La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISCRIZIONI Anno Scol. 2014-2015 Dirigente Scolastico Avv.to Anna Rita Galletta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISCRIZIONI Anno Scol. 2014-2015 Dirigente Scolastico Avv.to Anna Rita Galletta."— Transcript della presentazione:

1 ISCRIZIONI Anno Scol Dirigente Scolastico Avv.to Anna Rita Galletta

2 CHI PUÓ ISCRIVERSI? ISCRIZIONI SCUOLA DELLINFANZIA: Bambini e bambine che abbiano compiuto o compiano entro il 31 dicembre 2014 il terzo anno di et à. Possono, altres ì, essere iscritti le bambine e i bambini che compiano tre anni di et à dopo il 31 dicembre 2014 e comunque non oltre il termine del 30 aprile ISCRIZIONI SCUOLA PRIMARIIA: Bambini e bambine che compiono i sei anni di età entro il 31 dicembre 2014 e, per anticipo, coloro che li compiono entro il 30 aprile ISCRIZIONI SCUOLA SECONDARIA I GRADO: Alunni che hanno conseguito lammissione o lidoneità. Si precisa che liscrizione (escluso la scuola dellinfanzia)deve essere fatta online sul sito dal 3 al 28 febbraio 2014 SEGRETERIA: Supporto informativo alle famiglie tutti i giorni dalle ore 11,00 alle ore 12,00 CHI PUÓ ISCRIVERSI? ISCRIZIONI SCUOLA DELLINFANZIA: Bambini e bambine che abbiano compiuto o compiano entro il 31 dicembre 2014 il terzo anno di et à. Possono, altres ì, essere iscritti le bambine e i bambini che compiano tre anni di et à dopo il 31 dicembre 2014 e comunque non oltre il termine del 30 aprile ISCRIZIONI SCUOLA PRIMARIIA: Bambini e bambine che compiono i sei anni di età entro il 31 dicembre 2014 e, per anticipo, coloro che li compiono entro il 30 aprile ISCRIZIONI SCUOLA SECONDARIA I GRADO: Alunni che hanno conseguito lammissione o lidoneità. Si precisa che liscrizione (escluso la scuola dellinfanzia)deve essere fatta online sul sito dal 3 al 28 febbraio 2014 SEGRETERIA: Supporto informativo alle famiglie tutti i giorni dalle ore 11,00 alle ore 12,00

3

4 I NOSTRI LABORATORI LABORATORIO LINGUISTICO LABORATORIO INFORMATICO LABORATORIO SCIENTIFICO E ROBOTICA

5 IDENTITA CULTURALE Istituto Comprensivo significa superare la divisione in ordini e gradi scolastici per condividere, garantendo la specificità delle singole scuole e valorizzando le diverse professionalità, progettualità e responsabilità educativa e didattica, nellambito della continuità. Di conseguenza ne è scaturita una filosofia progettuale che garantisce a tutti le competenze fondamentali in base alle moderne metodologie didattiche. In questa ottica, la personalizzazione e lindividualizzazione, strategie didattiche ed educative distinte nel loro assunto ma altresì complementari nel loro agito.

6 PRINCIPI E VALORI DELLISTITUTO Strategie educative e didattiche che tengono conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, delle capacità e delle sue fragilità nelle varie fasi di sviluppo e di formazione. Clima di collaborazione tra docenti, alunni e famiglia per favorire negli alunni opportunità di crescita etica e cognitiva attraverso la promozione del piacere di apprendere e la socializzazione dei valori umani universali. Fornire supporto agli alunni; creare opportunità di svolgere compiti significativi; contribuire allaccrescimento culturale e sociale della classe; organizzare compiti e attività di apprendimento che danno lopportunità di lavorare e collaborare con gli altri. Mettere in campo uno stile inclusivo, un processo di empatia con gli alunni nel rispetto dei bisogni formativi, delle attitudini personali, delle capacità, aspirazioni e motivazioni del singolo. Stabilire tra scuola-famiglia rapporti non episodici, ma costruiti dentro un progetto educativo condiviso e continuo basato sulla corresponsabilità.

7 PAROLE CHIAVE POF FLESSIBILITA E DINAMICITA Il Piano dell Offerta Formativa è dinamico e in continuo divenire per rispondere alla necessit à che un monitoraggio può evidenziare, pur garantendo agli alunni una continuit à metodologica. Le strade per raggiungere gli obiettivi sono tante e concordate, l importante è che siano coerenti con la filosofia educativa che sta alla base del Piano. RESPONSABILITA La scuola dell autonomia non può essere autoreferenziale, ma la sua maggiore libert à di azione nel fare scelte educativo – didattiche e organizzative obbliga ad un autentica consapevolezza nel valutare se le decisioni intraprese siano state le pi ù incisive per il conseguimento degli obiettivi. Per questo è indispensabile una ricerca attenta nell ambito del monitoraggio e della valutazione dei processi e dei prodotti, impegnandosi a pianificare e progettare in modo chiaro, dettagliato e attendibile le proposte individuate. EDUCAZIONE INTERCULTURALE La scuola, in una società multiculturale, è il luogo dincontro delle diversità nel quale tutti i soggetti trovano gli strumenti adeguati per poter interpretare ed apprezzare la complessità della realtà, indipendentemente dalla provenienza, nellottica di una cultura delluomo planetario. LIstituto delinea, come obiettivo primario delleducazione, la promozione delle capacità di convivenza costruttiva che comporta laccettazione e il rispetto del diverso, nonché il riconoscimento della sua identità culturale nella quotidiana ricerca di dialogo, di collaborazione, in una prospettiva di reciproco arr icchimento.

8 CURRICOLO VERTICALE Assume come riferimento il quadro delle otto competenze chiave per lapprendimento permanente stabilite dal Parlamento Europeo (Raccomandazioni del 18 dicembre 2006) Indicazioni Nazionali per il Curricolo del 2013

9 ASPETTI FONDAMENTALI DEL CURRICOLO La personalizzazione indica le strategie didattiche utili a garantire a ciascuno alunno lopportunità di sviluppare le potenzialità intellettive per poter pervenire ad una eccellenza cognitiva. L individualizzazione, in senso stretto, fa riferimento alle strategie didattiche messe in atto per assicurare a tutti gli alunni il conseguimento delle competenze fondamentali del curricolo, attraverso una diversificazione dei percorsi di insegnamento. Lindividualizzazione ha lo scopo di far sì che certi traguardi siano raggiunti da tutti, la personalizzazione fa sì che ognuno possa sviluppare i propri personali talenti; nella prima gli obiettivi sono comuni per tutti, nella seconda lobiettivo è diverso per ciascuno.

10 LA GESTIONE DELLISTITUTO DIRIGENTE SCOLASTICO Avv.to Anna RitaGalletta COLLABORATORI DEL DIRIGENTE 1°collaboratrice con funzione vicario MARIAGIUSEPPINAMOSCATO 2° collaboratore MALARA DOMENICO DIRETTORE D. S. G. A. FRANCESCO CURRA

11 LE SCUOLE DELLINFANZIA ORARIO SCOLASTICO SENZA REFEZIONE 08,00-13,00 CON REFEZIONE 08,00-16,00

12 LE SCUOLE PRIMARIE

13 SCUOLA SECONDARIA I GRADO V. ASPREA LABORATORIO INFORMATICO LABORATORIO MUSICALE

14 UNA BUONA TESTA E UN BUON CUORE SONO UNA COMBINAZIONE FORMIDABILE. MA QUANDO CI AGGIUNGI UNA LINGUA O UNA PENNA COLTA, ALLORA HAI DAVVERO QUALCOSA DI SPECIALE.


Scaricare ppt "ISCRIZIONI Anno Scol. 2014-2015 Dirigente Scolastico Avv.to Anna Rita Galletta."

Presentazioni simili


Annunci Google