La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lapproccio aziendale per la Sicurezza delle Informazioni gli ambiti di intervento e le proposte operative una soluzione integrata, scalabile, orientata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lapproccio aziendale per la Sicurezza delle Informazioni gli ambiti di intervento e le proposte operative una soluzione integrata, scalabile, orientata."— Transcript della presentazione:

1 Lapproccio aziendale per la Sicurezza delle Informazioni gli ambiti di intervento e le proposte operative una soluzione integrata, scalabile, orientata alla certificazione Ing. Roberto Ferreri Milano, 4 dicembre 2001

2 slide n. 2 Le criticità della sicurezza delle informazioni Levoluzione dei sistemi di comunicazione richiede che vengano adottati maggiori sistemi di protezione a livello logico per la tutela delle informazioni ed a quello organizzativo per laccessibilità ai sistemi informativi: –Il business è sempre più dipendente dallICT –Lambiente ICT è più complesso –Linterruzione di sistemi ICT è immediatamente visibile –Le tecniche tradizionali non sono più sufficienti Sono necessari strumenti e metodologie efficaci per assicurare –continuità delle attività aziendali –minimizzazione dei danni –massimizzazione della redditività e opportunità di sviluppo Linformazione deve circolare ed essere disponibile nelle forme e nei tempi attesi ( Disponibilità ), però deve esserne assicurata la: –Riservatezza - Solo chi è autorizzato può accedere allinformazione –Integrità - devono essere assicurati accuratezza e completezza dei processi e dei trattamenti

3 slide n. 3 La sicurezza come fattore di competitività La gestione sicura delle informazioni costituisce un differenziale competitivo, basato sulla capacità dellimpresa di assicurare: –Il rispetto di requisiti di processi interni ed anche di filiera –La rintracciabilità delle informazioni lungo tutto il ciclo di vita del processo –Lintegrazione di informazioni di fonti diverse Chi opera con limpresa (cliente, fornitore, partner, etc.) deve acquisire immediatamente la massima confidenza possibile che il rapporto che sta intrattenendo è protetto al giusto grado di sicurezza nellinteresse di entrambe le parti La sicurezza delle informazioni non è un fatto interno, ha anche una rilevanza sul brand, e quindi devessere reso noto al mercato adottando, se il caso, processi di certificazione per la qualificazione delle soluzioni adottate.

4 slide n. 4 Le aree per la Sicurezza delle Informazioni ISO/IEC indica …information systems and networks are faced with security threats from a wide range of sources, including computer-assisted fraud, espionage, sabotage, vandalism, fire or flood. … norma BS7799 ISO/IEC 15408/1999 Common Criteria for Information Technology Security Evaluation; Legge 675/96 (sulla privacy), DPR 318/99 (misure minime di sicurezza) Normativa di riferimento: DPR 445/00 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa. Integra e completa le seguenti disposizioni: art. 15, comma 2, legge 59/97 (bassanini ter); DPR 513/97; art. 4, legge 191/98 e relativo DPR 70/99; Delibera AIPA 24/98; DPR428/98; DPCM 8/2/99; Circolare AIPA 22/99 specifica per il commercio elettronico Standard di prodotto e di processo Raccomandazioni IETF (Internet Engineering Task Force) e W3C (World Wide Web Consortium) Public Key Infrastructure e Certificati X.509

5 slide n. 5 Marchi di prodotto e di processo Sicurezza dei siti Internet Sicurezza documenti - Firma elettronica Privacy e sicurezza dei dati personali Gli interventi per la Sicurezza delle Informazioni Sicurezza organizzativa Sicurezza ICT - Common Criteria

6 slide n. 6 Lintegrazione delle procedure di sicurezza Sicurezza tecnologica Sicurezza dei sistemi informatici, del software, delle reti di telecomunicazione si parla di infrastruttura di base IT (Information Technology) Sicurezza organizzativa (gestire i servizi/processi di business dellazienda e gestire coloro che utilizzano i sistemi informatici, il software e le reti di telecomunicazione )

7 slide n. 7 Qual è lo stato attuale del mio sistema di gestione della sicurezza? Cosa devo fare per adeguare il livello di sicurezza alle esigenze della mia azienda ? Eseguire gli interventi per la sicurezza Cosa devo fare per mantenere nel tempo il livello di sicurezza che ho acquisito ? Adesso posso stare tranquillo? Come posso comunicare la mia sicurezza? Gli interventi CONSIEL - RINA Eventuale CERTIFICAZIONE del livello di sicurezza acquisito BS 7799 Assessment iniziale Progetto di adeguamento Piano di mantenimento Assessment finale

8 slide n. 8 Common Criteria BS7799 / ISO Privacy Strong Authentication Assessment iniziale Attività di valutazione Piano di adeguamento Livello a scelta del cliente Checklist dipendente dal livello --- Assessment finale Checklist di precertificazione Checklist degli interventi (3) Checklist di precertificazione (se presente) Piano di mantenimento Attività di accertamento (se presente) Certificazioni BS7799 La segmentazione del contesto di intervento

9 slide n. 9 Il metodo per lAssessment Iniziale Quali sono gli asset da proteggere Quali informazioni essi gestiscono Quali sono le priorità Quali processi sono supportati e qual è il ruolo SI Qual è la strategia per la sicurezza Analizzare i vincoli legali, normativi e contrattuali Quali soluzioni fisico- logico-organizzative esistono Rilevare le criticità e lattuale stato della sicurezza Comportamenti dei mercati e della concorrenza Analisi delle possibili minacce Identificazione di attori, modalità, probabilità Valutare il danno possibile Valutare la % di accadimento Definire i requisiti di sicurezza Accettare livello di rischio presunto Aree di intervento Priorità di sicurezza FASI ATTIVITÀ PRODOTTI Analisi minacce Obiettivi di sicurezza Interventi concordati Funzioni di sicurezza Piano di attuazione Definire gli elementi organizzativi per il sistema di gestione della sicurezza delle informazioni Identificare gli interventi sulla riservatezza dei dati personali Stabilire gli interventi di protezione dei SI e delle reti Descrivere gli interventi di protezione del Sito WEB Stabilire le priorità degli interventi Valutare il Rischio della sicurezza Descrivere e pianificare gli interventi di sicurezza

10 slide n. 10 Fase 1: Rilevare le criticità e lattuale stato della Sicurezza Definire gli ASSET Identificare Le informazioni Analizzare processi e strutture Valutare la rispondenza Rilevare lattuale Politica Sicurezza Necessità di accesso da Terze parti Processi in Outsourcing Identificare Aree intervento Conoscenza del contesto PROCESSI ORGANIZZAZIONE PERSONALE ICT FISICO LOGICO ORGANIZZATIVO Classificazione delle informazioni da proteggere Responsabilità assegnate Livelli di coinvolgimento del personale

11 slide n. 11 Fase 1: Struttura dei metodi di analisi COMMON CRITERIA ICT PRIVACY Dati Personali ORGANIZZAZIONE Processi/Prodotti ISO strategia/organizzazione Rilevazione unica con diversi livelli di approfondimento Risultati riusabili per altri successivi interventi Ricostruibile da interventi precedenti o da documenti esistenti Costruita sulla base della Linea guida ISO (check list documentali e di verifica) per introdurre la terminologia e lapproccio dello Standard, così da facilitare successive attività di audit e certificazione

12 slide n. 12 REQUISITI DI SICUREZZA definiti come OBIETTIVI DI CONTROLLO CONTROLLI raggiunti tramite riesaminare il requisito non fare nulla ridurre il rischio evitare il rischio (es: non usare Internet) trasferire il rischio (es: fare una assicurazione o affidare in outsourcing) assegnazione di responsabilità per la sicurezza report su incidenti, violazioni e problematiche di sicurezza gestione della continuità dei processi aziendali formazione sui temi della sicurezza privacy (protezione dei dati personali) protezione dei documenti organizzativi tutela clausole contrattuali tutela della proprietà intellettuale Fase 2: Definire i Requisiti di Sicurezza delle Informazioni FISICO LOGICO ORGANIZZATIVO ambito legislativo ambito interno

13 slide n. 13 Fase 3: Il sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Common Criteria ISO ISO Processi e Servizio Sicurezza delle informazioni mantenersi aggiornata su nuove minacce e vulnerabilità, operare in ottica di prevenzione e di miglioramento continuo del sistema sapere quando policy e procedure non sono implementate, in tempo utile per prevenire danni implementare politiche e procedure di primaria importanza, in accordo con le best practice e un buon risk management Le Finalità del SGSI Crittografia inalterabilità ininterccettabilità inaccessibilità ISO 9000, ISO 14001, EMAS, SA8000


Scaricare ppt "Lapproccio aziendale per la Sicurezza delle Informazioni gli ambiti di intervento e le proposte operative una soluzione integrata, scalabile, orientata."

Presentazioni simili


Annunci Google