dopo aver occupato un impiego

95 EURES European Employment Service Diffusione delle informazioni sulla domanda e sullofferta di lavoro Diffusione delle informazioni sulla domanda e sullofferta di lavoro Favorire la cooperazione tra i servizi pubblici per limpiego presenti sul territorio dellU.E. Favorire la cooperazione tra i servizi pubblici per limpiego presenti sul territorio dellU.E.

96 PREVIDENZA SOCIALE

97 Tutelare il lavoratore e i suoi familiari dai rischi della menomazione o della perdita della sua capacità lavorativa in conseguenza di eventi predeterminati (naturali o connessi al lavoro prestato) Tutelare il lavoratore e i suoi familiari dai rischi della menomazione o della perdita della sua capacità lavorativa in conseguenza di eventi predeterminati (naturali o connessi al lavoro prestato)

98 La tutela si realizza attraverso le ASSICURAZIONI SOCIALI Assicurazione per linvalidità e i superstiti Assicurazione per linvalidità e i superstiti Assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali Assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali Assicurazione contro la disoccupazione e le integrazioni salariali Assicurazione contro la disoccupazione e le integrazioni salariali

99 Assicurazione per linvalidità e i superstiti Assicura il lavoratore nei confronti di quegli eventi che influiscono negativamente sulla capacità lavorativa e di guadagno dellassicurato. Ente gestore delle assicurazioni sociali ed erogatore delle prestazioni previdenziali: INPS

100 INVALIDITA riduzione della capacità al lavoro a causa di infermità o di difetti fisici o mentali INABILITA incapacità assolutà di svolgere lavori VECCHIAIA raggiungimento delletà minima per la pensione ANZIANITA consente di usufruire di un trattamento pensionisticoanticipato, cioè prima della meturazione dei requisiti anagrafici e contributi previsti per la pensione di vecchiaia SUPERSTITI congiunti che subiscono un danno economico dalla perdita del parente lavoratore

101 Assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali Risarcire il lavoratore del danno allintegrità fisica sofferto per lo svolgimento di unattività lavorativa pericolosa. Il soggetto assicuratore è lINAIL

102 INFORTUNIO Lesione provocata da una causa violenta che determina la morte o la perdita o la menomazione della capacità lavorativa e che avviene in occasione del lavoro MALATTIA Evento dannoso che influisce sulla capacità lavorativa ma non è determinato da una causa violenta

103 Assicurazione contro la disoccupazione e le integrazioni salariali Copre il rischio derivante dal mancato guadagno conseguente alla disoccupazione involontaria e le integrazioni salariali che offrono un sostegno del reddito nei periodi di sospensione temporanea dellattività lavorativa Copre il rischio derivante dal mancato guadagno conseguente alla disoccupazione involontaria e le integrazioni salariali che offrono un sostegno del reddito nei periodi di sospensione temporanea dellattività lavorativa

104 ASSISTENZA SOCIALE OGGETTO DI TUTELA interessi attuali dei cittadini in stato di bisogno, indipendentemente dal verificarsi di eventi dannosi. interessi attuali dei cittadini in stato di bisogno, indipendentemente dal verificarsi di eventi dannosi.

105 ASSISTENZA AI GRANDI INVALIDI ASSISTENZA AI GRANDI INVALIDI (riduzione della capacità lavorativa di 4/5 a causa di lavoro): prestazione di particolari cure medico- chirurgiche e di riabilitazione ASSISTENZA A LAVORATORI EXTRACOMUNITARI ED EMIGRATI ASSISTENZA A LAVORATORI EXTRACOMUNITARI ED EMIGRATI ASSISTENZA AGLI ORFANI DEI LAVORATORI ASSISTENZA AGLI ORFANI DEI LAVORATORI ASSISTENZA AGLI OCCUPATI (nidi, asili, colonie per le famiglie, assistenza medico- legale attraverso gli istituti di patronato, ecc.) ASSISTENZA AGLI OCCUPATI (nidi, asili, colonie per le famiglie, assistenza medico- legale attraverso gli istituti di patronato, ecc.) ASSISTENZA AI LAVORATORI PENSIONATI (case di riposo e convalescenza, istruzione dei figli minori mediante borse di studio e ricovero in convitti, ecc)

106 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE legge 23 dicembre 1978, n. 833 Organizzazione cui è affidato linsieme delle funzioni, delle strutture e delle attività destinate alla promozione, al mantenimento e al recupero della salute di tutta la popolazione Organizzazione cui è affidato linsieme delle funzioni, delle strutture e delle attività destinate alla promozione, al mantenimento e al recupero della salute di tutta la popolazione

107 AUSL Attività di prevenzione Interventi di riabilitazione Attività curativa Assistenza medico-generica, pedriatrica ed ostetrico-sanitaria (medico di base) Assistenza medico-generica, pedriatrica ed ostetrico-sanitaria (medico di base) Assistenza specialistica (ambulatori AUSL o convenzionati) Assistenza specialistica (ambulatori AUSL o convenzionati) Assistenza ospedaliera (ospedali pubblici o istituti convenzionati) Assistenza ospedaliera (ospedali pubblici o istituti convenzionati) Assistenza farmaceutica (medicine su prescrizione del medico di base) Assistenza farmaceutica (medicine su prescrizione del medico di base)


Scaricare ppt "Corso IFTS per tecnico superiore addetto al restauro di pitture parietali."

Presentazioni simili


Annunci Google