La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Campagna "Questo mondo non è in vendita" Sì a regole trasparenti e democratiche per il commercio globale No all'espansione dell'accordo GATS e del WTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Campagna "Questo mondo non è in vendita" Sì a regole trasparenti e democratiche per il commercio globale No all'espansione dell'accordo GATS e del WTO."— Transcript della presentazione:

1 Campagna "Questo mondo non è in vendita" Sì a regole trasparenti e democratiche per il commercio globale No all'espansione dell'accordo GATS e del WTO a Cancun

2 La conferenza WTO di Cancun: quali effetti sulle economie dei paesi del Sud e sulla democrazia economica internazionale Parma 26/01/ Fidenza 27/01/2004

3 Il WTO è morto a Cancùn ? Se sì, Chi lo ha ucciso ? Se non è morto, qualè il suo futuro ?

4 Non voglio dire che il Doha Round sia morto, ma certamente è in terapia intensiva.

5 Troppi hanno speso il loro tempo pontificando, piuttosto che negoziare. Sia fra i paesi sviluppati che fra quelli in via di sviluppo, cerano paesi che erano disposti a fare e paesi che non volevano fare. La retorica del paesi che non volevano fare ha prevalso su quelli disposti a fare.

6 Quello a cui stiamo assistendo è un cambiamento della qualità e della natura dei negoziati fra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo.

7 11 settembre ore 13 - Fiesta Americana Grand Coral Beach

8 Il menù di Cancùn Agricoltura Prodotti industriali Servizi Proprietà intellettuali Cotone New Issues

9 Il menù di Cancùn: AoA 842 milioni di persone soffrono la fame 100 miliardi di euro di sussidi agricoli UE 338 mliliardi di euro sussidi OCSE una mucca prende: 913$ di sussidi allanno se nasce in UE 2.700$ se nasce in Giappone un essere umano che vive nell Africa subsahariana riceve mediamente un reddito di 490 $ (di cui 8 di aiuti UE e 1,47 dal Giappone)

10 Il menù di Cancùn: AoA

11

12 Concorrenza sleale (dumping) Impossibile nuovi sussidi impossibile sovvenzionare produzione interna per ottenere lautosufficienza alimentare impossibile adottare misure di salvaguardia impossibile entrare nei mercati occidentali impossibile avere una propria politica agricola che miri alla sovranità e alla sicurezza alimentare

13 Il menù di Cancùn: Servizi I Paesi in via di sviluppo e quelli meno sviluppati attendono risultati positivi dai negoziati GATS, attualmente in corso, se sarà raggiunta una maggiore liberalizzazione del movimento temporaneo di persone fisiche (MTP). Nonostante sia riconosciuta come unarea molto importante per i PVS, la Mode 4, non compare come punto prioritario dellAgenda di Doha. Un effettivo accesso al mercato in modalità 4 dipenderà da come questo tema sarà affrontato nellambito della discussione sui regolamenti nazionali (domestic regulation) sotto larticolo VI e del riconoscimento delle qualifiche e delle esperienze equivalenti.

14 Il GATS e il primo accordo multilaterale per fornire diritti legalmente vincolanti al commercio di tutti i servizi. Contiene limpegno ad una continua liberalizzazione attraverso periodiche trattative. Ed e il primo accordo multilaterale mondiale sugli investimenti, dal momento che copre non solo il commercio cross-border, ma ogni possibile mezzo di fornitura di servizi, compresi il diritto di stabilire una presenza commerciale in un mercato estero GATS

15 Ministerial Conference Trade Policy Review Body General Council Dispute Settlement Body Council for Trade in Goods [GATT] Council for Trade in Services [GATS] Council for TRIPS

16 äBusiness services (professionali, computer) äCommunication services (comunicazione) äConstruction & engineering äDistribution services (distribuzione) äEducational services (educazione) äEnvironmental services (acqua, fognature, gestione rifiuti) äFinancial services (banche, assicurazioni)) äHealth services (sanità) äTourism and travel services (turismo e viaggi) äRecreational, cultural, sporting services äTransport services (trasporti) äOther services Quali Servizi sono Coperti?

17 Rappresentano attualmente oltre il 60% della produzione e dell'occupazione globali rappresentano il 20% del commercio mondiale. L'UE è il primo esportatore e importatore mondiale di servizi, con il 24% degli scambi mondiali di servizi (contro il 19% del commercio mondiale in beni). Il Volume degli scambi mondiali di servizi commerciali nel 2000 valeva miliardi di euro. Quanto valgono?

18 Mode 1: Cross-border il servizio attraversa i confini Mode 2: Consumption abroad Il Cliente attraversa il confine Mode 3: Commercial presence Limpresa apre una sede allestero Mode 4: Movement of persons Il Fornitore attraversa il confine Modalità - Services Trade

19

20 äAttuare legislazioni nazionali che siano: 3ragionevoli, obiettivi e imparziali 3not trade-distorting (non distorgano il commercio) Diritti dei Governi

21 Art. VI Regolamentazione interna 4. Nellintento di garantire che le misure relative a requisiti obbligatori e procedure, nonché alle norme tecniche e agli obblighi di licenza non costituiscano inutili ostacoli agli scambi di servizi, il Consiglio GATS formula, attraverso organismi opportunamente costituiti, le norme che possano risultare necessarie, finalizzate a garantire che tali obblighi, tra laltro: a) siano basati su criteri oggettivi e trasparenti, quali la competenza e la capacità di fornire il servizio, b) non siano più onerosi di quanto necessario per garantire la qualità del servizio; c) nel caso di procedure di concessione di licenza, non rappresentino di per se stessi una limitazione alla fornitura del servizio.

22 Servizi Pubblici esentati ? b) il termine «servizi» comprende qualunque servizio fornito in qualsivoglia settore, eccezione fatta per i servizi forniti nellesercizio dei poteri governativi; c) lespressione «un servizio fornito nellesercizio dei poteri governativi» indica un servizio che non viene fornito su base commerciale, né in concorrenza con uno o più fornitori di servizi.

23 E lAmbiente? Lart. XIV definisce uneccezione per le misure: necessarie a proteggere la vita e la salute di esseri umani, animali e piante ma questa affermazione è drasticamente ridimensionata dal punto (b) che afferma che queste misure non sono da applicare in maniera che possa costituire arbitraria ed ingiustificata discriminazione fra paesi o in maniera da costituire restrizione al commercio.

24 Calendario GATS äConcordati per via dellArt. XIX äObiettivo: progressiva liberalizzazione äDate: 3inizio febbraio marzo 2001: guidelines 3giugno 2002: richieste 3marzo 2003: offerte 3settembre 2003: Cancun 3gennaio 2005: fine

25 Le mosse dellUE äPresentati 109 documenti di richieste äRicevuti 27 documenti di offerte Acqua ( a tutti e 109 compresi i 40 paesi più poveri ), telecomunicazioni, energia, agenzie di stampa, servizi postali e servizi finanziari sono fra i settori che lUE ha chiesto agli altri Paesi di liberalizzare

26 GATS: Investimenti Diretti Esteri äTramite Modalità 3 Secondo Lamy vi passa l80% degli investimenti UE verso il Terzo mondo

27 GATS Nuovi negoziati - Appalti pubblici - Come indicati dallArticolo XIII del GATS, inizieranno negoziati multilaterali sugli appalti pubblici dei services allinterno di questo Accordo. Lobbligo alla Transparenza negli appalti pubblici non sarà sufficiente ad assicurare un maggiore accesso (delle multinazionali) al mercato dei services. Il Forum Europeo Dei Servizi è dellidea che la trasparenza è solo il primo passo necessario, ma se applicato solo alle aziende nazionali non porterà maggiore valore aggiunto al commercio internazionale dei servizi. Il GATS è quindi il giusto strumento da usare per stabilire almeno un primo passo allapertura degli appalti pubblici, ai fornitori di servizio esteri, allinterno delle condizioni di Trattamento Nazionale

28 Il menù di Cancùn: NAMA riduzione entrate fiscali impatto negativo su industrie giovani e poco competitive sul mercato mondiale mancanza risorse finanziare per compensare effetti negativi della liberalizzazione

29 Il menù di Cancùn: Cotone

30 I paesi dellAfrica centrale e occidentale negli ultimi anni sono stati spinti a specializzarsi nella sua coltivazione; sono divenuti il settimo produttore mondiale con costi di produzione inferiori del 50% a quelli statunitensi. La produzione del cotone sfama più di 10 milioni di contadini africani, indeboliti dai sussidi erogati a 125 mila agricoltori europei ed americani USA ed UE spendono 4 miliardi di dollari in sussidi ai produttori di cotone (25 mila americani e 100 mila fra spagnoli e greci) Il loro effetto è un calo dei prezzi sul mercato mondiale del 50% Per i paesi africani significa una perdita annuale di 1 miliardo di dollari

31 Il menù di Cancùn: TRIPS 15 milioni di persone muoiono ogni anno a causa di malattie infettive. Il 97% dei decessi avviene nei Paesi in Via di Sviluppo. La maggior parte di queste morti sono morti evitabili. Polmonite, tubercolosi, malaria, diarrea e HIV/AIDS sono le malattie infettive responsabili della metà dei decessi. L'AIDS è divenuto la prima causa di morte nei paesi dell'Africa subsahariana. Secondo l'OMS (World Health Report 2002), queste sono le cifre di mortalità per le principali malattie infettive: o infezioni respiratorie: 3,9 milioni di morti; o AIDS/HIV: 2,9 milioni; o diarrea: 2 milioni; o tubercolosi: 1,6 milioni; o malattie infantili prevenibili: 1,3 milioni; o malaria: 1,1milioni; o meningite: ; o leishmaniosi: o tripanosomiasi (malattia del sonno):

32 I diritti di proprietà intellettuale (TRIPS) I.Globalizzazione del regime dei brevetti II.Blocco in entrata al mercato dei generici III.Mantenimento dei vantaggi da monopolio! E I FARMACI ? Che cosa significa per la SALUTE PUBBLICA?

33 Dichiarazione di DOHA su TRIPS e Salute Pubblica Paragrafo 4 Noi concordiamo sul fatto che laccordo sui TRIPs non ostacola e non dovrebbe ostacolare i Membri nel prendere misure di protezione della salute pubblica… affermiamo che laccordo può e dovrebbe essere interpretato e applicato in modo da supportare il diritto dei Membri a proteggere la salute pubblica e, in particolare, a promuovere laccesso ai farmaci per tutti.

34 Dichiarazione di DOHA su TRIPS e Salute Pubblica (2) Paragrafo 5 (b) Ogni Membro ha il diritto di concedere licenze obbligatorie e la libertà di determinare le condizioni in cui tali licenze sono concesse (c) Ogni Membro ha il diritto di determinare cosa costituisce una emergenza nazionale o altre circostanze di estrema urgenza, intendendo su questo punto che le crisi di sanità pubblica, incluse quelle relative al HIV/AIDS, Tubercolosi, malaria e altre epidemie, possono [costituire i suddetti casi]

35 Dichiarazione di DOHA su TRIPS e Salute Pubblica (3) Paragrafo 6 Noi riconosciamo che i membri del WTO con insufficienti o nulle capacità manifatturiere nel settore farmaceutico potrebbero incontrare delle difficoltà nel rendere effettivo luso delle licenze obbligatorie allinterno dellaccordo Trips [vedi art. 31.f]. Noi istituiamo il consiglio TRIPs per trovare una sollecita soluzione a questo problema e riportare al Consiglio generale entro la fine del 2002

36 Quali sono i New Issues? un accordo sugli investimenti un accordo sulle regole della concorrenza un accordo sulla trasparenza negli appalti pubblici (non ancora sulla politica stessa degli appalti) misure della facilitazione del commercio in aree già accordati nella WTO (abbassare barriere indirette, tipo procedure di dogana)

37 Perché siamo contrari allinclusione di negoziati sugli investimenti e appalti pubblici nel WTO nessun argomento valido riguarda il loro contributo allo sviluppo e alleliminazione della povertà non rientrano tra i temi commerciali: portarli allinterno del WTO sarebbe unaberrazione non è affatto sicuro che i principi del WTO in tema di commercio dei beni siano applicabili allo stesso modo agli investimenti / appalti pubblici conseguenze sulle prerogative del potere pubblico nella sfera economica, sociale e politica conseguenze sulla stabilità economica

38 NAFTA: risoluzione delle dispute tra stato e investitore garantisce (Cap.11) agli investitori dei paesi NAFTA il diritto di intraprendere azioni legali contro governi nazionali introducendo un sistema di sanzioni pecuniarie in caso di violazione dei contratti 15 cause sinora, ammontando ad un totale dei danni richiesti dalle multinazionali di 13 mrd USD 4 ricorsi di investitori accettati, i risarcimenti ammontano ad un totale di 514 mio USD.

39 Che cosa insegna NAFTA Cap.11 ? NAFTA supera le leggi nazionali degli stati membri Cap. 11 usato dagli multinazionali per contrastare o rovesciare decisioni prese da enti legislativi locali, regionali o nazionali al fine di proteggere lambiente e la salute pubblica spazio per azioni politiche da parte dei legittime istituzioni democratiche, viene limitato politiche tese a promuovere leconomia nazionale o locale possono essere bloccate politiche economiche dei governi subordinate agli interessi delle multinazionali private

40 LOrganizzazione Mondiale del Commercio World Trade Organization (1/2) LOrganizzazione Mondiale del Commercio (World Trade Organization, in inglese) nasce ufficialmente il 1/1/1995 ed è il risultato del lungo ciclo di negoziati noti con il nome di Uruguay Round La genesi di questa organizzazione risale agli accordi di Bretton Woods, luglio 1944, che vede la nascita del FMI e della BM e di unipotetica organizzazione del commercio internazionale (International Trade Organization) che però non vedrà mai la luce.

41 LOrganizzazione Mondiale del Commercio World Trade Organization (2/2) AnnoLuogo/NomeArgomentiN. Paesi 1947GinevraTariffe AnnecyTariffe13 (tra cui Italia) 1951TorquayTariffe GinevraTariffe Ginevra (Dillon Round)Tariffe Ginevra (Kennedy Round)Tariffe e misure anti- dumping Ginevra (Tokyo Round)Tariffe Ginevra (Uruguay Round) Nasce il WTO Tariffe, regole, servizi, proprietà intellettuale, regolazione delle dispute, settore tessile, agricoltura Doha (Doha Round)Tariffe, servizi, agricoltura, anti-dumping, proprietà intellettuale, sussidi e misure cautelative 144

42 I due principi fondamentali alla base del processo di liberalizzazione Nazione più favorita (most favoured nation) Principio di non discriminazione che dispone un pari trattamento tra i paesi partner commerciali. Nel caso del Wto non consente di operare discriminazioni verso i paesi membri. Trattamento nazionale Principio che non consente di operare discriminazioni tra agenti economici (pubblici e privati) nazionali ed esteri. Tutti gli accordi del Wto contengono questi due potenti principi di non discriminazione che servono a promuovere un progressivo allargamento del processo di liberalizzazione e a garantire uniformità di trattamento per le imprese allinterno dei mercati dei paesi membri.

43 Altre regole importanti Fornitore principale (principal supplier) La richiesta di concessioni più favorevoli ad un paese membro (es. riduzione barriere commerciali) su un determinato bene o servizio può essere avanzata solo dal più importante paese fornitore di quel bene o servizio. Single-undertaking (prendi tutto o stai fuori) Formula che obbliga i paesi ad accettare in blocco tutti gli accordi multilaterali negoziati allinterno di un round. Questa formula mira a favorire il trade-off tra i paesi membri, e quindi ad allargare il processo di liberalizzazione, facendo sì che tutti abbiano qualcosa da guadagnare dalla liberalizzazione. Il Wto è stato istituito grazie a questa regola che ha obbligato tutti i paesi che intendevano aderire a tale organizzazione a uniformarsi a tutti gli accordi da essa coperti pena lesclusione dal WTO. La stessa si applica agli aspiranti membri. Lo star fuori dal Wto per molti paesi comporterebbe lisolamento commerciale.

44 TRIBUNALE DEL WTO: perché è importante? Composizione del Tribunale: Organi -Dispute Settlement Body (DSB) è lorgano supremo. Le sue funzioni sono svolte dal General Council -Appelate Body organo di appello si compone di 7 membri che restano in carica 4 anni -PANEL commissione composta in genere da 3 esperti nominati dal DSB Ricorso Le parti in giudizio possono essere solo i governi degli stati membri del Wto. Il ricorso al tribunale deve essere motivato dalla presunta violazione di uno o più accordi che ricadono sotto legida del Wto. Ritorsione incrociata (cross retaliation) Regola che consente ad un paese membro di disporre misure di ritorsione contro il paese giudicato colpevole dal DSB, in un area diversa da quella in cui ha subito il danno. Es. una violazione dellaccordo TRIPs può dar luogo ad una ritorsione nel settore delle merci, e quindi al ritiro di concessioni tariffarie disciplinate dal GATT.

45 Processo decisionale egemonizzato in particolare dagli Stati Uniti e Unione Europea Non informazione verso i parlamenti nazionali e verso la cittadinanza Subordinazione delle leggi nazionali e locali ai trattati internazionali e irreversibilità di questi ultimi TRIBUNALE DEL WTO: e la democrazia?

46 E adesso ?

47 Voi non vi rassegnerete a un mondo in cui altri esseri umani muoiono di fame, restano analfabeti o mancano di lavoro; voi difenderete la vita e vi sforzerete di rendere questa terra sempre più abitabile per tutti

48


Scaricare ppt "Campagna "Questo mondo non è in vendita" Sì a regole trasparenti e democratiche per il commercio globale No all'espansione dell'accordo GATS e del WTO."

Presentazioni simili


Annunci Google